File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Arcireport n 3 2017 .pdf



Nome del file originale: Arcireport_n_3_-_2017.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Adobe InDesign CS6 (Windows) / Adobe PDF Library 10.0.1, ed è stato inviato su file-pdf.it il 27/01/2017 alle 12:31, dall'indirizzo IP 80.117.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1335 volte.
Dimensione del file: 795 KB (11 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


arcireport

settimanale a cura dell’Arci | anno XV | n. 3 | 26 gennaio 2017 | www.arci.it | report@arci.it

di Andrea La Malfa referente per la Presidenza su Memoria e antifascismo

Il 27 gennaio è una occasione per riprendere il tema della memoria, interrogandoci grazie anche ai diversi spunti che
l’attualità ci offre. La discussione epistemologica che indaga l’interconnessione
tra il racconto storico e il sistema sociale
di potere è qualcosa di filosoficamente
complesso, su cui intellettuali di diverse
discipline umanistiche hanno espresso
differenti punti di vista. Il tutto nasce
dalla consapevolezza che la conoscenza
umana di per sé non può essere ‘oggettiva’: quando persino la fisica ha ormai
introiettato nelle sue teorie la relatività,
come potrebbero le scienze sociali e
umane essere ‘oggettive’?
Il soggetto osservante non può che farlo
dal proprio punto di vista, avendo alle
spalle il proprio portato di esperienze
e di conoscenza.
Questo concetto intuitivo va pesato e
portato nella sua giusta misura. Nella
storia possono sì esservi interpretazioni
differenti, che tendono a dare più o meno
rilevanza alle motivazioni di alcuni fatti
o episodi; ma l’idea che la storia sia
riducibile a un racconto ‘scritto dai vincitori’, sovrapponibile alla propaganda, è

il principio alla base di un negazionismo
che va respinto con decisione. Soprattutto sui fatti della Seconda Guerra
Mondiale, dall’Olocausto al ruolo dei
partigiani nella lotta di Liberazione, abbiamo assistito negli anni, e continuiamo
ad assistere, a una letteratura deviante,
che sfocia nel complottismo.
La storia non si riscrive, il motto scelto
dall’Arci per la Giornata della Memoria
2017, significa per noi ribadire la nostra
volontà di fare memoria nel modo corretto, dando peso alle parole, ai fatti
accaduti, alle storie che si intrecciano
con la Storia.
La nostra grafica per questa giornata
richiama due elementi fortemente simbolici. Il primo è la macchina da scrivere,
che ci dà il senso della solidità e del
deposito di ciò che è scritto, su carta,
e che perciò resiste al tempo perché
oggettivizzato in un manufatto. Il secondo, più provocatorio, è il filo spinato:
questo rappresenta in modo plastico il
dramma delle guerre novecentesche,
degli stermini, delle divisioni e, posto
davanti alla tastiera della macchina
da scrivere, ne ricorda il peso, diventa

elemento non trascurabile che non permette la riscrittura a cui qualcuno punta.
È infatti indubbio come a livello accademico possa esserci un confronto su
sfumature e interpretazioni, ma i dettagli
non possono diventare lo strumento per
falsificare la divulgazione scientifica, che
deve essere comprensibile e accessibile
a tutti anche in quanto strumento di cittadinanza, soprattutto verso i giovani.
Perché di fronte a questa riscrittura della
storia è chi ha meno passato alle spalle
che rischia di perdersi, in un periodo
delicato, dove i nazionalismi riemergono,
costruendo nuovi muri e fili spinati.
Raccontare la storia, nel suo senso più
autentico, è un modo per prefigurare
il punto di arrivo di quelle strade che
costeggiano i muri e i confini; strade
che in passato abbiamo già percorso
e che, memori di quell’insegnamento,
sappiamo di avere il dovere di mettere
in discussione. Lo facciamo come da
sempre lo fa l’Arci, tramite le nostre
tante e varie iniziative culturali che sappiamo mettere in campo sul territorio,
grazie ai comitati e ai circoli, in maniera
trasversale tra le generazioni.

2

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

giornatadellamemoria

I treni per Cracovia, Auschwitz
e Birkenau
Un viaggio nella storia e nella memoria

Un viaggio nella storia e nella memoria
per accompagnare le giovani generazioni alla comprensione del presente.
Questo l’obiettivo del progetto Promemoria_Auschwitz. In questa quarta
edizione, promossa dall’associazione
Deina e dall’Arci, più di 1300 giovani, fra
i 16 e i 18 anni, provenienti da 7 regioni
italiane, parteciperanno a un percorso di
educazione alla cittadinanza, che vede il
suo momento più importante nel viaggio
in treno che li porterà a Cracovia e agli
ex lagher di Auschwitz e Birkenau.

Quest’anno i viaggi saranno due, per far
fronte alle numerosissime richieste di
partecipazione giunte agli organizzatori.
Il primo treno partirà dal Brennero il
2 febbraio e farà ritorno l’8, il secondo
il 10 per tornare il 16. I viaggi saranno
preceduti da numerosi incontri di formazione, volti ad approfondire il contesto
storico della seconda guerra mondiale e
delle deportazioni. Questi incontri, gestiti
da esperti, saranno anche un’occasione
per i partecipanti per iniziare a conoscersi, per condividere opinioni e punti di
vista, gettando le basi di quel percorso
di crescita comune che si compirà nel
corso del viaggio.
A Cracovia i ragazzi visiteranno alcuni
dei luoghi fondamentali per ripercorrere
quel periodo storico: l’ex ghetto ebraico, la fabbrica-museo dedicata alla vita
di Oskar Schindler e all’occupazione
nazista della città, il quartiere ebraico
di Kazimierz.

Una giornata sarà
invece dedicata alla
visita agli ex lager
di Auschwitz e Birkenau, dove persero la vita più di un
milione di persone.
Nel corso del viaggio
i giovani scriveranno
le loro impressioni,
si confronteranno
tra loro e con esperti, vedranno film e
spettacoli teatrali,
parteciperanno a
una assemblea finale dove parleranno
di temi d’attualità e rifletteranno sul
loro ruolo di cittadini oggi.
Al ritorno dal viaggio, saranno organizzati
momenti di restituzione alla cittadinanza,
per condividere impressioni e riflessioni.
Il progetto è realizzato in collaborazione e
col sostegno di molti enti che si occupano
di storia, di memoria e formazione. Ha
il patrocinio del Senato e di altri enti
pubblici.
Il progetto
Promemoria_Auschwitz è un progetto
di educazione alla cittadinanza europea
pensato per accompagnare le giovani
generazioni alla scoperta e alla comprensione della complessità del mondo
che ci circonda a partire dal passato e
dalle sue narrazioni, affinché possano
acquisire lo spirito critico necessario
a un protagonismo come cittadini nel
presente. Il progetto didattico rivolto
ai partecipanti è diversificato, sia per
quanto riguarda gli approcci disciplinari
utilizzati, sia per quanto riguarda gli
strumenti didattici. Durante tutte le fasi
del progetto verranno quindi proposti:
• momenti di approfondimento frontale che permetteranno di accrescere
la conoscenza degli eventi e i diversi

approcci possibili al tema della Shoah
e delle deportazioni. I ragazzi avranno
la possibilità di confrontarsi con storici,
antropologi, scienziati sociali e diversi
operatori professionali;
• attività educative di natura laboratoriale
realizzate secondo le tecniche e con l’ausilio di strumenti propri dell’educazione
non formale: workshop, role play, focusgroup, simulazioni e discussioni guidate, attraverso cui i giovani partecipanti
sperimenteranno il potere formativo del
learning by doing;
• viaggio come momento di riflessione
individuale e collettiva intorno ai temi
del progetto;
• visita ad Auschwitz-Birkenau, alla
fabbrica di Oskar Schindler e al Ghetto
nazista di Cracovia, una sorta di ‘pedagogia dell’esperienza’, attraverso la quale
stimolare una capacità di riflessione
critica;
• teatro come strumento didattico che
permette di avvicinare i giovani alle
tematiche affrontate attraverso un processo di immedesimazione, veicolando
tematiche storiche e sociali attraverso un
ulteriore, e per i ragazzi spesso nuovo,
linguaggio;
• meeting collettivo a Cracovia, volto alla
condivisione dell’esperienza da parte dei
partecipanti attraverso il confronto con
professionisti;
• momenti di restituzione alla cittadinanza organizzati dai partecipanti una
volta tornati dal viaggio. Grazie al supporto dei tutor, i giovani organizzeranno
eventi di testimonianza, restituzione e
condivisione dell’esperienza ai propri
coetanei e alla collettività di riferimento,
in modo da ampliare esponenzialmente la
ricaduta del progetto sulla cittadinanza.
www.deina.it

3

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

giornatadellamemoria

Le iniziative di circoli e comitati
Arci per la Giornata della Memoria
● 27 gennaio ore 21 - Colico (LC)
presso l’Auditorium.
Serata sulla Shoah con lettura di testi,
proiezione di filmati e contributo musicali
dell’Orchestra da camera Kollage. A cura
di Anpi Colico e circolo Arci Kollage con
il patrocinio del Comune.
● 27 gennaio ore 21 - Pieve di Cento
(BO), presso il circolo Arci Kino.
Presentazione del fumetto Una stella tranquilla. Ritratto sentimentale di
Primo Levi, alla presenza dell’autore
Pietro Scarnera. A cura di Arci Kino in
collaborazione con ANED Bologna.
● 27 gennaio ore 21 - Osnago (LC),
presso la Sala ‘Don Sironi’.
Proiezione del documentario Dachau in
memoria di Giuseppe Colombo, Ernesto
Colombo e Antonio Bonfanti, deceduti
nei lager nazisti. A cura di: associazione
Banlieue in collaborazione con Anpi,
Arci La Lo.Co., Istituto bergamasco per
la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, Comune di Osnago.
● 27 gennaio ore 19.45 - Carbonia
presso il cineteatro centrale in piazza
Roma.
Proiezione del film documentario Racconti di un viaggio dentro la memoria.
La Compagnia La Cernita curerà la lettura
di alcuni passi dedicati al tema della
Memoria. A cura di Arci Sardegna.
● 27 gennaio ore 18.30 - Milano
presso l’Arci Bellezza.
Letture sceniche di brani tratti da opere
varie sulle persecuzioni nazifasciste, a
cura di Lorenzo A.P. Balducci (poeta e
attore) accompagnate da musica dal vivo
eseguita dalla violinista Elisa Scanziani.
Alle 21 si proietta il documentario Memoria di Ruggero Gabbai.
● 27 gennaio ore 20.30 - Bologna
presso il circolo Arci RitmoLento.
Silvia Cuttin presenterà il libro Ci sarebbe
bastato.
● 27 gennaio ore 21.30 - Foggia
presso la sala concerti del Villaggio Artigiani. Il circolo Arci Jaco presenta Klex
Note, musica popolare ebraica.
● 27 gennaio ore 21 - Rufina (FI)
presso il circolo Arci Scopeti.
Proiezione del film Train de vie.
● 27 gennaio ore 19.30 - Forlì
presso il circolo Arci Basso Investimento.
Mostra fotografica e concerto di musica
jazz.

● 27 gennaio ore 10 - Cagliari nella Sala
Transatlantico del Palazzo del Consiglio
regionale.
Il Presidente del Consiglio regionale,
l’Assessore regionale alla Pubblica istruzione, il presidente e il segretario regionale
dell’Arci Marino Canzoneri e Franco Uda
presenteranno il progetto Promemoria
Auschwitz.
● 27 gennaio ore 22 - Arezzo
presso il circolo Arci Aurora.
La compagnia teatrale ‘La nave dei folli’
porterà in scena Arezzo, 2 dicembre 1943,
testo e regia di Roberto Arrigucci.
● 27 gennaio ore 10 - Grottaglie (TA),
presso il Teatro Monticello.
Il Comune di Grottaglie, l’Università
dell’Età Libera e le associazioni Arci
Grottaglie, Babele, Ciosa organizzano
DisCrimini - Viaggio tra vecchie e nuove
discriminazioni: riflessioni e testimonianze, per ricordare perché nasce la
Giornata della Memoria e chiedersi se
esiste ancora oggi chi vive il proprio
olocausto. Appuntamento con le scuole
medie e superiori alle 10; incontro pubblico serale alle 20.30.
● 27 gennaio ore 10.30 - Rignano
sull’Arno (FI) presso il Cimitero de La
Badiuzza.
Commemorazione dell’eccidio della famiglia Einstein, trucidata la notte tra il 3 e il
4 agosto 1944. L’Iniziativa è organizzata
dal circolo Arci Cellai.
● 27 gennaio ore 15 - Como, nel Salone della Biblioteca comunale, piazzetta
Lucati 1.
Il ricordo dell’Olocausto degli Omossessuali: incontro organizzato da Arci - Anpi
- Cgil - Soci Coop Como - Cisl scuola dei
laghi - Istituto di Storia Contemporanea
P.A. Perretta - Associazione Lissi.
● 27 gennaio ore 17 - Barletta, nella Sala
Rossa ‘Vittorio Palumbieri’ del Castello.
I professori Luigi Pannarale e Mario
Cassanelli rifletteranno sul tema La memoria che resiste nel tempo. L’incontro
è promosso da Arci, Anpi e Unione degli
Studenti.
● 27 gennaio ore 17 - Sarzana (SP)
presso il Cinema Moderno.
Arci Valdimagra e Museo Audiovisivo
della Resistenza organizzano la proiezione
speciale del film di Pepe Danquart Corri
ragazzo corri; interverranno il sindaco
Alessio Cavarra ed il presidente di Arci
Valdimagra Alberto Tognoni.

● 27 gennaio, Nocera Inferiore (SA)
Biblioteca comunale R. Pucci.
L’Arci-Uisp, in collaborazione con la
cooperativa sociale ‘Giovanile’, organizza
la proiezione di Il figlio di Saul di Làszlò
Nemes. Ingresso gratuito.
● 27 gennaio, Udine, ore 20.30, presso
il circolo ArciMissKappa.
Proiezione del documentario Vita Activa,
despirit of Anna Harendt.
● 28 gennaio ore 17.30 - Cellai (FI)
presso il circolo Arci Guglielmo Ghiandelli.
Proiezione di due filmati dal titolo: Monte
Sole Landing Memories a cura di Stefano
Ballini e I partigiani del nostro Paese a
cura della Sez. ANPI di Rignano-Reggello.
● 29 gennaio ore 17.30 - Abbiategrasso
(MI). Nei sotterranei del Castello andrà
in scena Le viole mi hanno liberato,
spettacolo teatrale a cura dell’Arci Colpo
d’Elfo. Ingresso libero.
● 29 gennaio ore 18 - Montopoli Sabina
(RI) presso la Biblioteca Comunale Angelo
Vassallo va in scena il reading artistico di
Lidia di Girolamo Lettere sceniche tratte
dalle Memoria. A cura del circolo Arci
Teatro delle condizioni avverse.
• 29 gennaio ore 16 - Cremona presso
il circolo Arci Arcipelago.
Nell’ambito del progetto ArciKids - laboratori per bambini e in collaborazione
con Anpi Cremona, il circolo ospiterà lo
spettacolo teatrale La libertà dei ricordi
di e con Massimiliano Pegorini e Giada
Generali.
● 30 gennaio ore 19.30 - Castelfranco
Emilia (MO) presso il Cinema Nuovo.
Incontro pubblico e proiezione del film
Race. Il colore della vittoria di Stephen
Hopkins. A cura di: Comune di Castelfranco Emilia in collaborazione con la
Federazione Italiana Atletica Leggera e
la Polisportiva Arci di Castelfranco.
● Trepuzzi, Soleto, Patù (Lecce)
Il 26, 27 e 28 gennaio Santino Alexian
Spinelli sarà impegnato nel Salento in un
mini tour fatto di incontri con gli studenti
e concerti serali.
Il tour è dedicato alla memoria del Porrajmos, cioè lo sterminio di circa 500mila
persone Rom e Sinti da parte dei nazifascisti durante la Seconda guerra mondiale.
● Napoli - per tutto il mese di gennaio,
presso il cinema teatro Pierrot
Parole di Memoria, ciclo di incontri e film
per le scuole organizzato da Arci Movie .

4

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

terremotocentroitalia

Giocare per ricostruire
L’esperienza dei volontari

Francesca di Pietro - Arci Macerata

Modù ha circa 6 anni e una parlantina
mista tra dialetto e italiano forbito con
accento francese. Racconta che suo padre
si era trasferito a Tolentino un paio di
anni fa per lavoro e che stava comprando
la casa che ora non c’è più.
Da tre mesi, insieme agli altri sfollati di
Tolentino, vive in un mega open space di
un centro commerciale, arredato di sole
brande. Si mangia lì e i servizi igienici
sono al limite della sostenibilità.
A San Ginesio alcuni allevatori, rimasti
in roulotte presso la loro azienda, senza
luce e isolati dalla neve, hanno assistito
impotenti alla morte dei propri animali
per il crollo delle stalle e il freddo.
Il centro storico di Camerino e il quartiere
di Vallicelle sono Zona Rossa, completamente desertificati. Gli sfollati sono stati
sistemati lungo la costa in attesa delle
casette o dei container. In questi posti
l’emergenza è divenuta quotidianità.
La situazione è desolante e complicata. La
ricostruzione dei territori, delle identità
territoriali e la ripresa dei rapporti sociali
saranno il vero impegno per il futuro di
ognuno di noi. Arci Macerata ha iniziato
la ricostruzione con un piccolo progetto,
finanziato da Secours Populaire Francais, itinerante in diversi comuni, negli
spazi concessi all’interno dello ‘Spazio
815B Centro di Accoglienza’ di Tolentino,
dell’ostello di San Ginesio, della scuola
primaria di Camerino, dell’Hotel Relax
e della Domus Mater Gratiae di San Benedetto del Tronto per realizzare attività
di gioco e di laboratorio tra i bambini
terremotati. Giocare per ricostruire significa per i bambini potersi relazionare

in laboratori educativi di riciclo, poter
scegliere un libro nella biblioteca itinerante o partecipare a laboratori teatrali.
Noi lo vediamo come un primo passo
nel lungo cammino della ricostruzione,
perché non dobbiamo dimenticare che
questi piccoli cittadini di oggi saranno i
cittadini adulti di domani.
Giulia Messere - Arci Macerata

Giocare per ricostruire parte dai bambini
perché pensiamo che la percezione del
sisma debba essere un punto di rottura
che segna un inizio, e non un arresto.
Il terremoto non è solo una calamità
naturale: è una frattura interna che va
sanata con il tempo, con la costruzione
della fiducia nei confronti del terreno
che abbiamo sotto i piedi e ci sostiene.
Il supporto che stiamo portando ai bambini del cratere maceratese rappresenta
un approccio, prima che un progetto:
l’approccio alla condivisione, secondo
i valori che ci sono propri, che partono
dal singolo per sostenere la collettività
intera, e che si uniscono alla cultura a
dimensione umana di questi luoghi, per
rendere i bambini consapevoli di poter
gestire la terra che abitano conoscendola,
prevenendone i rischi e prendendosene
cura. Ecco che i laboratori di riciclo, gli
orti urbani, il teatro, la narrazione, i
giochi pensati e realizzati intorno al tema
della ricostruzione diventano strumenti
collettivi: laddove si contano i danni e
il gelo fa morire le risorse trainanti di
un’intera economia in ginocchio, noi
partiamo dai bambini e intorno a loro
costruiamo un percorso intorno al quale tutta una comunità possa trovare la

forza di ripartire con consapevolezza e
sostegno reciproco. Abbiamo la volontà
di farlo, abbiamo i valori dell’Arci che
ci guidano, il sostegno di una grande
associazione francese, e le motivazioni
di giovani dirigenti che sanno di poter,
nel loro immenso piccolo, creare grandi
presupposti per una ricostruzione vera,
umana, e condivisa.
Valentina Stefano - Arci Macerata

Obiettivo trasversale a tutta la progettualità post-sisma di Arci Marche è la
partecipazione delle popolazioni colpite,
in un’ottica non assistenziale ma di protagonismo e autodeterminazione, nella
gestione dell’emergenza e nel processo
di ricostruzione. Eventi così tragicamente dirompenti hanno la potenzialità di
generare, a lungo termine, drastiche
trasformazioni urbanistiche e abitative,
sociali e relazionali, economiche, culturali
e identitarie al territorio nel suo insieme.
Molti Comuni vivono il rischio di spopolamento, ma allo stesso tempo ci sono
infinite risorse e forze socio-economiche
locali, una ricchezza che necessita di
spazi, anche fisici, di cooperazione. Dare
una possibilità a questo territorio, con
l’innovazione per la conservazione, con
la cultura per la sperimentazione delle
nuove aree interne, è l’anima del ‘mettersi
in gioco’ per ricostruire, da cui è nato
Giocare per ricostruire.
Azioni aggregative, culturali ed educative,
per la maggiore acquisizione di strumenti
e life skills, soprattutto tra chi già viveva
situazioni di emarginazione e povertà
non solo economica, acutizzate dal disagio generato dal sisma. Continuare a
giocare è un diritto per i bambini, per
gli adulti spesso è una sfida, per noi è
una delle strade che stiamo percorrendo
per contribuire a rafforzare la resilienza
individuale, collettiva e sociale, per reagire
e ricostruire, provando a trasformare,
dove possibile, i problemi in risorse e
opportunità. Grazie ad Arci e a SecoursPopulaireFrancais per avercelo permesso.

5

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

migranti

Dopo la Turchia, accordo con la Libia
per bloccare i flussi di migranti
di Filippo Miraglia vicepresidente nazionale Arci

Nello stesso giorno in cui il neo Presidente
USA Donald Trump insediandosi dimostra di voler fare sul serio e dichiara di
voler costruire il muro subito, l’UE non
trova di meglio da fare che accodarsi
alle politiche xenofobe di un presidente
imbarazzante. Come è già successo negli
ultimi anni, l’UE, senza un’anima e senza
una prospettiva politica condivisa, si
trova d’accordo solo su un argomento:
chiudere le frontiere (come già fatto con
la Turchia) bloccando i flussi dalla Libia.
Questa sembra oramai essere l’unica
cultura politica che l’Europa è capace di
esprimere, e che coincide con le posizioni
del gruppo di Visegrad, il cui leader è
l’ultra nazionalista Viktor Orban, noto
per le sue simpatie fasciste, per aver
blindato le frontiere ungheresi, per essersi opposto alla ripartizione per quote
nell’UE dei rifugiati e per aver introdotto
nella legislazione del suo Paese la criminalizzazione del diritto d’asilo.
Il cinismo dei leader europei sfrutta la
tragedia in corso nel mediterraneo - più
di 5 mila morti nel 2016 - per rilanciare
una vera e propria guerra ai migranti.
Il documento presentato il 25 gennaio
dalla Commissione Europea - ‘Migrazione
nella rotta del Mediterraneo centrale’ - in
vista del prossimo incontro dei capi di
stato e di governo a Malta il 3 febbraio,
indica esplicitamente il ricorso alle forze
armate, in particolare alla marina militare
dei Paesi UE impegnati nel mediterraneo,
per bloccare i flussi migratori nel canale
di Sicilia.
La Commissione punta a costruire una
soluzione che, come per la Turchia, fermi
le imbarcazioni in partenza dalla Libia
e intende chiedere alla guardia costiera
libica di operare, con il sostegno dell’UE
(anche economico, si parla di 200 milioni di euro, in gran parte per la Libia),
per fermare le partenze, chiudendo i
porti e definendo una sorta di ‘linea di
protezione’.
Si punta anche a fermare i flussi alla frontiera sud della Libia, senza considerare
che questo obiettivo è poco praticabile,
non essendo quella regione controllata
dal governo Serraj. Così come non si
tiene conto che i centri di detenzione in
Libia sono già tanti e tutti in mano alle
diverse milizie. Un loro incremento non
andrebbe a beneficio né dell’UE né dei
migranti in transito.
Allo stesso tempo è partita la criminalizzazione delle ONG da parte dell’agenzia
Frontex e della Commissione Europea.

Le operazioni di salvataggio realizzate in
questo ultimo anno al largo delle acque
libiche alimenterebbero il traffico e le
partenze! Per salvarli, sostiene l’UE,
meglio lasciarli morire! Una teoria che
certamente troverà consenso in un’opinione pubblica sempre più intollerante,
alla quale governi di destra e di centro
sinistra guardano con apprensione per
le prossime tornate elettorali.
Da Orban a Trump, passando per la
Commissione Europea, con l’Italia a
reclamare aiuto per bloccare i flussi, tutti
uniti a difesa delle frontiere e del credito
elettorale che ne deriverebbe.

Della protezione delle persone che fuggono da condizioni di conflitto e persecuzione, della sicurezza dei loro viaggi,
dei diritti umani che sono calpestati ogni
giorno nei Paesi con i quali l’UE e l’Italia
cercano di stringere accordi per facilitare
i rimpatri, i governanti dei ricchi Paesi
occidentali non vogliono occuparsi.
Si tratta di materia poco compresa dall’elettorato e che quindi chi governa, o chi si
candida a governare, non vuole affrontare,
se non a parole (e nemmeno sempre).
Non è questa l’Europa che vogliamo. Un
Europa fondata su paura, intolleranza e
cinismo.

L’Italia sono anch’io avvia
una mobilitazione permanente
fino all’approvazione della legge
Il 13 ottobre 2015, ormai
più di un anno fa, la Camera licenziò in prima
lettura la proposta di
riforma della legge sulla
cittadinanza n.91/92. Quel
giorno le organizzazioni
della campagna L’Italia
sono anch’io, che tra il
settembre 2011 e il marzo
2012 avevano raccolto più
di 200mila firme su due proposte di
legge di iniziativa popolare sulla riforma
della cittadinanza e il riconoscimento
del diritto di voto amministrativo dei
cittadini stranieri, sperarono in una
rapida approvazione definitiva della
riforma da parte del Senato.
Invece non solo la legge non è stata
approvata, ma si leggono notizie preoccupanti sul suo destino.
Nonostante l’impegno del Presidente
Grasso ad accelerarne l’iter, le promesse
fatte in un incontro con i promotori
della campagna e con esponenti del
movimento #ItalianiSenzaCittadinanza
dalla relatrice Lo Moro (PD) e dall’allora Presidente della Commissione
Finocchiaro (PD), oggi ministro per i
rapporti col Parlamento, di calendarizzare e approvare la legge subito dopo il
referendum del 4 dicembre, sono state
disattese.
Il ddl licenziato dalla Camera presenta
molte criticità e carenze. Tuttavia la sua
rapida approvazione consentirebbe a
circa un milione di giovani di origine

straniera, italiani di fatto, di diventare cittadini
italiani anche di diritto.
Favorirebbe i processi
d’inclusione delle loro
famiglie ed eviterebbe di
approfondire la distanza
già grande tra le istituzioni
italiane e le persone di
origine straniera.
I promotori della campagna hanno chiesto un nuovo incontro
al ministro Finocchiaro, per ricordarle
quanto si era impegnata a fare. Richiesta d’incontro è stata inviata anche ai
capigruppo del Senato. La campagna
ha deciso di indire una mobilitazione
permanente fino a che non verranno
stabiliti tempi certi per l’approvazione
della legge.
Inizierà con una campagna sui social network che continuerà fino a fine febbraio,
quando scenderà in piazza, insieme al
movimento #ItalianiSenzaCittadinanza,
per ribadire l’urgenza dell’approvazione
di questa importante riforma.
La Campagna L’Italia sono anch’io
è promossa da Acli, Arci, Asgi, Caritas Italiana, Centro Astalli, Cgil, Cnca,
Comitato 1° Marzo, Comune di Reggio
Emilia, Comunità di Sant’Egidio, Coordinamento Enti Locali Per La Pace,
Emmaus Italia, Fcei, Legambiente, Libera, Lunaria, Migrantes, Il Razzismo
è Una Brutta Storia, Rete G2 - Seconde
Generazioni , Tavola Della Pace, Terra
del Fuoco, Ugl, Uil, Uisp

6

arci

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

Otto progetti per lo sviluppo
associativo dell’Arci
di Greta Barbolini responsabile nazionale Arci Politiche economiche

Di sviluppo associativo si discute spesso
dentro l’Arci, a tutti i suoi livelli. Se
non vi sono dubbi sul fatto che compito dell’Arci sia favorire la crescita di
nuovo associazionismo, ampia invece
è la discussione sugli strumenti per
perseguire un obiettivo così strategico
che, inevitabilmente, necessita di un
insieme di soluzioni e approcci.
Il Concorso per progetti e idee innovative per lo sviluppo associativo dell’Arci
rappresenta ‘solo’ uno strumento specifico di una politica più complessiva con
l’obiettivo di sollecitare l’emersione di
progetti innovativi di carattere sociale e
culturale, potenziare la crescita dell’Arci
a fronte di una non ampia ma costante
erosione di basi associative facilitando
l’accesso al credito, che è certamente
uno dei principali problemi per realtà
associative nascenti nell’attuale contesto
socio-economico.
L’iter ideativo del concorso ha avuto una
lunga gestazione: dal primo confronto
con i Presidenti di Comitato riuniti
nell’Assemblea di ottobre 2015 fino al
varo definitivo in occasione della Conferenza di Programma di luglio 2016.
Un lungo periodo dedicato a costruire
le dinamiche finanziarie che sottostanno
al Concorso, che non prevede finanziamenti a fondo perduto ma una facilitazione all’accesso al credito soprattutto
dal punto di vista della riduzione delle
garanzie che troppo spesso costringono
ancora i Presidenti di Circolo a mettere
in campo garanzie personali.
Negli attuali tempi di disintermediazione
delle filiere e delle relazioni abbiamo
scelto di andare controcorrente, avendo
voluto confermare - tramite l’impostazione del concorso – la centralità del
rapporto di prossimità tra circolo e
Comitato rafforzandolo con specifici momenti formativi che possano accrescere
le capacità complessiva di orientamento
e accompagnamento del Comitato, oltre
che la specificità dei singoli progetti.
I risultati di questa prima esperienza
sono certamente interessanti. A fronte di
un’aspettativa di un numero significativo
di progetti, sono stati complessivamente
12 i progetti candidati da parte di 10
Comitati territoriali. Dal punto di vista
geografico, 5 progetti provengono da
Comitati del Nord, 5 dal Comitati del
Sud e 2 del Centro. Le realtà candidate
sono quasi totalmente associazioni di

promozione sociale (11 progetti) e solo
in un caso è stata proposta un’associazione di volontariato. 7 progetti su 12
riguardano realtà associative definibili
come start up: 4 progetti riguardano
circoli in via di costituzione, 3 progetti
riguardano circoli costituiti negli ultimi
5 anni. Complessivamente in 5 progetti
su 12 il fulcro è rappresentato dalla dimensione fisica del circolo, dai suo spazi,
siano essi da allestire o trasformare; 5
progetti vertono invece sulle attività da
ampliare e diversificare.
Tutti i progettisti e le figure di riferimento dei rispettivi Comitati hanno
partecipato a un seminario dedicato alla
progettazione economico-finanziaria
tenuto da due formatori di Banca Etica.
Un seminario che ha svolto appieno la
propria funzione formativa migliorando
la pianificazione fino a fare emergere la
necessità di sospendere la candidatura
di 4 progetti per un maggiore approfondimento.
Un percorso parallelo di analisi qualitativa è stata sviluppata dal Comitato
scientifico (composto da Anna Fasano,
vice presidente di Banca Etica, Andrea
Volterrari dell’Università di Tor Vergata, Angelo Rindone di Produzioni dal
Basso e Roberta Franceschinelli della
Fondazione Unipolis) che ha supportato

l’associazione a individuare indicatori di
valutazione dei progetti sia nella forma
in cui sono stati presentati ma anche in
previsione del loro avanzamento esecutivo. Anche se la definizione di Concorso
può avere evocato una dinamica valutativa simile a quella dei bandi, il lavoro
di valutazione non si è dato l’obiettivo
di definire i progetti migliori, ma dei
progetti destinati a funzionare.
Al momento attuale, il lavoro di completamento della documentazione per
Banca Etica relativamente agli 8 progetti
approvati dalla Presidenza nazionale dell’Arci sta andando di pari passo
con la definizione di un documento di
valutazione per ogni progetto che sarà
presentato ai progettisti dei Circoli e dei
Comitati in occasione di un prossimo
incontro specifico.
Fornire l’innesto iniziale per partire,
infatti, a volte non basta per sviluppare
appieno, nel medio periodo, una buona
idea progettuale: è necessario avere gli
strumenti per una valutazione in itinere
del proprio lavoro per migliorarlo, modificarlo e condividerlo.
All’Arci serve certamente crescere e
sviluppare la propria rete sperimentando

continua a pagina 7

7

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

arci

segue da pagina 6

sul campo modelli di lavoro innovativi,
ma altrettanto, e forse quasi con maggiore urgenza, serve imparare facendo.
Con il Concorso per progetti e idee
innovative per lo sviluppo associativo
della rete Arci ci stiamo provando.
1. Progetto Suoni&colori: Rinascita
per tutti - Comitato Arci Pisa
Realizzazione di una sala prove per
promuovere la partecipazione giovanile,
l’organizzazione condivisa di servizi
sociali comunitari e l’integrazione fra
le diverse componenti del quartiere, sia
nel circolo che nel contesto territoriale
circostante. Installazione di un centro
espositivo permanente e lancio di uno
street art contest. Rifunzionalizzazione della sala utilizzata per riunioni o
proiezioni degli eventi sportivi, per
trasformarla in uno spazio a tutti gli
effetti polifunzionale, che possa garantire allo stesso tempo momenti ludici e
ricreativi, eventi dal vivo, performance
musicali e teatrali.
2. Progetto B- LOCALE - Comitato
Arci Torino
Spazio di integrazione e sviluppo culturale con attività gestite da esperti in un
quartiere popolare e post-industriale.
Organizzazione di presentazioni e dibattiti letterari in collaborazione con
Torinoir, laboratori e corsi teatrali,
live unplugged a basso impatto sonoro,
mostre d’arte e di fotografia, doposcuola
per ragazzi e messa a disposizione degli
spazi per sale prove/riunioni.
3. Progetto Stay bene in Stand By Comitato Arci Bari
Sviluppare una realtà associativa viva ed
eterogenea attraverso attività socioculturali e ricreative, quali: servizi alla persona (sostegno nelle principali attività
giornaliere a quanti vivono situazioni di
disagio psicologico e/o fisico), laboratori
educativi per bambini sulle tematiche
dell’integrazione, dell’espressività e della
legalità democratica, attività culturali
(musica, teatro, arti visive, cineforum) con la creazione di una
sala eventi/cinema, recupero
e trasmissione delle tradizioni
e dei saperi professionali per
facilitare l’inclusione lavorativa (legno, acciaio, ceramica...),
inclusione interculturale (corsi
di lingua e civiltà italiana/straniera), promozione della cittadinanza attiva. Lo spazio prevede,
inoltre, la creazione di un’area
cucina, sia per la realizzazione
di laboratori enogastronomici

‘cucine dal mondo’, sia per l’avvio di
un servizio di ristorazione per i soci.
4. Progetto RIPARTIAMO, LO SPORTComitato Arci Torino
Rilanciare le attività sportive, ristrutturare le strutture esistenti (campo calcetto,
campo bocce, spogliatoi).
Ampliare le attività sociali e culturali
rivolte a tutte le fasce anagrafiche e
sociali, con il coinvolgimento di altre
associazioni attive sul territorio.
5. Progetto Artworkcafè - Comitato
Arci Taranto
Creazione di un luogo di animazione
e aggregazione territoriale dedicato
all’arte e alla cultura, creazione di un
hub/coworking a Taranto.
Realizzazione di un centro culturale
indipendente, con creazione e gestione
spazio coworking, attività di formazione, diffusione e divulgazione artistica e
culturale, caffetteria sociale.
6. Progetto SCUMM…BIAMENTO Comitato Arci Pescara
Ampliamento del circolo Scumm attraverso l’acquisizione di due locali per
dotare il circolo di una sala concerti e

di un locale ristorante più ampio di
quello esistente. Ampliare e arricchire
le attività del circolo per organizzare
eventi di maggiore rilevanza e con un
maggiore richiamo di pubblico.
Creazione di un unico polo in cui la promozione culturale e musicale vadano a
fondersi con l’aspetto enogastronomico.
7. Progetto RinnovARCI: nuove forme
di aggregazione giovanile - Comitato
Arci Macerata
Implementazione e costruzione di una
rete di servizi e di proposte culturali che
raggiungano soci e non soci per un allargamento di una base associativa. Sede
del Comitato come punto per creare una
sorta di centro di aggregazione animata
da una serie di eventi e iniziative e da uno
sportello dedicato al mondo giovanile e
associazionistico, all’accompagnamento
e alla consulenza.
Accanto all’attività dello sportello sarà
progettato un piano formativo annuale
con laboratori e workshop che forniscano basi teorico-pratiche in supporto
all’inserimento nel mondo del lavoro.
8. Progetto Mattoncino - Comitato
Arci Pescara
Proporre un’offerta culturale più
vasta e di qualità operando su diversi fronti: migliorare la fruibilità
interna dello spazio aumentando i
posti a sedere, allestendo un magazzino; migliorare l’audio per i
live; allestire una struttura esterna
coperta semovibile per dare costanza alla programmazione del
circolo anche in estate; acquisire
una serie di strumenti musicali per
permettere a tutti i soci di formarsi
musicalmente e avere una sala a
disposizione.

8

crowdfunding

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

Sostieni ‘ClassicAurora 2017
Atlante delle città invisibili’
Dopo il successo della prima edizione del 2016, i soci del
circolo Arci Aurora di Arezzo vogliono riproporre una nuova
e ambiziosa stagione di ClassicAurora ad Arezzo, in programma dal 24 gennaio al 9 maggio 2017, per un totale di
dieci appuntamenti musicali che spazieranno dalla musica
barocca a quella contemporanea.
Da sempre, il circolo Arci Aurora di Arezzo si contraddistingue
per i suoi eventi e soprattutto per la disponibilità nell´offrire il
proprio spazio a iniziative culturali che possano sensibilizzare
maggiormente il pubblico locale e non.
Ambizione di questa nuova edizione di ClassicAurora 2017 è
quella di portare musicisti non solo del territorio aretino, ma
da tutta Europa, che si racconteranno nelle varie serate con i
loro programmi e le loro storie. L’arco musicale che coprirà
l’intera stagione sarà così dedicato a un itinerario immaginario in cui si visiteranno vari luoghi, reali e immaginari. Da
qui, il sottotitolo della rassegna Atlante delle città invisibili.
Lo spazio del circolo é familiare e intimo, ingrediente perfetto
per rendere il pubblico di ClassicAurora ancora più attento e
curioso a ogni storia musicale che passerà sul piccolo palco
del locale.
L’augurio per il 2017 è che la stagione si possa arricchire di
contributi più ampi e più lontani.
Per questo motivo è stata lanciata una campagna di crowdfunding che possa essere in grado di ampliare il budget di partenza,
in modo tale da coprire le varie spese da sostenere soprattutto
per musicisti che verranno più da lontano.
Per donare: https://www.produzionidalbasso.com/project/
classicaurora-2017/

Le ricompense
• 5 € Ammiratore ClassicAurora
Ringraziamento sui social network.
• 10 € Promotore ClassicAurora
Ringraziamento sui social network e sul cartellone dei sostenitori esposto ad ogni concerto.
• 50 € Sostenitore ClassicAurora
Aperitivo pre-concerto con gli artisti di ClassicAurora 2017,
ringraziamento sui social network e sul cartellone dei soste-

nitori esposto ad ogni concerto
• 100 € Amico ClassicAurora
Cena organizzata dallo staff di ClassicAurora 2017, ringraziamento sui social network e sul cartellone dei sostenitori
esposto ad ogni concerto
• 400 € Mecenate ClassicAurora
Un concerto da camera privato organizzato dallo staff di
ClassicAurora 2017, ringraziamento sui social network e sul
cartellone dei sostenitori esposto ad ogni concerto.

Alcuni artisti che parteciperanno
all’edizione 2017
● SIMONE BENEVENTI - Percussionista dedito allo studio
e alla diffusione della Nuova Musica, ha realizzato progetti
e tuttora collabora con diversi compositori quali Battistelli,
Billone, Casale, Dufourt, Fedele, Francesconi, Furrer, Lachenmann, Maxwell Davies. Ha inciso per Aeon, Kairos,
Neos, Raitrade, Stradivarius, Wergo e sue esibizioni sono
state trasmesse da Rai-Radio3, Croatian Radio, Austrian
Radio, Deutschlandfunk. Nel 2011 con RepertorioZero ha
ricevuto il premio Leone d’ argento alla Biennale di Venezia.
● ALESSIA ARENA - Performer poliedrica, si è diplomata in
canto lirico presso il Conservatorio ‘Luigi Cherubini’ di Firenze e specializzata in musica barocca con grandi interpreti,
formandosi inoltre per il teatro con stage presso l’Atelier für
physisches Theater di Berlino. Dal 2012 si dedica alla musica
cantautoriale e popolare in qualità di interprete, dedicandosi
a Rosa Balistreri, Sergio Endrigo, Léo Ferré.
● PENTHA BRASS - Gruppo musicale proveniente da Talla.
Trombe: Maria Rossi, Raffaele Chieli; Corno: Emanuele Butteri; Trombone: Alessandro Sestini; Tuba: Lorenzo Malatesta.

9

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

solidarietàinternazionale

AOI conferma all’unanimità la Portavoce
ed elegge Consiglio nazionale ed Esecutivo
Sabato 21 gennaio si è svolta a Roma l’assemblea elettiva dell’Associazione delle
Organizzazioni Italiane di cooperazione
e solidarietà internazionale, un’occasione
per rieleggere la propria governance e
riflettere sulle prospettive future nel mondo della cooperazione internazionale.
In mattinata è stato proposto un dibattito, aperto al pubblico, sulle sfide e le
priorità della cooperazione internazionale, a partire dalla nuova Legge 125 e
dall’Agenda 2030. Il direttore generale
della DGCS del MAECI, l’ambasciatore
Pietro Sebastiani, è intervenuto dopo la
relazione della portavoce uscente Silvia
Stilli, con una dichiarazione di esplicito riconoscimento del ruolo chiave
della società civile per la definizione
della nuova strategia nazionale per lo
sviluppo sostenibile; Sebastiani ha ringraziato la cooperazione e solidarietà
internazionale del no profit italiano per
aver spesso sopperito alle défaillances
della cooperazione pubblica del Paese.

La pluralità di esperienze e di punti
di vista ha reso possibile un dibattito
ricco e costruttivo che ha affrontato
con franchezza le criticità ancora presenti nel sistema italiano della cooperazione internazionale, a partire dalle
questioni ancora aperte e non definite
per la piena applicazione della legge
125/2014: non piena operatività del
CNCS, ritardo nella definizione delle
nuove Linee strategiche e programmatiche, delega non completa al vice
ministro della cooperazione internazionale, Comitato interministeriale (CICS)
che non si riunisce regolarmente e non
coinvolge appieno i ministri di governo.
Importante il video messaggio di Laura
Frigenti - Direttrice dell’Agenzia Italiana
per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS)
- che oltre i saluti e gli auguri all’AOI in
rinnovamento, ha evidenziato le sfide
importanti per il 2017 perché possa
essere definitivamente operativo il ruolo
dell’Agenzia: anche nelle sue parole il

Baracoa Rural, workshop
di reportage a Cuba
con Giulio Di Meo
Dal 2007 l’Arci e la sua Ong Arcs
promuovono e organizzano dei
workshop di reportage, tenuti
dal fotografo Giulio Di Meo, con
l’obiettivo di avvicinare giovani
italiani a determinate realtà e problematiche attraverso la fotografia
sociale. Quest’anno, in accordo con
l’Asociación Hermanos Saíz (AHS),
è stata scelta Baracoa come sede
del corso per il suo valore storico,
naturale e culturale.
Uno degli aspetti più interessanti che
distinguono questa cittadina è la presenza di montagna, mare e fiume. Sulle
montagne che la circondano sorgono
molte comunità rurali attive nelle coltivazioni di caffè, cacao, cocco. Panorama,
questo, totalmente differente e in netto
contrasto con il paesaggio disegnato
dalle incantevoli spiagge, dove invece
si sviluppa un’intensa attività peschiera.
Questa dicotomia rappresenta il tema
centrale del workshop, durante il quale
si cercherà di conoscere e raccontare la
vita e le attività delle comunità contadine
e quella delle comunità dei pescatori.
Oltre alla regione di Baracoa con le sue

riconoscimento dell’importanza del no
profit e il rafforzamento della proposta ad
una collaborazione più stretta con lei e la
struttura. Emilio Ciarlo - Responsabile
Relazioni Esterne, istituzionali, internazionali e comunicazione per l’AICS - ha
risposto alle domande e agli stimoli
emersi nel dibattito sulle problematicità
e le sfide della cooperazione italiana ai
tempi dell’Agenda 2030, facendo anche
alcune proposte innovative per temi e
strumenti rispetto al lavoro condiviso
con il no profit. A margine ha annunciato
l’aumento dei fondi che gestirà l’AICS nei
bandi per il no profit per la cooperazione
allo sviluppo nel 2017: si passerà dai 22,5
milioni del 2016 ai 30 milioni per il bando
per le organizzazioni società civile (OSC)
2017 e da 2 a 5 milioni per il bando Educazione alla cittadinanza globale (ECG).
Nel pomeriggio si è svolta l’assemblea
elettiva di AOI per il rinnovo degli organismi. I soci hanno eletto il Consiglio nazionale composto da 25 componenti che,
riunitosi per la sua prima volta al termine
della plenaria, ha confermato all’unanimità Silvia Stilli nel ruolo di Portavoce
per il secondo mandato. Il Consiglio
Nazionale ha poi nominato l’Esecutivo:
oltre la stessa Stilli, Gemma Arpaia, Paola
Berbeglia, Gianfranco Cattai, Mario Grieco, Giovanni Lattanzi, Fabio Laurenzi,
Giancarlo Malavolti, Francesco Petrelli,
Nino Santomartino, Fulvio Vicenzo.

Corpi Civili di Pace
in Libano

comunità rurali, sono previsti due giorni
anche a Santiago di Cuba, seconda città
dell’isola della quale è stata capitale,
prima dell’Avana. Ai partecipanti italiani
si affiancheranno alcuni giovani cubani
appassionati di fotografia. Il corso, infatti, è anche un’esperienza di scambio,
confronto e dialogo tra italiani e cubani.
Con le foto più rappresentative saranno
realizzate una presentazione multimediale
e una mostra collettiva sia a Cuba che in
Italia. Il workshop si svolge dal 12 al 20
aprile, le iscrizioni sono aperte fino al 15
febbraio.Info e contatti su:
campidilavoro@gmail.com,
info@giuliodimeo.it

Aperta fino al 10 febbraio la selezione
di Arci ed Arcs per 4 volontarie/i per
il Libano nell’ambito del progetto dei
Corpi Civili di Pace dal titolo Facilitatori di pace per comunità resilienti
nei quartieri suburbani di Beirut.
I giovani saranno chiamati a sostenere
le attività della Ong in corso a Beirut,
parte di un programma triennale che
mira a favorire l’empowerment di donne e bambini vulnerabili e a promuovere la salute degli abitanti di Naba’a.
Nello specifico si occuperanno di
organizzare attività ricreative e socioeducative per bambini e adolescenti
rifugiati e migranti, corsi di formazione professionale per donne vulnerabili sui temi della micro-imprenditorialità, della salute riproduttiva
e sessuale, della violenza di genere.
Dettagli su arci.it

10

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

daiterritori

Un riparo per i migranti
in transito

A Roma la destra occupa il Ferrhotel,
destinato a centro di accoglienza
di Simona Sinopoli e Claudio Graziano Arci Roma

«Prima gli italiani» è uno degli slogan che
ha accompagnato l’occupazione lampo
del Ferrhotel nei pressi della stazione
Tiburtina il 21 gennaio.
Di primo mattino un gruppo di appartenenti a FN, Noi con Salvini e F.d’I., con
il supporto di un comitato di quartiere,
ha preso possesso dello stabile fino alla
fine della manifestazione, nel pomeriggio.
Contestavano la destinazione d’uso che
l’attuale giunta comunale ha dato all’immobile. L’ex albergo dei ferrotranvieri,
proprietà delle ferrovie, è stato infatti
recentemente indirizzato a centro di
accoglienza per transitanti.
La concessione dello stabile era stata
ottenuta dalla precedente amministrazione ed ha recentemente ottenuto un
finanziamento dal Viminale di 500mila
euro per essere ristrutturato e usato per
l’accoglienza. Questa è stata la risposta,
ad onor del vero tardiva, che il Comune
ha dato ad un annoso problema.
A Roma, ad oggi, ancora non esiste un
riparo per quei migranti in transito che
cercano di raggiungere parenti e amici
in altri Stati europei.
Questo fenomeno ha portato ad un crescendo di marginalità e disperazione ed a
fenomeni di occupazione di luoghi o aree
abbandonate come Ponte Mammolo e
via Cupa. Malgrado la rete di solidarietà
che si è creata con il Baobab Experience,
di fatto i profughi si trovano ancora oggi
nella più totale precarietà.
Sempre oggetto di sgomberi e controlli, di
recente si è assistito a situazioni estreme.
Negli ultimi mesi sono state messe in atto
misure repressive da parte delle forze
dell’ordine che, ignorando addirittura
l’ondata di freddo di gennaio, non del

tutto esauritasi, hanno confiscato tende
e materiali d’emergenza.
Soltanto grazie alla buona volontà di
alcune associazioni (tra cui l’Arci) che
hanno provvisoriamente messo a disposizione le loro sedi per consentire
ai migranti di non trascorrere la notte
all’addiaccio, si è potuto evitare il peggio.
Quindi, per tornare al Ferrhotel, proprio
quando sembrava che si fosse finalmente
raggiunta la tanto agognata ‘soluzione’,
ci si è trovati di fronte all’ennesima dimostrazione di razzismo e intolleranza.
Nel volantino distribuito, i soliti vecchi
slogan «Prima gli italiani», «Le case
agli italiani», fino ad arrivare a tirare
in ballo i terremotati, come se negare
l’accoglienza ai rifugiati a Roma fosse
garanzia di una ricostruzione rapida nel
Centro Italia.
Giustamente l’edizione romana de La Repubblica ha sottolineato che al Ferrhotel
c’è stata «molta politica e poca cittadinanza», vista la poca partecipazione popolare.
Rimane però il fatto che questi episodi
non devono essere tollerati. Laddove la
destra parla allo stomaco degli italiani, noi
dobbiamo rafforzare il nostro impegno
attraverso l’accoglienza, la solidarietà,
l’antirazzismo e l’antifascismo, parlando
al cervello e al cuore. Anche per questo
il 25 gennaio l’Arci Roma con la rete
RomAccoglie è stata presente al presidio
al Pantheon contro il nuovo piano immigrazione del Governo che invece sembra
voler utilizzare un linguaggio vecchio e
perdente esattamente come le soluzioni
proposte (riapertura dei Cie e altro) per
risolvere il problema dell’accoglienza nel
nostro Paese.
www.arciroma.it

Inaugurazione della CiclOfficina
Richiedenti asilo e operatori di Arci Solidarietà insieme per riparare le biciclette
vecchie e non più utilizzabili: è il progetto
della CiclOfficina ControPedale a cura
di Arci Solidarietà Livorno e promossa
dal Comune di Livorno. L’inaugurazione
dell’officina si terrà venerdì 27 gennaio
alle ore 12 in piazza Garibaldi 24.
I giovani richiedenti asilo lavoreranno solo
con materiali usati donati liberamente da
chi vorrà contribuire a questo progetto e
le nuove biciclette che saranno prodotte
saranno vendute con un’asta pubblica a
prezzi popolari, una volta al mese. L’intero

ricavato delle aste popolari della CiclOfficina sarà destinato al mantenimento
dell’attività stessa e non avrà fini di lucro.
L’attività darà vita ad uno spazio sociale
innovativo in cui verranno mescolate
non solo le storie dei partecipanti, ma
anche le competenze artigiane, il sapere
dei mestieri.
All’inaugurazione della CiclOfficina Contropedale interverranno il presidente di
Arci Livorno Marco Solimano, il presidente
Arci Toscana Gianluca Mengozzi e il vice
presidente nazionale Filippo Miraglia.
fb CiclOfficina ControPedale

in più
A_Zero violenza
FIRENZE C’è tempo fino al 3 febbraio

per partecipare al concorso grafico A_zero
violenza, promosso dall’Arci Firenze, che
dà la possibilità di realizzare un manifesto
contro il femminicidio e ogni forma di
violenza sulle donne. L’opera vincitrice
sarà riprodotta su manifesti che verranno
diffusi e affissi in tutto il territorio fiorentino e nelle oltre 250 basi associative
affiliate ad Arci di Firenze.
www.arcifirenze.it

oltremare (exodus)
BOLOGNA Il 28 gennaio alle 18 ci

sarà l’inaugurazione della mostra Oltremare (Exodus) organizzata dal circolo
Arci Alle Rive del Reno-Milllenium, in
occasione di Art city white night. Il progetto coinvolge due circoli Arci del centro:
RitmoLento e la Galleria Vitale da Bologna
al Millenium, oltre che 26 artisti italiani
e stranieri. Un lavoro dove il colore e la
sua poetica raccontano il blu oltremare,
una distesa di acqua immensa ma anche
un percorso verso la libertà per chi, su
mezzi di fortuna, cerca di raggiungere
nuovi approdi.
www.arcibologna.it

artisti per tenco
ALESSANDRIAUnomaggioaLuigi

Tenco nel giorno della sua scomparsa,
avvenuta nel 1967: appuntamento il 27
gennaio alle 21.15 al circolo Arci L’isola
ritrovata con tredici artisti, ognuno dei
quali interpreterà due sue canzoni. Ingresso riservato ai tesserati Arci.
fb L’Isola Ritrovata

men ond mun
MONZA Domenica 29 gennaio alle

21 l’Arci Scuotivento ospita lo spettacolo
Men ond Mun di Riccardo Goretti e
Massimiliano Loizzi. Men ond Mun è
un omaggio irrispettoso (perchè così
sarebbe piaciuto anche a lui) a Andy
Kaufman, l’uomo che negli anni ‘70 fece
della comicità sbilenca un’arte. Ingresso
a 5 euro con tessera Arci.
fb Arci Scuotivento Monza

fuga dall’inferno
IMPERIA Il 27 gennaio il circolo Arci

Guernica propone lo spettacolo teatrale
Fuga dall’inferno di Alessandro Diliberto
con Max Carja, Umberto Procopio e
Salvatore Stella della Compagnia del
Quadrivio di Sanremo. Ingresso riservato
ai soci Arci.
www.guernica.imperia.it

11

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017

società

Un modello laico e alternativo di
lotta alle diseguaglianze
di Gianluca Mengozzi referente per la Presidenza su Lotta contro povertà e diseguaglianze

«In dieci anni, dal 2005 al 2015, la quota
di famiglie in povertà assoluta è raddoppiata. L’incremento si è registrato esclusivamente in famiglie il cui capofamiglia
(sic) ha meno di 65 anni». Questa frase
è stata pronunciata nei giorni scorsi dal
presidente dell’Inps Boeri nel corso di
una audizione in Commissione Lavoro
al Senato sul DDL Povertà.
Un paradosso storico: al contrario del
passato, quando le fasce economicamente
vulnerabili erano costituite perlopiù da
anziani, ora la fascia dei poveri è costituita in gran parte da coloro che anziani
ancora non sono.
Della situazione soffrono soprattutto le
fasce giovanili, con una disoccupazione
ormai bloccata oltre al 30%, il crescente
fenomeno dei Neet, la massiccia precarizzazione del lavoro, il collasso dell’accesso
al credito, ed infine l’interrompersi di
quell’ascensore sociale che aveva consentito a intere generazioni di famiglie
proletarie di diplomarsi, laurearsi e realizzarsi nel lavoro.
Ma un altro aspetto preoccupa di questo
quadro: i sociologi affermano che, specie

presso i Neet, si è molto affievolita la
coscienza del proprio stato di indigenza,
che non vi è una razionale consapevolezza
della povertà che pure si soffre sulla propria pelle. Le migliaia di circoli dell’Arci
costituiscono da sempre un termometro
privilegiato per misurare la febbre della
società italiana aldilà dei numeri prodotti
dalle ricerche degli studiosi. Da noi, da
sessant’anni sempre aperti (come recita un
nostro fortunato slogan), si accumulano le
contraddizioni di generazioni impoverite e
scaraventate nell’incertezza del futuro da
scelte politiche ed economiche sbagliate.
Per questo la nostra associazione, nei
passaggi programmatici e organizzativi
fatti nella seconda metà del 2016, ha
individuato la necessità di creare ex-novo
un ambito di impegno specifico sulle
disuguaglianze e sulla povertà.
I circoli mettono in atto esperienze di
grande impatto sul contrasto alla povertà,
rendendo accessibile aldilà delle logiche
del mercato la possibilità di ricrearsi,
formarsi, divertirsi, stare insieme.
E poi ci sono esperienze di prestito sociale, educazione ad un uso consapevole

il libro
Lungo la rotta balcanica

Viaggio nella Storia dell’Umanità
del nostro tempo
di Anna Clementi e Diego Saccora
Prefazione di Lorenzo Trombetta - Infinito edizioni
Il racconto di un viaggio lungo quella rotta balcanica che
dal 2015 rappresenta la porta d’ingresso all’Europa e per la
quale sono transitate oltre un milione di persone. Un viaggio
nel fango dei campi profughi, in mezzo a donne e bambini
incatenati dalla burocrazia; tra le reti e i muri che hanno reso
di nuovo l’Europa un continente diviso e ostile; tra sogni che
s’infrangono contro la dura realtà fatta di respingimenti e
di campi di raccolta in Grecia e in Turchia e in qualunque
altro Paese non faccia parte dell’Unione europea. Dall’Italia alla Grecia, passando
per Austria, Slovenia, Croazia, Serbia, Albania e Macedonia, spostandosi solo con
mezzi pubblici, per incontrare e dare voce ai vissuti di donne e uomini, protagonisti
di una fondamentale pagina nella Storia dell’Umanità del nostro tempo.
GLI AUTORI - Anna Clementi è operatrice e mediatrice linguistico-culturale presso
il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Venezia. Ha vissuto per
alcuni anni in Siria e in Palestina occupandosi di giornalismo e collaborando con
associazioni e organizzazioni non governative. Dal 2012 segue le rotte dei migranti
provenienti dalla Siria ed è attiva in varie reti locali che si occupano di Medio Oriente
e di immigrazione.
Diego Saccora dal 2010 è operatore sociale all’interno del sistema di accoglienza del
Comune di Venezia nell’ambito dei minori stranieri non accompagnati. Tutore legale,
è attivo nell’associazionismo in diverse realtà con progetti locali rivolti all’autonomia
dei neo-maggiorenni e richiedenti protezione internazionale.

del denaro, mensa e ristorante popolare,
recupero scolastico gratuito, assistenza
alle fasce sociali emarginate, inclusione
di chi attraversa differenti disagi per la
difficoltà, momentanea o cronica, di accesso ai diritti. In questo senso debbono
essere meglio conosciute e condivise
le nostre pratiche associative virtuose,
esempio di collective economy: gruppi di
acquisto solidali, turismo sociale, scuole
popolari di canto, musica e teatro, circoli
di lettura, cinema, scienze e filosofia, ma
anche occasioni di ricreazione, intrattenimento, convivialità e incontro a basso
impatto economico.
Questa ricchezza d’iniziative attende dalla
dirigenza associativa valorizzazione e
rafforzamento, e merita una sistematizzazione che concorra alla definizione di
un modello laico ed alternativo di lotta
alle disuguaglianze. Perché se è dovere
dell’Arci contribuire a ridurre il disagio
della disuguaglianza lo è ancora di più di
contribuire alla consapevolezza diffusa,
specie presso i giovani, che un modello
economico sociale diverso dal neoliberismo è possibile e realizzabile.

arcireport n. 3 | 26 gennaio 2017
In redazione
Andreina Albano
Maria Ortensia Ferrara
Direttore responsabile
Giuseppe Luca Basso
Direttore editoriale
Francesca Chiavacci
Progetto grafico
Avenida
Impaginazione e grafica
Claudia Ranzani
Impaginazione newsletter online
Martina Castagnini
Editore
Associazione Arci
Redazione | Roma, via dei Monti
di Pietralata n.16
Registrazione | Tribunale di Roma
n. 13/2005 del 24 gennaio 2005
Chiuso in redazione alle 19
Arcireport è rilasciato nei termini
della licenza Creative Commons
Attribuzione | Non commerciale |
Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/


Documenti correlati


Documento PDF arcireport n 3 2017
Documento PDF amico treno
Documento PDF circolare di aggiornamento mensile 06 03 2017 news
Documento PDF regolamento ufficiale stagione 2015 2016 definitivo
Documento PDF af17014
Documento PDF atti presentati consigliere bianchi al 13 marzo 2017


Parole chiave correlate