File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



creare fondazioni fundraising .pdf



Nome del file originale: creare_fondazioni_fundraising.pdf
Titolo: http://guidepdf.dlv.24orepro.in.PDF
Autore: piscin00

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2 / GNU Ghostscript 7.05, ed è stato inviato su file-pdf.it il 04/04/2017 alle 18:22, dall'indirizzo IP 95.224.x.x. La pagina di download del file è stata vista 825 volte.
Dimensione del file: 882 KB (5 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


IDEE E STRUMENTI

Raccolta fondi

Creare una fondazione
per fare fund raising
di Valerio Melandri*

Di anno in anno, alle aziende non
profit viene chiesto di assistere
sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte realtà di grandi dimensioni capiscono chiaramente che
costituire fondi patrimoniali e
fondazioni può consentire di raggiungere una stabilità economica
al fine di sopperire alla continua
necessità di raccogliere risorse e
organizzare campagne di comunicazione.
Negli ultimi tempi si assiste a una crescita dei
servizi affidati alle organizzazioni non profit,
che in alcuni casi raggiungono dimensioni tali che impongono di pensare a strategie più
articolate e di lungo termine anche in termini
di autonomia finanziaria.
Per questo motivo, alcune grandi realtà del
Terzo Settore stanno cercando di sopperire alla discontinuità di introiti economici con la
costituzione di fondazioni pensate proprio
per la raccolta fondi.
Nella gran parte dei casi rimane una bella
idea e niente più, perché le aziende quasi
sempre hanno bisogno di ricevere donazioni
spendibili nell’immediato e subiscono una
maggiore pressione per finanziare i bilanci
operativi.
Sempre più aziende non profit decidono di
52

stabilizzare la loro situazione economica costituendo un fondo o dotandosi di una fondazione, e questa strategia di fund raising è
diventata così uno degli argomenti di maggiore attualità negli studi di settore.

Fondi patrimoniali
In Italia, quando si parla della costituzione di
fondi patrimoniali per il non profit, alcuni
operatori storcono il naso, sostenendo, nella
migliore delle ipotesi, che da questa parte
dell’Atlantico, per realizzare alcune operazioni finanziarie all’interno del Terzo Settore, i
tempi non sono ancora maturi.
Comunque, se davvero la costituzione di fondi patrimoniali per il non profit fosse uno
strumento di fund raising tipico solo degli Stati Uniti, ciò non significa comunque che non
si possano trarre utili spunti anche per il fund
raising “di casa nostra”.
Vediamo subito qualche esempio.
Due delle fondazioni statunitensi più famose
anche a livello internazionale, la Fondazione
Kresge e la Fondazione Ford, hanno messo
in campo una progettualità molto variegata
per la costituzione di fondazioni in tutto il
Paese.
Per esempio, hanno istituito le cosiddette
“fondazioni di comunità”, una tipologia esistente anche da noi, per investire (non solo in
termini economici, ma anche tecnologici e di
know-how) in progetti di rilevanza locale gestiti da aziende non profit sparse sul territorio. Vi è poi un’altra azienda non profit di
grandi dimensioni, la United Way of America,
che ha istituito autonomamente dei progetti
per la costituzione di fondi patrimoniali volti
a finanziare le sue attività annuali; altre azien-

N° 6 - giugno 2006

IDEE E STRUMENTI

Raccolta fondi

DEFINIZIONI (parzialmente adattate da Henry Rosso,
Eugène Tempel e Valerio Melandri, Il libro del fund raising, Milano, 2004)
Fondo: capitale o risorse tenute in un
fondo permanente volto a finanziare spese generali o vincolate per un’azienda non
profit o per un particolare programma.
Fondo di dotazione: termine usato
per descrivere la dotazione iniziale di
un fondo, espressa in euro e iscritta nel
patrimonio dell’azienda non profit.
Campagna per la costituzione di
fondi/di una fondazione: campagna
di fund raising volta a raccogliere donazioni per costituire un fondo o una
fondazione. Si gestisce e si realizza in
gran parte come una raccolta di capitali, con un fabbisogno economico

specifico e una tempistica ben definita.
Programma per la costituzione di
fondi/di una fondazione: piano di
fund raising continuativo e permanente
per costituire fondi o per finanziare le
iniziative di una fondazione (qualora
non sia solo erogatrice, ma anche percipiente di fondi).Talvolta, il programma
può includere anche una campagna specificatamente rivolta alla costituzione di
fondi/di una fondazione.
Comitato consultivo per la costituzione di fondi/di una fondazione:
gruppo di persone che si concentra sugli aspetti fondamentali della mission,

de statunitensi meno note in Italia, per esempio la Rose Foundation di Denver, offrono sostegno alle piccole aziende non profit per la
costituzione di fondi e fondazioni.
Insomma, non è detto che l’esperienza statunitense non possa offrire alcuni modelli su
cui basarsi per costituire fondi e fondazioni
anche in Europa e, più specificatamente, in
Italia.
Come detto, anche da noi alcune aziende non
profit di successo decidono infatti di stabilizzarsi economicamente costituendo la propria
fondazione e accantonando un proprio fondo
di dotazione con il sostegno dei donatori.
Va comunque sottolineato che la costituzione
di fondi non rappresenta una cura per risolvere qualunque problema economico che
possa affliggere un’azienda non profit.
Soprattutto, bisogna ricordare che costituire
un fondo patrimoniale o dare vita a una fondazione non ci esonera dal continuare a intraprendere le consuete attività di fund raising, che devono proseguire con caparbietà e
costanza. La funzione fondamentale della costituzione di fondi e fondazioni infatti non è
quella di soddisfare le esigenze operative,
bensì quella di garantire la stabilità economica dell’azienda.

N° 6 - giugno 2006

della struttura e dei donatori di
un’azienda non profit per valutarne il
grado di preparazione a costituire fondi/una fondazione.
Comitato promotore per la costituzione di fondi/di una fondazione:
gruppo di volontari (compresi i membri
dell’organo direttivo) selezionati dal comitato consultivo e incaricati di una specifica azione di fund raising per la costituzione di fondi/di una fondazione.
Costituenti: gruppo di potenziali donatori a cui è rivolta una determinata azione di fund raising volta alla costituzione
di fondi/di una fondazione.

Costituire una fondazione
è per tutti?
La costituzione di fondi e fondazioni offre
particolari vantaggi alle aziende non profit.
Ma è adatta a tutte le aziende? La risposta è
senz’altro negativa.
Tuttavia, anche se un’azienda è effettivamente in grado di costituire un fondo o una fondazione, non deve comunque prendere quest’iniziativa con leggerezza.
Per prima cosa è bene chiarire, grazie alla tabella riportata in questa pagina, alcuni termini che vengono utilizzati quando si parla di
fund raising per le fondazioni.

Caratteristiche tipiche
per la costituzione di fondi
e fondazioni
Le strategie utilizzate per sensibilizzare e sollecitare i potenziali donatori in vista della costituzione di fondi e fondazioni sono simili a
quelle messe in campo per la raccolta di
grandi donazioni e di capitali.
Tuttavia, per dare vita a un programma di
successo per la costituzione di fondi e fonda53

IDEE E STRUMENTI

zioni, occorre anche conoscerne le caratteristiche distintive.
• Il totale raccolto sarà determinato da poche
grandi donazioni e da molte piccole donazioni: affinché la partecipazione a un fondo
sia economicamente appetibile, bisogna che
abbia grandi dimensioni (non si deve avere
timore di parlare esplicitamente di “denaro”
con i potenziali donatori: maggiore sarà la
consistenza del fondo in euro, maggiore sarà il loro interesse nei confronti del progetto). Secondo il modello descritto da Henry
Rosso, il 20% dei donatori fornirà l’80% dei
fondi necessari, e le azioni di fund raising
volte alla costituzione di fondi e fondazioni
non fanno eccezione.
• Per ottenere una donazione per la costituzione di un fondo, occorre più tempo che
per tutte le altre azioni di fund raising. Per
la costituzione di un fondo, si richiedono
grandi donazioni o donazioni pianificate, e
quindi la sensibilizzazione e la sollecitazione dei donatori sono più lunghe e complesse: richiedere una donazione per la raccolta
annuale – ma anche per la raccolta di capitali – richiede sicuramente meno tempo.
• I donatori che contribuiscono alla costituzione di fondi e fondazioni sono più “esperti” degli altri. Un potenziale donatore qualificato per contribuire alla costituzione di
fondi e fondazioni di solito è una persona
con un’elevata propensione a donare e
quindi avrà ricevuto richieste in tal senso
dalla sua parrocchia, dalla sua università o
da una clinica. È quindi assai probabile che
conosca la terminologia delle donazioni e
anche le varie modalità per contribuire a
un’azione di fund raising.
• Per ottenere una donazione per la costituzione di un fondo, occorre un maggior grado di personalizzazione che per altre azioni
di fund raising. È impossibile raccogliere
fondi per costituire fondi o fondazioni utilizzando solo il mailing e il telemarketing
sociale. Perché l’appello a donare sia efficace, bisogna personalizzarlo al massimo, in
54

Raccolta fondi

quanto si tratta di elargizioni particolari con
modalità leggermente più complesse rispetto a quelle consuete (per esempio, per la
raccolta annuale).
• Quando si raccolgono donazioni per costituire fondi e fondazioni, i potenziali donatori fanno molte domande. È naturale – e
anche legittimo – che i potenziali donatori
vogliano sapere con esattezza come saranno
investiti i loro soldi, a quale consulente ci si
affiderà e quale rendimento ci si aspetta di
ottenere. Per questo, i donatori porranno ai
fundraiser molti più interrogativi di natura
economica rispetto a quanto avviene per altre azioni di fund raising.
• Quando si raccolgono donazioni per costituire fondi e fondazioni, i potenziali donatori esigono prove che si tratti di un buon
investimento. Quando si chiede a una persona di contribuire alla costituzione di un
fondo, le si chiede un investimento.
Anche le altre tipologie di donazione sono
investimenti, ma questa caratteristica è più
marcata nel caso della costituzione di fondi
e fondazioni. È quindi importantissimo poter esibire dei bilanci certificati, dei documenti che dimostrino l’eticità e la competenza del management e dell’organo direttivo, in quanto, in molti casi, è sulla base di
questa documentazione che i potenziali donatori decideranno se contribuire o meno.
Non bisogna dimenticare che, in questo caso ancor più che in altri contesti di fund raising, donare è un investimento.
• Quando si raccolgono donazioni per costituire fondi e fondazioni, i potenziali donatori esigono prove che il loro contributo sia
determinante. È vitale che l’azienda non
profit abbia una chiara visione dell’impatto
del fondo da costituire sulla qualità e sull’entità dei servizi offerti alla collettività.
• Quando si raccolgono donazioni per costituire fondi e fondazioni, i potenziali donatori vogliono conoscere tutto il piano di
fund raising relativo a questo progetto. Tra
le domande più frequenti, figurano le di-

N° 6 - giugno 2006

IDEE E STRUMENTI

Raccolta fondi

mensioni dei fondi, il numero dei donatori e
l’obiettivo strategico a lungo termine.
Chi contribuisce alla costituzione di un fondo o di una fondazione pensa in grande e fa
anche domande difficili, a cui l’azienda non
profit deve saper rispondere.

Vantaggi nella costituzione
di un fondo o di una fondazione
Disporre di un fondo o di una fondazione presenta degli importanti vantaggi per un’azienda
non profit, come vedremo qui di seguito.

Stabilità economica
L’ambiente del fund raising per le aziende
non profit è molto flessibile, e questo talvolta
crea un senso di insicurezza e di precarietà.
Il rendimento di un fondo è in grado di alleviare le difficoltà che possono presentarsi nell’arco dell’anno economico. I fondi possono
essere utilizzati per far proseguire programmi
che non hanno ottenuto abbastanza finanziamenti, ma anche per “dare un po’ di respiro”
all’azienda in momenti di ristrettezza di bilancio, per permettere al management di continuare a fare crescere l’azienda anche a fronte
di una cattiva congiuntura economica e per
crearsi una rete di sicurezza qualora si manifesti una crisi economica inattesa. In sostanza,
un fondo può aiutare un’azienda a realizzare
le sue aspirazioni e la sua visione del futuro.

Utilizzo del capitale di rischio
Nel processo di pianificazione, spesso vengono
scartati alcuni progetti e servizi inediti e caratterizzati da un elevato grado di innovazione
perché si ritiene di non poterli finanziare adeguatamente. Grazie al rendimento garantito da
un fondo, le aziende possono assumersi più rischi, finanziando nuovi programmi e iniziative
e ampliando la gamma dei servizi. Va però
sempre tenuto presente che, per quanto generosi siano i donatori, non bisogna attingere con
leggerezza a questo “capitale di rischio” perché
per sua stessa natura non è stabile.

N° 6 - giugno 2006

Controllo economico
Quasi tutte le fonti di finanziamento delle
aziende non profit, dal rendimento di un fondo
fino alle piccole donazioni raccolte nel quadro
della raccolta annuale, sono difficili da prevedere al centesimo: il benessere delle aziende
non profit segue l’andamento dell’economia,
caratterizzato da annate più rosee e da periodi
più difficili. Anche nel non profit esistono variabili congiunturali che l’azienda non può prevedere; inoltre, i donatori, i finanziatori e i
clienti non adempiono sempre ai desideri dell’azienda sul piano economico, in alcuni casi
anche per ragioni del tutto indipendenti dalla
loro volontà. Il rendimento di un fondo, tuttavia, è sotto il controllo dell’azienda: in particolare, i fondi non vincolati rappresentano un solido punto di appoggio su cui basare la sicurezza e la forza dell’azienda.

Incentivo ai donatori
L’esistenza di un fondo rappresenta un incentivo a erogare donazioni a un’azienda non
profit, in quanto è indizio di stabilità e maturità economica.

Longevità e permanenza
Chi contribuisce alla costituzione di un fondo o
di una fondazione vuole essere certo che il suo
investimento continui a dare i suoi frutti nel futuro, anche quando il donatore non ci sarà più:
già l’esistenza stessa del fondo è un’indicazione
importante in questa direzione. Quando un donatore capisce che il fondo a cui sta contribuendo è solido, capisce anche che l’azienda
continuerà a esistere per molto, molto tempo.

Dieci ragioni per costituire
un fondo o una fondazione
Le ragioni per cui i donatori accettano di contribuire alla costituzione di fondi e fondazioni
sono le stesse che li spingono a erogare altre
tipologie di donazione a favore delle buone
cause in cui credono. La lista che segue contiene però anche alcune ragioni specifiche
55

IDEE E STRUMENTI

della costituzione di fondi e fondazioni e diverse da ogni altra forma di contributo:
1) i donatori credono nella buona causa e
hanno ricevuto una richiesta di donazione;
2) i donatori credono nella buona causa e
intrattengono collegamenti con essa;
3) i donatori hanno fiducia nel fundraiser;
4) ai donatori piace l’idea che il loro contributo dia i suoi frutti anche dopo la loro morte;
5) i donatori sono dediti a uno specifico progetto o programma che l’azienda non profit finanzierà attraverso il fondo;
6) l’azienda o il settore in cui i donatori lavorano trarrà beneficio dalla costituzione
del fondo;
7) ai donatori piace l’idea che il loro contributo possa crescere grazie a una solida

56

Raccolta fondi

politica di investimenti e di spesa;
8) i donatori sono rimasti colpiti dalla proposta di investimento e dalla descrizione
del management del fondo;
9) i donatori preferiscono erogare un contributo all’azienda non profit piuttosto che
destinare la stessa somma all’erario: in altre
parole, sono attratti dall’incentivo fiscale;
10) i donatori hanno già contribuito in passato alla costituzione di un fondo o di una
fondazione e ne capiscono i vantaggi.
* direttore Master in Fund Raising
e responsabilità sociale, Università di Bologna
(Fine prima parte, l’articolo prosegue sul prossimo
numero di Terzo Settore)

N° 6 - giugno 2006



Parole chiave correlate