File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Primadipartire .pdf



Nome del file originale: Primadipartire.pdf

Questo documento in formato PDF 1.4 è stato generato da Writer / LibreOffice 5.2, ed è stato inviato su file-pdf.it il 12/02/2017 alle 15:21, dall'indirizzo IP 95.232.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2795 volte.
Dimensione del file: 1.5 MB (285 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Primadipartire – Diario pubblico di un aspirante suicida.
Scritto da Ciro E. Milani - nickname Luca K.

Indice
Author..............................................................................................................................................4
Pages:...............................................................................................................................................4
Archives...........................................................................................................................................6
Categories........................................................................................................................................6
Manifesto.........................................................................................................................................6
3 Responses to “Manifesto”........................................................................................................7
April 18th, 2005 4.41pm..................................................................................................................7
Contatti?...........................................................................................................................................7
April 19th, 2005 6.45pm..................................................................................................................7
La leggerezza...................................................................................................................................7
April 20th, 2005 6.07pm..................................................................................................................8
Perché?.............................................................................................................................................8
5 Responses to “Perché?”............................................................................................................8
23/4/2005 (blog.weow.org)..............................................................................................................8
L’inutilità.....................................................................................................................................8
April 24th, 2005 9.38am..................................................................................................................9
Quando?...........................................................................................................................................9
April 26th, 2005 5.11pm..................................................................................................................9
Come?..............................................................................................................................................9
May 2nd, 2005 ??...........................................................................................................................10
Ultimi giorni..................................................................................................................................10
May 2nd, 2005 ??...........................................................................................................................10
Seconda ipotesi sul come...............................................................................................................10
May 3rd, 2005 ??...........................................................................................................................10
Always crashing in the same car....................................................................................................10
May 6th, 2005 ??...........................................................................................................................10
Canzoni…......................................................................................................................................10
May 8th, 2005 11.33pm.................................................................................................................11
Un sacco di cose da fare….............................................................................................................11
2 Responses to “Cara è la fine, perdonami.”.............................................................................14
May 16th, 2005 8.56pm.................................................................................................................14
Motorcycle Madness......................................................................................................................14
4 Responses to “Motorcycle Madness”.....................................................................................15
May 19th, 2005 12.22am...............................................................................................................15
I dont like the drugs, but…............................................................................................................15
May 20th, 2005 1.42am.................................................................................................................16
Everyday is exactly the same.........................................................................................................16
2 Responses to “Everyday is exactly the same.”.......................................................................17
May 20th, 2005 2.11am.................................................................................................................17
-2!...................................................................................................................................................17
2 Responses to “-2!”.................................................................................................................17
Another Step..................................................................................................................................17
7 Responses to “Another Step.”................................................................................................18
May 23rd, 2005 5.24pm.................................................................................................................18
L’ultimo pasto................................................................................................................................18
9 Responses to “L’ultimo pasto.”..............................................................................................18
May 23rd, 2005 5.24pm.................................................................................................................19

Bugie..............................................................................................................................................19
10 Responses to “Bugie.”..........................................................................................................20
May 26th, 2005 12.38am...............................................................................................................20
Suicidio con 9 volt.........................................................................................................................20
3 Responses to “Suicidio con 9 volt.”.......................................................................................21
May 27th, 2005 12.36am...............................................................................................................21
Zapping!.........................................................................................................................................21
May 30th, 2005 11.54am...............................................................................................................21
Another step, again........................................................................................................................21
June 1st, 2005 1.41am....................................................................................................................22
Faq.................................................................................................................................................22
June 1st, 2005 2.00pm...................................................................................................................22
Tempi moderni...............................................................................................................................22
2 Responses to “Tempi moderni.”.............................................................................................23
June 2nd, 2005 1.21am..................................................................................................................23
Sintesi perfetta...............................................................................................................................23
2 Responses to “Sintesi perfetta.”.............................................................................................23
June 4th, 2005 12.39pm.................................................................................................................24
Dormire è un po’ morire................................................................................................................24
June 4th, 2005 9.04pm...................................................................................................................24
Le vite degli altri............................................................................................................................24
2 Responses to “Le vite degli altri”...........................................................................................24
June 5th, 2005 6.37pm...................................................................................................................25
Un aiuto per farsi ammazzare?......................................................................................................25
June 5th, 2005 10.53pm.................................................................................................................25
It’s electric......................................................................................................................................25
June 8th, 2005 1.20am...................................................................................................................25
Tonight, I’m a rock ‘n’ roll star blogstar........................................................................................25
2 Responses to “Tonight, I’m a rock ‘n’ roll star blogstar.”......................................................26
June 8th, 2005 2.37pm...................................................................................................................26
Fame...............................................................................................................................................26
June 8th, 2005 6.00pm...................................................................................................................27
I miei ricordi, il passato che si affaccia..........................................................................................27
June 8th, 2005 6.05pm...................................................................................................................27
18 novembre 2003, 23.50, casa/letto.............................................................................................27
June 9th, 2005 2.00pm...................................................................................................................27
June 10th, 2005 1.30pm.................................................................................................................28
3 buoni motivi per NON suicidarsi................................................................................................28
7 Responses to “3 buoni motivi per NON suicidarsi.”..............................................................28
June 11th, 2005 5.48pm.................................................................................................................29
Link2me (and win prize!).........................................................................................................29
June 12th, 2005 3.27pm.................................................................................................................29
La spesa del sabato pomeriggio.....................................................................................................29
June 12th, 2005 6.20pm.................................................................................................................30
Il vizio............................................................................................................................................30
June 13th, 2005 8.30pm.................................................................................................................30
30 Gennaio 2000, 14.17.................................................................................................................30
June 14th, 2005 8.30am.................................................................................................................31
1 Giugno 2000...............................................................................................................................31
Un giorno perfetto..........................................................................................................................32
June 19th, 2005 8.30am.................................................................................................................32
Un giorno perfetto (I).....................................................................................................................32

June 20th, 2005 9.27am.................................................................................................................34
-1!...................................................................................................................................................34
June 20th, 2005 3.12pm.................................................................................................................36
Rispondendo a Iaia/Heli.................................................................................................................36
June 21st, 2005 11.04am................................................................................................................38
Passi di bimbo................................................................................................................................38
June 22nd, 2005 4.49am................................................................................................................38
Un giorno perfetto (II)...................................................................................................................38
June 23rd, 2005 11.52pm...............................................................................................................39
Almost gone...................................................................................................................................39
2 Responses to “Almost gone.”.................................................................................................39
June 24th, 2005 8.04pm.................................................................................................................40
Provate a farlo a me, e vi uccido....................................................................................................40
One Response to “Provate a farlo a me, e vi uccido.”..............................................................40
June 26th, 2005 5.48am.................................................................................................................40
Sopralluogo....................................................................................................................................40
45 Responses to “Sopralluogo.”................................................................................................41
June 27th, 2005 11.47am...............................................................................................................51
Posta: sono un cazzaro?.................................................................................................................51
June 27th, 2005 11.55am...............................................................................................................52
Posta: il mio posto nella vita..........................................................................................................52
2 Responses to “Posta: il mio posto nella vita.”........................................................................53
June 27th, 2005 12.11pm...............................................................................................................54
Posta: HIV+?..................................................................................................................................54
4 Responses to “Posta: HIV+?”................................................................................................55
June 27th, 2005 1.20pm.................................................................................................................55
Cambio EMAIL!............................................................................................................................55
June 27th, 2005 1.20pm.................................................................................................................55
June 27th, 2005 4.15pm.................................................................................................................56
Posta: poi il mitomane sono io…...................................................................................................56
June 28th, 2005 1.56am.................................................................................................................57
Franco............................................................................................................................................57
16 Responses to “Franco.”........................................................................................................57
June 28th, 2005 8.41pm.................................................................................................................59
Posta: varie.....................................................................................................................................59
15 Responses to “Posta: varie”.................................................................................................61
June 30th, 2005 9.20pm.................................................................................................................64
Dedicato a TheSwon......................................................................................................................64
29 Responses to “Dedicato a TheSwon”...................................................................................65
June 30th, 2005 9.49pm.................................................................................................................69
Posta: varie (II)..............................................................................................................................69
9 Responses to “Posta: varie (II)”.............................................................................................70
July 1st, 2005 8.45pm....................................................................................................................72
Stanchezza.....................................................................................................................................72
30 Responses to “Stanchezza.”.................................................................................................73
July 7th, 2005 1.54am....................................................................................................................78
Malinconia a 4.99euro...................................................................................................................78
14 Responses to “Malinconia a 4.99euro”................................................................................79
July 8th, 2005 12.58am..................................................................................................................81
Narrativa, Isabella Santacroce.......................................................................................................81
July 9th, 2005 2.51pm....................................................................................................................81
Piano di riserva..............................................................................................................................81

41 Responses to “Piano di riserva.”..........................................................................................82
July 11th, 2005 10.00am................................................................................................................86
Chi sono davvero...........................................................................................................................86
159 Responses to “Chi sono davvero.”.....................................................................................87
July 12th, 2005 8.00am................................................................................................................103
La 25esima ora.............................................................................................................................103
494 Responses to “La 25esima ora.”.......................................................................................103
July 15th, 2005 3.01am................................................................................................................170
22 giugno 2002, 11.30, in un bar/caffetteria di Bologna.............................................................170
11 Responses to “22 giugno 2002, 11.30, in un bar/caffetteria di Bologna”..........................171
July 15th, 2005 3.02am................................................................................................................172
26 giugno 2002, 23.56.................................................................................................................172
590 Responses to “26 giugno 2002, 23.56”............................................................................173
July 20th, 2005 8.00am................................................................................................................264
Per OD.........................................................................................................................................264
One Response to “Per OD”.....................................................................................................264
11/7/2005 (blog.weow.org)..........................................................................................................265
This is the end, my friend........................................................................................................265
12/7/2005 (blog.weow.org)..........................................................................................................265
My last words..........................................................................................................................265
July 30th, 2005 12.08pm..............................................................................................................267
Da OD..........................................................................................................................................267
66 Responses to “Da OD”.......................................................................................................267
September 3rd, 2005....................................................................................................................274
Da OD..........................................................................................................................................274
La sedia sul ponte di Ciro Eugenio Milani..................................................................................281
La fine di Ciro Eugenio Milani........................................................................................................282
Author
Luca K., 26 anni, hinterland di Milano. Da qualche settimana sto progettando il mio suicidio. Potete
scrivermi a primadipartire (chiocciolina) gmail (punto) com. ATTENZIONE, CAMBIO EMAIL: primadipartire
(chiocciolina) thedoghousemail (punto) com.
Pages:
Citazionismo
“non hai piu l’istinto di soppravvivenza
si usura nel tempo
a usarlo troppo”
[caterina, 2005]
“Abbiamo tutti le nostre cicatrici, signor Angel”
[Angel Heart]
“I regret every single day I ever lived in my life
I gave all I had in me… so it’s time to say Goodbye”
[Farewell, Sentenced]
“Una finta, nella finta, nella finta”
[Dune, Frank Herbert]
“Vorrei una discotecalabirinto
bianca, senza luci colorate”

[Discolabirinto, Subsonica]
“Let the Sun dispel the ghosts”
[io, 2000]
“Non ho più un sogno e non ho neanche un sei
Ma va bene così, anche se va male”
[Zucchero]
Cosa mi perdo?
Un elenco non esaustivo di cose futili che mi perderò.
ï‚·

Il prossimo album dei NIN. Quello appena uscito, With_teeth, è bellissimo. Chissà se il prossimo
sarà ancora meglio.

ï‚·

HHGTTG. Negli Stati Uniti la Guida Galattica per autostoppisti è già nei cinema, in Italia dovrebbe
arrivare a settembre. Troppo tardi per me per vederla.

ï‚·

Politica. Chi vincerà le prossime politiche in Italia? Non lo saprò mai…

Faq
Le domande più frequenti (e le rispettive risposte).
D.: Se lo dici, è perché non vuoi farlo
R.: Questo è un falso mito. C’è chi dice di volerlo fare e poi lo fa davvero. Inoltre, non lo dico alla mia cerchia
di persone che conosco dal vivo ma solo qui sul blog o in chat, dove sono relativamente anonimo.
D.: Ma sei ancora vivo? Non dovevi suicidarti?
R.: La data del mio suicidio sarà il 20 luglio 2005. Se non è ancora il 20 luglio, ebbene sì, sono ancora vivo.
D.: Di dove sei? Dove abiti? Dove abitano i tuoi? Come ti chiami?
R.: Le informazioni che posso divulgare le trovate qui sul blog. Primadipartire (cioè prima del mio suicidio)
non vi dirò troppi dati che possano permettervi di identificarmi. Voglio davvero farlo, non vorrei trovare
spiacevoli ostacoli.
D.: Secondo me non è vero, stai scherzando, il 20 luglio semplicemente smetterai di aggiornare il blog.
Come faccio a capire che non è una buffonata?
R.: Primadipartire metterò online mie precise informazioni (nome e cognome e altri riferimenti). Poi voi
sulle cronache locali potrete sapere se scherzavo o no. Inoltre, anche DOPO il 20 luglio compariranno forse
degli aggiornamenti. (Il programma che uso, WordPress, permette di scrivere in anticipo e pubblicare in una
data successiva).
D.: Dove ti suiciderai? Come lo farai?
R.: Probabilmente saltando da un punto molto in alto e sfracellandomi al suolo. Non posso dare più dettagli
perché non vorrei arrivare lì e trovare qualcuno intenzionato ad impedirmi di fare quello che voglio fare.
D.: Ma non ci pensi alla tua famiglia / ai tuoi amici / ai tuoi parenti / etc?
R.: Si’, ci penso. Ma sono egoista e penso prima a me stesso.
D.: Se tanto ti vuoi suicidare, perché mangi/prendi medicine/etc?

R.: Voglio suicidarmi, ma prima del mio suicidio continuerò a vivere la mia solita vita. Se smettissi di
mangiare o di fare quello che faccio di solito, chi mi sta vicino potrebbe insospettirsi. Inoltre voglio
suicidarmi, non voglio vivere gli ultimi giorni soffrendo per la fame :)
D.: Perché vuoi suicidarti?
R.: In sintesi, non mi piace la mia vita e sono troppo pigro per cambiarla. Una risposta più estesa traspare
chiaramente leggendo questo blog (buona lettura!)
D.: Non c’è nulla che possa farti cambiare idea?
R.: No.
D.: Ma dove sono le donne nude?
R.: Qui non ci sono, prova con google.
Suicide Original Sound Track
Un elenco di canzoni appropriate, che parlano di suicidio o che hanno una musica utile ad entrare nel mood.
Metallica - Fade to black (Ride the lighting, 198x)
Type O Negative - Everyone I love is dead (World Coming Down, 1999)
Sentenced - The rain come falling down (Frozen, 1988)
Papa Roach - Last Resort (Infest?, 200?)
Marilyn Manson - Disassociative (Mechanical Animal, 199?)
Marilyn Manson - The Great White World (Mechanical Animal, 199?)
Radiohead - Everything in its right place (?,?)
The Smith - Please, please, please (?,?)
Manowar - Today is a good day to die (?,?)
The Pixies - (quella canzone che fa da colonna sonora alla scena finale di fight club) (?,?)
Archives
ï‚· July 2005
ï‚· June 2005
ï‚· May 2005
ï‚· April 2005
Categories
 Suicide (65) [ Una categoria è sufficiente ]
ï‚· How-To (8) [ How-To Suicide: suggestions, tips and tricks ]
ï‚· Fiction (5) [ I suicidi in televisione, al cinema, nella letteratura. ]
ï‚· Preparativi (8) [ I miei preparativi al suicidio. ]
ï‚· Riflessioni (24) [ Riflessioni e commenti vari. ]
ï‚· OST (2) [ Suicide Original Soundtrack. ]
ï‚· Ricordi (7) [ Ricordi dal passato. ]
ï‚· GotMail (9) [ La rubrica della posta. ]
ï‚· primadipartire (3) [ Praticamente, tutto questo blog. Su suggerimento di Bruno Ricci. ]
April 18th, 2005 4.26pm
Manifesto
Ecco qui il mio primo post, l’introduzione, il manifesto.

Questo è il diario pubblico di un aspirante suicida.
Un aspirante suicida: perché ormai le idee le ho chiare, so cosa farò e so quando lo farò. Però sono anche un
esibizionista, e così voglio con questo blog condividere un po’ dei miei con chiunque passi di qui.
Sentivi liberi di commentare quello che scrivo, se i commenti non dovessero apparire immediatamente, sarà
perché ho attivato la moderazione per evitare lo spam, ma non farò alcuna censura sul contenuto dei
commenti, purché si mantengano ovviamente nell’ambito di una discussione cortese.
Questo blog non è una istigazione al suicidio. Io, nel pieno possesso delle mie facoltà, scelgo
consapevolmente di suicidarmi. Ma non chiedo né consiglio a nessuno di seguire la mia scelta.
Il suicidio, per come lo penso io, è una scelta intima e personale.
Kids, dont try this at home.
3 Responses to “Manifesto”
1. ---- Says:
July 14th, 2005 at 2:54 am
http://www.emaial.com/Emaial_file/scarica-blog-suicidio-Ciro-%20Eugenio-Milani.doc
2. max Says:
July 19th, 2005 at 9:58 pm
…mah..
3. FORUM FASTWEB Says:
July 19th, 2005 at 11:13 pm
Senza parole..

April 18th, 2005 4.41pm
Contatti?
Se volete chiacchierare con me via email, potete farlo all’indirizzo primadipartire (chiocciolina) gmail
(punto) com.
April 19th, 2005 6.45pm
La leggerezza.
C’è qualcosa di leggero, nel progettare il proprio suicidio.
Sapendo che la mia vita è a termine, che tutto quanto avrà una fine e che sarò io a decidere quando, tutti i
problemi vengono ridimensionati.
I problemi economici per esempio: so per certo che le mie finanze saranno più che sufficienti per
sostentarmi nei prossimi 3 mesi esatti che mi separano dalla partenza… quindi perché preoccuparmi se non
lavoro?
La certezza della morte da anche un senso di impunità. Virtualmente, potrei commettere atti illegali…
perché in ogni caso non arriverei mai al processo.
Cercherò di non approfittarmene.
La tensione di tutti i giorni, lo stress, i rospi da ingoiare diminuiscono: è ancora per poco. O riassumendo in
una semplice frase: “Smetto quando voglio”.
Smetto quando voglio di vivere, smetto quando voglio di soffrire, smetto quando voglio di amare, smetto
quando voglio di esistere.
Anche la salute assume un aspetto secondario. Potrei fumare tre pacchetti di sigarette al giorno: in tre mesi
non farei in tempo a schiattare di tumore. Ammettendo per assurdo che sia una malattia virale, non potrei
mai ammalarmi di AIDS! In tre mesi mica si sviluppa…
Considerando che il mio orizzonte temporale è di 90 giorni, e che dopo non ci sarà più nulla per me, tutto
quello che necessita di più di 90 giorni di sviluppo per me non accadrà mai.
La mia vista non peggiorerà mai. Non mi ammalerò mai di tumore.
In un certo senso, la certezza delle fine è l’inizio dell’immortalità.

April 20th, 2005 6.07pm
Perché?
Ho una visione pessimistica della mia vita. Anche se io preferisco pensare che la mia sia una visione
realistica.
Sono più vicino ai 30anni che ai 20, quindi probabilmente ho già trascorso almeno un terzo della mia
esistenza.
Un terzo della mia vita: il terzo in cui si cresce, si formano le amicizie, si studia, ci si innamora.
Che bilancio posso valutare di questi anni? Un approssimativo “così-così”.
Sono ancora vivo, ho dei familiari che mi vogliono bene, ho un lavoro.
Non ho molti amici, sono single.
Non sono un rottame ma comincio ad accusare un po’ di problemi fisici.
Le cose miglioreranno, in futuro? Sono portato a credere di no.
Se non ho una fidanzata non è perché sono sfigato, ma probabilmente perché ho un carattere
insopportabile, e con l’età non può far altro che peggiorare.
La mia non è la disperazione di chi è stato appena lasciato, e si sente distrutto. La mia è la pacata e lucida
consapevolezza dei miei limiti.
So in quale punto mi trovo ora, e so che non potrò migliorare in futuro, se non di poco.
Accetto questo fatto, e serenamente mi chiedo: sono contento di vivere così? Sono disposto a sopportare lo
sforzo di un cambiamento?
La risposta a entrambe le domande è no.
E la diretta e logica conseguenza di questo è il suicidio, l’affermazione della mia libertà di vivere o di non
vivere.
5 Responses to “Perché?”
1. alberto Says:
July 18th, 2005 at 3:01 am
riposa in pace amico….spero che tu sia con Dio.
2. Luca Says:
July 18th, 2005 at 4:05 pm
la tua storia mi ha sconvolto.
3. frncsc Says:
July 19th, 2005 at 6:42 am
Mi spiace
4. Giovanna Says:
July 19th, 2005 at 7:43 pm
E’ surreale quello che è successo…. ma purtroppo è così.
5. FORUM FASTWEB Says:
July 19th, 2005 at 11:13 pm
Senza parole..

23/4/2005 (blog.weow.org)
L’inutilità.
Filed under:
ï‚· Misc
— Azim @ 7:45 pm
Qualcuno mi ha fatto notare che il mio blog è il classico blog.
Il classico. Oggi mi sono alzato tardi. Oggi ho maldidenti.
Avevo avvisato di avvisarmi se il mio blog fosse diventato così.
E’ diventato così.
Quindi non ha più senso di esistere.
Sciao Sciao!

April 24th, 2005 9.38am
Quando?
Qual è il momento giusto per andarsene?
Voglio andarmene adesso, in questo periodo della mia vita. Voglio andarmene prima che il declino sia
troppo pronunciato.
Perché invecchiare? Non vedo prospettive per il mio futuro, non vedo nulla che non abbia già vissuto.
Il mio futuro è inutile, non ha quindi senso viverlo, meglio quindi andarsene adesso.
Potrei migliorare la mia condizione. Potrei lavorare di più. Potrei migliorare il mio fisico. Potrei curare meglio
la mia salute.
Ma a che pro?
Sono gli stimoli che mi mancano… riuscirei a farlo per qualcun altro ma non per me stesso, quindi tanto vale
non farlo.
Non cambiare, non migliorare, restare uguale a me stesso in questi ultimi giorni, i giorni che mancano,
primadipartire.
April 26th, 2005 5.11pm
Come?
Negli ultimi anni, ho pensato a molte diverse modalità di suicidio.
Alcune tranquille, altre intime, altre spettacolari.
Cominciamo.
Suicidio in diretta.
Ecco un’idea che mi è venuta mesi fa. Una sorta di installazione, un mezzo per esibire il suicidio e
distribuirne la responsabilità. Ecco come funziona.
Il suicida si trova a casa sua, con una una paio di telecamere puntate fisse su di lui. Un sito web è stato
creato appositamente, e mostra l’immagine delle telecamere, permettendo inoltre di interagire con il
suicida tramite chat o simili.
Il suicida è collegato ad un qualche dispositivo (un iniettore automatico, ad esempio) attivabile dal
computer.
Il suicida, fottuto esibizionista, vuole suicidarsi in diretta, e vuole che ci siano persone a guardarlo. Il suicida
vuole suicidarsi qualora ci siano un certo numero di persone X a guardarlo, chessò, 100 persone. Il sito
gestisce tutto: chi si collega può guardare le webcam in stream. Sul sito è specificato chiaramente che al
raggiungimento del 100esimo collegato in contemporanea, l’iniettore farà il suo dovere, ed il suicida morirà.
In questo modo, chi si collega è parte stessa dello spettacolo. Chi è morbosamente curioso di vedere cosa
succeda è egli stesso artefice del suicidio/omicidio.
Insomma, una cosa carina.
Ci sono una serie di problemi tecnici, naturalmente. Prima di tutto, come definire la soglia di visitatori
contemporanei oltre la quale l’iniettore agisce? Ci vuole un numero sufficientemente alto, in modo che il
suicidio non avvenga immediatamente. Ma il numero deve essere NON troppo alto, perché il
suicidio/omicidio avvenga realmente.
Nel caso il sito abbia una certa pubblicità si rischierebbe in un sovraccarico, il conosciuto /. effect, e questo
sarebbe in qualche modo da prevenire.
Inoltre, dal punto di vista tecnico, bisogna trovare una soluzione per cui non sia possibile “imbrogliare”, le
persone collegate devono essere vere persone che stanno realmente guardando.
Altro aspetto da non sottovalutare e quello legale: la sede del suicida NON deve essere conosciuta, per
prevenire l’intervento delle forze dell’ordine (non so quanto sia legale un sito del genere).
A seguire, altre modalità…

May 2nd, 2005 ??
Ultimi giorni
Passeggiavo per strada, il sole caldo sulla pelle, l’odore di erba tagliata da poco.
Continuo a vivere ogni giorno con la leggerezza che deriva dal sapere che tutto questo, presto, finirà.
Mi sento un po’ come negli ultimi giorni di naja, o negli ultimi giorni di scuola.
Mancano meno di tre mesi e poi ci saranno le vacanze, 79 giorni all’alba e riceverò il congedo.
Per sempre.
Con questa serenità continuo ad andare avanti, nelle mie giornate, facendo quello che faccio di solito.
Lavorando, uscendo con gli amici, come se nulla fosse, come se tutto fosse eterno.
Ma dentro me covo la consapevolezza, quella consapevolezza che mi da la forza per andare avanti.
Non sono ancora giunto al punto-di-non-ritorno. Quello che sto facendo in questi giorni è ancora reversibile.
Sono in fase progettuale, stilo l’elenco delle cose da fare, gli oggetti da restituire, le cose da ordinare, le
bollette da pagare, i fogli da cancellare.
Poi inizierà la fase operativa, e con quella, attraverserò la soglia dell’inevitabile, il punto di non ritorno, la
cancellazione e la pulizia delle mie cose, primadipartire.
May 2nd, 2005 ??
Seconda ipotesi sul come.
How to suicide, parte seconda.
Morte spettacolare in treno.
Questo è un po’ complicato. Necessita prontezza di riflessi, determinazione e un po’ di pianificazione.
Andate un po’ in giro in treno, e trovate una linea a doppio binario. Guardatevi un po’ le coincidenze e
cercate di memorizzare quando il vostro treno incrocia un treno proveniente in direzione opposta.
Quindi, […]
May 3rd, 2005 ??
Always crashing in the same car.
Altra modalità pittoresca, che solleva però qualche dubbio.
Incidente automobilistico.
Ogni weekend qualcuno muore a causa di incidenti automobilistici. Tipicamente il sabato notte, un po’
ubriachi e un po’ sballati, con la macchina fiondata contro un platano o contro un pilone autostradale.
Perché non usare la stessa metologia per suicidarsi?
Cercate un punto comodo dove farlo, evitate i fossi […]
May 6th, 2005 ??
Canzoni…
Fade to Black-Metallica
Life it seems to fade away
Drifting further everyday
Getting lost within myself
Nothing matters no one else
I have lost the will to live
Simply nothing more to give

There is nothing more for me
Need the end to set me free
Things not what they used to be
Missing one inside of me
Deathly loss this can't be real
Cannot stand this hell I feel
Emptiness is filling me
To the point of agony
Growing darkness taking dawn
I was me but now, he's gone
No one but me can save myself, but its too late
Now I can't think, think why I should even try
Yesterday seems as though it never existed
Death greets me warm, now I will just say goodbye
Goodbye
May 8th, 2005 11.33pm
Un sacco di cose da fare…
Primadipartire, ho un sacco di cose da fare.
Ci sono cose che non voglio vengano trovare, e quindi dovrò provvedere a distruggerle.
Pare stupido, in effetti. Dopo che sarò partito, qualsiasi cosa succeda sarà ininfluente per me. Quindi ad
esempio chi se ne frega se lascio la casa in disordine, il bucato da stendere e debiti da pagare?
Però oltre alla tristezza che lascerò dietro di me, vorrei lasciare le cose in ordine, sistemate. Insomma,
qualcuno dovrà venire a ripulire casa mia e credo sia una cosa carina lasciare tutto quanto in ordine e già
inscatolato.
Tornando all’argomento principale, ci sono cose che non voglio vengano trovate. Numeri di telefono. Riviste
di dubbio gusto. E anche alcuni dei miei scritti.
Già che ci sono, penso che eliminerò la quasi totalità dei miei scritti, operando una sorta di censura su
quello che verrà trovato di mio.
Cose da distruggere: i miei piccoli moleskine neri, i quaderni di appunti, la quasi totalità delle riviste in giro
per casa, i fogli sparsi, i pacchetti di sigarette, i cd-rom masterizzati, gli hard disk dei computer, le fotografie,
le scatole di roba varia, le bottiglie vuote.
Cose da sistemare: i vestiti, le stoviglie, i libri in appositi scatoloni, i documenti fiscali, le ricevute di
pagamento, gli estremi bancari e delle varie utenze, il contratto di affitto.
Devo comprarmi uno shredder, un coso per distruggere i documenti, meglio di quelli che fanno i fogli a
‘quadratini’ (confetti) che non a striscine. E magari devo trovare anche un qualcosa per distruggere i cd/dvd.
May 10th, 2005 9.31am
Quello che sono, quello che vorrei essere
Con il passare del tempo, si è creata una differenza tra quello che sono, quello che vorrei essere e quello
che sarei potuto essere. Idealmente vorrei che le prime due immagini mentali di me coincidessero: vorrei
che quello che sono sia identico a quello che vorrei essere.
Purtroppo non è così, e purtroppo le due immagini viaggiano su rette divergenti: il mio operato tende ad
allontare quello che sono da quello che vorrei essere.
Questo mi crea non poche crisi: vorrei essere diverso, ma la pigrizia mi impedisce di cambiare, in un circolo
vizioso. Più la distanza aumenta, meno volontà ho di cambiare, più allontano quello che sono da quello che
vorrei essere.

Non riesco a vedere una soluzione, probabilmente proprio per il fatto di essere legato, invischiato dalla mia
pigrizia e da una sorta di rassegnazione nichilista: non sono quello che vorrei essere e cambiare costa
troppo, in termini energetici. Quindi neppure mi sforzo di cambiare.
La soluzione migliore a questo punto sarebbe modificare le mie aspettative. Se non posso/non riesco a
modificare quello che sono per renderlo vicino a quello che vorrei essere, dovrei modificare quello che
vorrei essere per avvicinarlo a quello che sono (una visione Buddista del desiderio). In questo modo, le due
immagini si avvicinerebbero e potrei sentirmi meglio, più appagato.
Ma non riesco a fare neppure questo, non riesco a modificare le mie aspettative.
Ecco quindi in che situazione mi trovo: quello che sono è giorno dopo giorno più diverso da quello che
vorrei essere, questo genera frustrazione, non riesco a trovare un modo per avvicinare le due immagini di
me.
L’unica soluzione sta quindi nella resa incondizionata: accettare la situazione e porre fine alla frustrazione
nell’unico modo possibile, la partenza.
May 10th, 2005 11.20pm
Altra ipotesi sul come: gore.
Un altro suicidio sanguinolento.
Mi piace guidare, mi piacciono le strade senza semafori e senza stop. Mi piace guidare lungo le statali di
notte. Soprattutto, mi piacciono le autostrade.
Proseguire sempre lungo la stessa direzione, per chilometri e chilometri, tranquillo, pacifico.
Mi piacciono gli autogrill, quelli grandi, quelli che si sviluppano a cavallo della strada.
Mi piace fermarmi, salire e vedere le auto correre veloci sotto di me. Vedere i veicoli che si avvicinano e
sfrecciano via, sentirne il dinamismo.
Bene, torniamo all’argomento principale.
I finestroni di tali autogrill in qualche modo dovrebbero aprirsi. Un metodo sanguinolento per suicidarsi
consiste nell’aprire un finestrone e buttarsi di sotto subito prima del passaggio di un autoarticolato.
La caduta in sé non dovrebbe rappresentare un grosso trauma, si tratta di un volo di qualche metro
soltanto. La vera botta arriva quando il tir con i suoi 90kmh di velocità e la sua massa spropositata impatta
contro il tuo corpo.
Anche questo, non è un suicidio facile. Non è facile perché richiede velocità e tempismo (non puoi certo
pensare di restare sul cornicione 5 minuti di seguito ad aspettare che passi un tir: ti blinderebbero subito).
Altro aspetto negativo di questo suicidio è che coinvolge altre persone: è ragionevole pensare che ci
potrebbero essere altre vittime e feriti, a seguito dell’incidente del camion.
Giudizio finale: non consigliato.
(riconosco di avere una forte predisposizione per gli spargimenti di sangue)
May 12th, 2005 11.28pm
Detective in corsia
Non l’ho fatto apposta, ma in questi giorni sto guardando troppa televisione. Mi sono imbattuto, tra l’altro,
in “Detective in Corsia” (Diagnosis Murder) con il celebre Dick Van Dyke.
Trama della serie: il dottor Sloan si trova a ogni puntata circondato da omicidi, che brillantemente risolve
(credo che anche lui meni un po’ sfiga, come la signora Fletcher di Murder, she wrote, la Signora in Giallo).
Qualitativamente è la solita ciofeca, e le trama rivela non poche discrepanze, ma la puntata di oggi era
particolarmente carina.
Un tizio con una malattia incurabile vuole farla finita. Decide quindi di compiere una serie di crimini per
convincere la polizia a farlo secco, così da evitare di suicidarsi.

In una scena, al massimo dell’idiozia, arriva persino a presentarsi con dipinto un bollo in fronte a mo’ di
bersaglio, ed un buco nel suo giubbotto anti-proiettile all’altezza del cuore.
Naturalmente il suo tentativo fallisce miseramente: il figlio del dottore (il poliziotto) lo sparacchia un po’ in
giro evitando organi vitali, e poi lo arresta.
Può essere originale un suicidio del genere, ma è un po’ una vigliaccata. Insomma, significa riconoscere di
non avere la forza di farsi fuori da soli, e per convincere la polizia a farti fuori mentre stan cercando di
catturarti, devi davvero aver fatto qualcosa di grosso (oppure devi vivere a L.A.).
Meglio farsi fuori da soli, suvvia!
May 15th, 2005 3.38am
Andare avanti
Ormai il suicidio rappresenta un pensiero fisso, un’idea ricorrente durante tutta la mia giornata.
Pensare a suicidarmi è diventato così normale che rischio di parlarne con chi mi sta intorno.
“Ehi Luca, a cosa stai pensando?”
“Nulla di particolare, valutavo come suicidarmi”.
Come spiegavo qualche giorno fa, paradossalmente il suicidio mi da la forza per andare avanti ogni giorno.
Non si tratta di una forza impetuosa e dirompente, ma una forza placida e costante, massiccia. La forza
dell’acqua che scava un canyon.
Quando qualcosa non va, quando un lavoro non entra, quando subisco un torto: la consapevolezza del
suicidio mi aiuta. E’ tutto transitorio, è tutto temporaneo. Nel giro di poco tempo non dovrò preoccuparmi
più di nulla.
May 15th, 2005 11.41pm
Cara è la fine, perdonami.
Cara è la fine, Marlene Kuntz
Cara è la fine…ci annusano ormai,
sentono il lezzo del panico che
spruzza in freddi sudori il terrore che c’è.
Non glieli daremo per ungersi dei
nostri mali stillanti le mani avide:
che ci tocchino morti, secchi e gelidi.
Oh, non piangere,
urla piuttosto e
lasciamo di noi un ricordo toccante.
Stringiti a me,
ringhiagli addosso e
poi sparami mentre io sparo a te.
Dieci pistole spianate e dieci
sguardi ruvidi e tesi che puntano qui
dentro l’auto, e la corsa finisce così.
Cara è la fine…perdonami.
Cara è la fine…perdonami.
Oh, non piangere,
urla piuttosto e
lasciamo di noi un ricordo toccante.

Stringiti a me,
ringhiagli addosso e
poi sparami mentre io sparo a te.
Ci vogliono vivi e colpevoli…
ma che vita è una cella? Avremo di più:
quella stella che un giorno mi donasti, lassù.
Oh, non piangere…
2 Responses to “Cara è la fine, perdonami.”
1. biancaneve Says:
May 16th, 2005 at 12:28 am
Ehi bambin…io avevo iniziato il blog intenta a farla finita…..col diazepam…ma poi son qui.
C’è tanta gente adorabile e mi son sentita amata. Per ora resto in questo mondo di merda.
Pensaci anche tu.
Rimani.
Baci
2. primadipartire Says:
May 16th, 2005 at 2:05 pm
Uhm… no, non penso di rimanerci ancora a lungo. Giusto ancora un pochino, ma non troppo.
Come funziona il diazepam? E’ un buon metodo?

May 16th, 2005 8.15pm
Benzodiazepine?
Un commento di Biancaneve mi ha fatto fare alcune ricerche sulle benzodiazepine.
Cominciamo con i fatti:
ï‚· Oral LD50 is 300 - 2000 mg / kg
ï‚· 30% Suicides involve benzodiazepines
[Link], non so quanto attendibile.
Con una LD50 così bassa, come si fa a suicidarsi con le benzodiazepine? Intendo dire: non posso certo
pensare di mangiarmi un etto di pasticche per schiattare!
Immagino si sfrutti l’effetto muscolorilassante e narcotico, probabilmente in una combo a base di:
ï‚·
ï‚·
ï‚·
ï‚·

Antistaminici, da prendere un paio di ore prima, per evitare di vomitare
Benzodiazepine assortite (Valium, Diazepam, etc)
Alcol per potenziarne l’effetto
Sacchetto di plastica in testa, chiuso intorno al collo con nastro adesivo

In pratica: il sacchetto ti fa soffocare ma sei talmente strafatto e addormentato che non ti svegli, e muori
per carenza di ossigeno.
Probabilmente non deve essere malaccio come metodo, ma mi ha sempre dato fastidia l’idea del
soffocamento.
May 16th, 2005 8.56pm
Motorcycle Madness
Sempre per la serie: suicidi pittoreschi.
Ingredienti:
1 motocicletta
1 cavo di acciaio lungo q.b.
2 pali/alberi

Preparazione:
ï‚· trovare due pali o alberi o simili, che si trovino ai lati opposti di una strada;
ï‚· salire in sella alla moto, senza casco e mettersi con la schiena dritta, misurando a che altezza da
terra sia la gola.
 tendere il cavo tra i due pali, facendo sì che sia all’altezza della gola
ï‚· mettere adeguata segnalazione ottica sul cavo, per renderlo ben visibile alle altre persone
Esecuzione:
 salire in sella, prendere adeguata rincorsa in modo da arrivare al cavo con una adeguata velocità
(the faster the better) in modo da impattare (!) contro il cavo con il proprio collo.
Se tutto va come dovrebbe andare, difficilmente potreste raccontare qualcosa dopo l’impatto. Se il cavo
fosse abbastanza sottile e voi abbastanza veloci, forse potrebbe comportarsi come una lama e decapitarvi.
Ma ho qualche dubbio al riguardo.
Più probabilmente, l’urto sarà così forse da danneggiare gravamente il vostro collo e la vostra trachea,
resterete giusto a terra qualche secondo a rantolare prima di morire.
4 Responses to “Motorcycle Madness”
1. doria Says:
May 18th, 2005 at 9:30 am
questo mi fa ricordare un film -brutto- che ho visto e dove solo la scena iniziale si salva: su una nave da
crociera la gente ballava sul ponte. ma due grossi ganci si rompono e lasciano cadere sulla gente un cavo
metallico teso che attraversa la pista e li tagli tutti a metà.. che scena! tutti morti tranne una bambina che era
la piu’ bassa.. )
il metallo taglia..
baci.
2. primadipartire Says:
May 18th, 2005 at 11:03 am
Ricordo pure io qualcosa del genere, ma non ricordo se si trattasse di un film o di un libro. Ti ricordi il titolo del
film?
Attento alle tazze di latte.
3. doria Says:
May 18th, 2005 at 11:25 am
mi sembra che il titolo fosse ghost ship, trama ritrita di fantasmi su una nave, il diavoletto di turno e la
bambina fantasma buono.. (
gran tristezza.. ma quella scena era fatta bene, tanto sangue.. divertente vedere la gente a terra che cerca di
ricomporsi l’intestino.
ma la morte non pare istantanea, credo che avresti qualche secondo per renderti conto che sei tagliato a pezzi
e questo sarebbe una gran sofferenza, seppur breve, non farai mica cosi tu?
il latte non mi va giu.
saluti e baci.
4. primadipartire Says:
May 19th, 2005 at 12:19 am
No, non farò così.
Però magari ti resta qualche secondo di vita se vieni tranciato all’altezza della vita, ma non credo ti resti molta
vita se tagli di netto la testa

May 19th, 2005 12.22am
I dont like the drugs, but…
I can’t fit into this world.
Questo è tendenzialmente il mio problema. Questo mondo non è fatto per me, oppure sono io a non essere
fatto per questo mondo. Non c’è poi molta differenza.

Voglio uscire da questo mondo, come posso farlo?
Le droghe sono una possibilità?
Potrei sbronzarmi ogni sera: riuscirei sicuramente a dormire meglio, e da ubriaco riuscirei tranquillamente a
andare avanti. L’alcol annebbia le sofferenze.
Ma l’alcol è un tunnel, devi bere sempre di più, non risolve i problemi. Tuttalpiù li rinvia, li rimanda. Prima o
poi i problemi devono essere affrontati. E l’alcol non rappresenterebbe altro che un problema in più.
Potrei cercare altre droghe. Potrei farmi in vena di ero. Passare tutto il tempo fuori dall’ufficio strafatto. In
botta. Sempre. Tranquillo. Placido. Rilassato.
Ma gli aghi mi danno fastidio, i buchi sulle braccia, d’estate, sono antiestetici. L’eroina in strada la tagliano
con la peggio merda. Insomma, troppo complicato.
Potrei usare qualche oppiaceo/morfinoide per via orale. Vicodin? Non so se i vari siti che lo vendono negli
States abbiano problemi a spedirmene qui in Europa. Alla fine però non risolverebbe i problemi. Certo, si
evitano i buchi sulle braccia. Da non sottovalutare.
Potrei convincere il mio dottore di essere depresso, ansioso o simili. Chiedergli di prescrivermi qualche
psicofarmaco. Valium? Lexotan? Xanax? Roipnol? Anche questo non dovrebbe essere un problema, ma si
ricade nei casi precedenti. E’ solo un rinviare, un assopire i problemi, non li risolve.
Potrei passare le mie giornate dormendo. Dormendo non avrei problemi. Ma al risveglio? Sarebbero ancora
tutti lì ad aspettarmi.
Ecco perché il suicidio è l’unica vera soluzione.
Manu Says:
May 19th, 2005 at 1:42 am
Spero che tu stia scherzando, che sia solo un gioco, macabro, ma solo un gioco.
Ci sono passata sai?
Non ti piace il mondo? Cambialo e costruiscitelo su misura.
Un abbraccio
1. primadipartire Says:
May 20th, 2005 at 12:34 am
No, manu, non è un gioco (e non credo sia neppure tanto macabro).
Sono consapevole di quello che farò da qui a un paio di mesi.
Sono contento che tu ne stia parlando al passato, e che quindi tu abbia cambiato idea, ma io resto
convinto della mia.
Il mondo non mi piace, io non sono adatto a questo mondo. Me ne sono accorto da anni ormai. E so
che non posso cambiarlo e non posso costruirmi un mondo su misura. O meglio, potrei farlo
calandomi perennemente di LSD…
May 20th, 2005 1.42am
Everyday is exactly the same.
Io so e loro no.
Continuo a vivere la mia vita di ogni giorno. Lavoro, amici, famiglia. Senza modifica alcuna, senza lasciar
trasparire nulla.
Sono circondato da persone e faccio in modo che nessuno si accorga di nulla.
Continuo a rispettare e non rispettare gli orari degli appuntamenti, mi incontro con i soliti amici con la solita
frequenza. Non ho modificato il mio utilizzo della carta di credito. Non faccio nuovi debiti e non ripago quelli
esistenti.
Nella mia testa i piani continuano a delinearsi, a diventare più nitidi, riesco a mettere a fuoco meglio.
Ho già in mente il piano principale e prima di attuarlo farò un paio di controlli, una sorta di test. Ho anche

pensato ad un backup plan, il piano B, da attuarsi nel caso il piano A (principale) non fosse praticabile.
Ho deciso la data, la deadline (mai termine è stato più appropriato) ed intendo rispettarla.
Sarò molto preciso e rigoroso. Piano principale, piano alternativo.
Peccato solo che non potrò dire, come Hannibal, “adoro i piani ben riusciti”. Lo dirà qualcun altro per me.
2 Responses to “Everyday is exactly the same.”
1. alice-julia Says:
May 20th, 2005 at 2:12 am
provo assolutamente la tua stessa sensazione, parecchie e parecchie volte. (julia, ho preso da mirc il blog)
mi sembri un personaggio kafkiano
2. primadipartire Says:
May 21st, 2005 at 1:20 am
Ti sembro un personaggio Kafkiano… lo prendo come un complimento

May 20th, 2005 2.11am
-2!
Wow! Mancano soltanto due mesi alla mia partenza!
E devo ancora preparare gli inviti, scrivere le mie volontà, sistemare i debiti, elencare i crediti… auff… come
sono indietro! (come al solito)
2 Responses to “-2!”
1. alice-julia Says:
May 20th, 2005 at 2:32 am
ho letto molti dei tuoi post. vorrei darti un’idea sul come,perchp ieri pomeriggio in un momento di nichilismo
e di esaltazione ho visto la mia morte,l’ho sentita,l’ho vissuta,sono stata veramente tentata di prendermela.
era mentre riascoltavo un vecchio nastro con delle voci e all’improvviso tutta la vita è venuta a me per morire:
mi ha detto è questo l’attimo, che te ne importa del resto?hai già dato,hai già vissuto. e mi sono vista
completamente circondata di carte e fogli bianchi o scritti, tutto quello che sono insomma: e una copia di un
libro di nietzsche in mano (che è la fine,il totale), e tutto intorno quello che mi ha segnato con la musica alta
volume di Tim Buckley che urla Phantasmagoria in Two o Hallucinations. era così bella che mi ha fatto
rimpiangere di non avere una pistola: mi sarei lasciata sedurre dalla mia padrona per sempre,la morte bella.
purtroppo poi…non ho mai avuto la pistola al momento giusto
2. primadipartire Says:
May 21st, 2005 at 1:19 am
Uhm… quindi il tuo consiglio per me sarebbe di recuperare una pistola?
Non so, troppo incasinato, trovare una pistola, scegliere il calibro giusto… poi se ti spari un colpo in testa lasci
tutto sporco, il sangue da pulire… insomma, e’ un casino, non credi?

May 22nd, 2005 11.47pm
Another Step.
Ho compiuto un altro passo verso la mia partenza.
Oltre ad aver deciso di eliminare la quasi totalità delle mie cose, dei miei scritti, delle mie fotografie, dei
miei giornali, ho anche deciso di lasciare qualcosa di scritto alla mia famiglia ed a pochi intimi.
Ho comprato un nuovo quaderno, ho preso un Moleskine Japanese grande. Voglio scrivere la classica
’suicidal note’, solo in una forma un po’ più estesa. Voglio che la mia famiglia sappia che la mia non è una
decisione di sofferenza ma una decisione di gioia, voglio che sappiano che è qualcosa a cui penso da molto
tempo e voglio che sappiano che non avrebbero (non potranno?) far nulla per evitarlo.
Ora, i problemi pratici. Il Japanese-style photoalbum ha le pagine incollate insieme a fisarmonica. Sto
cercando di capire in che modo vada compilato… sapendo che in giappone scrivono da destra a sinistra,
probabilmente il photoalbum andrà scritto nella stessa maniera.
Probabilmente verrà fuori un pastrocchio nippo-italiano. Un po’ come la Arna.

7 Responses to “Another Step.”
1. doria Says:
May 23rd, 2005 at 1:04 pm
ma è questo il tuo ’suicidal note’..
2. primadipartire Says:
May 23rd, 2005 at 1:15 pm
Come in ogni festa che si rispetti, c’è il dance floor con il rinfresco aperto a tutti, e c’è il privée per i pochi
intimi.
Il photoalbum è il mio privée. L’elenco delle utenze attive, i dati bancari, i saluti particolari, qualche fotografia:
sono elementi che non posso pubblicare qui.
Poi si sa, i genitori non sempre hanno un grosso feeling con la tecnologia
3. alice-julia Says:
May 23rd, 2005 at 2:14 pm
e cmq chi troppo ne parla finisce per esorcizzare.
ps perchè non proponi anche una sezione video con i tuoi tentativi e/o preparativi di suicidio?
4. Bri Says:
May 23rd, 2005 at 4:25 pm
Pure io voglio i dati bancari O_O Dai dai dai. Prelevo qualcosina solo per il….gelato! ( x ) :P
5. primadipartire Says:
May 24th, 2005 at 1:15 am
Risposta ad alice-julia.
Non preparo una sezione video per una serie di motivi. Fare dei video richiede molto più tempo che non
scrivere su questo blog (filmare, editare, modificare, encodare). Inoltre, fare dei video in cui spiego come mi
preparo al suicidio rischierebbe di rendermi riconoscibile, e se venissi riconosciuto da qualcuno a me vicino
probabilmente questo renderebbe il mio suicidio più difficile.
Infine, sono presuntuoso: non credo che farò dei tentativi di suicidio, credo che lo farò e basta (spero di
riuscirci al primo colpo).
Riposta per Bri.
Sogna! I miei dati bancari miei sono!
6. alice-julia Says:
May 25th, 2005 at 4:40 pm
beh…questi sono più o meno pseudo tentativi di suicidio quotidiano
7. primadipartire Says:
May 25th, 2005 at 11:20 pm
Sono i preparativi

May 23rd, 2005 5.24pm
L’ultimo pasto.
Ci sono cose che devo fare primadipartire, come ho già scritto in qualche post precedente. Sistemare casa,
distruggere della roba, restituire altro, pareggiare i conti.
Ci sono cose che penso vorrei fare, primadipartire.
Un po’ come l’ultimo pasto di un condannato a morte.
Un po’ come l’elenco cosa mi perdo qui a fianco.
Vorrei andare all’estero, visitare il Giappone e il Nevada(US). Ci sono dei libri che vorrei leggere o finire di
leggere. Ci sono dei concerti ai quali vorrei andare. Come nella canzone di Jovanotti, “e voglio un casco di
panna montana e me lo voglio poi mettere in testa e poi mangiare la panna montana, mangiarla tutta fin
quanta ne resta”.
Ma poi mi chiedo che senso abbia.
Che senso avrebbe visitare Rippongi o Shibuja, quando dopo pochi giorni tutti i miei ricordi verrebbero
cancellati? A che pro andare a cena da Gualtero Marchesi, per ricordarlo solo pochi giorni?
Le azioni hanno significato quando lasciano un’impronta. La mia gita a Chiba che impronta lascerebbe?
Nulla, se non il ricordo dentro di me.
Ma sarebbe un ricordo di breve durata, data la mia imminente partenza.
9 Responses to “L’ultimo pasto.”
1. Bri Says:
May 23rd, 2005 at 6:55 pm

Sai che sfiga se dovesse cadere l’aereo ? O_O
2. alice-julia Says:
May 23rd, 2005 at 8:35 pm
non ho mai creduto alla storia del battito d’ali di farfalla che muove la terra dall’altro lato del mondo, però
davvero magari marchesi conserverebbe un ricordo e ai giapponesi cambierebbe la vita …
3. primadipartire Says:
May 24th, 2005 at 1:28 am
Risposta per Bri.
Già, sarebbe proprio una bella sfiga. L’unica cosa positiva sarebbe che i miei riscatterebbero il premio della
mia polizza vita, in questo caso.
Risposta per alice-julia.
La teoria matematica del chaos è una teoria accettata, ma non credo di riuscire ad influenzare così tanto la
popolazione Giapponese.
Di certo c’è qualche film in cui si parla di coincidenze, di piccoli eventi insignificanti che cambiano la vita alle
persone. Per esempio Sliding Doors, oppure Magnolia con trame diverse che si intrecciano intorno ad eventi
chiave.
Se vogliamo però parlare di un film interamente basato su una serie di coincidenze, vi consiglio la visione di
Donnie Darko.
Donnie: Why do you wear that stupid bunny suit?
Frank: Why are you wearing that stupid man suit?
4. gilda Says:
May 24th, 2005 at 1:44 am
suicidati dai, che non se ne può più di questo blog inutile
5. g.carlo Says:
May 24th, 2005 at 1:48 am
Il solito blog velleitario, il solito scrittore fallito, il solito pretesto che vorrebbe essere ‘forte’ e cade nel
ridicolo…
tanto fumo e niente arrosto, al solito
6. primadipartire Says:
May 24th, 2005 at 8:23 am
Risposta a gilda e g.carlo.
Nessuno vi obbliga a leggere questo blog. Se non vi piace, il mondo là fuori è pieno di siti più interessanti del
mio.
Però ripassate tra un paio di mesi.
7. Bri Says:
May 24th, 2005 at 8:03 pm
Intanto resterete incollati a questo Blog fino alla fine!!!IPOCRITI !!!
8. fra Says:
May 29th, 2005 at 7:44 pm
anche io quando penso al suicidio (non ho intenzione di arrivare oltre luglio) penso di dover fare alcune cose
prima, un tatuaggio, un viaggio, dire cose che persone avrebbero dovuto sapere da troppo tempo. ma poi mi
fermo e penso che molte di queste cose sono inutili. il tatuaggio, il viaggio, nn hanno senso visto che tra non
molto tutto svanira. “sarà stato per provare” e allora ci sarebbero troppe cose da provare per morire così
presto ed io nn ce la faccio ad aspettare cosi tanto.
9. primadipartire Says:
May 29th, 2005 at 9:31 pm
Esattamente. Che ti frega di farti un tatuaggio se lo ‘indosserai’ giusto per qualche giorno?

May 23rd, 2005 5.24pm
Bugie.
Oggi ero in ufficio e discutevo di lavoro con i collegi. Abbiamo buttato giù un po’ di pianificazione a mediolungo termine (le stime di lavoro per i prossimi 6/12 mesi).
Ho dovuto mentire, ho partecipato alla programmazione, naturalmente non ho menzionato quel piccolo
dettaglio, il fatto che tra due mesi già non ci sarò più.
Comincio a sentire l’approssimarsi della data, comincio a vederla materializzare in aria, comincio a capire
che tutto sta per finire.
Guardo una promozione in televisione e penso: non farò in tempo a raccogliere i bollini.
Vedo i trailer di alcuni film e penso: non farò in tempo a vederli al cinema.

I progetti a medio e lungo termine stanno svanendo e perdono importanza, la data si avvicina.
Mi sento sollevato, anche se naturalmente ho un po’ paura.
10 Responses to “Bugie.”
1. alice-julia Says:
May 25th, 2005 at 8:01 pm
perchè invece di progettare non fai il giro del mondo?
2. primadipartire Says:
May 25th, 2005 at 11:20 pm
Invece che progettare il lavoro con i miei colleghi o invece di progettare il mio suicidio?
Beh, per esempio, non faccio il giro del mondo perché non ho denaro a sufficienza per fare il giro del mondo,
perché sono troppo viziato e non sarei capace di vivere alla giornata dormendo dove capita, perché mi piace
indossare biancheria pulita, perché ho qualche piccolo fastidio medico che mi obbliga a prendere alcuni
farmaci (altrimenti la mia qualità della vita scadrebbe).
E soprattutto, a che pro fare il giro del mondo? Fare il giro del mondo in alternativa al suicidio? Oppure prima
del suicidio?
3. doria Says:
May 26th, 2005 at 9:26 am
..ma come, prendi delle medicine..? suona strano sai..
4. primadipartire Says:
May 26th, 2005 at 11:12 pm
Che c’é di strano nel prendere medicine?
5. doria Says:
May 27th, 2005 at 11:24 am
ma come che c’è di strano?
sei qua a descrivere la tua futura agognata morte e poi ti curi i malanni? scusa, suona strano! tutto qui
6. primadipartire Says:
May 27th, 2005 at 2:26 pm
Attendo che arrivi la data del mio suicidio, ma nel frattempo non voglio vivere nella sofferenza
Quindi mangio, mi curo, mi lavo, prendo le medicine che devo prendere quando mi servono, etc etc.
7. doria Says:
May 27th, 2005 at 3:15 pm
capisco.. e in un certo senso condivido. sei simpatico.
8. primadipartire Says:
May 27th, 2005 at 3:45 pm
Almeno quello eheheh
9. stix23 Says:
June 1st, 2005 at 8:59 pm
il grande fratello della morte, ci mancava solo questa pagliacciata, ora abbiamo toccato il fondo : )
10. primadipartire Says:
June 1st, 2005 at 10:01 pm
Oh, tranquillo, c’è sempre di peggio.
Io ho già accantonato l’idea di piazzare una telecamera quando mi suiciderò, non ti preoccupare.

May 26th, 2005 12.38am
Suicidio con 9 volt.
E’ da un po’ che sto pensando a qualche suicidio per mezzo della corrente elettrica. Il migliore che mi è
venuto in mente è il seguente.
Andate in un qualche supermercato o in un negozio di articoli per elettricisti e procuratevi un tester, un
banale multimetro. Credo che possiate trovare qualcosa per meno di 20euro.
Non preoccupatevi della qualità scadente, non vi serve una grossa precisione.
Appena comprato un tester uno dei primi giochi che farete è misurare la resistenza del vostro corpo.
Mettete il selettore del tester su “misura le resistenza”, stringete i puntali tra i pollici e gli indici e leggete:
probabilmente verrà fuori un valore compreso tra 500Kohms e 2Mohms. Naturalmente potrete andare

avanti a misurare la resistenza per ore senza accusare alcun danno: il tester contiene una batteria da 9V e la
pelle offre una resistenza sufficiente a far passare solo una piccola corrente.
Ma cosa succede subito sotto la pelle?
I puntali del tester sono solitamente ben appuntiti (nel caso non lo siano, dateci una limatina). Con un
piccolo sforzo infilzatevi i polpastrelli con i due puntali (uno nel pollice destro, uno del pollice sinistro).
Certo, infilzarsi con dei puntali non è l’esperienza più piacevole del mondo, ma di certo è più facile che non
tagliarsi le vene dei polsi con una lametta. Se tutto va bene, la resistenza del corpo dovrebbe crollare
drasticamente, probabilmente intorno ai 100ohm, e quindi la corrente dovrebbe essere intorno ai 90mA,
sufficienti a interferire con il funzionamento del cuore (e a fermarlo).
Liberamente ispirato da: http://www.darwinawards.com/darwin/darwin1999-50.html
3 Responses to “Suicidio con 9 volt.”
1. fra Says:
May 29th, 2005 at 6:54 pm
c’è di meglio! personalmente ho pensato di suicidarmi con i gas di scarico dell’auto. ti serve solo un buto di
plastica da attaccare alla marmitta per portare dentro l’auto i gas e dello scotch per isolare la macchina. Basta
sedersi in macchina, accellerare e dopo un po ti addormenterai in un dolce sonno dal quale non ti sveglierai
mai più. cosi mi suiciderò appena troverò l’effettivo coraggio, magari in uno di quei giorni più angoscianti degli
altri
2. fra Says:
May 29th, 2005 at 6:55 pm
ah dimenticavo, cmq basta leccarla una pila da 9 volt hai una percentuale del 14% di morire
3. primadipartire Says:
May 29th, 2005 at 9:42 pm
I gas di scarico rappresentano il mio backup plan, nel caso il piano principale non funzioni.
Se pensi di fare una cosa del genere, cerca di farlo in qualche posto tranquillo… non e’ bello risvegliarsi in una
camera iperbarica, grazie a qualche buon samaritano che ti ha ’salvato’.
Riguardo la pila da 9volt… si’, puo’ essere… anche se con il tester dovrebbe essere piu’ sicuro, dato che la
corrente attraverserebbe il petto.
E in ogni caso, non mi fiderei mai a suicidarmi con un metodo con solo il 14% di probabilità di successo

May 27th, 2005 12.36am
Zapping!
Sto facendo un po’ di zapping sulla rete.
Per esempio: un buon elenco di metodi per suicidarsi, ben sintetizzati.
Oppure, qualche poesia.
[update]
Una foto carina, da Flickr.
[update]
Questo blog merita. Molte cose lì dentro potrei averle scritte io. [pezzodimerda.splinder.com – n.d.r.]
May 30th, 2005 11.54am
Another step, again.
Come dicevo qualche giorno fa, ho comprato un quadernetto (un jap photo album, per l’esattezza) da
lasciare come testimonianza delle mie memorie e dei miei pensieri.
Mi sento fiero di me. Dopo giorni di meditazioni e tentennamenti, ieri ho iniziato a scriverlo. Ho compilato
un paio di pagine, con la mia stilografica ed una grafia piuttosto leggibile.
Non è stato facile: scrivere su un quaderno fisico, concreto, sapendo che verrà letto dai miei familiari è
molto più difficile che scriverne qui sul blog. Ma ce l’ho fatta.
Ormai, è tutto in discesa

June 1st, 2005 1.41am
Faq
Ogni tanto vado in chat, sui canali generalisti italiani di IRCNet.
E così chiacchiero un po’, e alcune delle persone con cui chiacchiero passano a volte da qui.
C’è chi capisce la mia scelta. C’è chi dice di capirla. C’è che mi dice “la vita è bella!!”.
C’è chi mi dice:
<lilixxxx> non ci sono giustificazioni a gesti simili
<suicide> ci sono state, ci sono, ci saranno
Io accetto il suicidio come possibile scelta per ogni essere umano. Credo che ogni essere umano abbia il
diritto alla vita ed abbia anche il diritto alla sua morte.
Farò (molto)soffrire delle persone (poche) con la mia morte. Ma sono un egoista e metto il mio bene sopra
quello degli altri. Avrò un po’ di rimorso, ma mi suiciderò.
<Lilixxxx> perchè aspetti?visto che ne sei convinto dovresti farlo subito
<Suicide> perche', come ho scritto nel blog, ho delle cose da fare, prima
Devo fare delle cose, mi sento in obbligo di farlo. Mi sento in obbligo di sistemare casa. Mi sento in obbligo
di distruggere alcune lettere, alcune foto, alcune cose.
E poi, le date sono importanti. Ero pronto a suicidarmi, ho deciso di prendermi tre mesi di pausa.
Ho vissuto 26anni, posso sicuramente andare avanti un’altro mese e mezzo. Che fretta c’è?
<xxx> Stai scherzando, vero?
<xxx> Se lo dici significa che non lo fai!
No, non sto scherzando. Lo dico perché sono un fottuto esibizionista. E se avrete la pazienza di ripassare da
qui tra meno di due mesi, scoprirete che è vero.
June 1st, 2005 2.00pm
Tempi moderni.
E’ un periodo curioso, il nostro.
Sarei curioso di sapere come andrà a finire.
Economicamente parlando, per la mia concezione spannometrica dell’economia, l’Europa sta di merda. E sta
di merda da ormai una decina d’anni, dopo la bolla speculativa degli anni ‘90.
Prima o poi, qualcosa succederà, e l’Europa affonderà del tutto oppure avrà un po’ di ripresa.
Insomma, sarebbe curioso vedere “come andrà a finire”.
Siamo nell’era della comunicazione.
10anni fa usavo il mio bel modem per collegarmi a BBS su FidoNet e reti parallele. Chiamavo in
teleselezione. Avevo il mio point. C’erano le aree messaggi in cui si discuteva, e prima di vedere una risposta
ad un tuo messaggio passavano almeno 2 notti.
Una frase che si poteva leggere era “ti rispondo in matrix”. Kudos a chi ricorda cosa significhi.
Ora uso IRC e uso Skype. Chiacchiero con persone in America, in Lituania, in Ucraina, in Italia, in Malesia. E
tutto questo, senza spendere nulla oltre al mio abbonamento a internet. Certo, si perde la dimensione
interpersonale. Sulle BBS eravamo in 4 gatti, ci si poteva incontrare ogni tanto, mentre credo non incontrerò
mai la ragazza sudafricana che ho conosciuto due settimane fa. Però il mondo è più piccolo, ora.
Ho imparato l’inglese (fondamentale). Se non mi suicidassi imparerei anche il russo. Le informazioni
viaggiano più velocemente.
Vorrei conoscere la vita tra diec’anni, ma so che non lo farò.

Viviamo l’innovazione, le nuove frontiere. Il cyberpunk di Gibson si sta trasformando in realtà. Il grande
fratello pure. Vorrei sapere come andrà a finire.
Mi spiace per Tonino Guerra, ma non viviamo nell’era dell’ottimismo. Però vorrei sapere come andrà a
finire.
Bene, per oggi ho scritto abbastanza ovvietà.
2 Responses to “Tempi moderni.”
1. doria Says:
June 1st, 2005 at 3:33 pm
la curiosita’ uccise il gatto.. )
apprezzo questo pensiero, vedi vedi che ancora un po’ e cambi idea circa la tua partenza..?? a presto.
2. primadipartire Says:
June 1st, 2005 at 10:00 pm
Ehehehe.
No, sono curioso, ma in questo caso mi terrò la curiosità. Ne ho anche altre: “come sarà il mondo nel 2100?
potrò downloadarmi il cervello in un computer? arriveranno gli alieni?”.
Ma morirò senza saperlo.

June 2nd, 2005 1.21am
Sintesi perfetta.
Cerco solo la carezza che non mi danno.
No, non è frase mia. L’ho trovata sul blog di Luca.
2 Responses to “Sintesi perfetta.”
1. JosefK Says:
June 2nd, 2005 at 8:20 pm
Abbiamo chattato per una mezz’oretta in chat un paio di giorni fa, leggendo la citazione non ho potuto fare a
meno di pensare queste parole.
_______________________________
Noi viviamo insieme, agiamo e reagiamo gli uni agli altri; ma sempre, in
tutte le circostanze, siamo soli.
I martiri, quando entrano nell’arena, si tengono per mano; ma vengono
crocifissi soli.
Allacciati, gli amanti cercano disperatamente di fondere le loro estasi
isolate in una singola autotrascendenza; invano.
Per la sua stessa natura, ogni spirito incarnato è condannato a soffrire e
godere in solitudine.
Sensazioni,sentimenti,intuiti,fantasie,tutte queste cose sono personali e,
se non per simboli e di seconda mano, incomunicabili.
Aldous Huxley.
_________________________________
Come dire che quella carezza non potrai averla…
Saluti
JosefK
2. primadipartire Says:
June 2nd, 2005 at 8:44 pm
Grazie.

June 4th, 2005 12.39pm
Dormire è un po’ morire.
Remix da una mia email.
Dormire come necessità. Non per ricaricare le energie, non per riposarmi, ma dormire per evitare di
pensare.
Il sonno è una piccola morte, un tentativo di morte. Mentre sto dormendo non ho problemi, nessuna
preoccupazione, nessun turbamento. Solo il tempo che passa.
Ecco perché resto alzato fino a tardi seduto davanti al mio computer. Mentre sto attaccato al computer a
chiacchierare, guardare siti, perdere tempo, sentire la tv non penso a me stesso. A volte è più anestetizzante
della morfina.
Poi ad un certo punto ho troppo sonno, mi si chiudono gli occhi e vado a letto. E crollo addormentato prima
ancora di toccare il cuscino.
Non posso andare letto ad un orario decente. Non posso pensare di andare a letto alle 10 di sera. Il sonno
non verrebbe. Nel letto non avrei distrazioni. Sarei costretto a pensare a me ed alla mia vita, e quel pensiero
sarebbe troppo angosciante.
Ma tutto questo, sarà ancora per poco. I giorni passano, la partenza si avvicina.
June 4th, 2005 9.04pm
Le vite degli altri.
Leggo i blog degli altri. Un’ottima fonte è Technorati, con la sue ricerche nel World Live Web e nei tag dei
blog. Così cerco i miei tag preferiti, suicide, suicidio e simili.
E’ così che ho trovato il blog di Franco, che mi son letto per intero. Oppure il blog di Lena_love.
Poi, dopo aver trovato e letto un blog, leggo i commenti e leggo i link. E da lì come una cavalletta salto da un
blog all’altro, leggo, cannibalizzo.
Da Franco son passato a Luca. Si conoscono, sono amici RL. E così mi son fatto i cazzi loro. Adesso dovrò
leggermi anche il blog di Ciccilla così da appronfondire la conoscenza e capire meglio gli intrecci.
Peccato che il blog di Ciccilla sia scritto con il culo (spreco di lettere ripetute, k al posto di ch, + al posto di
più).
Leggo la vita di altri, mi rifugio nella vita di altri. Mi incuriosco e mi appassiono. Il motivo è sempre lo
stesso: mentre penso alla vita di altri non penso alla mia vita. Posso osservare la vita di altri dall’alto,
pensarci sopra, mettermi dietro una lente e osservare i topolini che cercano l’uscita da un labirinto.
Senza pensare a come uscire dal mio, di labirinto.
2 Responses to “Le vite degli altri”
1. Nella Says:
June 5th, 2005 at 7:38 am
mmm…ok ho letto il tuo blog…cioe’ mi e’ ambiguo…perche prima di partire hai la forza di sistemare tutto…
quindi io mi chiedo come mai non sistemi anche la tua vita…per poter andare avanti…tutto come stai
sistemando per andare via…ho capito che hai una certa paura di andare avanti…paura d’invecchiare, di
soffrire, in poche parole hai paura di affrontare la vita in generale…ma questa paura ce l’abbiamo tutti!
leggendo il tuo blog…ho pensato ma quanta forza deve avere questo per teminare la sua vita…e poi allo
stesso tempo ho pensato…ma e’ un modo scarso per evitare la vita…cioe’ io penso che la vita ci e’ data per
una ragione…e quella ragione la dobbiamo trovare noi e ci facciamo delle ragioni per vivere, obbiettivi da
raggiungere, il challenge di combattere…poi la vita nostra la facciamo noi…nel senso che…we make of life
what we want it to be!…senza darci dei limiti, ne facciamo cio che vogliamo…e tu hai deciso di, in un certo
senso, di abbandonare…boh non so:) cioe’ rispetto la tua decisione, di quanto possa essere la tua vita…ma
nello stesso tempo io penso a quante persone lascierai piangendo la tua morte…oppure quante persone che ti
stanno vicino e che ti vogliono bene, magari saranno arrabbiati…magari sono un ottimista e che nel trascorso

2.

della mia vita ho imparato a dare importanza a tutte le piccolezze della vita e in questo senso tutti i giorni vivo
delle piccole gioie…carpe diem in poche parole:) cmq…non voglio stare qui a farti cambiare idea…e magari
vorrei capire ma certamente non posso fare altro che accettare oltre che capire:) ciau:*
fra Says:
June 6th, 2005 at 12:26 am
cerchi sempre altrove quel ti possa far uscire dal tuo labirinto. inconsciamente tutti speriamo di trovarlo,
anche io, ma sappiamo gia come andrà a finire.

June 5th, 2005 6.37pm
Un aiuto per farsi ammazzare?
Ecco una nuova idea sul come uccidersi.
Metti caso che vuoi ucciderti, metti caso che non hai la forza di farlo e metti caso che hai un po’ di soldi da
buttare via (tanto se ti devi suicidare puoi anche fare qualche debito).
Metti anche che hai qualche contatto con la mala. Oppure metti caso che vivi in un film americano.
Bene, dopo queste premesse, se vuoi suicidarti: assolda un killer professionista.
Lo contatti senza mai farti vedere. Spieghi che vuoi farti uccidere. Concordi un sistema di pagamento. Chiedi
anche che vuoi un omicidio indolore, magari.
E poi aspetti che venga la tua ora.
Vantaggi.
Dato che è un omicidio e non un suicidio, se hai una polizza sulla vita i beneficiari beccheranno gli sghei.
Non ti devi preoccupare di come fare, delle lamette, dei farmaci, etc.
Svantaggi.
Se il killer non ti uccide e si tiene i soldi, difficilmente potrai fargli causa.
June 5th, 2005 10.53pm
It’s electric.
Suicidarsi in mezzo alla natura, in un bel fiume, con i piedi a mollo.
Necessario: una canna in fibra di carbonio (non altri materiali: il carbonio è un ottimo conduttore, non
provate a farlo con una canna di bambù).
Andate in montagna e cercate qualche ruscello. Poi cercate qualche elettrodotto aereo (per i mortali: i fili
dell’alta o media tensione che passano per aria).
Quindi, estendete la vostra canna (compratene una abbastanza lunga, possono arrivare fino ai 14 metri di
lunghezza, pare). Mettetevi con i piedi a mollo nel ruscello. Sollevate la canna e andate a toccare i cavi
dell’alta tensione.
Se tutto va bene, dovreste sentire ZZZAP e poi piu’ nulla, caput, fulminati.
Potete anche cercare di farlo passare per incidente. In questo caso pero’, ricordatevi anche di attaccare una
lenza, alla canna. Difficile credervi pescatori se non vi portate appresso filo e amo.
(Liberamente ispirato da questo articolo del tg5)
June 8th, 2005 1.20am
Tonight, I’m a rock ‘n’ roll star blogstar.
Mi son trovato, con mio sommo piacere, linkato su BlogStars.

Essendo io un fottuto esibizionista sono contento di essere finito in questa directory di BlogStars. E sono
contento di essere lì nella top 30.
Grazie, Bryan!
2 Responses to “Tonight, I’m a rock ‘n’ roll star blogstar.”
1. geslao Says:
June 8th, 2005 at 4:05 pm
Ma come fa un tizio che passa la vita a parlare di se stesso e mostra di considerare interessante ogni pelo che
gli cresce sotto l’ascella a suicidarsi? Ora pure il vantarsi per il fatto di rientrare in una ridicola classifica di
blog! Ma non potresti irrompere nudo in campo durante un derby, come fanno tutti quelli che hanno un
disperato bisogno di farsi notare, invece di cercare un pretesto così squallido?
2. primadipartire Says:
June 8th, 2005 at 4:56 pm
Non passo la vita a parlare di me stesso, questo blog l’ho aperto da meno di due mesi.
Sono un esibizionista, quindi sono contento se mi trovo linkato da qualche parte e se c’è gente che legge
quello che scrivo.
Riguardo l’irrompere nudo in un campo di calcio… non cerco 15minuti di fama al telegiornale di mezza sera.
E il suicidio non è un pretesto per farmi notare: semplicemente dato che dopo morto non scriverò mai più, ne
approfitto adesso che posso.
Tra meno di due mesi, scoprirai che il suicidio non è un pretesto ma la mera verità.

June 8th, 2005 2.37pm
Fame.
Ci ho messo una quindicina di anni per capirlo, ma finalmente ci sono arrivato. Ho scoperto perché sono in
sovrappeso.
Certo, la risposta semplice è: perché mangio troppo e mangio troppe schifezze. Ma perché lo faccio?
Mi sono accorto che mangio compulsivamente. A volte mangio perché ho fame, ma il più delle volte mangio
perché sento che devo farlo, voglio sentire qualcosa in bocca, voglio deglutire e poi ingurgitare qualcos
altro.
Mi da fastidio lasciare qualcosa nel piatto: mi sento obbligato a finire la porzione. E se è rimasto qualcosa in
padella mi sento in obbligo di finire anche quello.
Mi sono accorto che mantengo lo stesso comportamento anche con il fumo: accendo una sigaretta, la fumo
con calma. Poi però dopo 10 minuti ne accendo un’altra. Poi un’altra ancora.
Magari mi fa male la gola, ma non importa. Magari mi fa male la testa ma non importa. Mi siedo un attimo
più comodo e ne fumo un’altra. Mi riprendo un attimo e ne fumo un’altra.
Sì, mi piace anche fumare, così come mi piace mangiare, ma è la compulsività la chiave.
Se non fosse così, potrei mangiare tranquillamente il giusto e fumare tranquillamente il giusto, invece che
rifugiarmi nell’eccesso.
Il peggio poi avviene quando sperimento le combo: gelato, qualcosa da bere per sciacquare la bocca,
sigaretta, qualcosa da bere per sciacquare la bocca, gelato… e così via, fino a che il gelato non finisce, fino a
che il pacchetto di sigarette non finisce.
E meno male che non ho mai imparato a vomitare…

June 8th, 2005 6.00pm
I miei ricordi, il passato che si affaccia.
Da qualche anno sono abituato a prendere appunti su un taccuino. Utilizzo i Moleskine, taccuini neri
semplice, essenziali, eleganti e snob. Ci scrivo sopra i miei pensieri, scarabocchi con cadenza saltuaria.
Ho pensato di riportare qui alcune pagine, in ordine sparso, così come le avevo scritte.
Buona lettura.
June 8th, 2005 6.05pm
18 novembre 2003, 23.50, casa/letto
[nota: questo post è la trascrizione di quanto ho annotato sul mio moleskine il 18 novembre 2003]
Nebbia. Ho girato in macchina fino a Pxxxx. Come sempre la nebbia ovatta la vista e l’udito.
Umidità.
Ed i ricordi che bussano alla porta.
C’era nebbia, nei parcheggi con Mxxxx.
Nebbia dietro al cimitero, con le foto che abbiamo fatto.
Nebbia mentre consumavamo il nostro amore.
NEBBIA.
Irina, 21yo, russa. 25 euro d’amore. Fluido. Rinnego la mia inutile umanità.
Mi rifugio nella sicura sterilità di cinismo e nichilismo.
Prendi ciò che serve.
L’unica regola. Nessuno scopo.
Forse dovrei imparare a guardare oltre la nebbia
Ma non ne trovo il motivo.
Eppure sono sereno, tranquillo. Mi drogo di lavoro, non penso al suicidio, vedo Exxxx.
Ma c’è sempre qualcosa che non va, anche se non so cosa sia.
Forse divento grande, forse divento vecchio, forse ho solo paura dell’ignoto.
Ogni cosa al suo posto. Ogni cosa, ogni cosa, ogni cosa al suo posto. Al suo posto. Al suo posto.
.enomil nu odnaihccus otailgevs onos im irei
June 9th, 2005 2.00pm
24 maggio 2004, 0.55, casa/letto
[nota: questo post è la trascrizione di quanto ho annotato sul mio moleskine il 24 maggio 2004]
Ogni fuga prima o poi ha un termine.
Settimane ad andare a letto sempre più tardi. Stramazzare nelle lenzuola. Dormire pensantemente. Le
fughe non possono essere eterne.
Riprendo coscienza di me. A letto. Sveglio. Con i pensieri che si affacciano.
Pensare a me.
Ho rotto con Nxxxx. Credo che inconsciamente volessi rompere già da un po’.
Quasi senza rendermene conto avevo messo in atto i primi meccanismi di auto-vittimismo.
Ok, abbiamo rotto. Chissà se ci rivedremo più.
[…]
Ora è giunto il sonno.
Sono sempre io. Solo con me stesso. Mi voglio bene.

June 10th, 2005 1.30pm
3 buoni motivi per NON suicidarsi.
A me proprio non vengono in mente, tre buoni motivi per non farlo, quindi invito proprio te che stai
leggendo questo post a dirmi tre buoni motivi.
Magari anche argomentandoli un pochino, magari evitando il banale perché la vita è bella.
La sfida è aperta!
7 Responses to “3 buoni motivi per NON suicidarsi.”
1. Bryan Says:
June 10th, 2005 at 4:07 pm
Il piacere di una risata, il gusto di una buona mangiata, la compagnia di chi ami.
2. fra Says:
June 10th, 2005 at 5:02 pm
ma trovare tre buoni motivi per nn suicidarsi è facile!
1 nella vita ci sono troppe cose che devi fare e hai troppo poco tempo!
2 faresti del male a chi ti è vicino perkè per quanto potra capire la tua decisione ne soffrira’
3 mhmhm la speranza che un giorno qualcosa cambi !
ecco ne ho trovati 3! ma ne conosco 3 milioni per i quali voglio suicidarmi percio’….che te lo dico a fare!
3. Nella Says:
June 10th, 2005 at 5:28 pm
mmm camminare in un bel campo di fiori (senza polline) con una cifra di palloncini in mano e un aquilone che
vola in alto cielo blu, l’odore della salsa fatta dalla mammina la domenica mattina…e la consapevolezza di
essere importante per almeno 1 persona nel mondo!
4. Nella Says:
June 10th, 2005 at 5:32 pm
addirittura 3 milioni…non stai esagerando magari un pochettino assai? eddai se hai 2 gambe, 2 braccia, respiri
cammini, pensi, mangi da solo, ti vesti da solo in poche parole sei autonomo…non ci si puo’ lamentare…se mi
dici…che magari e’ tutto nella testa…bhe li e’ diverso….magari si debba solo essere capace di apprezzare quei
3 buon motivi…per magari dimenticare quei 3 milioni brutti!
5. fra Says:
June 11th, 2005 at 5:35 pm
magari si dovrebbe riuscire ad arrivare a capire quei 3 milioni di motivi per rendersi conto che quei 3 motivi
sono puttanate =)
6. Vicious Says:
June 20th, 2005 at 1:09 am
1. la figa
2. la figa
3. la figa
4. la figa
5. la marijuana
:)
7. primadipartire Says:
June 20th, 2005 at 9:34 am
Risposte.
Bryan e Nella: la visione della felicità nelle cose semplici. Le piccole cose. Apprezzo questo tipo di felicità, ma
nel mio punto di vista è inutile, sbiadita. Le piccole cose non mi fanno sentire meglio.
Fra: sei il solito esagerato, tre milioni! Un po’ come quello che ha promesso 1 milione di posti di lavoro.
Vicious: Yeah!!
8. Tatos Says:
June 27th, 2005 at 6:06 pm
1. per ridere alle spalle di chi ha paura di morire o ama “TROPPO” la vita… e poi muore:) 2. per fare un
dispetto a tutti. 3. x la democrazia… visto che prima o poi tocca a tutti morire… xché rompersi i coglioni

prima… questi sono i miei 3 motivi… ahn… dimenticavo… x non finire in un servizio di studio aperto con la
musica struggente… bleah… che merda di paese… forza emigra… è questo paese di merda che fa venir ste
voglie…
9. sephiroth Says:
July 14th, 2005 at 10:10 pm
conta fino a 3 e schiocca le dita riconta fino a 3 secondi e schiocca le dita ogni 3 secondi muore un bambino si
felice ke tu hai ancora la vita pensa almio amico franco ke si è impiccato e non riesco ancora a capire il perchè
pensa ke sei un suicida e che quello ke farai ora lo rifarai 10000 volte di + nell’aldilà xke sto scrivendo queste
cose se gia te ne sei andato… che la dea altana ti stia vicino
10. Zorba Says:
July 18th, 2005 at 2:58 am
1) Presenziare alla fine del sistema 2) Presenziare all’apocalisse 3) Dare il proprio piccolo contributo al
verificarsi del primo punto, guardare le facce dei coglioni che non s’aspettavano il secondo

June 11th, 2005 5.48pm
Link2me (and win prize!)
Ogni giorno un po’ di persone leggono il mio blog, commentano, sanno quello che faccio.
Magari qualcuno si è pure appassionato ai miei pensieri (non vi preoccupate, finiranno presto).
Così ho pensato di dare un piccolo riconoscimento a chi di voi legge e segue il mio blog. Desiderate avere
una mia foto postuma autografata? Una lametta da barba autentica con due gocce del mio vero sangue
sopra? Bene, ai primi X (10? 20? boh, dipende) di voi che mi risponderanno via email, indicando il proprio
indirizzo invierò personalmente un qualcosa di mio o da me autografato. Sbrigatevi!
7 Responses to “Link2me (and win prize!)”
1. fra Says:
June 11th, 2005 at 5:52 pm
zuhauhzauhzahuazuahauhauhazhuazhuauhuahzahuuah anche io anche io! posso avere una tua foto in
costume da bagno con il fogliettino scritto mccl0ud i love u?
2. Nella Says:
June 12th, 2005 at 6:48 am
bah…cmq a sto punto non la voglio piu!
3. primadipartire Says:
June 13th, 2005 at 10:15 am
per fra: hai un fish-eye da prestarmi per fare la foto? per nella: perché no?
4. fra Says:
June 17th, 2005 at 9:05 pm che è il fish eye?
5. primadipartire Says:
June 20th, 2005 at 9:30 am
per fra: il fish-eye è un tipo particolare di obiettivo, in pratica un grandangolare molto spinto che ti permette
di fare foto con un angolo visuale di 120/180 gradi (spero di non aver scritto una cagata).
6. jacopo Says:
July 15th, 2005 at 10:22 am
sei un coglione

June 12th, 2005 3.27pm
La spesa del sabato pomeriggio.
Ho cominciato a fare la spesa al supermercato preoccupandomi poco della data di scadenza dei prodotti.
Di certo il tonno in scatola scadrà ben oltre la mia partenza, così come i medicinali che uso. Però ho
cominciato a comprare anche altri prodotti, con data di scadenza solitamente più corta, che non scadranno
in tempo.
Il pane in cassetta ad esempio, scadrà a fine luglio.
La pancetta in cubetti il 10 agosto.
L’emmentaler svizzero addirittura a inizio settembre.

Questo mi fa sentire anche più vicino alla partenza, riesco a sentirla sempre più concreta e imminente.
Manca ancora poco.
June 12th, 2005 6.20pm
Il vizio.
Mi dicono:
Perché non pensi a chi muore di fame? Perché non ti rendi conto di essere parte privilegiata del mondo?
Me ne rendo conto. In effetti, non credo che l’Africa abbia un alto tasso di suicidi. Probabilmente le idee
suicide, la depressione, sono figlie della società in cui viviamo. Una società ricca, viziata, in cui non devi
lottare tutto il giorno per ottenere una ciotola di riso. Una società in cui la sopravvivenza non è più il
problema principale (mi riferisco ovviamente alla società in sé, non ai singoli casi di cui è composta).
E quindi nascono nuovi problemi. Noi che siamo abituati a vivere bene ci ammaliamo del male-di-vivere. Io
che so di avere i soldi per comparmi un pacco di pasta e un po’ di passata di pomodoro vivo nei miei
problemi secondari: gli affetti, gli amici, l’amore.
Sono un viziato. Un egoista. Ci sono 4 miliardi di persone che stanno peggio di me, su questo pianeta, ed io
sono così egoista da rinunciare alla mia vita. Già.
Sono così egoista che penso più a me che agli altri, metto la mia felicità prima di quella degli altri.
3 Responses to “Il vizio.”
1. silvia Says:
July 18th, 2005 at 9:59 am
Ormai te ne sei andato….e non puoi immaginare cosa hai lasciato….hai lasciato un vuoto….una
disperazione….il buoio nella vita delle persone che ti amavano….Mi dispiace davvero con il cuore che la vita…
le scelte…le persone…le circostanze….ci portino a gesti estremi…..l’amore….quello che non abbiamo e che
vorremmo….i sentimenti…le emozioni…le persone….le parole…..tutto in una sola….”vita”…..una vita che ci
obbliga ad andare via….Davvero mi dispiace.
2. carl gustav jung Says:
July 18th, 2005 at 5:20 pm AUFWIEDERSEHEN .. CIRO ..
3. Paolo Says:
July 20th, 2005 at 1:21 am
Anke ci ho pensato tante volte, mi dispiace che nn sia riuscito a trovare motivazioni, nn ti consosco, ma mi
mancherai… ciao Paolo

June 13th, 2005 8.30pm
30 Gennaio 2000, 14.17
[nota: questo post è la trascrizione di quanto ho annotato sul mio moleskine il 30 gennaio 2000]
[…]
Dopo cena, uscita notturna in duomo a Milano. Camminando, momenti di scazzo. Da solo, separato dagli
altri. La consapevolezza di essere diverso (ore 21) da loro.
Non ho il loro background. Hanno passato insieme anni e vacanze, si conoscono da anni. Io non sono legato
a loro se non per una parentesi.
Una condanna.
Cosa posso fare? Posso cambiare ancora compagnia, ormai sembra avvicinarsi il momento del distacco.
Potrei cambiare compagnia, restarci un po’… e poi cambiare ancora, in eterno, senza pace senza soluzione.
Non potrò mai trovare una compagnia con il mio background.
Eternally Roaming.
Oppure potrei fermarmi, e costruire.

E’ strano, mi sento più estraneo adesso che non quando li conobbi.
O forse, semplicemente, allora era normale sentirmi estraneo.
One Response to “30 Gennaio 2000, 14.17”
anonomo Says:
July 19th, 2005 at 12:11 pm
prova a farti una nuova vita perche la vita è da creare io ti capisco molte volte sono rimasto/a solo/a. ciao

June 14th, 2005 8.30am
1 Giugno 2000
[nota: questo post è la trascrizione di quanto ho annotato sul mio moleskine il 1 giugno 2000]
Night, late night, and still set in front of a keyboard, a mouse, a screen. Lines of text puking out of the
monitor.
Sadness, paranoid.
No1 loves me, no one’s looking for me. I feel so useless.
Or… or… maybe it’s only a stupid way to gain attention.
“finger di stare male per attirare l’attenzione”.
Dunno who have written that sentence but maybe he could be right.
So… how can I escape out of this shit?
Maybe sleeping more. So few hours in my bed, and there’s the result: the whole world against me: they
hate me… no, no. They dont hate me, things are worse: they just ignore me, me, my sadness, my
lonelyness, my needs of love and attention.
Where’s love? Where the fucking is the girl I love, the girl that loves me?
Probably I’ll die, six feet under, w/o knowing her.
I’ve to wake up from this nightmare. How can I?
Things will become better one day? Maybe, or maybe not.
To live or to die?
To live IS to die, as in a Metallica’s song.
Out, out, I’d better run away from this, try to escape. Find something more exciting than be paranoid on
IRC.
But’s not easy.
Damn.
A song plays around my head. Die by the sword: Slayers. Violence.
June 19th, 2005 5.16am
No, non sono ancora morto.
Per qualche giorno non ho aggiornato il blog,
ma no, non sono ancora morto.
One Response to “No, non sono ancora morto.”
redhead Says:
July 18th, 2005 at 2:47 pm
Ci sono stati momenti in cui mi hai strappato “la penna” di mano e penso che molti ipocriti Repliers che rispondono
con frasi stupide nascondano che in fondo hanno vissuto la tua malinkonia. Mi dispiace molto di come siano andate le
cose ed avrei voluto vedere pagine di felicità sul tuo blog e sulla tua vita. Io non ho mai smesso di speralo per me ma in
questo caso tu sei il mio alter ego con un pizzico di coraggio e pazzia. Stefano76

June 19th, 2005 5.30am

Un giorno perfetto.
Quanto segue mi è stato ispirato da un film, da un libro o da una conversazione avuta con qualcuno, non
ricordo bene
Vorrei vivere un giorno perfetto. Un giorno in cui portare a compimento tutto quello che mi resta da fare.
Un giorno felice, da spendere forse con una persona speciale.
Un giorno perfetto.
Un giorno di gioia, di allegria, di sudore, di estate. Arrivare a sera stanco e felice.
Vorrei vivere un giorno perfetto. Un giorno così perfetto da non necessitare di alcun domani. Un giorno
perfetto da poter concludere con la mia partenza, con un colpo di pistola.
Un giorno così perfetto da sapere che nessun altro giorno potrà essere migliore. Un giorno così perfetto da
rendere la morte l’unica soluzione possibile.
Vorrei vivere un giorno perfetto.
June 19th, 2005 8.30am
Un giorno perfetto (I).
[QUESTO che segue è un post di fiction. E’ un racconto di UN possibile ultimo giorno. Quello che segue NON
è realtà. Il resto dei post SONO realtà, questo è un racconto. (In ogni caso, non c’è nessuna Lara nella mia
vita, sono single)].
La sveglia suona alle 7.30. Mi infastidisce.
La spengo senza accorgemene e continuo a dormire.
Mi sveglio, guardo l’orologio: 8.30. Cazzo, a quest’ora dovrei già essere in ufficio.
Mi alzo con calma, faccio una doccia. Ritardo più, ritardo meno, tantovale presentarsi puliti. Dedico
particolare attenzione alla pettinatura, ci metto pure un po’ di gel.
Per strada mi fermo in un bar a fare colazione. Cappuccino, briosche. Adoro il cappuccino ben fatto e le
briosche fresche di pasticceria. Questa con la crema fresca, poi, è una bomba. Roba da 2000 calorie come
ridere.
Scorro i titoli dei giornali. “Ruini governatore?”. Con una delega del Papa, il cardinale Ruini si candida a
governatore della regione Piemonte. Pronuncio una bestemmia, sperando nell’intervento divino.
Non c’è molta gente del bar, sono in ritardo con la colazione.
Ordino un caffé. Mi siedo su un tavolino all’aperto e mi accendo una sigaretta. JPS argento.
Un tipo vicino alla trentina si avvicina e me ne chiede una, dice che non riesce mai a trovarle le JPS. Questo
pacchetto è l’ultimo di una stecca comprata in Svizzera.
Finisco la sigaretta, pago e vado in ufficio.
Il capo mi guarda storto, mi attacca. “Ti sembra questa l’ora di arrivare? Entro mezzogiorno devi terminare il
lavoro, sei in ritardo e resti a letto a dormire?”.
Io lo guardo con il mio sorriso. Un sorriso infantile, di bimbo che non conosce ancora la vita.
“Mi licenzio. Oggi. Da adesso”. Lo lascio un attimo senza parole.
“No, tu ora finisci il lavoro - il capo - e poi devi dare 2 mesi di preavviso prima di licenziarti, non puoi
andartene così su due piedi”.
“Io mi licenzio da adesso. Trattieni pure due mesi di penale.”. Il big boss diventa rosso in volto. “Ah capo - gli
dico sorridendo - quel lavoro di merda, puoi infilartelo su per il culo”.

Mentre il capo balbetta qualcosa faccio un giro per i cubicoli. Saluto i colleghi, senza lasciar loro il tempo di
farmi domande. Li lascio mentre loro hanno una faccia interrogativa e credono di aver capito male.
Esco dall’ufficio mentre sento il capo che mi minaccia. Mi giro, lo guardo negli occhi. Sorrido e faccio ciao
con la manina.
Vado in riva al fiume dove ho appuntamento con Lara.
Lei non c’è. In ritardo come al solito.
Accendo un altra sigaretta, le mando un sms sul cellulare. Aspiro felice la mia JPS argento.
Sulla panchina di lato alla mia un tipo vestito di nero sta leggendo un libro, è qualcosa di Pennac. Ogni tanto
con una matita scrive qualche nota a margine e scuote la testa.
Un paio di canoe sono in acqua, dei ragazzi si stanno allenando. Si sente fino a qui, il loro impegno.
Sono ormai le 11 passate quando Lara arriva. Pare felice, sorride.
Mi salta in grembo e mi fa un sacco di fusa, neanche fosse una gatta. Mi ruba di bocca la JPS che mi ero
appena acceso, ed io ne sfilo un’altra dal pacchetto.
Una pianta ci fa un po’ d’ombra. Restiamo lì sulla panchina fino a ora di pranzo. Ho prenotato qui vicino, un
ristorante con cucina tradizionale.
Ho voglia di mangiare quello che mi cucinava mia nonna.
Dopo pranzo, come da accordi, andiamo a girovagare per Milano. Compro due libri da un paio di venditori
senegalesi, libri che non leggerò mai.
Ci sediamo in terra ai lati del Duomo. Osserviamo le persone passare.
Lara mi infila una lingua nell’orecchio. La guardo negli occhi e li vedo lucidi.
Una lacrima cade.
“Sciocchina, non piangere”.
Ci abbracciamo stretti che mi manca quasi il fiato. Preme i suoi seni su di me. Singhiozza.
Le do il tempo di riprendersi, cerco di dirle qualcosa di dolce, cerco di farla ridere.
Un tipo buffo continua sta filmando i piccioni in piazza Duomo. Penso io, con tutto quello che c’è in piazza
Duomo, si mette a filmare i piccioni. Poi gira l’obiettivo verso di noi, quando lo guardo con aria torva fa un
cenno come per scusarsi, e si mette a filmare altrove.
Ricominciamo a passeggiare per il centro di Milano, poi decidiamo di pranzare da Burger King. Douple
Whopper with Cheese.
Povera Lara, puzzerò di cipolla per tutta la sera. Lei prende qualcosa di più leggero.
Passando per la metro torniamo alla macchina. Andiamo in un motel di Monza, inaugurato da qualche
mese. Non ci sono mai stato qui, e Lara non è mai stata in un motel.
Le stanze sono pulitissime, spaziose. Aria condizionata, tv e frigobar.
Io vado in bagno, provo a lavarmi i denti con lo spazzolino gentilmente offerto dal Motel. Lara fa zapping e
trova un paio di canali porno. Sento qualche esclamazione di stupore da parte sua.
Mi raggiunge nel bagno. Mentre la vasca idromassaggio si riempie cominciamo a spogliarci e a baciarci. “Ti
sei lavato i denti per niente - la mia piccola Lara - continui a puzzare di cipolla.”. Continua a baciarmi. E’ tutto
così dolce, così lento, così calmo.

L’acqua calda mi rilassa. Chiudo gli occhi. Sento il suo corpo stretto addosso al mio, in un abbraccio che
vuole essere eterno. Dopo essere stati lì dentro abbastanza da avere le mani come spugne usciamo, ci
asciughiamo e ci buttiamo sul letto.
Facciamo l’amore nel modo più lento possibile. Ad un certo punto lei comincia a singhiozzare, a piangere.
Lara sa.
Non mi sento in grado di consolarla. Mi metto a piangere anche io mentre continuiamo a fare l’amore.
Dopo, restiamo nel letto a farci le coccole. Prendiamo qualcosa dal frigobar. Lara mi ha fatto una sorpresa:
ha recuperato dell’erba.
Fumiamo una canna. Dopo non so quanto tempo ci rivestiamo e usciamo.
Pago il motel e riaccompagno Lara a casa. E’ turbata. Non dice una parola per tutto il viaggio. Quando ormai
è il tempo di scendere dalla macchina, soltanto due parole. “Sei sicuro?”.
“Sì.”, mentre la guardo con il mio sguardo che sa di inevitabile. Scende dalla macchina.
“Ti amerò per sempre”, mi dice mentre nasconde a fatica le lacrime.
Sdrammatizzo: “Ti amerò fino alla mia morte. Non molto quindi.”.
Non finisco la frase che lei è già in casa.
Torno a viaggiare in auto. Solo come lo sono sempre stato nella mia vita.
Vado dove ho deciso che voglio andarmente. Agirò come prestabilito.
Una morte veloce e indolore, il degno finale di un giorno perfetto.
June 20th, 2005 9.27am
-1!
Meno uno. Ovvero manca soltanto un mese alla mia partenza da questo simpatico pianeta.
In altre parole, manca soltanto un mese al mio suicidio.
In altre parole, se non l’aveste ancora capito, il 21 luglio 2005 io non sarò più.
11 Responses to “-1!”
1. Iaia Says:
June 20th, 2005 at 1:00 pm
caro signor viaggiatore,ho letto le tue righe e devo dire che più che le parole di un aspirante suicida mi sono
sembrate quelle di un uomo annoiato dalla routine quotidiana…un uomo con molta intelligenza ma
soprattutto con enorme creatività…mettere su un blog di internet lo scorrere dei propri giorni e fare in un
certo senso un conto alla rovescia della propria morte… sembra proprio una trovata pubblicitaria..un macabro
gioco che..mi fa rabbrividire al sol pensiero… chiedere poi di trovare tre buoni motivi per rimanere in vita…
ecco un’altro punto che non mi quadra del signor viaggiatore… sarà forse un modo per attirar su di se ancora
più attenzione?..perchè si sa…quando alla gente si chiede di “convincere” in qualche modo qualcuno… si
riscuote sempre grandissimo successo figuriamoci poi che allegria se qualcuno (cosa che dubito accadrà,
altrimenti il gioco finirà…) riuscirà nell’ardua impresa di convincer un uomo,o meglio, quest’uomo che ha
messo in rete le sue decisioni di morte,a rimaner aggrappato alla vita… ho avuto a che fare con persone
depresse, che avrebbero veramente dovuto far la domanda da te posta, nonchè quella delle buone
motivazioni per stare in vita… eppure, signor viaggiatore, mio padre, morto nel 96 non mi ha mai domandato
questa cosa…. e non l’ha fatto con nessun’altro… in un freddo inverno si è buttato nel lago e l’ha fatta finita,
nel silenzio ha lasciato tutto… una famiglia, due bambini ed una moglie che lo amava….( se mi avesse chiesto
tre buoni motivi per vivere gli avrei sicuramente risposto cosi)… è uscito di scena senza urlarlo al mondo
intero..solo…nella solitudine di un uomo depresso… ecco cosa mi porta a dubitare di te…il tuo metter in
piazzia… chi vuol realmente farla finita non programma… o meglio, può programmare ilò luogo…gli oggetti
con cui farlo ma..non di certo la scdenza… mi scuso se in qualche modo ti ho ferito, ma questi sono i miei
pensieri… pensieri di una figlia che non ha più un padre…morto..suicida… ciao, viaggiatore.

2.

Heli Says:
June 20th, 2005 at 1:14 pm
Ed eccomi qui.. a scriverti dei motivi per il quale varrebbe la pena di vivere..attraverso la mia esperienza..
facendoti aprire gli occhi se possibile sulla tua vita… so pochissimo di te.. quasi niente..ma mi basta per capire
che un lavoro ce l’hai..una ragazza che ti ama e che ami ce l’hai, quanto basta per non restare solo, quanto
basta per avere qualcuno cui chiamare quando stai male, per avere qualcuno da abbracciare quando sei
felice, per avere qualcuno con cui piangere.. e l’ho letto..nelle tue pagine.. e dimmi.. tu rinunceresti a tutto
quello? dai un valore nullo a tutte quelle emozioni, a tutti quei sentimenti? che cosa vuoi dalla vita? la vita fa
schifo? è vero.. non posso dire che è bella..io non posso dirlo.. ma che cosa vuoi? dillo che cosa vuoi.. e
guarda se sei in grado di ottenerlo.. non arrendersi subito perchè adesso non ce l’hai… Io non ho due gambe..
o meglio.. ce le ho ma non funzionano… sono su una sedia a rotelle.. non pensi che abbia un bel motivo per
suicidarmi? non pensi che non ci abbia mai pensato non potendo più correre, saltare, girare per milano
sentendo la strada sotto i piedi.. essere limitata da una sedia a rotelle.. una vita piena di limiti.. eppure son
qui.. perchè non permetto a quello schifo di vita di avere la meglio su me stessa.. non permetto che tutti quei
limiti l’abbiano vinta portandomi a morire.. io invece vivo.. e farò di tutto per vivere bene.. alla faccia loro.. e
questo.. lo devi dire anche tu..
3. Bri Says:
June 20th, 2005 at 2:51 pm
Questo post mi sembra tanto per la serie: “per tutti i deficienti come Bri che nn l’hanno capito al – 2″!!! sigh,
sob ma…ma… quindi è da considerare il 20/07 fino allo scadere della mezzanotte ? ma…ma… entro e nn oltre
il 60esimo rintocco delle 11.59 ergo le 00:00?oppure fino al 59esimo delle 00.00? ma…ma… -_- Diamine! sai
che comincia a dispiacermi?:|
4. primadipartire Says:
June 20th, 2005 at 3:02 pm
Sì, è vero, sembra tutto una grossa trovata pubblicitaria. Intanto però non mi frutta nulla: come puoi vedere
non ci sono banner pubblicitari, non ci sono neppure gli ad-sense di google. Questo blog è ospitato
gratuitamente sul server americano di un tipo gentilissimo, che non vuole una lira per ospitare dei blog. […] Il
resto del mio commento a questi commenti è qui.
5. primadipartire Says:
June 20th, 2005 at 3:05 pm
Risposta per Bri: Lo farò di notte, non so ancora a che ora precisa. Non so se alle 11, a mezzanotte, all’una o
alle due o alle tre Già che ti do una data precisa, mo’ vuoi sapere pure l’ora? E se mi dovessi fermare a fare
benzina, che faccio, ti avviso che ritardo di 15minuti?
6. fra Says:
June 20th, 2005 at 3:05 pm
mi fa piacere, auguri =*
7. nella Says:
June 21st, 2005 at 5:57 pm
mmm…a sto punto mi ritrovo con…No comment!
8. Nadja Says:
June 27th, 2005 at 5:49 am
perché non aspetti il 22 luglio? io penso che lo farò il 23. Lavoro a Milano ma non abito lì.
9. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 12:15 pm
Per Nadja: perche’ rimandare al 22 luglio, perché non il 20? Perché tu lo farai il 23?
10. Blog Professionale » Riuscirà Internet a salvare una Vita Umana? Il 21 Luglio la Risposta Says:
June 27th, 2005 at 6:43 pm
[…] a ad interessare i visitatori di BlogStars, e staziona nella Top 30. Il 20 giugno Luca K. annuncia che si
toglierà la vita il 20 luglio. Il 24 giugno leggo su Techdirt che il Governo Austr […]
11. Arcangelo Says:
July 18th, 2005 at 4:01 pm
Vi prego cancellate questo blog, fa mele sapere che un ragazzo non ha trovato un motivo per vivere e si è
ammazzato, spezza il cuore sapere che ci sono tanti ciechi nel mondo che non vedono e non riescono a
percepire la bellezza e l’unicità della nostra esistenza fatta di cose belle, cose brutte, ma è solo la vita, la VITA

è tutto come noi siamo parte di un tutto che potrebbe essere Dio, Allah, Nulla, il Caos assoluto ma ogni giorno
è stupendo proprio perchè Tutto puo’ succedere ogni cosa puo’ cambiare, vi prego distruggete questo blog,
non vorrei che in qlc attimo di malinconia o disperazione qualche ragazzo o ragazza emulassero il povero ciro
che se n’e’ andato in modo così bizzarro e pittoresco. Ho letto poco di lui ma credetemi morire è rifiutare se
stessi è sentirsi inutili e inappagati è una discrepanza tra la realtà potenziale e la realtà effettiva, ma bisogna
superare la schizofrenia di voler essere cio’ che non si è, e ricordate tutti: SE ASPETTATE DI ESSERE PERFETTI
PER AMARVI E PER AMARE, NON VI AMERETE E NON SARETE MAI AMATI. BUONA VITA A TUTTI, E
DIVERTITEVI QUEST’ESTATE ANCHE SE NON COME VI COSTRINGONO A DESIDERARE (SPIAGGIA CARAIBICA
PIUTTOSTO CHE IN TIBET), DIVERTITE LA VOSTRA ANIMA E NON ABBIATE PAURA! MAI . VI VOGLIO BENE A
TUTTI. aRcAnGeLo77

June 20th, 2005 3.12pm
Rispondendo a Iaia/Heli
Risposta ai commenti su questo post.
Rispondo, un po’ in ordine sparso.
Sì, è vero, sembra tutto una grossa trovata pubblicitaria. Intanto però non mi frutta nulla: come puoi vedere
non ci sono banner pubblicitari, non ci sono neppure gli ad-sense di google.
Questo blog è ospitato gratuitamente sul server americano di un tipo gentilissimo, che non vuole una lira
per ospitare dei blog.
Sembra tanto una grossa trovata pubblicitaria. Magari ti aspetti che il 21 luglio venga fuori un grande
banner con scritto: “compra in libreria le mie memorie suicide, edizioni Mondadori”, oppure “compra la
maglietta ‘Il diario del suicida’”.
Ma non accadrà niente di tutto questo. Il 21 luglio troverai scritto dei miei precisi riferimenti anagrafici,
forse una mia foto, i dettagli del mio suicidio. Poi magari sfogliando la cronaca locale di qualche quotidiano
potrai trovare conferma che non st(av)o scherzando.
Certo, il post ‘tre buoni motivi per…’ è un meccanismo (banale) per coinvolgere chi legge questo blog nello
scrivere qualcosa, nel lasciare una propria firma.
E’ un modo per attirare l’attenzione? Certo che lo è. Sono un esibizionista e sono un egocentrico. Ecco
perché ho aperto questo blog ed ecco perché mi trovi in giro in chat. Per attirare l’attenzione su di me.
Poi, secondariamente, lo faccio per un motivo che sarà più chiaro tra un mese.
NON cerco nessuno che mi faccia cambiare idea, non voglio cambiare idea. Cerco di mettere in atto tutti i
possibili accorgimenti per scrivere su questo blog in maniera anonima. Il mio non è un ‘cry for help’, non
voglio che nessuno venga a salvarmi.
Non ti conosco, ma mi dispiace per tuo padre. Posso solo intuire il vostro sconforto, quando avete scoperto
che lui non c’era più.
Io non so se sono depresso. Forse, a volte. Non sempre.
Come ho cercato di spiegare ne “Un giorno perfetto”, me ne voglio andare non perché sia particolarmente
triste di questa vita, ma ne voglio andare PRIMA di essere particolarmente triste di questa vita. Voglio
suicidarmi con il sorriso sulle labbra.
Forse sono pazzo?

Ed è per questo motivo che posso permettermi il lusso di programmare la mia partenza. Ero pronto a
suicidarmi due mesi fa. Mi son voluto concedere tre mesi di riflessioni. Tre mesi ad aspettare. Se, come
prevedo, tra un altro mese continuerò a pensarla allo stesso modo, partirò.
Sì, è vero, ho un lavoro. Non mi frutta molti soldi, ma arrivo (più o meno) a fine mese. Non mi concedo lussi
particolari, ma ho un tetto sotto il quale dormire, del cibo nella dispensa, e naturalmente un computer ed
una connessione a internet.
Purtroppo mi hai frainteso: non ho una ragazza che mi ami. Lara è solo finzione, come è finzione il racconto
“Un giorno perfetto (I)”. E’ un racconto. Il mio ultimo giorno NON sarà così, perché appunto non c’è nessuna
Lara nella mia vita.
Rinuncerei a tutto questo? Credo proprio che tra un mese vi rinuncerò. Rinuncerò al piattume della mia vita.
Rinuncerò a tutte queste emozioni. Sì, sono ancora convinto di farlo.
Non ho voglia di combattere, non ho voglia di ’sbattermi’ per ottenere quello che cerco. Credo di aver già
preso dalla vita quello che ho potuto, non ho speranza per il futuro.
I motivi per suicidarti possono essere diversi. Essere bloccati su una sedia a rotelle può essere uno di
questi?
Non so, devi dirmelo tu. C’è chi vive senza avere un tetto, senza un letto, senza sapere se potrà mangiare
qualcosa. E’ solo una questione di testa, di volontà, di speranza, non di fisico.
Tu vivi con maggiori difficoltà. Io posso salire sul tram di corsa, posso prendere un treno senza problemi. La
splendida Milano è così incivile da avere (credo) meno del 10% delle stazioni della metropolitana attrezzate
con ascensori. Per non parlare di chi parcheggia la propria auto dinanzi agli scivoli dei marciapiedi.
Ma sono problemi che tu conosci molto meglio di me.
Tu hai qualcosa che io non ho e che non riesco ad avere: la voglia di vivere, la voglia di andare avanti, la
voglia di lottare, la voglia di non darla vinta ad una vita ad ostacoli.
Io non ho più questo desiderio. Vedo ogni sfida vuota, insignificante.
Non ho paura di perdere le mie gare: non vedo il motivo per il quale garaggiare. Mi ritiro ancora prima dello
start.
Sono contento di te che continui a vivere. Sono felice per la tua tenacia. Ti rende molto più apprezzabile di
me, che ho deciso di arrendermi.
2 Responses to “Rispondendo a Iaia/Heli”
1. Mina Says:
July 2nd, 2005 at 12:31 am
grazie…. ti spiego perchè… Non voglio dirti di non farlo,la vita, anche se non è tua(secondo il mio credo) devi
anche gestirla come vuoi. Non voglio farti cambiare idea, perchè non sono nessuno per farlo. Non voglio
impedirti di programmarlo, ormai hai già decido tutto. Non voglio spiegarti perchè vivere, perchè se fino
adesso non l’hai capito da te è un compito che non mi spetta. Non voglio darti dei motivi per vivere, perchè se
ce ne sono li trovi da solo. Non voglio farti nessuna predica. so che non servirebbe. Però una cosa voglio
dirtela… Grazie, perchè a me le tue parole fanno vivere. Tu sei le tue parole. E le parole sono eterne, anche se
le cancelli a me sono rimaste impresse dentro, come se l’avessi scritte con i carateeri mobili di una volta,
marchiate a fuoco sulla mia pelle. Non lo so perchè, ma me viene voglia di vivere. E ti ringrzio perchè ogni
volta che mi sembrerà di affondare, le tue parole mi aiuteranno a risalire. grazie perchè per me sei eterno…
2. Ana Clara Says:
July 19th, 2005 at 9:04 pm

ah, que coisa triste, chorei muito….que Deus o tenha entre seus eleitos.

June 21st, 2005 11.04am
Passi di bimbo
Passi di bimbo, una tecnica per riuscire a eseguire compiti complessi, procedendo a passo di bimbo. Un
piccolo passettino per volta.
Ieri ho fatto qualche altro passettino. Ho messo mano al mio archivio fotografico cartaceo. Ho fatto passare
un po’ di fotografie.
Ho deciso che alcune foto le darò / invierò alle persone che ho fotografato in questi anni. Sono troppo
orgoglioso per distruggerle, penso che alcune siano belle e vorrei che fossero preservate.
Ho suddiviso le foto. Ne ho scelte alcune ed ho cominciato ad incollarle sul Japanese Photo Album che
lascerò ai miei familiari. Certe foto sono davvero apprezzabile, secondo me.
A passi di bimbo mi avvicino alla partenza.
One Response to “Passi di bimbo.”
Boiler Says:
June 21st, 2005 at 11:33 am
Ok ma dove sono le donne nude?!

June 22nd, 2005 4.49am
Un giorno perfetto (II).
[QUESTO che segue è un post di fiction. E’ un racconto di UN possibile ultimo giorno. Quello che segue NON
è realtà. Il resto dei post SONO realtà, questo è un racconto.]
Non ho puntato la sveglia stamattina, ma sono andato a letto con le persiane socchiuse. Mi sveglia la luce
del sole. Guardo l’orologio e mi accorgo che sono le otto.
Un passaggio un bagno a lavarmi la faccia, e poi mi preparo la colazione. Nel frigorifero ormai è rimasto ben
poco: mangio l’ultimo yogurt e intanto mi preparo un caffè.
Mi infilo sotto la mia ultima doccia. Mi piace sentire l’acqua scorrermi addosso, mi rilassa. Mi lavo i capelli
per l’ultima volta. Esco dalla doccia, mi do un asciugata veloce. Inauguro una lametta nuova per radermi.
Poi, ripasso in contopelo.
Mi guardo allo specchio.
Questo è un giorno speciale, rifaccio il letto. Non lo faccio mai di solito, se non quando attendo visite, ma ho
voglia di lasciare la casa in ordine. Mi vesto come al solito, poi cerco una spilla da appuntare sulla maglietta.
Una cornucopia d’argento, simbolo di fortuna, pur non essendo io superstizioso.
Metto nella borsa un panino ed una bottiglia d’acqua che ho preparato ieri sera, insieme a tutto quello che
mi servirà oggi.
Raccolgo la spazzatura da buttare ed esco di casa. Metto la chiave sotto lo zerbino.
Mi fermo dal tabaccaio a comprare un pacchetto di sigarette. Dal bar a fianco qualcuno bestemmia
leggendo un quotidiano. Come se bestemmiare potesse risolvere qualcosa.
Vado in riva al fiume. Primadipartire ho voglia di finire “Ecco la storia”, di Daniel Pennac. Mi siedo su una
panchina all’ombra a leggerne le ultime pagine.
Ci sono dei gabbiani sul fiume, il cielo è terso. Fortunatamente c’è un po’ di brezza.

Sono assorto in questa visione di pace quando una ragazza saltellante e schiamazzante si butta addosso ad
un tipo seduto su una panchina qui vicino. Amoreggiano allegramente. Mi da un po’ noia la cosa. In un certo
senso li invidio, invidio la loro gioia e spensieratezza.
Vorrei io poter essere così allegro, sereno, avere qualcuno al mio fianco.
Sembrano felici, la coppia perfetta. Magari tra qualche hanno si sposeranno e cresceranno qualche
bambino.
Torno alla lettura del mio libro. Non lo rileggerò mai, ma mi piace continuare a sottolinearlo o appuntarlo
come ho fatto fin’ora.
Ormai è giunta l’ora di pranzo. Sempre con gli occhi sul fiume mangio il mio panino con calma e sorseggio
un po’ d’acqua.
E’ un pasto semplice, frugale quasi. Un panino con il prosciutto crudo. Ma farebbe differenza andare a
mangiare in un ristorante di lusso? Sempre di cibo si tratta, e di certo non ho bisogno di raccontare ai miei
amici “sono stato da Gualtero Marchesi”.
Riprendo in mano il libro, ormai mancano davvero poche pagine. Ecco la storia scorre rapido. Finisce la
storia di quello che sarebbe il dittatore agorafobico. Tra poco finirà anche la mia, di storia.
Ieri ho messo in borsa anche qualche matita, provo a disegnare il paesaggio su dei fogli di carta che mi sono
portato appresso. Ne resta una specie di scarabocchio, non sono mai stato bravo a disegnare.
Le ore sembrano scorrere così lente, placide, in questo giorno perfetto. Il tempo sembra immobile, eterno.
Scendo verso il greto del fiume e comincio a passeggiare verso sud. Sull’altra sponda ci sono dei pescatori,
nel mio cammino incrocio qualche bellezza locale cuocersi al sole.
Voglio sentire ancora l’acqua. Mi sfilo le scarpe e mi rimbocco i pantaloni. Entro a piedi nudi nel fiume. Un
paio di ragazzini mi lanciano uno sguardo stupito, uno dei due mi indica, poi li sento ridacchiare. In effetti
sono abbastanza buffo, vestito di nero, con i pantaloni lunghi rimboccati ed i piedi a mollo. Non me curo,
non mi importa nulla di apparire buffo.
Mi abbandono seduto sotto una pianta, riprendo in mano la penna con lo sguardo perso nel vuoto. Resto
così semi addormentato per un tempo imprecisato.
Penso alla mia vita, penso al nulla, penso al domani che non c’è.
Non so come, ma mi nasce in testa un haiku. Lo scrivo su una pagina bianca del libro di Pennac.
Si avvicina il tramonto di questa giornata e di questa mia vita. Sono sereno, rilassato.
Non ho rimorsi, non ho rimpianti. Ho preso quello che ho potuto.
Al calar del sole di questo giorno perfetto, anche la mia vita avrà fine.
June 23rd, 2005 11.52pm
Almost gone.
Franco sta per andarsene.
E non sta scherzando.
2 Responses to “Almost gone.”
1. doria Says:
June 24th, 2005 at 10:24 am
ciao. ho visto il link a questo altro sito.. Franco sta per andarsene.
ma sei tu che scrivi: “..Ma non c’è nulla che possa farti cambiare idea?..”

ma perche’ scusa.. vuoi fargli cambiare idea? o vuoi sapere da lui se ha trovato 1 motivo.
sei strano.. mi strappi un sorriso ogni volta che passa di qua.
ti saluto.
2. primadipartire Says:
June 24th, 2005 at 1:03 pm
Chiacchiero con franco su msn, in un certo senso ‘ci conosciamo’.
Chiedergli “non c’e’ nulla che possa farti cambiare idea” altro non è che uno sfottò, una presa in giro.
Quella è la classica domanda che mi sento rivolgere ogni giorno.
Ed alla quale odio rispondere… se ci fosse qualcosa che possa farmi cambiare idea, cercherei di ottenere
quella cosa e cambierei idea.
Quindi, da bravo sfottitore quale sono, mi travesto da Salvatore e gli chiedo… cosa potrebbe farti cambiare
idea?

June 24th, 2005 8.04pm
Provate a farlo a me, e vi uccido.

D.: mi puoi dire il tuo nome e cognome? Mi dici dove abiti? Mi dici il tuo numero di telefono?
R.: La chat-line lo salva dal suicidio
One Response to “Provate a farlo a me, e vi uccido.”
1. fra Says:
June 24th, 2005 at 9:33 pm
oh dimmelo quando ti suicidi, ti mando la finanza a casa cosi ti fai anke qualke annetto hahzhuahza.
stamattina sono andato da “carletto” non ha quello che mi serve a breve devo seguire le procedure. ho fretta.
trovami un rimedio. =*

June 26th, 2005 5.48am
Sopralluogo.
Stanotte ho fatto un sopralluogo preliminare al luogo deputato al mio salto nel vuoto.
Nonostante fossere lo 3 di notte, il posto era abbastanza trafficato, ma me lo sono girato in lungo e in largo
senza che nessuno tentasse di parlarmi o di fermarmi.
Ad un certo punto, da una macchina che passava un tizio si è sporto e mi ha gridato “nooo, non buttarti!!”,
mentre il suo amico continuava a guidare.
Mi aspettavo che si fermasse e tornasse indietro a parlarmi, invece nulla. Probabilmente era più uno sfottò
che altro.
In ogni caso la location (wow) di notte è piuttosto spaventosa. Buio, vento, guardando di sotto ho sentito un
brivido.
Devo ancora risolvere un problema molto pratico: per saltare di sotto devo scavalcare un parapetto alto un
metro e sessanta centimetri (mi arriva all’altezza del mento).
Non sono bravo a scavalcare ringhiere, come posso fare?
Non vorrei andare lì e cercare di gettarmi facendo le comiche, cercando di scavalcare e non riuscendoci.
Dovrei trovare qualche parapetto analogo su cui fare prove.
Nessuno di voi ha qualche idea?
Al prossimo sopralluogo, mi porto appresso una scala.

45 Responses to “Sopralluogo.”
1. BlacKNight Says:
June 26th, 2005 at 9:45 am
Sono un disadattato.Sono sempre stato da solo anche se c’è stato qualcuno che s è avvicinato e ha cercato di
andare oltre il buio che c’è prima della mia anima.una ragazza ha sfiorato la mia anima a marzo.ho trovato la
vera ragione di vita in questo.quella che aspettavo e che rimandavo sempre perché ero sicuro di trovarla.lei
non mi ha fatto un pompino o qualcosa del genere.lei voleva andare oltre il buio.non so se per pura curiosità o
magari per realizzare che davvero non è mai finita quando sei da sola nella notte e giri da sola.magari piove e t
bagni,ma che importa se non c’è nessuno con cui fai brutta figura…è successo,insomma.è stato così.ora è
tutto finito,e anche lo splendido rapporto costruito in 3 anni pare morto per sempre.credo che mercoledì 8
l’ho abbracciata per l’ultima volta.ma questo non significa che il passato è passato e tutto è morto per
sempre.per me si è semplicemente chiuso un anello inorno alla mia anima.un anello luminoso che la protegge
e non le permetterà di scappare,fino a quando reggerà.e giuo che regge ancora.non mi sento un
fortunato.nemmeno uno sfigato.non ho tutto,forse è che non apprezzo ciò che ho.non per convenienza ma
credo che mi fido di questo secondo punto di vista,perchè è statisticamente più presente in chi si ritiene
deficiente rispetto agli altri della felicità che può dare sapere di avere ciò che si vuole avere.ho paura di
perdere il mio punto di vista.spesso mi dico che forse sono nato dalla parte del mondo sbagliata.triste ironia
visto che questa è la frase tipica di chi si trova nel terzo mondo e sogna di essere dove sono io.la vita è così,è
brutta se la si vede così.se poi sei da solo…e puoi solo sentire le voci delle persone che ci sono intorno…ma
non puoi vederle…beh io scappo da qui.il mondo è grande.è pieno di persone,ma è pieno di cose da fare.se
non ti senti bene qui,se è buio intorno a te qui,scappa dove c’è più luce.Aspirante suicida,tu hai paura del buio
forse e sei da solo.è troppo rischioso quello che dici di voler fare.capisco che stare al buio e sapere che c’è
qualcuno e non puoi raggiungerlo perche non lo vedi è peggio di stare al buio da soli,sicuri di esserlo per
sempre.però io ho trovato qualcosa,ho trovato la luce.
forse sono troppo prolisso e filosofico e forse non ti tiene nemmeno voglia di leggere tutto questo.vabbè,io
faccio sempre così quando scrivo a persone(non a istituzioni
).mi lascio andare e non penso a cosa
scrivo,come e quanto…ora parlando a livello pratico,vattene da qui,vai via da qulsiasi posto che non sia qui.io
molte volte vorrei andare in nepal da solo con un mio orticello con gli aimali.oppure,dato che sono
giovane,spesso vorrei partire per l’africa o l’iraq o l’afganistan.nessuno rimarrebbe privo di gioia di vivere
andando in uno di quei posti…che lavoro fai?credo che emergency cerchi ogni tipo di figura professionale o
intellettuale.e comnque potresti salvare la vita degli altri salvando la tua.nn dico la vita di chi vuole
suicidarsi,intendo quella di chi vuole vivere e sa di dover morire.so che sei pigro.però se non abbastanza da
suicidarti potresti fare qualcosa…Io ho trovato la mia ragione di vita qui,in quei 5 minuti eterni con lei.per
questo non me ne vado ancora…ma non si sa mai…;P
scusa se ti ho stupidito di chiacchiere.non lo faccio per un motivo in particolare,m è venuta voglia di scrivere e
l’ho fatto.non c’è bisogno di risposte,se non ti va.anzi,complimenti se sei arrivato a leggere fin qui!!!:)
ok,io ti saluto.fai come vuoi tu,la vita è in mano tua…anche se non è tua.
ciao…e…a presto
2. biancaneve Says:
June 26th, 2005 at 1:43 pm
Topolino…..continua a fantasticare che è terapeutico….
io penso al tubo di scarico della macchina,
pare che si diventi pure belli, tutti rosa…
mentre giù da un dirupo ti sfracelli diventi un grumo di sangue e carne…….
3. ehvvivi Says:
June 26th, 2005 at 2:07 pm
Il ponte (o la sopraelevata) non danno grandi garanzie di riuscita. C’è il rischio che tu sopravviva e per di più
sciancato.
Non è una bella cosa.
Da brava depressa piscofarmacizzata, dopo lunghe riflessioni, ho capito che il metodo migliore è il treno.
Buttarsi sotto un treno di quelli ad alta velocità, in campagna (ben lontano dalle stazioni perchè lì rallentano) è

4.

5.

6.

7.

8.

il metodo più sicuro.
Non se ne salva uno.
Sono abbastanza pratica perchè negli 8 anni in cui ho fatto cronaca locale ho fatto un sacco di suicidi e
aspiranti suicidi.
In bocca al lupo.
plasticaSerena Says:
June 26th, 2005 at 3:00 pm
ragazzo,
se proprio lo devi fare,
fallo con stile.
consiglierei
una vasca di vino buono,
barbiturici
e tanti sogni belli.
indolore.
da divo.
così mi compro un bel vestito
e vengo al funerale.
ti piacciono le rose bianche?
Serena e la meringa.
primadipartire Says:
June 26th, 2005 at 4:37 pm
Risposte varie.
Biancaneve: fantasticare è terapeutico, ma sarà realtà tra poco. Il monossido di carbonio sarà il mio piano B.
Se riesco, domani vado a comprare un tubo di gomma resistente al calore del diametro del finale della mia
marmitta.
E in ogni caso, siamo già dei grumi di carne e sangue, solo che non ce ne accorgiamo.
Ehvvivi: se il ponte o la sopraelevata è abbastanza alto, non dovrebbero esserci problemi. Credo di aver scelto
bene il posto dove farlo. (posto che non posso rivelare adesso ma che sarà noto dopo la mia partenza).
Il treno in campagna non è male, però dovrei star lì a studiarmi i tracciati della ferrovia, vedere gli orari,
scegliere un posto magari dopo una curva cieca. Sedermi lì ed aspettare.
Insomma, è un po’ uno scazzo ed è un metodo un po’ troppo “passivo”, nel senso che dovrei aspettare il treno
arrivare ad uccidermi.
Poi ci sono i casini… immagina gli improperi dei pendolari, o la mia famiglia che si vedrà arrivare il conto delle
FFSS per “interruzione di servizio”.
plasticaSerena: No, troppo scazzo con i barbiturici. Un po’ perche’ non ho accesso ai barbiturici. Un po’
perche’ non ho benzodiazepine in casa. Un po’ perché non ho una vasca di vino buono (non ho manco una
vasca). Un po’ perché ho sempre gradito lo splatter e le cose cruente.
Le rose bianche mi piacciono molto, davvero. Non comprarne troppe però, ne basta una. Se vuoi spendere vil
denaro in mio ricordo, devolvilo a MSF.
BlackNight: ti risponderò tra un po’, con più calma.
biancaneve Says:
June 26th, 2005 at 5:43 pm
MA DAI CHE TI STAN TUTTI LEGGENDO DAL MIO BLOG
ADESSO DEVI RESTARE!!!!!!!!
biancaneve Says:
June 26th, 2005 at 5:45 pm
PS IO HO OTTO FLACONI DI NOAN (DIAZEPAM)
MA DICONO CHE FINO A CENTO VOLTE LA DOSE MAX,
NON è ANCORA LETALE!!
TI SALVANO E STAI SOLO MALISSIMO……….
biancaneve Says:
June 26th, 2005 at 6:00 pm

IL MODO MIGLIORE E’ MORIRE ASSIDERATI….
DUNQUE ADESSO NN è TEMPO…
MA QUYEST’INVERNO?
IMBOTTITO DI SONNIFERO SUL BALCONE NUDO…..
TUTTO BELLO LAVATO PULITO..
UNA MORTE DECOROSA,
CHE NE DICI?
LO FACCIAMO INSIEME???????
9. biancaneve Says:
June 26th, 2005 at 6:18 pm
Come Suicidarsi
10. Spuma Says:
June 26th, 2005 at 7:36 pm
E’ la terza volta che riscrivo sto commento. Ogni volta manca un field, eccheppalle!
Comunque senti bello, lavita è una merda e lo sappiamo tutti. Non facciamo altro che dirci che è meglio farla
finita con questa merda. Poi un giorno ti capita qualcosa che non avevi previsto e stai bene. Non ci credi
nemmeno. Non sai come sia potuto accadere ma stai bene e sei contento. A te non capiterà mai, se te ne vai
adesso.
Bianca, il balcone non funziona. Già provato. A meno che non sia al quindicesimo piano e lo usi come
trampolino.
11. primadipartire Says:
June 26th, 2005 at 7:38 pm
Rispondendo a Biancaneve.
Ho visto un ondata di letture provenire dal tuo blog, sicuramente ne arriveranno molte di più domattina.
Il valium (e le benzodiazepine in genere) le devi usare in combo con qualcos’altro. Esempio, benzodiazepine e
alcol: hanno un effetto fortemente deprimente sul sistema respiratorio.
Poi te ne vai a dormire con un sacchetto di plastica in testa. Dormi così profondamente che anche se soffochi,
non riesci a svegliarti. E quindi muori.
Riguardo il morire assiderati: non ho voglia di aspettare fino all’inverno. E poi il mio balcone da direttamente
sulla strada
Riguardo il link che hai consigliato: ottimo ovviamente, ma le faq di Alt.Suicide.Holiday le leggo e rileggo (in
inglese) da anni. Apprezzabile che qualcuno si sia messo a tradurle in italiano.
12. fra Says:
June 26th, 2005 at 9:10 pm
cazzarola quanti commenti! cmq il rimedio per il muretto alto secondo me è una di quelle sedie ripieghevoli
sono giusto quei 40 cm che ti mancano.
non hai paura di buttarti? io quando ci ho “provato” il coraggio ce l’avevo ma è la paura che mi ha fottuto. il
mio piccolo catorcio sarà la mia tomba. approposito volevo chiederti una cosa, per sigillare il tubo al finestrino
secondo te devo usare solo il nastro adesivo?
13. primadipartire Says:
June 26th, 2005 at 9:36 pm
Rispondendo a fra.
La sedia pieghevole non e’ male come idea, e ce l’ho già in casa!
Paura di buttarmi, non so. Era solo un sopralluogo, quindi sapevo che non mi sarei buttato. In effetti il posto
incute paura. Buio, vento.
Però è affascinante allo stesso tempo.
Per sigillare il tubo io farei cosi’.
Comprerei al supermercato un nastro di american tape (fa fico, è resistente, lo tagli con le dita senza aver
bisogno di forbici). Quindi mi porterei appresso un pezzo di cartone.
Infilerei il tubo nel finestrino, poi chiuderei il finestrino quel tanto che basta per tenerlo chiuso. Quindi con il
nastro e con il cartone chiuderei la parte rimasta aperta del finistrino.
Fammi sapere.

14. fra Says:
June 26th, 2005 at 9:46 pm
ti posso far sapere solo se non funziona e spero per te che funzioni. quasi quasi mi faccio un adsl flat sul cel e
muoio in diretta, sai che fiQata?
15. BlacKNight Says:
June 26th, 2005 at 9:57 pm
rispondimi con calma se ti va.anke x mail.non so se puoi vederla…io la devo inserire per sottoscrivere il
blog.ho messo quella vera,non 1a cazzata ;-p sono a tua disposizione se t interessa.
16. Manu Says:
June 26th, 2005 at 11:49 pm
Ho una domanda stupida ma ti giuro non retorica.
Secondo te ci vuole coraggio? O è questione di un attimo?
(perdonami sembro Marzullo)
17. luigi Says:
June 26th, 2005 at 11:51 pm
anche io non sono competitivo!
è una situazia di merda, lo so.
forse hai ragione tu.
ma forse, molto molto forse!
così tanto forse che non bastano 3 mesi per capirci qualcosa.
non basta la vita intera!
18. name Says:
June 26th, 2005 at 11:52 pm
19. Lypsak Says:
June 27th, 2005 at 12:24 am
Non saprei che dire, a parte che solitamente chi si butta giù dal viadotto di Petriolo non ha difficoltà di riuscire
nel suo intento, e può anche togliersi la soddisfazione di volar giù da 300 metri con attorno a sé un verde
manto di velluto silvano che scende giù a V mentre precipita, e poi i suoi resti si sfracellano o nella foresta o,
se uno prende bene le misure, nel torrente Farma, che basso com’è non c’è pericolo di rimanere intonsi o solo
mutilati, e se non fosse abbastanza poi arrivano i pesci a cibarsi del tuo corpo (quel che ne resta) e il sangue
scorre via molto velocemente nell’acqua gelida che se lo porta verso l’Ombrone (credo).
Non è uno dei modi che utilizzerei io per porre rimedio all’inutilità latente della mia esistenza, ma se ti piace
l’effetto volo questo mi sembra abbastanza affidabile e suggestivo…
Ma alla fin fine ne vale la pena di farlo? Premeditandolo, persino? Non è uno spreco di tempo e energie?
A me farebbe fatica anche solo alzare il culo dal letto per andare a prendere un cocktail di barbiturici,
figuriamoci spingermi giù da qualche altura.
Mi sa che è per questo che ancora sono viva: per pigrizia.
(Poi, che c’entra, vado in bicicletta lungo strade trafficatissime dove la gente va a 120 km/h, ma questa è una
forma molto raffinata di tentato suicidio. Una specie di roulette russa con casualità infinite.)
20. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 12:25 am
Risposte varie.
Spuma: non posso vivere nella sperenza di una cosa bella che mi potrebbe capitare.
Fra2: però lascia un biglietto con scritto:”questo bellissimo cellulare, il satellitare, il pc e cazzi e mazzi li lascio
al mio amico Luca”
Oppure vediamo, io ti fornisco i mezzi, però tu prima di partire metti un paio di adesivi ed una maglietta con
scritto “Sponsored by primadipartire.weblogs.us”
Manu: non lo so ancora. E quando lo scoprirò sarà troppo tardi per dirtelo.
Luigi: quindi dovrei restare la vita a interrogarmici sul senso della vita? Naaaa troppo scazzo.
21. biancaneve Says:
June 27th, 2005 at 12:36 am
C’hai un che di manageriale nelle risposte che mi lasci perplessa

22. luigi Says:
June 27th, 2005 at 12:51 am
no, ma dovresti evitare di dare risposte a cazzo solo per evitare lo scazzo.
(risposte a te stesso, non a me, naturalmente.)
23. cicabu Says:
June 27th, 2005 at 1:30 am
non fare scherzi..ok?
^^
24. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 1:31 am
Risposte manageriali.
Biancaneve: mi sembra il modo più semplice per rispondere a più di una persona per volta. (ed e’ tutta colpa
tua se mi trovo 20commenti ad un post!) (ed ovviamente grazie, sono un esibizionista, mi piace essere letto,
commentato, discusso)
Luigi: scusami, non ho capito il tuo commento prima e capisco poco questo tuo commento di adesso, forse
perche’ non ho ascoltato l’mp3 che hai linkato. Io non so di aver ragione o torto, so che questa soluzione la
ritengo accettabile. La ritengo adatta e accettabile per me, non certo per te o per qualsiasi altra persona.
Penso al suicidio da diversi anni ormai. Ero sul punto di farlo, ed ho voluto rimandare di tre mesi. Ma non
posso rimandare per sempre.
25. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 1:33 am
Cicabu, il mio suicidio non è uno scherzo.
26. fra Says:
June 27th, 2005 at 1:52 am
complimenti per l’mp3
è piacevole come una cacata tosta
27. biancaneve Says:
June 27th, 2005 at 2:18 am
ahahah il commento di fra fa morire dal ridere…
ciao raga,
domani ci leggiamo eh?
Adesso mi ingoio dose letale di diazepam…
notte
28. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 2:29 am
No su, niente dose letale, altrimenti domani non possiamo parlarci, biancaneve.
A proposito, quand’è che mi degni di aggiungermi ai tuoi contatti di msn, così si fanno 4 chiacchiere in diretta?
29. lefty Says:
June 27th, 2005 at 2:45 am
BUTTATI AMICO -BUTTATI –è meglio -te lo dico io:-))
30. TheSwon Says:
June 27th, 2005 at 3:32 am
Ciao. Il tuo blog l’ho trovato linkato in un forum di Punto Informatico. Giusto oggi si parla di una legge
australiana che vorrebbe mettere fuori legge i siti dedicati al suicidio. Io sono contrario a questa legge. Ma
non è per questo ti scrivo. Ti scrivo perchè leggendo questo blog ho provato una stretta al cuore. Poi un
sollievo. Una persona che vuole veramente suicidarsi non farebbe mai un blog. Non durerebbe mai così a
lungo. Perciò mi sento di dire che sei solo un CAZZARO, un povero scemo che sta cercando di farsi pubblicità in
qualche modo e ha trovato il modo peggiore per farlo. Sfruttando il suicidio come tema. E la sofferenza di
tanti ragazzi e ragazze che ho visto ti hanno scritto il loro dolore nei commenti che ho letto. Se davvero sei un
aspirante suicida allora termina immediatamente questo blog, perchè non ha senso. Un blog è un diario di
vita. Non un diario di morte. E quando un blog prova a diventare un diario di morte dura giusto il tempo
necessario alla persona per dire Addio a qualcuno cui in vita ha voluto bene.
Non rubare il dolore a chi ne ha così tanto da riempirci un mondo intero. Non umiliare la vita in questo modo,

prendendo in giro chi veramente la ama così tanto da non accettare quella che ha.
Sei solo un povero scemo che non ha capito il dolore che si cela dietro la frase ‘Io non voglio vivere’.
Questo è quello che penso.
Se invece è tutto vero, allora ti chiedo scusa. Ma hai 26 anni, cazzo!, e non posso accettare quello che dici. Io
ho provato il suicidio a 21 tagliandomi le vene. Mi sono fermato quando nella vasca piena d’acqua calda e
tutta rossa, segandomi i polsi, ho beccato un tendine e mi ha fatto troppo male!!!!
Adesso di anni ne ho 28. E sono diverso. Vedo nella vita un valore inestimabile che mai avrei pensato di
vedere. Vedo dei colori dei sapori e degli odori che prima non coglievo. E l’amore non c’entra niente perchè
non ce l’ho. Ma ho la consapevolezza che la vita è un bene inestimabile da apprezzare e coltivare nonostante
tutto.
Vivila la vita, e non mollare. Perchè non sai mai cosa ha in serbo per te il domani.
Ciao.
31. Nadja Says:
June 27th, 2005 at 6:13 am
domanda supeflua e banale, giorno perfetto, perfect day..
dici che ascoltare lou reed fa male?
Saluti darling
32. David Says:
June 27th, 2005 at 6:14 am
carissimo, sono arrivato casualmente su questo tuo blog (anche se per me ormai la casualità, motivazionale
sopratutto, non esiste più..)
arrivo al dunque: tu sei molto introspettivo e consapevole per rimanere incatenato in questa triste,
superficiale, fisica realtà..
sento che sei acuto ed intelligente per dare un misero credito a coloro che stupidamente cercano di
dissuadere dal compiere un individualistico atto liberatorio.. io ormai passo le mie inutili giornate a pianificare
ed a trovare un modo pratico e sicuro per distruggere il corpo fisico e la materialità che mi opprime, che mi
schiaccia. sopratutto (anche, non solo..) per la tristezza che mi è provocata dall’assolutismo, dalla categoricità,
dall’incomprensione e dalla superficialità che mi circonda e di chi cerca, egoisticamente, di cambiare gli altrui
“ideali”, ed imporre (non proporre) le proprie sensazioni.. troppi parlano di diritto alla vita, e quasi nessuno
parla di diritto alla morte..
per TheSwon:
ti rispondo visto che mi sento chiamato in causa, hai scritto:
“.. ho la consapevolezza che la vita è un bene inestimabile da apprezzare e coltivare nonostante tutto.
Vivila la vita, e non mollare. Perchè non sai mai cosa ha in serbo per te il domani.”
non metto in dubbio ciò che scrivi, altrimenti non avrei utilizzato e mai fatto distinzione tra l’individualismo e
l’assoutismo. Se per te la vita è un bene prezioso da vivere, buon per te, ne sono più che felice. Ma
evidentemente non l’hai colta del tutto, se cerchi di imporre i tuoi punti di vista, e se non pensi che non tutti
siamo uguali e reagiamo diversamente a gli eventi..
Vivete e lasciate morire.
David.
33. luigi Says:
June 27th, 2005 at 10:01 am
vabbè, mi sono messo in questo guaio (anzi mi c’ha messo wonderB.) e ora mi tocca guaire.
no, l’ascolto dell’emmepitrè non è propedeutico alla comprensione di quello che avrei voluto dire (però
alleggerisce il peso allo stomaco come giustamente ed amabilmente rileva fra, grazie fra per la curiosità,
l’attenzione e l’ironia, dico veramente… me fai cagà dae risate!) dicevo: di quello che avrei voluto dire e che
evidentemente non ho saputo dire bene.
di tutte le chiacchiere del tuo blog (gonfiati un po’, esibizionista, l’ho letto tutto) il punto che mi prende, forse
perché mi ci rivedo, forse perché è la tua unica vera introspezione, è quello della incapacita a competere.
tu dici più volte che non ti interessa “vincere”, che non vuoi/sai competere.
che poi è il filo tematico che regge anche fra quando si rivede in matrix.
io volevo dire che conosco e capisco la condizione e so che è difficile, difficilissima perché il passo tra sentirsi

non competitivi (che potrebbe essere un valore) e viversi come perdenti è brevissimo e ci si casca in un
attimo, e sembra che tutto l’intorno, tutta matrix, ti spinga con forza verso quella sconfitta, come se la tua, la
nostra, sconfitta avesse un valore catarchico di riconferma della loro giustezza.
ma io so che non è così, so che gli altri non c’entrano niente se non che per il modo in cui vivono l’immagine
che io do loro di me.
di qui la mia necessità di cercare di capire.
cercare di capire un po’ meglio chi sono, io, in questa foresta della vita.
un leone? un verme? un bradipo?, un picchio?
mi guardo allo specchio e me lo chiedo, da decenni.
una risposta ancora non ce l’ho e credimi, sto nella merda nera.
però non accetto di mollare solo per scazzo, come dici tu.
perciò ti ho scritto che non bastano 3 mesi per capire e che dovresti evitare di dare risposte a cazzo solo per
evitare lo scazzo.
dietro le tue posizioni non sembra esserci l’intelligenza della disperazione, la ricerca della conoscenza,
l’introspezione filosofica… c’è qualunquismo superficiale e… arrogante.
“la vita è una merda e allora mi sparo, stasera alle 18, palatenda vattelappesca, venite numerosi a godervi lo
spettacolo…”
e non vale mettere in mezzo qualcuno più debole di te o più fragile e, non trovandolo intorno, mettersi a
cercarlo in ogni modo anche con un blog… per fargli sentire la colpa della sua impotenza a “salvarti” e a
“salvarsi”, per godere dell’altrui disperazione e/o per poter avere cotanto pubblico.
e mettersi a descrivere giornate perfette…
ma ti rendi conto di quanto sia speculativa la tua posizione?
tu sei il regista che in cerca del successo fa leva sulle emozioni più “basse e connaturate” del pubblico ed inizia
il suo film con un bambino nato povero, vissuto di stenti, con la mamma trucidata, con una malattia grave,
vittima del racket degli organi… ma così è facile.
lo sanno fare tutti.
qui ci sono diecine di scrittori blogger che possono metter giù giornate perfette a iosa, probabilmente meglio
di te.
la cosa difficile, veramente difficile, è spogliarsi degli orpelli ed avere la forza di ammettere di non farcela da
soli, di dire “aiuto” di urlare “aiuto”, ho bisogno di aiuto!
ho il massimo rispetto per chi non ce la fa.
ho comprensione e con-passione per chi non ce la fa.
ho sofferenza vera, dentro, per chi non ce la fa. e anche per me stesso.
ma non credo che chi non ce la fa senta il bisogno di mettersi in vetrina.
a meno che mettersi in vetrina non equivalga a chiedere aiuto.
34. Fazio Says:
June 27th, 2005 at 10:01 am
Ragazzi… ma iscrivetevi ad una palestra, uscite ad incontrare gente, andate al cinema, suonate qualche
strumento. La vita è bella, anche se è di merda. Domani potreste uscire di casa e fare l’incontro che vi
cambierà la vita. Perchè farla finita? Uccidersi è solo sfuggire, andarsene da codardi, da vigliacchi. Perchè
volete essere ricordati così?
Ricordatevi che chi si uccide non gode di nessun rispetto. Altro che fiori, rose bianche… calci nel culo da qui
all’eternità. L’unico risultato che avrete sarà quello di uccidere anche i vostri genitori e i vostri amici (se ne
avete), tutti gli altri non penseranno altro “che coglioni”.
35. Aldebaran Says:
June 27th, 2005 at 11:00 am
Link su link mi portano al tuo sito. Che cavolo aspetti a buttarti? descrivi tutto ciò unicamente per poter essere
fermato? ma va!
Non hai le palle per farlo altrimenti lo avresti già fatto. Le palle le ho io, ma non per suicidarmi, sarebbe
troppo semplice. A causa di una trasfusione sono sieropositivo oramai da circa 7 anni (oggi ho 23 anni), ho

perso i miei genitori in un incidente quando avevo 19 anni e la donna della mia vita, l’unica persona che
conoscesse la mia situazione sanitaria, mi ha mollato (preferisco il suo bene altrove). Faccio due lavori, mi
faccio un mazzo cosi per poter pagare vitto, alloggio e tasse universitarie. Sono, a detta di altri un bel ragazzo
e sicuramente non sono uno stolto. Ho un fortissimo successo con le ragazze e non mi posso permettere di
farci nulla! Appena la questione va oltre un sorriso sono costretto a fermarmi! CAZZO HO 23 ANNI E NON
POSSO FAR SESSO LIBERAMENTE. Ti rendi conto? Centinaia di problemi uno dietro l’altro avallati dalla mia
situazione, ma tiro avanti.
Tu ci hai provato, sul serio, a tirar avanti? No? Buttati allora! Si chiama selezione naturale. Se non puoi
sopportare le pressioni della vita (e io, mi pare, ne sono schiacciato da questa) e giusto che stacchi la spina.
Se posso permettermi un consiglio se devi saltare da un ponte prova prima un bel bungee-jump, avrai un
atteggiamento più razionale durante il volo finale o magari ti renderai conto, grazie all’adrenalinica scossa, che
forse stai facendo una cazzata di proporzioni interplanetarie. Se hai toccato il fondo non metterti a scavare ma
cerca un modo per risalire dal fosso.
36. primadipartire Says:
June 27th, 2005 at 11:58 am
Risposte brevi.
Nadja. Ascolto roba molto più triste, ma non credo che sia l’ascoltare Trent Reznor ad ispirarmi pensieri
suicidi. Piuttosto: ho pensieri suicidi, e quindi scelgo canzoni che parlino dello stesso tema.
David. I metodi ci sono, li conosci tu e li conosco io. Se ancora non l’hai fatto è perché probabilmente non ne
sei ancora pronto. Io accetto la tua scelta, quale essa sia. Non ti giudico negativamente perché sei un suicida,
non ti giudico negativamente perché ancor non ti sei suicidato. Ritengo che ognuno sia responsabile della
propria vita. E ritengo che sia un diritto disfarsene all’occorrenza.
Fazio. Non cerco il rispetto, non cerco l’ammirazione. Sarò ricordato come un povero coglione? Vabbé,
pazienza.
37. TheSwon Says:
June 27th, 2005 at 1:51 pm
Te lo ripeto. Secondo me sei un cazzaro davvero. Uno che cerca di impietosire e prendere per il culo. Tu saresti
un aspirante suicida? Davvero? E fai un blog per dircelo? Dannato sia chi ti ha linkato su Punto Informatico. Mi
hai chiesto se ho rinnegato la scelta che avevo fatto a 21 anni. Ebbene SI! Perchè non era una scelta. Vivevo
nella depressione PIU’ NERA che puoi immaginare. E di certo non avrei mai scritto un blog come il tuo. Non
avrei scritto niente. Non scrissi niente. Non dissi niente. Non scrissi stronzate come fai tu ‘Da dove mi butto?’
‘Avete idee?’ Ma va a cagare! Tu non sai un cazzo nè della vita nè, tantomeno, della morte. E sai cosa ti
auguro? Ti auguro di non riuscire a morire. Ti auguro che quando proverai a farlo tu non muoia ma rimanga
invalido per sempre. Perchè solo così, poi, riuscirai ad apprezzare questo DONO IMMENSO quale la VITA è.
Leggi quello che ha scritto Aldebaran. Tu nemmeno sai cos’è il dolore, povero scemo. E hai anche avuto
bisogno di fare un post nuovo di zecca su quello che ti avevo scritto questa notte. Beh, fanne un altro anche
con quello che ti sto scrivendo in questo momento.
Non sei un cazzaro. Sei uno che davvero si vuole ammazzare? Fallo, ma levati dalle palle. Tu non meriti
nemmeno di essere chiamato aspirante suicida. Sei solo un codardo ed esibizionista. Coloro che veramente
pensano al suicidio hanno una tale e tremenda ferita dentro che tu nemmeno lontanamente immagini. Ti
auguro di non morire. Così potrai apprezzare veramente il valore della vita.
E infine voglio rispondere a David. Imporre i miei punti di vista? Ma cosa blateri? Io ho toccato il fondo e ho
visto. Invece l’idiota che ha aperto questo blog di merda nemmeno sa cosa vuol dire svegliarsi la mattina e
non vedere speranza alcuna di fronte a se. Speranza di *qualunque* cosa. Questo blog è solo una farsa. Ma
voi che commentate siete veri. Perciò non fatevi prendere per il culo da questo qui e mandatelo a cagare. Se
davvero si vuole ammazzare lo faccia e non rompa i coglioni in giro urlando di volerlo fare.
Santo Dio, ma come fate a non rendervi conto che è solo un idiota?
Addio.
38. David Says:
June 27th, 2005 at 6:07 pm
TheSwon, per me l’idiozia, ripeto, è il tuo volerti imporre, siccome ti piace vivere la vita, o almeno hai delle
motivazioni per viverla, vorresti che anche coloro che non l’apprezzano o la rifiutano la vivessero a tutti i costi,

anche poichè se sei arrivato vicino al suicidio, dipingi la tua esperienza come monito ed esempio al quale
riferirsi per rifiutare il suicidio.
personalmente i motivi che mi spingono a privarmi di questa vita, sono dovuti anche alla contrapposizione
che ho verso di te e quelli come Aldebaran: siccome sentite di essere stati/vivere male e con problemi, vi
sentite vissuti e credete di detenere la ragione e la verità assoluta.
la frase seguente (detta da aldebaran), me la sono sentita dire troppe volte ormai:
“Centinaia di problemi uno dietro l’altro avallati dalla mia situazione, ma tiro avanti.”
ecco, evidentemente voi avete la forza che ad altri manca, o che non interessa avere (nel mio caso). mi
dispiace delle sfortune che avete/ avete avuto, ma il vittimismo che esprimete per farci sentire “non degni” di
suicidarci, è fin troppo pseudosofferente.. “sono morte le persone vicine a me che mi volevano bene, tutto mi
và male, vivo nella depressione più nera, ho visto in faccia la morte.. ecc.. ecc..” sapete? un tempo anch’io
ragionavo e mi esprimevo con vittimismo sopratutto verso chi si abbatteva o chi fantasticava sul suicidio. poi
con il tempo, fortunatamente ho scoperto la mia consapevolezza, la consapevolezza di essere oppresso e
martorizzato in una realtà fisico/materiale. non ho più alcun interesse nell’integrarmi nella società e nella
socialità, l’amore fisico non mi interessa più, svagarmi con le passioni che avevo non mi entusiasma più, sono
circondato e infastidito (come ho già detto, ma lo ribadisco) dalla superficialità, dall’incomprensione,
dall’assolutismo altrui.
gli idioti siete voialtri che superficialmente vi soffermate sulle parole dell’autore di questo blog, senza cercare
di penetrarle, e senza provare ad uscire dai vostri panni, per vestire quelli altrui, per capire che i propri punti
di vista non sono standard e universali.. e poi con ancor più idiozia asserite di aver visto/aver vissuto nel fondo
solo per poter sentirvi alti dalla vostra posizione di “esperienti”..
per capire gli altri, bisogna innanzitutto conoscere sè stessi, per poi capire che ciò che conta è l’empatia, il
rispetto, il diritto, la libertà della vita e delle scelte.
volete sapere il motivo principale del mio rifiutare la vita?
eccolo: sono cinque anni (adesso ho 21 anni) ormai che non studio nè lavoro perchè ho sempre rifiutato le
imposizioni e le categorizazzioni, ed imponendomi e dando buone motivazioni ho avuto la fortuna di
estrapolare comprensione e pazienza da i miei genitori. sicuramente già vi limiterete a giudicarmi un
mantenuto, ma non lo sono affatto, perchè innanzitutto non ho mai avuto alcuna pretesa, tranne quella di
avere la mia individuale libertà.
tra anni fà circa, poi ero arrivato a vedermi senza futuro, soffrivo di depressione, ero materialista e cattivo, mi
professavo satanista/edonista, mi nichilizzavo, affondavo i miei pensieri nell’acool per poi piagermi addosso
nel vero senso della parola, dopo la morte fisica credevo/speravo ci fosse il vuoto, il niente assoluto.. una sera
decisi che il giorno seguente avrei cercato una pistola e mi sarei sparato senza pensarci sopra..
quella notte è stata la notte che mi ha cambiato. non ho avuto visioni o simili, ma un’esperienza
profondamente e talmente introspettiva che mi ha fatto capire che non siamo soltanto un ammasso di
materia: il corpo fisico è soltanto una transizione, e la vita non è un dono, ma al più un’ “utilità” per
consapevolizzarsi. ma attenzione, non sono diventato buddhista e/o buonista misto new age hippy anni 70, se
proprio devo categorizzarmi allora sono spiritualista e liberalista: voglio raggiungere la libertà assoluta (la
quale in questa realtà assume le sembianze di una chimera), che in questa realtà più mi avvicino ad essa, più
per me diviene necessitante. la necessito a tal punto da esprimerla nei confronti degli altri: rispetto tutti
(nonostante il male e le cattiverie che quotidianamente ricevo), lascio e sopratutto vorrei che tutti possano
sentirsi liberi…
peace.
39. Nadja Says:
June 27th, 2005 at 9:08 pm
sei ridicolo.
o se preferisci un cazzaro.
40. TheSWON Says:
June 28th, 2005 at 1:44 am


Documenti correlati


Documento PDF primadipartire
Documento PDF il diario di gigetto
Documento PDF il diario di dimitrov e la svolta di salerno e l uso politico della storia
Documento PDF la gazzetta dello sport 01 05 2015 by pds
Documento PDF 8 rainbow ghatering la consacrazione
Documento PDF manuale per non suicidarsi


Parole chiave correlate