File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Lettera a Maria de Filippi per Sabrina Ferilli .pdf



Nome del file originale: Lettera a Maria de Filippi per Sabrina Ferilli.pdf
Titolo: Microsoft Word - Documento1

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Word / Mac OS X 10.12.2 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/02/2017 alle 11:30, dall'indirizzo IP 87.3.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2098 volte.
Dimensione del file: 449 KB (3 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Cara Maria de Filippi, con il tuo garbo e stile inconfondibile da “corriere" delle emozioni
e delle storie in tv, hai fatto recapitare migliaia di lettere a molti destinatari, affrontando
vicende complicate e al limite dell’incredibile e per questo e non solo ho deciso di
scriverti chiedendoti di indossare quella divisa di postina magari con su un fiore di
Sanremo, per farti consegnare la mia busta con la assurda folle storia che ha su scritta,
alla signora Sabrina Ferilli, tua amica e soprattutto moglie dell’amministratore delegato
di TIM Flavio Cattaneo, azienda in cui ho lavorato fedelmente e con attaccamento e
dedizione assoluta per dieci lunghi anni della mia vita sino a quel maledetto mercoledì di
fine novembre.
Sì Maria proprio la Ferilli hai capito bene che è con me e a sua insaputa la coprotagonista
di questo film horror che vivo sulla mia pelle da pochi mesi. Di questi giorni spensierati
tra tormentoni TV dello spot danzante già cult di TIM, realizzato proprio grazie al gruppo
dei miei (ex) colleghi pubblicitari di cui facevo orgogliosamente parte, fino alle note del
Festival di Sanremo, a me non resta invece che il peso del tormento quotidiano di una
vita devastata da uno spropositato gesto di inaudita violenza che ha portato al mio
licenziamento.
Questa è quindi la storia di Roberto Valentini e questa che segue è la “lettera” che
vorrei che tu consegnassi a Sabrina Ferilli in Cattaneo.
Ciao Sabrina è trascorso poco tempo da quando scrivesti una lettera ideale a
Berlinguer nella quale etichettavi i partiti come "macchine di potere e clientela",
citandolo a proposito di ricatti e discriminazioni, di occupazione della politica in ogni
dove, e poi ancora ti soffermavi sulle sopraffazioni e i favoritismi all'ordine del giorno
in Italia allora così come oggi. Hai sostenuto la nostra Costituzione, la sua
fondamentale importanza, definendola moderna, ripudiando anche la grande finanza
e loro lobbies.
Ho stimato e condiviso il tuo pensiero che è anche il mio ed è stato un po' come
rivederti nel ruolo di “pasionaria” e di sindaca “barricadera” di Offidella, nella tua
fiction TV, nella quale lottavi contro i potenti e i manager delle aziende, autori di
abnormi ingiustizie e nefandezze. Rieccoti poi con Maria De Filippi nel suo show
"HouseParty" e sulle note di Morandi, dalla sua chitarra e voce ecco spuntare anche il
nome di Flavio, tuo marito, proprio lui che è stato il mio A.D. e in quello stesso attimo,
emozionato e ancora sconvolto, ho maturato l’idea di scriverti perché, sono parole
tue, ami le persone di carattere che non ti spaventano mai.
Sai signora Cattaneo, io sono davvero una di quelle persone nella vita di tutti i giorni
ma da quella data maledetta, la mia esistenza è stata lacerata, perché cara Sabrina,
non ho più un lavoro, strappatomi crudelmente a 42 anni suonati e dopo dieci anni di
onesta, proba e apprezzata carriera in Telecom Italia, proprio da tuo marito e dal suo
staff, quel Flavio Cattaneo che assieme al suo top management e a differenza tua, ha
temuto e annientato con protervia inaudita e cattiveria inutile esattamente quel
genere di persone, censurandomi, controllando il mio operato e uccidendo il diritto di
satira, di espressione e di critica che sono i fondamenti della nostra Costituzione e dei
diritti universali dell’uomo.

Licenziato in un crescendo kafkiano per aver scritto un post di Facebook , riservato,
inaccessibile dall’esterno, privato, dal sapore sarcastico bonario ed umoristico e mai
offensivo proprio su di te Sabrina Ferilli, attrice, showgirl e moglie di Flavio Cattaneo,
contenuti privati che qualcuno ha deliberatamente e vilmente girato all’azienda, che
altri hanno recepito e rigirato al Vertice di TIM e al solo scopo di danneggiarmi e di
farmi licenziare infine.
Sai Sabbrì sono sicuro che a differenza del tuo consorte che con i suoi top manager
non ha evidentemente uno spiccato senso dello humor, ti starai facendo invece una
grassa risata mentre starai guardando quella foto e quel commento affisso sulla mia
bacheca prima che lo cancellassi successivamente a causa dei noti eventi.
Cara "Evita Peron" di Fiano Romano, dei tanti disadattati , degli umiliati, della classe
operaia sul piccolo schermo cosi come nella vita reale, quella che in TV si è commossa
dinnanzi a sua madre, cosa senti di dire adesso ad un uomo di 42 anni come me, solo,
che una mamma non l'ha più, senza una famiglia tradizionale e gay?
Cosa ti senti di dire a un valido professionista che ha dedicato dieci anni della sua vita
a totale supporto, devozione e fedeltà per Telecom Italia, cancellata dal tratto senza
umanità del top management, nell’azienda di cui tuo marito è leader?
Pensi davvero che il dr.Cattaneo mi avrebbe fatto licenziare in tronco e senza alcuna
pietà o scrupolo se avessi avuto una famiglia e dei figli, Ferilli? Non credo proprio.
Che cosa proverai dopo aver letto questo grido di dolore, come farai a essere ancora
la stessa Sabrina di sempre , moglie di Flavio Cattaneo, senza sentirti intimamente
tradita, e con te, i tuoi principi, i tuoi ideali e la tua libertà che è anche la mia e quella
di tutti?
Cara Signora Ferilli in Cattaneo se avessi avuto la benché minima intenzione di
offendere te o Flavio Cattaneo non sarei arrivato mai a scriverti questa missiva ma
considerato tutto non ho alcuna difficoltà a chiedere scusa a entrambi, con grande
dispiacere per l’intera vicenda.
Mi auguro che ora Maria de Filippi possa spingere il tastino su quel telecomando per
aprire questa busta che ci separa e che tuo marito possa ridarmi da domani il mio
lavoro, i miei amici, i miei colleghi e la mia vita in TIM, azienda che ho sempre amato.
Un’attrice e una donna come te Sabrina, non può non amare un “lieto fine”.
Cari saluti a te e al dottor Cattaneo.
Ti ringrazio molto e con te Maria de Filippi.
Roberto Valentini




Lettera a Maria de Filippi per Sabrina Ferilli.pdf - pagina 1/3
Lettera a Maria de Filippi per Sabrina Ferilli.pdf - pagina 2/3
Lettera a Maria de Filippi per Sabrina Ferilli.pdf - pagina 3/3

Documenti correlati


Documento PDF lettera a maria de filippi per sabrina ferilli 1
Documento PDF tv sorrisi e canzoni 26 dicembre 2015
Documento PDF concorsi 2016 1
Documento PDF marok in concerto
Documento PDF la grande bellezza presskit
Documento PDF aggiornamento iscritti notturna 1pdf


Parole chiave correlate