File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Fibrillazione atriale e pazienti diabetici che richiedono insulina.pdf


Anteprima del file PDF fibrillazione-atriale-e-pazienti-diabetici-che-richiedono-insulina.pdf

Pagina 1 2 3

Anteprima testo


Fibrillazione atriale e pazienti diabetici
che richiedono insulina
Fibrillazione atriale, i pazienti diabetici che richiedono insulina presentano un
aumentato rischio di ictus e embolia sistemica
I pazienti con fibrillazione atriale affetti da un tipo di diabete che richiede la somministrazione di
insulina, sono a maggior rischio di ictus ed eventi embolici sistemici. Nuovi risultati di una subanalisi del Registro europeo di Daiichi Sankyo PREFER in AF, pubblicati dal Journal of the American
College of Cardiology

Roma, 31 gennaio 2017 – I pazienti con fibrillazione atriale affetti da diabete che richiede trattamento
insulinico corrono un rischio maggiore di essere colpiti da ictus o embolia sistemica rispetto ai pazienti
diabetici che non necessitano di insulina e ai pazienti non diabetici. Sebbene il diabete sia un fattore di
rischio per eventi tromboembolici, i risultati appena pubblicati sul Journal of the American College of
Cardiology gettano nuova luce sul ruolo dell’insulina nella pratica clinica. A fornire questi dati e altri
dettagli sulla gestione della fibrillazione atriale in Europa a seguito dell’introduzione degli
anticoagulanti orali non antagonisti della vitamina K (NOACs), è una sottoanalisi del Registro europeo
di Daiichi Sankyo PREFER in AF, il primo studio di questo tipo a quantificare indipendentemente i
tassi annuali di eventi tromboembolici correlati a FA nei pazienti diabetici, a seconda della presenza
del trattamento insulinico.
In un gruppo di 1.288 pazienti diabetici affetti da FA del registro PREFER in AF, coloro che
assumevano insulina, a un anno di follow-up, hanno mostrato un rischio di 2,5 volte maggiore di
essere colpiti da un ictus o un evento embolico sistemico, rispetto a quelli che non assumevano
insulina (5,2 per 100 pazienti/anno vs 1,8 per 100 pazienti/anno); HR 2,96: 1,49 a 5,87; p = 0,0019) e
che non soffrivano di diabete (5,2 per 100 pazienti/anno vs. 1,9 per 100 pazienti/anno; HR: 2,89; 95%
CI: 1,67 a 5,02; p = 0,0002). Tutto ciò indipendentemente dalla presenza di altre patologie e del
trattamento anticoagulante somministrato. E’ interessante notare che i tassi di ictus o di embolia