File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



PROF. CINQUEGRANA DIGIUNO CONTRO CANCRO .pdf



Nome del file originale: PROF. CINQUEGRANA DIGIUNO CONTRO CANCRO.pdf
Autore: umberto cinquegrana

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato generato da Microsoft® Office Word 2007, ed è stato inviato su file-pdf.it il 21/02/2017 alle 10:18, dall'indirizzo IP 87.11.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1300 volte.
Dimensione del file: 1 MB (41 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


1

CARO LETTORE,
IL TESTO CHE SEGUE È SOLO PARTE DI QUANTO TROVI NEL LIBRO STAMPATO, EDITO DALLE EDIZIONI MANNA.
TUTTAVIA, IL CONTENUTO QUI RIPORTATO È ESAURIENTE PER QUANTO ATTIENE LA PROBLEMATICA ESPOSTA
NEL TITOLO. NATURALMENTE, CHI VOLESSE VENIRE IN POSSESSO DEL LIBRO COMPLETO, PUO’ DIGITARE
WWW.EDIZIONIMANNA.COM, OPPURE PUO’ TELEFONARE ALL’EDITORE, ALLO 081.5221330,
OPPURE PUO’ RIVOLGERSI A ME, PER ULTERIORI INDICAZIONI OPERATIVE
(tel. 081.8183356 – email
cinquegranaumberto@virgilio.it,cinquegranaumberto@gmail.com).
BUONA LETTURA.

2
- Digiuno contro Cancro

Indice generale
Premessa, p.4

Cap.1: Il digiuno nella Bibbia, p.6
Cap.2: Il digiuno sperimentale, p.8
Cap.3: Il digiuno terapeutico: dubbi e quesiti, p.10
Quesito n°1: Com’è possibile che senza mangiare si possa sopravvivere?
Chi ci offre la garanzia della non pericolosità del digiuno? p.
Quesito n°2: Ci si indebolisce nel corso del digiuno? p.
Quesito n°3: Il dolore aumenta durante il digiuno? p.
Quesito n°4: Si soffre la fame nel corso del digiuno? p.
Quesito n°5: Quando il digiuno deve essere interrotto? p.
Quesito n°6: Si può digiunare da soli, senza l’assistenza di un esperto? p.
Cap.4: Il digiuno e i tumori, p.20
Come nasce un tumore: una ipotesi, p.
Auto lisi delle masse tumorali, p.
Cap.5: Digiuni, tumori e cancri secondo gli igienisti, p.35
Cap.6: Digiuno e cancro secondo Breuss, p.27
A mali estremi, estremi rimedi, p.
Mors tua, vita mea: la legge del più forte, p.
Rudolf Breuss, oncologo empirico, p.
La miscela di succhi centrifugati, p.
Autolisi e albumina, p.
Le tisane, p.
Una scheda tecnico-operativa,p.
Camere a gas: naftalina e affini,p.
Non solo il Cancro,p.
La leucemia: anche senza il digiuno, p.
Breuss e le cliniche del digiuno: quale exitus? p.
Prove testimoniali d’Oltralpe, p.
Cap.7: Prima, Durante, e dopo il digiuno, p.
Prima del digiuno, p.
Durante il digiuno, p.
Dopo il digiuno, p.
L’atmosfera psico-familiare, p.

3

Cap.8: In alternativa al digiuno: piante medicinali che uccidono i tumori?, p.
Introduzione, p.
Alcuni dei protagonisti: l’amaro svedese, l’equiseto al vapore, la calendula, l’epilobio,
l’olio di maggiorana, la piantaggine, p.
Tumori di vescica e prostata, p.
Tumori del fegato. La cirrosi epatica, p.
Tumori della faringe, p.
Tumori dei testicoli, p.
Carcinoma polmonare, p.
Tumori della pelle, p.
Tumori della mammella, p.
Tumori della lingua, p.
Tumori dell’ intestino, p.
Carcinoma pancreatico, p.
Tumori delle linfoghiandole, p.
Una terapia generale, p.
Il vischio, pianta antitumorale, p.
Uno schema riassuntivo, p.
Cap.9: Medicina naturale: Consigli pratici e schematici per la terapia di particolari problemi
di salute, p.
Conclusione, p.
Bibliografia, p.

4
Premessa
E’ mia personale convinzione che il digiuno sia dotato di una indubbia notevole efficacia
terapeutica nei confronti delle malattie, e che possa essere indicato quale via maestra nella ricerca di
metodiche alternative miranti a debellare i tumori. Sono giunto a tale certezza interiore dopo aver
percorso un lungo cammino di ricerca quando, tanti anni fa, ebbi tra le mani il libro di R.Breuss
“Krebs, Leukämie, und..." nel quale l’autore afferma che quasi tutti I tumori possono scomparire, e
che difatti spariscono, se ci si sottopone ai quarantadue giorni di digiuno che vanno sotto il nome di
"Total-kur" sentii dentro di me che quell' uomo poteva avere ragione. Secondo W.Zurcher
(Alternative Heilmethoden bei Krebs," Bauer Verlag, 1982, p 157), la percentuale di casi di cancro
risolti positivamente mediante il digiuno secondo Breuss. è dell’ 85-90%! La stessa cosa pensai
subito di H,M Shelton, igienista naturista americano. quando ho letto quanto egli sostiene, in
particolar modo, nel suo libro “Il digiuno può salvarvi la vita" (vedi bibliografia). relativamente al
dissolvimento di ogni massa tumorale (benigna) per “autolisi", se ci si astiene dall’assunzione di
cibi di qualsiasi natura, per un tempo che è variabile da caso a caso. Alla voce di Shelton fanno eco
migliaia di ricercatori di tutto il mondo, appartenenti alla Società di igiene Naturale. Nel presente
lavoro propongo sia il metodo di Breuss, che quello degli Igienisti. avanzati per tentare di
combattere efficacemente i tumori. E’ una proposta fatta con semplicità con umiltà, per un’
esigenza interiore di dire ad altri qualcosa che si sente possa essere effettivamente utile, perché
efficace. Cercherò di far vedere, attraverso testimonianze che appartengono alla storia e mediante la
esposizione di casi trattati recentemente, che la via del digiuno è, assolutamente, in ogni caso, non
nociva, e, quindi, praticabile da tutti, laddove, naturalmente, si presentino tutte le condizioni
favorevoli. che permettono di astenersi da tutti i cibi -ma mai dall' acqua- per una durata notevole di
giorni. Cosa che opportunamente giudicherà il medico e/o lo specialista esperto del digiuno
terapeutico, I quali esamineranno scrupolosamente l’aspirante digiunatore. e ne verificheranno l'
idoneità per una terapia che costituisce, di per sé, nel suo fieri, una situazione di stress per l’ intero
organismo, anche se solo transitorio, e finalizzato all’esito di guarigione dallo stato di malattia.
A mio parere, per me che sono intimamente convinto della bontà del digiuno terapeutico, la
principale barriera da abbattere è la prevenzione verso l’astinenza totale dai cibi. Una tale
prevenzione è largamente diffusa, radicata un pò in tutti gli animi in maniera abbastanza profonda,
dal momento che tutti siamo stati abituati, sin da piccolissimi, ad identificare la vita con
l’assunzione dei cibi. Si tratta di veri e propri “Idola mentis” da abbattere, se si vuole fare spazio
alle nuove idee. E, d’altra parte, è pur vero che, se non si mangia, si muore per inanizione, per il
fatto che alla macchina umana —ma anche a tutte le macchine biologiche the costituiscono i
viventi-, viene a mancare il carburante, quando si digiuna, perché non c’é l’ introduzione
nell’organismo dei nutrienti che alimentano Il metabolismo, con il quale si identifica la vita
biologica In verità, qui non si mette assolutamente in discussione un fatto che è, di per sé.
lapalissianamente evidente. il punto, però,è un altro: non si intende, per digiuno terapeutico,
un’astensione dal cibo “sine die”, cioè per sempre. Intanto, l’assunzione di acqua o di altri liquidi,
come i succhi centrifugati e le tisane nel metodo Breuss, è un fattore che non viene mai escluso nei
digiuni fatti per guarire dalle malattie; e poi -e questo è il punto fondamentale-, si tratta sempre di
"digiuni a tempo determinato”, nel senso che viene un memento nel quale il terapeuta pone fine
all’astensione dal cibo, sulla base di precisi parametri, che indicherò puntualmente nel corso della
trattazione, Per quella che è la posizione della scienza ufficiale nei riguardi del digiuno,citerò, tra gli
altri, il biochimico Lehninger. per quanto egli riporta sull’argomento del digiuno in alcune
importanti pagine del volume “Biochimica”, preziosa fonte di studio per I curriculari delle facoltà di
medicina e chirurgia Si parla di 42 giorni di digiuno, brillantemente superati da volontari, studiati e
seguiti: guarda caso, Mosè e Cristo digiunarono 40 giorni, Breuss stabilisce 42 gioni (!) di digiuno
per l’eliminazione totale delle masse neoplastiche, Ghandi ha digiunato varie voile per sei settimane
(!), moltissimi digiunatori seguiti dagli Igienisti della scuola di Shelton hanno digiunato, con
successo, più o meno per la stessa durata di giorni.

5
Lo scopo di questo mio lavoro, e mio intimo desiderio e augurio, è quello di riuscire a contagiare il
lettore, perché la mia sensibilità per l’argomento del digiuno terapeutico possa divenire di tutti
quelli che leggono senza preconcetti, o grettezza mentale e culturale. Con ciò non intendo,
naturalmente, tacciare di limitatezza generale e intellettuale quelli che non accetteranno quale valida
l’ipotesi esposta nella trattazione, semplicemente dico che è, per me, fonte di gioia il pensiero che ci
saranno certamente spiriti ricercatori che, trovando interessante quanto esposto nel libro
approfondiranno l’argomento. rendendolo anche eventualmente operativo Dichiaro, poi, il mio
rispetto per quelli che non condivideranno la mia convinzione.
L’uomo di cultura, l’intellettuale, il medico, il ricercatore che si convincono della logica che anima
l’esposizione della tesi di cui io sono persuaso, che, cioè, il digiuno sia dotato di efficacia
terapeutica, percorrendo idealmente il cammino già percorso da me, potranno, se lo vorranno,
abbattere con relativa facilità gli “idola mentis”, cioè i preconcetti radicati in noi, che ci fanno
ritenere comunemente nocivo, dannoso, e controindicato, il digiuno. Non altrettanto potrà fare
l’uomo comune, che non è in possesso di quegli strumenti mentali che, soli, possono far crollare i
fantasmi della mente, quelli che incutono timori e paure nei riguardi dell’astensione dal cibo,
proposta qui quale via per conseguire la salute. Il camice bianco, il protocollo, la clinica, potrebbero
essere i cavalieri capaci di fugare i suddetti fantasmi della mente. Vediamo come e perché. Il
camice bianco è il medico, la cui figura esercita un potere quasi magico nei confronti dell’
ammalato; la sua parola, in molti casi, riesce da sola a farlo guarire. Se il medico dice che il digiuno
fa bene, tutti i dubbi dell’ammalato svaniranno come la nebbia al vento.Il protocollo è garanzia di
un metodo scientifico che rispetta determinate regole, sottraendo ogni terapeutica al capriccio del
singolo curatore. La clinica, con la sua complessa struttura organizzativa, con la sua strumentazione
generalmente altamente tecnologica, con il reparto di eventuale pronto soccorso, fa sentire
l‘ammalato che digiuna ben protetto, e garantito da sgradevoli sorprese, che si possano temere
allorché si intraprende la via dell’astensione totale dal cibo. Se, poi. l’ammalato che decide di fare il
digiuno per guarire è un uomo provvisto di tutte quelle doti che lo rendono autosufficiente -il
carattere volitivo, il buon senso. il dono del discernimento, una eventuale discreta cultura di basela clinica può benissimo essere sostituita dalla propria abitazione, lasciando che a seguirlo sia il suo
medico di fiducia, che operi in armonia combinata con lo specialista, esperto del digiuno
terapeutico, nel caso che non lo sia egli stesso L’ambiente familiare sarebbe da preferirsi alla
clinica, ma non tutti hanno quella sufficiente forza interiore per essere capaci di portare avanti la
terapia del digiuno senza il supporto psicologico dei camici bianchi di una clinica. La testimonianza
dei grandi della storia che hanno digiunato, le tante migliaia di esperienze di digiuno terapeutico
documentate dagli Igienisti sparsi in tutto il mondo, il digiuno sperimentale condotto dalla scienza
ufficiale, gli straordinari risultati ottenuti da Rudolph Breuss nella sua lunga ricerca applicata quale
oncologo empirico: spero che tutto questo possa diventare argomento sufficiente a convincere il
lettore che il digiuno perlomeno non è nocivo. Naturalmente, la conclusione più logica dovrà invece
essere che il digiuno, mentre che certamente non è dannoso, è sicuramente anche terapeutico; e che
potrebbe costituire, in alcuni casi, anche la sola via da seguire, secondo il motto “a mali estremi,
estremi rimedi”.

6
IL DIGIUNO NELLA BIBBIA
“Quando io salii sul monte per ricevere le tavole di pietra, quelle tavole del patto che il
Signore.aveva stabilito con voi, io rimasi sul monte quaranta giorni e quaranta notti, senza né
mangiare pane, né bere acqua ….Io dunque discesi dal monte che divampava, e tenevo nelle mie
due mani le due tavole del patto. Guardai, ed ecco voi... vi eravate fuso un vitello di metallo... . Io
allora presi le due tavole e le spezzai sotto i vostri occhi. Poi mi prostrai per terra davanti al Signore
come prima, per quaranta giorni e quaranta notti; non mangiai pane, né bevvi acqua.... Siccome voi
continuaste ad essere ribelli. io mi prostrai a terra davanti al Signore per quaranta giorni e quaranta
notti, perché il Signore aveva detto di volervi distruggere”.
Queste le parole di Mosé, riportate in Dt. 9, 9;I6,l8;25. Nel momento ispirativo, quando l’intuitività
dell’uomo Mosé deve sfondare il cielo per poter leggere presso la sapienza di Dio le parole della
legge da dare agli uomini, perché avanzino sul cammino dell’evoluzione, allorché la storia
dell’umanità sta per fare un passo decisivo in avanti, Mosè sente il bisogno di trovarsi nelle migliori
condizioni psicofisiche per essere all’altezza della situazione, per poter dare pienezza all’evento
straordinario che stava per verificarsi. E digiuna. Quando, poi, confronta l’elevatezza della legge di
Dio con lo status di inevolutezza dell’uomo di allora. rappresentato dal popolo ebreo in quel
determinato momento storico, il suo spirito ribolle d’ira; il disappunto di Dio egli lo sente dentro di
se e si agita grandemente. Avverte la necessità di calmare i suoi bollori, di avere il giusto equilibrio,
per potere guidare il popolo ribelle e primitivo verso mete più elevate, senza essere egli stesso
ribelle, anche se ribelle di Dio, per una giusta causa, contro un popolo ribelle. E digiuna
nuovamente. A noi interessa sottolineare due cose: l’una e il fatto del digiuno in se stesso, praticato
da Mosé per due volte di seguito, della durata di quaranta giorni e quaranta notti ciascuno. L’altra
cosa da sottolineare é che i due digiuni sono serviti a Mose per rendere la sua mente particolarmente
lucida per l’eccezionale incontro con Dio, la prima volta, e per riequilibrarlo psicologicamente, Ia
seconda volta, quando il popolo dalla dura cervice gli faceva perdere continuamente il controllo dei
nervi. In altri termini, l’effetto ultimo del digiuno Si concretizza in migliorate capacità intellettive e
psicologiche, passando attraverso una radicale attivitá depurativa del sangue e dell’organismo “in
toto”: evidentemente, Mosé conosceva quel principio che riguarda la stretta relazione di
interdipendenza tra le condizioni di salute del corpo e lo status di efficienza dello spirito, che oggi
esprimiamo con il motto “mens sana in corpore sano”.
Come Mosé, Gesù. II grande digiuno del nuovo testamento é quello che fece Gesù nel deserto,
astenendosi dal cibo per quaranta giorni e per quaranta notti, dopodiché ebbe fame. In Mt. 4,1-2
leggiamo: “Allora Gesù fu condotto dallo spirito nel deserto per essere tentato dal diavolo. dopo di
avere digiunato quaranta giorni e quaranta notti, finalmente ebbe fame”. Da notare che è lo spirito
che induce Cristo a digiunare. e lo scopo è quello di metterlo nelle condizioni ottimali per potere
affrontare il maligno. Il che equivale a dire che il digiuno è un’esigenza che parte dal profondo,
suggerito all’uomo dal suo io più vero, quello che guida l’uomo-“ mens agitat molem”-, e che esso
è il metodo più valido e più breve ,tutto sommato, perché la mente acquisti una potenza tale in
lucidità e in capacità logiche e psicologiche, per affrontare situazioni particolarmente difficili; come
è il caso di chi si trova ad un bivio di importanza storica e metastorica di Gesù che deve scegliere
tra la via della testimonianza che conduce inevitabilmente alla croce, e la gloria e la potenza di
questo mondo. Il digiuno di Gesù -come quello di Mosé- insegna che:
1. E’ possibile un’astensione dai cibi per la durata di quaranta giorni e quaranta notti, bevendo solo
acqua;
2. Il digiuno non fa male;
3. Anzi. al contrario,il digiuno fa bene, in quanto rende l’individuo così sano anche di mente, da
metterlo in condizioni di affrontare situazioni particolarmente difficili della vita.
Nè si dica frettolosamente” ma Gesù è Gesù". perché il Gesù che digiuna nel deserto è tanto uomo

7
da sentire il bisogno di potenziare il suo corpo ed il suo spirito per poter far fronte ai subdoli
attacchi del maligno.
E’ l’uomo Gesù che digiuna, indicando agli uomini di tutti i tempi futuri la via maestra per la salute
del corpo e dell’anima contemporaneamente: è questa la mia convinta lettura dell’evento biblico del
digiuno di Gesù nel deserto. L'inquinamento massimo dell’uomo è espresso, nei vangeli, attraverso
l’immagine della possessione diabolica: ebbene, per disinquinare l’individuo radicalmente, fin
nell’anima più profonda, Gesù indica la via del digiuno e della preghiera, quali unici strumenti
veramente validi ed efficaci. "Questa specie di demone non può uscire con nessun altro mezzo se
non con la preghiera ed il digiuno”: il giovinetto guarito da Gesù, liberato da questa specialissima
genìa di “demoni”, è un epilettico sin dall’infanzia, tormentato da gravi e continui fasi acute della
sua particolare infermità. Neppure I discepoli di Gesu erano riusciti a guarire il giovinetto.
Proponendo il digiuno e la preghiera, è come se Gesü dicesse “a mali estremi, estremi rimedi”.
tant’e, evidentemente, alta considerazione che aveva Gesü per il digiuno, associato alla preghiera,
per la soluzione di situazioni patologiche gravi. E fu anche per questo che Cristo non penso mai di
abolire la pratica del digiuno, come si può dedurre dalla lettura di Mt.9,15; 6,16 “Verranno poi dei
giorni, quando essi (i discepoli) digiuneranno”; “quando poi digiunate...”; "ma tu, quando digiuni...
E’ “mentre digiunavano” che lo spirito ispira gli Anziani, responsabili della Chiesa di Antiochia,
perché scelgano, senza tentennamenti, Barnaba e Paolo, quali propagatori del Vangelo tra i Gentili;
l’imposizione delle mani su questi due, e la loro consacrazione ufficiale ad un compito cosi delicato
e difficile, avviene “dopo di aver digiunato e pregato” [At. 13,3 - 14.22].
Ancora una volta sono il digiuno e la preghiera il protocollo seguito per essere nelle condizioni
ideali di mente e di corpo per poter operare scelte di una importanza fondamentale a riprova non
solo della sicura innocuità del digiuno, ma anche e soprattutto della sua, a questo punto,
documentata e inequivocabile utilità pratica. Paolo continua a digiunare anche in seguito, per essere
degno ministro della comunità (2Cor. 6,5). ed anzi i suoi digiuni sono anche “frequenti”
(2Cor.11,27).
Nel Vecchio Testamento ha digiunato Davide, ed anche con rigore [2 Sam. 3,35; 12,16; Sal. 35,13];
Neemia afferma:”rimasi afflitto molti giorni, digiunando [Neem. 1,4]; Esdra intima un digiuno
[Esd. 8.21]. Giuditta digiunava tutti i giorni della sua vedovanza, tranne la vigilia dei sabati e i
sabati, Ia vigilia delle neomanie e le neomanie, le feste e le ricorrenze del popolo d’Israele [Gdt.
8,6] da notare che ella era vedova da tre anni e quattro mesi. Daniele scrive: “Non presi cibo
delicato, ne carne, né vino, ne feci uso d’unguenti nel corso delle tre settimane…”[Dn. 10,30]; gli
uomini valorosi diJabes, nel Galaad, digiunarono per sette giorni [1 Sam. 31,13]; altre volte è tutto
il popolo che digiuna [Gdc. 20.26; Ger. 36,9]. E’ una digiunante, la profetessa Anna, a salutare il
Messia in fasce, ne tempio di Gerusalemme: “rimasta vedova, e giunta all’età di 84 anni,... serviva
Dio notte e giorno con digiuni e preghiere” [Lc. 2,37].

8

IL DIGIUNO SPERIMENTALE
A Boston, negli Stati Uniti, G. F. Cahill e i suoi collaboratori hanno eseguito studi metabolici
quantitativi su volontari umani tenuti a digiuno per lunghi periodi, in condizioni ospedaliere
controllate; i risultati di tali studi sono stati riportati da Albert L. Lehninger (“Biochimica”
Zanichelli 1984, pp. 761-764). I volontari, tenuti a digiuno per sei settimane, cioè per 42 giorni, solo
a partire da questo momento hanno evidenziato l’instaurarsi della fase più grave del digiuno,
quando si è cominciato ad osservare che, una volta consumata la scorta di trigliceridi, le necessità
energetiche, basali devono essere soddisfatte dalle proteine corporee; è a questo punto che le masse
muscolari, la fonte maggiore di proteine, sono attaccate a fondo. Questa è la terza ed ultima fase del
digiuno, e porta inevitabilmente alla morte.
Quando l’organismo viene posto in una situazione di stress del tipo di un digiuno prolungato, il
problema principale da risolvere è il rifornimento energetico del cervello, il quale consuma
quotidianamente circa 140 gr. di glucosio, essendo questo la sua unica fonte di energia in condizioni
normali. La quantità di glicogeno e di glucosio presente nel corpo è in grado di fornire energia per
le necessità basali per meno di un giorno; I trigliceridi invece, in teoria, possono fornire energia per
più di 70 giorni, in un adulto normale di 70 kg. di peso corporeo, ma essi non sono in grado di
essere convertiti in glucosio. Alcuni aminoacidi, detti glicogeni , sono capaci di essere trasformati
in glucosio net fegato; e difatti sono essi i primi fattori biochimici ad essere utilizzati
dall’organismo per fornire il carbonio per il metabolismo delle cellule nervose.
Gli aminoacidi glicogenici derivano dalla degradazione delle proteine, le quali diventano, perciò, Ia
prima fonte per Ia produzione di glucosio. Se non intervenissero, però dei meccanismi di
adattamento metabolico, capaci di far risparmiare il consumo delle proteine, che nella prima
settimana di digiuno è di circa 100 grammi al giorno, il corpo potrebbe sostenere il digiuno forse
soltanto per 30 giorni. Tuttavia, verso la 4°- 6° settimana di digiuno, si osserva un importante
processo di adattamento metabolico allo stress del digiuno: nelle cellule nervose avviene Ia
depressione di alcuni enzimi, capaci di utilizzare i corpi chetonici quale principale fonte di energia,
accanto al glucosio. I corpi chetonici vengono ricavati dalia ossidazione degli acidi grassi net
fegato, i quali derivano dalla degradazione dei trigliceridi, che diventano quindi la principale fonte
energetica dell’organismo nelle fasi più delicate del digiuno; ed è per questo che il digiuno può
protrarsi fino a quaranta giorni, e molto oltre.
Da quanto brevemente esposto qui sulla risposta metabolica dell’organismo posto in situazione di
stress da digiuno, si può dedurre perlomeno quanto segue:
1)il digiuno è possibile;
2)il digiuno non è nocivo;
3) il digiuno può protrarsi per almeno quarantadue giorni, senza che si determinano nell’organismo
situazioni di pericolo di morte.
Si può, certo, obiettare che il digiuno descritto sopra è stato condotto in condizioni ospedaliere
controllate, e che si tratta di volontari sani e non di soggetti ammalati Ebbene intanto ci conforta
molto che la scienza ufficiale ha sperimentato Ia possibilità e la innocuità di digiuni prolungati; ci
colpisce la straordinaria coincidenza della durata del digiuno dei volontari umani di Boston con i
quaranta giorni del digiuno illustre di Mosè e di Cristo. Quanto ai fatto che qui si tratti di soggetti
sani, e non di volontari ammalati e quindi che non sia stato esaminato il digiuno terapeutico
riguardante individui ammalati, questo argomento sarà ampiamente trattato negli appositi prossimi
capitoli.
Sono risalenti al secolo scorso le documentazioni scientifiche relative al digiuno sperimentale,
prodotte in centinaia di pubblicazioni, quale frutto di approfondite ricerche condotte con rigore
scientifico tanto in Europa, specialmente in Germania. quanto in America: E’ quanto possiamo
leggere nel prezioso volume “II digiuno terapeutico” —Si veda Bibliografia- assieme alle altre

9
utilissime informazioni che seguono. tra i ricercatori scientifici più impegnati in questo campo
vengono citati Sergius Morgulis, professore di biochimica alla facoltà di Medicina dell’Università
del Nebraska; il professore Child, dell’Università di Chicago, Herbert Lidney Larggied,
dell’Università Harvard; il dott. Frederik M. Allen dell’istituto Carnegie, Luigi Luciani, professore
di filosofia presso l’Università di Roma e Victor Peshintin, direttore dell’Accademia medica
militare imperiale della Russia pre-rivoluzionaria. Segue un elenco nutrito di altri ricercatori
scientifici del secolo scorso, che hanno condotto studi sperimentali soprattutto sul digiuno di
animali, e in misura ridotta sul digiuno di esseri umani. Ma è molto interessante leggere che,
accanto a questi studiosi di laboratorio, sempre sullo scenario del secolo scorso, si può vedere una
schiera di medici che utilizzano il digiuno a scopi terapeutici, con i loro pazienti, net corso della
loro attività medica quotidiana. Ira gli altri, vengono ricordati i dottori Isaac Jenning, Joel Shew,
Russel Tracker Trail, Robert Walter, Henry S. fanner, Edward Hooker Deway. Nel 20° secolo, la
loro opera fu seguita e continuata dalla dottoressa Linda Hazzard, dai dottori Hereward Carrington,
Eugene A. Bergholtz di Milkankee, Wisconsin; John Tilden, di Denver, Colorado; William Howard
Hay, di Mount Pocana, Pennsylvania; George S. Weger, di Redlands, California. Relativamente ai
tempi più recenti, viene citata l’attività del dottor Herbert M. Shelton, di San Antonio, Texas, e dei
dottori Esser, Benesh Mc Eachen, Gross e Scott.Il risultato globale è quello di decine di migliaia di
digiuni assistiti. e la produzione di un interessantissimo materiale scientifico, relativo alla validità
terapeutica del digiuno.

10
IL DIGIUNO TERAPEUTICO: DUBBI E QUESITI.
QUESITO N°1: Come è possibile che senza mangiare si possa sopravvivere?
Chi ci offre la garanzia della non pericolosità del digiuno?
QUESITO N°2: Ci si indebolisce nel corso del digiuno?
QUESITO N°3: Il dolore aumenta durante il digiuno?
QUESITO N°4: Si soffre la fame nel corso del digiuno?
QUESITO N°5: Quando il digiuno deve essere interrotto?
QUESITO N°6: Si può digiunare da soli senza l’assistenza di un esperto?

L’individuo che volesse seguire la via del digiuno controllato per vincere una situazione di
malattia, potrebbe porre a buon diritto e preliminarmente, alcune precise domande al terapeuta, che
dovesse eventualmente proporsi di accompagnarlo lungo il percorso più o meno lungo dell'
astinenza dai cibi. Egli chiederà che gli si tolgano alcuni dubbi, sorti nella sua mente, dovendo egli
seguire un metodo di terapia che, è, perlomeno singolare rispetto ai protocolli terapeutici ufficiali. I
quesiti potrebbero essere formulati nel modo seguente:
1)Come è possibile che, senza mangiare si possa sopravvivere? Chi ci offre la garanzia della
non pericolosità del digiuno?
3)Il dolore aumenta durante il digiuno?
4)Si soffre la fame nel corso del digiuno?
5)Quando il digiuno deve essere interrotto?
6)Si può digiunare da soli, senza l'assistenza di un esperto?
Proviamo a rispondere esaurientemente a ciascuno dei quesiti ipotizzati.

QUESITO N°l Come è possibile che, senza mangiare, si possa sopravvivere?
Chi ci offre la garanzia della non pericolosità del digiuno?
Il problema posto qui è di importanza fondamentale, e merita una riflessione più approfondita.
Esso trova la risposta nel detto latino “contra factum non valet argumentum": è stato ampiamente
documentato dalle testimonianze di coloro che hanno digiunato per periodi anche molto lunghi, che
il digiuno è possibile, e che il suo esito non è mai la morte quando esso sia opportunamente
interrotto ad un certo momento del suo percorso. Hanno digiunato figure grandi e meno grandi
della Bibbia; per sei settimane si sono astenuti dal cibo i volontari, di cui alle pagg….
Sono stati tanti i digiunatori seguiti dal naturalista austriaco Rudolf Breuss; digiunatori, questi
ultimi, davvero speciali, essendo essi tutti ammalati di tumori benigni o maligni, accompagnati fino
alla guarigione totale, stando alle testimonianze prodotte, documentate e pubblicate nel libro di
Breuss , di cui nella bibliografia. Confronta la convinta affermazione del biochimico svedese dott.

11
Ragnar Berg, premio Nobel, relativamente alla sicurezza della pratica del digiuno quale metodo di
terapia: "una persona può digiunare per lunghi periodi di tempo; per cui non bisogna avere paura
che si possa morire di fame”. J.H. Tilden, fondatore di una famosa scuola di Igiene e Salute a
Denver nel Colorado è senza tentennamenti che afferma: "Dopo 55 anni trascorsi nel selvaggio
mondo delle terapie mediche di tipo farmacologico, sento la necessità di dichiarare, senza paura di
essere smentito, che Il digiuno rappresenta l'unico strumento di terapia più sicuro per l’ uomo”.
Gli fa eco il medico dott. Felix H. Osward, quando sostiene: “il digiuno rappresenta il migliore
sistema rinnovatore. Tre giorni di digiuno all’anno purificano il sangue, ed eliminano le tossine, più
efficacemente di cento bottiglie di soluzioni purgative”.
Ho raccolto queste tre testimonianze tra le tante riportate nel volume "Il digiuno può salvarvi la
vita” vedi bibliografia - che è uno delle dozzine di libri scritti dal pioniere dell’igienismo Herbert
M. Shelton , e certamente uno dei più interessanti.
Nello stesso volume, l’autore ricorda ai lettori quanto la pratica del digiuno affondi le sue radici in
un lontanissimo passato : “Negli antichi templi egiziani e greci e in tutti i paesi del Mediterraneo ,
Si utilizzava il digiuno quale pratica terapeutica ; del digiuno terapeutico si parla anche nell’opera
di Omero. Il digiuno veniva consigliato dai medici arabi durante il buio medioevale .I medici
napoletani fino a circa 150 anni fa, erano soliti utilizzare i digiuni, a volte questi digiuni duravano
fino a quaranta giorni nei casi di pazienti sofferenti di febbre.
Il quadro dei digiunatori nella storia non recente è completato da un breve excursus che si può
leggere ne "Il digiuno terapeutico” - vedi bibliografia - a partire dalle antiche civiltà del bacino
mediterraneo; Si usa , nelle citazioni, l’espressione "si dice” , in quanto non vengono riferite le fonti
storiche alle quali, si sono attinte le notizie riportate.
Platone e Socrate avrebbero digiunato per dieci giorni, “per ottenere offerenze mentali e fisiche”;
Platone digiunò per 40 giorni, “prima di sostenere il suo esame all’Università di Alessandria”, e
pare che ponesse la condizione del digiuno a quanti chiedevano di andare a far pane della sua scuola
Pare che gli antichi Egiziani curassero la sifilide mediante il digiuno, e che Ippocrate di Cos usasse
preservare questo metodo per far superare al pagante le fasi acute della malattia.
Oselepiade e Tessalio impiegavano il digiuno; Celso pare ebbe utilizzato il digiuno per il
trattamento utenzia e epilessia: Tertullio descrisse il digiuno quale strumento terapeutico; Plutarco
ebbe a dire : “Invece di prendere medicine , digiunate per un giorno”. Si dice che il medico arabo
Avicenna usasse prescrivere digiuni della durata di 3-5 settimane per volte. Il medico svizzero
Paracelso ( xv ° secolo ) ritrova il digiuno “il più grande rimedio per vincere le malattie”, grande
rimedio” per vincere le malattie ; il dottore Hoffman ( sec. xv ) scrisse il libro “De scriptior of the
magnificent risults attained trough fasting in all desensi”, nel quale sono descritti i magnifici
risultati ottenuti attraverso il digiuno nel trattamento di ogni genere di malattia.
Nel secolo diciottesimo il dottor Anton Nikolei raccomandava di non mangiare a coloro che si
trovavano in uno stato di malattia; più tardi ancora il russo dott. Seeland, dopo una maturata e lunga
esperienza , poté scrivere di essere giunto alla conclusione che il digiuno é per se stesso una terapia
del grado più elevato.
Concludono il breve excursus storico due citazioni , l’una del dottore tedesco Adolph Mayer, che
disse : “Il digiuno è il mezzo più efficace per correggere le malattie” e l’ altra del dottor Moeller,
che scrisse: “Il digiuno è il solo metodo curativo che, attraverso una pulizia sistematica, ti fa
ritornare gradualmente alla normalità fisicologica.

12
Shelton è un’autorità nel campo del digiuno: a partire dal 1520,nel corso di circa 45 anni di attività
medica, ha seguito di persona migliaia di digiuni - si parla di 30.000 casi di digiuni assistiti che
andavano da un minimo di pochi giorni , ad un massimo di novanta
condotti tanto per combattere l’obesità, quanto per recuperare la salute perduta per patologia della
più svariata natura. L’esperienza maturata in tanti anni di pratica all’interno del movimento
igienista, lo ha naturalmente condotto alla radicata e dichiarata convinzione che “il digiuno
constituisce una forza costruttiva da utilizzare e sviluppare come parte integrante della vita
moderna”. A Robagliati fu oltre quello che egli stesso pensa di coloro che criticano il digiuno: “Le
critiche più comuni rivolte al digiuno vengono scritte da gente che non ha mai saltato un pasto nella
vita”.
Iniziatore del movimento igienista è riconosciuto Sylvester Graham, vissuto nell’ottocento, il quale
ha dato il via alla crociata sulla salute e l’igiene, nel senso dell’Igienismo, nel 183l,con la
pubblicazione del libro “Scienze of human life”.
Da allora ad oggi ne è passata di acqua sotto i ponti del Tevere, gli Igienisti hanno maturato una
grossa esperienza in materia al digiuno terapeutico, i risultati di tanto lusso di
sperimentazione,svolto non solo negli Stati Uniti, ma in molte nazioni sparse in tutto il mondo, è
stato raccolto, coordinato, memorizzato, e quindi conservato per essere messo a disposizione di tutti
i ricercatori interessati ad approfondire l’argomento del digiuno quale metodo di terapia, dall’
ANSH, sigla che deriva dall’ inglese American Natural Hygiene Society, l’Associazione
internazionale dei professienisti di Igiene Naturale.
Essa mette a disposizione del pubblico nomi ed indirizzi di professionisti esperti del digiuno
terapeutico, residenti sia negli Stati Uniti d’America ,sia in altre nazioni del mondo. In Italia, è l’
“Igiene Naturale S.r.l.” ,con sede a Gildone (Cb), via Roma 61 [cap.86010; telefono 0874 fax
]; che svolge ,quale servizio pubblico, quest’ opera di informazione, comunicando a quanti lo
desiderano la lista del cosiddetto Servizio Professionale Referenziale d’Igiene Naturale ,che
corrisponde all’ANHS,di cui sopra . L’ “Igiene Naturale S.r.l” è una casa editrice che diffonde
attraverso le sue pubblicazioni, il pensiero di Schelton ,di Tilden, di altri igienisti, e del movimento
d’Igiene Naturale in genere . Tra gli altri libri, ho trovato particolarmente utile per l’informazione
sul movimento igienista e sul digiuno terapeutico in particolare volumi riportati nella Biografia , e
soprattutto il volumetto di sintesi “Il digiuno terapeutico”.
In questo prezioso opuscolo, sono riportate testimonianze che, da sole , sono in grado di fugare ogni
dubbio sulla validità e sulla innocuità del digiuno terapeutico. Tra le altre testimonianze, è riportato
a pag. 55 l’esperienza della dottoressa Linda Bunfield Hazzard, La quale ebbe modo di assistere
2500 pazienti, dei quali solo 18 morirono durante il digiuno, ma nessuno di essi è dovuto a causa
del digiuno : costoro erano ormai in uno stato tale di malattia e da uno stadio così terminale da non
poter essere salvati da nessuna terapia, ma solo da un intervento miracoloso; II digiuno era stato
tentato come “extrema et unica ratio”. A pag. 19 é ricordata la eccezionale esperienza del dott.
Shelton,la quale “probabilmente supera quella di qualsiasi altro medico della storia” consistendo
essa nel record di oltre 30.000 casi di digiuno assistiti -come già menzionato precedentemente -.Ad
alcune migliaia ammontano i casi di digiuno portati avanti sotto il controllo medico nel grande
sanatorio Pocana Haven, di Mount Pocana,mentre era direttore il dott. William Howard Hay;
ammontano ad un totale di oltre 5.000 pazienti seguiti nel loro digiuno presso il sanatorio del dott.

13
George S Weger. H dott. John M. Tilden ha assistito migliaia di digiuni ,descritti nelle sue
pubblicazioni nel corso di varie decadi, sia nella sua clinica di Denver - nel Colorado,che presso la
grande clinica Bergholtz di Milwaukee, nel Wisconsin, fondata dal dott. Eugene A. Berghaltz.
Concludendo,poi, il breve excursus, si parla di tanti altri medici che hanno documentato “centinaia
o migliaia di digiuni”.
Un egregio lavoro di tipo statistico è stato fatto dal dott. James Mc Eaclan nel suo sanatorio presso
Escondido, in California; dal dott. Robert R. Gross, Direttore del William L. Esser, direttore di un
sanatorio nella Florida. In una tabella esemplificativa, stampata sulla copertina posteriore dell’
opuscolo in oggetto, sono riportati i risultati del lavoro di assistenza di 1406 casi di pazienti
digiunanti, tutti tra i digiuni assistiti dei dottori di cui prima, nelle rispettive cliniche , i casi di “non
restitutio ad integrum”, cioè di non guarigione, sono una settantina in tutto. Una percentuale, questa,
davvero molto esigua, anche tenuto conto che, - come è chiarito sullo stesso volumetto e
sottolineato anche in altri testi della stessa casa editrice-,molti dei casi non risolti riguardano
pazienti che, o per motivi economici, o per altre ragioni soggettive, hanno interrotto il digiuno
prima del tempo considerato necessario perché l’ astinenza dai cibi desse i suoi risultati definitivi.
Colite, sinusite, anemia, emorroidi, artrite, bronchite, malattie renali, tumori benigni, cardiopatie,
asma, ulcere, febbre da fieno, gotta, calcoli biliari, costipazione, psoriasi, vene varicose, eczema,
insonnia : queste le malattie elencate nella tabella oltre a casi di cancro, giunti tutti e cinque a
guarigione completa, come pure i 195 casi di ipertensione o i 14 casi di diabete, 6 casi di
appendicite, i 36 di varie forme di epatite, i 32 casi di "disordini mentali”, 21 di dispepsie, gli 8 di
gonorrea. Su otto casi di sclerosi multipla, ben 5 sono giunti a guarigione, o sono naturalmente
migliorati; solo nel caso di cataratta, l’ unico trattato, non è stato risolto dalla terapia del digiuno.
Dei digiuni assistiti dal dott. Esser, il più corto fu di 5 giorni, il più lungo durò 55 giorni.
Se è vero che una sola rondine non fa primavera, è pur vero che uno stormo di rondini, o meglio una
serie di stormi. sono un autentico annuncio della primavera; per nostra buona sorte, le voci raccolte
a testimonianza della valorità del digiuno terapeutico, e della sua certa non pericolosità,
costituiscono un coro che, all’ unisono e in armonia, ripete che non dobbiamo avere paura di questo
singolare metodo di trattamento delle malattie, perché esso è sicuramente efficace, innocuo, tutto
sommato agevole da eseguire; dal momento che sono state tante migliaia le persone che hanno
digiunato per guarire. Sulla base delle testimonianze citate, si può serenamente concludere che non
solo il digiuno non fa morire, e che non è per niente pericoloso, ma che esso è anzi un valido
strumento di terapia delle più svariate patologie. Sarà ora più facile rispondere ai quesiti successivi
a questo, al quale credo sia stata data una risposta più che soddisfacente.

14
Quesito N° 2: Ci si indebolisce nel corso del digiuno?
Abituati, come siamo, ad associare all’ assunzione di cibo la presenza di forza fisica
nel nostro organismo, possiamo credere che il digiuno faccia diminuire
progressivamente le nostre forze, via via che progrediamo nell’ astensione del cibo E'
sorprendente, invece, assistere ad un fenomeno che è precisamente il contrario di
quanto ci Si potesse aspettare. Nel libro “II digiuno terapeutico”- vedi bibliografia-,
alla pag. 60, leggiamo un piccolo brano che illumina e convince: “i famosi boxers di
un tempo, il peso massimo Harry Wills ed il peso piuma Freddy Welsh. usavano
entrambi digiunare nel corso dei loro allenamenti. Nel 1913, Mac Fadden
supervisionó un digiuno di sette giorni di alcuni atleti che all’ ottavo giorno si presentarono al
Madison Square Garden per eseguire della gare di atletica, riguardanti soprattutto sollevamento
pesi, e raggiungendo livelli che sarebbero stati eccezionali anche per i migliori atleti in condizioni
normali. Fu in questa occasione che Gilbert Low. dopo aver interrotto il suo digiuno al termine
dell’ottavo giorno, stabilì nove records mondiali per forza e resistenza”.
Ancora una volta sono i fatti a parlare da soli e, spero, a convincere Gli specialisti dell' Igiene
Naturale hanno visto pazienti, portati nelle cliniche del digiuno sulle barelle, camminare da soli
entro poche settimane. Rudolf Breuss, che volle sperimentare anche su sé stesso gli effetti del
digiuno, confessò che non si era mai sentito così in forma di quando aveva digiunato. Gesù fece il
digiuno di 40 giorni e 40 notti nel deserto proprio quando aveva maggiore bisogno di energie non
solo spirituali ma anche fisiche, per potere affrontare adeguatamente il tour de force della cosiddetta
vita pubblica E' evidente che il digiuno, anziché togliere le forze fisiche, le rinvigorisce, le potenzia,
le fa aumentare.
La spiegazione fisiologica di un evento così sorprendente é da ricercarsi nel fatto che l' organismo
trasforma in potenza fisica, cioè muscolare, e in migliorate capacità mentali tutte le energie -e sono
tante-, che esso risparmia durante l’ astinenza dai cibi, per il fatto che l’ apparato digerente é posto
in uno stato di riposo forzato. Gli adattamenti metabolici che avvengono durante il digiuno
privilegiano le funzioni celebrali, in primis, e quelle muscolari ed emuntorie, in secondo luogo: di
qui un' esperienza di una maggiore lucidità mentale e di aumentate forze fisiche nel corso dei
digiuni.

Non hanno perso le forze fisiche, né tantomeno quelle mentali, gli operai, digiunatori volontari. di
cui nell’ articolo che riporto integralmente qui di seguito: “Il digiuno assoluto per una o due
settimane, abbinato ad una intensa attività fisica, dà ottimi risultati nella cura dell’ alcolismo: lo
affermano i medici della clinica narcologica numero 17 di Mosca, l' unica in tutta l’ URSS a
praticare questa terapia. Il primario della clinica, il dott. Ghennadi Babenkov. ha spigato che i
pazienti, tutti volontari, di giorno lavorano normalmente nelle rispettive aziende e di sera tornano in
clinica per farsi esaminare e per dormire. Per tutto il periodo della cura non mangiano niente, ma
bevono grandi quantità di acqua minerale, e prendono medicine che agevolano___l’ eliminazione
dei prodotti tossici dall' organismo. L' articoletto, dal titolo “Alcolizzati, digiunati” l’ ho letto su uno
straccio di giornale, che custodisco.

15
Quesito N° 3: Il dolore aumenta durante il digiuno?
Il problema del dolore nel corso di alcune malattie diventa a volte così grave e
drammatico che fa dire al paziente che non gli importa di guarire, ma solo che allevino
le sue sofferenze. Il digiuno ripaga più che bene il sacrificio dell' astensione dai cibi:
mentre ridona giorno dopo giorno la guarigione, nel contempo allevia la sofferenza, e,
in moltissimi casi, rimuove completamente tutti i dolori. E' questo un gran conforto
per tutti i sofferenti, e soprattutto per i pazienti terminali, per i quali l' unico vero
problema da affrontare e risolvere è il dolore, che assume, a volte delle intensità tali,
da fare invocare la morte sia all’ ammalato di tumore, sia a quelli che assistono a tanto
strazio. Nel già citato volumetto "Il digiuno terapeutico”, possiamo leggere: "La
maggior parte dei sofferenti di artrite si liberano dai gravi attacchi artritici entro
pochissimi giorni dall' inizio del digiuno”(p.33). II dott. Hazzard affermò che “un’
astinenza da cibo della durata da uno a tre giorni corregge un flusso mestruale
abbondante ; e quando non ci sia alcun difetto nel meccanismo di tipo autonomopatologico, si ottiene sollievo entro 24 ore, quando questo flusso è accompagnato dal
dolore"(p. 34); agli inizi del 1854, il dott Joel Shew ebbe a dire, a proposito della
"Hunger cure". cioè del digiuno terapeutico, che “non c'è niente al mondo che porti tanto sollievo
nel caso di emorroidi, di quanta ne porta il digiuno"( p. 37). Il digiuno “allevia il dolore” dei
sofferenti di vene varicose(p. 37); “il paziente con calcoli biliari trova sollievo dagli intensi dolori
solo dopo i primi giorni di digiuno”, i calcoli si ammorbidiscono, Si disintegrano, e passano
attraverso il dotto biliare fin nell’ intestino tenue”(p.38).
Sono stato testimone del caso di un paziente terminale, affetto da un carcinoma polmonare così
invasivo, che aveva ormai occupato completamente le due logge polmonari: oltre alle grosse
difficoltà respiratorie, l' ammalato lamentava la presenza di dolori diffusi ed intensi, che non gli
dava tregua né di giorno, né di notte. Consigliai, come “extrema ratio”, il digiuno terapeutico
secondo il metodo di Breuss, ma l’ ammalato non riuscì a prendere i succhi e le tisane prescritte con
la dovuta regolarità né riuscì a portare avanti per intero il digiuno terapeutico degli Igienisti perchè,
tra l’ altro, non riuscì mai a perdere completamente il senso della fame, come è invece in genere
previsto che avvenga già dopo pochi giorni di astensione dal cibo. Tuttavia nonostante che avesse
digiunato in una forma solo ridotta ed incompleta, quel paziente ebbe la gioia di vedere quasi
scomparire del tutto gli intensi dolori già a partire dai primi giorni del digiuno terapeutico,
giungendo a morte senza le gravi sofferenze, tipiche di questo genere di neoplasie.
Sulla base di questo breve excursus testimoniale; possiamo concludere serenamente che il digiuno
non solo non fa aumentare i dolori, ma li spegne sistematicamente; e per quanto le testimonianze
riportate si riferiscano a patologie specifiche, noi concludiamo ugualmente, per logica deduzione,
che il digiuno è efficace nel porre a tacere il dolore in tutte le malattie, ed a qualsivoglia stadio esse
Si trovino. Viene da pensare che gli alimenti, mentre nutrono l’ individuo, forniscono anche 1’
energia alle strutture nervose responsabili del dolore: viene meno il rifornimento esogeno, cessa il
dolore. Sembra quasi che le sensazioni dolorifiche siano un lusso che il corpo si può permettere solo
in presenza di una alimentazione normale, dal momento che esse scompaiono quando non c’è più
apporto esogeno di nutrienti. Per cui, vale la pena di soffrire un poco, e per poco, all’ inizio dell’
astensione dai cibi, per aver molto presto la gioia di vedere scomparire ogni dolore dal proprio

16
corpo ammalato, in attesa di una guarigione definitiva.

QUESITO N° 4: Si soffre la fame durante il digiuno?
Assolutamente no . Infatti, la fame normalmente scompare dopo i primi giorni di digiuno; d’ altra
parte è proprio questo evento della scomparsa dei morsi della fame che rende possibile l’ astensione
dal cibo per tempi che possono essere anche molto lunghi, perché se la fame non scomparisse,
nessuno sarebbe in grado di digiunare. Gesù, “dopo di avere digiunato quaranta giorni e quaranta
notti, finalmente ebbe fame”(Matteo- 4,1-2). 1 espressione “finalmente ebbe fame” presuppone,
naturalmente che Gesù la fame l’ aveva perduta nei giorni precedenti; quando, poi, gli ritorna il
senso di fame, egli è costretto ad interrompere il digiuno, e si espone alla tentazione del maligno,
che gli offre, in forma ricattatoria, qualcosa da mettere sotto i denti. Gesù comunque, riprende a
mangiare, anche se non nella maniera propostagli dal diavolo.
Il senso di fame in un organismo vivente si determina quale necessità assoluta e impellente di
mangiare quando vengono meno i rifornimenti dei nutrienti, i quali, metabolizzati, diventano il
carburante indispensabile all’ espletamento delle attività della vita di tutti i giorni. Il fatto che
durante il digiuno non si ha fame, Si spiega sulla base che, anche se non giungono dall’ esterno i
nutrienti, il corpo impara a sopperire alle sue esigenze energetiche utilizzando tutte le fonti
endogene rappresentate soprattutto dai lipidi e dalle proteine. Quando, con il prolungarsi del
digiuno, le fonti interne dell’ energia si sono completamente esaurite, ritorna impellente e
insopprimibile la fame che esprime la necessità assoluta di approvvigionamenti dall’ esterno, senza
por tempo in mezzo.
Molti stati di malattia comportano la scomparsa della fame; segno evidente che il corpo intende
risparmiare le energie che normalmente vengono spese per svolgere la completa funzione digerente
ed utilizzare le stesse per tutte le altre funzioni utili al superamento della malattia, per una più
rapida e completa “restitutio ad integrum” delle parti lese. E' per questo che non si deve insistere
perché mangino, con quegli ammalati, soprattutto bambini, ragazzi e adolescenti. che istintivamente
rifiutano il cibo, semplicemente perché non ne hanno voglia.
La natura provvederà da sola a lanciare il segnale che è giunto il momento di riprendere con l’
alimentazione; questo segnale è il senso di fame, che sta ad indicare che l’officina principale, del
metabolismo generale, rappresentata dall' apparato digerente, ha di nuovo aperto i battenti, dopo la
chiusura forzata "per malattia".

QUESITO N°5: Quando il digiuno deve essere interrotto?
Nessun digiuno è “sine die”, cioè senza un limite oltre il quale non si deve andare; come si prevede
un inizio dell’ astensione dai cibi, cosi esiste il momento in cui è necessario interrompere il digiuno,
per riprendere a mangiare. Rudolf Breuss ha stabilito in quarantadue giorni il limite entro il quale l'
ammalato di tumore benigno o maligno deve digiunare, prendere i succhi centrifugati e le tisane
prescritti, per poter vedere scomparire completamente la massa tumorale nel caso di malattie non
neoplastiche, invece, sono sufficienti, secondo Breuss, 21 giorni di astensione dai cibi, cioè giusto

17
la metà del tempo di durata della Total-Kur. E' singolare la scelta di un numero determinato di
giorni, ma è anche tranquillizzante per il paziente, il quale non deve preoccuparsi di scrutare le
proprie condizioni generali, e di attendere che il corpo dia i segnali della necessità dell’ interruzione
del digiuno.
La durata del digiuno terapeutico proposto dagli Igienisti è variabile. Due sono i segnali che stanno
ad indicare che è necessario interrompere il digiuno, perché si è giunti ad uno stadio tale, che tutte
le energie endogene disponibili sono state completamente esaurite, e se si insiste sul digiunare si va
inevitabilmente in contro alla morte. Sono due eventi fisiologici che si possono manifestare
contemporaneamente, oppure in successione; appena se ne evidenzia anche uno soltanto, è
necessario interrompere il digiuno. Essi sono: 1) ritorno della fame, cioè il risveglio del bisogno
impellente e insopprimibile di assumere dei cibi, che si era spento sin dai primi giorni del digiuno;
2)Il colorito roseo della lingua la quale, sistematicamente, nel corso del digiuno, è ricoperta da una
patina biancastra, ad esprimere che è in corso un radicale processo di svelenamento dell’organismo.
La rimozione della patina biancastra che ricopre la lingua inizia dal bordi e dal centro della lingua.
Nel contempo scompare anche l’alito cattivo, che durante il digiuno è particolarmente intenso, e sta
ad esprimere anch’esso al pari della patina biancastra della superficie linguale, che Il corpo sta
lavorando intensamente nell’opera di disintossicazione generale. Intanto, il polso si normalizza,
scompare il cattivo sapore che si sente nella bocca durante il digiuno, la temperatura diventa
normale, se per caso era precedentemente alterata, gli occhi diventano limpidi e lucenti, si
normalizza la secrezione salivare, l'urina diventa chiara.
Gli eventi, solo apparentemente anormali, che ritornano alla normalità quando il digiuno ha
completato la sua azione terapeutica, sono previsti possibili nel corso dell’astinenza dai cibi.
L’organismo cioè, quando è sottoposto allo stress del digiuno, risponde anche con queste alterazioni
funzionali, le quali non esprimono affatto uno stato patologico, ma sono il segnale che il corpo si sta
adattando alla nuova situazione d’emergenza, e sta lavorando per riportare l’organismo allo status
quo ante, all’ equilibrio perduto con l’intossicazione di sangue, che costituisce Ia malattia.
Questi ed altri fenomeni pseudopatologici, quali vomito, crisi di sputo, eruzioni cutanee, mal di
testa, mal di schiena, vertigini, singhiozzo, mal di gola, crampi, leggeri raffreddori, che si possono
manifestare all’inizio del digiuno e persistere per un tempo variabile, non giustificano la
interruzione del digiuno, in quanto stanno tutti ad esprimere semplicemente il più intenso lavoro che
sta svolgendo l’organismo in questo momento particolare. Sinclair dice che il digiunante deve
continuare ad astenersi dai cibi anche nel caso che le zie gli hanno detta che sembra un cadavere,
che il battito del suo polso è inferiore a quaranta, e che il suo polso smetterà sicuramente di battere
nella notte (“il digiuno terapeutico", pag. 70).Solo “i casi di estrema emaciazione, di debolezza al
punto di provocare frequenti svenimenti ed inabilità a camminare da soli” (p. 61 ); una decrescita
rapida della temperatura corporea, verificatasi, peraltro, in pochi esempi, durante l’ultimissimo
stadio di digiuno “(p.58)”: “quando persiste una pulsazione molto irregolare, o quando il battito
rimane molto alto o basso per lunghi periodi”....(le variazioni comuni ed i brevi periodi di
pulsazioni irregolari dovrebbero essere presi per scontato)(p.59): “se il paziente lamenta continui
fastidi perché ha caldo, ma ha le estremità fredde”; solo quando si verificano queste circostanze si
ritiene necessario interrompere immediatamente il digiuno anche se la fame non è ancora ritornata e
la lingua non è diventata rosea.

18
Altri eventi the possono verificarsi durante il digiuno, quale stipsi, desiderio sessuale ridotto a
abolito con compresenza di una temporanea impotenza, mestruazioni irregolari, a volte
“viscide in consistenza e di odore sgradevole”, riduzione o scomparsa del flusso mestruale,
non devono affatto preoccupare e non giustificano la necessità dell’interruzione del digiuno. Questi
fenomeni, come quelli descritti sopra, non è che debbano verificarsi necessariamente in tutti i
digiunanti, e tutti assieme; alcuni pazienti ne hanno avuti solo alcuni, o nessuno, a seconda delle
maggiore o minore tossiemia nella quale essi si trovano all’inizio della terapia del digiuno. Il
digiunante alla presenza di questi segnali che accompagnano la sua astinenza dai cibi, non dovrà
avere alcun timore, sapendo che questi processi sono l’espressione dell'attività di svelenamento
dell’organismo, come già detto altrove.

QUESITO N. 6: Si può digiunare da soli, senza l’assistenza di un esperto?
Mosé digiunò tutto solo sul monte Sinai. Altrettanto solo digiunò Cristo nel deserto. Sinclair ha
raccolto e descritto l’esperienza di 117 persone che avevano portato avanti uno o più digiuni senza
l'assistenza di un esperto (“II digiuno terapeutico", op. cit, p. 25); di questi digiunatori cento
guarirono completamente, o ottennero, comunque, notevoli benefici attraverso l’astinenza dai cibi.
Delle 17 persone non guarite, alcuni avevano digiunato solo pochi giorni o avevano interrotto il
digiuno prima che questo avesse completato la sua azione di risanamento dell’intero organismo, e
quindi prima che questo avesse dato quei segnali che soli, stanno ad indicare che l’opera è compiuta
Sei di questi pazienti digiunarono per 30 giorni o più.
Siccome il digiuno è, di norma, sempre terapeutico, per sua intrinseca natura, quindi non è dannoso
– S. Ambrogio (245 d.C.) ebbe a dire: “Tu prendi le medicine e rifuggi il digiuno, come se
esistesse una medicina migliore del digiuno" - viene di conseguenza che si può digiunare anche
da soli, senza l’assistenza di un esperto del digiuno terapeutico, dal memento che, digiunando, non
si Corre alcun pericolo. Tuttavia, il buon senso suggerisce di non iniziare un digiuno, e di non
portarlo avanti, senza avere consultato il proprio medico di fiducia, e/o l’esperto del digiuno
terapeutico, che possono indicare quando il digiuno debba avere inizio, e assistere il paziente nel
corso dell’ astinenza dai cibi.
Il digiunante deve sapere quando deve interrompere il digiuno, non impressionarsi dei segnali
pseudopatologici che accompagnano il decorso del digiuno, e sapere individuare quegli eventi che
stanno ad

19
Indicare la necessità di interrompere immediatamente il
digiuno: perché, anche se i casi di questa interruzione
forzata sono fortunatamente molto rari come abbiamo
chiarito nel quesito precedente non si può escludere che Si
possono presentare in determinate situazioni patologiche.
Nel qual caso è il profano capace, da solo, di capire queste
emergenze?
Anche Shelton è dell’opinione che è opportuno che il
digiuno sia assistito da un esperto: “come ho spesso
affermato nei discorsi da me tenuti, e come continuerò per
sempre a ricordare ai lettori, non bisogna iniziare un digiuno
arbitrariamente, cioè senza la guida di un esperto in materia.
Nonostante il digiuno sia assolutamente sicuro per ciò che
riguarda la salute, esso coinvolge 1’intero organismo
umano; pertanto, dovrebbe essere sempre controllato e
diretto da una persona qualificata, che ne conosca le
conseguenze, e che sappia riconoscere i segnali di pericolo
(“Il digiuno può salvarvi La vita”,p.27).
Ma. più avanti (p33), dopo di avere ribadito questo
concetto, fonte dell’esperienza acquisita attraverso
l’assistenza di altri trentamila digiuni, ci tiene a non
allarmare il lettore, affermando convinto: “Voglio di nuovo
sottolineare il fatto che non esistono pericoli riguardanti il
digiuno”.
Una risposta conclusiva si può dare al quesito presente in
questi termini: si può tranquillamente digiunare da soli
senza paura di andare incontro a spiacevoli conseguenze
purché si abbia un’ adeguata conoscenza di quelle situazioni
di emergenza che impongono la necessaria interruzione del
digiuno. In quei casi particolari molto rari, ma che non si
possono escludere a priori con certezza e purché si
conoscano quei due segnali -il colorito roseo della superficie
della lingua e il ritorno della fame-, che stanno ad indicare
che il digiuno ha esaurito Ia funzione terapeutica, per cui
deve essere interrotto immediatamente. Secondo Rudolf
Breuss, coloro che digiunano seguendo il suo metodo, per

20
IL DIGIUNO E I TUMORI
A. Come nasce un tumore: ipotesi.
1+1=1: a partire da una apparente anomalia matematica, inizia il meraviglioso processo della vita, a
cominciare dalla fusione cellulo-nucleare del gamete maschile e di quello femminile, nella
formazione dello zigote.
L’ovulo femminile e lo spermatozoo maschile sono i portatori gelosi di un patrimonio genetico, che,
in codice, contiene il preciso programma della formazione di un individuo vivente completo,
costituito da miliardi di cellule, quasi tutte portatrici dello stesso materiale genetico delle prime due
cellule. Il programma dell’individuo futuro, contenuto nella cellula progenitrice, lo zigote, si svolge
e si realizza progressivamente, e fondamentalmente, nella delicatissima fase della embriogenesi, che
è essenzialmente una fase organogenetica: la cellula primaria si moltiplica, fino a diventare miliardi
di cellule, fenotipicamente differenziate, per formare i diversi organi dell’ individuo in corso di
sviluppo.
Il segreto della differenziazione cellulare è racchiuso nel nucleo delle cellule, dove vige un costante
e severissimo controllo delle fasi di disponibilità dei segmenti del DNA alla lettura e alla
trascrizione per la sintesi di determinate proteine. Proteine nucleari specializzate hanno il compito
di presiedere alla corretta lettura del DNA, perché si abbia, alla fine, la realizzazione del progetto
globale, consistente nella produzione di organi ed apparati differenti, solo parzialmente autonomi,
perché necessariamente interrelati, per costituire, quale prodotto finale, un individuo vivente,
capace di confrontarsi con l’ambiente circostante, di adattarsi costantemente ad esso, e di
conservare a tutti i costi la propria integrità difendendosi di continuo dagli insulti lesivi provenienti
tanto dall’esterno quanto dall’interno.
Un programma ambizioso, arduo, che silenziosamente si realizza in ogni singolo momento delta
nostra vita: la capacità di adattamento continuo alle variabili condizioni ambientali, la risposta
adeguata agli stimoli che giungono al nostro organismo da tutte le parti, i processi riparativi delle
inevitabili lesioni, sono un miracolo che si verifica di continuo in noi; e in tutti gli esseri viventi.
Sono, queste, delle abilità acquisite dagli organismi viventi in milioni di anni di esperienza. e
memorizzate, in codice, dal DNA nucleare, pronte ad essere ripescate ed utilizzate al momento
opportuno.
Il materiale nucleare è il custode, il depositario della vita: sa perfettamente quello che vuole
costruire, nel corso del tempo, utilizzando, come un abilissimo architetto, tutto il materiale
energetico che è disponibile nell’ambiente circostante. L’integrità dell’organismo vivente è
l’obiettivo primario del DNA, il quale consegue questo risultato attivando tutti i sistemi di difesa e
di riparazione che sono necessari a tal fine, il sistema immunitario svolge un ruolo di primissima
importanza nella difesa e nel mantenimento della integrità dell’organismo: costantemente vigile,
neutralizza ed elimina gli agenti aggressori esogeni ed endogeni, degrada e distrugge gli elementi
non-self individuati all’interno del corpo. Gli organi emuntori provvedono alla eliminazione verso
l’esterno delle scorie metaboliche, dei liquidi in eccesso, garantendo l’omeostasi idro-salina, che è
una “conditio sine qua non” di sopravvivenza: I processi riparatori delle lesioni garantiscono la
“restitutio ad integrum” degli organi e degli apparati compromessi.
Naturalmente, è prevista anche la disintegrazione, cioè Ia morte dell’individuo fisico, che
sopraggiungerà o quando l’organismo ha esaurito il programma della vita codificato nel DNA - ed
è, questa, la cosiddetta morte naturale -; oppure quando si saranno instaurate nell’organismo delle
condizioni patologiche incompatibili con la vita ed è, questa, Ia morte prematura. La scienza medica
riesce quasi sempre ad individuare le cause determinanti della morte di un individuo, perché é
capace di ricostruire la storia della malattia, o delle malattie, che hanno condotto alla morte, ove
questa sia già intervenuta; e, come è in grado di conoscerne le cause, è, generalmente, anche capace

21
di bloccarne il decorso, perché non si giunga all’esito finale.
Una croce per la medicina di questo secolo, e una sfida, sono il cancro, il quale, oltre ad essere una
causa frequente di morti, è responsabile anche, e soprattutto, di morti sopraggiunte solo dopo un
lungo sofferto calvario.
Studi, ricerche, esperimenti sono in corso in tutto il mondo; e, naturalmente, è sempre benvenuta
ogni voce che proponga nuove vie per la soluzione di questo drammatico problema. La mia voce
vuole essere una eco di tanti che hanno gridato prima di me: ne ho ascoltato il messaggio, che mi ha
convinto, e lo ripropongo qui, nella maniera più fedele possibile.
Il cancro è il prodotto della moltiplicazione incontrollata di cellule trasformate, le quali sono così
definite, in quanto non ubbidiscono più alla legge dell’inibizione da contatto, consistente nel fatto
che ogni cellula rispetta un suo territorio preciso, che viene imposto dalle cellule contigue mediante
il contatto di membrana. Il rispetto della forma è controllato dal materiale genetico presente nel
nucleo della cellula; è a questo livello che i segmenti del DNA, potenzialmente generatori del
cancro, sono tenuti repressi da parte di speciali proteine nucleiche, di modo che, non esprimono
quelle trasformazioni che pur tuttavia sono in essi codificate.
Il cuore della cellula, costituito dal nucleo e dal suo prezioso patrimonio di informazioni, che sono
all’ origine del miracolo della vita, è protetto da una barriera che non può essere valicata, se non
dopo che si siano superati i severi sistemi di controllo. Se il codice genetico viene manomesso da
agenti chimici, fisici, radianti, biologici — quali possono essere alcuni virus o da fattori lesivi di
altra natura che siano riusciti a superare la barriera di protezione del DNA, e se I sistemi di
riparazione delle strutture genetiche lese non dovessero funzionare, si può avere il fenomeno della
derepressione delle proteine che impediscono la espressione fenotipica di determinati geni detti geni
oncogeni, con la conseguenza della trasformazione neoplastica della cellula, nel senso della
induzione di una sua moltiplicazione incontrollata, che non riconosce più Ia regola della inibizione
da contatto.
Il sistema immunitario prevede anche La distruzione sistematica di cellule anomale, trasformate ed
identificate come non-self; esiste tutta una popolazione di cellule immunocompetenti, specializzate
nella uccisione delle cellule cancerose. Questo apparato di vigilanza e di eliminazione delle cellule
che minacciano la integrità dell’individuo vivente, se è efficiente e perfettamente Funzionante, non
permette che le singole cellule neoplastiche si moltiplichino fino a innescare un processo
proliferativo a carattere irreversibile. Ma, se per uno stato patologico cronico dell’organismo viene
impedito al sistema immunitario antitumorale di essere efficiente al massimo, lo sviluppo del
tumore diventa inevitabile.
La tossiemia, un inquinamento cioè del sangue circolante e del liquido extra-cellulare, la presenza
di fattori tossici di varia natura, se diventano uno status cronico, sono Ia condizione più favorevole
per l’insorgenza dei tumori in un organismo vivente, perchè costituiscono la situazione più
sfavorevole per il sistema immunitario, impedendo a questo di svolgere con Ia massima efficienza
Ia sua azione di vigilanza antitumorale La cronicità, poi, di uno stato tossiemico può essere anche
una delle principali cause della derepressione dei geni oncogeni, in quanto essa è capace, nel tempo,
di creare una breccia nella barriera di protezione del materiale genetico. Sono, infatti, gli stimoli
irritativi cronici, e, quindi, continuativi, gli insulti più nocivi, capaci di abbattere ogni difesa. "Gutta
cavat lepidem cioè "la goccia fissa fa il fosso”: dai oggi, dai domani, la lesione cellulare diventa
lesione nucleare, e quindi trasformazione genetica della cellula; Ia tossiemia cronica produce
l’effetto che provocano gli slogan, i quali agiscono secondo il principio etimologico del termine
scozzese “stag on” cioè batti su ripetutamente, fino a vincere ogni resistenza.
"Prevenire è meglio che curare ", si dice quando si tratta delle malattie in generale; nel caso del
cancro è necessario rettificare, dicendo: “Prevenire è l’unica cosa da fare”, almeno allo stato attuale
delle ricerche mediche della scienza ufficiale nel mondo intorno alla lotta contro le neoplasie
maligne. Per quanto poi attiene alto stato delle ricerche nel campo alternativo, di cui ci occupiamo
nel presente lavoro, potremmo dire “prevenire è meglio che tentare di curare”, dal momento che le
novità a riguardo nel campo medico non ufficiale sono allo stadio della sperimentazione, essendo
gli interventi preposti ancora e sempre dei veri e propri tentativi, e non ancora certezze definitive. In

22
ogni caso, resta valido, naturalmente, che lo sforzo della medicina, sia essa quella ufficiale o quella
cosiddetta alternativa, deve essere ancora e sempre quello della prevenzione della insorgenza del
cancro.
Se uno stato tossiemico è il terreno più propizio per lo sviluppo delle pluoplesie, nessun cancro mai
potrà determinarsi e svilupparsi in un organismo non intossicato in una maniera cronica Se
l’amostasi dei liquidi organici è normale, se il liquido extra - cellulare non ristagna é
opportunamente canalizzato, perchè gli organi emcuitori sono normofunzionanti, automaticamente
ne consegue che la emodinamica generale è normofunzionante. i tessuti dei vari organi sono
opportunamente alimentati da un sangue pulito, non intossicato, e possono quindi svolgere
efficacemente la loro funzione. Una buona emodinamica significa una normale viabilità. il sangue
purificato vuol dire rifornimento di carburante di prima qualità agli organi: le due condizioni perché
si abbia un metabolismo generale perfettamente funzionante.
In queste condizioni ideali di una buona viabilità e di un continuo opportuno rifornimento degli
organi e degli apparati, il sistema di vigilanza del corpo, quello immunitario che presiede alla
garanzia della integrità del corpo mediante la eliminazione di tutte le cellule identificate come non
self, potrà svolgere in perfetta efficienza la sua importantissima funzione: le cellule endoplastiche
saranno catturate e distrutte via via che si formeranno, la loro incontrollata moltiplicazione non
potrà avere luogo, si é fatta opera di prevenzione di alta qualità.
Ampiamente ho discusso in un altro mio lavoro sui metodi naturali da adottare per eliminare dal
corpo la tossiemia. Le possibilità di purificare l'organismo secondo interventi naturali sono tante,
tutte concrete ed accessibili, sempre innocue e senza controindicazioni, quando si seguono le regole
ivi indicate. descritte e proposte. Qui giriamo pagina, in quanto si presuppone che la massa tumorale
sia già presente e sviluppata in un organismo, e ci chiediamo se ci sono delle vie gia collaudate, che
si possano proporre quale trattamento non chirurgico, né farmacologico, o chemioterapia, o radiante
delle neoplasie, siano esse di natura benigna a maligna.
Questo una volta che il lettore si sia convinto della innocuità del digiuno, e della sua certa funzione
terapeutica, sulla base di quanto riportato nei capitoli precedenti.
B. Analisi delle masse tumorali
"Analisi" è la parola chiave con la quale i sostenitori del digiuno quale terapia di trattamento dei
tumori intendono esprimere sinteticamente il complesso processo di autodemolizione della massa
tumorale, che essi ipotizzano avvenga nel corso dell’ astensione dal cibo. L’etimologia del termine,
di derivazione greca sta ad indicare il processo biochimico di auto eliminazione della propria
integrità fisico - chimica, a cui viene costretta la cellula tumorale in seguito al più o meno lungo
periodo di digiuno del paziente che ha scelto la via dell’ astensione dai cibi quale estrema ratio. cioè
quale ultimo presidio terapeutico per tentare di debellare il male inguaribile dal quale si è affetto.
Probabilmente quando all’organismo non giunge alcun alimento, o quasi nulla, ma solo acqua e/o
bevande selezionate, la cellula tumorale, la quale ha un metabolismo anomalo, in quanto il suo
fabbisogno di glucosio è cinque volte maggiore di quello delle cellule normali, è posta in uno stato
di affannamento quanto più si prolunga il digiuno, fino ad arrivare ad uno stadio tale, per cui i
vacuoli lisosomiali, perdono la loro integritá., e liberano gli enzimi litici nell’ ambiente circostante,
inducendo la morte della cellula per lisi cellulare. Evidentemente. nel caso dell’ affamamento della
cellula tumorale, vengono meno quei sistemi intracellulari deputati al controllo della integrità dei
vacuoli lisosomiali: viene meno l’energia che alimenta e sostiene la vita della cellula, il principio

23
unitario cellulare si disintegra, la cellula muore. Quando l’ammalato di tumore si alimenta
regolarmente, anche le cellule tumorali ricevono il loro opportuno pasto quotidiano. Anzi, essendo
cellule parassite, come le ha definite Lahuinger [“Biochimica”,p.], l’ aumentato consumo di
glucosio rispetto alle cellule non tumorali, fanno la parte del leone nell’utilizzo dell’ energia
derivante dall’assimilazione di nutrimenti. Tuttavia, questo metabolismo di tipo parassitario è anche
il punto debole delle cellule tumorali, il loro tallone di Achille, la, nel corso del digiuno chi più ha
fame, più soffre quando non giungono gli alimenti. Ragionando, Si potrebbe anche quantizzare la
vulnerabilità delle cellule tumorali, se ipotizziamo che la loro sopravvivenza sia legata
principalmente all’apporto di glucosio se la necessità di glucosio é cinque volte maggiore, cinque
volte minore è la resistenza delle cellule tumorali quando comincia a mancare il rifornimento di
energia in generale e quella legata alla del glucosio in particolare. Il cervello ricava dalla
metabolizzazione catabolica del glucosio l’energia necessaria alla sua attività, per cui l’organismo
riserva ad esso la maggior parte del glucosio prodotto dalla gluconeogenesi epatica, sulla base
dell’utilizzo degli aminoacidi gluconeogenici, fino a quando, prolungandosi il digiuno, le cellule
nervose non acquisiscono l’ abilità dell’utilizzo di corpi chetonici per soddisfare le loro necessità
energetiche. In una logica di sopravvivenza attraverso la difesa dell’ integrità dell’organismo in
toto, i processi di adattamento del metabolismo cellulare in una situazione di stress grave, quale è
quella determinata dall’astinenza dai cibi, il corpo comincerà a razionare le risorse energetiche
endogene, le uniche disponibili, dando la precedenza assoluta al rifornimento di glucosio al
cervello. Naturalmente, essendo le scorte di glucosio, derivanti della gluconeogenesi, limitate, il
rifornimento di glucosio agli altri organi e apparati viene ridotto drasticamente, e per alcuni di esse
è sospeso completamente. Ora, se questo avviene per gli organi e per i tessuti “self”, che il corpo
cioè riconosce come propri, tanto più è da ipotizzare che la sospensione del rifornimento di glucosio
sarà repentina e totale per le cellule tumorali, che il corpo avrà già identificate come “non – self”,
anche se non è in grado di eliminarle. per le condizioni estremamente sfavorevoli determinatesi per
lo stato di tossiemia cronica e generalizzata. Lo stato di intossicazione cronica è il terreno più
favorevole per l’ instaurarsi e per lo sviluppo di un tumore nell’organismo: un corpo disintossicato e
normofunzionante dal punto di vista dell’emodinamica generale, è un ambiente malsano per le
cellule tumorali. Anche per questo il digiuno è nemico della massa tumorale, perchè l’astensione dal
cibo è un presidio terapeutico eccezionale nel combattere la tossiemia. Per cui durante il digiuno, il
tumore è doppiamente danneggiato: da una parte esso è posto in uno stato di affamamento, e
dall’altra parte gli si toglie di sotto ai piedi il terreno tossiemico, il più adatto al suo sviluppo
incontrollato. Sicché l’individuo che digiuna ottiene, contemporaneamente, due risultati positivi per
il solo fatto che ha posto il suo corpo in uno stato di stress particolare, quale è l’ astensione dal cibi
per un tempo prolungato: il sangue si purifica e il tumore subisce un colpo mortale. Se, prima del
digiuno, il LEC, cioè il liquido extra cellulare, era un grande stagno, habitat ideate per le cellule
tumorali, durante e dopo il digiuno esso diventa un limpido e trasparente mare nel quale il tumore
non sa nuotare, annega, muore.
In breve, se l’ammalato di tumore digiuna, le cellule tumorali vengono prese per la gola, Si trovano
in uno stato di carenza energetica incompatibile con la loro sopravvivenza, subiscono un processo
forzato di autodemolizione, detto “autolisi”, e muoiono, perchè perdono la loro integrità fisica e di
funzione. Il processo necrotico che si instaura nelle singole cellule della massa tumorale, e quindi,
in tutta la formazione neoplastica, rilascia nell’organismo i fattori terminali della demolizione
cellulare, che varnno a costituire una notevole quantità di scorie metaboliche, di natura tossica, te

24
quali devono essere eliminate dall' organismo mediante l’azione degli organi depuratori ed
emuntori.
Secondo la scuola di igiene naturale, il digiuno sic et simpliciter è,almeno nel caso dei tumori
benigni, in grado, da solo di sopportare il superlavoro determinate dalla demolizione delle cellule
tumorali o dalla loro sola presenza nel corpo quali cellule parassitarie mentre l’ austriaco Rudolf
Breuss sostiene La necessità di integrare l’azione del digiuno con l’ assunzione di tisane diuretiche,
capaci di stimolare opportunamente gli organi emuntori e attraverso l’assunzione quotidiana di una
miscela di succhi centrifugati, costituenti un adeguato apporto polivitaminico.
Quel digiuno che gli igienisti propongono per risolvere le più svariate patologie, lo stesso digiuno
essi consigliano per combattere anche i tumori. “Migliaia di crescite anormali” Si sono dissolte e
riassorbite con il digiuno, tra gli altri, riportano molti di tali casi. Armstrong, in Inghilterra, dichiarò
di avere visto masse riformi su petti di donne sparire solo attraverso l’ingerimento di acqua per una
durata da quattro a venti giorni nonostante fossero state diagnosticate come maligne da parte di
esperti. Mac Fadden rimarcò che la sua esperienza ha dimostrato, al di là di ogni dubbio, che una
crescita estranea di qualunque tipo può essere assorbita dalla circolazione semplicemente
costringendo il corpo ad utilizzare un qualsiasi elemento non necessario contenuto nel suo interno
(da “il digiuno terapeutico”. p. 31).
Le testimonianze citate riguardano neoplasie di qualunque tipo, cioè sia tumori benigni che tumori
maligni; anche se si fa una giusta e onesta precisazione, quando si chiarisce che non sempre si può
essere stati certi della diagnosi di cancro in tutti i casi risolti definiti tali.
Si sottolinea cioè, che è doveroso porre dei dubbi circa la definizione di cancro data da alcune
forme di tumori scomparsi mediante il digiuno, laddove era più opportuno parlare di “cancri
sospetti". Ancora più categorico é a tal riguardo H.M. Shelton, il quale nel suo libro "Il digiuno può
salvarvi la vita", a pag. 277, dichiara -, Non ho mai visto però un caso di cancro sicuro tornare in
salute, a prescindere dalla cura impiegata. E’ una convinzione che il cancro sia una patologia
irreversibile, e che l’unico rimedio sia la prevenzione”.
Alla pag. 57 dello stesso volume aveva già scritto: “ Alcuni domandano: << Si può curare il cancro
con il digiuno?>>. La mia risposta è che, mentre ho visto casi di cancro diminuire notevolmente
durante un digiuno, non ne ho mai visto uno guarire completamente”. Relativamente al cancro
riporta, nella stessa pagina, pure l’ affermazione del dott. Berg sul processo di autolisi che
generalmente si verifica durante il digiuno: “Si potrebbe dedurre forse un po’ frettolosamente che
proprio i tessuti malati o alterati, con minore resistenza, sono i primi ad essere interessati dal
processo di riassorbimento. Ma questo non é sempre vero, ed in particolar modo per ciò che
riguarda il cancro. Si nota spesso, infatti, che, nonostante il paziente dimagrisca, il tumore continui
a crescere; veramente un fatto molto chiaro, in quanto il tumore canceroso è autonomo, e spesso
incapsulato; quindi non è in contatto diretto con il resto del corpo”.
Della stessa opinione è anche Tilden, il quale è molto esplicito quando esprime il suo parere circa la
differenza tra un tumore benigno, cioè ancora curabile con la terapia del digiuno, ed una massa
tumorale che sia giunta ad uno stadio tale di degenerazione, da dovere essere definita cancro, massa
cioè dotata di un carattere di insensibilità, e che non può essere trattata con successo mediante il
digiuno. Shelton riporta la convinzione di Tilden nel suo libro “Tumori e Cancri”, alle pagg. 92-94,
citando le sue parole :“Se il tumore non raggiunge lo stato di indurimento che impedisce alla
circolazione del sangue di raggiungere il suo centro, il tumore non ha ancora raggiunto lo stato
canceroso. Dunque, se il tumore non rimane isolato dal circuito sanguigno e non è ancora avvenuta

25
in esso alcuna decomposizione, la salvezza è vicina semprechè il caso venga curato oculatamente.
Quando il centro del tumore è colpito a morte –cioè quando rimane isolato dal circuito sanguignoEsso entro in decomposizione: il passaggio della materia purulenta nel resto dell’organismo produce
una cachessia rapida. Quando una qualsiasi malattia raggiunge questo stadio, non vi è speranza : la
cachessia è uno stadio disperato”.
Sugli igienisti riporto la convinzione di Tilden nel suo libro “Tumori e Cancri” alle pagg93-94,
citando le sue parole: “Se il tumore non raggiunge lo stato di indurimento che impedisce alla
circolazione del sangue di raggiungere il suo centro, il tumore non ha ancora raggiunto lo stato
canceroso. Dunque, se il tumore non rimane isolato dal suo circuito sanguigno e non è ancora
avventa in esso alcuna decomposizione, la salvezza è vicina, semprechè il caso venga curato
oculatamente. Quando il centro del tumore è colpito a morte - cioè quando rimane isolato dal
circuito sanguigno – esso entra in decomposizione; il passaggio della materia purulenta nel resto
dell’organismo produce una cachessia rapida. Quando una qualsiasi malattia raggiunge questo
stadio non vi è speranza: la cachessia è uno stadio disperato”.
Potrebbe risultare inefficace il digiuno anche nel caso di quei pazienti ammalati di cancro, che siano
stati sottoposti a trattamenti radianti, a demolizioni chirurgiche, a chemioterapia, o a terapie
farmacologiche di lunga durata: In questi casi il digiuno non è capace di porre rimedio a tutti i gravi
danni che sono stati provocati sugli ammalati da insulti di questo genere, i quali vanno ad
assommarsi ai danni già provocati in precedenza, dalla presenza letale della massa tumorale.
Invece, nel cancro allo stadio iniziale, che non è stato trattato con la chirurgia, né con le radiazioni,
e che non è rimasto coinvolto dall’uso prolungato di medicine <<alleviatrici>> , la prognosi è
generalmente favorevole (“Il digiuno terapeutico”, p.32).
Volendo riassumere brevemente la posizione degli Igienisti relativamente al trattamento delle
neoplasie mediante il digiuno, potremmo così schematizzare:
1) Tutti sono d’accordo nel sostenere una documentata validità del digiuno terapeutico nell’indurre
efficacemente, ed anche con relativa facilità e rapidità il processo dell’autolisi, cioè del
dissolvimento e della scomparsa nelle masse tumorali non maligne. Ad avvalere questa certezza
concorrono le autorevoli testimonianze dei Big dell’Igienismo, quali Shelton, Tilden, Hazzard,
Rabbagliati , Armstrong, Mac Fadden, per citarne solo alcuni .
2) Sul trattamento mediante il digiuno dei tumori malvagi, o cancri, che siano allo stadio iniziale, la
prognosi è, generalmente, favorevole; ad una condizione però, i pazienti affetti da un cancro a tale
stadio iniziale non siano stati trattati con la chirurgia nè con le radiazioni o con trattamenti
farmacologici ad azione citostatica, o a scopo sedativo, per alleviare i dolori: interventi terapeutici,
questi, considerati dagli igienisti presidi solamente dannosi e debilitanti.
3)Shelton e Milden sono categorici nell’affermare la incurabilità di tutte le neoformazioni
diagnosticate quali “cancri”, nel senso di masse tumorali che si suppone siano isolate rispetto al
circolo sanguigno generale, e nelle quali, quindi si determina un processo di decomposizione a
carattere irreversibile, che comporta come conseguenza uno stato di cachessia, che conduce
inevitabilmente alla morte. In questo caso il tumore non subisce il processo dell'autolisi. che assume
un carattere fisiologico di riassorbimento, ma va incontro ad un fenomeno degenerativo, e quindi
ulteriormente patologico e dannoso per l’intero organismo.
4)Gli Igienisti, più in generale, parlano di prognosi infausta per quei tipi di cancri che siano oramai
ad uno stadio avanzato e che interessino soggetti già precedentemente trattati con terapie debilitanti
quali la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia. Precisano pure che, anche per quei pazienti che
si trovino ad uno stadio terminale, è opportuna la terapia del digiuno, perché l’astinenza dai cibi ha
dato sempre come risultato quasi immediato la cessazione di tutu i dolori, o almeno un loro naturale
alleviamento ; per cui, se l’ammalato di cancro non può evitare la morte, almeno può ottenere il

26
conforto della non sofferenza, senza dovere ricorrere a trattamenti farmacologici antidolorifici, i
quali non sempre danno i risultati sperati, e vanno a costituire,a volte, soltanto un insulto ulteriore
ed un inutile aggravio per il già tanto provato lavoro metabolico generale di un organismo
martoriato.
Possiamo concludere serenamente che il digiuno è sempre consigliabile, in qualunque genere di
tumori, ed a qualunque stadio, perché, in ogni caso, il sacrificio dell’astinenza dai cibi che non è poi
sempre e necessariamente un vero e proprio sacrificio- è ben ripagato o con il conseguimento della
salute, o con la scomparsa o l’alleviamento delle sofferenze.

27
«Vita et mors duello mirando inter se conflixere»
Il digiuno teraupetico secondo Breuss: scacco matto al cancro?

INTRODUZIONE

Le cellule tumorali consumano glucosio da 5 a 10 volte in più che non le cellule normali. Esse
sono particolarmente ingorde, e anche desiderose come non mai di crescere e moltiplicarsi, in
Lmaniera anarchica, senza rispettare le regole di una controllata convivenza con le altre cellule,
e non tenendo conto delle esigenze dell'ecosistema di un organismo vivente. La loro legge è
«mors tua, vita mea», consumando tutto quello che trovano, senza chiedere alcun permesso,
perché seguono la legge dell'affermazione di sé, in disprezzo dell'esistenza del tutto come
obiettivo primario. La legge del più forte le guida nella loro crescita incontrollata, e tutto
invadono caoticamente. Il principio dell'inibizione da contatto, valido per tutte le altre cellule, è,
per esse, nullo: sanno dare solo spintoni per farsi strada, occupando con disinvoltura e tracotanza
il territorio altrui. Non c'è verso di farle ragionare, seminano terrore e morte.
Un proverbio dice: «a mali estremi, estremi rimedi». Il nemico si deve combattere con le sue
stesse armi, cercando di individuare il suo punto debole. È un nemico che combatte senza pietà,
deve essere combattuto senza pietà. Fermiamoci a ragionare, utilizziamo la logica, studiamo una
strategia di guerra.
Viene subito da fare un ragionamento logico elementare: se le cellule neoplastiche sono tanto
avide, e per moltiplicarsi così rapidamente hanno bisogno di continui apporti alimentari, proviamo
a farle morire di fame. Ecco fatto! Il principio è semplice, è elementare, è intuitivamente
convincente. Il problema è, ora, solo quello di studiare la maniera più opportuna, per realizzare
concretamente la cosa. Si tratta, innanzitutto, di programmare un digiuno, chiedendoci se si debba
trattare di un digiuno assoluto o di un digiuno relativo, e soprattutto quanto debba durare.
Lehninger (A.L. Lehninger, «Biochimica», Zanichelli, pagg. XXX-XXX), descrive il digiuno
di volontari, seguito e controllato da specialisti: il digiuno è stato interrotto solo dopo sei settimane,
cioè dopo 42 giorni, i volontari hanno superato la prova in ottime condizioni di salute. Abbiamo,
così, una indicazione precisa: un digiuno può durare benissimo anche quarantadue giorni, senza
correre alcun pericolo. Se poi guardiamo alla storia, osserviamo un numero grande di precedenti
illustri: tra gli altri, Cristo. Gesù ha digiunato quaranta giorni nel deserto, senza soffrire la fame:
si sottopose al digiuno per ritemprare lo spirito e il corpo, in vista del «tour de force» della vita
pubblica. Altrove ha pure detto a chiare lettere: «Questo genere di demoni si può scacciare solo con
la preghiera e il digiuno». Perché non ipotizzare che per «demoni» Gesù intendesse anche «mali
organici inguaribili», tra cui le neoplasie?
L'austriaco Rudolf Breuss propone un digiuno relativo: non deve mancare, durante la
terapia, un apporto esogeno di vitamine, sotto forma dell'assunzione quotidiana di un quarto di una
miscela di succhi centrifugati. Contemporaneamente, bisogna bere delle tisane, finalizzate ad una
radicale azione disintossicante: non dimentichiamo che il tumore comporta una situazione di stress
non indifferente per l'organismo, con alterazione del normale metabolismo, e produzione di radicali
liberi, ed altri metaboliti, tossici per l'organismo. La durata del digiuno viene fissata a giorni
quarantadue. Il terapeuta austriaco, nel suo volumetto «Krebs, Leükamie, und...» - vedi
bibliografia - racconta che nell'anno 1950, giunse alla comprensione del principio che era alla base
del successo della terapia antitumorale: se si digiuna, si guarisce; la massa tumorale scompare
completamente, oppure viene eliminata - ridotta ad un residuo atrofico - assieme alle feci. In
quell'anno, egli aveva assistito al primo caso di guarigione da un tumore maligno, in un paziente
che si era sottoposto alla terapia del digiuno.

28
«Mors tua, vita mea»: la legge del più forte.
Poniamo, per un momento, che quanto detto prima, sia inconfutato e inconfutabile. Ci
chiediamo, allora, che cosa avvenga mai, e cerchiamo di capirci qualche cosa, procedendo per
Pordine e gradi. Il programma fondamentale di un organismo vivente, codificato nel DNA dei
miliardi di cellule che lo costituiscono, è il conseguimento della vita del proprio essere, e la difesa
della conservazione di questa vita. Tutti i meccanismi, operanti in un organismo vivente, tendono
finalisticamente a conseguire costantemente questo obiettivo. Il sistema immunitario è una
vigilanza ininterrotta, mirante a proteggere l'organismo da insidie, esterne ed interne, da parte di
svariati agenti patogeni. Tutto quello che viene identificato dalle cellule immunitarie come qualcosa
di «non-self», cioè di estraneo all'organismo, è considerato un nemico da eliminare. Se delle cellule
«self» - cioè «proprie» dell'organismo, per un qualsiasi motivo, si trasformano, diventando «nonself», normalmente vengono distrutte da cellule killer immunocompetenti, e da altre; perché
l'evenienza della trasformazione delle cellule proprie è anch'essa prevista, come ne è programmata
la risposta immunitaria di eliminazione. Tuttavia, in alcuni casi, in determinate condizioni
psicofisiche dell'individuo, si verificano delle trasformazioni cellulari, che sfuggono al sistema di
controllo e di difesa da parte del sistema immunitario; o, perlomeno, la risposta immunologica è
inadeguata. Siamo in presenza di una neoplasia, di un processo di proliferazione cellulare, che è
del tutto incontrollato: all'interno dell'organismo si determina uno stato bellicoso, da guerra civile,
ma secondo vari stadi, che si susseguono l'uno all'altro.
Fino a tanto che continuiamo ad alimentarci normalmente, la massa tumorale è, dal sangue,
regolarmente rifornita di tutti i nutrienti, che sono ad essa necessari per aumentare di volume e
consistenza. Il corpo non si mette in allarme, tollera la presenza estranea: non individua alcun reale
pericolo, non vede la sua morte, perché, intanto, anch'esso si nutre normalmente, e pare quasi che
tutto sia in perfetta regola. Se il paziente però comincia a digiunare, piano piano inizia lo stato di
allerta. All'inizio del digiuno è come se non stesse succedendo niente: l'organismo utilizza le riserve
energetiche endogene, per sopperire al suo fabbisogno quotidiano. Il problema principale è la
produzione di glucosio, che è il carburante principale dell'intero organismo, e, soprattutto, l'unico
che il cervello sia capace di utilizzare, per le sue esigenze energetiche, in condizioni normali.
Quando il digiuno giunge ad uno stadio sufficientemente avanzato, i sistemi metabolici di
interconversione di sostanze di riserva nel prezioso glucosio cominciamo ad invocare nuove fonti
energetiche, perché le fonti fisiologiche danno segnali di esaurimento. Intanto, prende ad impazzire,
naturalmente, anche la massa tumorale, perché le sue cellule, il cui programma unico è
«moltiplicarsi a tutti i costi», consumano glucosio con velocità da cinque a dieci volte maggiore
delle cellule non tumorali, e invocano con più veemenza l'apporto di glucosio. Nonostante che la
produzione di corpi chetonici da parte del fegato viene incontro alle esigenze energetiche
dell'organismo, lo stato di allarme non rifluisce, anzi diventa più urgente e preoccupante.
L'esaurimento progressivo delle riserve energetiche, evocando il fantasma di una possibile
morte dell'intero organismo, scuote quei centri che «sentono», probabilmente, la vita e la morte.
Tutto l'organismo reagisce, con tutte le forze e con tutti i mezzi a disposizione, contro la grave
minaccia del dissolvimento del proprio essere. I sistemi di difesa della vita si attivano in una
maniera particolarissima, e vanno alla ricerca disperata di qualsiasi fonte di energia, che possa
risultare utile per garantire la sopravvivenza. È a questo punto che, probabilmente, si determina una
inversione di tendenza: se, fino a questo momento, il tumore ha fatto tutti i comodi suoi,
sottraendo all'organismo, avidamente, i nutrienti che voleva, ora, in questo stato di grave carenza
alimentare, determinata dal digiuno, non viene più alimentato adeguatamente dall'organismo
affamato; ma, anzi - e questo è il punto della situazione - viene a sua volta individuato come una
preziosa sorgente di potenziale energia, e da sfruttatore diventa una fonte sfruttata. La massa
tumorale deperisce e muore, l'organismo ospitante sopravvive e guarisce. Il digiuno ha reso

29
l'organismo in toto più forte del tumore. Questa volta è l'individuo che può dire alla neoplasia
«mors tua, vita mea».
Mi par di veder, con Dante, il conte Ugolino, mentre che «in se medesimo si volvea coi
denti», in un momento di accesso autofagico da affamamento. In realtà, nel dissolvimento, o nella
riduzione «ad minimum» della massa tumorale, fino alla sua totale scomparsa all'interno
dell'organismo, o fino alla sua eliminazione verso l'esterno attraverso le feci, assistiamo ad una
forma di autofagia, che è, in effetti, un processo di autolisi, eseguito dal tumore stesso, per un
comando partito dalla centrale della vita e della autoconservazione dell'organismo, considerato
nella sua totalità, finalizzato alla messa a disposizione del corpo delle sostanze energetiche presenti
in esso.
È evidente che quel centro dell'io - che abbiamo definito «centrale della vita» - a questo punto
ha identificato definitivamente la massa tumorale come "corpo estraneo", da eliminare, ma solo
dopo di averlo utilizzato come preziosissima fonte di energia, utile a superare la fase di
affamamento, che si è determinata in seguito al prolungarsi del digiuno.

Rudolf Breuss, oncologo empirico

Nell'anno 1950, Breuss dovette fare più o meno questo ragionamento: «Se questo metodo, questa
via, questo procedimento, si sono dimostrati capaci di debellare un tumore, anche uno soltanto,
Nperché non dovrebbero operare un tale miracolo anche in altri soggetti, affetti da neoplasie? Se lo
stato di minaccia di morte per fame ha determinato, in un individuo, una risposta tale da eliminare
la massa tumorale, fino a farla scomparire del tutto e per sempre, perché non dovrebbe, un siffatto
digiuno, distruggere non solo questo tipo di neoplasia, ma ogni genere di tumore, sia esso benigno o
maligno, ad uno stadio iniziale o a quello terminale, ben localizzato o in metastasi?». Dal dire al
fare, il passo fu breve. Da allora, a partire da quel primo anello, la catena delle guarigioni da tumori,
e da malattie considerate generalmente inguaribili, si è allungata in maniera sorprendente.
Nel libretto scritto e pubblicato nel 1979 – vedi bibliografia - Breuss dichiara, con una
semplicità disarmante: «All'incirca 20.000 (!) tra ammalati di cancro, ed altri ammalati
considerati inguaribili, sono guariti attraverso la mia terapia con succhi» (pag. 60); e altrove:
«Io personalmente ho trattato più di 2000 casi di cancro» (pag. 58). Nell'anno in cui scrive ciò,
il terapeuta austriaco ha 82 anni, tanto candore, e tanta umiltà. Sono trascorsi circa 30 anni
dall'ormai lontano 1950; con la sua «Krebskur-Total» - così egli chiama il suo digiuno terapeutico ha trattato, fino al momento della pubblicazione dell'opuscoletto, carcinomi polmonari, tumori
della testa, carcinomi della laringe, linfomi maligni, tumori della mammella, carcinomi
epatici, cancri delle ossa, tumori intestinali, ecc.
Oncologo, oncoterapeuta empirico, al quale forse nulla avrebbe detto la odierna teoria, che
ipotizza una oncogenesi derivante dalla derepressione di oncogèni, inseriti nel genoma
cellulare normale. Eventi che possono essere scatenati da svariati fattori, capaci di vanificare
l'azione inibitoria, esercitata da alcune proteine, sui geni oncogeni del DNA cellulare, su quei
segmenti cioè del genoma cellulare che, se diventano capaci di esprimersi - di indurre, cioè, la
biosintesi delle proteine da essi codificate - innescano una serie di processi biologici, che
trasformano la cellula stessa, facendola diventare una cellula tumorale. La moltiplicazione
logaritmica della cellula, se sfugge alla caccia da parte delle cellule immunocompetenti, giunge,
dopo un certo tempo, alla formazione della massa tumorale. L'elettrotecnico - questo era Breuss,
quando pensò, per la prima volta, al digiuno antitumorale - forse anche non avrebbe capito tanto
linguaggio tecnico: la scienza medica, oggi, nel caso che riconoscesse la giustezza del suo
metodo di terapia dei tumori, direbbe che la «Krebskur-Total» ha la capacità di condannare a
morte, mediante eliminazione fisica totale, gli oncogèni ribelli, assieme alle cellule da loro

30
espresse, derivate dalla loro espressione fenotipica, riportando l'organismo allo «status quo
ante», ed anche, anzi, ad uno migliore. È legittimo chiedersi se la scienza medica ufficiale
riconoscerà la validità della «Breuss-Kur». Una risposta - positiva o negativa, non importa - la si
potrà avere solo se si ha il coraggio di sottoporre quel metodo ad una rigorosa sperimentazione.
Niente va mai accettato, né respinto, aprioristicamente, in maniera preconcetta, ma tutto
deve essere vagliato scientificamente, rigorosamente, per amore di ricerca, con amore per la
ricerca. «Amicus Plato, sed magis amica veritas»: ma la verità di una cosa la si può appurare
solo se l'argomento viene affrontato, e non sfuggito. Galilei porse agli inquisitori il suo
cannocchiale, invitandoli a osservare, nel cielo, di persona, con i propri occhi, la verità e la
oggettività delle sue teorie astronomiche; essi rifiutarono, nascondendosi dietro ad Aristotele, o
meglio dietro il loro aristotelismo preconcetto. Oggi non siamo inquisitori, ma spiriti
ricercatori: se un uomo semplice ci invita a sperimentare "scientificamente" quello che egli
testimonia come verità empirica, noi abbiamo il dovere - laddove ci sia possibile - almeno di
accettare l'invito.
In fondo, si tratta di un metodo già empiricamente collaudato in un numero relativamente
grande di casi, e che si è rivelato assolutamente innocuo, fino al punto che l'autore, reso sicuro da
tanta consumata esperienza di migliaia di casi risolti, non esita ad affermare: «È lasciato ad
ognuno di scegliere se sottoporsi alla cura con o senza il controllo di un medico»; talmente egli
ritiene facile e innocente portare avanti una simile cura. Purché, naturalmente, si seguano con
fedeltà tutte le indicazioni date nel libretto sulla «Krebskurtotal».

La miscela di succhi centrifugati

La terapia del cancro è chiamata, da Breuss, «Saft-Kur» - cura con succhi - «GemüsesaftKur» - cura con succhi di verdure - «Krebskur-Total» - cura totale del cancro - «Krebs-Kur»
L- cura del cancro - «Total-Kur» - cura totale. La sua durata è esattamente di 42 giorni. È un
digiuno relativo, non un digiuno assoluto, in quanto prevede l'assunzione di una miscela di
succhi centrifugati, che debbono garantire l'apporto vitaminico esogeno, altrimenti deficitario
in un regime dietetico tanto rigoroso, che esclude tutti gli alimenti solidi - eccetto qualche
brodino leggero a base di cipolle cotte, o di altro, in alcuni casi particolari. Oggi abbiamo a
disposizione ottime ed economiche centrifughe, per ottenere, dagli ortaggi indicati, il succo
prescritto. Breuss ricorda quanto era difficile ottenere questo succo negli anni cinquanta, quando
ebbe a trattare i primi casi di tumore, perché allora mancavano le centrifughe, e si doveva far
ricorso alle grattugie, filtrando poi il succo attraverso un panno di lino. Questa miscela è oggi
anche disponibile in confezione, in una bottiglia di vetro da mezzo litro, prodotta dalla Biotta
AG, CH-8274 Täger-Wilen, Svizzera, importata e distribuita in Italia dalla ditta «Il fior di loto»
Grugliasco (To), ottenibile presso le erboristerie o presso alcune farmacie, mediante
prenotazione, specificando che si desidera «Breuss Gemüsesaft», oppure «Breuss Coktail de Jus
de Legumes», cioè un succo ricavato da ortaggi, secondo la ricetta di Rudolf Breuss.
Se volete preparare da voi i succhi, centifrugate i seguenti ortaggi rispettando i rapporti ponderali
indicati:
- bietola rossa gr. 300;
- carota gialla gr. 100;
- sedano gr. 100;
- rafano gr. 30 circa

31
L'aggiunta di una patata cruda è necessaria solo in caso di tumore al fegato, mentre resta
facoltativa negli altri casi. Oppure, quanto all'apporto della patata, si può anche ricorrere alla
preparazione di una tisana, ricavata facendo bollire, da 2 a 4 minuti, una manciata di bucce di patate
crude, in mezzo litro d'acqua: ogni giorno, se ne beve a sorsi, durante il dì, una tazza fredda. Se la
bevanda non piace, è segno che il fegato non ne ha necessità, e si lascia perdere.
Indubbiamente, ove sia possibile, è più agevole comprare la miscela di succhi così come viene
prodotta e confezionata dalla ditta Biotta, la quale garantisce che i singoli componenti della miscela
derivano tutti da ortaggi coltivati biologicamente; né ci sono motivi ragionevoli per credere che non
sia così. Aggiungo qui, per inciso, che, in questi anni, ho potuto osservare che la miscela di Breuss è
particolarmente indicata anche nei casi di anemia: molte volte ho visto normalizzarsi abbastanza
rapidamente il livello ematico circolante, in pazienti che soffrivano di anemia ipocromica
sideropenica, già solo con l'assunzione quotidiana di un quarto, e fino a mezzo litro, della miscela
dei succhi.

Autolisi e albumina

l Kwashiorkor, parola africana che significa "bambino malnutrito", è una malattia frequente nei
paesi tropicali, che colpisce i bambini di circa 1-3 anni, cioè subito dopo lo svezzamento - che in
Iquesti paesi avviene tra i 18 e i 24 mesi - e insorge in una condizione di semidigiuno, dovuta a una
dieta deficiente di proteine. L'insufficiente introduzione di proteine comporta un deficit della
biosintesi, tra l'altro, di albumina, che, una volta immessa nel circolo ematico, è necessaria a
mantenere la pressione osmotica del plasma sanguigno. Il deficit di albumina serica determina, nei
"bambini Kwashiorkor", la presenza di addomi gonfi, a causa dell'edema, dovuto all'alterato
equilibrio idrico fra il sangue e il fluido interstiziale. Già negli anni cinquanta, in presenza del
fenomeno Breuss, vari medici si chiesero come fosse possibile evitare un gravissimo e letale deficit
dell'albumina serica, in un paziente che non attingeva proteine da nessuna fonte esogena, durante un
digiuno che si protraeva addirittura per 6 settimane. Breuss, che aveva messo a punto il suo metodo
di terapia del tumore mediante quel tipo di digiuno, solo per via intuitiva, e su base empirica, trovò
tuttavia una risposta anche a questo e la individuò nel processo di autolisi della massa tumorale;
cioè, un dissolvimento della neoplasia provocato dallo stesso organismo, nel momento in cui si
determina una condizione di pericolo di morte, se non si reperisce una fonte endogena di proteine,
da degradare in aminoacidi, perché siano utilizzati dal fegato per la biosintesi di albumina. È per
questa ragione che, ai pazienti con una massa tumorale molto ridotta - perché ai primi stadi di
sviluppo - Breuss permette l'assunzione giornaliera di una tazza di brodo non ristretto di
minestra di cipolle. La stessa razione è permessa agli ammalati di cancro, ai quali il tumore sia
stato asportato chirurgicamente in parte o del tutto. Con questa tazza di brodo si intende introdurre
nell'organismo un po’ di albumina dall'esterno.

Camere a gas: naftalina e affini

reuss avverte, a chiare lettere, che il fumatore che non smette per sempre di fumare, non potrà
mai guarire di cancro, anche se si sottopone al digiuno terapeutico. La salvaguardia dell'apparato
Brespiratorio, almeno nel senso della eliminazione di tutti i fattori irritanti e lesivi, è considerata
una «conditio sine qua non» per il successo della «Krebskur-Total», ma anche per guarire da ogni
altro genere di malattia cronica e ostinata. È per questo motivo che, l'ambiente nel quale vive
l'ammalato, ma anche la persona sana che non vuole ammalarsi, deve essere assolutamente non

32
inquinato. Fattori sicuramente inquinanti e intossicanti, lesivi della salute in maniera subdola e
silenziosa, ma altrettanto grave, sono, in primis, i tarmicidi, le cui esalazioni venefiche uccidono
l'uomo, non meno degli animaletti per i quali vengono prodotti e utilizzati. Si intende, qui, i
tarmicidi prodotti sinteticamente, e non le sostanze naturali, che con il loro aroma, gradevole per
l'uomo, ma sgradevole per gli insetti, servono a tenere lontani tarli, formiche, scarafaggi, ed altri
indesiderati animaletti. Per convincere il lettore della fin troppo sottovalutata pericolosità di queste
sostanze, inquinanti l'aria dell'ambiente nel quale viviamo, Breuss riferisce, e testimonia, alcune
delle sue esperienze a riguardo. Da buon iridologo pratico, quale egli era, vedeva, nell'occhio delle
persone che visitava, i segni di eventuali effetti inquinanti, subiti vivendo e respirando aria
contenente particelle tossiche, provenienti da insetticidi presenti in una abitazione. Leggeva
nell'iride la presenza inquinante, ancor prima di riuscire a trovare, da qualche parte della casa,
l'insetticida responsabile delle eventuali lesioni, riscontrate nel paziente.
Come quando fu chiamato a visitare una ragazza di dodici anni che, improvvisamente, aveva
perso la vista, senza alcuna causa apparente. Sulla base dell'esame dell'iride, Breuss fu certo della
presenza in casa di naftalina, e individuò, nella respirazione continua di questo veleno, la causa
della sopravvenuta improvvisa cecità, dovuta, secondo l'oculista precedentemente consultato, ad
una non meglio precisata «paralisi del nervo ottico», peraltro non trattabile né chirurgicamente, né
mediante l'uso di occhiali. In effetti, la naftalina era presente, abbondantemente, un po’ dappertutto
nell'abitazione; fu rimossa e gettata via, l'ambiente fu aerato sufficientemente, e purificato mediante
l'uso quotidiano, per vari giorni, di incenso bruciato. La ragazza riprese a vedere dopo solo tre
settimane. Era il mese di maggio dell'anno 1965, a Wigratzbad.
Ancora la naftalina, o meglio l'arsenico che essa contiene - come avevano dimostrato già allora
esami chimici di laboratorio - fu individuata come responsabile di una strana e grave malattia di
pelle di una signora di Amburgo, la quale, trovandosi provvisoriamente a Bludenz, la città natale e
di residenza abituale di Breuss, a questi ricorse per una strana lesione cutanea, che potremmo
definire «dermatite vescicolare migrante», perché, secondo un ciclo costante di cinque giorni,
precisa come un orologio, migrava per tutto il corpo, di distretto in distretto. La signora, tornata ad
Amburgo, ripulì tutta la casa dall'abbondante naftalina che teneva negli armadi per proteggere gli
abiti contro le tarme, purificò l'abitazione con resine aromatiche una volta al giorno, per 14 giorni,
bevve la «tisana per i reni», di cui nella terapia dei tumori, deterse con un'altra tisana le lesioni
cutanee, e, dopo sole tre settimane, guarì completamente.
Breuss cita il giorno, il mese e l'anno - il 24 aprile del 1944 - nel quale aveva comprato il
libretto del dott. Otto Wirz «Der Krankheitsbefund aus der Regenbogenhaut der Augen», cioè
diagnosi attraverso l'iride, edito da Karl Rohm, in Lorch, Württemberg, per esprimere l'importanza
della scoperta dell'iridologia come metodica diagnostica, e per la sensibilizzazione che ricevette
dalla lettura dell'opuscoletto, sulla nocività della naftalina, definita da Wirz «il più grande
assassino dell'uomo», per il suo contenuto in arsenico. Il dott. Wirz riferisce l'articolo di un
giornale di Chicago sulla disavventura di una povera donna, che fu accusata dell'omicidio di 6
suoi fratelli, che erano tutti morti, uno dopo l'altro, dopo di avere dormito nello stesso letto, messo
a loro disposizione dalla sorella, mentre che li ospitava. La donna fu scagionata dall'accusa solo
dopo che l'arsenico, che fu rinvenuto nelle salme sottoposte ad autopsia, fu rinvenuto anche,
mediante esami di laboratorio, nella naftalina, trovata in grande quantità nel materasso del letto, nel
quale avevano dormito i fratelli. Nel 1944, Breuss scommise 1000 marchi con una signora anziana,
che era sicurissima di non avere affatto naftalina in casa, mentre Breuss aveva letto nei suoi occhi
tale presenza. Secondo Breuss, era proprio l'arsenico di questa naftalina la responsabile della grave
forma di malattia della pelle, di cui la signora soffriva da ben 42 anni, senza poter guarire,
nonostante che avesse consultato più di 200 medici, dei quali almeno un centinaio erano stati dei
dermatologi. Ebbe ragione Breuss, il quale rinvenne nell'abitazione della donna una enorme
quantità di naftalina, presente in casa sotto forma di una elegante bottiglia ornamentale. La grave
dermatite scomparve dopo due settimane, dopo che fu buttata via la naftalina, e fu purificato
l'ambiente con resine aromatiche, capaci di legare le particelle di veleno volatile, se vengono

33
bruciate in un determinato ambiente. Le parti del corpo malate la signora le lavò con delle tisane
consigliate da Breuss. L'organismo fu purificato mediante l'assunzione della tisana per i reni.
Oggi è più raro, solamente più raro, non impossibile, né, poi, qua e là, tanto infrequente, che
molte casalinghe abbiano la morte nel cassetto o nell'armadio, sotto forma di naftalina o di
canfora sintetica. Altri veleni sono abbastanza comuni, tutti prodotti di sintesi, utilizzati sotto forma
di spray, insetticidi, deodoranti per la casa e per il water, una volta il DDT, e così via. La
pulizia quotidiana, e l'aerazione dell'ambiente, ottenuta aprendo porte e finestre per fare entrare aria
da fuori - nell'ipotesi che tutt'intorno all'abitazione vi sia aria non inquinata - sono la maniera più
semplice e più naturale per respirare aria salubre, fresca e non malsana. Nelle erboristerie, poi, e
presso le farmacie, si possono comprare sostanze profumate di origine vegetale, non nocive,
capaci di tenere lontani dalla biancheria tarme ed altri insetti nocivi. Ben nota è la lavanda, ma
esistono molte altre possibilità, tutte da scoprire, e non senza gradita sorpresa.
In conclusione, stiamo ben attenti a non trasformare le nostre case in vere e proprie «camere a
gas», non sottovalutiamo la gravità del problema, facciamo indagini - e invitiamo a farne - per
essere ben certi che nelle nostre abitazioni non sia da qualche parte, caso mai ben nascosto e
dimenticato, questo subdolo veleno. Quanto ai fumatori, ricordiamo loro che sono inquinatori di
se stessi, ma anche di quelli che con essi coabitano: se non sanno fare a meno di fumare, almeno
evitino di farlo nella camera da letto, perché, quando si fuma in quella camera, per tutta la notte si
vive e si dorme in una vera e propria camera a gas. In ogni caso, in qualunque vano si sia fumato, si
abbia l'accortezza di aerare l'ambiente, perché il fumo tende a diffondere per tutta la casa,
inquinando gravemente l'ambiente.

Non solo il cancro

Secondo Breuss, sono sufficienti anche solo tre settimane del suo digiuno terapeutico per debellare
l'artrite, la coxartrosi, l'osteoporosi, la spondiloartrosi. È necessario, comunque, procedere in
Stutto come se si stesse trattando un caso di cancro. Se poi si volesse fare un digiuno di 42 giorni,
sarebbe ancora meglio, perché in questo modo si sarebbe sicuri della distruzione totale anche di
eventuali cellule tumorali, presenti nell'organismo, ma non ancora evidenziatesi clinicamente. La
Total-Kur, fatta a metà, o portata avanti per intero, si è rivelata un metodo rapido e sicuro per
combattere l'obesità: si procede, con essa, «per breviorem viam», per conseguire il risultato dello
smaltimento del peso superfluo, rispetto al peso corporeo ottimale. Breuss consiglia la sua cura
anche per prevenire il cancro, nel senso che essa è un'ottima terapia ad azione rigenerativa
generale, depura il sangue, svolge azione stimolante sugli organi ematopoietici, è una buona cura di
primavera.

La leucemia: «relata refero»

La leucemia non è considerata, da Breuss, una malattia neoplastica. L'atipia delle cellule
bianche del sangue, non ritenuta la conseguenza di una trasformazione primitiva irreversibile,
Lsarebbe dovuta alla risposta, peraltro reversibile, dei globuli bianchi, ad una funzione alterata
del circolo portale. In questa ottica, per vincere la leucemia, basta rifunzionalizzare la circolazione
portale, perché i leucociti riprendano la loro forma, struttura e funzione tipiche. Certo, con Breuss le
sorprese non finiscono mai. Tanto più che il terapeuta empirico intuitivo scommette che la
inversione di tendenza si determina già solo dopo sei giorni di una terapia, che è, peraltro, di una

34
facilità sorprendente. Non è necessaria la Krebskur-Total, non stando in presenza di una
trasformazione neoplastica; non occorre il digiuno, il divieto assoluto di cibi solidi. Si può
mangiare regolarmente, evitando solamente brodi di carne di cavallo o di maiale. È necessario bere,
ogni giorno, sempre e solo a sorsi, preferibilmente poco prima dei pasti, nel corso di una giornata,
un quarto della miscela dei succhi centrifugati Breuss (pagg. XXX-XXX); l'assunzione di questi
succhi deve protrarsi per 42 giorni. Bevendo la porzione indicata dei succhi, già nei giro di pochi
giorni si ha lo sblocco della situazione patologica, in quanto questo cocktail di succhi ad alto
contenuto vitaminico, avrebbe, secondo Breuss la capacità di rifunzionalizzare la circolazione
portale, ristabilendo lo «status quo ante», e quindi comportando una «restitutio ad integrum». Per
purificare il sangue, e per stimolare la funzione endocrina delle ghiandole si prendono tisane
depurative; eventuali cicli di terapia si possono trovare alle pagg. XXX-XXX, XXX-XXX, XXX.
L'alterazione funzionale della circolazione portale, responsabile della leucemia, sarebbe
provocata a sua volta da una depressione psichica, da un abbattimento d'animo, che, lavorando
nelle profondità dell'io, raggiungerebbero la sfera somatica, esprimendosi nella manifestazione
leucemica. Potremmo dire che è una morte di dentro, che tende a divenire inesorabilmente anche
morte fisica. L'intuizione del carattere psicosomatico della leucemia, Breuss l'ebbe nel lontano
1952, quando vide guarire la signora Regina Lorünser, dichiarata leucemica terminale dai numerosi
medici che l'avevano visitata. Convinto, già da allora, che la leucemia non è da considerare un
tumore, ma è la conseguenza di una malattia a carico del distretto portale, e che la causa prima è da
ricercare nelle profondità dell'anima, in uno stato psichico di depressione, nelle sofferenze di
dentro, prese a curare l'ammalata non con la Total-Kur, ma nella maniera descritta sopra. Ebbe
talmente ragione, che, andando in bicicletta a trovare la sua paziente "grave", dopo una settimana
dall'inizio della cura, non la trovò a letto moribonda, ma la vide addirittura impegnata a lavorare; e
seppe pure che, già al quarto giorno, l'ammalata si era alzata di letto per fare qualcosa in cucina. La
signora Regina morì 5 anni dopo, ma per un incidente stradale.
«Mirabilia auditu!»: sono, certo, cose massimamente sorprendenti. Come se non bastasse,
Breuss testimonia che, nel giro di 10 mesi, ricorsero a lui ben 28 leucemici, e che tutti avevano
ripreso a lavorare nel giro di appena sei giorni. È vero, siamo davanti a sole prove testimoniali; di
un testimone, tuttavia, al quale a me piace credere. È un uomo onesto, non venale, per niente alla
ricerca di onori e gloria, desideroso solo di aiutare il prossimo sofferente, mediante la
individuazione delle malattie attraverso la lettura del corpo, e indicando la via della guarigione in un
percorso terapeutico naturale. Prendendo per buona l'ipotesi dell'origine psicosomatica della
leucemia, potremmo anche noi tentare di vincere questo male, muovendoci verso l'ammalato su
due binari: da una parte si fa psicoterapia, per rimuovere le cause profonde del male, dall'altra si
opera sulla base organica, tentando di rifunzionalizzare la circolazione portale, mediante la
miscela di succhi centrifugati consigliata da Breuss. Niente di più facile che fare un tentativo del
genere: la psicoterapia non è nociva, i succhi costituiscono, in ogni caso, un valido apporto
vitaminico; non ci sono controindicazioni, né si temono effetti collaterali. Se da noi mancano
casi di guarigione dalla leucemia attraverso questo metodo, niente di meglio che cominciare a
produrne: se, naturalmente, Breuss ha visto bene. D'altra parte, se la cosa non dovesse riuscire pur avendo il terapeuta rimosso radicalmente le supposte cause psichiche della leucemia - l'exitus
non sarebbe stato provocato, in ogni caso, dal tentativo fatto; il quale tentativo resterebbe pur
sempre, di per sé, lodevole.

35
"Tu prendi le medicine e rifuggi il digiuno,
come se esistesse una medicina migliore del digiuno "
(S. Ambrogio, 245 d. C.)
IL DIGIUNO TERAPEUTICO MADE IN USA

LA SOCIETÀ DI IGIENE NATURALE
Possa lo spirito del dott. Shelton continuare a vivere in eterno», scrive il dott. D.J. Scott,
igienista professionista di Strongville, nell'Ohio, a conclusione di una breve presentazione
«Pdell'autore del libro «Il digiuno può salvarvi la vita». È l'elogio al maestro Herbert M. Shelton definito «l'individualista intransigente» - da parte di uno dei discepoli, un professionista d'igiene
naturale, appartenente all'ANHS - the American Natural Hygiene Society - che ha sede negli Stati
Uniti, ed iscritti un po’ in tutto il mondo. Movimenti di Igiene Naturale si trovano in Belgio,
Canada, Francia, Spagna, Honduras, Italia. Da noi, la società editrice Igiene Naturale S.r.l. (Via
Roma, 61, 86010 Gildone CB Tel. 078456127 - 56215 - 56254), è la divulgatrice delle idee del
movimento di Igiene Naturale, mediante la pubblicazione di opere sull'argomento, che sono
fortemente stimolanti, e tendenti a suscitare l'interesse sul conseguimento e la conservazione della
salute, seguendo metodi naturali proposti dal dott. Shelton - in primis - ma anche da tanti altri
studiosi e ricercatori, sia del secolo scorso in America, che di questo secolo, tanto negli Stati Uniti,
quanto oramai in tante altre nazioni, essendo il movimento in forte espansione.
Herbert M. Shelton è una figura di primo piano, in quanto ha saputo raccogliere nei suoi libri ne ha scritti più di tre dozzine! - il frutto delle ricerche e delle esperienze di tutti gli operatori
della salute, a partire da Sylvester Graham, del secolo scorso - impegnati nel combattere le malattie
mediante una corretta alimentazione, ed un ordinato regime di vita, puntando, poi, soltanto sul
digiuno, per recuperare la eventuale salute perduta, senza l'uso dei farmaci, considerati e definiti
veri e propri veleni. Nei suoi scritti, Shelton evidenzia la sua consumata esperienza in materia di
digiuni terapeutici, esperienza acquisita direttamente, per avere assistito personalmente più di
centomila pazienti digiunanti, ai fini del superamento delle più svariate patologie.

DIGIUNO E TOSSIEMIA
Avvelenamento, disintossicazione, azione antitossiemica: sono queste le parole d'ordine
dell'igienista, quando si propone l'obiettivo del recupero della salute perduta. La malattia è uno
Sstato tossiemico; il digiuno prima, ed un opportuno regime dietetico, poi, vincono la malattia, e
determinano l'instaurarsi di uno stato di salute duratura e perenne; il digiuno assistito costituisce
l'unico e il più valido presidio terapeutico, per ogni genere di stati morbosi. «Natura docet»: gli
animali digiunano, quando sono ammalati, e riprendono a mangiare, per gradi, quando hanno
superato la malattia. Non solo l'animale, ma anche l'uomo rifiuta il cibo, mentre sono in corso le più
svariate forme morbose: con la differenza che, se l'animale è lasciato in pace mentre digiuna,
l'uomo deve fare una grande fatica per resistere alle sollecitazioni dei familiari, preoccupati ed
ansiosi, che vogliono vedere il proprio caro assumere cibo, perché convinti che solo mangiando si
guarisce. L'animale, che può portare avanti la sua terapia secondo natura, generalmente guarisce;
per l'uomo, che si sottopone ad un trattamento farmacologico, per lo più si arriva ad una parvenza di
guarigione, che consisterà nella messa a tacere della sintomatologia, e non nella eliminazione delle
cause profonde, che sostengono la malattia.

36
Il digiuno è proposto come un chirurgo abilissimo, capace di eradicare i mali, agendo
efficacemente sulle cause determinanti, e non operando un illusorio effetto placebo, mediante la
eliminazione dei sintomi che fanno sentire la malattia come qualcosa di fastidioso, da rimuovere.
Senza capire che la rimozione del sintomo non significa, in genere, scomparsa della malattia. Si
pensi, per tutte, all'azione sintomatica - e potremmo dire «fantomatica» - esercitata dagli
antiflogistici, i quali, tra l'altro, non sono, poi, tanto innocui. Quando cessano i sintomi, il male
diventa silente, ma può continuare ad esistere. Diviene, anzi, subdolo, e quindi più pericoloso. I
sintomi delle malattie sono utili, come le spie del cruscotto dell'auto, che si accendono quando
qualcosa non va: l'utente non andrà certo a spegnere la spia luminosa, ma agirà sulle cause che
hanno determinato l'accendersi della luce spia. Il sintomo deve cessare solo se cessa la causa, di cui
esso è l'espressione. In tal caso, e solo allora, la scomparsa del sintomo si identifica con la
guarigione.
La tossiemia è malattia, lo svelenamento è guarigione, il digiuno assistito è la terapia:
questa è l'unica, vera medicina, secondo gli igienisti americani, i quali non usano mezzi termini nel
condannare i metodi della medicina scolastica tradizionale occidentale, tanto europea, quanto
americana. Essi pongono i risultati a confronto: solo attraverso il digiuno assistito, tantissimi
pazienti sono finalmente guariti da mali, che, precedentemente, erano stati inutilmente trattati con
severe e scrupolose terapie farmacologiche, e/o anche mediante interventi chirurgici. La via da
seguire è, tutto sommato, straordinariamente semplice: basta soltanto non mangiare.
Naturalmente, si può bere, ma solo acqua naturale.

LA DURATA DEL DIGIUNO
La durata del digiuno è variabile: una volta iniziata, l'astinenza dai cibi sarà interrotta solo quando
compariranno alcuni precisi segni clinici, che staranno a significare che il digiuno ha esaurito la
Lsua funzione di depuratore radicale di tutto l'organismo, con la sua profonda azione antitossiemica.
L'attività svelenante del digiuno si disegna costantemente sulla superficie della lingua: una
patina biancastra ben evidente, o altre modificazioni del colorito della lingua, rispetto al color roseo
fisiologico, esprimono l'azione disintossicante nel suo fieri; il ritorno del colorito roseo sulla
lingua, a partire dai lati e dal centro, fino ad interessare tutta la lingua è il segno ,che il corpo è
oramai sano, perché tutte le tossine sono state completamente eliminate. L'appetito, la fame, il
bisogno di riprendere a mangiare, sono l'altro fondamentale segnale che indica essere giu,nto il
momento di interrompere il digiuno. Segni fisiologici, questi due, che il paziente ha superato
brillantemente la prova del digiuno, e che ha saputo resistere a tutte quelle crisi, che si possono
verificare durante il periodo di svelenamento dell'organismo intossicato. Il polso irregolare,
l'abbassamento della temperatura corporea, una perdita delle forze fisiche, eventuale vomito,
episodi di mal di testa, vertigini, singhiozzo, crampi, eruzioni cutanee, crisi di sputo,
irritabilità, assieme a tanti altri fenomeni, sono sintomi che è possibile riscontrare durante i digiuni
- mai tutti assieme, né sempre e necessariamente - ma che non preoccupano più di tanto gli
specialisti, che assistono i digiunanti. Né inducono il terapeuta a decidere la sospensione
dell'astinenza dai cibi. A meno che l'abbassamento della temperatura non sia eccessivo, troppo
rapido, e soprattutto se il paziente lamenta un caldo fastidioso, mentre i suoi piedi sono freddi: nel
qual caso, in genere, si deve interrompere il digiuno, e applicare al corpo calore dall'esterno. Una
graduale perdita delle forze è ritenuto un evento normale, ma si deve interrompere il digiuno in caso
di frequenti svenimenti, di estrema emaciazione, con inabilità a camminare da soli. Il calo
ponderale è, chiaramente, previsto; il peso si recupera, e raggiunge un livello fisiologico, con la
ripresa dell'assunzione dei cibi. Lo specialista, che assiste il paziente, valuta, volta per volta,

37
l'importanza di tutte le crisi, osservate nel corso del digiuno, ai fini della eventuale decisione di far
interrompere l'astensione dai cibi.

SPRETTRO D’AZIONE DEL DIGIUNO
Il libro «Il digiuno terapeutico», della citata società editrice Igiene Naturale, è un buon
compendio, una illuminante sintesi sull'argomento del digiuno che salva. Sulla pagina
Iposteriore della copertina del libro, è riportata una interessante tabella esemplificativa, tratta
dai casi assistiti dai dottori F.M. Eachen, R. Gross e W. Esser, nelle loro cliniche negli Stati Uniti.
Sono riportati, in cifre, più di mille casi delle più svariate malattie: i casi di «non restitutio ad
integrum» sono una settantina in tutto. Sono tutte malattie di notevole rilevanza medica, alcune
delle quali, poi, sono tra quelle che fanno tremare il sangue nelle vene. Cinque casi di cancro
fanno parte di quel gruppo di casi trattati, che sono giunti tutti a guarigione completa. Come pure i
195 casi di ipertensione, o i 14 casi di diabete, i 6 casi di appendicite, i 36 di varie forme di
epatite, i 32 casi di disordini mentali, i 21 di dispepsie, gli 8 di gonorrea. Su 8 casi di sclerosi
multipla, ben cinque sono giunti a guarigione, o sono notevolmente migliorati. Solo un caso di
cataratta, l'unico trattato, non è stato risolto dalla terapia del digiuno. Colite, sinusite, anemia,
emorroidi, artrite, bronchite, malattie renali, tumori benigni, cardiopatie, asma, ulcere,
febbre da fieno, gotta, calcoli biliari, costipazione, psoriasi, bronchite, vene varicose, eczema,
insonnia: queste le malattie elencate nella tabella. La percentuale dei casi non risolti è davvero
molto bassa, anche tenuto conto che - come è chiarito nello stesso volumetto, e sottolineato anche in
altri testi della stessa casa editrice - molti dei casi non risolti riguardano pazienti che, o per motivi
economici, o per altre ragioni soggettive, non hanno potuto portare a completamento la terapia, per
tutto il tempo considerato necessario.
È confortante leggere che il dolore, questo grande problema, va via, generalmente, dopo solo
pochi giorni dall'inizio del digiuno. Il dottor Shelton afferma di aver visto pazienti, affetti da
cancro, «liberarsi di tutti i dolori in un periodo di tempo che varia dalle 24 ore ai tre giorni, dopo
che è stato interrotto il drogaggio (!), e tutta la nutrizione». Di un evento simile sono stato testimone
qualche anno fa, quando ho potuto constatare, con sorpresa, la scomparsa, improvvisa, e quasi
totale, dei terribili dolori di cui soffriva, giorno e notte, un paziente, i cui due polmoni erano stati
compromessi gravemente da un carcinoma allo stadio terminale, e che, dietro mio consiglio,
stava tentando l'ultima spiaggia, costituita dal digiuno terapeutico. Il tentativo di salvarlo dalla
morte non riuscì, perché l'ammalato non fu in grado di portare a termine né il digiuno secondo
Breuss, né quello della scuola americana, in quanto, tra l'altro, non perse mai la fame; evento,
questo, che invece si verifica generalmente in tutti i digiunanti, subito dopo l'inizio dell'astinenza
dai cibi. Tuttavia, quello strano digiuno parziale - che era la via di mezzo tra i due metodi, ritenuti
gli unici possibili in quelle condizioni - accompagnò l'ammalato all'exitus in una maniera
sicuramente meno traumatica; e permise al paziente, la domenica prima di morire, di vestirsi come
si suole nel giorno di festa, e di salutare parenti ed amici, perché, in quel giorno, si sentì così bene,
che era ormai convinto che sarebbe guarito completamente. Anche nel caso dell'artrite, è scritto
che «la maggior parte dei pazienti si libera da gravi attacchi artritici, entro pochissimi giorni
dall'inizio del digiuno». Idem dicasi dei sintomi dolorifici, che accompagnano le mestruazioni nelle
sofferenti di dismenorrea, o di quelli «laceranti» delle crisi emorroidarie acute. Scompaiono
anche le coliche biliari da calcoli, in attesa che il digiuno, lentamente, ma sicuramente, sciolga
queste formazioni, fino alla loro scomparsa definitiva. È ragionevole pensare, a questo punto, che,
al di là dei casi citati espressamente, l'evento della scomparsa del dolore, in seguito alla terapia
del digiuno, interessi tutte le situazioni patologiche, trattate mediante l'astinenza dai cibi. Sottolineo
l'importanza di questo fatto, in particolar modo per quanto attiene i pazienti affetti da un male

38
incurabile, e per quanto riguarda il dolore, che accompagna questi ammalati, soprattutto negli stadi
terminali del decorso della malattia. Se non si riuscisse ad ottenere altri risultati mediante il
digiuno terapeutico, in casi simili la scomparsa del dolore sarebbe, di per sé, una vera benedizione
di Dio, ed una giusta ricompensa al sacrificio dell'astensione dal cibo.

DIGIUNO E TUMORI: GLI IGIENISTI E BREUSS
Soprattutto per l'evento sicuro della riduzione del dolore, dove non avvenga la eliminazione
totale dello stesso, gli igienisti consigliano la via del digiuno anche nel caso dei tumori, per la
Scui guarigione non ci siano oramai più speranze. D'altra parte, essi testimoniano di aver visto
migliaia di neoformazioni, della più svariata natura, svanire nel nulla, dissolversi totalmente,
in seguito al digiuno assistito. Shelton usa il termine «autolisi», per indicare l'evento della
eliminazione delle neoplasie dall'organismo, nel corso del digiuno. Non mi tratterrò sulla
spiegazione del processo fisiologico, inteso con il termine "autolisi", rinviando il lettore a quanto ho
scritto, a riguardo, nel capitolo del digiuno secondo Breuss. Perché, anche la scomparsa delle
neoformazioni patologiche, documentate dal ricercatore austriaco, sono, in ultima analisi, la
conseguenza di un processo di riassorbimento del tessuto neoplastico, indotto dall'azione di
comando della centrale della vita, che identifica la massa tumorale come corpo estraneo da
eliminare, usandolo, nel contempo, quale preziosa fonte di elementi energetici, utili all'organismo
affamato.
Chiunque sia interessato ad approfondire l'argomento del digiuno terapeutico proposto dagli
igienisti, trova, nelle edizioni della società editrice «Igiene Naturale», tutto il materiale informativo
necessario. Vorrei, qui, fare qualche riflessione di confronto tra i due metodi di digiuno, e
precisamente tra il digiuno «made in USA», e quello proposto da Rudolf Breuss. Da quanto detto
fino ad ora, risulta chiaramente che tutti e due i digiuni hanno uno spettro d'azione di 360 gradi,
quanto alle patologie che si possono trattare con buone speranze di successo. Gli igienisti hanno
puntato, da sempre, a curare «la malattia», intesa come «tossiemia», a qualunque livello, e sotto
qualsivoglia forma si manifesti. Il problema del trattamento della patologia neoplastica si è
imposto soltanto in un secondo momento. Il primo lavoro scritto dell'igienismo sul cancro risale
al 1932, ad opera del maestro dell'igienismo dott. Shelton, il quale ha continuato a scrivere
sull'argomento una serie di articoli, raccolti successivamente nel volume «Tumori e cancri», che
termina con un articolo tutto dedicato alla spiegazione del processo di autolisi delle formazioni
tumorali, dal titolo originale «Last, but not least», cioè «l'ultimo, ma non per questo il meno
importante».
Breuss non faceva parte di alcun movimento, o scuola, ma conosceva l'esistenza delle cliniche
del digiuno assistito. Intuisce l'efficacia e l'importanza della via dell'astensione dal cibo per
combattere le malattie, fa suo il metodo, lo modifica, rende il digiuno, in un certo senso, relativo,
con l'introduzione dei succhi centrifugati, introduce le tisane, accanto all'acqua pura e semplice. Ma,
soprattutto, punta dritto alla lotta, ed alla sconfitta del cancro, attraverso il digiuno
terapeutico: prima ritiene che con esso sia possibile combattere solo il cancro dello stomaco, e, poi,
scopre che l'efficacia del metodo va in tutte le direzioni, nell'ambito delle patologie tumorali. Il
digiuno modificato è capace di indurre l'autolisi di qualsiasi forma tumorale, sia benigna che
maligna, e a qualunque stadio. Stabilisce anche la durata del digiuno, fissandolo a quarantadue
giorni; mentre, per gli igienisti, non esiste la possibilità di determinare a priori il tempo esatto,
occorrente per la eventuale scomparsa - per autolisi - della massa tumorale. Inoltre, Breuss non
ritiene che il digiuno debba essere necessariamente assistito: egli indica un metodo, invita a seguirlo
fedelmente, ne garantisce i risultati. Lo stesso digiuno, poi, nato per combattere il cancro, Breuss,
naturalmente, lo consiglia per combattere qualsiasi malattia si voglia.

39
Due medicine a confronto? Due scuole? No. Credo sia più esatto parlare di due metodi
differenti, che mirano agli stessi risultati. Sono due vie, con tantissimi punti in comune, e
suscettibili di reciproche integrazioni. Agli studiosi, ai ricercatori, agli operatori della salute, il
compito di approfondire l'argomento, sempre con animo aperto, senza pregiudizi, con il solo scopo
di comprendere, ai fini di far avanzare sempre di più la scienza della salute: che è sempre e solo
una, quella cioè che sta dalla parte degli ammalati, e che si propone, quale unico obiettivo, la
guarigione. Qualunque sia il metodo, da qualunque parte esso provenga: purché sia quello
veramente efficace. «Exitus acta probat», si legge in Ovidio: saggia sentenza, e vera in ogni caso,
sia quando l'exitus darà la salute riacquistata, sia che l'evento finale sarà «exitus = morte». Nell'un
caso e nell'altro, si avrà la verifica della bontà, della verità, o della non validità, della via terapeutica
proposta.

Il prof. dott. Umberto Cinquegrana
È teologo: ha conseguito il dottorato di licenza in teologia nel
1969, con maxima cum laude (110 e lode), presso la Pontificia
Facultas Theologica Sancti Aloisii ad Pausilypum – Neapoli.
È filosofo: ha conseguito la laurea in filosofia nell’anno 1976,
110/110, presso l’Università degli Studi di Napoli.
È esperto in psicologia della coppia: qualifica conseguita nell’anno
1982, dopo un corso di due anni, organizzato dal c.r.f. di Napoli.
È naturopata: ha pubblicato due libri di ricerca di medicina
naturale (Prontuario di Medicina Naturale, 538 pagine, e Digiuno
contro Cancro, 216 pagine, edizioni manna, anno 2001).
È ricercatore di metapsichica: ha pubblicato tre libri di
esplorazione dell’interiorità (Il destino dell’uomo in parabola,
Pensieri di un metafisico, Brevi pensieri che fanno pensare,
edizioni il melograno, anno 2007).

40

Ha conseguito l’abilitazione in scienze umane e l’abilitazione in
storia per l’insegnamento di filosofia e storia nei licei dello stato.
Attualmente a riposo, è stato, ultimamente, docente di ruolo di
filosofia e storia presso il liceo classico di Giugliano in Campania.
È stato membro dell’Accademia di Ricerca Iapnor, di San
Benedetto del Tronto, ivi, a suo tempo, responsabile della
psicologia e della naturopatia.
È membro permanente dell’Istituto di Ricerca Metafisica “Gnosis”
di Napoli.
Ha frequentato la prima facoltà di medicina e chirurgia di Napoli
per un triennio, per un tempo, cioè, sufficiente a fargli acquisire la
conoscenza della medicina ufficiale nelle sue linee essenziali, e
relativo specifico linguaggio.
per eventuali contatti
Prof. Dott. Umberto Cinquegrana
Esperto in Psicologia della Coppia
Naturopata
Ricercatore di Metapsichica
Via Antica Consolare Campana, 49
80019 Qualiano (NA)
tel. 081.8183356
e-mail cinquegranaumberto@virgilio.it
e-mail cinquegranaumberto@gmail.com

41

nota bene
per ottenere i libri
"Prontuario di Medicina Naturale", Edizioni Manna, 2001
"Digiuno contro Cancro", Edizioni Manna, 2001
ordinare all’editore tramite internet
www.edizionimanna.com
o telefonare direttamente all’editore
al numero 081.5221330
oppure contattare l’autore
prof. dott. Umberto Cinquegrana
per telefono (081.8183356)
o via e-mail: cinquegranaumberto@virgilio.it.
cinquegranaumberto@gmail.com


Documenti correlati


Documento PDF digiuno contro cancro ok
Documento PDF prof cinquegrana digiuno contro cancro
Documento PDF prontuario di medicina naturale di umberto cinquegrana
Documento PDF prof cinquegrana non piangete i vostri morti
Documento PDF prof cinquegrana brevi pensieri che fanno pensare
Documento PDF prof cinquegrana pensieri di un metafisico


Parole chiave correlate