File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



L'equilibrio acido base .pdf



Nome del file originale: L'equilibrio acido-base.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Adobe InDesign CS3 (5.0.4) / Adobe PDF Library 8.0, ed è stato inviato su file-pdf.it il 27/01/2017 alle 10:49, dall'indirizzo IP 188.9.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1247 volte.
Dimensione del file: 1.6 MB (30 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


L’equilibrio acido-base

e la salute dell’organismo

Indice

3

L’organismo ha bisogno di energia

4

Diversi sintomi sono associati ad uno stato di acidosi metabolica

5

Come si può valutare una condizione di acidosi metabolica?

6

Le cause di un’acidosi metabolica

8

Effetto alcalinizzante o acidificante degli alimenti

10

Acidosi metabolica ed interazioni con il tessuto osseo

12

Cos’è possibile fare?

14

Alcune domande sull’acidosi metabolica
15 Tabella degli alimenti

2 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

L’organismo ha bisogno di energia
Le cellule del nostro organismo ricavano l’energia di cui hanno bisogno dalla nutrizione. L’energia è necessaria per correre, parlare, pensare, crescere.
Tutti gli organi ed i muscoli devono ricevere energia per poter funzionare correttamente. Il metabolismo dei grassi, dei carboidrati e delle proteine, insieme ad un corretto
apporto di ossigeno, assume un ruolo fondamentale nella produzione di energia. Il
metabolismo energetico, a sua volta, genera un accumulo di scorie metaboliche che
vengono eliminate attraverso l’intestino, i reni, la pelle ed i polmoni. Molte di queste
scorie metaboliche sono acide e necessitano di un’opportuna neutralizzazione o di
una successiva eliminazione (equilibrio acido-base).
Normalmente l’organismo è in grado di eliminare questi acidi grazie a una serie di
processi fisiologici in grado di mantenere un corretto equilibrio di quest’ultimi.
Le particelle acide migrano dal sito di produzione cellulare, passano dal tessuto connettivo al sangue, arrivano ai reni e ai polmoni e vengono, infine, eliminate.
Se viene costantemente prodotto un eccesso di sostanze acide, l’organismo non
riesce più ad eliminarle e si accumulano nel tessuto connettivo o nella matrice.
Il tessuto connettivo svolge la fondamentale funzione di permettere le comunicazioni
tra i vari organi e tessuti, lo si potrebbe definire una sorta di autostrada dell’organismo che collega i vari organi. Quando in questo tessuto si depositano troppe
particelle acide queste comunicazioni, tra i vari tessuti, risultano indebolite e conseguentemente nascono i disturbi legati all’acidosi.
Queste scorie rimangono nella matrice fino a che l’organismo non produce sostanze
tamponanti sufficienti; ovviamente, maggiore è il tempo di permanenza nella matrice,
maggiori saranno i disturbi correlati all’acidosi in corso.
Le conseguenze non sono gravi ma insidiose. Il valore del pH del sangue rimane nei
limiti fisiologici ma l’organismo deve affrontare uno sforzo in più e, per gestire questa
problematica acidosi, attiva dei veri e propri sistemi di emergenza, che analizzeremo
meglio in seguito. Questa condizione indica uno stato di acidosi metabolica latente,
acidosi tissutale o iperacidità.

3

Diversi sintomi sono associati ad uno stato di
acidosi metabolica
Questi includono: dolori muscolari e articolari, aumentata suscettibilità alle allergie,
infiammazioni frequenti, senso di stanchezza cronica e disturbi del sonno.
Stanchezza cronica
scarsa concentrazione
Sonnolenza
Irritabilità
Disbiosi
Candidosi
Cellulite
Ritenzione idrica
Osteoporosi
Crampi muscolari e acido lattico
Non è sempre facile correlare questi disturbi ad un’acidosi, certamente, però, ogni
volta che l’organismo si trova in acidosi, alcuni di questi sintomi tendono a manifestarsi; più il problema viene trascurato più le scorie accumulate aumentano e
maggiori saranno i disturbi.
Per questo motivo, oltre a verificare la presenza dei classici sintomi da acidosi, è utile
poter effettuare una misurazione dell’acidosi presente nell’organismo.
Per misurare l’acidità esiste un’unità di misura che si chiama pH:
il valore del pH va da 0 a 14; un valore di 7 indica un pH neutro, un valore inferiore a
7 indica un pH acido e un valore maggiore a 7 indica un valore basico o alcalino.
H+
pH

1

3

Acido

4 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

5

7
NEUTRO

9

11

13

Basico | ALCALINO

Come si può valutare una condizione di acidosi
metabolica?
Il metodo più facile per valutare l’acidosi metabolica è misurare il valore del pH
urinario. Le strisce indicatrici del pH, utili ad effettuare queste misurazioni, possono
essere prescritte dal Medico o acquistate in Farmacia e devono avere un range di
valori compreso fra 5,0 e 7,4.

Valore del pH

Se non altrimenti prescritto, le misurazioni del pH dovrebbero essere effettuate per
alcuni giorni, prendendo nota dell’ora e del valore, annotando anche gli alimenti e
le bevande assunti. Il valore del pH dovrebbe variare nel corso della giornata, definendo una curva personale. La curva ideale è quella messa in evidenza nel grafico
sottostante.
9
8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
7:00

9:00

11:00

13:00

15:00

17:00

19:00

21:00

23:00
Tempo

5

Le cause di un’acidosi metabolica
Sono molti i fattori che possono portare ad una condizione di acidosi metabolica.
Si stima che ben 4 persone su 5 soffrano di acidosi metabolica che può essere causata quotidianamente da diversi fattori.

Insufficiente apporto
di nutrienti alcalinizzanti
(frutta, verdura)

Eccesso di alimenti
acidificanti

(carne, formaggi, salumi)

Insufficiente
apporto di liquidi

Medicinali,
farmaci, ecc.

I fattori più
importanti che causano
acidosi metabolica

Nicotina,
Alcool

Sport
intensivo

Vita sedentaria

6 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Stress

Acidosi metabolica e alimentazione
Esistono ampie evidenze, nella letteratura scientifica, che mostrano come la dieta
giochi un ruolo importante nella gestione dell’equilibrio acido-base. Ogni alimento,
infatti, in base alla propria composizione, può fornire all’organismo un carico acido
oppure può fornire sostanze in grado di neutralizzare queste scorie acide.
Per esempio, una dieta troppo ricca in carne, proteine animali, latticini o cereali raffinati, causa un’eccessiva produzione di scorie acide.
Frutta e verdura, ricche di minerali basici o alcalini, sono in grado di neutralizzare
questo eccesso di scorie acide.
E’ stata messa a punto, dagli scienziati Remer e Manz, una formula che permette di
calcolare quanto “carico acido” apporta all’organismo ogni alimento (PRAL).
Un valore positivo indica un alimento che comporta un “carico acido” di una certa
entità. Un valore negativo indica un alimento che apporta un “carico alcalino” all’organismo ed è in grado di neutralizzare le scorie acide presenti nel corpo.
Sommando i valori di PRAL dei singoli alimenti di un pasto è possibile valutare
l’apporto acido-alcalino del pasto stesso.
Con l’aiuto di questa formula (PRAL) le diete preistoriche sono state comparate con
le diete contemporanee. Curiosamente, nonostante l’alto utilizzo di carne, si è osservato che le diete preistoriche si mantenevano su un buon livello di alcalinità e non
apportavano un eccessivo “carico acido” al corpo.
Le diete moderne, al contrario, a causa dell’elevato contenuto di cereali raffinati, di
prodotti derivati dal grano, di grassi idrogenati e saturati e al basso contenuto di
frutta fresca e verdure, tendono frequentemente a dare problemi di acidosi.

7

Effetto alcalinizzante o acidificante degli alimenti
Gli alimenti alcalinizzanti hanno un prefisso (-) negativo
Gli alimenti acidificanti hanno un prefisso (+) positivo

Farinacei
Pane di farina di segale
Pane di segale
Pane di farina di grano duro
Pane bianco
Corn-flakes
Pane croccante di segale
Pasta all’uovo
Fiocchi di avena
Riso
Riso grezzo
Riso parboiled
Farina integrale di segale
Spaghetti
Spaghetti integrali
Farina di grano duro
Farina di grano duro integrale

+ 4,0
+ 4,1
+ 3,8
+ 3,7
+ 6,0
+ 3,3
+ 6,4
+ 10,4
+ 12,5
+ 4,6
+ 1,7
+ 5,9
+ 6,5
+ 7,3
+ 6,9
+ 8,2

Verdura
Asparagi
Broccoli
Carote fresche
Cavolfiori
Sedano
Cicoria
Cetrioli
Melanzane
Porri
Lattuga
Insalata iceberg
Funghi

8 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

- 0,4
- 1,2
- 4,9
- 4,0
- 5,2
- 2,0
- 0,8
- 3,4
- 1,8
- 2,5
- 1,6
- 1,4

Cipolle
Peperoni
Patate
Rape
Spinaci
Salsa di pomodoro
Pomodori
Zucchine

- 1,5
- 1,4
- 4,0
- 3,7
- 14,0
- 2,8
- 3,1
- 4,6

Legumi
Piselli
Lenticchie secche
Fagioli

- 3,1
+ 3,5
+ 1,2

Frutta, noci e succhi di frutta
Succo di mela, non zuccherato
Mela con la buccia
Albicocche
Banane
Mirtilli
Ciliege
Succo di pompelmo
Nocciole
Kiwi
Succo di limone
Succo di arancia
Arance
Pesche
Arachidi, non trattate
Pere con buccia
Ananas

- 2,2
- 2,2
- 4,8
- 5,5
- 6,5
- 3,6
- 1,0
- 2,8
- 4,1
- 2,5
- 2,9
- 2,7
- 2,4
+ 8,3
- 2,9
- 2,7

Uva
Fragole
Noci
Anguria

- 21,0
- 2,2
+ 6,8
- 1,9

Bevande
Birra (una bottiglia)

- 0,2

Birra a basso contenuto
alcolico (una bottiglia)

+ 0,9

Birra scura a basso contenuto
alcolico (una bottiglia)

- 0,1

Coca Cola

+ 0,4

Cioccolata calda con
latte scremato (3,5%)

- 0,4

Caffè, infusione, 5 min.
Vino rosso
Tisana
Vino bianco secco

- 1,4
- 2,4
- 0,3
- 1,2

Grassi e oli
Burro
Margarina
Olio di oliva
Olio di girasole

+ 0,6
- 0,5
+ 0,0
+ 0,0

Pesce
Filetto di merluzzo
Acciughe
Trota, bollita/arrosto

+ 7,1
+ 7,0
+ 10,8

Carne e salumi
Manzo magro
Pollo
Carne in scatola di manzo
Salsicce
Salsiccia di fegato
Carne pressata, in scatola

+ 7,8
+ 8,7
+ 13,2
+ 6,7
+ 10,6
+ 10,2

Maiale magro
Bistecca, magra o mista
Salame
Tacchino
Vitello

+ 7,9
+ 8,8
+ 11,6
+ 9,9
+ 9,0

Latte, prodotti caseari e uova
Camembert

+ 14,6

Cheddar, con contenuto di
grassi controllato

+ 26,4

Formaggio Gouda
Formaggio di baita
Panna fresca ed acida
Uova di gallina
Albume
Tuorlo
Formaggio molle grasso
Formaggio a pasta dura
Gelato alla vaniglia
Latte condensato
Latte intero pastorizzato
Formaggio Grana
Latticini
Yogurt di frutta intero
Yogurt magro naturale

+ 18,6
+ 8,7
+ 1,2
+ 8,2
+ 1,1
+ 23,4
+ 4,3
+ 19,2
+ 0,6
+ 1,1
+ 0,7
+ 34,2
+ 28,7
+ 1,2
+ 1,5

Zucchero, conserve, dolciumi
Cioccolato al latte
Miele
Zuppa inglese
Marmellata
Zucchero

+ 2,4
- 0,3
+ 3,7
- 1,5
- 0,1

9

Acidosi metabolica
ed interazioni con il tessuto osseo
Alcuni scienziati hanno dimostrato che la dieta attuale, tipica del mondo occidentale, tende ad indebolire le strutture ossee della popolazione, soprattutto femminile.
Questo incrementa il rischio di sviluppare osteoporosi, una grave patologia ossea,
caratterizzata dall’indebolimento della struttura ossea con grave rischio di sviluppare
fratture molto invalidanti nelle persone anziane.
Diverse evidenze scientifiche mostrano correlazione tra osteoporosi, dieta sbilanciata
ed acidosi metabolica:
un’acidosi metabolica indotta dalla dieta è riconosciuta come un fattore fisiopatologico nello sviluppo dell’osteoporosi;
esiste una correlazione lineare tra eliminazione di calcio e acidosi. Maggiore è
l’acidosi, infatti, superiore sarà la perdita di calcio dalle ossa.
La funzione dello scheletro e del tessuto osseo è molto più importante e complessa
di quello che generalmente si creda: esso costituisce, ovviamente, un importante elemento strutturale dell’organismo e ne permette il movimento. Inoltre, è molto importante come tessuto di protezione per alcuni organi molto delicati e vitali: il cervello,
il cuore e i polmoni.
Ma le funzioni del tessuto osseo non si esauriscono qui, l’osso rappresenta anche
una riserva fondamentale di minerali, a cui l’organismo attinge quando non ha altre
riserve. Circa il 98% del calcio e il 75% del fosfato si trovano nelle ossa.
Una di queste funzioni è proprio legata all’acidosi metabolica: quando l’organismo
accumula scorie acide in eccesso che non riesce ad eliminare con i propri sistemi
tampone fisiologici, l’osso interviene rilasciando bicarbonati; l’emergenza acidosi
viene risolta ma il prezzo da pagare è un significativo indebolimento del tessuto
osseo. E’ proprio questo continuo processo che, nel tempo, facilita l’insorgenza di
patologie quali l’osteopenia e l’osteoporosi.

10 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Con il passare degli anni, la condizione di acidosi metabolica tende ad aumentare
mentre le capacità di contrastarle, da parte dell’organismo, diminuiscono. Il rene comincia a funzionare meno, gli squilibri ormonali, tipici, per esempio, della donna in
menopausa, causano ulteriori problemi; l’intervento del tessuto osseo è sempre più
significativo. L’acidosi tissutale e l’intervento “d’emergenza” del tessuto osseo, non
riguardano però solo la terza età; una cattiva alimentazione con un alto carico acido,
lo stress, l’eccessiva sedentarietà o l’intenso allenamento sportivo e l’uso protratto
di farmaci, sono tutte situazioni che incrementano l’acidosi e costringono il tessuto
osseo ad intervenire a tutte le età.
Come ci si accorge dell’intervento del tessuto osseo? L’eccessiva presenza di calcio
nelle urine è un chiaro indicatore che l’osso sta rilasciando minerali di calcio per
tamponare un’acidosi in corso e si sta, quindi, indebolendo.
Come il tessuto osseo neutralizza l’acidosi metabolica
H+

H+

H+

acidosi
H

+

H

+

H+
H

+

Osso
Riassorbimento
del calcio

CO32PO43HCO

3

Ca2+
H2 PO4-

Ca2+

Osteoporosi

Rene
Eliminazione di
calcio con le urine

11

Cos’è possibile fare?
Se i valori del pH urinario risultano ripetutamente acidi e si discostano notevolmente
dalla curva ideale, è necessario modificare il proprio stile di vita, aumentare l’assunzione di alimenti alcalinizzanti (vedi tabella “Effetto alcalinizzante o acidificante degli
alimenti” alle pagine 8-9) ed eventualmente integrare l’alimentazione con prodotti
specifici a base di sali minerali alcalinizzanti.

1

Alimentazione
Bisognerebbe organizzare la propria alimentazione in modo tale che gli alimenti alcalinizzanti rappresentino circa il 75% del consumo giornaliero: frutta, verdura, patate,
cavoli, lattuga, insalata (vedi tabella alle pagine 8-9).
Tra i cibi acidificanti troviamo la carne, il pollame, i salumi, il formaggio fresco e
stagionato, lo yogurt, i prodotti a base di farinacei ed i dolci. Molti alimenti, pur essendo acidificanti, sono indispensabili e non devono assolutamente essere eliminati
in quanto fonte essenziale di proteine e vitamine; il loro apporto acidificante deve,
però, essere compensato con l’assunzione di alimenti a contenuto alcalinizzante.
Un esempio: per compensare l’acidosi derivante da 100 g di manzo, sarà necessario
consumare 250 g di cavolfiore oppure 300 g di piselli freschi.

Un’alimentazione
ricca di frutta e verdura

12 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

2

Integrazione alimentare
Poiché, molto spesso, non è possibile rispettare questo equilibrio alimentare, si può
supportare l’alimentazione con integratori

1.Scioglimento delle scorie dai tessuti con la tisana
7x7 AlcaTe: le scorie vengono scisse e le tossine disciolte
E' una tisana composta da una selezione
di 49 erbe,che sono in grado di sciogliere
tutte le scorie in modo sicuro.
Un piacevole effetto secondario che ne risulta è la
diminuzione del peso in eccesso. poichè attraverso
lo scioglimento delle scorie è possibile bruciare il
grasso ed espellere i liquidi diluiti depositati.

2.Neutralizzazione e rimozione delle tossine sciolte e
rafforzamento della funzione renale ed intestinale con
AlcaVita (WurzelKraft)
Questo speciale granulato composto da
100 piante, offre all'organismo una
ottimale biodisponibilitàdi tutti i minerali,
vitamine, acidi grassi essenziali, aminoacidi
essenziali e sostanze vegetali secondarie
che provvedono alla sua costruzione e
funzionamento. L'insieme dei sistemi e degli
organi deputati allla de-acidificazione
vengono ottimizzati grazie a questo alimento,
che permetteun'eliminazione delle scorie senza
crisi e una rigenerazione ottimale.
13

Alcune domande sull’acidosi metabolica
Cosa sono gli acidi?
La definizione, tuttora esistente, risale al chimico danese Johann Nicolaus Bronsted
(1879-1947), che definì acide quelle sostanze in grado di donare delle particelle di carica
positiva (protoni) in una soluzione acquosa.
Cosa sono le basi?
Dal 1923, secondo Bronsted, le basi vennero chimicamente definite sostanze in grado
di assimilare protoni (particelle di carica positiva). Da noi, invece, è diventato comune il
termine di derivazione araba “alcalino”, in quanto, queste sostanze odorano di sapone.
I termini “base”, “alcalino” e “soluzione alcalina” vengono utilizzati indifferentemente.
Che cosa è il pH?
Il valore pH è l’unità di misura che definisce se una soluzione è acida o basica; si ottiene
misurando la concentrazione di ioni idrogeno.
Più la concentrazione di ioni idrogeno è alta, maggiore sarà il grado di acidità.
Come dovrebbe essere il valore pH di una persona sana?
Non esiste un valore pH ideale per il corpo umano. Tutti gli organi e i fluidi corporei sono
diversamente “specializzati” e necessitano di un valore pH diverso per poter adempiere
agevolmente ai propri compiti. Anche gli enzimi (proteine che accelerano le reazioni biochimiche) necessitano di diversi valori pH a seconda della parte del corpo in cui agiscono: gli enzimi nello stomaco hanno bisogno di un valore pH acido, quelli nell’intestino
tenue di un valore pH basico.
Esempi di valori pH in una persona sana

Si osserva come il sangue abbia una
variazione di pH molto ristretta.
Questo significa che il sangue può svolgere
i propri compiti vitali solo in un campo
ristretto di valori pH: 7,35 e 7,45.

Saliva
pH 6,7-7,2
Intracellulare
pH 6,9

Urina
pH 6,9

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Sangue e tessuto
connettivo
pH 7,35-7,45
Succo gastrico
pH 1,2-3,0

Secrezione
pancreatica
pH 7,4-8,35

14 |

Pelle
pH 5,5

Intestino
pH 4,8-8,2

Che cos’è l’equilibrio acido-base?
Con il termine equilibrio acido-base ci si riferisce ad uno dei più importanti sistemi
di regolazione dell’organismo, cioè l’insieme di tutti i meccanismi e sistemi tampone
che intervengono/lavorano affinché il rapporto acido-base dell’organismo si mantenga
in equilibrio.
Quali sono i compiti dell’equilibrio acido-base?
Il compito principale dell’equilibrio acido-base è quello di mantenere stabile il pH di un
ambiente corporeo, così che le operazioni biochimiche/metaboliche di vitale importanza
possano funzionare in modo ottimale. Il pH ematico deve avere un valore stabile.
Anche il valore del pH nelle cellule del nostro corpo deve essere stabile e non deve
essere sottoposto ad eccessive variazioni.
Gli enzimi, indispensabili per le operazioni metaboliche di vitale importanza, possono
svolgere il proprio lavoro solo in presenza di determinati valori di pH.
Il nostro organismo è quindi orientato a mantenere, in qualsiasi condizione, stabile e
costante il valore del pH nel sangue e nelle cellule degli organi. Anche i differenti organi,
i tessuti e le cavità (quali quelle dello stomaco e dell’intestino, la vescica e la cistifellea)
hanno bisogno di precisi valori del pH, i cui limiti, però, non sono così rigidi come quelli
del sangue. Per garantire tutto ciò, il corpo utilizza diversi sistemi tampone.
Cosa sono i sistemi tampone?
In relazione all’equilibrio acido-base i tamponi sono l’insieme delle sostanze chimiche in
grado di trattenere gli acidi o le basi; i tamponi legano a sé gli acidi o le basi, rendendoli
innocui, cioè neutralizzandoli. Grazie a questa capacità, i sistemi tampone fanno in modo
che l’ambiente corporeo non diventi né troppo acido né troppo basico mantenendo stabile
il valore del pH, a seconda della necessità dei vari organi e tessuti. I tamponi intervengono quando c’è eccedenza di basi o, al contrario, di acidi, per riportare il pH al valore
ottimale.

15

Quali sono gli organi responsabili dell’equilibrio acido-base?
I reni, il fegato e i polmoni garantiscono il mantenimento dell’equilibrio acido-base nel
corpo. Anche lo stomaco è coinvolto nelle operazioni di regolazione: le principali cellule
della mucosa gastrica producono, oltre all’acido gastrico necessario per la digestione,
anche bicarbonato basico. Gli scienziati, inoltre, sostengono che anche il tessuto connettivo rivesta un’importanza centrale nella funzione dell’equilibrio acido-base.
Il sangue necessita di un valore del pH stabile tra 7,35 e 7,45, per poter adempiere alle
proprie funzioni vitali. Il sangue mantiene l’equilibrio dei valori del pH attraverso l’interazione dei seguenti quattro sistemi tampone:
tampone bicarbonato (tampone acido carbonico-idrogenocarbonato): nel sangue esso
costituisce circa il 69-75% delle capacità tampone totali. Il sangue riceve il bicarbonato
dal tratto digerente, dove diventa necessario neutralizzare l’acidità dei i succhi gastrici;
tampone emoglobina: la sostanza di colore rosso delle cellule del sangue costituisce il
21-25% delle capacità tampone totali;
tampone fosfato: costituisce solo l’1-5% delle capacità tampone del sangue. Il sangue
riceve il fosfato dalle ossa, le quali sono la maggiore fonte di fosfato del corpo.
tampone proteico: la percentuale delle sue capacità tampone è dell’ 1-5%.
In che modo i polmoni possono influenzare l’equilibrio acido-base?
Dai polmoni viene espirata continuamente anidride carbonica che è acida.
Quando il valore del pH del sangue diminuisce, diventando acido, nel cervello viene
stimolato il centro respiratorio che favorisce un aumento dell’espirazione di anidride
carbonica (CO2) che riporta a valori basici il valore del pH. Questo meccanismo è una
vera e propria “valvola d’emergenza” che il corpo attiva per evitare alterazioni dell’equilibrio acido-base.
In che modo i reni possono influenzare l’equilibrio acido-base?
I reni svolgono un ruolo significativo nella regolazione dell’equilibrio acido-base. Essi
eliminano le sostanze che l’organismo non riesce più a metabolizzare.
Fra queste sostanze ci sono l’urea e la creatinina (derivante dalla degradazione di proteine), l’acido urico (derivante dalla degradazione della purina), il solfato e il fosfato.
Solitamente, i reni eliminano sostanze sia acide che basiche, anche se, normalmente,
espellono più acidi che basi. Una funzione renale sana è pertanto un requisito fondamentale per l’equilibrio acido-base. Da tutto questo si deduce in che modo una buona
funzionalità renale contribuisca all’equilibrio acido-base. Le persone con ridotte funzioni
renali (per esempio affette da patologie croniche renali o persone anziane) dovrebbero
attribuire sempre più importanza all’alimentazione basica e ridurre l’assunzione di
proteine animali.

16 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Anche le ossa sono coinvolte nell’equilibrio acido base?
Le ossa sono il nostro più grande deposito di basi. Il 98% di tutte le scorte di calcio
(circa 1 kg), infatti, si trova nelle ossa. Le ossa, attraverso il rilascio di minerali basici,
contribuiscono al cruciale mantenimento dei valori stabili del pH. Una lunga iperacidosi
porta all’indebolimento della struttura ossea; l’osso, infatti, svolge una funzione tampone
che esercita a scapito della propria riserva di sostanze minerali e, quindi, di solidità.
Il corpo riesce a mantenere in modo autonomo l’equilibrio tra acidi e basi?
L’equilibrio acido-base viene mantenuto soprattutto attraverso i reni, i polmoni, il fegato
e il tessuto connettivo. Un organismo in buona salute e una corretta alimentazione sono
in grado di mantenere l’equilibrio acido-base.
Quali organi sono sensibili al cambiamento del pH?
Il sangue è quello che reagisce sensibilmente ad ogni cambiamento del valore del pH.
Essendo il liquido corporeo più importante, non appena nell’organismo si verificano fluttuazioni del valore del pH esso viene subito neutralizzato: il valore del pH ematico viene
equilibrato dal sistema tampone bicarbonato.
Anche le cellule specializzate nella produzione di tessuto osseo, i cosiddetti osteoblasti,
così come le cellule specializzate nel riassorbimento del tessuto osseo, gli osteoclasti,
reagiscono molto sensibilmente ai cambiamenti del valore del pH. Gli osteoblasti lavorano meglio in un ambiente basico mentre gli osteoclasti in quello acido. La produzione di
tessuto osseo, quindi, denota un ambiente basico.
Quando si verifica un disturbo dell’equilibrio acido-base?
I disturbi dell’equilibrio acido-base si verificano quando reni, fegato e polmoni non riescono
più a smaltire l’accumulo di scorie acide e le riserve basiche del corpo non sono più sufficienti. Questo causa disturbi all’organismo, che spesso non vengono interpretati correttamente. Ci si trova quindi, all’inizio di un’iperacidosi latente che può diventare cronica.
Da quali segnali si denota la presenza di troppi acidi nel corpo?
I segnali sono: affaticamento, disturbi del sonno, cambiamenti d’umore, stati d’ansia, problemi digestivi, irritazioni cutanee, cellulite, l’alta sensibilità ad infezioni ed infine reumatismi, problemi ormonali e dolori cronici; per citarne solo i più importanti.
Cos’è un’iperacidosi cronica?
Con iperacidosi cronica ci si riferisce ad un’iperacidosi del tessuto connettivo, che Friedrich Sander ha denominato “acidosi latente” o “acidosi metabolica”.
L’acidosi latente si localizza nel tessuto connettivo e l’impatto sulla salute riguarda l’intero organismo.

17

Perché gli acidi vengono immagazzinati nel tessuto connettivo?
Il sistema connettivo si presta ad immagazzinare le scorie acide che l’organismo non
riesce ad eliminare. Il tessuto connettivo è, per il metabolismo, una sorta di luogo di trasferimento. Qui si incrociano le strade dei vasi sanguini, delle fibre nervose, dei linfonodi
e si trovano, inoltre, alcune cellule del sistema immunitario. Il sistema connettivo viene
quindi utilizzato come una zona di parcheggio delle scorie acide, fino a che gli organi di
escrezione, in questo caso soprattutto i reni, non abbiano nuovamente la possibilità di
eliminare gli acidi in eccesso.
Cosa succede nel tessuto connettivo quando vengono prodotti troppi acidi?
Nel tessuto connettivo gli acidi si legano alle proteine e alle fibre del collagene. Nel tempo
vengono accumulati più acidi di quanti ne vengano eliminati e, per questo, avvengono
alcuni cambiamenti strutturali del tessuto connettivo.
Poiché il tessuto connettivo rappresenta un importante percorso di trasporto per sostanze
di tutti i tipi, non ultimi gli ormoni, i blocchi nel tessuto connettivo possono causare
disturbi dell’intero metabolismo, nuocere all’equilibrio ormonale, ostacolare il lavoro del
sistema immunitario, causare dolori e cellulite.
I medicinali possono interferire con l’equilibrio acido-base?
La maggior parte dei medicinali influenza l’equilibrio acido-base; è talvolta lo stesso
farmaco ad essere un acidificante. L’utilizzo di medicinali, a lungo termine e in grandi
quantità, può disturbare in modo sostanziale l’equilibrio acido-base, soprattutto se sussistono altri fattori come un’alimentazione eccessivamente acida, stress o mancanza di
movimento.

18 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Attraverso quali segni si riconosce la condizione di acidosi?
Per delle persone inesperte è difficile valutare se i sintomi osservati siano da ricollegarsi
ad un’acidosi o ad un’altra causa: affaticamento, perdita di vitalità, problemi digestivi,
impurità della pelle, arrossamenti infiammatori della pelle, perdita del colorito roseo del
viso, unghie fragili, capelli opachi, arrossamenti, infiammazioni, cambiamenti dell’aspetto dell’urina e delle feci, sono tutti segnali che possono indicare chiaramente un’acidosi.
Gli arrossamenti della pelle possono anche essere causa di intolleranze alimentari o di
disturbi ormonali. Un colorito della pelle del viso spento e poco salutare può anche
essere correlato all’utilizzo prolungato di alcool o nicotina oppure ad una mancanza di
vitamine e minerali.
I segni che indicano un’iperacidosi non sono perciò sintomi sicuri. Maggiore è il numero
dei sintomi presenti, maggiore sarà la possibilità che la causa sia un’acidosi. Può essere
utile, inoltre, l’indagine delle abitudini alimentari, degli stili di vita e del pH delle urine.
In che modo si evidenzia un’acidosi?
Un’acidosi si manifesta, inizialmente, sullo stato della pelle, dei capelli e delle unghie. La
pelle diventa pallida e spesso impura, il tessuto connettivo tende ad infiammarsi e si può
formare la cellulite, i capelli diventano opachi e stopposi e si verifica un aumento della
loro caduta, le unghie diventano deboli, si spezzano facilmente e mostrano solchi.
Inoltre, avviene spesso un calo di vitalità: sono sempre più evidenti segni di affaticamento, disturbi durante il sonno e nell’addormentarsi, irrequietezza, irritabilità e disturbi della
concentrazione.
Anche i disturbi della digestione con flatulenza, costipazione o diarrea rientrano nel quadro di un’acidosi latente. Persino emicranie e crampi muscolari possono essere presi in
considerazione quali sintomi di un’iperacidosi.
Come funziona la misurazione del pH delle urine con le cartine indicatrici?
Il sistema di misurazione del pH delle urine con le cartine indicatrici è semplice: si deve
strappare dal blocchetto una cartina, metterla sotto il getto dell’urina e verificare, subito
dopo, il cambiamento di colore della cartina. La maggior parte delle cartine è di colore
giallo arancio e rimane di questo colore se il valore del pH è acido, mentre se è basico si
colorano di blu fino alla tonalità blu-verde.

19

E’ giusto effettuare il test, con le cartine indicatrici per la misurazione del
pH delle urine, solo la mattina?
La misurazione mattutina del valore del pH urinario è consigliata da molti terapeuti e
da molti libri. Questa singola misurazione riesce in parte a stabilire in quale stato sia
l’equilibrio acido-base. Il dato, in ogni caso, dipende dall’ora in cui viene misurato. Il
pH delle urine dipende anche da che cosa si è mangiato la sera precedente, dall’ora in
cui si è cenato, dall’ora in cui ci si è coricati, da quanto tempo si è dormito o se il giorno
precedente si era stressati. Poiché durante la notte, nel corpo, prevale un ristagno di basi,
la prima urina del mattino è normalmente sempre acida. In aggiunta, durante la notte,
a causa del lavoro metabolico, si verifica un aumento degli acidi che vengono in parte
legati e in parte espulsi con l’escrezione. La misurazione della seconda urina del mattino,
tra le ore 10 e le ore 12, può comunque dare una buona indicazione dello stato di acidosi
di una persona prendendo come riferimento la “curva di normalità”.

Valore del pH

Cos’è il profilo giornaliero del pH urinario?
Il profilo giornaliero del pH delle urine si ottiene quando si effettuano, più volte al
giorno, le misurazioni del valore del pH delle urine con le cartine indicatrici. Si devono
annotare i risultati su di un grafico nel quale orizzontalmente sono indicate le ore della
giornata e verticalmente i valori di pH.
Per creare il profilo giornaliero del pH delle urine ci si può aiutare con le cartine indicatrici del pH come quelle contenute in Basenpulver/Basentabs-pH balance, oppure
con analoghi sistemi venduti in farmacia. Considerate le variazioni del metabolismo
durante la giornata, si può tracciare una curva media, evidenziata in trasparenza nel
grafico sottostante.
9

Il tracciato di questa curva può essere
influenzato da molti fattori esterni.
Un’alimentazione ricca di acidi,
stress prolungato e uno stile di vita
sedentario o sonno scarso o disturbato,
producono un aumento di acidi.

8,5
8
7,5
7
6,5
6
5,5
5
4,5
7:00

9:00

11:00

13:00

15:00

17:00

19:00

21:00

23:00
Tempo

Se nei giorni successivi, ripetendo il profilo giornaliero del pH delle urine, si verificasse
la costante presenza di marcate deviazioni rispetto alla “curva di normalità”, potrebbe
essere l’indicazione di un equilibrio acido-base sregolato, di solito verso un’acidosi.

20 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Lo Stress provoca acidità?
L’adrenalina e il cortisone, ormoni dello stress, aumentano il rilascio di acidi.
Lo stress è quindi un segnale d’allarme del corpo che si aziona per proteggerci dai pericoli e tende ad aumentare l’acidosi presente nell’organismo.
Dormire poco può interferire sull’equilibrio acido-base?
Una carenza di sonno, così come lo stress, appartengono spesso alle nostre abitudini
quotidiane. Dal punto di vista dell’equilibrio acido-base, grazie alle ricerche di Friedrich
Sander, si sa che il metabolismo è particolarmente attivo durante la notte e perciò molti
rifiuti metabolici, nonché acidi, vengono eliminati.
Questi acidi vengono eliminati con la prima urina del mattino, rendendola acida. Si può
quindi dedurre che, una prolungata mancanza di sonno causa, nel corpo, un ristagno di
acidi, rallentando, di conseguenza, il metabolismo.
L’attività sportiva provoca acidità?
L’attività fisica, in particolare quella dei cosiddetti sport di resistenza (ciclismo, corsa,
ecc.) influenzano l’equilibrio acido-base. Gli atleti sono sicuramente sottoposti ad estremi carichi metabolici attivi nei confronti di muscoli, tendini e ossa. Si dovrebbe, quindi,
prestare attenzione alle fasi di rilassamento, alle attività sportive rigeneranti (tipo il nuoto
o la corsa libera), così come alla percentuale di basi contenute nell’alimentazione.
Per chi pratica sport, quindi, è sicuramente consigliabile un’alimentazione alcalina.
In che modo il metabolismo acido-base si relaziona con il metabolismo
del calcio?
Poiché gli acidi, derivanti dalle proteine, vengono neutralizzati attraverso i bicarbonati di
calcio presenti nelle ossa, se i tamponi fisiologici sono carenti, è chiaro come un apporto
elevato di proteine provochi una perdita di calcio.
Com’era l’equilibrio acido-base nella nutrizione dei nostri antenati?
Con i metodi di analisi computerizzati, gli scienziati hanno studiato come si nutrivano i
nostri antenati nel periodo in cui non esisteva ancora l’agricoltura.
I risultati sono stati sorprendenti: l’87% dell’alimentazione dei nostri antenati, era basica!
La storia mostra, quindi, il cambiamento della nutrizione che è stata, per millenni, basica
e che, ai nostri giorni, è diventata acida.
I primordiali alimenti vegetali, fortemente ricchi di basi, furono sostituiti dai cereali e da alimenti poveri di sostanze nutritive, ma ricchi di calorie. Il nostro patrimonio genetico, pur se
modificato nel corso dei millenni, si basa, dunque, su una nutrizione basica e non acida.

21

Perché la frutta e la verdura agiscono da alcalinizzanti?
La frutta e la verdura fresca sono quasi sempre alcalinizzanti. Il contenuto di minerali,
soprattutto calcio, potassio, sodio, magnesio e ferro, determinano, in modo sostanziale,
la componente basica. Frutta, verdura, molti semi, crauti freschi e, soprattutto, germogli
freschi, riempiono i depositi del corpo di basi e garantiscono un sano processo metabolico.
Si legge che l’apporto di sostanze minerali, nella frutta e nella verdura, sia
diminuito in questi anni. Per questo motivo si è meno alcalini?
Le ricerche chimiche alimentari hanno mostrato una diminuzione di sostanze minerali e
di vitamine negli alimenti vegetali. La diminuzione delle sostanze minerali è dovuta alla
monocoltura (terreni coltivati ad un solo tipo di vegetale) che sfrutta il terreno in modo
unilaterale. È stato dimostrato che il contenuto di sostanze nutritive di frutta e verdura da
coltivazione biologica è nettamente più alto.
Quali alimenti sono alcalinizzanti?
Molti alimenti vegetali sono alcalinizzanti; la maggior parte di frutta e verdura, alcuni tipi
di mandorle, la maggior parte dei semi, crauti e germogli (vedi tabella alle pagine 8-9).
La frutta, per il proprio alto contenuto in zuccheri, non dovrebbe, in ogni caso, costituire
più del 20% delle calorie giornaliere totali.
Quali sono gli alimenti acidificanti?
Gli alimenti contenenti proteine sono acidificanti, soprattutto quelli che contengono proteine animali. Tutti gli alimenti che contengono un’elevata dose di purina sono, in ogni
caso, acidificanti.
Ci sono sostanziali differenze tra carne e pesce per quanto riguarda l’acidificazione?
Il contenuto di proteine nel pesce e nella carne è cruciale per la valenza acida e varia leggermente da tipo a tipo. La carne di tacchino è acidificante quanto quella suina, bovina,
d’agnello, di selvaggina o di pesce.
In che modo lo zucchero influenza l’equilibrio acido-base?
Gli zuccheri non influenzano direttamente l’equilibrio acido-base. In ogni caso, un elevato
consumo di zuccheri è da evitare nella dieta, poichè contribuisce all’insorgenza di patologie del metabolismo (diabete alimentare).

22 |

L’equilibrio acido-base e la salute dell’organismo

Il corpo non può “deacidificarsi” da solo?
Uno dei principali compiti dell’organismo è quello di mantenere il giusto equilibrio tra
acidi e basi. La regolazione, però, è possibile solo fino ad un certo punto: se per molto
tempo si eccede nell’alimentazione con alimenti acidificanti, l’organismo potrebbe non
essere più in grado di neutralizzare il carico acido.
L’organismo, secondo Manz e Remer, nello svolgimento delle proprie funzioni metaboliche giornaliere, produce autonomamente iperacidosi, che necessita, per essere neutralizzata, di 1,5 kg di frutta e verdura al giorno. L’ottimale rapporto tra frutta e verdura è di 1
parte di frutta e 4 parti di verdura (300 gr di frutta e 1200 gr di verdura).
La dieta mediterranea è in grado di controllare l’acidosi metabolica?
Come si è osservato alcuni anni fa, gli abitanti delle terre del Mar Mediterraneo soffrono
raramente di patologie cardio-circolatorie; per questo si iniziò a studiare le loro abitudini
alimentari. L’alimentazione mediterranea comprende una dieta ricca di verdura (pomodori, zucchine, cetrioli e insalata), pesce e soprattutto olio extra-vergine d’oliva. Gran parte
di questi alimenti è alcalinizzanti.
L’alimentazione mediterranea nel tempo è variata; contiene, oggi, anche molta carne, formaggio, pane di farina bianca, pasta, pizza, dessert e alcool, tutti alimenti acidificanti. In
conclusione, la dieta mediterranea moderna è tendenzialmente acidificante.

Di seguito una tabella indicativa degli alimenti
a tendenza a acida ed alcalina

23

Erboristeria L'Alambicco
Via Riviera Berica n°287 -Loc.Campedello
36100 Vicenza -Tel.0444 240007 -www.salek2.it


Documenti correlati


Documento PDF l equilibrio acido base
Documento PDF regolazione chimica del corpo sistema acidi basi
Documento PDF eta pediatrica
Documento PDF riprendiamoci la vita per i capelli
Documento PDF prontuario erboristico
Documento PDF rogramma elettorale


Parole chiave correlate