File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



La Stampa Cuneo 16 Febbraio 2017.pdf


Anteprima del file PDF la-stampa-cuneo-16-febbraio-2017.pdf

Pagina 12364

Anteprima testo


CN

IL CASO

BORDIGHERA
LE STORIE

DAL 18 FEBBRAIO
IN EDICOLA

La maturità?
A Trento
anche in cinese

Torino, un falò valdese Boves torna in tv
contro le persecuzioni per vincere il bus

Ladri di mimose
Arriva la ronda
dei carabinieri

Matteo Borgetto A PAGINA 40

Loredana Demer A PAGINA 15

Fabio Poletti A PAGINA 11

Andrea Rossi A PAGINA 16

ALPI PIEMONTESI MISTERI E MERAVIGLIE

LA
LA STAMPA
STAMPA
QUOTIDIANO FONDATO NEL 1867
GIOVEDÌ 16 FEBBRAIO 2017 & ANNO 151 N. 46 & 1,50 € IN ITALIA (PREZZI PROMOZIONALI ED ESTERO IN ULTIMA) SPEDIZIONE ABB. POSTALE - D.L. 353/03 (CONV. IN L. 27/02/04) ART. 1 COMMA 1, DCB - TO www.lastampa.it

Ieri si sono incontrati Emiliano, Speranza e Rossi. Lunedì dopo l’Assemblea l’addio a Matteo: costretti a rompere

Netanyahu negli Usa

Pd, patto a tre per la scissione

Svolta Trump
“I due Stati
non unica via
Nostro sondaggio: cala la popolarità dei Democratici, gli elettori delusi dalle liti alla pace”
Emiliano, Rossi e Speranza
hanno siglato un patto per la
scissione dal Pd e la formazione
di un nuovo movimento alla sua
sinistra. Intanto, dal sondaggio
de «La Stampa» emerge il calo
di popolarità dei democratici.

n

L’IRRESISTIBILE
ISTINTO
DI DIVIDERSI
FRANCESCO BEI

A

lzi la mano chi ha capito perché, tra pochi
giorni, il partito che bene o male ha garantito per anni un governo al paese, il rispetto degli obblighi internazionali, le missioni militari all’estero, la lotta al terrorismo,
le riforme, la tenuta del sistema bancario, che in definitiva
costituisce ancora l’unica dorsale su cui costruire una possibile maggioranza dopo le elezioni, ebbene alzi la mano chi
ha capito perché questo partito debba andare incontro a
una scissione devastante.
C’è forse bisogno della psicanalisi più che della scienza
politica per comprendere come una classe dirigente di
persone stia allegramente
correndo incontro a un suicidio collettivo. E’ come se i manager di una fabbrica di automobili improvvisamente si
mettessero a dire ai consumatori che il loro prodotto fa
schifo, non funziona, si arrugginisce se lasciato all’aperto, è
inservibile d’inverno. E in fondo le auto della concorrenza
sono le uniche che rispondono
davvero ai requisiti del momento. Naturalmente la colpa
di questo disastro produttivo,
di questo schifo di auto, è tutta
da addossare al collega della
scrivania accanto.

La Mattina, Lombardo, Magri,
Martini, Sorgi E IL BAROMETRO
DI Piepoli DA PAGINA 2 A PAGINA 5

Nelle terre di Renzi: Nel feudo di Bersani:
“Tradito il partito”
“Separarsi è inutile”
ANDREA MALAGUTI
INVIATO A FIRENZE

A PAGINA 3

NICCOLÒ ZANCAN
INVIATO A BETTOLA (PC)

A PAGINA 2

STOP A GUCCI PER L’EVENTO DA 57 MILIONI. DA ROMA A FIRENZE LE POLEMICHE ITALIANE. MA C’È ANCHE CHI È A FAVORE

“Il Partenone è un gioiello”, no alla sfilata di moda

ALLE PAGINE 24 E 25

“L’Ue ci aiuti
sui migranti”

MARKO DJURICA/REUTERS

MARIA CORBI

L

e dee della moda non calpesteranno le
pietre dell’Acropoli. Niente sfilata di
Gucci, sui resti della cultura classica,
simbolo della grandezza greca che fu, per-

MATTIA FELTRI

ché «il carattere culturale unico dei monumenti dell’Acropoli è in contrasto con un
evento di questo tipo», spiega la Commissione archeologica centrale greca (Kas). Un no
che significa la rinuncia a due milioni di euro
destinati a un piano di restauro e altri 55 mi-

lioni che sarebbero derivati da diritti di immagine. Una proposta «volgare», quella di
Gucci, secondo Euguenia Gatopoulou, direttore generale dell’area restauro, musei e
opere tecniche del ministero della Cultura.
CONTINUA A PAGINA 23

Gran Ballo Comunista

u Per scissione si nasce e si muore e così, quando nel 1991

9 771122 176003

C

ome tutti i suoi predecessori, Donald
Trump vuole la pace
in Medio Oriente. La continuità si ferma qui. In mezz’ora di conferenza stampa
con Benjamin Netanyahu,
il Presidente americano ha
messo la pietra sopra la soluzione dei «due Stati».

INTERVISTA

Buongiorno

70216

Così Donald
cambia i giochi

CONTINUA A PAGINA 23

La sfilata all’Acropoli sarebbe dovuta durare 15 minuti, ma Atene: «Sito culturale unico, incompatibile con questo genere di eventi»

Baudino, Colonnello e Minello

Mastrolilli e Stabile ALLE PAG.6 E 7

STEFANO STEFANINI

CONTINUA A PAGINA 23

25 anni dopo
Mani Pulite, quando finì
la Prima Repubblica

«Israele e Palestina due
Stati? Non è l’unica soluzione possibile». Così Trump,
nell’incontro a Washington
con il premier Netanyahu,
apre al suo alleato. David,

n

I REPORTAGE

nasce il Pds, per scissione nasce Rifondazione in cui confluiscono Democrazia proletaria e Partito comunista dei
marxisti-leninisti-Linea Rossa, ma subito si scinde il Movimento dei Comunisti unitari che più avanti fonderà i Ds
entrando nel Correntone, tranne alcuni che si scindono e
fondano Sinistra democratica per il socialismo europeo,
che sarà tra i fondatori di Sinistra e libertà, che sarà tra i
fondatori di Sel, ma intanto da Rifondazione si scinde
Mara Malavenda che fonda i Cobas e si scinde Cossutta
che fonda il PdcI, che subito si scinde e nasce l’Associazione sinistra rossoverde da cui si scinde Marco Rizzo che
fonda Comunisti sinistra-popolare, e si scinde Katia Bellillo che fonda Unire la sinistra (e si sottolinea Unire), ma

intanto Rifondazione si ri-scinde perché se ne vanno i
trotzkisti di Ferrando che fondano il Partito comunista
dei lavoratori, allora Rifondazione e Pdci si fondono nella
lista Anticapitalista che fallisce il quorum allora si riscindono, e da Rifondazione si scinde l’Ernesto, corrente
marxista-leninista e va nel PdcI intanto che Vendola si
scinde da Rifondazione e fonda Rifondazione per la sinistra, da cui ci si scinde per fondare Iniziativa comunista,
da cui ci si scinde per fondare i Comunisti autorganizzati,
da cui ci si scinde per fondare Progetto comunista, da cui
ci si scinde per fondare Sinistra classe rivoluzione, e non
sarebbe finita qui... ma ecco il punto: D’Alema è sicuro
sicuro di chiamare la sua scissione ConSenso?
c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Guterres,
segretario
generale Onu
Tutti collaborino
E in Libia serve
il dialogo fra
Sarraj e Haftar
PAOLO MASTROLILLI
A PAGINA 9