File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Sunto 5 english italiano pdf .pdf



Nome del file originale: Sunto 5 english-italiano pdf.pdf
Titolo: Microsoft Word - Sunto 5 english
Autore: Roberto

Questo documento in formato PDF 1.7 è stato inviato su file-pdf.it il 14/03/2017 alle 12:07, dall'indirizzo IP 94.34.x.x. La pagina di download del file è stata vista 1471 volte.
Dimensione del file: 1.2 MB (25 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Roberto e Niccolò Bani

Origin of Civilization
- - Origine della Civiltà
English / Italiano
synthesis on human story
sintesi sulla storia umana

references / riferimenti
Roberto Bani – Niccolò Bani – 2015 Nuda Storia Europa Edizioni
Nude History
Roberto Bani - 2011 Psiche e Società Edizioni Universitarie Romane
Psyche and Society

Origin of Civilization
This is the summary n. 5 extracted from the books NUDE HISTORY
written by Roberto and Niccolò Bani, printed by Europa Edizioni of
Rome and on internet as ebooks. These books contain the full and
adequate study to the story, while this is a partial summary of the
conclusions of that analysis.
It describes the transition from the tribes to the domain or
chiefdom, we see the differentiation of the communities on the three
economies of agriculture, trade, breeding. It tells of peoples which go
to organize according to the general models of Hierarchy or Market
driven in large part by the economic form, initially favored by
environmental conditions, giving some wholes rather homogeneous.

It tells of peoples, with the personalities and significant events, which
go to organize according to general models driven in large part by the
economic form, initially favored by environmental conditions, giving
some wholes rather homogeneous, as we have already seen. If the
summary 1 describes the transition from the tribes to the domain or
chiefdom, in the summaries 2, 3, 4, we see the differentiation of the
communities on the three economies of agriculture, trade, breeding.
The general causality observed is the following:

More detail the S3 diagram shows the nature and genesis of
societies. On the double line in gray are the forms of economy, then
the upper steps from tribes to the civilizations. Under the line: as the
individual is motivated to others, relationships that follow and their
plot, or structure, from which comes the type of society, follows the
function they have and the overall physiology that is created inside.
Throughout HISTORY every society differs in STRUCTURE and
physiology, then in the POWER between monocracies and oligocracies
or delegated democracies, then the prevalent THOUGHT between
religious or secular, ultimately of ethic. In vertical these aspects tend to
be coherent: each socio-structure with its operation favors the type of
power, the thought and ethics to it congruent.
We summarize now from the dawn all data and the summaries in
the only socio-cultural evolution.
ECONOMY is creative, variable, adaptable and is the first cause
who tramples the ancient tribal structure of sapiens. He lived in nature
but while does hunting and gathering of tubers and fruits already be has
the nucleus of agriculture, breeding, crafts and trade. A little for fun, a
little for curiosity, but then to see the utility becomes permanent
acquisition: thrown away some seeds that germinate, then specifically
sow to see what happens; the dog and other animals kept in the village,
first rudimentary breeding; sculpting stones to make blades and to
exchange products with the near tribes. He learned the phenomenon, its
control and the certainty of the results, by seeing the advantages sapiens
repeated him, and there he specialized; the very material advantage,
bringing more prosperity, increases humanity but also the competition
for resources that is territorial rivalries: grow the wars and who has the
largest militia wins normally. Here is that the production balance shifts
on the forms capable of supporting many more people, larger
companies and many warriors, so to win and expand. But it is not the
face to face, the small group where everyone knows everyone and
respect and agreement on common choices is easy and daily.

SOCIETY sees the primeval humanity made up of individuals
collected in families, these in clans or gentes, these in tribes often
united in a confederation. Of themselves, the economic changes do not
alter this and simply the tribes of hunters became tribes of farmers or
shepherds. But following at the growth of population the gatherings of
thousands of individuals impose the urgency of the hierarchical power:
chiefdom or domain is now the community in which they are losing
relationships at par, with the equal meetings that rely roles, the rise or
depose the leaders. The mass gives inequality. Inside people are
specializes creating diversities and also discriminations: on the
productive layer of farmers and herdsmen settled the layer of artisans
and merchants, all under the pyramids of officials, noble warriors and
priests. Are obliged classes imposed by the social physiology and for
need stratified. So the tribe grown passes at be a simple chiefdom, and
when a village took power over the others we have the large chiefdom,
and we are in the early history because this is already a kingdom.
Meanwhile the migrating communities go scattered everywhere
finding very different environments.
Fertile Land in the plains of large rivers or wetlands for the
monsoons. Was the geographical space suitable to spread and thicken
the agricultural production, multiplied thanks to irrigation canals, and
became a network of villages too dense to get along. At first the temple
that is the class of priests, then the palace that is the noble class, they
provide themselves of warehouses for the surplus they consume and
partly redistributed to get services or in times of famine. Abundance of
food and stones in the megalomania of power led to nourish workers,
craftsmen, artists, to build palaces, temples, tombs for the glory of
kings and willingness of the people. So it was a bit for all the
Hierarchical Civilizations that arose up as domain of the sovereign on
the tribal leaders which in turn commanded the local chieftains. After
all, the difference between a Polynesian kingdom and ancient Egypt
almost reduces at the use of materials: stone, copious and allowing
tombs and buildings durable as the dream of the sovereign of being
eternal, instead of perishable wood. Civilization is stated in the story
and it imposed himself to the archaeologists, historians and
anthropologists for the imposing lithic buildings. If the initial social

structure can be born in feudal chiefdome, when the king began to use
its direct hierarchies of scribes and soldiers to control the land, the role
of sovereignty became hereditary and the formal election until to get
lost. At which point was born the state.
>>> Hierarchical Ancient Civilizations on Fertile Land were
those of Sumer, Assyria, Babylon, Egypt, Persia, Kingdoms Hellenistic,
India, China, Khmer, Mayan, Aztec, Inca and other minor.
>>> Hierarchical Recent Civilizations follow them, always of
authoritarian and monocratic nature, as Byzantium, Carolingian
Empire, Kingdoms Vikings, Kingdoms Arab, Empire Turk, Tsarist
Russia, the Papacy, Austria, Portugal, Spain, countries of Latin
America, the Regimes Fascists and Communist.
Water Road ie waterways where boats, barges and ships can

carry much heavier loads of mules and camels, so lend themselves to
travel and trade, the spread of goods, markets are born. Some families,
clans, villages concentrating the wealth favored the formation of
domains and then of the city-state merchant, a Privatist Civilization.
It happened a little everywhere along the rivers but these are water lines
while the geographic space for excellence suited to their spread was the
sea, and thalassocracies were the Minoans Mycenaean, Phoenician,
Greek, Etruscan, Roman and Punic, from Aegean in the whole
Mediterranean sea. The market network arises when the Cretans, then
followed by the other peoples, want to procure the raw materials that
haven't, such as copper and tin to make bronze, and give in return what
abound as olive oil, vases, wool dresses and objects of bronze. So the
management of the accumulated goods, or capital, wealth, changes
direction: accumulation and redistribution are not internal to the society
but for the most part turned outwards, towards other peoples and
countries. Then sovereign and aristocracy are not only political leaders
but merchant capitalists who drag the entire socioculture in the flow
with the outside world: the entire society changes from subsistence to
market. And given the rapid accumulation of wealth isn’t surprising
that families do merchants and artisans, dedicate themselves to
compete, to take away from the others some slices of the market; as it
is no coincidence that most peoples follow each other in the same

merchant network, now known, plotted, grown and used, for foraging
their bags, and privatiste cities and civilizations.
>>> Privatiste Ancient Civilizations of Water Road are those of
the towns with oligarchic state and thalassocracies of the Minoans,
Mycenaeans, Phoenicia, Greece, Etruria, Carthage, Rome.
>>> Privatiste Recent Civilizations follow them, with modern
clothes but always with similar essential organization, such as Venice,
Florence, the Netherlands, Switzerland, England, USA, Canada,
France, Germany, Italy, Japan and other modern.
Steppe and grasslands are geographical spaces which remain at
the edges of the great civilizations, wide and sometimes immense as in
Central Asia, suitable for the dissemination of tribes and domains based
on breeding and they can to give origin at Barbarian Hordes. These
are formed by the king or leader and hierarchies of minor chiefs each
with his band of warriors and their families, on the other hand the
pastoral economy is not rooted in a specific territory therefore they can
associate or dissociate remaining always highly mobile. This explains
the history of the Germans, Huns, Mongols, Tatars, Arabs and others
who lived at the edges of civilization but often gathered under a chief or
king who led them to raids or conquest the rich surrounding
communities. To clarify that Germans as the Gauls and Celts lived in
the forests that were wilds with rarefied humanized spaces and this has
given at those people a scattering effect similar to the steppe.
>>> Peoples original Barbarians of the steppes or semi-deserted
were the Gutei, Assyrians, Hyksos, Arii, Huns, Avars, Magyars,
Vikings, Arabs, Mongols, Tartars. While into dense forests lived the
Germans including the are famous Cimbri, Teutons, Marcomanni,
Angles, Saxons, Burgundians, Franks, Swabians, Vandals, Visigoths,
Ostrogoths, Lombards.
And other economic forms? The primitive hunting and gathering
becomes more accessory also for the contraction of the natural
environment, ending almost lost in time.
While specializes each economic form brings such advantages
and goods to the people who multiply and forcing them in wide

hierarchical structures, but the states that are created are different
because coherent at the economic operation. Agriculture and
pastoralism are jobs performed on a vast territory for thousands or
millions of individuals whose relations may to be adjusted only by
superior hierarchies, and dividing them by estates or counties or
fiefdoms whose leaders are structured giving a feudal hierarchy that's
the chefdom, or without local leaders but with officials that relate
directly to the sovereign or head of state. Chefdom or hierarchy of
heads tends to remain in the barbarians, because simpler but also for
their mobility, while the state or hierarchy of officials is achieved by
civilization and overhangs the wide rural plane, establishing itself as a
monocratic state or authoritarian. Basically in their utopia, pathetic and
ignorant of democracy, the communist regimes have traveled the same
path recreating a pure state, therefore authoritarian and violent over the
plan of workers and peasants. Instead trade and crafts, later factories
and industries, may enrich many families who must to live together and
they are forced to equal relations: the state has to exist but will be
managed by the oligocracy of more Social Summits. In summary: if the
state was created to coordinate and govern the masses, the historic
democracy that always is delegated borns in order to establish more
egalitarian relationships between people about equipotent.
CULTURE as whole of ideas, thoughts, values and certainties of
a people has great weight to give stability, or not, to the social system.
A form of economy, with the entire social structure that implements
and derives from them for living, requires that human mass believe us,
it is satisfied, and put intelligence, reasoning, creativity: you have to
believe for them to perform things. A social system requires certainties
who come above all from religion, secondarily by philosophy, science,
art. So in the hierarchical civilizations the autocrat spreads ideas to
convince that the gods have placed at the top he, and not coincidentally
is a secular thought that tends to prevail in privatiste civilization. How
faith influences politics and economics has been said and we will talk.
Structures and modes
Some notations cardinal can make us understand better.

Structure is basic trait of the universe : we take this concept
from biology, chemistry and in general from the study of nature and
apply this to the human aggregates, treating them with the same
methods and criteria. We are facing a one structure when the elements
of a set are mutually articulated, reason why in the complex is not a
collection of elements looses but organized and as such show new
properties: each structure assumes an its internal functioning or
physiology for which expresses new quality. So in the history every
human grouping is set of elements, people, who are related in space and
time forming a more or less stable structure. But attention to the
following features no less fundamentals.
Modalities with which elements or people are organized are not
random and unlimited: the possible interactions result from human
qualities expressed under the conditions in which they put themselves.
And into sociality only three are possible: Communitarism,
Hierarchism, Privatism; consequent at the nature of psyche that is
inherited and formed in the biogenesis of the species. But the first is
lost: an old, obsolete beautiful ideal, rhetorics, only in special cases and
for convenience is invoked. While the mass interactions take place in
the other two ways. The whole history oscillates between Hierarchism
and Privatism taking place in two distinct networks of relationships:
useful hierarchy for to rule the crowds and the market to produce and
distribute the goods. So in historical time you look the communities or
social unities who grow tremendously, the human mass to leaven but
meanwhile obliged to structure itself, the internal relations go hugely
complicated. In just five thousand years the networks of institutions and
markets have expanded themselves by involving many people and
nations, and today to spread over all humanity.
Socio-Culture is the concept that best indicates every
community of humans, whose expression takes place on the two floors
of the actions and of the words, these elements are intertwined with
each other by forming in whole one specific society-culture. Which in
time will evolve according to physiology in either of the aforesaid
modality: birth, growth, peak, descent, resulting collapse in its
physiology, obviously related to the physiology of socioculture nearby.
History is therefore space-time plot of socio-cultures in which it
express both nature and transformations of each, both the changing
relations between them, and is a plot evolving. It can help the reader

recall here the model of history developed in Psyche and Society on the
three distinct modalities of operation.
Community or communalism is the set of feelings, ideas and
actions that the subject directs to the group or community in which it is
identified and who to feel belong; between feelings the friendship,
sincerity, brotherhood, harmony, solidarity and patriotism. Requires a
good knowledge of the other, to have respect and trust, hence the
pleasure of being together, comes easily established in face-to-face
groups as families, clans, tribes, but also in small towns, villages and
districts. It doesn't depend from the economic form, but from to be
small stable groups of which becomes the dominant way of functioning.
This principle of community is fully vital at condition of common
meeting of the members, needed for to know and be able to have trust,
therefore is obliged the smallness of the human association. The large
gatherings suppress the feeling of community, although it remains
vestiges in the sentiment of home and of peoples of the various
civilizations. However moving from small communities to the masses,
humanity lost the safety and direct democracy offered by staying
together with equality, friendship, harmony, solidarity.
In the scheme S3 are summarized structure, the power and
thinking related to this social physiology: the tribe, of hunters, farmers
or shepherds, remains limited and this community gives security of
belong to the group in reciprocity relations, egalitarian structure,
solidarity and community. The power is held by popular assembly,
direct Democracy as it was direct the ethics of eye contact and speak
with sincerity. This requires harmony between people of culture and
shared values, flattered and by many accepted, at least in large majority
given that the dissents there are always . Think wisely and speak with
sincerity in sum ethics but effective, so that all are well themselves and
they know engage into the group.
For steps from the direct democracy comes the representative
democracy: by (1) direct intervention of everyone in the decisional
parliament, (2) delegate to the head of family or householder, then to
the (3) chieftain or patriarch, and then (4) the group of voters rate the
candidate, as happened in Athens; to come to (5) modern parties whose
candidates are voted by hundreds of thousands of voters. The path
undertook by the Athenians from centuries seeks and pursues

democracy, despite the inevitable massification historical and the
distance increasing between the people and the members who are
delegates or elect, as the parliament.
Hierarchism is based on sentiments that push to relationships of
domination / submission and command / obedience, present in psyche
which has acquired them in hierarchies of animal ancestors. Certainly it
has less weight in small communities but enormous in the civilizations.
In these exist the problem of organizing the crowds that it is resolved
with pyramidal institutions that follow the mode or functional principle
of hierarchism who alone is capable of aggregating and govern human
groups numerous. However it's similar for nature and easily can go to
extremes of Authoritarianism: sentiments and relationships of
domination / subordination may go in sentiments of tyranny /
subservience and sado / masochism, which are slippery substrate to
monocracy. These can take all colors and all ideologies presenting itself
as absolute monarchy, theocracy, military dictatorship, fascism,
communism and other formalities or clothes of monocracies.
In scheme S3 is traced how, given the spread of the new
economies and the consequent population growth, the spread of villages
and the forced superstructure of hierarchies it are screwed giving ever
larger societies. Hierarchical civilizations where security is in the rank
between dependency bonds inside the pyramid structure, that lonely
allows to manage the masses; with the sovereign or despot at the top
and the power that only can go down to control people. If a man or
faction or party or institution wins arrogating the entire power, he may
stiffen the state hierarchies so only orders imperatives will go down
over the people; he will have the total power that craves using the
police and one violent regime, where nothing weight will have all talk
and values that leads to support him. It is indeed part of human nature
find charismatic and protective guides to which bond himself, and
every leader knows how to attract a number of convinced and fanatics;
finally the victorious leader attracts the great mass of the undecided.
Privatism solves the other problem arose with the story that is
the anonymity, non know and no trust others, for whose welfare and
certainty of living can only be based on the goods held and this leads
everyone to curl up in himself and in his property. Trade, craft and

industry have undoubtedly rewarded the privatism or private interest,
and we owe much of the progress of human species at the cities and
privatiste civilizations. This way of working gives security in capital or
in property that are the money and assets owned and exchangeable; the
articulation of the market network with exchanges facilitates production
and distribution of goods. Here we use the sentiments appeared with
territorialism animal: the private interest is based on selfishness,
freedom, ambition, initiative, productivity, thrift and other sentiments
but easily exasperates into selfishness, loneliness, individualism, greed,
rivalry, envy, betrayal, fraudulence. In contexts where the hegemony
privatist spreads individualism on members but also exceeds and the
human falls into social chaos or anarchy. Each one is freed from the
others and from the common rules for the failure widespread to find
agreement and mutual trust: each element thinks and lives only for
himself favoring the discord and social disintegration.
You are free when you can manage it yourself what you need to
live. When you manage the goods of another you domain. If you say
you're doing it for her sake you are a hypocrite. That is, the phrase the
property is theft is stupid. The fact that millions of person have believed
it casts huge doubts on human intelligence to understand the reality. In
the story the egalitarian democracy doesn't exist and cannot exist, who
supports is an idealist or a crook looking for fools: the hopes,
revolutions, democratic movements arise from the best human feelings
but cannot be implemented in the mass. It is fatuous, illusory to wave
the dream of a society of equals that only in small groups can exist
durable. The historical democracies are oligarchies.
So the modalities with which the individuals may articulate himself
structuring the human societies are only three, and have explanation,
origin, internal and external factors that push and determine the
collective dynamic. Because every and all the civilizations or societies
or human groups always have an origin, a phase of stability and a
decline until the disappearance. We will examine other sociocultures
and the historic plot, but of all we will do the synthesis in the fourth
part of NUDE HISTORY as Man's Theory

Origine della Civiltà
Si tratta del sunto n.5 estratto dai libri NUDA STORIA scritti da
Roberto e Niccolò Bani, stampati da Europa Edizioni di Roma e
presenti su internet come ebook. Tali libri contengono l’intera e
adeguata trattazione della storia, mentre questo sunto è una parte delle
conclusioni di tale analisi.
Si descrive il passaggio dalla tribù al dominio o chiefdom quindi
il differenziarsi delle comunità umane sulle tre economie di agricoltura,
commercio, allevamento. Si narra dei popoli che vanno organizzandosi
secondo i modelli generali della gerarchia e del mercato, sospinti in
gran parte dalla forma economica, inizialmente favorita dalle
condizioni ambientali, dando insiemi piuttosto omogenei.

Si narra dei popoli, con le personalità e eventi di rilievo, che vanno
organizzandosi secondo dei modelli generali sospinti in gran parte dalla
forma economica, inizialmente favorita dalle condizioni ambientali,
dando insiemi piuttosto omogenei. Se il sunto 1 descriveva il passaggio
dalla tribù al dominio o chiefdom, nei sunti 2, 3, 4, si assiste al
differenziarsi delle comunità umane sulle tre economie di agricoltura,
commercio, allevamento. La causalità generale osservata è la seguente:

Con maggiori dettagli lo schema S3 riporta natura e genesi delle
società. Sulla doppia linea nel grigio si trovano le forme di economia,
in alto i passaggi da tribù a civiltà. Sotto tale linea il funzionamento:
come il singolo è motivato verso gli altri, le relazioni che seguono e il
loro intreccio o struttura, da cui il tipo di società che ne segue, la
funzione che assolve, la globale fisiologia che vi si crea. Nel corso della
STORIA ogni società si differenzia nella STRUTTURA e fisiologia
preminenti, poi nel POTERE tra monocrazie e oligocrazie o democrazie
delegate, poi nel PENSIERO preminente tra religioso o laico, infine di
etica. Per verticale questi aspetti sono coerenti: ogni sociostruttura col
suo funzionamento favorisce il tipo di potere, di pensiero e di etica a
essa congruenti.
Riepiloghiamo adesso dagli albori tutti i dati e i sunti nell’unico
processo evolutivo socioculturale.
ECONOMIA è creativa, variabile, adattabile ed è primo mobile nel
travolgere l’antica struttura tribale del sapiens. Viveva in natura e pur
svolgendo la primeva attività di caccia e raccolta di tuberi e frutti già
aveva in nuce attività di agricoltura, allevamento, artigianato e scambio.
Un po’ per gioco, un po’ per curiosità, ma poi vista l’utilità diventano
acquisizioni stabili: qualche seme o nocciolo gettato che germina, poi si
semina specificamente per vedere cosa accade; il cane e altri animali
tenuti nell’accampamento, primo rudimentale allevamento; scolpire
pietre per farne lame e scambiare prodotti con le tribù vicine. Appreso
il fenomeno, il suo controllo e la certezza dei risultati, vedendone i
vantaggi sapiens lo ripeté e vi si specializzò; proprio il vantaggio
materiale, portando più benessere, accrebbe l’umanità ma pure la
competizione per le risorse cioè la rivalità territoriale: crescono le
guerre e chi ha la milizia più numerosa normalmente vince. Ecco che
l’equilibrio produttivo si sposta sulle forme capaci di sostentare molte
più persone, società più ampie e molti guerrieri, quindi di vincere e
espandersi. Ma non è più faccia a faccia, il gruppo limitato dove tutti si
conoscono e il rispetto e l’accordo sulle scelte comuni è facile e
quotidiano.

SOCIETÀ vede l’umanità primeva formata da individui raccolti in
famiglie, queste in clan o gentes, queste in tribù spesso tra loro in
confederazione. Di per se i mutamenti economici non modificarono
ciò e le tribù di cacciatori semplicemente divennero tribù di agricoltori
o di pastori. Ma seguì la crescita demografica e negli assembramenti di
migliaia di individui si impose l’urgenza dello stabile potere gerarchico:
dominio chiefdom è ormai comunità in cui si vanno perdendo i rapporti
alla pari, le paritarie riunioni comuni che affidano i ruoli, innalzano e
destituiscono i capi. La massa partorisce la disuguaglianza. Al suo
interno la gente si specializza creando diversità e pure discriminazioni:
sullo strato produttivo dei contadini e pastori si stabilisce lo strato di
artigiani e mercanti, tutti sotto le piramidi di funzionari, nobili guerrieri
e sacerdoti. Sono ceti obbligati imposti dalla fisiologia sociale e per
necessità stratificati. Così la tribù passò a chiefdom o dominio semplice
e quando un villaggio prese il sopravvento su altri nasce il dominio
ampio, e siamo alla protostoria perché questo è già un regno.
Nel frattempo le comunità migrando si erano sparse un po’
ovunque trovando ambienti ben diversi.
Terra Fertile nelle pianure dei grandi fiumi o in zone umide per
i monsoni fu lo spazio geografico adatto al diffondersi e infittirsi della
produzione agricola, moltiplicata grazie ai canali d’irrigazione, e nasce
una rete di villaggi troppo fitta per andare d’accordo. Dapprima il
tempio cioè il ceto dei preti, poi il palazzo cioè il ceto nobile, si
munirono di magazzini per il surplus che consumavano e in parte
ridistribuivano alle persone per avere servizi o in periodi di carestia.
Abbondanza di cibo e di pietre nella megalomania del potere portò a
nutrire operai, artigiani, artisti, per innalzare monumentali palazzi,
templi, tombe a gloria dei sovrani e compiacenza dei popoli. Così
avvenne un po’ per tutte le Civiltà Gerarchiche che sorsero come
dominio del sovrano sui capi tribù locali che a loro volta comandano ai
capiclan. In fondo la differenza tra un regno polinesiano e l’antico
Egitto quasi si riduce all’uso di materiali: la pietra, copiosa e che
consente tombe e palazzi duraturi, così come il sovrano sogna di essere
eterno, invece del legno deperibile. La civiltà si afferma nella storia e
s’impone agli archeologi, storici e antropologi per le imponenti
costruzioni litiche. Se l’iniziale struttura sociale può essere nata a
dominio feudico, quando il sovrano prese a usare sue dirette gerarchie

di scribi e soldati per controllare la terra, il ruolo della sovranità
divenne ereditaria e l’elezione formale e finta fino a perdersi. A tal
punto era nato lo stato.
>>> Civiltà Gerarchiche Antiche su Terra Fertile furono quelle
dei Sumeri, Assiri, Babilonia, Egitto, Persia, Regni Ellenisti, India,
Cina, Khmer, Maya, Aztechi, Inca e altre minori.
>>> Civiltà Gerarchiche Recenti le seguiranno, sempre di natura
autoritaria e monocratica, come Bisanzio, Impero Carolingio, Regni
Vichinghi, Regni Arabi, Turchia, Russia zarista, Papato, Austria,
Portogallo, Spagna, Paesi dell’America Latina, Regimi Nazifascisti,
Regimi Comunisti.
Acqua Viaria cioè vie d’acqua dove barche, barconi, chiatte e
navi possono portare carichi assai maggiori dei muli e dei cammelli, per
cui si prestano ai viaggi e agli scambi, diffondono i commerci e creano
mercati. Alcune famiglie, clan, villaggi concentrando la ricchezza
favorirono il formarsi di domini e poi di città-stato mercantili, quindi
delle Civiltà Privatiste. Accadde un po’ ovunque lungo i fiumi ma
queste sono delle linee d’acqua mentre lo spazio geografico per
eccellenza adatto al loro diffondersi fu il mare, e talassocrazie furono i
minoici seguiti dai micenei, fenici, greci, etruschi, punici e romani,
dall’egeo a tutto il mediterraneo. La rete mercato nasce quando i
cretesi, poi seguiti dagli altri popoli, vogliono procurarsi le materie
prime che non hanno, per esempio il rame e lo stagno per poter fare il
bronzo, e dare in cambio ciò di cui abbondano come olio d’oliva, vasi,
abiti di lana e oggetti in bronzo. Così la gestione dei beni accumulati, il
capitale, la ricchezza, cambia direzione: accumulo e redistribuzione non
sono interni alla società ma in buona parte rivolti all’esterno, verso altri
popoli e paesi. Allora sovrano e aristocrazia non sono solo vertici
politici ma mercanti capitalisti che trascinano l’intera socio-cultura nel
flusso con l’esterno: l’intera società dalla sussistenza passa al mercato.
E visto il rapido accumulo della ricchezza non meraviglia che le
famiglie si facciano mercanti e artigiani e si mettano a competere, a
togliere ad altre fette di mercato; come non è casuale che più popoli si
avvicendino nella stessa rete mercantile, ormai nota, tracciata, cresciuta
e usata, foraggiando le proprie borse, città e civiltà privatiste.

>>> Civiltà Privatiste Antiche su Acqua Viaria sono quelle delle
città stato oligarchiche dei Minoici, Micenei, Fenicia, Grecia, Etruria,
Cartagine, Roma.
>>> Civiltà Privatiste Recenti le seguiranno, con vesti moderne
ma con analoga organizzazione essenziale, come Venezia, Firenze,
Olanda, Svizzera, Inghilterra, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania,
Italia, Giappone attuale e altre.
Steppa e praterie sono spazi geografici che restano ai bordi delle
grandi civiltà, ampi e talora immensi come nell’Asia centrale, adatti per
la diffusione di tribù e domini fondati sull’allevamento e che possono
unirsi originando le Orde Barbare. Queste si formano per gerarchie di
capi e capetti ognuno con la sua banda di guerrieri e le loro famiglie,
d’altra parte l’economia pastorale non è radicata su un preciso territorio
per cui possono associarsi o dissociarsi restando sempre altamente
mobili. Ciò spiega la storia dei germani, unni, mongoli, tartari, arabi e
altri, che vissero ai bordi delle civiltà ma spesso si raccoglievano sotto
un capo o re che li guidava a razziare e/o conquistare le ricche comunità
vicine. Da precisare che i Germani come i Galli o Celti vivevano nelle
foreste che erano selvagge e con rarefatti spazi umanizzati dando su
quelle popolazioni un effetto di dispersione simile alla steppa.
>>> Popoli Barbari originari delle Steppe o semideserti erano i
Gutei, Assiri, Hyksos, Arii, Unni, Avari, Magiari, Vichinghi, Arabi,
Mongoli, Tartari. Mentre da terre fitte di Foreste venivano i Germani
tra cui sono famosi i Cimbri, Teutoni, Marcomanni, Angli, Sassoni,
Burgundi, Franchi, Svevi, Vandali, Visigoti, Ostrogoti, Longobardi.
E le altre forme economiche? Quella primitiva di caccia e
raccolta diventa sempre più accessoria anche per il contrarsi degli
ambienti naturali, finendo a quasi perdersi nel tempo.
Mentre si specializza ogni forma economica porta tali vantaggi e
beni da moltiplicare le persone costringendole dentro ampie strutture
gerarchiche, ma le società che nascono sono diverse perché coerenti al
funzionamento economico. Agricoltura e pastorizia sono lavori svolti
su vasto territorio da migliaia o milioni di individui i cui rapporti
possono essere regolati solo da gerarchie superiori, sia dividendoli per
latifondi o contee o feudi i cui capi si gerarchizzano dando la gerarchia

feudica cioè il dominio, sia senza capi locali ma con funzionari che si
riferiscono direttamente al sovrano o capo di stato. Dominio o gerarchia
di capi tende a permanere nei barbari perché più semplice ma pure per
la loro mobilità, mentre lo Stato o gerarchia di funzionari è raggiunto
dalle civiltà e sovrasta l’ampia platea contadina, connotandosi come
stato monocratico o autoritario. In fondo nella loro patetica utopia e
ignoranti di democrazia i regimi comunisti hanno percorso la stessa via
ricreando un puro Stato perciò autoritario e violento sulla platea delle
masse operaie e contadine. Invece commercio e artigianato, più tardi
manifatture e industrie, possono arricchire più famiglie che dovendo
convivere sono obbligate a rapporti paritari: lo stato deve esistere ma
sarà gestito dall’oligocrazia di più vertici sociali. In sintesi: se lo stato
nasce per coordinare e governare le masse, la democrazia storica
necessariamente delegata nasce nell’intento di stabilire rapporti più
egualitari tra gente circa equipotente.
CULTURA come insieme di idee, pensieri, ragionamenti, valori,
certezze di un popolo ha gran peso nel dare o meno stabilità al sistema
sociale. Una forma di economia, con l’intera struttura sociale che la
attua e ne ricava da vivere, richiede che la massa umana ci creda, ne sia
convinta, vi metta intelligenza, raziocinio, creatività: bisogna crederci
per svolgere al meglio le cose. Un sistema sociale richiede certezze che
vengono prima di tutto dalla religione, secondariamente dalla filosofia,
scienza, arte. Così nelle civiltà gerarchiche l'autocrate sparge idee e fa
propaganda per convincere tutti che gli dei lo hanno posto al vertice del
sistema, mentre non a caso è un pensiero laico quello che tende a
prevalere nelle civiltà privatiste. Di come la fede condiziona politica e
economia si è detto e ne riparleremo.
Strutture e Modalità
Alcune notazioni cardine possono farci meglio capire.
Struttura è tratto fondante dell’universo: prendiamo questo
concetto dalla biologia, chimica e in generale dallo studio della natura e
lo applichiamo agli aggregati umani, trattandoli con gli stessi modi e
criteri. Siamo di fronte ad una struttura quando gli elementi di un
insieme sono tra loro articolati per cui nel complesso non è più raccolta

di elementi sciolti ma organizzati e come tale mostra nuove proprietà:
ogni struttura assume un suo funzionamento interno o fisiologia per cui
esprime nuove qualità. Così nella storia ogni raggruppamento umano è
insieme di elementi, le persone, che si rapportano nello spazio e tempo
formando una più o meno stabile struttura. Però attenzione ai successivi
tratti non meno fondamentali.
Modalità secondo cui gli elementi o persone si organizzano non
sono ne casuali ne illimitate: le possibili interazioni conseguono alle
qualità degli umani espresse secondo le condizioni in cui si mettono. E
nella socialità solo tre sono possibili: Comunitarismo, Gerarchismo,
Privatismo; conseguenti alla natura di psiche che è ereditaria e si è
formata nella biogenesi della specie. Però il primo si è perso: un
bell’ideale vecchio, obsoleto, retorico, solo in casi particolari e per
comodità vi si richiama. Mentre nella massa le interazioni avvengono
negli altri due modi. L’intera storia oscilla tra Gerarchismo e
Privatismo che si svolgono in due distinte reti di relazioni: gerarchia
utile per governare la folla e mercato per produrre e distribuire la
merce. Così nel tempo storico si osservano le unità sociali o comunità
crescere enormemente, la massa umana lievita e intanto è obbligata a
strutturarsi, le relazioni interne smisuratamente si complicano. In soli
cinquemila anni le reti di istituzioni e mercato si sono ampliate
coinvolgendo sempre più persone e popoli fino all’intera umanità.
Socio-Cultura è il concetto che meglio indica ogni comunità di
umani il cui esprimersi avviene sui due piani delle azioni e delle parole,
questi elementi si intrecciano tra loro portando i loro insiemi a forgiare
una specifica società-cultura. Che col tempo andrà evolvendosi nell’una
o nell’altra delle sopra dette modalità secondo la loro propria fisiologia:
nascita, crescita, culmine, discesa, crollo conseguono al funzionamento
della comunità, ovviamente correlata alla fisiologia delle vicine
socioculture.
Storia è quindi trama spazio-temporale di socioculture in cui si
esprimono sia natura e trasformazioni di ognuna sia il mutare dei
rapporti tra loro, ed è una trama in continua evoluzione. Può aiutare il
lettore ricordare qui il modello della storia sviluppato in Psiche e
Società sulle tre distinte modalità di funzionamento.
Comunità o comunitarismo è l’insieme dei sentimenti, idee e
azioni che il soggetto rivolge al gruppo o comunità in cui s’identifica e

a cui sente di appartenere; tra i sentimenti l’amicizia, sincerità,
fratellanza, concordia, solidarietà, patriottismo. Esso richiede di ben
conoscere gli altri, di averne stima e fiducia, da cui il piacere di stare
insieme, perciò agevolmente si instaura nei gruppi faccia a faccia cioè
nelle famiglie, clan, tribù, ma pure nei paesetti, villaggi e rioni: non
dipende dalla forma economica ma dal trattarsi di piccoli gruppi stabili,
che se ne impregnano per cui diventa il loro prevalente modo di
funzionare. Questo principio di comunità è pieno e vitale se esiste la
condizione del frequente incontro tra i membri, indispensabile per
conoscersi e potersi fidare, perciò risulta obbligata la piccolezza delle
dimensioni dell’insieme umano. I grandi assembramenti deprimono il
sentimento di comunità, anche se resta vestigia nel sentimento di patria
e di popolo delle varie civiltà. Comunque passando da piccole comunità
alle masse l’umanità perse la sicurezza e la democrazia diretta offerte
dallo stare vicini tra eguali con amicizia, concordia, solidarietà.
Nello schema S3 sono riassunti struttura, potere e pensiero legati
a questa fisiologia sociale: la tribù, sia essa cacciatrice, agricola o
pastorale purché resti comunità limitata, dà sicurezza dell’appartenere
al gruppo in rapporti di reciprocità, struttura egualitaria, solidale e
comunitaria. Il potere si svolge con assemblea popolare o Democrazia
diretta come era diretta l’etica del guardarsi negli occhi e parlarsi con
sincerità. Ciò richiede concordia tra le persone per cultura e valori
condivisi, dai tanti accettati e ossequiati, almeno in gran maggioranza
dato che i dissenzienti ci sono sempre; pensare con saggezza e parlare
con sincerità in un etica somma ma fattiva, affinché tutti ottimamente
siano se stessi e s’impegnino nel gruppo.
Per passi dalla democrazia diretta venne la democrazia delegata o
rappresentativa: dal (1) intervento diretto di ognuno al parlamento
decisionale alla (2) delega al capofamiglia, poi al (3) capoclan o
patriarca, quindi (4) il gruppo di elettori vota il candidato, come venne
stabilito ad Atene; per giungere ai (5) partiti moderni i cui candidati
sono votati da centinaia di migliaia di elettori. Sulla via intrapresa dagli
ateniesi da secoli si cerca e persegue la democrazia pur con l’inevitabile
massificazione storica e la sempre maggior distanza tra le persone del
popolo e coloro che prendono decisioni cioè i membri delegati o eletti,
come il parlamento e governo.

Gerarchismo si fonda sui sentimenti che sollecitano rapporti di
dominio / sottomissione, e di comando/obbedienza, presenti in psiche
che li acquisì nelle gerarchie degli antenati animali; certamente ha peso
minore nelle piccole comunità ma enorme nelle civiltà. In queste il
problema di organizzare le folle viene risolto con istituti a piramide che
seguono la modalità o principio funzionale del gerarchismo, che solo è
in grado d’aggregare e governare insiemi umani numerosi; è però per
natura affine e facilmente estremizzato in Autoritarismo. Sentimenti e
rapporti di dominio/sudditanza eccedono a sentimenti di tirannia
/servilismo e sado/masochismo, che sono il substrato scivoloso verso le
monocrazie. Queste possono assumere tutti i colori e tutte le ideologie
potendo essere monarchia assoluta, teocrazia, dittatura militare,
fascismo, comunismo e altri formalismi o vestiti delle monocrazie.
Nello schema S3 è tracciato come, dato il diffondersi delle nuove
economie e il conseguente aumento demografico, lo spargersi di
villaggi e l’obbligata sovrastruttura di gerarchie si siano avvitati dando
società sempre più estese. Civiltà gerarchiche dove la sicurezza sta nel
rango quindi in legami di dipendenza nella struttura piramidale che sola
consente di gestire le masse; col sovrano o despota al vertice e il potere
che solo può scendere a controllare il popolo. Se un uomo o fazione o
partito o istituto vince arrogandosi l’intero potere, e gerarchie e stato
irrigidiscono per cui solo ordini imperativi caleranno sul popolo, costui
avrà quel potere totale che brama dando un regime poliziesco e violento
dove nessun peso avranno tutti i discorsi e valori che porta a suo
sostegno. È d’altronde parte della natura umana la tendenza a trovare
guide carismatiche e protettive cui affidarsi, e ogni capo sa attrarre un
certo numero di convinti e di fanatici; infine un leader vittorioso attrae
la grande massa degli incerti.
Privatismo risolve l’altro problema sorto con la storia che è
l’anonimato, il non conoscere e potersi fidare degli altri, per cui
benessere e certezza del vivere possono solo basarsi sui beni posseduti
e ciò porta ognuno a ripiegarsi in se stesso e nella sua proprietà.
Commercio, artigianato e industria lo hanno indiscutibilmente premiato
e al privatismo o interesse privato si deve gran parte del progresso della
specie umana: nella storia ha prodotto città e civiltà privatiste. Questo
modo di funzionare dà sicurezza nel capitale o proprietà che sono i
soldi e i beni posseduti e scambiati, l’articolarsi degli scambi forma la

rete mercato che agevola produzione e distribuzione dei beni. Qui si
usano i sentimenti apparsi col territorialismo animale: l’interesse
privato si fonda su egoità, libertà, ambizione, iniziativa, produttività,
parsimonia e altri sentimenti che però facilmente esaspera in egoismo,
solitudine, individualismo, avarizia, rivalità, invidia, tradimento,
fraudolenza. Nei contesti dov’è egemone il privatismo o individualismo
si sparge sui membri ma pure eccede per cui l’insieme umano cade nel
caos sociale o Anarchia. Ognuno si slega dagli altri e dalle regole
comuni per la diffusa incapacità di trovare accordo e fiducia reciproca:
ogni elemento pensa e vive solo per se stesso favorendo lo scontro, la
discordia e il disgregamento sociale.
Tu sei libero quando puoi gestire da te quanto ti occorre per
vivere. Quando gestisci i beni di un altro lo domini. Se dici che lo fai
per il suo bene sei un ipocrita. Ovvero, la frase la proprietà è un furto è
stupida. Il fatto che a milioni ci abbiano creduto getta enormi dubbi
sull’intelligenza umana di capire la realtà. Nella storia la democrazia
egualitaria non esiste e non può esistere, chi lo sostiene è un idealista o
un imbroglione in cerca di fessi: le speranze, le rivoluzioni, i moti
democratici sorgono dai migliori sentimenti umani ma sono inattuabili
nella massa. È il fatuo, illusorio sventolare il sogno di una società di
uguali che solo nei piccoli gruppi durevoli può esistere. Le democrazie
storiche sono oligarchie.
Quindi le modalità secondo cui i singoli si articolano strutturando
le società umane sono solo tre, e hanno spiegazione, una origine, fattori
interni e esterni che le spingono e determinano la dinamica collettiva.
Perché ognuna e tutte le civiltà o società o gruppi umani sempre hanno
una nascita, una fase di stabilità e un declino fino alla scomparsa.
Vedremo altre socioculture e la trama storica ma di tutto quanto faremo
la sintesi nella quarta parte di NUDA STORIA come Teoria dell’Uomo.

Hierarchical Structure

Structure of Modern Mega-economy


Documenti correlati


Documento PDF protocollosicurezzaalberghi
Documento PDF tesi master geslopan eugenio casanovi 600 dpi
Documento PDF sunto 5 english italiano pdf
Documento PDF programma facebook
Documento PDF impaginato cittamia del 10 2 2017 web
Documento PDF regolamento denominazione comunale di origine 1


Parole chiave correlate