File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Gianni Carrù, l’importanza dell’archeologia del sottosuolo di Ardea .pdf


Nome del file originale: Gianni Carrù, l’importanza dell’archeologia del sottosuolo di Ardea.pdf
Autore: Admin

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / OpenOffice 4.1.3, ed è stato inviato su file-pdf.it il 05/01/2017 alle 16:07, dall'indirizzo IP 95.249.x.x. La pagina di download del file è stata vista 843 volte.
Dimensione del file: 79 KB (2 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Monsignor Giovanni Carrù, l’importanza dell’archeologia del
sottosuolo di Ardea
Mons. Giovanni Carrù, attualmente Segretario Generale della Pontificia Commissione di
Archeologia Sacra, valorizza la scoperta archeologica del sottosuolo di Ardea, in una visita
all’Ipogeo di Ardea con Monsignor Gibellini e con Sua Eccellenza Monsignor Marcello Semeraro,
attuale Vescovo della Diocesi suburbicaria di Albano.

Sua Eccellenza Monsignor Marcello Semeraro, attuale Vescovo della Diocesi suburbicaria di
Albano, in visita all’Ipogeo di Ardea. Ad attendere gli alti prelati il parroco della chiesa di San Pietro
Apostolo, Monsignor Adriano Gibellini, accompagnato da Monsignor Giovanni Carrù, Segretario
Pontificio Commissione Archeologica Sacra, con i rispettivi segretari tra cui il giovane Don
Alessandro Paone, cittadino di Ardea, consacrato sacerdote proprio da Monsignor Semeraro. Il
corteo ha raggiunto l’ingresso dell’Ipogeo, scortato dai carabinieri del luogotenente Antonio Landi,
comandante la locale tenenza. La delegazione ha poi incontrato il professor Francesco Di Mario,
l’archeologo famoso per le sue scoperte archeologiche, che ha illustrato le bellezze dell’antico
santuario pagano, in seguito trasformato in oratorio cristiano.
La presenza di Monsignor Giovanni Carrù la dice lunga sull’importanza della scoperta archeologica
e dell’archeologia che il sottosuolo Di Ardea conserva gelosamente. Non è escluso che per l’affetto
e la fiducia che sua Santità nutre per il Vescovo Marcello Semeraro, questi in futuro non possa
venire ad Ardea a visitare le scoperte archeologiche rutule. Il Papa, ad un mese dalla sua elezione,
ha costituito un gruppo di 8 cardinali, per consigliarlo nel governo della Chiesa universale, e per
studiare un progetto di revisione della “Pastor Bonus”, la costituzione sulla curia romana.
Monsignor Marcello Semeraro, Vescovo di Albano, ricopre la funzione di segretario in detto
gruppo di lavoro. “Tra il Papa e il vescovo Semeraro – spiegò il portavoce della Santa Sede, padre
Federico Lombardi – è noto che c’è un rapporto di fiducia che data almeno dal Sinodo 2001,

quando l’allora Cardinale Bergoglio era relatore generale aggiunto, e dovette sostituire il relatore,
che era l’arcivescovo di New York richiamato in Diocesi dalla tragedia delle Torri Gemelle, e
Monsignor Semeraro era segretario speciale, dunque il suo principale collaboratore”.
Monsignor Semeraro è stato anche uno dei primi prelati ad essere ricevuto da Francesco dopo
l’elezione a Sommo Pontefice, l’incontro avvenne nel pomeriggio del 17 marzo a Santa Marta.
Fonte Il Faro on Line


Gianni Carrù, l’importanza dell’archeologia del sottosuolo di Ardea.pdf - pagina 1/2
Gianni Carrù, l’importanza dell’archeologia del sottosuolo di Ardea.pdf - pagina 2/2

Documenti correlati


Documento PDF monsignor gianni carru riaperta la catacomba di san vittorino all aquila
Documento PDF gianni carru l importanza dell archeologia del sottosuolo di ardea
Documento PDF monsignor gianni carru ristrutturazione pontificia commissione archeologia sacra
Documento PDF monsignor gianni carru strepitus silentii le notti delle catacombe
Documento PDF monsignor gianni carru a santa maria maggiore l apice della devozione romana
Documento PDF monsignor gianni carru la concezione del corpo mistico al tempo delle catacombe


Parole chiave correlate