File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



III Edizione Premio Matroneo .pdf


Nome del file originale: III Edizione Premio Matroneo.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Word 2016, ed è stato inviato su file-pdf.it il 18/12/2016 alle 13:09, dall'indirizzo IP 212.3.x.x. La pagina di download del file è stata vista 564 volte.
Dimensione del file: 135 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


«Non mi sono mai chiesto perché scattassi delle foto. In realtà la mia è una battaglia disperata contro l'idea
che siamo tutti destinati a scomparire. Sono deciso ad impedire al tempo di scorrere. È pura follia».
Robert Doisneau

Perché fotografiamo? Cosa significa oggi, nel presente della corsa allo scatto e all'auto-scatto, fissare quel
breve taglio di luce, che è la nostra vita, su un supporto? Imprimere un momento che è destinato a correre
via fugacemente dallo spazio della nostra memoria? Robert Doisneau, fotografo parigino che nel 1950
immortalò il famoso Bacio davanti all'hotel De Ville, in una caotica Parigi, lo definisce 'follia'. Fotografare è
lottare contro il tempo che va, contro la precarietà, la fuggevolezza del divenire, contro la scorrevolezza
dell'esistere. È folle perché è una sfida alla finitudine. Eppure guardando uno scatto, riusciamo per un
istante a venir fuori dal contingente e dall'effimero che ci circonda, riusciamo per un istante, uno solo, a dar
forma al tempo, a quel tempo che procede indifferente, che scorre inesorabile; riusciamo a renderlo
eterno, riusciamo a cogliere il battito sordo dell'esistenza, a trovare una direzione. E allora anche
rispondere alla domanda: 'Perché fotografiamo?' diventa possibile.
Fotografiamo perché esistiamo e perché cerchiamo una prova del nostro esistere.
Quando una ricerca fotografica è indirizzata a tematiche esistenziali, che lascino trapelare l'intimo segreto
della vita, essa arriva a produrre opere d'arte non solo autentiche ma alte, di spessore. L'associazione Pro
Loco Andrano, con il III concorso Fotografico Premio Matroneo, invita a riflettere proprio su tali tematiche
attraverso l'arte della fotografia. Come è possibile, ad esempio, immortalare un sentimento, un momento,
come quello che precede il viaggio? Il senso di sospensione a-storica e a-temporale, la stasi prima del moto,
il sentimento dell'ignoto, o ancora la frenesia data dalle incombenze da assolvere prima della partenza, o
più semplicemente l'andare stesso, il desiderio e la paura dell'incamminarsi, "l'istante in cui l'orizzonte del
domani viene a renderci visita e raccontarci le sue promesse". Tutto questo può concretizzarsi in
un'immagine? Può bastare imprimere un soggetto con la luce per racchiudere un tale vortice di emozioni
umane? Anche le risposte più arcane possono prendere forma attraverso il confronto e il dibattito. Il
concorso fotografico Premio Matroneo, cerca di darci una risposta, si propone, servendosi dell'arte della
fotografia, di essere un ponte tra il metafisico e il fisico, tra il trascendente e il contingente.
Martedì 27 dicembre, alle ore 18.30, inizierà ufficialmente la III edizione del concorso, presso le sale del
Castello di Andrano. Il vernissage d'apertura sarà accompagnato dall'inaugurazione della mostra fotografica
di Erasmo Wong Seoane: "Perù realismo fantastico", e da una personale di fotografia di Mimmo Villani
intitolata : "rEsistenze". La mostra "Perù realismo fantastico", dopo essere stata presentata, negli anni
passati, a New York, Los Angeles, Sydney, Città del Messico, approda ad Andrano, invitando lo spettatore ad
osservare con sguardo nuovo la realtà multiculturale e sfaccettata del Perù; l'autore cerca di cogliere,
attraverso un'atmosfera surreale, l'altra faccia di quella terra lontana, l'anima della gente, le verità
nascoste, ciò che non traspare. Le 13 immagini sono accompagnate da micro racconti, curati dallo scrittore
peruviano Fernando Ampuero, che ricalcano lo stile del realismo magico sudamericano. "rEsistenze" di
Mimmo Villani, giovane a talentuoso fotografo andranese, specializzato in wedding reportage e street
photography, si pone invece come un viaggio alla scoperta dei vicoli più nascosti di Taranto Vecchia, una
rassegna di attimi rubati e rigorosamente raccontati in stile reportagistico, nei quali l'autore racconta la vita

che rEsiste e procede tra le mura, tra le strade di una città d'arte e di storia calpestata e dilaniata dal vento
avverso. L'osservatore si integra con le immagini e con esse entra in comunione, grazie alla discrezione
dello scatto dell'autore, che mai altera la vera essenza della realtà.
Mercoledì 28 dicembre, alle 19.00, avrà luogo, invece, un dibattito multidisciplinare su uno dei temi del
concorso: "L'istante prima del viaggio", nel quale interverranno: la professoressa Alessandra Beccarisi,
docente di Storia della Filosofia Medievale e presidente del Corso di laurea in Filosofia presso l’Università
del Salento, Andrea Mastria, referente dell'associazione PIC (People in connection), Giuseppe Pezzulla,
regista e filmaker, e il noto regista Edoardo Winspeare. Il dibattito sarà mediato dalla dottoressa Loredana
De Vitis, giornalista e scrittrice. La profonda riflessione filosofica e sociale sul connubio tra viaggio e identità
sarà accompagnata dalla proiezione del corto di Giuseppe Pezzulla: "Santi caporali" ed allietata da una
degustazione di vini e amari.
Il concorso si concluderà ufficialmente il 29 dicembre; dopo il finissage delle 19.30, l'evento culminerà con
la Premiazione dei vincitori del concorso fotografico, ad opera della giuria, composta dal fotografo Mimmo
Villani, dal critico d’arte Lorenzo Madaro e dal regista Lucio Ianni. Seguiranno i ringraziamenti e i saluti
finali. La mostra fotografica, invece, rimarrà aperta al pubblico fino al 6 gennaio.
Non sarà certo un concorso fotografico a chiarirci i dubbi esistenziali; le grandi verità ontologiche
resteranno sempre irrisolte. Ma avremo aperto una crepa, avremo, con pochi scatti, catturato un angolo di
cammino, fermato una porzione di eternità, avremo imparato ad interrogarci, perché, come diceva Dario
Fo: "Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di
mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po’ le teste. Tutto il resto, la bellezza per
la bellezza, non mi interessa". Perché l'arte vera, lungi dall'essere sterile compiacimento estetico, per
essere tale, deve farsi tempesta, smuovere gli animi, aprire crepe e ferite, costringere a partorici da noi, a
guardarci allo specchio, a fare i conti in sospeso, a cercare una ragione. Deve trovare la luce tra le crepe. O
almeno provarci.
Daniela Massafra (Pro Loco Andrano)

Per ulteriori informazioni riguardanti il concorso consultare la Pagina Facebook: Pro Loco Andrano
Info mail: premiomatroneoandrano@gmail.com


III Edizione Premio Matroneo.pdf - pagina 1/2
III Edizione Premio Matroneo.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF regolamento italiano 2
Documento PDF concorso diversamente 1
Documento PDF regolamento ufficiale stagione 2015 2016 definitivo
Documento PDF antonella magliozzi biografia curriculum artistico aggiornamento agosto 2014
Documento PDF iii edizione premio matroneo
Documento PDF regolamento magister


Parole chiave correlate