File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



IFABBRICANTIDISTUPIDI 24 giugno 2016 e book .pdf



Nome del file originale: IFABBRICANTIDISTUPIDI 24 giugno 2016 e book.pdf

Questo documento in formato PDF 1.5 è stato inviato su file-pdf.it il 17/04/2017 alle 19:05, dall'indirizzo IP 151.64.x.x. La pagina di download del file è stata vista 2088 volte.
Dimensione del file: 15.2 MB (185 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Pagina 1 di 185

Edizione di giugno 2016 - Prima edizione marzo 2013

INTRODUZIONE
È comune convinzione che il primario compito di autorità, politici, apparati dello Stato e organi da esso
costituiti, sia di venire incontro alle reali necessità della cittadinanza e pertanto, che il Sistema si
affanni per armonizzare le esigenze della comunità, al fine di farla stare idealmente bene. La funzione
di tale complesso invece, è esattamente opposta. L'attività dell'intero meccanismo che dirige la società
è in pugno a una casta di potere, che ha come fondamentale scopo quello di SOFFOCARE, quindi
rendere INVIVIBILE l'esistenza alla grande maggioranza degli esseri umani, e di conseguenza è
impegnata ad architettare astuzie, per rendere inavvertibile il malevolo e pianificato disegno.
È però probabile che molti lettori, siano propensi a giudicare una simile osservazione come
conseguenza di concezioni alterate e pessimistiche, sorte sull'onda di ideologie complottiste di recente
diffusione. Ma davvero una concetto di questo genere è frutto di visuali distorte, o siamo indotti a
crederlo? E se il "GIOCHINO" fosse invece condotto con tale magistrale abilità, così che da pochi possa
essere avvertibile?
Disse Sir William Pitt (alto politico inglese del 1700): "C'è qualcosa dietro il trono, più grande del Re
stesso". Ma anche Nicolò Machiavelli volle sensibilizzarci verso il funzionamento delle cose ad alto
livello: "Governare è far credere".
Forse, se fossimo più attenti alle parole dettate dalla saggezza, potremmo accorgerci che certe
"assurdità" sono tutt'altro che assurde. Giordano Bruno: “Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà
dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente, e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza: a
una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo … l’uomo non ha limiti e quando un
giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo”. Una esposizione tutt'altro che
enigmatica direi, soprattutto se letta con mente libera da preconcetti ma che l'uomo medio sembra
non voler cogliere; tergiversa sul significato profondo di quelle parole, perdendosi infine in
considerazioni irreali. Eppure, ci parlò di OBLIO, di una MENTE che CI TIENE SCHIAVI … A cosa ci mise di
fronte, insomma, se non a un grande inganno ai danni del genere umano e quindi, a una
COSPIRAZIONE?
Lo scopo di questo libro, è in parte dimostrare che quanto da molti potrebbe essere considerato
inverosimile, ha invece profondi fondamenti di verità; che una cospirazione si estende a tutta la
superficie del globo, e ogni male e ingiustizia della Terra, l'impoverimento delle masse, le abissali
differenze sociali, l'esistenza di mafie e guerre, l'imperversare di una violenza senza fine, come
dell'odio e delle malattie, sono il frutto di UNA REGIA e dunque, del PROGRAMMA di un POTERE
OCCULTO che si confonde dietro ai poteri visibili. Vuole altresì provare, che il genere umano è
inconsapevolmente educato a osservare il mondo come conviene a chi lo manovra, e giace, per tale
ragione, in un profondo stato di stordimento. Infine, dimostrare che l'uomo se lo vuole, da questo
stato di cose può uscirne; dimostrare che l'uomo, ha tutti i mezzi per fare quel passo che potrà
renderlo LIBERO.
Ma ancora, qualcuno forse penserà che stia facendo discorsi insensati. Ebbene, quel pensiero è il
primo riflesso di uno stato confusionale indotto, così profondamente radicato, che troppi uomini non
capiscono la reale situazione, nemmeno quando personaggi autorevoli gliela strofinano sul naso.

Pagina 2 di 185

Preferiscono la totale cecità; preferiscono sguazzare in un delirio collettivo indotto e in quell'assurda
NORMALITÀ che ne deriva. Reagiscono di conseguenza, come ci raccontò Winston Churchill: "Per puro
caso l'uomo inciamperà nella verità ma il più delle volte s'alzerà e continuerà per la sua strada". La
frase ci informa che l'uomo medio rifiuta d'essere risvegliato, e ha pure inibito l'attitudine a tirare i fili
di causa ed effetto. Conclusione spicciola? Ma pure Bertrand Russell ci avvisò di ciò che caratterizza le
masse: “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa, non è per nulla una prova che non sia
completamente assurda. Anzi, considerata la stupidità della maggioranza degli uomini, è più probabile
che un'opinione diffusa sia cretina anziché sensata”. Russell citò la stupidità come causa di opinioni
errate; si presti attenzione a quell'osservazione, perché quella "specialità", che a ognuno sembra
"dote" di altri, ci rappresenta praticamente tutti e in modo vistoso, tant'è che su questa nostra
inclinazione spese parole degne di nota anche Albert Einstein: “Conosco due cose infinite: l’universo e
la stupidità umana, ma della prima non sono certo”. Eh già, è grazie a quel difettuccio così
vivacemente espresso, che la maggioranza delle persone ha accettato le più becere assurdità
credendole "verità e ragione". L'uomo medio difatti, vive percependo la REALTÀ CAPOVOLTA, al punto
da credere amica quella struttura di Potere che esiste grazie ai suoi mali, e infliggendoglieli; al punto
da incedere come raccontato da Morpheus nel film The Matrix: "[…] tanti di loro sono così assuefatti,
così disperatamente dipendenti dal Sistema, che combatteranno per difenderlo". Proprio così: l'uomo
medio, incastrato nella Matrice della Mente Fallace e Menzognera, crede con tanto fervore alle favole
che a metterlo in guardia, ben che vada ti ride in faccia, o persino s'inferocisce. Rifiuta il risveglio dal
letargo e se inciampa nella verità, anziché iniziare a ragionare, s'aggiusta la benda sugli occhi che il
Sistema gli ha fatto credere necessaria, per essere CITTADINO INTEGRATO E DEGNO DI STIMA.
Riferendosi a tanta "ordinaria irragionevolezza" i matti, quelli che una volta stavano rinchiusi, dicevano
che la scritta “manicomio” fosse posta all’esterno, per sottolineare dove realmente è manifestata la
vera grande infermità mentale. Osservatori acuti i pazzi; avevano perfettamente ragione: quel
Meccanismo occulto che silenziosamente ci incatena e tutto governa, ha pure tappezzato la nostra vita
con miriadi di messaggi di schiavitù che nemmeno cogliamo come tali e nemmeno vediamo.
Purtroppo, solo chi ha gettato lo sguardo oltre alle apparenze, può rendersi conto della portata
dell'inganno; comprendere che se le masse non avranno un moto di risveglio, saranno destinate ad
assaporarsi tutte le più sottili sensazioni offerte da un MATTATOIO CHE ESSE STESSE,
CONFORMANDOSI AL SISTEMA, CONTRIBUISCONO A COSTRUIRE E ATTREZZARE. Che infine, il risultato
di tanta stoltezza, cecità, sprezzanti azioni e soprattutto inazioni, sarà la ricaduta di un salatissimo
conto sulle teste dei propri figli.
Ho inizialmente osservato con sconforto questo scenario, del quale è primaria protagonista la
moltitudine di gente addormentata, per incosciente scelta o perché morta nell'anima. Se però è vero
che il mondo è solcato in maggioranza da queste persone, lo è altrettanto che esistano esseri umani
sensibili, ai quali risulta intollerabile il velo della Maya. Se dunque quanto segue vorrei fosse per tutti,
indistintamente, inevitabilmente si rivolge a quelle anime ancora VIVE DENTRO, che ancora hanno
cuore, orecchie per ascoltare e mente per capire.
Il viaggio nel quale condurrò chi vorrà concedermi il tempo di seguirmi, se da un lato rivelerà un
mondo più simile a un inferno dantesco, per contro costituisce quella porta che ritengo necessario
oltrepassare, per compiere un CONCRETO RISVEGLIO INTERIORE. Necessario, perché nessun male è
guaribile finché rimane sconosciuto; e conoscerlo, oltre a mettere nelle condizioni di praticare le cure
adatte, serve anche per evitare di aggravarlo con rimedi improvvisati e ancor più dannosi del male
stesso. Come disse Gesù Cristo (Giovanni 8, 32): "… LA VERITÀ VI RENDERÀ LIBERI".
Mi auguro con questo mio umile sforzo, di poter contribuire a riavvicinare i lettori volenterosi, a quella
natura SENZA LIMITI annunciata da Giordano Bruno. Quella natura che in una proiezione tutt'altro che
illusoria e lontana, potrà mettere ogni essere umano sensibile, nella condizione di trasformare la
propria esistenza in una LUMINOSA E GIOIOSA ESPERIENZA.

Pagina 3 di 185

Capitolo 1
TEATRO TRUMAN
Torniamo alla frase di Giordano Bruno prima citata: vogliamo credere che quella "Mente fallace e
menzognera" ci mantenga SCHIAVI, lasciando priva di controllo l'amministrazione del mondo?
Nemmeno per sogno! Il suo governo è invece organizzato in modo capillare, progettato in maniera
maniacale, attuato in modo ferreo, da una schiera di scagnozzi altamente addestrati e votati a servire
l'inganno. Per risultato, il totalitarismo che intendiamo limitato a poche aree del mondo, è padrone
della vita umana e non esiste Stato "democratico" che non applichi un regime dittatoriale camuffato.
Se ciò non è avvertibile (o lo è poco), lo si deve ad un meticoloso lavoro attuato per distorcere il nostro
campo visivo e addormentare facoltà cognitive che potrebbero metterci nelle condizioni di capire.
Siamo appunto il risultato di un'operazione ad ampio spettro, svolta per adattare l'individuo alla totale
accettazione di una vita abominevole; per impedire si capisca d'essere vittime di un trappola; per
farcela automaticamente sostenere e quindi, per renderci ignari complici.
Tale lavoro è reso devastante, dal fatto che è messo in atto già da bambini, quando "tutto può essere
preso per vero" e assimilato. Da bambini persino, ci raccontano che saremo noi a costruire il mondo
del futuro. Qualcuno di voi ci è forse riuscito? Chi mai può costruire un mondo diverso, se nel percorso
di umani siamo addestrati a sottometterci a una gerarchia che costruisce pure il pensiero comune
come gli conviene? La facciamo noi la società, se da bambini veniamo FORMATI per considerare
GIUSTI ordini superiori e da adulti, quantomeno, dobbiamo rispondere a dei capi che hanno dei capi, e
che a loro volta sono sottomessi ad altri capi?
Pensate invece a un bambino ribelle: che vita gli si prospetta? Gli risulterà arduo mantenere una
propria identità intellettiva con un intero mondo contro. Gli sarà più facile cedere, diventare docile per
non scontrarsi ed essere isolato. Adagio ma implacabilmente, ogni essere umano si PIEGA a quelli che
"decidono", che a loro volta hanno raggiunto la poltrona seguendo lo stesso iter dell’adattamento, del
condizionamento, chinandosi a volontà superiori.
Lo stesso vivere in comunità, include l’accettazione di una serie infinita di barriere che delimitano il
campo di manovra. A vincolarci non sono soltanto codici e leggi che crediamo necessarie per il buon
funzionamento della società: soccombiamo anche a molteplici influenze che si pongono come
“potente suggerimento”, e incidono psicologicamente sul modo di pensare e di comportarci, dirigendo
azioni e reazioni. Sono influssi ai quali rispondiamo anche solo per condizionamento, per paura, per
limitatezza o anche per emulazione.
Giusto a titolo d’esempio, paghiamo le cartelle esattoriali perché ci obbligano, ma ci presentiamo per
un colloquio di lavoro, piegati a canoni comunemente accettati di “buon comportamento” e “bella
presenza”. Nessuno li impone con la forza, ma a esimerci dal presentarci "in un certo modo”,
rischiamo di non essere assunti. Ci sfugge che LA MANCANZA DI UNA VERA SCELTA È ANCORA UN
OBBLIGO; ci sfugge che da simili “suggerimenti” siamo oberati.
Pur senza trovarle scritte in un vero e proprio codice societario, ci atteniamo anche alle regole di
mercato (chi non le fa sue rimane "tagliato fuori"), imposte dagli interessi dell’economia, del profitto,
della competitività, della concorrenza, del consumismo e conseguentemente delle mode. Il
martellante e asfissiante tuonare della pubblicità, non è altro che una delle tante visibili azioni del
Sistema, sulla vita di tutti i giorni. Questa ha la funzione di accendere, modificare e dirigere i desideri
della gente, ed è una risultante, e allo stesso tempo motore, di quell’onda vorticosa di gingilli e servizi
(cellulari, computer, internet, TV, auto), di cui non siamo più capaci di fare a meno.
Già questo fiume in piena ha pesanti ripercussioni sulla nostra vita ma a “indirizzarci”, vi sono pure
educazione ricevuta e cultura, norme di comportamento civico, regolamenti scolastici e aziendali,
codici professionali, ideologie politiche, dottrine religiose e correnti intellettuali. A ciò si aggiunga che
entrando in casa dobbiamo rispettare i regolamenti condominiali e uscendo, conformarci al codice
della strada. Infine, al bombardamento concorre pure l’informazione alla quale (per tagliarci i residui
guizzi riflessivi) si sommano l'alienazione e i ritmi inumani del mondo del lavoro.

Pagina 4 di 185

Il meccanismo di vita basato su questo "ordine apparente", ce lo fanno credere l'IDEALE per il buon
funzionamento dell'organizzazione collettiva, ma non è per niente così e ha innanzitutto la funzione di
sorreggere gli interessi della MENTE FALLACE e MENZOGNERA. Serve principalmente, a uccidere la
nostra identità. Serve a renderci malati ad un livello molto profondo.
Di certo alcuni, che avvertono la distorsione congenita di questa esistenza, vorrebbero fuggire ma
molti altri - e sono davvero tanti - nemmeno si fanno toccare da pensieri di ribellione e fanno come
racconta "Christof", il regista che compare in “The Truman show”. Alla fine del film rilascia
un’intervista: “Noi accettiamo la realtà del mondo così come si presenta” … La massa, non sa di vivere
in un ambiente invisibilmente gestito da un "Christof" e dal suo "staff", e di essere PLASMATA a
"LORO" uso e consumo. Il risultato è che miliardi d'individui, volenti o nolenti, assecondano i dettami
imperanti del Sistema, eseguono ordini superiori, accettano di correre dove indicato, chinati al "flusso
logico" della vita che trascina con se ogni cosa, come in una valanga.
L'istruzione, la cultura, le richieste delle aziende e dei propri capi, le leggi di mercato e quelle
finanziarie, i bisogni delle multinazionali, gli ascendenti della politica, le imposizioni ministeriali dei
comuni, il controllo (anche!) delle religioni, sono tutti vincoli che hanno funzione di guidare,
opprimere, foggiare le nostre qualità umane alle necessita dell'olimpo. In sostanza, quando da adulti
avremmo la possibilità di fare qualcosa di buono, siamo ormai sotto il pieno controllo di un
"meccanismo" così FORTE, ORGANIZZATO E FURBO, che senza rendersi esplicitamente visibile, ci piega
ai suoi voleri, al punto di farci FARE, PENSARE E PROVARE CIÃ’ CHE VUOLE. Quel "Meccanismo",
PRODUCE SCHIAVI DI UNA PRIGIONE SENZA SBARRE, che infine giustifichiamo, perché ha fatto terra
bruciata attorno e ci presenta la vita priva di alternative; il carcere, una sicurezza irrinunciabile.
Dunque, illudendoci di essere artefici della nostra esistenza, viviamo nell'inconsapevolezza di una
grande recita teatrale, come tanti “Truman” di un “The Truman show” globale. Ma mentre la vita di
Truman, per quanto manipolata e finta si svolgeva in un mondo idilliaco, nella nostra realtà le costanti
sono le tribolazioni, le tragedie.

Capitolo 2
UOMINI RANA
E' anche Olivier Clerque, con il raccontino de “La ranocchia che non sapeva di essere cotta", a metterci
sull'avviso che siamo sottoposti a un artificiale processo di deterioramento. Ce la racconta così:
“Immaginate una ranocchia in una pentola posta su un debole fuoco. L’acqua poco a poco diventa
tiepida e la ranocchia la trova piacevole. La temperatura adagio sale. Quando è calda più di quanto
possa apprezzare, la ranocchia si sente affaticata ma ancora non si spaventa. Anche quando l’acqua
diventa calda, pur trovandola sgradevole, la ranocchia non fa nulla e sopporta.
La ranocchia per la debolezza finisce per bollire e morire senza riuscire a fuggire. Fosse stata buttata
direttamente nell’acqua a 50°, sarebbe schizzata fuori. Ciò dimostra che quando un cambiamento
avviene in modo graduale e sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e nella maggior parte dei casi
non suscita reazione, opposizione, rivolta.
La nostra società sta subendo una lenta deriva alla quale ci stiamo abituando. Ora siamo quasi
indifferenti a cose che solo 30/40 anni fa ci avrebbero fatto inorridire: sono state poco a poco
banalizzate e quasi non ci disturbano più. Nel nome del progresso, della scienza, del profitto, si
effettuano attacchi alla libertà individuale, alla dignità, all’integrità della natura, alla bellezza e gioia di
vivere, lentamente ma inesorabilmente, con la costante complicità delle vittime inconsapevoli o
incapaci di difendersi. Le nere previsioni per il nostro futuro, invece di suscitare reazioni e misure
preventive, non fanno altro che preparare psicologicamente la gente, ad accettare le condizioni di vita
decadenti, anzi drammatiche. Il martellamento da parte dei media satura i cervelli che non sono più in
grado di distinguere le cose.
Dobbiamo scegliere tra coscienza o cottura! Stiamo passivamente accettando il degrado etico e
morale”.

Pagina 5 di 185

Metaforicamente dunque, il pentolone e l'acqua, sono tutte quelle cose che diamo per scontato
essere dalla nostra parte, ma che sono messe in atto per spolparci fino alle ossa in modo inavvertibile.
Se pertanto Clerque ci invita a scegliere, chi sguazza in quell'acqua difficilmente s'accorge della
trappola, che va colta da dettagli apparentemente insignificanti, esattamente come lo è il lento e
graduale aumentare della temperatura. Ironicamente, le dimensioni stratosferiche dell'inganno,
concorrono a rendere cieche le masse.
In questo gioco di prestigio, messo in atto per alimentare il fuocherello sotto al pentolone, un posto di
primo piano in questi ultimi anni, lo hanno conquistato i vari servizi e strumenti tecnologici.
Probabilmente li avete creduti un aiuto e una comodità, una naturale conseguenza di reali necessità e
del progresso. Ma tutto serve a controllare, degradare ambiente e mente umana, rubare la nostra
impronta psicologica, privarci di un'autonoma ragione, per mantenerci in uno stato di illusorio
benessere che produce malessere. Così i “Social Network”. Non sono nati per avvicinare e aggregare e
piuttosto, per disgregare attraverso uno spegnimento dei rapporti umani diretti. Face book, con
quell'amicizia (o "mi piace") che in alternativa non lo è, priva atrocemente delle sfumature. Omologa
in codici a barre, plasticizza i rapporti con una finta varietà. Con un dentro o fuori, distrugge ogni
individuale diversità. Imprigiona in un mondo virtuale che ha filtri e facciate d'ipocrisia.
Se i PC fossero nati subito con tutto quello che propongono (impongono), e quando avevamo un'altra
misura della libertà, li avremmo buttati dalla finestra! Aprendo You Tube e un qualsiasi video, come
molti siti che sopravvivono di pubblicità, non avremmo mai accettato d'essere aggrediti da quegli
sciami di tafani promozionali, che ronzano imperterriti prima di ciò che interessa. Adesso è normale …
lo è diventato. Il Sistema, gradatamente come spiegato da Clerque, è riuscito ad aggirare le nostre
resistenze psicologiche e a farci persino giustificare quelle sevizie che, si faccia attenzione, anziché alla
sopravvivenza commerciale, servono primariamente ad accrescere l'ALIENAZIONE … CHE È
L'ACCETTAZIONE DI NON AVER DIRITTO DI DISPORRE PIENAMENTE DI SE STESSI!!!
Ormai rispondiamo con azioni automatiche, robotizzate. Cosa facciamo quando ci appare la seguente
didascalia che adesso sovrasta i siti web? "Questo sito si serve dei cookie di Google per l'erogazione dei
servizi, la personalizzazione degli annunci e l'analisi del traffico. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito
sono condivise con Google. Se prosegui la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie". Nessuno più ci
fa caso ma quella NON È UNA SCELTA! Se procediamo, significa che accettiamo l'imposizione e non
reclamiamo il diritto di usufruire di un servizio LIBERAMENTE. Significa che acconsentiamo ad essere
SCHEDATI (vedi tra i links a fondo libro), accettiamo d'essere SCHIAVI … gente priva di dignità.
Altro frutto di un inganno pianificato? Se avete scaricato un programma dalla rete, vi sarete scontrati
con il pulsante di avvio del download, accorgendovi che non è mai quello che verrebbe da cliccare
istintivamente, ma uno più defilato. Se avete pigiato su quello "istintivo", vi sarete ritrovati con un
sacco di spazzatura nel PC. Dov'è finito il diritto a non essere ingannati? Inoltre, vi sarà apparsa una
scritta che chiede di acconsentire al trattamento dei vostri dati … Avete provato a cliccare sul NO? Non
parte il caricamento del programma. Ma cliccando su CONSENTI, avete accettato il senso unico e,
autorizzato la SCHIAVITÙ mascherata da libertà, solo perché a essa non vi hanno obbligati con
un'arma. Ma la libertà, signori, si vede dai dettagli.
E stipulando un contratto? Vi siete chiesti chi tutelano quelle note che appositamente vengono poste
in fondo e scritte in piccolo? Perché, se sono importanti, si trovano a margine e di dimensioni da FAR
PENSARE a qualcosa di insignificante?
Il problema, è che non ci si pongono domande, in particolare, perché ogni restrizione di libertà è
GIUSTIFICATA da LOGICHE apparentemente inappuntabili, rese gradatamente abituali e infine
accettate.
Ma accettarle, non corrisponde al fatto che siano giuste!!!
Dovremmo appunto chiederci: serve tutto per farci stare meglio? Forse allora, POTREMMO
ACCORGERCI DI UN MIRATO LAVORO SVOLTO A MONTE E AD ALTO LIVELLO, PER CREARE DISAGIO E
MALESSERE FINGENDO DI GARANTIRE UNA VITA MIGLIORE, FINGENDO DI OFFRIRE SERVIZI E LIBERTÀ,
O DI TUTELARCI.

Pagina 6 di 185

Quelle logiche ci fanno perdere d'occhio la temperatura dell'acqua.
Ovviamente sto facendo degli esempi ma forse quanto detto è poco per sensibilizzarvi sull'inganno in
atto, per farvi accorgere che nulla è dalla parte della popolazione. Allora, vi racconto cos'è successo a
Ginevra il 23 dicembre del 1924. Le aziende costruttrici di lampadine si costituirono in un consorzio e
stabilirono una vita di 1000 ore, quand'era di gran lunga maggiore. Quel patto prese il nome di
"Cartello Phoebus". ADESSO, TUTTA L'INDUSTRIA ADERISCE ALL'OBSOLESCENZA PROGRAMMATA e
l'intesa si è evoluta in SPARTIZIONE DEL MERCATO, tant'è che le grandi aziende FINGONO di scannarsi
ma sono in PERFETTO ACCORDO, pure quando falliscono. Dietro, anche se non lo vediamo e sembra
incredibile, c'è un Organismo di potere che le tiene tutte per le briglie. E' così definito da "accordi"
anche il "difettino" della nostra auto, o il problema del cellulare, del PC, del frigo … Addirittura, le
stampanti cessano di funzionare per l'intervento di un microchip, una volta raggiunta una quantità
definita di copie. Persino, frutto di questo disegno, sono i virus dei PC. È convinzione diffusa che siano
creati da alcuni paranoici pirati informatici, tanto per il gusto di sfracellare le palle alla gente. In realtà,
chi mai ha il vantaggio di crearli, tanto tempo da perdere, conosce le falle dei sistemi informatici e la
mappatura degli antivirus, ha la tecnologia e le risorse finanziarie per intaccare apparati sofisticati? Gli
unici ad avere interesse a compiere i sabotaggi, sono gli stessi che producono gli antivirus e i sistemi
operativi dei computers. Quindi Microsoft, Apple, Google, Avira, AVG, ecc., che ottengono
obsolescenza programmata (e pure disagio e alienazione), anche castrando i Sistemi Operativi.
Ovviamente, non tutta la fregatura è sostenuta dall'alta tecnologia, e dove non arrivano con quella,
agisce la MODA, che è un altro efficacissimo strumento di obsolescenza pianificata e, di schiavitù.
Jim Morrison diceva: "La gente crede di essere libera, ma è libera solo di crederlo". Proprio così.
Tuttavia l'inganno è così ben anestetizzato, che molti nemmeno riescono a credere agli avvertimenti
dei personaggi citati. La "magia" del Sistema, è avvolgere la gente in un vivido sonno ipnotico. L'ipnosi,
è sviluppata con l'ausilio di strategie psicologiche atte ad aggirare le resistenze. E non sono io a
inventarmelo ma persino ci viene detto, proprio da autorevoli personaggi di quel mondo che ha in
mano le nostre esistenze.
Il massone d'alto grado Edward Louis Bernays (sentirete spesso nominare quell'Ordine, perché è parte
intrinseca del GRANDE GIOCO della MENTE FALLACE E MENZOGNERA) fu uno di questi. Benché in
pochi ne abbiano sentito parlare, fu considerato uno dei padri della PERSUASIONE e, annoverato tra le
persone più influenti del secolo scorso. Da giovane studiò le ricerche dello zio Sigmund Freud che gli
permisero di mettere a punto TECNICHE DI MANIPOLAZIONE DEL PENSIERO UMANO. Bernays
considerava il pubblico incapace di ragionare razionalmente e che la psicologia delle masse si
focalizzasse sull'emozione. Sosteneva che la democrazia era troppo buona per la gente e per questo
andava dicendo: "Le si deve dire cosa pensare, perché da sola non è in grado di farlo, è come un gregge
che ha bisogno di essere guidato". Fu sempre fedele al suo assioma fondamentale: "CONTROLLA LE
MASSE SENZA CHE ESSE LO SAPPIANO". Sosteneva che fosse necessario "MANIPOLARLE
NELL'INTERESSE DI UNA VERITÀ SUPERIORE" (tradotto: per il potere che "sta dietro ai troni e ai Re"),
TOCCANDO LE PAURE INTERIORI. Chiamò questo approccio "Ingegneria del consenso". Ed ecco, per la
gioia di quanti credono di elaborare ragionamenti in LIBERTÀ, cosa scrisse nel suo libro Propaganda del
1928: "QUELLI CHE MANIPOLANO IL MECCANISMO NASCOSTO DELLA SOCIETÀ COSTITUISCONO UN
GOVERNO INVISIBILE CHE È IL VERO POTERE CHE CONTROLLA. NOI SIAMO GOVERNATI, LE NOSTRE
MENTI VENGONO PLASMATE, I NOSTRI GUSTI VENGONO FORMATI, LE NOSTRE IDEE SONO QUASI
TOTALMENTE INFLUENZATE DA UOMINI DI CUI NON ABBIAMO MAI NEMMENO SENTITO PARLARE …
IN QUASI TUTTE LE AZIONI DELLA NOSTRA VITA, SIA IN AMBITO POLITICO O NEGLI AFFARI O NELLA
NOSTRA CONDOTTA SOCIALE O NEL NOSTRO PENSIERO MORALE, SIAMO DOMINATI DA UN
RELATIVAMENTE PICCOLO NUMERO DI PERSONE CHE COMPRENDONO I PROCESSI MENTALI E I
MODELLI DI COMPORTAMENTO DELLE MASSE. SONO LORO CHE TIRANO I FILI CHE CONTROLLANO LA
MENTE DELLE PERSONE".
Incoraggiante prospettiva, vero? Ma leggetevi pure quanto ci fece sapere Zbigniew Brzezinski
(MASSONE, nonché ILLUMINATO, nonché SATANISTA, nonché acceso sostenitore del NUOVO ORDINE

Pagina 7 di 185

MONDIALE [NWO], nonché membro BILDERBERG. Titoli, di cui sono ricoperti coloro che in qualche
modo guidano le nostre vite e per questo costituiranno una costante nel prosieguo del discorso),
considerato da Obama (parole sue) uno dei suoi pensatori più importanti: “Nella società tecnotronica
prevale una tendenza che aggrega il sostegno dei singoli allo scoordinamento dei cittadini, che sono
facilmente raggiungibili da personalità magnetiche ed accattivanti, capaci di sfruttare le ultime
tecniche di comunicazione per MANIPOLARE LE EMOZIONI E CONTROLLARE LA RAGIONE”.
Dopo queste voci, la frase del film The Matrix: “Ci sono campi, campi sterminati dove gli uomini non
nascono, vengono coltivati”, forse, apparirà con tutto il peso di un'apocalittica verità che benché
spiattellataci in faccia, non vogliamo cogliere … È l'effetto dell'IPNOSI!
Ciò detto, pensate che il Congegno di informazione e cultura non sia controllato da quella gente? Ci
invitano pure a leggere. Infatti, questo dice una pubblicità TV: "Vai oltre, più leggi, più sai leggere la
realtà". E nella convinzione che l'informazione sia un diritto, ci troviamo doppiamente presi per i
fondelli, perché ci acculturiamo su libri scritti da galoppini del Dominio, o che hanno passato la censura
di QUEL GOVERNO INVISIBILE, e paghiamo giornali e canoni televisivi, per avere in cambio il controllo
sulle nostre menti e infine, ragionare come serve al Sistema.
"Niente è più feroce della banalissima televisione" disse Pier Paolo Pasolini, mentre Malcom X: “SE
NON STATE ATTENTI, I MEDIA VI FARANNO ODIARE LE PERSONE OPPRESSE E AMARE QUELLE CHE
OPPRIMONO”. La TV appunto, è inavvertibilmente velenosa quanto l'ossido di carbonio. A dimostrarlo,
il cartone animato "Dragon Ball" che incita all'acquisizione di valori fasulli, alla sottomissione di una
falsa autorità, e glorifica pure violenza e aggressività intollerabili. Si tratta di modelli che data la
giovane età del pubblico, si fissano indelebilmente nelle menti fertili come guida esistenziale,
premeditatamente, allo scopo di creare mostri.
Peraltro, non cogliamo che la reiterazione ossessiva e in continuo incremento di un contesto di grande
durezza diffuso dalla TV, non sia casuale e nemmeno serva per fare cassetta: ha ben altri motivi. La
nostra mente inconscia, ha il "difetto" di non distinguere fatti realmente accaduti da realtà fittizie, che
attraverso le emozioni si sono fatte breccia. Inconsapevolmente, quella parte di mente recupera la
trama scenica - ciò che ha osservato con empatia da uno schermo - non appena si presenta nella realtà
qualcosa che la ricorda e la fa temere. Esiste uno stretta correlazione tra questa particolarità del
nostro cervello e il fatto che i Media, tra le migliaia di notizie disponibili, privilegino quelle che più
mettono preoccupazione, ansia, disagio. Uno degli scopi di fondo è sgretolare i mattoni della sicurezza,
della tranquillità, della pacifica e serena convivenza. Tramite i canali diffusori dell'informazione e dello
spettacolo, ottengono di "MANIPOLARE LE EMOZIONI E CONTROLLARE LA RAGIONE".
Ci sono persino agenzie specializzate nello studio del comportamento umano, che detengono brevetti
(link) sulla manipolazione mentale. Come mai nessuno urla incazzato di fronte all'esistenza di questi
tiri mancini alla libertà e dignità unana? E come mai non è in atto nessuna sommossa popolare, di
fronte all’infame ondata di oppressione e abuso di ogni tipo che stiamo subendo? Giust'appunto,
perché la campagna di disattivazione della nostra risposta attuata del Potere, sta dando i frutti voluti.
E così belli e grassi che spesso mi sento rispondere che quanto vado dicendo sono solo fissazioni.
ATTENZIONE però a crederle tali! Il Sistema sta lavorando bene e a fondo allo scopo di generare
predeterminate logiche nell'opinione pubblica e reazioni GUIDATE ma, non solo con dinamiche
linguistiche per la manipolazione psicologica. Per ottenere il massimo risultato, si supporta pure con
attrezzature di altissima tecnologia, con le quali può indurre alterazioni degli stati mentali, e i cui
effetti hanno la caratteristica di non essere immediatamente avvertibili. In questo ambito va segnalato
un uso massivo di messaggi subliminali abbinati all'effetto flickering della TV; suoni psicoattivi
isocronici emessi dal digitale terrestre per ottenere nel subconscio dell'ascoltatore, l'aggancio dai
messaggi suggestionanti; uso di congegni tipo HAARP - vedi link e Capitolo 13-SIAMO TUTTI KAMIKAZE
/ Capitolo 14-IL FICCANASO - o simili, per la manipolazione dell'umore.
Ci ricordò Mark Twain: "Il pericolo non viene da quello che non conosciamo, ma da quello che crediamo
vero e invece vero non è".

Pagina 8 di 185

Tutto ciò, credete che non si ripercuota sulla vita di ogni giorno? Per la frequenza vibrazionale che si è
diffusa, per strada non si può soffermarsi a parlare con un bambino, perché si è presi per pedofili o
rapitori d'infanti. ALLA GENTE È FATTO VEDERE IL MALE DAPPERTUTTO, PER ACCRESCERE LO STATO DI
FOLLIA, E IMPEDIRE (tra l'altro), DI VEDERLO DOV'È REALMENTE. Quella frequenza vibrazionale, serve
pure per istigarci, per metterci contro. E infatti, impariamo il karate al fine di difenderci dai
malintenzionati nascosti tra la gente. Vuol dire che il nostro quoziente intellettivo si è parificato a
quello delle galline, e non realizziamo che quanto ci fa paura è il conflitto ultimo; il brufolino di un
male profondo; lo sfogo cutaneo prodotto da un MORBO che sta al riparo nell'OLIMPO, "dietro il
trono, più grande del Re stesso", e che tenendoci con i nervi a fior di pelle, può continuare indisturbato
a soggiogarci.
Ma torniamo ai "nostri dilettevoli e pure culturali media". Che siano il mezzo di diffusione di una
manipolazione premeditata e studiata a tavolino, lo si dovrebbe notare anche dagli spots, come quelli
che invitano le donne a denunciare maltrattamenti e violenze. Innanzitutto, è così che si mantiene una
società nella giustizia e nell'armonia? Le donne si chiedano cosa cambia adesso nella loro vita: è più
serena? Non credo proprio. Si faccia attenzione a queste manipolazioni. CI SI ALLARMI DI QUESTI
ALLARMI! Sono demolitori e bell'apposta! Mirano a non risolvere la questione alla radice ma a far
reagire in funzione di angosce e paure. Perché, LA PAURA È LA PIÙ POTENTE ARMA DI CONTROLLO
DELLE MENTI! "La paura è la piccola morte che uccide la mente", recita un detto Sufi. E' un impulso
così efficacemente distruttivo, da farci rinunciare ai sentimenti e impedirci di vivere da umani! In
questo modo poi, è demonizzato il maschio che a livello subliminale diventa un mostro senza
distinzione. Non si scordi però, che se stanno male le donne, nemmeno gli uomini possono stare bene
(e viceversa), ed è questo il fine del Sistema. E' inoltre il caso di osservare che la debolezza non fa
alcuna discriminazione di sesso, altrimenti non ci sarebbero migliaia di uomini che dormono sui
marciapiedi coprendosi con dei cartoni. Questo fatto tra l'altro, ancora dimostra che è il Dominio
stesso, attraverso le istituzioni, a maltrattare i deboli, e più si è fragili, meno (o fintamente) si è
tutelati.
In verità il potere, simula la tutela delle fasce più fragili e di essere occupato a migliorare le cose ma
sottilmente, si trafela per creare divisione, per aizzarci gli uni contro gli altri, per indebolirci
ulteriormente attraverso una sterile guerra di nervi combattuta tra deboli, che infine vedrà vincitori
solo quelli che hanno in mano i bottoni.
Per conseguire i suoi piani, il POTERE utilizza ogni mezzo disponibile e per noi nocivo; non manca
quindi di instillare ipocrisia. Non avvertite quanto il nostro mondo ne sia pregno? A cosa serve? A far
meglio attecchire la negatività e pure per DIRCI a cosa siamo sottoposti, senza doverlo dichiarare
esplicitamente … Serve a far intendere a chi intende, come si deve "vivere".
È ancora la TV in prima linea in questo lavoro: espone lo sport in tutte le salse, perché in esso si
nasconde l' "importante invito" a celebrare chi è più spietato con gli avversari e sa tirar fuori la
"cattiveria", chi è diventato bravo ad amplificare il proprio EGO, chi si "bomba" con più astuzia … Un
bel meccanismo questo, atto a bruciare le vite degli atletici in un pugno di anni, o a rammentarci che la
vita di un pilota (di un UOMO!) non vale gli interessi dello sponsor. Davvero "fantastico" lo sport, che
vive in virtù di legioni di tifosi inneggianti a mercenari; ambito da schiere di ragazzini che sognano di
calcare le orme di voltagabbana per professione. Uno "straordinario" esempio di vita, sotto tutti gli
aspetti; ligio a regole ferree ma "stranamente" riviste e ammorbidite di fronte a interessi e quattrini.
Utile dunque, per rendere la correttezza una pagliacciata. Lo vediamo, pure quando a un giocatore è
ordinata la sostituzione della maglietta macchiata da qualche goccia di sangue, mentre all'ora di
pranzo e cena, morbosamente, gli obiettivi dei TG ci regalano ampie vedute delle pozze di sangue
lasciate dai morti sull'asfalto, o su raccapriccianti scene di guerra. Per non parlare degli spots che
invitano all'altisonante RESPECT, inquadrando famosi giocatori che attraverso la loro aria torva,
lasciano intendere d'essere governati da brutali istinti primordiali.
C'è una regia dietro tutto questo e una sola. Ma sembra tanto difficile accorgersene …

Pagina 9 di 185

E' pure l'operato di EQUITALIA, a rendere palese che sono le stesse autorità - quelle che sbandierano
PROGRESSO, DEMOCRAZIA e GIUSTIZIA - a non avere rispetto per la gente, a dimostrare che è il Potere
attraverso le istituzioni a infierire su fasce già in sofferenza. Quell'ENTE serve a succhiare le ultime
gocce di dignità, di quegli esseri deboli e indifesi che loro chiamano (con quell'orrenda parola a
sostituzione del vocabolo SCHIAVI) CONTRIBUENTI. Solo quelli toccati da "certe attenzioni" fanno caso
a questi "INSIGNIFICANTI" DETTAGLI? E gli altri?
Spostando l'attenzione sulla strada, uno studio Volkswagen afferma che un incidente su due è
provocato dalla disattenzione, e se tamponiamo una macchina, ci dicono che "in auto non dobbiamo
distrarci". Eppure, tutto è creato per favorire confusione e disattenzione. Dai cruscotti straripanti di
pulsantini (sempre più da aeroplano), e di lucine e avvertimenti, ai navigatori touch screen, agli
apparati multimediali, alle radio, alla segnaletica (troppa per essere chiaramente avvertibile e
riconoscibile con un colpo d'occhio), agli abbacinanti cartelli luminosi, ai limiti di velocità spesso
assurdi, al complesso del traffico. I percorsi somigliano sempre più a labirintici budelli, e a videogiochi.
Tutto è per la nostra "sicurezza", ma CASUALMENTE, è minuziosamente evitato quanto potrebbe
veramente garantirla, e si trova sotto le voci SEMPLICITÀ e CHIAREZZA.
Sembrano essere necessari anche gli straripanti e ossessivi dossi rallenta-traffico dei centri abitati, ma
è davvero così? Sono invece il frutto di un mirato e deliberato disegno avverso: hanno effetto sulle
utilitarie (deteriorano sospensioni e fulminano lampadine), mentre ai SUV, fanno un baffo. Dovendo
acquistare un'auto e pensando a percorsi tra buche e salti, chi appena può, compra il pachiderma dalle
ruote grandi.
La sottile ipocrisia è ben celata dietro le motivazioni che sbandierano le amministrazioni. Si fingono
rispettose delle risorse in diminuzione, eppure in continuo e in modo SUBLIMINALE incentivano i
consumi, gli sperperi e i lussi. Anche limitando la durata degli oggetti con quell'obsolescenza
programmata, che sono i divieti di circolazione a veicoli Euro "meno" o, appunto, con un continuo
rallentare e riaccelerare causato dai dossi, quando tutti sanno che è in quel modo che inquinamento e
consumi lievitano paurosamente … È tutto frutto di un astuto inganno …
Il puzzo dell'ipocrisia invade il nostro mondo …
Emanano quell'olezzo, anche i tickets dei centri storici: sono forse i soldi dei pass a "filtrare" l'aria
inquinata? E cosa esalano i cartelli che annunciano gli Autovelox? È come se agli automobilisti
dicessero: "dopo vai pure forte, sfogati e consuma …".
Ebbene, si faccia ATTENZIONE a quei dilaganti ma diversamente interpretabili segnali, perché ci stanno
dicendo che siamo nell'epicentro di un MOSTRUOSO RAGGIRO ORDITO AI NOSTRI DANNI. E nelle mani
di un Sistema talmente organizzato da farci fare ciò che è avverso alla salvaguardia della nostra salute
fisica, morale e mentale, rendendoci persuasi che l'inganno sia una fantasia. Non ci accorgiamo di
quanto sia facile per il "meccanismo", eludere la cognizione umana! Non ci accorgiamo che, È
FACENDOCI CREDERE DI PENSARE CON LA PROPRIA TESTA CHE CI FA REAGIRE COME UN BRANCO DI
GALLINE AL MOMENTO DELLA DISTRIBUZIONE DEL BECCHIME. Loro hanno in mano tutti i pulsanti del
nostro controllo. Pigiando ora qui ora là sui tasti che sapientemente accendono ipocrisia, o insicurezza,
paura, sospetto, gelosia, rabbia, odio, ma anche ingordigia, arrivismo, sesso, desideri di potere e soldi,
invidia, menefreghismo, e pure agendo su quelli che ci appaiono i simboli della libertà, del progresso e
della giustizia, e stimolando le nostre migliori doti (giacché ad affetti e sentimenti rispondiamo con
generosa efficacia), riescono a farci fare ogni assurdità. Con tutto l'apparato di cui dispongono, CI
STANNO DESTINANDO ALLA BOLLITURA … ADAGIO, PROGRESSIVAMENTE. È così che nonostante la
pelle quasi staccata dalla carne, ogni giorno schiere di umani si caricano per adattarsi a questo
“idilliaco mondo civilizzato”, quindi, al PENTOLONE! Usano ogni energia e si dannano l’anima per fare
quel “buon viso a cattivo gioco” che porta alla distruzione delle qualità umane. Una volta parte
dell’INGANNO e fatta l’abitudine al suo assurdo equilibrio, lottano per rimanerci il più a lungo possibile
e addirittura per sostenerlo, perché alla fine, preda della "sindrome di Stoccolma", lo amano.
Ancora una dimostrazione di quanto ci abbiano assoggettati, si desume dalla comune idea che norme
limitanti, siano necessarie e tutto debba essere regolamentato in modo ferreo. L'uomo moderno, ha

Pagina 10 di 185

persino accettato la cultura della non libertà, al punto che ormai, vive in una galera dove tutto ciò che
non è proibito è obbligatorio per “motivi di GIUSTIZIA, REGOLARITÀ, CORRETTEZZA, SICUREZZA
COLLETTIVA”. Lo schiavo moderno si è messo in catene da solo … non soltanto senza porre resistenze
ma pretendendo d'essere incatenato! Per questo non batte ciglio di fronte a un firmamento di
telecamere, e nemmeno sospetta che dietro si nasconda un disegno orwelliano di oppressione.
No? Ma avete provato a denunciare un furto che è stato ripreso dalle telecamere? Cosa vi dicono i
Carabinieri? "Non possiamo fare niente …". E allora? A cosa servono quegli "occhi"? Non sono per i
ladri ma … PER VOI!!! Per accogliervi nel nuovo CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA a cielo aperto del
NUOVO ORDINE MONDIALE! Eppure in genere mi sento rispondere: "Io non ho niente da nascondere".
Significa allora che gli state dando il CONSENSO! Significa che la vostra libertà ha il prezzo di uno stato
di controllo! Ci vogliamo accorgere che risposte così sono figlie di una palese accettazione alla
prigionia, figlie di una sconvolgente stoltezza e di un raccapricciante disprezzo per la propria dignità?
ATTENZIONE A OGNI CESSIONE DI LIBERTÀ che, nemmeno è accettare il collare perché tanto non sono
legato alla catena. Se vi tengono nel pentolone non hanno bisogno di mettervi il collare!
A tal proposito Georges Ivanovič Gurdjieff disse: “L’uomo moderno vive nel sonno; nato nel sonno, egli
muore nel sonno”. Descrive così il principale stato di coscienza della gente comune e aggiunge: "Poter
scegliere quale canale guardare in Tv, così come il poter scegliere dove andare in vacanza, sono quelle
“chance” che ci hanno trattenuto nell’illusione di possedere libero arbitrio, senza che ci rendessimo
conto della prigione nella quale eravamo rinchiusi. Trascorriamo una vita intera a produrre e
consumare, come tutti, e questo lo chiamiamo libero arbitrio?" Il guaio aggiunto è che a questa
schiavitù mascherata ci siamo già assuefatti e la libertà non sappiamo più com’è fatta e che sensazioni
può dare. E la verità ci fa talmente paura, che preferiamo nasconderci dietro all'illusione di vivere in un
mondo ideale. Ma attenzione, proprio la storia è li a dimostrarci con infiniti episodi, che l'essere
umano - quello che non vuole usare la propria testa - di continuo viene estratto bollito dall'acqua
fumante.
Se gli esempi fatti finora vi sono sembrati "leggerini", allora ve ne propongo uno più "pesantino",
pescato da una recente passato: ben sei milioni di deportati ebrei rinchiusi nei campi di
concentramento, hanno accettato la morte senza ribellarsi! E pure, un'intera popolazioni tedesca, ha
vissuto convinta fosse giusto così … Il motivo? ANCHE AL DELIRIO CI SI ABITUA E CI SI CONFORMA! Ciò
significa che l'essere umano, come le rane, una volta debilitato nel fisico ma soprattutto nella mente,
non riesce a scappare dal pentolone … "Loro" vincono, perché sono abilissimi nel farci assimilare
l'idiozia, adagio, attraverso ragionamenti distorti ma coerenti con le altre assurdità del nostro mondo.
Abilissimi, nel tenere bassa la fiamma, nel dosare frustate e carote, "panem et circenses".
Fanno parte di QUEL LAVORO, slogan apparentemente innocui, come la scritta messa in onda qualche
tempo fa da un canale televisivo Knowledge: "Si fa la guerra per avere la pace". Al contrario, Mahatma
Gandhi diceva: "Non esiste alcun percorso verso la pace. E' la pace stessa, il percorso", eppure quello
spot, pur essendo un bell'esempio di demenzialità, in molti l'avranno preso per verità. C'è da stupirsi?
Abbiamo pure accettato il fatto che le guerre "scoppino" … Ma da quando in qua le guerre scoppiano?
LE GUERRE SONO PREPARATE, ADAGIO, per condurci gradatamente davanti all'inevitabile, eludendo la
nostra ribellione! L'orrore dell'ultimo conflitto credete che non si ripeterà? Quando la storia stessa
dimostra che il nostro pianeta è una fucina di congiure, sanguinose rivolte e guerre? Quando eserciti e
armi, contrariamente a ciò che raccontano, non servono a evitarle ma a combatterle? E quando la
REGIA ci sta già predisponendo, sopprimendo la serenità, spazi vitali e, la libertà? E istupidendoci, e
rendendoci sospettosi, per farci cadere nell'isolamento, nell'alienazione, nel disgusto e nella rabbia,
per incattivirci e aizzarci gli uni contro gli altri e indebolirci? Propinandoci l'abbondanza dell'inutile, per
privarci di quel che per noi umani è indispensabile, e quindi degli affetti, dei gesti fatti con il cuore, di
semplicità, di amore, serenità, pace, per uccidere la possibilità di condividere armoniosamente la vita
con il prossimo?
Quando saremo cotti a puntino, politici e governanti, quindi i malfattori al servizio di quello che "sta
dietro a troni e Re", sosterranno l'uso delle forze armate per "dare una giusta lezione ai CATTIVI".

Pagina 11 di 185

Come si fa a credere che quei "camerieri" non sappiano come va a finire una guerra? Anche un
cerebroleso capisce che sarà una carneficina con zero vantaggi, anche per una nazione potente!
Acclamiamo i meschini che scambiano le vite umane per un MALE MINORE, o provano così tanto
amore per il proprio popolo da mandarlo a scannarsi? Lo capiamo che chi decide una guerra è
innanzitutto una BESTIA, ma che è manovrato da un GOVERNAMENTO ancor più BESTIALE che
nemmeno pensiamo esistere? A cosa servono sensi e cervello, se non per capire la realtà? Per
accorgersi del grande inganno in atto? Per capire che nulla è casuale ed è tutto conseguenza di un
programma? Che l'attuale "comune ragione" è la metastasi di una cecità artificialmente generata da
abilissimi maghi?
“Quella che oggi chiamate libertà, è la più forte di queste catene, benché i suoi anelli vi abbaglino,
scintillando al sole”. Kahlil Gibran.

Capitolo 3
COMPLOTTISTA?
Partiamo da un punto cardine: "La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile
alla follia". Lo disse Hermann Hesse. Cos'altro dicevano uomini di saggezza? Eraclito: "Non troverai mai
la verità, se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspettavi di trovare"; analogamente
Aristotele: "L’inizio della conoscenza è lo stupore". Tuttavia quando intavolo questi argomenti, persone
perplesse spesso mi domandano: "da dove nascono le tue idee e come puoi sostenere che quanto dici
non sia frutto di strane fantasie?". Rispondo che questo è il tipico interrogativo di chi vive nella
confusione del condizionamento. Gli investigatori sanno bene che per trovare il colpevole di un grave
reato, devono mettere insieme tante tessere, che quelle estranee non si incastrano e, non
appartengono al puzzle. Approfondendo insomma, si fa pulizia e, si capisce. Come disse Buddha: "La
verità è ciò che funziona". Ovviamente, per trovare la verità, è pure necessario fare quel che suggerì il
padre di uno dei protagonisti del film EMBER - il mistero della città di luce: "Nota quello che nessun
altro nota e saprai quello che nessun altro sa". Questa, come ci fece sapere Galileo Galilei, non è
saggezza spicciola: "Non basta guardare, bisogna guardare con gli occhi che vogliono vedere".
Potranno bastare queste risposte? Credo, solo per alcuni, come ci spiegarono molti altri personaggi
illustri: "Le masse non hanno mai avuto sete di verità. Chi può fornire loro illusioni diviene facilmente il
loro comandante; chi tenta di distruggere le loro illusioni è sempre la loro vittima." - Gustave Le Bon. E
non meno appropriata, la seguente frase di George Orwell: "Quanto più una società si allontana dalla
verità, più odierà quelli che la dicono". Rovistando ancora nella saggezza: “Ogni uomo considera i limiti
della propria visione personale come i limiti del mondo.” - Arthur Schopenhauer. E vogliamo forse
dimenticare quanto disse Albert Einstein? “I grandi spiriti hanno sempre incontrato la violenta
opposizione di menti mediocri. La mente mediocre è incapace di comprendere l’uomo che si rifiuta di
inchinarsi ciecamente ai pregiudizi convenzionali e sceglie invece di esprimere le proprie opinioni con
coraggio e onestà”. Mentre Platone: "Coloro che hanno la capacità di vedere oltre le ombre e le
menzogne della propria cultura, non saranno mai capiti e tantomeno creduti dalle masse".
Proprio come dissero questi signori, la cosa che con forza respingono le persone addormentate, è di
sentirsi dire che stanno dormendo. Per questo probabilmente, imperverseranno a lungo gli
"ASSENNATI-CONVENZIONALISTI", pronti ad appioppare l'epiteto di "COMPLOTTISTA" a chi additando
un potere occulto, insorge verso il puttanaio di bestialità di questo mondo.
Tanto per mettere subito in chiaro le cose, se ne sono accorti gli ASSENNATI che il termine
"Complottista" ha una valenza capovolta? Non dovrebbe indicare chi cospira e non chi ne svela le
trame? Già questo neologismo, sta a indicare che gli ASSENNATI non sono poi tanto assennati. Credo
inoltre sia da sciocchi pensare che i personaggi menzionati, non fossero in grado di osservare la realtà
con lucida attenzione. Ne terranno conto gli ASSENNATI? O pure di fronte a quanto esposto da menti
attente, faranno orecchie da mercante? Forse si staranno chiedendo: ma cosa intendeva F.
Dostoevskij, nel dire "La verità reale è sempre inverosimile"? E attiveranno le meningi, di fronte alle

Pagina 12 di 185

parole del docente universitario americano Kenneth Bouldin? "Si può perfettamente concepire un
mondo dominato da una dittatura invisibile nel quale tuttavia, siano state mantenute le forme esteriori
del governo democratico".
Dunque? Bouldin, un altro fissato delle congiure? O sarebbe meglio chiedersi di cosa sono impregnate,
se non di cospirazione, tutte le vigliaccate partorite all'insaputa delle popolazioni e raccontateci in
modo spesso storpiato (o persino nascosteci), come Gladio, le trame terroristiche, l'NWO, il TTIP, la
liberalizzazione degli OGM, gli intrallazzi del Banco Ambrosiano e dello IOR, il Trattato di Lisbona, la
privatizzazione delle banche centrali? Tutte cose, ovviamente, che hanno visto il coinvolgimento di alti
politici. E da cosa hanno preso forma i tre ultimi governi non eletti dal popolo; il ruolo di un Monti
asservito ai Rockefeller e Rothschild, e alla Goldman & Sachs (quel mostro bancario che ha depredato
migliaia di persone, non solo negli USA ma nelle aree più povere del pianeta)? E da cosa sono ispirati i
TG, nel dare enfasi alla notizia di un pedone investito sulle strisce, mentre glissano sulla catastrofe di
Fukushima, sulle radiazioni che contaminano l'Oceano per migliaia di miglia quadrate, su come si sta
affrontando il disastro; sulla costituzione della nuova "Gestapo" EUROGENDFOR dai poteri ILLIMITATI,
che sta subentrando ai Carabinieri? Quel corpo di polizia che avendo pure diritto di vita e di morte su
un sospettato, costituisce il PASSO DEFINITIVO verso un REGIME DI OPPRESSIONE DITTATORIALE?
ATTENZIONE, tali fatti accadono sotto gli occhi assenti della gente e degli ASSENNATI
CONVENZIONALISTI, solo perché i media rendono sfuggente la realtà. Ma è proprio questa
correlazione a parlare di COMPLOTTO.
È tuttavia facile che molti di voi ancora si trovino a sollevare perplessità. In tal caso suggerisco di
riprendere la frase prima citata di Edward Bernays e di incollarvi assieme quanto espresse un certo
John Swinton, redattore-capo del New York Times nell'anno 1880, in occasione di un banchetto con i
suoi colleghi presso l’American Press Association: "[ … ] Il lavoro del giornalista è quello di distruggere
la verità, di mentire spudoratamente, di corrompere, di diffamare, di scodinzolare ai piedi della
ricchezza, e di vendere il proprio paese e la sua gente per il suo pane quotidiano. Lo sapete voi e lo so
pure io. E allora, che pazzia è mai questa di brindare a una stampa indipendente? NOI SIAMO GLI
ARNESI E I VASSALLI DI UOMINI RICCHI CHE STANNO DIETRO LE QUINTE. NOI SIAMO DEI BURATTINI,
LORO TIRANO I FILI E NOI BALLIAMO. I NOSTRI TALENTI, LE NOSTRE POSSIBILITÀ, LE NOSTRE VITE,
SONO TUTTO PROPRIETÀ DI ALTRI. NOI SIAMO DELLE PROSTITUTE INTELLETTUALI“.
Parlavo di tasselli di un grande puzzle: basta dunque metterli insieme, vero? Ecco allora un'altra
"tesserina" combaciante, ovvero, una citazione rilasciata da Richard Salento (massone ed ex
presidente di CBS News), amico e consigliere di Bill Clinton: "Il nostro compito non è quello di dare alla
gente ciò che vuole, ma ciò che noi decidiamo che debba volere". Parole queste, che calzano
straordinariamente bene con il seguente estratto di un discorso pronunciato ad una riunione del 1981,
dal membro del CFR, nonché ex direttore della CIA, nonché massone, William Casey: "Sapremo che il
nostro PROGRAMMA DI DISINFORMAZIONE è stato completato quando tutto ciò che l'opinione
pubblica americana crede è falso".
Se però ad alcuni non è ancora chiara la situazione, sul piatto aggiungo l'esternazione del banchiere
(nonché MASSONE, ILLUMINATO, SATANISTA, CAVALIERE DI MALTA e, orgoglioso sostenitore del
NUOVO ORDINE MONDIALE) David Rockefeller, alla riunione del Bilderberg Club a Baden Baden in
Germania del Giugno 1991: "Siamo grati al Washington Post, al New York Times, al Time e alle altre
grandi pubblicazioni i cui direttori hanno presenziato alle nostre riunioni ed hanno rispettato le loro
promesse di discrezione per quasi quaranta anni. Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il
NOSTRO PIANO MONDIALE se fossimo stati sotto le luci dei riflettori durante quegli anni. Ma il mondo
ora è più sofisticato e più preparato a marciare verso un GOVERNO MONDIALE. La sovranità
sovranazionale di un’élite intellettuale e di banchieri internazionali è certamente preferibile
all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati".
Sicuramente dopo tali affermazioni, un ASSENNATO, eviterà di farsi venire STRANI SOSPETTI o,
perlomeno, penserà che qui da noi, di certo, le cose stanno diversamente … Attenzione allora, alla
testimonianza rilasciata dal regista TV Sergio Colabona (link video): "I messaggi che noi televisivi vi

Pagina 13 di 185

diamo non sono quasi mai la realtà. Ci danno dei soldi per non farvi pensare … La televisione è morta,
puzza e vi vuole contaminare".
Un caso isolato? Nel 2011 Elisa Anzaldo, giornalista RAI, lasciò l'Ente Televisivo con questo sfogo: “Per
motivi professionali e deontologici non ritengo più possibile mettere la faccia in un TG che fa una
campagna di informazione contro”. Cosa andava dicendo il giornalista Horacio Verbitsky? "Giornalismo
è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia; il resto è propaganda".
Che abbiano un fondamento di verità queste parole?
Per mia fortuna, non ho avuto la disgrazia di nascere ASSENNATO e per questo mi chiedo: ci sarà pure
un motivo se i media ci raccontano balle. E cercandoli, i motivi, piano piano emergono … Uno dei tanti,
ce lo espose il MASSONE nonché SATANISTA, ILLUMINATO e CAVALIERE DI MALTA, Zbigniew Brzezinski
(pure co-fondatore della Commissione Trilaterale - alla cui presidenza europea si sedette Monti - e del
Consiglio per le Relazioni Estere o CFR), nel suo libro Between Two Ages: America’s Role in the
Technetronic Era, pubblicato nel 1970: "L'era tecnologica porterà la progressiva instaurazione di una
società più controllata. Una tale società sarà DOMINATA DA UNA ÉLITE DI INDIVIDUI PRIVA DEI LIMITI
IMPOSTI DAI VALORI TRADIZIONALI. Presto sarà possibile esercitare una sorveglianza pressoché
continua su ogni cittadino, e saranno consultabili file updatabili contenenti qualsiasi informazione sugli
individui, comprese quelle più personali. File che saranno istantaneamente accessibili da parte delle
autorità."
Una élite di individui priva dei limiti imposti dai valori tradizionali? E il resto non suona come bieca
operazione totalitaristica? E chissà allora cosa voleva dire Bernays, con le seguenti parole tratte dal
suo libro citato prima: "La propaganda è il braccio esecutivo del governo invisibile". Governo
invisibile??? Che io sia vittima di paranoie da
"GOMBLOTTO"? Pensateci, intanto vi invito a prestare
attenzione alle parole uscite dalla bocca del banchiere
(MASSONE, ILLUMINATO, SATANISTA, CAVALIERE DI
MALTA; uno dell'ELITE come Brzezinski, tanto per
intenderci) Paul Warburg, durante un intervento al
Senato degli Stati Uniti, il 17 febbraio 1950: “Avremo un
governo mondiale, che vi piaccia o no. L’unica domanda
è se questo governo sarà attuato con la conquista o con
il consenso”. Beh, perché mai ha messo sul piatto
l'opzione di un Governo Mondiale da "conquistare" e
non propriamente piacevole? Forse perché, i loro piani
sono in antitesi con l'armonia e le aspettative delle
popolazioni? Vediamo allora cosa enunciò Henry
Kissinger: “La popolazione mondiale deve essere ridotta
del 50%”. Un'affermazione preoccupante? Tranquilli,
non vi agitate, si tratta ancora di un dato molto zuccherato. In una un'iscrizione scolpita sul Georgia
Guidestones (link), un monumento di granito (foto) situato ad Elbert County in Georgia, la cui
creazione risale al 1979, si leggono dieci regole per una ”Età della Ragione”. Parlano sempre di pace e
descrivono un mondo ideale (tutti a stecchetto ovviamente), come previsto dai sostenitori del “Nuovo
Ordine Mondiale” (visto che è roba loro), ma la prima di queste risulta particolarmente inquietante:
"Mantieni l’Umanità sotto 500’000’000 in perenne equilibrio con la natura".
Che sia solo io ad avere una brutta percezione e, vittima di una mentalità distorta, stia interpretando
quell'iscrizione al pari di un epitaffio? Che dunque, sia nell'evolvere di un'ossessione cospirazionista
che metta in relazione quella RIDUZIONE ARMONIOSA DELLA POPOLAZIONE, non solo con quel che ho
fin'ora citato ma pure con quanto strepitarono Henry Kissinger e David Rockefeller (culo e camicia con
Brzezinski), creatori del CFR (organismo di controllo economico degli USA): "NON RIPOSEREMO FIN
QUANDO TUTTO SARÀ DISTRUTTO".

Pagina 14 di 185

Sono note di "scintillante allegria" queste, che non restano isolate ma si compongono in un tutt'uno
"melodioso" con altre paroline, pronunciate in un discorso tenuto nel 2008 da Zbigniew Brzezinski, che
allora era consigliere per la politica estera del neo eletto presidente Obama: "Forse un tempo era più
facile controllare un milione di persone, anziché ucciderle fisicamente. Oggi è infinitamente più facile
uccidere un milione di persone piuttosto che controllarle". E con queste di Henry Kissinger, articolate
nel 1978 all'ONU: "La politica degli USA nei confronti del Terzo Mondo dovrebbe essere di
spopolamento".
Scusate ma da COMPLOTTISTA, dunque da FISSATO, mi pongo un'altra (che palle vero?) domanda:
gente che sta al potere, non dovrebbe essere affaccendata nel rendere felice la popolazione? Se così
realmente fosse, come potrebbero quei soggetti auspicarsi la "TOTALE FALSIFICAZIONE
DELL'INFORMAZIONE"? Come potrebbero ragionare in termini di "DISTRUZIONE" o, di "ELIMINAZIONE
FISICA DI ESSERI UMANI PREFERIBILE AL CONTROLLO"? Da quando in qua, potenti che "amano" le
popolazioni, le vogliono rendere updatabili? Risulta allora tanto malsana l'ipotesi che per quei gestori
dell' "allevamento", il mondo sia appesantito da un esubero di sei miliardi e passa di polli? Suona come
un'assurdità la relazione tra i fatti dolorosi del pianeta e i loro discorsi? E appunto, visto come va il
mondo, non è il caso di chiedersi se l'EQUILIBRATA GESTIONE intenderanno attuarla con il CONSENSO
degli ECCEDENTI, o decideranno arbitrariamente chi dovrà continuare a esistere e chi no, chi potrà
riprodursi e chi non potrà? E già che ci siamo, non è il caso di domandarsi se il numero "ideale" di
abitanti vorranno raggiungerlo con bombe atomiche, carestie, pandemie o forni crematori?
Giusto per non lasciare nulla al caso, vi suggerisco di mettere quanto sopra in relazione con le
confidenze fatte da David Rockefeller (ancora), nel suo libro autobiografico Memoirs, Random House,
dell'anno 2002. A pag. 405 si legge: "Alcuni credono persino che noi [la famiglia Rockefeller] facciamo
parte di una cabala segreta che manovra contro i migliori interessi degli Stati Uniti, definendo me e la
mia famiglia ‘internazionalisti’ e [ci accusano] di complottare con altri nel mondo di costruire una
struttura politica ed economica globale più integrata, un unico mondo, se volete. Se questa è l’accusa,
mi dichiaro colpevole e sono orgoglioso di esserlo”. E già che ci siete associate il tutto, pure con questa
frase di George H.W. Bush (massone, satanista, Cavaliere di Malta, Illuminato), tratta da una intervista
rilasciata alla giornalista Sarah McClendon nel dicembre 1992: “Se il popolo americano sapesse la
verità su quello che i Bush hanno fatto a questa Nazione, saremmo inseguiti e linciati per strada".
Insomma, è tanto insensata e frutto di INSANE FANTASIE, la tesi di una COSPIRAZIONE? O semmai è
tragico che miliardi di esseri umani siano stati sopraffatti dall'INCANTO di STREGONI al soldo dell'Elite,
e PRIVATI DELLA RAGIONE da quei MAESTRI NELL'ARTE DI MANIPOLARE LA MENTI? Non è forse
tragico che tanti esseri umani sottoposti alle loro BALLE, per quanto plausibili, idonee a rifornire di
risposte preconfezionate e logiche il gregge, non abbiano mai avvertito quell'odore persistente e
pungente d'inganno? Non è tragica, tanta sconfinata e sciagurata inconsapevolezza?
E come si rapporta a questa realtà, la personalità dell'ASSENNATO?
È mia convinzione che in mancanza di interessi personali di sorta, o di patologie mentali da TSO, il
CONVENZIONALISTA debba aver accolto la ZOMBIFICAZIONE come NATURALE PROCESSO
ACCULTURANTE, rappresentando per questo, lo "zoccolo duro" di chi "NON VUOLE CONOSCERE E
RIFIUTA LO STUPORE". Osservandolo, emerge pure che elargisca l'epiteto di COMPLOTTISTA, non solo
per non affrontare la propria abissale vigliaccheria culturale ma anche una totale e ancor più
pericolosa mancanza di rispetto per se stesso. Viene da se che nemmeno possa capire quanto il potere
gongoli, nell'averne tanti di PROFONDI CONOSCITORI DEL MONDO COME LUI … Tanti insomma, di
UPDATABILI immuni all'idea che la mente sia in funzione, quando prende il largo dalle influenze
dominanti. E pensare che proprio per questo, poiché incapaci di sviluppare un libero pensiero (vedi
link a fondo libro "Le forze occulte e la legge naturale"), dall'ELITE sono chiamati "MORTI" … Deve
infine stupire che questi poveri ignari, alquanto diffusamente, scorgano in chi racconta di manovratori
nell’ombra e d'inganni pianificati, avvisaglie di contorsioni mentali prodotte da una erudizione
aberrante, nata chissà in quale antro di manicomio?

Pagina 15 di 185

Per come sono culturalmente ridotti, non deve apparire strano che a queste persone, oltre a risultare
sfuggente la realtà profonda, scappi un altro dato di fatto importante: quello che viene definito "buon
senso comune", è erroneamente attribuito a un riflesso dell'esperienza popolana. E' invece il frutto
delle influenze prodotte dal Sistema dominante, ed è vincolato a quanto gli serve. Quel BUON SENSO
COMUNE il Dominio, è in grado di fabbricarlo e forgiarlo in funzione dei suoi scopi. Dispone infatti,
come anche messo in risalto dalle frasi citate, di tutti i mezzi necessari per compiere tale operazione.
E' semmai il BUON SENSO COMUNE A CORRISPONDERE A PAZZIA DIFFUSA SU SCALA GLOBALE …
Tutto ciò, non può che concretizzarsi nella situazione prospettataci da Mark Twain: "È più facile
ingannare la gente che convincerla d'essere stata ingannata". Cosa questa, pure rimarcata da un certo
J. Edgar Hoover, direttore dell'FBI (per giunta, pure lui massone di 33° grado), in una dichiarazione del
1956: "L'individuo comune è penalizzato dal trovarsi di fronte ad una COSPIRAZIONE talmente
mostruosa da sembrare impossibile. La mente degli americani semplicemente non riesce a realizzare
l'entità del male che è stato introdotto tra di noi. E respinge anche l'ipotesi che degli esseri umani
possano sposare una filosofia che in definitiva distruggerà tutto ciò che è buono e decente".
CAPITO???
Ma che senso ha tutto questo? Cosa diavolo nasconde il dominio, di tanto importante da giustificare
un simile impegno? Certo, il profitto. E la schiavitù, che rende loro più facile ogni smodato gozzoviglio.
Ma bastano a giustificare tanto solerte lavoro? Osservando i risultati ottenuti sulla consapevolezza
delle masse, la risposta può solo essere positiva. Quelle giustificazioni hanno sempre FUNZIONATO, e
per questo la gente si è quasi sempre fermata alle prime sgargianti evidenze. Sorretta da ignoranza,
ingenuità, pigrizia, ristretta visuale, crede vero il primo movente nel quale si imbatte (A QUELLO
DATOLE IN PASTO) e non si accorge di qualcos'altro. Le sfugge quel che si nasconde dietro al profitto e
realmente muove tutto lo schifo di questo mondo. Non vede che quel qualcosa è la …
S O F F E R E N Z A.
Forse ancora, istintivamente, faticherete a credermi ma vi siete accorti che nel nostro mondo, quella
cosa lì, non manca MAI??? Eh già … PERCHÉ È IL VERO MOTIVO DI TUTTO L'ORRORE di questa Terra!
Perché L'UMANITÀ È IL GRANDE ALLEVAMENTO PER LA PRODUZIONE INTENSIVA DI QUELLE
CONDIZIONI DELLO SPIRITO, DALLE QUALI SI SPRIGIONANO GLI EFFLUVI PIÙ NERI DELL'ANIMO
UMANO.
È ciò di cui ha bisogno la MENTE FALLACE E MENZOGNERA e i suoi scagnozzi di più alto grado …
È ovvio che il vostro male, nessuno venga esplicitamente a chiedervelo, poiché rappresenta qualcosa
d'inconciliabile con ogni criterio esistenziale, per quanto elastico o persino incline al masochismo.
Tuttavia il vertice del potere lo vuole comunque e, se lo procura, scansando con mille astuzie la
ribellione che umanamente metteremmo in atto. Le logiche dominanti che ci sono inculcate (frutto di
studi dagli investimenti miliardari), hanno quindi il compito di mantenerci sotto una cappa di ottusità e
stordimento, per anestetizzare le nostre percezioni, per renderci inconsapevoli del nostro ruolo e di
qual è la nostra funzione. La società ci fa pertanto credere in una libertà che è un circuito, nel quale ci
mantiene per farci trafelare in una sterile corsa; per mantenere controllate le scintille di ribellione e
permettere così il consolidarsi del delirio dal quale infine, si genera quel che serve al GOVERNO
INVISIBILE.
Immagino vi siate pure chiesti a che pro la sofferenza; abbiate pazienza, una cosa per volta. Al
momento è più importante che prendiate in considerazione il seguente concetto: L’APERTURA
MENTALE DA' VITA ALLA CONSAPEVOLEZZA, CHE È LA SOLA COSA CAPACE DI MINARE LA
MANIPOLAZIONE, E DUNQUE, LE REGOLE CREATE PER SCHIAVIZZARCI. LA CONSAPEVOLEZZA È PURE
CONTAGIOSA. L'UOMO RISVEGLIATO È UNA MINACCIA, MENTRE CHI DORME È INNOCUO E
SFRUTTABILE.
Dal POTERE, l’individuo RISVEGLIATO, chiaramente non può essere tollerato e in tutti i modi è
combattuto. Come disse Max Stirner: "Per lo Stato è indispensabile che nessuno abbia una sua volontà;
se uno l'avesse, lo Stato dovrebbe escluderlo, chiuderlo in carcere o metterlo al bando; se tutti avessero
una volontà propria, farebbero piazza pulita dello Stato". Esattamente … il Sistema ha bisogni di esseri

Pagina 16 di 185

mentalmente MORTI … È osservando il mondo da questa prospettiva che poi si rivelano
particolarmente acute le parole di Krishnamurti: "Non è sintomo di buona salute vivere ben adattati in
una società profondamente malata".
L'efficienza assoluta dell'apparato di controllo, è dimostrata dal fatto che è riuscito a farci registrare
come assurdo o frutto di pazzia, tutto ciò che gli infila il bastone tra i raggi. Così, chi sta oltre il muro di
sbarramento che delimita la "logica trasfusa", poiché non parla in modo conformato,
automaticamente si rende NON CREDIBILE. A ottenere spazio e ascolto, sono coloro che
perfettamente condizionati non pongono problemi. Il Sistema ha pure instillato la paura del giudizio
altrui, proprio per calmierare ogni tentativo di pensare con la propria testa. E noi viviamo
nell’inconscio timore di non essere conformi al pensiero dominante, e facciamo di tutto per rientrare
nello stereotipo di quell’accettazione, che SCAMBIAMO PER ASSENNATEZZA. Ci hanno storditi a tal
punto, che oramai ci riesce difficile sospettare di essere vittime e diffidiamo di chi grida allarmato. Ci
hanno trasformati in complici e difensori del tragico gioco. Il bavaglio mentale ha messo fuori uso i
nostri sistemi d’allerta, con il risultato di impedire agli allarmi della nostra mente di mettersi a
squillare. Per questo metodico e certosino lavoro, gli appigli a mia disposizione sono poco più che
rugosità su una parete di roccia verticale, da scalare a mani nude. Rugosità e appigli "limati", parlano di
un incessante lavoro per rendere meno sporgenti quelli che potevano essere afferrati con salda presa.
Ma anche in queste condizioni estreme, esiste un’efficace tecnica per proseguire il free climb nel quale
sarei felice di coinvolgervi: si diventa bravi scalatori applicando la VOLONTÀ DI RIMETTERE TUTTO IN
DISCUSSIONE. Trovando la forza di elaborare un ragionamento svincolato dai preconcetti, prendendo
in considerazione visuali apparentemente improponibili, perseguendo onestà con il proprio sentire,
trovando il coraggio d'essere "pazzamente" se stessi …
Riepiloga magnificamente il mio messaggio, la prefazione realizzata da Sandro Veronesi, per il libro
L’incredibile menzogna di Thierry Meyssan. Egli racconta che nel periodo in cui fece l’ausiliario di leva
nei Vigili del Fuoco, dopo un pesante turno di ventiquattro ore, i ragazzi del gruppo si dovessero anche
occupare della pulizia della camerata. Più volte furono redarguiti dal caposquadra, perché a dir suo,
eseguivano il lavoro con eccessiva approssimazione. S'impegnarono maggiormente, ma la donna
addetta alle “pulizie di fino”, continuò a lamentarsi nei confronti del caposquadra per l’incuria, ed egli
diede loro un ultimatum. Sapevano di aver fatto le cose per bene, così che uno del gruppo esclamò:
“Per me lo sporco se lo porta da casa.”. Di nascosto la curarono, scoprendo con sorpresa che la battuta
corrispondeva a realtà. Quella donna, spargeva varie porcherie per timore di perdere il posto.
Veronesi ne trae che: “QUANDO SI HA A CHE FARE CON UN PARANOICO, LA PARANOIA DIVENTA UNO
STRUMENTO DI CONOSCENZA” … “Quando la ragione, questo esile lumino, non riesce a diradare il buio
in cui ci si ritrova, quando s'intuisce che c’è qualcosa che non va ma il normale modo di ragionare non
dà alcun frutto, e anzi accresce la sensazione di malessere e di frustrazione che ci attanaglia, la
paranoia può essere utile per vedere dove la ragione non riesce a vedere”.
Ancora più brevemente, Alberto Casiraghy (poeta e pensatore), ci indica lo spirito con il quale ci si
avvicina alla comprensione: “QUANDO I DUBBI TI DIVORANO, PROVA A ENTRARE NEL MONDO DEL
CONTRARIO”. Poche parole che da sole valgono un libro intero. Fatene tesoro, perché per afferrare la
realtà (non solo quella citata), dovete considerare il mondo al contrario di come lo vedete e percepite.
Ovviamente, non tutto è a rovescio ma è con questo approccio che vi avvicinerete maggiormente alla
visione realistica dell'esistenza.
Se dunque, non volete rimanere incastrati in un punto di vista che consente di vedere come talpe,
dovete veramente prendere in considerazione spiegazioni giudicate di primo acchito improponibili e al
limite dell’assurdo. Forse, proprio quello che finora avete considerato roba per menti malate.
Ma va anche colta la differenza tra la “pazzia” buia del condizionamento - la paranoica follia della
nostra società - e quella luminosa che apre alla realtà. È forti di quest’ultima che vi propongo di
osservare il nostro mondo, proprio per evitare quanto ci ricordò Marcel Proust: "Cessando di essere
pazzo, diventò stupido".

Pagina 17 di 185

Coloro che arriveranno ad aprire gli occhi, potranno allora accorgersi che la normalità della nostra
società, è paragonabile alla zoppia di una famiglia nella quale tutti ne sono affetti. Che dunque, l’unica
autentica FOLLIA è ciò che il Sistema ci elargisce come "sensato", poiché equivale all’accettazione e al
cieco adeguamento, ai criteri sui quali si poggia la nostra marcia e incivile società.
Come ci ricordò Friedrich Nietzsche: “Meglio essere folle per proprio conto che saggio con le opinioni
altrui!”. Purtroppo non si pronunciò sulle difficoltà di perseguire la follia, e chi domina sa bene come
impedirci una lucida visione delle cose. Ne ha persino terrore, dal momento che come sostenne Sri
Nisargadatta Maharaj: "La ricerca della realtà è la più pericolosa di tutte le imprese, perché distrugge il
mondo in cui si vive".

Capitolo 4
LA MEGACATENA
Se l’inganno si sviluppasse su poche etnie, in modo settoriale, isolato e limitato ad alcune voci delle
mille che riguardano il vivere, sarebbe avvertibile da tutti. Quanto ci toglie vitalità, invece, è frutto di
un progetto che strategicamente grava sugli umani a molti livelli, su tutto il pianeta, colpendoci senza
respiro con un'azione avvolgente.
Di primo acchito, una simile organizzazione sembra inconcepibile e anche fuori dalla portata dei più
potenti megalomani, ma è un errore in cui facilmente si cade, perché non si percepisce il controllo
sull'umanità come una catena. Ciò che in sostanza accade, è che l’ "anello" politico, va a intersecarsi
con l’ "anello" del lavoro, che a sua volta si aggancia alle problematiche delle aziende e dei lavoratori,
che a sua volta si unisce a quello dei trasporti, che si congiunge a quello dell’industria degli autoveicoli,
e via via di questo passo, in un concatenarsi con i carburanti, la difesa del territorio, l’industria bellica,
eserciti, guerre, informazione ecc. ecc., fino al completamento del giro e delle voci che costituiscono,
nell'insieme, una grande mano che guida le nostre vite. Tutta la catena è sotto il controllo del
GOVERNATORE perché, come vedremo meglio in altro capitolo, la gestione di ogni singolo anello è
affidata a un emissario del sommo potere.
Il meccanismo è molto efficace, poiché la finzione teatrale di ogni anello, supporta e avvalora quanto
sostenuto dall’adiacente e da tutti gli altri, senza soluzione di continuità, convogliando ogni
ragionamento in una logica di causa/effetto. Le uniche cose da fare per non cadere vittima del grande
bluff, è affrancarsi dall'idea che un'interdipendenza di logiche corrisponda a verità, nonché smetterla
di ascoltare le voci dei media.
Per meglio capire, vi propongo alcuni esempi. Parto dell’attacco giapponese alla base navale USA di
Pearl Harbor, del 7 - 12 - 1941. Si trattò di un evento manovrato (dopo settant’anni, persino il governo
statunitense ha ammesso di sapere dell’attacco, prima che avesse luogo), allo scopo di far accettare
ciò che popolazioni ancora dotate di un briciolo di cervello, non avrebbero mai voluto: la seconda
guerra mondiale. Che il bombardamento fosse stato costruito, lo ipotizzarono diversi esperti e, infatti,
si verificarono alcune strane circostanze: la base poco prima dell'incursione fu sfoltita e in porto
lasciate le navi più desuete, difese da una squadriglia di caccia ben poco efficiente, poiché gran parte
dell'aviazione più integra, venne trasferita. Si attivarono in ritardo pure i sistemi d’allarme, perché per
tenere occupati i militari, proprio quel giorno, si giocava un'importante partita di baseball. L'inganno fu
efficace, perché la gente si ritrovò a valutare un avvenimento sorretto da dati di fatto inconfutabili. A
pilotare l'opinione pubblica, furono i circa 2000 soldati morti che toccarono corde emotive. Si faccia
attenzione, le cose non sono vere perché ci sono dei morti di mezzo, piuttosto, i morti servono per far
credere vere le balle. A far accettare la loro logica, furono anche gli effetti dell'imponente scenografia,
con caduta di bombe ed esplosioni, affondamento di navi, cadaveri e feriti. La costruzione scenografica
naturalmente, non mancò di essere esaltata nelle sale cinematografiche (Bernays: "I film sono il
maggior vettore INCONSCIO del mezzo propaganda") e ovviamente, sorretta dall’enorme potere delle
parole, quindi, dalle recite melodrammatiche della classe politica e dal fiume ipnotico prodotto dai
mass media, che rappresentano l'altro inscindibile e importante anello, necessario per incanalare

Pagina 18 di 185

l'opinione pubblica verso ragionamenti determinati a tavolino. Ovviamente, gli eventi subiscono una
fase utile a predisporre l'opinione pubblica, con un crescendo graduale di situazioni, che hanno il
compito di colpire emotivamente, incastrare ogni riflessione nella consequenzialità e interdipendenza
di fattori, per rendere "coerente" e inattaccabile il movente che ha prodotto l'avvenimento di rilievo.
E' l'insieme del gioco d'alta magia, sapientemente gestito in tutte le fasi, che conduce all'assimilazione
di una favola.
D'altronde, un certo Nicholas Murray Butler, che sapeva bene come andava il mondo, essendo stato
membro del CFR, capo del British Israel (club massonico di congiunzione tra il Palladismo del luciferino
Albert Pike e il Rosacrucismo - satanico - inglese) e Nobel per la pace (come spesso i malfattori, gli
aguzzini, i guerrafondai - vedi nota a piè di capitolo), ebbe a dire che “Il mondo si divide in tre categorie
di persone: un piccolissimo numero che fa produrre gli avvenimenti; un gruppo un po' più importante
che veglia alla loro esecuzione e assiste al loro compimento, e infine una vasta maggioranza che
giammai saprà ciò che in realtà è accaduto”.
Voltaire sosteneva che: "La storia è la menzogna comunemente accettata". Ma pure Honoré De Balzac
descrisse lucidamente la realtà di questo mondo: "Dovete sapere che ci sono due storie: quella ufficiale
piena di menzogne, che insegnano a scuola, la storia ad usum delphini; e poi c'è la storia segreta,
quella che contiene le vere cause degli avvenimenti, una storia ignominiosa".
Va inoltre menzionato un fatto che coinvolse Edward Louis Bernays, e rappresenta u'ulteriore
conferma dell'esistenza di precise strategie attuate ad alto livello, al fine di condizionare e DIRIGERE
l'opinione pubblica. Ancora giovane, ricevette un incarico dal "Committee on Public Information" degli
USA, che consisté nel creare CONSENSO SULLA PRIMA GUERRA MONDIALE, tramite l'idea di "Fare del
mondo una democrazia più sicura". Manco a dirlo, il Comitato ottenne il successo voluto, perché,
come pure ci ricordò Bernays: "La manipolazione conscia ed intelligente delle abitudini ed opinioni
delle masse è un elemento importante della democrazia". Ovviamente, si riferiva alla LORO
interpretazione di DEMOCRAZIA.
"Acquistò" i principi di Bernays, anche il ministro per la propaganda di Adolf Hitler, Josef Goebbels,
tant'è che Hitler andava dicendo: "Le grandi masse di gente cadranno più facilmente vittime di una
grande bugia piuttosto che di una piccola. Particolarmente se la bugia viene ripetuta spesso". Il Terzo
Reich applicò così bene quei principi che riuscì a convincere i tedeschi a PURIFICARE LA PROPRIA
RAZZA.
I capi di stato, i politici, i preti, i giornalisti, gli avvocati, adottano tecniche di persuasione e anziché il
nostro conscio, toccano il nostro inconscio. Stuzzicando la parte più profonda della nostra mente,
riescono a imbrigliarci nelle illusioni. Quando poi alle parole s'aggiungono le immagini, l’effetto è
dirompente e devastante.
Un altro esempio dei risultati ottenuti attraverso l'uso combinato degli strumenti
parole/immagini/emozioni, fu il primo sbarco sulla luna. Per quell’avvenimento ci riempimmo tutti
d'orgoglio e rimanemmo ammirati dal genio umano. Per ottenere tanto trasporto e ammirazione però,
bastarono gli effetti cinematografici girati da Stanley Kubrick con l'aiuto
di Walt Disney, al quale Verner Von Braun era molto legato. Nessuno
inizialmente mise in dubbio l’impresa, perché fummo preparati
all’evento da innumerevoli lanci nello spazio. Fummo convinti con la
logica della consequenzialità e da eventi che fecero leva sui nostri
sentimenti, attraverso le immagini e le parole. Ma in seguito ci furono
degli esperti che sostennero la tesi di una sceneggiata e quando la
NASA, dopo molte polemiche sulla genuinità di filmati e immagini, si
accorse che la farsa rischiava di non essere più sostenibile, nel 2006
dichiarò al mondo la scomparsa di tutti i 45 nastri di quell’evento. Ed
ecco ad aprile 2015, cosa ci fa sapere l’ex-astronauta Aldrin: “E’ ora di
confessare; la missione di Apollo 11, che ha portato per la prima volta l’uomo sulla Luna, è stata una
messinscena. Nulla di ciò era reale”. C'è però un'altra cosa che la NASA evita di divulgare: l'agenzia

Pagina 19 di 185

spaziale americana, affonda le sue radici nell'occultismo (link). È nata per mano di 5 massoni,
ovviamente (vedremo meglio più avanti perché) satanisti: Jack Parson; Aleister Crowley (leader
dell'OTO - Ordo Templi Orientis); Ron Hubbard (fondatore di Scientology o, Dianetics); Werner Von
Braun (nazista riciclato); Walt Disney (incallito pedofilo).
Tuttavia, la palma d'oro alla REGIA va all'attentato dell’11 settembre 2001 alle torri gemelle di New
York. Anche su quel fatto ne avrete sentite un'infinità ma desidero tornarci sopra, perché sintetizza
molto bene il modus operandi del DOMINIO. Innanzitutto, ricordate il profondo smarrimento, e odio
per l’islam, quando i vostri occhi si sono saturati con le immagini degli impatti e dei crolli? Che cosa ha
suscitato certi sentimenti? Proprio la suggestione di una mega galattica coreografia, gestita con la
potenza delle immagini e un fiume ipnotico di parole, riversatoci addosso da politici, giornalisti ed
esperti … Nonostante tanto impegno, le versioni ufficiali risultarono da subito contraddittorie, facenti
acqua da tutte le parti e offensive per l'intelligenza.
Era da molti risaputo che Bin Laden e Bush (massone affiliato BILDERBERG, ILLUMINATO e
immancabilmente satanista,), fossero amici e partners commerciali di lunga data. Esiste persino la
testimonianza di Sibel Edmonds, ex traduttrice per l'FBI, che nel suo libro Classified Woman, descrive
come il Pentagono, la CIA, il Dipartimento di Stato, lavorassero a stretto contatto con Al-Qaeda.
Eppure, quei due divennero "nemici"?
Più esattamente, finsero di combattersi per rispettare gli ordini di un congegno del quale erano e sono
fantocci. Inoltre, giusto per rammentare alcuni altri dettagli assurdi, di una serie senza fine, si pensi
che ogni palazzo si reggeva su 47 travi d'acciaio d'inusitate dimensioni. E' quantomeno inconcepibile
che abbiano ceduto simultaneamente, e per giunta, in tutt'e due le torri (in realtà tre). Nel caso alcune
fossero state compromesse dallo schianto o dal calore (benché per la velocità degli aerei, gran parte
del carburante fuoriuscì dagli edifici, producendo la massima fiammata all'esterno), molte altre
avrebbero mantenuto legata una porzione di palazzo. L'effetto sarebbe stato (quantomeno) quello di
un crollo laterale vistosissimo, perché quelle integre, non si sarebbero certo spezzate come vetro. La
conferma è pervenuta proprio da quelle contorte come cavatappi, riprese durante i soccorsi.
Addirittura, addetti alla rimozione delle macerie, rinvennero "pozze" di acciaio fuso, quando occorrono
1480 gradi centigradi per liquefarlo. 2.200 (!) ingegneri edili e architetti si sono riuniti in team per
chiedere la verità (links), su troppe cose che non quadrano assolutamente: affermano che gli incendi
civili, e pure il carburante dei Jet, non superano i 760 gradi. E' solamente la nano-thermite (che brucia
a 2500°) in grado di liquefare l'acciaio. Esperti trovarono tracce, proprio di quell'esplosivo. Secondo la
versione ufficiale però, il calore fuse le putrelle ma non la carta d'identità di uno dei terroristi che fu
ritrovata bruciacchiata ma leggibile! A rievocare i precedenti di Pearl Harbor, inoltre, il fatto che
l'aviazione militare, proprio quel giorno, fosse impegnata in esercitazioni lontano da New York …
Si è dunque trattato di un progetto minuziosamente preparato da CIA e Pentagono, e senza badare a
spese, che molti non hanno colto come tale, perché gestito in modo gradualmente progressivo. Le
tensioni tra occidente e Islam erano già programmate e nell'aria da molti anni. Hanno portato ad
un'escalation di violenza che ha generato attentati sempre più orrendi, che i media hanno
sistematicamente enfatizzato a dovere, fino a saturare le nostre meningi, fino a privarci della
possibilità di pensare diversamente. Una volta raggiunto il punto di maturazione, hanno abbattuto le
Torri Gemelle sconvolgendoci con l'atrocità di quasi tremila morti. Quando ci hanno raccontato che è
stata la furia islamica a organizzare l'atto terroristico, l'abbiamo creduto perché il terreno
all'accettazione era già stato SCIENTIFICAMENTE preparato. Per una perfetta messinscena, il flusso
condizionante ha poi continuato a tempestarci con l'abbaiare dei politici, della Chiesa, con il martellare
dell'apparato d'informazione, e con altri attentati, comunicati di Al Qaeda, commemorazioni, caccia ai
terroristi, guerre, controlli serrati agli aeroporti e limitazioni della libertà, aumento dei carburanti,
difficoltà economiche e del quotidiano.
Ricordate la frase di Edward Louis Bernays sulla manipolazione mentale? Eccovi invece alcune parole
che sembrano scritte in previsione dei fatti appena detti, e sono tratte dal libro intitolato Battle For
The Mind (battaglia per la mente, del 1957), del Dr. William Sargant, psichiatra del Tavistock Institute

Pagina 20 di 185

di Londra (struttura psichiatrica tra le maggiori beneficiarie della Rockefeller Foundation, specializzata
nell'elaborazione di tecniche per la manipolazione mentale, la cui rete di lavoro si estende a svariati
governi e … università - vedi link): “Si possono impiantare nelle persone vari tipi di credenze, dopo che
la funzione cerebrale sia stata deliberatamente disturbata da una paura, rabbia o eccitazione indotte
accidentalmente o deliberatamente. Tra i risultati causati da questi disturbi, il più comune è una
capacità di giudizio temporaneamente compromessa e una aumentata suggestionabilità. Le sue varie
manifestazioni di gruppo sono a volte classificate con il titolo di “istinto del gregge” e appaiono in
tempi di guerra, durante gravi epidemie e in tutti i periodi simili di pericolo comune, che aumentano
l'ansia e quindi la suggestionabilità individuale e di massa”. Similmente, Ralph René, dal libro “NASA
mooned America”, nel quale svela i trucchi della farsa, definisce il meccanismo, "Emotional Belief
System" (EBS), che in italiano suona come "Sistema di Credo Emotivo", Afferma che l'EBS orienti la
logica con cui si prendono le decisioni, che dunque incida profondamente su ciò che ci permettiamo di
pensare e sui fatti che prendiamo in considerazione. Sostiene che tale meccanismo sia molto efficace
perché ci viene impiantato gradualmente, nel tempo, attraverso un'azione osmotica, complice la
scuola, l'informazione ecc., ed agisce sulla nostra mente come il sistema operativo in un computer.
Morale?
Ingurgitare anche solo una porzione di tutto quello che ci viene dato a bere, avrebbe di per se
ripercussioni molto pesanti ma poiché viviamo in un mondo in cui pressoché tutto è manipolato, e nel
contempo alla massa interessa di più essere omologata che conoscere la verità, il problema si presenta
DRAMMATICO … Ciò che l'uomo medio finisce per esprimere, è UNA "CONSAPEVOLEZZA"
SCHIZOFRENICO-DELIRANTE che difenderà coi denti, perché attorno all'illusione della realtà divenuta il
cardine delle sue "splendide" deduzioni, costruirà pure mura difensive! Eppure, quando si discute di
problemi dei nostri giorni, spesso si ascoltano frasi adirate che concludono in tal modo: “La gente
capisce, non è mica scema!”. Cosa questa categoricamente smentita, proprio da intere popolazioni
capitolate sotto le menzogne e le logiche che le ha sostenute.
Allora, di cosa l'umanità non vuole rendersi conto? Che dietro al male della Terra ci sta UNA SOLA
TESTA con la sua perfetta ORGANIZZAZIONE di tirapiedi elitari, maestri nel dispensare MENZOGNA e
nel creare DIVISIONE e FOLLIA.
E di cos'altro le masse non s'accorgono? Che a tutte le latitudini, le nazioni, ogni etnia, filosofia, ogni
colore politico, si trovano diversamente infarciti di melma concettuale allestita ad hoc, per attuare su
larga scala il principio del DIVIDE ET IMPERA. Il potere celato, lavora per rendere avvertibili i confini di
giusto/sbagliato; vero/falso; bene/male di ogni collettività, in modo sfalsato (e spesso di molto)
rispetto a quelli di altre, per mantenere l'umanità in perenne stato di sofferenza e costantemente sul
piede di guerra.
Una esempio di cosa muove tale realtà, ci pervenne nel 1909 da un articolo in tedesco (“Geschàftlicher
Nachwucs” di Walter Rathenau), nel quale era spiegato che gli accadimenti del mondo, erano opera di
un gruppo ristretto di potenti finanzieri che agivano secondo uno schema preordinato. Ora sappiamo
che quell'organizzazione elitaria cui il testo fa riferimento, ha pure fomentato e finanziato la prima
guerra e varie altre rivoluzioni, a cominciare dalla rivoluzione francese del 1789, e si tratta (ma che
caso …) di quel raggruppamento che aspira all'NWO, detto degli ILLUMINATI. Per l'esattezza, una parte
della famiglia degli Illuminati Rothschild finanziò Napoleone, mentre l’altra sostenne la Gran Bretagna,
la Germania ed altri stati durante le guerre napoleoniche …
Soffermandoci sulla seconda guerra mondiale, sono oramai numerosi gli storici (per citarne alcuni:
Emil Ludwig Fackenheim, Pierluigi Tombetti, Webster Tarpley, Anton Chaitkin, John Coleman, Walter
Langer), concordi nell'attribuire alla Elite massonica Anglo-americana, in accordo con quella tedesca e
con le massonerie russe, la preparazione del terreno per sostenere la seconda guerra mondiale. I nomi
dei soggetti coinvolti in tale impresa (alcuni li ritroviamo spesso come manovratori dei fatti scabrosi
più recenti di questo mondo) corrispondono a certi Rothschild, Rockefeller, Krupp, Bush, Morgan,
Ford, Thyssen. Tali elementi, erano e sono proprietari di banche ma pure di aziende (come Farben,

Pagina 21 di 185

Bayer, General Electric, Standard Oil, Siemens, Vereinigte Stahlwerke ecc.) che oltre a essere
protagoniste del conflitto, erano e sono pure variamente intrecciate tra esse.
Il discorso non cambia per quanto riguarda quel problema chiamato ISIS. Nasce da una cellula di Al
Qaeda (già questo garanzia di creazione USA e raggruppamenti elitari) in Iraq nel 2013, e da
innumerevoli fonti è subito indicato come una realizzazione del Pentagono (assoggettato appunto,
anche alle famiglie di potere nominate e al Club CFR, loro emanazione). In particolare è risaputo che
l'ISIS ricevette sostanziosi finanziamenti dal Qatar (dove casualmente ha sede il comando militare USA
per il Medio Oriente), passanti da conti correnti fittizi, con la complicità di banche svizzere (quelle che
si sono impegnate a vigilare sui finanziamenti ai terroristi). È poi credibile che l'ISIS si sia sviluppato
autonomamente, in un lampo sia arrivato a tenere a libro paga 150.000 militari, si attorni di
addestratori militari americani, disponga delle più sofisticate armi, riceva soldi che devono
forzatamente passare sotto la supervisione dei signori del potere che hanno finanziato la prima e la
seconda guerra mondiale, ma sia nemico acerrimo dell'occidente? Se non basta, è notizia del 16-92015 di una dichiarazione rilasciata alla Press TV statunitense, dall'ex candidato per il Senato degli Stati
Uniti Mark Dankof, il quale ha apertamente dichiarato che il gruppo terroristico ISIS è stato
deliberatamente creato da Washington, per stabilire un punto d'appoggio militare in Siria. Vogliamo
adesso dimenticarci cosa ha fatto e cosa fa l'ISIS?
Nonostante tutto, in maggioranza siamo qui a credere che il traffico di migranti sia opera di
associazioni delinquenziali locali. Dal sito elvetico Les Observateurs: “Se credete ancora che la
migrazione sia fatta di disperati ricredetevi. E’ un’azione voluta e organizzata, fra gli altri, da
«L’organisation internationale pour les migrations» (IOM) …”. "Casualmente", quell'organizzazione è
collegata all'ONU (come vedremo, covo satanico/massonico sostenitore dell'NWO), tramite il Direttore
generale dell’Organizzazione, un tal ambasciatore americano William Lacy Swing, che è principale
promotore della migrazione dei clandestini. Il tipo, manovra un budget di 1 miliardo e 675 milioni di
dollari e ha 8400 dipendenti presenti in oltre 100 paesi. Lo IOM tra l'altro, con sede a Ginevra, dichiara
la sua missione senza giri di parole. Alla sezione "Mission" del sito si legge: “IOM è impegnata al
principio che una migrazione umana e ordinata fa bene ai migranti e alle società”. Sarà per questo
motivo che dopo aver fatto pagare a quelle genti un viaggio in "prima classe", le stipa su carrette del
mare, le fa annegare e spilla quattrini ai governi accoglitori?
E non è solo Les Observateurs a fornirci una diversa visuale sul problema: servizi d’intelligence militari
austriaci e altri organi, sono concordi nell'affermare che dietro a tale barbarie ci siano organizzazioni
umanitarie, multinazionali, nonché agenzie create ad hoc (rimandandoci a quanto sopra). Ma
affermano pure che a Vienna, dietro il business dei profughi operi la Ors Service Ag., una vera e
propria azienda a scopo di lucro, con sede (ancora) in Svizzera, posseduta dalla finanziaria British
Equistone Partners Europa (Pee), che fa capo a Barclays Bank: ossia, alla potentissima multinazionale
finanziaria nota anche come “la corazzata Rothschild”.
Se tornate ai discorsi dei potenti vi renderete conto che le mafie sono un comodo capro espiatorio.
"Strani" collegamenti riportano ancora ai finanziatori di guerre e rivoluzioni.
L'utilità di tutto ciò? Al solito, creare i presupposti di una GUERRA SANTA; farci cadere nel tranello e
renderci furiosi contro il "malvagio Islam" proteso verso la distruzione dell'occidente; creare DIVISIONE
per IMPERARE (NWO), quindi debolezza; innescare una guerra tra poveri. In sostanza, distruggerci …
Non è casuale che sia ancora attraverso la divisione che le guerre prendono forma. Per effetto della
confusione messa in atto dall'Elite, i nostri nonni sono persino andati ad ammazzare dei loro simili e a
farsi ammazzare, in nome di valori sorretti da un immenso imbroglio; hanno sacrificato la vita per
amore di un Paese, per niente migliore del “cattivone” che sono andati a combattere. Hanno sparato a
un nemico mosso dagli stessi fili che avevano la guida dell’amata Patria, come di tutto il mondo.
Pensate invece, che le religioni non siano toccate dalla stessa volontà di creare separazione? Se non
fossimo confusi, esisterebbero così tanti Credo religiosi quando IL CREATORE è uno solo? Non stuzzica
le vostre riflessioni, la parabola della torre di Babele?

Pagina 22 di 185

Il risultato di ciò è sotto gli occhi di tutti. È il testimone di Geova infervorato nel mostrarci che solo le
sue verità sono autentiche; il prete che fa gli interessi del Vaticano, ci dice che la sua religione è l'unica
vera, e per questo è combattuta dall’Islam (l’ho personalmente sentito dire da un prete!); qualcun
altro è convinto sia stato il suo Dio a ordinargli di indossare una cintura esplosiva; senza parlare della
chiesa alternativa di Scientology detta “Dianetics” (nata dalle ispirazioni sataniste di Ron Hubbard), che
sostiene di insegnarci meglio di altre come vivere … ovviamente senz'anima.
Il problema è che siamo così devoti alle abitudini e abbiamo un tale bisogno di credere in qualcosa, che
accogliamo come verità o corretto codice di comportamento, qualsiasi immondizia concettuale, in
particolare se condita con parole ad effetto e tanta enfasi … E il potere sa bene come stuzzicarci e farci
esprimere con un potente EGO, utile infine, per incastrarci nel condizionamento da esso gestito. Per
questo sentiamo spesso parlare di PATRIA, di VALORI DI GIUSTIZIA, di DEMOCRAZIA, di DIRITTI, di
FIEREZZA; non ci accorgiamo che tra noi e gli altri cambiano solo le intonazioni delle suggestioni che si
sono trasformate in pilastri dell'esistere. Ci accorgiamo dell’integralismo e fanatismo altrui, perché al
nostro ci siamo assuefatti e adeguati, e una volta abbracciato un credo, sia esso ideologico o religioso,
chi ci smuove? A volte, solo una grande batosta ma finché non arriva, continueremo a esprimerci
nell'allucinazione.
L’infibulazione praticata alle bambine in alcune comunità africane ne è un altro esempio. Spesso le
madri stesse la praticano alle figlie perché … si è sempre fatto così. Sullo stesso piano di insensatezza,
anche la circoncisione.
Per cultura radicata si fanno le cose più inumane, dissennate, atroci.
Ci hanno inculcato l'idea che la nostra società sia maggiormente evoluta (DEMOCRATICA!!!), meno
crudele e, infligga meno dolore e ingiustizia ma cosa c'è di UMANO e GIUSTO in una società che
accetta pure le guerre, che si inviino i soldati in Afganistan e si continui a produrre e acquistare armi?
Come può essere "giusto" uno Stato che considera reato uccidere un altro essere umano, mentre
esalta i VALOROSI che in guerra hanno ucciso tanti nemici? Cosa ci può essere di "giusto" in uno Stato
che impone lo stalking e i soprusi tributari, mentre distribuisce le menzogne della politica, dei media e
sostiene infiniti inganni? Come può essere "democratico" uno Stato che lascia al mondo del lavoro la
libertà di togliere alle famiglie di che sopravvivere, alle banche e a Equitalia il diritto di buttare sulla
strada la gente? Come può essere "giusto" uno Stato che consente l'uso di vaccini contenenti piombo
e mercurio? Che acconsente le irrorazioni dei cieli con cancerogene scie chimiche? Che istruisce uno
stato di polizia per proteggere agli interessi del potere anziché della popolazione?
Non ho indagato su tutti i Nobel per la "pace", queste tuttavia (in breve) son le filosofie che sorreggono alcuni di essi:
Comitato Internazionale della Croce Rossa; covo massonico fondato da massoni. Nobel nel 1917.
Léon Bourgeois; presidente della Società delle Nazioni, covo massonico, fondato da massoni. Nobel nel 1920.
Nicholas Murray Butler; satanista-massone. Nobel nel 1931.
Norman Borlau; agro-scienziato pupillo di Rockefeller e pure satanista-massone. Nobel nel 1970.
Willy Brandt; satanista-massone e apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 1971.
Henry Kissinger; satanista-massone e apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 1973.
Amnesty International; foraggiata da Bill Gates (massone-satanista e ora impegnato nell'EUGENETICA). Nobel nel 1977.
Mikhail Gorbaciov; satanista-massone sostenitore NWO. Nobel nel 1990.
Yasser Arafat, Shimon Peres, Yitzhak Rabin; guerrafondai (massoni-satanisti). Nobel nel 1994
Kofi Annan; satanista-massone, apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 2001.
Jimmy Carter; satanista-massone, apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 2002.
Mohammed Yunus; apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 2006.
Barack Obama; satanista-massone e guerrafondaio, apertamente sostenitore NWO. Nobel nel 2009.

Pagina 23 di 185

Capitolo 5
LA BUSSOLA SMAGNETIZZATA
Chi risiede nell'olimpo, non ha bisogno di maggior potere. Il GOVERNATORE di questa Terra già
possiede il controllo sulle menti umane e dunque il mondo intero. Nemmeno la ricchezza è un suo
obiettivo. Come già accennato e presentato con alcuni esempi, tutto è primariamente organizzato
dall'alto per spillare all'umanità ogni goccia del suo male.
Perché mai?
Detto in modo molto semplice, la sofferenza è tanto ambita poiché da essa si sprigiona una particolare
FREQUENZA ENERGETICA, che viene utilizza analogamente a una droga. Ma anche su questo dettaglio
mi soffermerò in altro capitolo, mentre adesso, ritengo più coerente dare un'idea di cosa il Dominio
metta in piedi per procurarsi quanto desiderato.
Mi sembra chiaro che non possa allestire UFFICI DI RISCOSSIONE DELLO STUPEFACENTE PREFERITO,
pena una ribellione di massa (… forse …). E' però cosa che la testa della piramide e la casta di tirapiedi,
assolutamente vogliono e ottengono, aggirando con mille astuzie la nostra innata avversione a
fornirla. Poiché il potere non attinge dall'esperienza di un periodo storico recente ma lungo di millenni,
e ha abbondantemente scrutato la psiche umana nei più intimi risvolti, si è organizzato con molti
strumenti per assicurarsi ciò a cui ambisce, in modo sicuro e nel tempo. Essenzialmente, rendendo
inavvertibile la realtà; schiavizzandoci attraverso il nostro consenso; mantenendoci all'interno di
serragli psicologici ben dipinti da percorsi democratici; istupidendoci per impedirci di comprendere il
nostro autentico ruolo.
Per questo tenete ben a mente un punto cardine: le scelte sono controllate e guidate dal GOVERNO
INVISIBILE! In politica ad esempio, vi forniscono opzioni che sono pilotate per farvi scegliere tra il
GATTO e la VOLPE, tra il FOSCO e il MALANDATO. Per l'8 per mille lo stesso. Se scegliete l'assicurazione
dell'auto, vi fregano tutte indistintamente, anche se in modi diversi. Idem quando "scegliete" la banca.
E per le religioni, per quanto possa sembrare assurdo, non cambia. La loro ragione di esistere è il
CONDIZIONAMENTO MENTALE!
È strettamente correlato al CONTROLLO, il fatto che l'umanità si trovi pressoché obbligata a scegliere
tra alcuni prevalenti concetti di vita, e l'opzione coincida con Dio Creatore, dio Denaro e le regole della
jungla. Sinteticamente, questi sono i tre principali regimi con i quali il dominio dà corso al "processo di
utilizzazione" del prodotto umano. In realtà, anche se vi ho prospettato tre "canalizzazioni", jungla e
denaro si potrebbero incorporare in una sola. Senza tuttavia perderci in sottigliezze, se fossimo
gallinacei, ci condurrebbero con il becchime e un lungo bastone: con noi, sono usati soldi,
condizionamento prodotto e sostenuto dal tessuto societario e dogmi religiosi.
Il DIO SOLDO è perfetto per certi scopi; compie prodigi: è la bacchetta magica per ottenere la nostra
piena partecipazione alla creazione del nostro male, mantenendoci vincolati alle necessità dell'olimpo;
ci trasforma in produttori di disagio nei confronti di noi stessi e di altri, quando ne siamo schiavi. E
schiavi, lo siamo sempre … Il denaro sta a noi come la carota all'asino. Allontana pure ogni indizio sulle
cause reali del male, facendoci addossare ogni colpa di guaio terreno all'ingordigia di alcuni soggetti
particolarmente avidi. Insomma, ci mantiene nella fascia di utilizzo ma ciechi di fronte alla realtà.
In contrapposizione alla corrente jungla/denaro, c'è il percorso dei Credo. Anche su tale argomento ci
sarebbe da parlare a lungo e ancora non è il momento, tuttavia è importante che accenni a cosa cova
sotto la cenere: quel potere al quale in continuazione accenno, comprendendo che le FEDI sono un
perfetto mezzo di controllo delle masse, creò le religioni. Ad esempio, con riferimento (nel nostro
caso) alla BIBBIA, le ricerche molto circostanziate svolte da Mauro Biglino (vedi link) su quei testi, ne
mettono in luce una essenza esclusivamente storica ed estremamente mistificata. Tali ricerche
dimostrano inequivocabilmente che "qualcuno", mischiando verità a fandonie in un tutt’uno
indistinguibile, si è dato molto da fare per stravolgerne il significato, al fine di creare un meccanismo
atto a incatenare le menti umane.
So che prendendo posizione su questi argomenti si innescano reazioni, e alcuni penseranno che stia
farneticando. Chi si sente toccato però, non sorvoli, almeno, sulle parole dei Saggi:

Pagina 24 di 185

 “La Chiesa è stata una gigantesca muraglia cinese che ha impedito alla gente di entrare dentro
di se." - Osho.
 "Nel suo aspetto attuale, la religione è la negazione stessa della verità." - Krishnamurti.
 "Quanto più l'uomo è religioso, tanto più crede; quanto più crede, tanto meno sa; quanto meno
sa, tanto è più ignorante; quanto è più ignorante, tanto è più governabile." - John Most.
Successivamente, torni all'avvertimento dato in precedenza riguardo a un Meccanismo di Dominio che
protegge se stesso con la potenza dei preconcetti. Quindi, se è abbastanza giudizioso (e non vuole un
succedaneo di comodo della verità), faccia un bell'esamino delle proprie convinzioni e magari, lo
sforzo di leggersi gli studi sulla Bibbia di Biglino. Per abitudine è facile dissentire, senza però pensare
che non fosse come detto, non saremmo qui a credere che quella GIUSTA sia la religione abbracciata,
e le altre il frutto di distorsioni e cattive interpretazioni … Infine si chieda: com'è possibile che proprio
le chiese si siano spesso espresse in modo losco, abbiano sostenuto guerre sanguinose e persecuzioni?
Perché una delle più seguite religioni del mondo, nei suoi cavò nasconde segreti a occhi indiscreti? Che
razza di religione è quella che occulta cose scomode ai fedeli e nel contempo, si arroga il diritto di
operare in nome di DIO? O, perché il Vaticano ficca il naso nella politica e traffica nell'alta finanza? Lo
chiede Dio che S. Pietro e molte altre chiese siano uno show di ori e sfarzi, mentre c'è gente che non
ha da mangiare? Gesù ha forse mai parlato a favore della RELIGIONE? All'opposto, si è espresso
contro! Perché anche a quel tempo, le religioni reggevano gli interessi del dominio. Chi è credente
perché ha VERAMENTE buoni propositi e non è solo un invasato, rispondendo con tutta onestà, potrà
accorgersi che esiste uno spaventoso buco nero nel lindore d'intenti che la Chiesa proclama.
Purtroppo, finché l'uomo ragionerà guidato dai dogmi anziché dalle proprie riflessioni, non potrà
rendersi conto di non avere bisogno di culti, ma di sentirne il bisogno perché la connessione con la
propria anima, fonte di luce e collegamento con IL PRINCIPIO, gli è stata sbarrata. Non è affatto un
caso che il termine RELIGIONE derivi da res-ligo, ovvero “legiferare”, quindi “mettere sotto controllo”.
In questo gioco i cosiddetti testi sacri fanno da BUSSOLA ma se i Credo ne hanno tutti una propria
indicante un NORD diverso, a ottenere vantaggi è il DIVIDE ET IMPERA.
Per ottenere il gioco di prestigio basta non cambiare alcune verità innegabili. Va infatti osservato che
nessuna grande menzogna si potrebbe reggere in piedi se non fosse rinforzata con il sapiente innesto
di alcuni assunti inconfutabili. Questi, se sapientemente dosati - e il dominio è un maestro in questo riescono a far credere che tutta la montagna, anziché di cartapesta, sia fatta di solida RELIGIOSA
roccia. Il problema aggiunto, è che nessuno o quasi osa sollevare il sospetto di un inganno, se davanti è
posta la sacra intoccabilità di figure Divine e questo per noi si trasforma in un guaio, perché ci
impedisce di vedere le religioni per quello che sono: un meccanismo per innescare i nostri problemi
terreni; una rappresentazione e un aspetto della stessa Matrix.
Ad ogni modo, l’ipocrisia che per millenni abbiamo respirato dalle falsità erogate (nel nostro caso) dal
cattolicesimo, è ora elargita dal Sistema jungla, che rappresenta l’altro stadio della fregatura: chi
rifiuta di nuotare nell’acquitrino religioso e sotto il controllo dei moralismi e dei sensi di colpa, si
troverà comunque impigliato nelle maglie alternative delle regole della jungla e del profitto.
Diciamo che la pista del denaro si presenta molto più seducente ma per seguirla, bisogna essere
disposti a calpestare gli insegnamenti religiosi. In altre parole, con un sottile e perverso lavoro, il
dominio è riuscito e riesce a piegarci, sempre e comunque alle sue necessità, anche quando crediamo
di adoperarci per uno scopo inverso. Ha previsto ogni mossa. Per non consentirci di sfilare collo, polsi e
caviglie dai ferri, ciò che si apre a scenari rispettosi della nostra essenza, è mostrato fuori moda o
stupido, o è stato bandito, o reso irraggiungibile. Indipendentemente dal nostro pensiero, in modo
desolante, ci mette comunque al suo servizio, togliendo riferimenti veramente liberi e predisponendo
un ventaglio di alternative artificiose, sempre lì pronte ad accoglierci ma, per farci muovere in loop,
senza prospettive.
Gli ingenui identificano la causa dei mali in un capro espiatorio, perché non sanno che problemi e
soluzioni sono creati dalla stessa matrice. Non sanno che il dominio è un camaleonte. E' rosso e nel

Pagina 25 di 185

frattempo nero; è la fame che attanaglia i popoli poveri e gli aiuti umanitari; è il male che ruba le vite e
la chimica che lo cura; le atrocità e la Chiesa che le condanna; il terrorismo che mette le bombe e
l’esercito che lo stana …
Il nucleo del potere ci gioca come e quando vuole.
Infidamente e sottilmente ci orienta contro natura, per soffrire o produrre negatività e sofferenza,
anche quando ci prefiggiamo onestà e rettitudine. Poco importa se siamo credenti o atei, il dominio
ottiene comunque successo, agendo a ogni livello di condizionamento. In una rete o nelle altre, o in
tutt'e quante, cadiamo senza scampo.
Ogni atto del vivere, è parte di un gioco che serve a guastare la società per far vincere gli insensibili, gli
ipocriti, i meschini, i gretti, i disumani o gli invasati ...
Chi ne risente di più di questo schifo? Proprio i più sensibili e vulnerabili e non sono pochi quelli che
cadono spossati e si ammalano di depressione. Un flusso di regole sottilmente e velenosamente
disumane, come può non influire sulla vita affettiva e intima della gente? Intacca ogni più piccolo lato
della nostra sfera vitale, senza nulla tralasciare. La jungla sfrutta alla perfezione, anche la porzione di
popolo privo di energie per difendere se stesso. La cura di psichiatra e psicologo, sono la prima cosa
proposta a una persona che soffre del "mal di vivere". Per qualcuno le cure funzionano, se accetta il
lavaggio del cervello e riesce a riadattarsi alla demenzialità della jungla. Per molti invece, alimentano
una lotta persa in partenza. Questo, perché i medici dovrebbero mettere mano al vero problema, che
è il congegno societario; dovrebbero adattarlo a quell’essere umano in debito di dignità e libero
arbitrio, ma si sono formati in seno al programma del controllo mentale del potere, che crea ruote per
il proprio congegno. Sono essi stessi malati: curano il sintomo e non la causa, "aggiustano" le persone
per piegarle all'infernale meccanismo …
Naturalmente, esistono vari gradi di disagio e diffusissima è l’insoddisfazione esistenziale. Non è
forzatamente sinonimo di depressione, e quando ne siamo toccati, cerchiamo di superarla in vari
modi. Spesso crediamo di trovare soluzione alle nostre debolezze e traballanti equilibri, mettendoci
nelle mani di chi ha “imparato la vita”. Non sappiamo d'essere circondati, che su di noi si sta
compiendo un lavoro a 360 gradi, che il mondo ci mette a disposizione tutto ciò che serve per
prenderci nella rete. Elargisce pure molti “maestri” che sembrano poterci svelare i segreti di libertà,
realizzazione e felicità. Ma quando per erudire sulla vita e raccontare che deve essere permeata di
gioia, ci presentano un conto in moneta, in dogmi che incidono sull’individuale libertà, o ci tengono
nascosta la verità più scomoda e torbida (non dicono chiaramente che siamo in una Matrix, chi la
manovra, com'è strutturata e come uscirne), e ci girano attorno, ci stanno vivacemente
inchiappettando. In realtà, la stragrande maggioranza delle strutture che insegnano a vivere,
elargendo sorrisi e toccanti parole, fanno gli interessi della Matrix; hanno il compito di ammaestrarci
sui mille modi diversi per sguazzare nell’acqua che ormai ci sta togliendo forze e pelando la pelle, o a
correre più velocemente sulla ruota del criceto, o a ronzare con ritmo più allegro contro un vetro … Chi
incappa in queste reti si convincerà d'essersi nutrito di verità, ritrovandosi a vivere nel grande limbo
dell'illusione.

Capitolo 6
IL GORGO
Immaginate l'umanità all'interno di una figura piramidale, dove alla sommità o vicino a essa troviamo
chi nuota nell’oro. Tra il culmine e la parte bassa, un ampio ventaglio di valori ma a mano a mano che
ci si avvicina alla base, più si risente di effetti negativi e della fatica del vivere, si è sempre più
allontanati da gratificazioni materiali e pure dall’indispensabile, si amplificano povertà e umiliazioni.
Pochi stanno in alto mentre scendendo, il gruppo s'infoltisce. Sul fondo i più miseri, i più disperati, sui
quali la moltitudine sovrastante produce un incurante calpestio. Tra i due estremi la disuguaglianza è
stratosferica. Nessuno si chiede il perché, eppure il motivo è rivelatore: se tutti avessimo
l'indispensabile per vivere serenamente e appartenessimo a un solo ceto sociale, non s'innescherebbe

Pagina 26 di 185

nessuna corsa per il raggiungimento di qualcosa che può farci stare meglio. Perché, nessuno aspira a
ricoprire il posto più infimo della scala sociale, a essere considerato una nullità e appartenere al gregge
dei falliti, per questo, ognuno si mette in movimento per agguantare il meglio che può.
Il Dominio è una volpe … per orientarci in modo incisivo, ci fa urtare violentemente contro lo spigolo
acuminato dei simboli del benessere, mostrandoceli contrapposti alla povertà. Il tutto è
quotidianamente proposto alla nostra attenzione attraverso TV e carta patinata, o mediante
l'apparato scenico del mondo circostante, nel quale possiamo osservare gente dall’aspetto arrivato,
che viaggia in macchine di lusso e gente misera; palazzi d’epoca e ville lussuose con piscina che si
contrappongono ad abitazioni povere; negozi di lusso, in antitesi ad altri che si mostrano desolanti.
Tutti i santi giorni ci scontriamo con questi messaggi subliminali, con quello che il mondo ci mostra
desiderabile, come simbolo di successo, per rammentarci che se non vogliamo vivere da tapini,
dobbiamo sgambettare … far soldi.
Fatti due rapidi conti, più facilmente decidiamo di dannarci l’anima per rincorrere i massimi risultati
secondo suggerimento, ignari che la piramide sociale sia stata congegnata dal DOMINATORE per
mantenerci nel gorgo, condannati a vivere come topi, incastrati nel lungo percorso, organizzato in
modo da alimentare il bacino di sofferenza di cui la Mente Fallace vuole godere.
Se per l'ottenimento di questo risultato il dispositivo della disuguaglianza è di grande efficacia, è pure
implicito che qualcuno debba CONCRETAMENTE adoperarsi, per attizzare l'incessante sofferenza.
A prestarsi al "giochino", sono tirapiedi del vero potere; individui che noi identifichiamo come
"arrivati", di "successo", in posizione "dominante". Sono quindi presidenti delle Nazioni, uomini
dell'alta politica, dell'alta finanza, banchieri, ricchi … Questi personaggi, si sottomettono per
convenienza, ma più in particolare aderiscono con voto alle regole della Mente Fallace e Menzognera,
quindi di questo mondo, e in cambio del proprio servizio di supporto alla "grande causa", ottengono
soldi, fama, prestigio.
Infatti, non è il DOMINIO a occuparsi di produrre materialmente lo scenario che vi sto illustrando,
poiché in primis ha bisogno di rimanere nell'ombra, mentre parte del massimo organico, non può
mostrarsi impegnato in attività svolte per truffarci o troppo ambigue, pena il crollo del castello.
L'incarico pertanto è delegato a quei galoppini che si vendono per quattro sporchi soldi.
E' anche per questo che i film ci mostrano ricchi che combattono il crimine (Batman - Arrow), o
regnanti buoni che amano il loro popolo. Il cinema è uno dei tanti strumenti adibiti alla terapia del
condizionamento mentale, perché di fatto i ricchi e coloro che siedono su scranni di prestigio,
ESSENDO MOTORE DELLA CRIMINALITÀ, se la combattessero, distruggerebbero se stessi.
Per cominciare a mitigare eventuali dubbi, vi suggerisco di prestare attenzione a un dettaglio: ciò che
mettono in mostra gli "arrivati" (ville miliardarie, gioielli, auto prestigiose, abiti d'alta moda), poiché
hanno il peso della prepotenza e di volgari insulti rivolti a quanti vivono in povertà e nell'umiliazione,
sono perfetto esempio della loro morale. Ci dicono che non ne hanno. E come potrebbero averne,
visto che lavorano per il Dominio, o se inconsapevoli di certe dinamiche più oscure, comunque ne
applicano gli schemi? Ma noi pensiamo che sia molto più dignitoso essere facoltosi quando, per
raggiungere soldi e potere, le prime cose che si perdono sono anima e dignità.
Il risultato è davvero straordinario: la gragnola d'insulti, invece di farci aprire gli occhi, c'induce a
rincorrere i simboli che connotano le persone VINCENTI. Ci diamo da fare secondo le regole della
jungla, che ci istigano subdolamente alla nostra personale guerra; per la sopravvivenza, o per
soddisfare l'EGO e dimostrare di essere "migliori" o degli “arrivati”. Se poi è il cuore a metterci in
gioco, la società ci bolla come SCEMI, per farci capire che tutto, invece, va fatto per interesse
materiale.
Non si è certo sviluppato per volontà del popolo, un mondo che ha l’aspetto di una vorticosa giostra
medievale, nella quale si calano in lotta miriadi di cavalieri, per dominare e vincere il guasto frutto di
ogni categoria. Alla battaglia siamo instradati fin dalla scuola. Il voto è parte del programma di
condizionamento e i gradi di RENDIMENTO (vocabolo che ci equipara a un automa), hanno il compito
di mantenerci in un percorso "ideale". Il programma di studi, ci mette nelle condizioni di diventare

Pagina 27 di 185

CAVALIERI, abili a giostrare con la dialettica, l’intelletto, l’astuzia, con le armi, la prestanza fisica, la
cultura (?), le menzogne. E in continuo la società ci ammonisce: “Sii più incisivo; accelera il passo; non
rimanere indietro; mettici impegno; lotta senza risparmio; scavalca gli altri; piuttosto che essere
calpestato, calpesta; tira fuori unghie e denti; se non vinci non sei nessuno …”. Chi meglio apprende la
lezione meglio si integra nel demenziale mondo della competizione, e meglio serve il potere,
acquisendo una forma mentis da Ninja. Ma è cosa che impone d'indurire il cuore, altrimenti ci si
ammala.
Paradossalmente, assecondare il nostro mondo è più facile che combatterlo. Basta non opporsi e
seguire l’onda, basta adeguarsi alle leggi del profitto, del più forte e scaltro, del più ricco e potente, del
più abile a farla franca, delle multinazionali, delle banche, dello stato, della politica, del nepotismo,
della concorrenza. In fondo, per adeguarsi, è sufficiente soffocare i migliori lati umani, esprimersi
nell’ipocrisia, nella meschinità, nell'insensibilità, nella spietatezza. E' un percorso degenerante al quale,
proprio il Sistema di Dominio ci orienta, premiando con il denaro e il "prestigio". Ci impongono con le
leggi d’essere onesti e rispettosi delle regole ma subiamo la possente forza d’urto della jungla, che ci
indica strade traverse. Prima, e ancor più che dai furfanti, siamo maltrattati dal sistema societario;
presi a schiaffi e sputi da ciò che abilmente, finge la tutela della correttezza.
Certo, anche se esageriamo con la disattenzione verso l'etica, rischiamo di pagare conseguenze
perché, PER INGANNARCI CON EFFICACIA, IL MECCANISMO DEVE NASCONDERSI DIETRO UNA
PARVENZA D'INTEGRITÀ MORALE.
Ci troviamo pertanto tra due fuochi, ma troppe cose ci dicono che se non diventiamo facce di merda,
paghiamo di più; che è meglio essere meschini ma con le tasche piene di soldi.
In questa lotta perfettamente orchestrata, il rispetto verso il prossimo può solo uscirne malconcio. E'
difficile non calpestarlo quando la realtà delle cose, ci dice che a tenerlo in considerazione si rischia di
stringere la cintola, o di non conquistare le gratificazioni che il mondo ci sbatte in faccia come meta da
raggiungere. Per risultato, le regole di correttezza e onestà assumono il valore di favole per imbecilli,
sostenute dall’idealismo di qualche sprovveduto.
Ovviamente, gravitare in alto non è facile e non è da tutti, poiché la concorrenza è tanta e agguerrita a
ogni livello. A questa lotta pertanto ci prepariamo con tutti gli attributi.
D'altronde, a questo il Sistema ci incoraggia con tutti i suoi mezzi; proprio Milena Gabanelli (da Report
del 15 aprile 2012), ci ha stimolati a mettere in atto il “Meccanismo virtuoso della concorrenza reale, e
a far vivere il connubio armonioso tra etica e competizione", come panacea al disastro economico. E
qualcuno avrà pure creduto a quella "perla" di condizionamento mentale, quando sono tutt'altro che
virtuosi meccanismi che riportano dritti a capitalistiche regole, peraltro, già dimostratesi fallimentari.
La concorrenza infatti, conduce ad alimentare i nostri problemi. E' una neurotossina, creata per dar
vita a una profonda e lacerante metamorfosi della nostra personalità; per farci investire energie che si
basano sulla forza dei nostri lati più negativi. E' uno strumento architettato per mangiarsi i valori
umani e l'etica; per renderci la vita, da umana, a disumana; per innescare la cosiddetta "selezione
naturale", che già di per se stessa è un'autentica bestialità.
La Gabanelli non ci dice certo che la concorrenza, è gestita come in una grande Casa da Gioco, dove i
perdenti sono l'assoluta maggioranza; rari sono i vincitori apparenti, e a vincere sicuramente e sempre,
sono i detentori della bisca. Non ci dice che pensando ai nostri piccoli interessi, combatteremo
un'estenuante guerra per divorarci l'un l'altro; che poiché la propria vittoria va guadagnata sulla pelle
altrui, è implicita la sconfitta di altri. Non ci dice, che quel meccanismo è ideale per ottenere ciò che
necessita al Dominio: un'umanità in corsa verso la catastrofe.
Come disse Einstein: "Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi". Perché allora,
non chiedersi cosa potrebbe accadere se cambiassimo visuale e direzione? Se rifiutassimo di
impegnare forze per scavalcare gli altri e lottare, e diventassimo altruisti e cooperassimo? Imboccando
quella strada si arriverebbe a creare un mondo meno soggetto a privilegi che, adesso, per il principio di
“causa ed effetto”, producono la schiavitù di tanti altri.

Pagina 28 di 185

Sarà difficile? Si ma non è certo impossibile. E comunque non abbiamo scelta. Dobbiamo invertire la
mentalità retrograda e animalesca che ci è stata instillata e, la programmazione, attuata attraverso il
congegno dell' "educazione" …
Da alcuni esperimenti eseguiti in una scuola superiore svizzera, infatti, è emerso che a non essere
obbligati a conseguire risultati a tutti i costi, gli studenti cominciano ad aiutare chi ha difficoltà. Si
sviluppa l’altruismo!!! Accidenti che novità! Ma a quanto pare è necessario condurre degli esperimenti
per rendersene conto.
Pensate a quale risultato incredibile si perverrebbe se la scuola ci insegnasse l’aiuto reciproco, anziché
le leggi della jungla, se anziché dare voti e giudicare, e fare differenza in conformità di un
RENDIMENTO, ci insegnasse la solidarietà, la fratellanza, l'altruismo. E anche, che la felicità deriva dal
vivere e fare le cose con amore, e non dal prestigio e dall'accumulo di beni.
Allora, se vorremo innanzitutto differenziarci dalle bestie, e creare una CIVILTA' EVOLUTA, dovremo
impegnarci in un mutamento radicale di mentalità: concepire la Terra come luogo di passaggio, sul
quale costruire una felice convivenza per tutti anziché per alcuni; adoperarci per un AUTENTICO bene
collettivo, e non certo per affermare l’EGO, una bandiera o meccanismi di mercato. Dovremo
rimuovere la vecchia concezione della vita, se non vorremo rimanere scimmie assatanate illuse
d'essere progredite, perché quattro canaglie ci permettono di sfregare l'I-Phon …

Capitolo 7
CORTINA FUMOGENA
Veniamo per un momento, a quell'essere che come citato da Giordano Bruno, ci "RENDE E TIENE
SCHIAVI". L'identità di quella "MENTE FALLACE E MENZOGNERA", ce la fornirono molto chiaramente
illustri personaggi del passato. San Giovanni (5: 19) ci disse: “TUTTO IL MONDO GIACE SOTTO IL
POTERE DEL MALIGNO”. Ma pure Gesù Cristo (dal passo Giovanni 12: 31) cercò di far entrare nella
testa delle masse, quel dettaglio che sembra essere così sfuggente: “SATANA È IL GOVERNATORE DI
QUESTO MONDO”.
Visto come vanno le cose sul nostro pianeta, è tanto assurdo? Se no, vogliamo comprendere un po'
meglio come si è organizzato IL PIÙ ASTUTO DEGLI INGANNATORI (come è stato definito da molti altri
saggi oltre che da quelli citati), per tenere in pugno il genere umano? Partiamo dal basso, dal
"SECONDO GRUPPO", quindi da quello che Nicholas Murray Butler disse "VEGLIARE ALL'ESECUZIONE
DEGLI EVENTI". Tra essi troviamo i cosiddetti personaggi importanti che calcano il palcoscenico del
nostro bistrattato pianeta. Si tratta di un folto e molto eterogeneo gruppo d'individui, che
comunemente definiamo ARRIVATI, RICCHI, POTENTI, o che siedono su poltrone di "responsabilità", e
in un modo o nell'altro INFLUISCONO sulla vita di tutti noi. Troviamo capi di governo delle varie
Nazioni, ministri, politicanti di spicco, grandi imprenditori, amministratori delegati di grossi gruppi
industriali, banchieri e direttori di società bancarie, ecc. ecc. Ma anche giudici, alti graduati militari, di
corpi di Polizia e Finanza, dei Carabinieri, presidenti di regione, sindaci.
Faccio di tutta quell'erba un sol fascio perché in ogni caso, anche se alcuni sembrano svettare, poiché
fanno parte delle famiglie più opulente e influenti della Terra, appartengono pur sempre al "GRUPPO"
che "VEGLIA ALL'ESECUZIONE DEGLI EVENTI E ASSISTE AL LORO COMPIMENTO".
È infatti importante comprendere che tutti quegli individui, oltre a trovarsi accomunati da ruoli di
prestigio più o meno grande, mettono in mostra un altro e particolare elemento di legame: gravitano
nell'orbita di svariate ASSOCIAZIONI MASSONICHE. Non pochi sono affiliati a Logge celate alle luci dei
riflettori, o ad altre apparentemente innocue ma non per questo meno attive e importanti. Tra le fila
delle congreghe, si possono trovare i cosiddetti "ILLUMINATI", quindi, quelli all'apice della massoneria
ma che tuttavia, ancora non appartengono al "primo gruppo" e per questo, non siedono sulle poltrone
della vera dirigenza.
Da un esame superficiale, quegli elementi del "secondo gruppo" a noi visibili, appaiono disgiunti,
assetati di potere, gloria e soldi, ognuno impegnato a imporsi sugli altri per puro lucro, o per far valere

Pagina 29 di 185

gli interessi della propria Nazione, corpo, società. Alcuni si fanno guerra economica o persino con le
armi, ma non ci si faccia incantare: quei personaggi in vetrina sono pupazzi, galoppini, manovrati da un
potere che sta ben sopra … Quello che è "più grande del Re stesso". Il loro mestiere è mettere in
mostra un MOVENTE, così da produrre una cortina fumogena, utile a impedirci d'afferrare che dietro a
tanti colori, in realtà, c'è un solo partito che li manovra sincronicamente. Si tratta insomma, di PEDINE
nelle mani del "primo gruppo" … quello che dirige, e ha lo scopo di assicurare il REGNO della "MENTE
FALLACE E MENZOGNERA".
Risulta evidente che di quel folto "secondo gruppo", fanno parte pedine dei più svariati calibri. Quelle
di più piccola grandezza, non è affatto raro che siano poco consapevoli di certi reconditi meccanismi: a
volte obbediscono per tornaconto personale, per ingrassare l'Ego, per mancanza di dignità e di anima,
e non meno, per suggestione ipnotica. Ne consegue un fatto: non è raro che il Sistema, metta in atto
l'inganno nei confronti di alcuni dei suoi pupazzi, che per questo, subiscono conseguenze estreme. Tra
questi, si annoverano i nomi di Hitler, Mussolini, Saddam Hussein …
Bisogna tenere a mente una cosa: "INGANNARE PER REGNARE" è lo slogan guida dello staff
dirigenziale, poiché attraverso le apparenti illogicità e incongruenze, si amplificano i vantaggi per chi
raccoglie i frutti. Si disorienta l'opinione pubblica, ed è resa meno afferrabile la realtà di questo
mondo. D'altronde, cosa ci ricordò Nicholas Murray Butler? La popolazione è quella "vasta
maggioranza che giammai saprà ciò che in realtà è accaduto" … Un vantaggio non da poco …
Ne risulta, che un sacco di cose rimangano oscure per le masse ma in particolare, che il SISTEMA DI
CONTROLLO SULL'UMANITÀ, passi dalle MASSONERIE, e che queste, A PRESCINDERE DAL NOME DI
FACCIATA, SIANO NIENT'ALTRO CHE D'ILLUMINAZIONE SATANISTA. CHI ADERISCE È
FANATICAMENTE VOTATO ALLA “CAUSA” DEL DOMINIO E CHI NO (l'inconsapevole che fa eccezione,
al fine di produrre cortina fumogena), E' IN OGNI CASO SOTTOMESSO, PERCHÉ A FAR APRTE DI QUEL
GRUPPO, ARRIVA SOLO CHI E' FUNZIONALE PER GLI SCOPI DI UNA DIRIGENZA, DI QUELLA TOTALE E
INCONDIZIONATA VOCAZIONE!!!
Sostanzialmente quella schiera, è impegnata a mettere in pratica tutto ciò che serve a produrre linfa
vitale per la grande APE REGINA (il GOVERNATORE, la MENTE FALLACE E MENZOGNERA); è impegnata
a sorvegliare che il mondo, sia modellato per sua massima soddisfazione. La gente dunque, rimane
ignara che gravitare a quei piani del potere, significa COMUNQUE, ESSERE PARTECIPI DI QUEL
PROGETTO CHE HA PIANIFICATO LA SOFFERENZA UMANA, LA DISTRUZIONE DELLA NOSTRA ANIMA.
Dobbiamo quindi mettere ben a fuoco, che il complessivo del "secondo gruppo", quelli dell'ELITE con
tutta quella variegata schiera di altri scagnozzi, è incastonato in un meccanismo che in cambio di
guadagni faraonici, brandelli di potere, regalini per l'Ego, illusioni, o tutto assieme, impone di
prevaricare sui deboli e agire per il male. Va compreso a fondo, che lo specifico mestiere di quella
feccia è rendere la vita peggiore (contempla pure il renderla disumana e atroce) all'umanità, ed è per
quel servizio che ottiene tutti i privilegi di cui gode. Va compreso, che grazie all'alta abilità
illusionistica, quella masnada è impegnata a riversare disprezzo e ogni genere di MALE (ma con abilità
da mago, nobile classe ed elegante discrezione) sull’intero pianeta, mentre i popoli, rimangono
occupati a raccogliere tutti i "benefici" di quel disegno …
Relativamente alla fascia più benestante, si capisce che quella cooperativa sia costituita da farabutti
della peggior specie, dal becero insulto che rivolge a chi non ha nulla e vive di stenti. Tanto per capirci
e dare qualche riferimento, Krupp, Rothschild, Rockefeller, Frescobaldi, Ferrero, Agnelli, Warburg,
Israel Moses Seifs (non si riesce a capire se è il nome vero), Astor, Lehman, Kahn, Morgan, Dreyfus,
Loeb, Sachs, Tyssen, Montefiore, Lazard, Goldman, Schiff, Kuhn, Regina Elisabetta, Borovoi e vari
sceicchi, possiedono somme semplicemente smisurate, mentre i Governanti delle Nazioni più potenti,
dispongono comunque di enormi mezzi. Poiché al di là delle apparenze sono già coalizzati (quegli
elementi, oltre a essere TUTTI SOTTO A UN SOLO DOMINIO E SOTTO GIURAMENTO, sono pure, in
maggior parte CONSANGUINEI), potrebbero mettere facilmente insieme abbastanza denaro per
lastricare la Terra d’oro o, porre fine ai malanni dell'intero pianeta nel volgere di un mese. Invece, non
solo lasciano morire di fame, malattie e guerre, milioni di esseri umani ogni anno, senza avere per essi

Pagina 30 di 185

il più misero pensiero e rimorso ma VEGLIANO SULLA REALIZZAZIONE DEI PROBLEMI che stanno
distruggendo il mondo.
È quel daffare la fonte dei loro guadagni.
Non è mica casuale che esista una fascia di gente così benestante, da possedere (secondo proiezione
ufficiale per il 2016 di Oxfam) il 99 % delle risorse terrestri, pur costituendo l' 1 % della popolazione
mondiale, e campi succhiando le energie al 99 % di umani intenti a scannarsi, per il restante 1 % delle
risorse …
CERTI SERVIGI SONO MOLTO BEN REMUNERATI!
Alcuni tuttavia penseranno che "NOO, fanno anche beneficienza!" ma questo lo dicono i portavoce
degli interessati … che per ottenere quel ruolo devono aver acquisito la qualifica di GRAN MENTITORE.
E anche fosse, i soldi devono forzatamente passare attraverso banche gestite da altri pupazzi dello
stesso giro. E dunque, quanti ne arrivano a destinazione? E pure, chi è a capo (anello della catena)
delle associazioni che ricevono le elargizioni? E poi, come vengono utilizzate? E' infatti dimostrato che i
proventi di donazioni, alla fine si assottigliano, quando va bene, a un 20 % del totale iniziale e vengono
pure spesi male …
Ovviamente, la negatività si esprime in mille modi diversi e non forzatamente corrisponde a ladrocini o
atti di ferocia. Spesso, questi malevoli si dedicano alla diffusione di valori fasulli basati sull'arrivismo,
l'ego, l'apparire, il consumismo … come (un esempio tra mille) Lapo Elkann.
Lassù sanno bene che l'immagine è determinante e sono tutti ben addestrati ad esporsi alle platee,
indossando la maschera della convenienza, sfoggiando sorrisi e distribuendo parole che toccano il
cuore, mostrandosi persone "per bene e amabili"; come Napolitano. Forse che i malfattori si palesano
a tutti per quello che sono? Se non agissero così, come farebbe il loro bel gioco di prestigio a rimanere
celato?
E' facile farsi ingannare … sono teatranti davvero bravi (ne parlo più diffusamente nel capitolo 11
"PIOGGIA ACIDA"), al punto di essere accolti con ammirazione e diventare riferimento per la massa o,
con particolare allusione ai politici, al punto di essere sostenuti dal popolo, quindi, da chi paga il conto
salato del tradimento programmato.
Di fatto, l’aridità d’animo è inscindibile dal potere e dal benessere elevati e senza mezzi termini, più ci
si avvicina alla sommità, più quei soggetti si fanno ripugnanti. E' il Dominio ad avere perfettamente in
mano la situazione e nessuno raggiunge ruoli di rilievo se non si presta ai suoi scopi, quindi, anche a
livelli intermedi, pensare ci sia tra quella gente qualche brava personcina, non è differente dal credere
alla Fata Turchina.
Quei banditi, non svolgono esclusivamente compiti di facciata, hanno pure mansioni di una certa
"responsabilità": amministrano pur sempre quanto è strategico per la "gestione del "pollaio". Anche se
ubbidienti subalterni, li troviamo sui ponti di comando dell’alta finanza e dell'economia mondiale, alla
direzione degli eserciti, alla guida degli orientamenti del mercato internazionale e delle strategie
industriali, come al controllo della scienza, della produzione di cibo e medicinali. Pertanto influiscono
su ricchezza e povertà dei popoli, determinano la salute della gente, hanno parte attiva sulla
fisionomia della Terra con la produzione delle guerre e degli sconvolgimenti ambientali (vedi scie
chimiche). Controllano i cittadini con le leggi; condizionano anche le correnti di pensiero e le culture, la
musica e le mode. Ovviamente, anche la politica è parte intrinseca e inscindibile del grande teatro.
Non è facile scardinare un siffatto congegno basato sulle gerarchie, dal momento che essendo avviato
da tempo immemore, vive di vita propria, producendo un capillare e automatico controllo della
società. Osserviamo infatti, i piccoli poteri che si piegano ai grandi poteri; e per sopravvivere, la piccola
industria che si piega alla grossa industria; i piccoli politici ai grossi politici; i piccoli malviventi alle
grosse organizzazioni delinquenziali. Ed è così, perché anche chi semplicemente vuole seguitare a
riempire la pancia, accetta volontà superiori.
Se però la maggioranza si piega in automatico, il Potere ha anche dei nemici: sono i sovversivi, ora
meglio conosciuti con il nome di COMPLOTTISTI … Ma sa come combatterli. Dispone dei media, della
rete internet, della malavita e, pure delle polizie: TUTTI ANELLI DELLA STESSA CATENA.

Pagina 31 di 185

Se vi serve qualche nome degli "infami ribelli", posso ricordarvi Fabrizio De Andrè: pagò insieme alla
compagna Dori Ghezzi con quel rapimento del tutto anomalo, che fu in realtà una punizione del
Sistema per i suoi testi (vedi canzone Nella mia ora di libertà) contro il potere. Morì invece Pier Paolo
Pasolini che perseverò nel voler mostrare le magagne dell'Italia. E morì pure Osho Rajneesh,
avvelenato, perché irriducibile nella sua opera di consapevolizzazione. Ma i morti tra coloro che hanno
voluto perseguire correttezza e verità, nemmeno si contano.
Spesso invece, l'eliminazione fisica del "sovversivo" risulta controproducente: crea il mito, o rende
comprensibili le intenzioni del Dominio; lo identifica. Più vantaggioso in tal caso infangarne il nome. È
allora facile che sia arrestato con l'accusa di essere un pericoloso pedofilo, di detenere nel proprio PC
del materiale pedopornografico, o venga accusato di spacciare e usare droga, o sia messo a pane e
acqua con qualche altra accusa volta a girargli contro l'opinione pubblica. È pure facile si trovi avviato
al TSO (trattamento sanitario obbligatorio) perché FARNETICANTE …
Sorte sfavorevole però, tocca anche a personaggi che essendo parte del congegno di potere (magari
non hanno ben afferrato il loro ruolo), ad un tratto si fanno scomodi. A quel punto vengono "avvisati",
come accadde a Piero Marrazzo, il quale era deciso a far passare la legge sul REDDITO DI
CITTADINANZA, proprio quand'era stato avviato il piano di riduzione in miseria della popolazione.
Infatti, poco tempo dopo aver espresso le sue intenzioni pubblicamente, fu castigato e affondato come
tutti sanno. Ovviamente, le prospettive per chi insiste con le proprie azioni senza "rispettare una certa
linea di condotta", sono estreme. Enrico Mattei esplose in volo col suo aereo. Andò bene al Dominio
finché si adoperò per compiere trivellazioni in ogni dove, ma venne "terminato" quando insistette nel
gestire il mercato del greggio tra Italia e Paesi produttori, senza "farsi consigliare" dalle (allora) 5
sorelle.
Altri morti ammazzati (solo qualche nome di una lista infinita), un po' troppo "sbilanciati" verso la
correttezza, furono Aldo Moro, Mauro De Mauro, il generale Dalla Chiesa, Falcone e Borsellino, Boris
Giuliano, Ilaria Alpi, o Mino Pecorelli. Non furono certo vittima di situazioni senza nesso tra esse, come
ci hanno fatto credere. Ognuno di quei personaggi, costituì una minaccia per il dominio. Inoltre, la loro
morte servì a far capire a chi aveva "orecchie per intendere", che al Sistema non si devono voltare le
spalle …
Di certo quei personaggi non compresero che tolte poche eccezioni utili a destabilizzare pericolose
riflessioni, i direttori dei media, i generali dell'Arma, i Boss mafiosi, i Giudici, e chi da una finestra
invoca l'amore fraterno, hanno stretti legami con le congreghe MASSONICHE e formano la catena che
li ha voluti morti.
Se ciò ancora vi sembra troppo surreale per essere credibile, dovete ringraziare il lavoro svolto da
ingranaggi della stessa macchina, da elementi come John Swinton, Edward Bernays e quindi mille altri
maestri della manipolazione mentale venduti alla causa del dominio, che alle redini di politica, TV e
stampa suscitano ragionamenti prestabiliti, per giostrarvi come un branco di scimmie ammaestrate.

Capitolo 8
ORDO AB CHAO
La guglia del dominio ha diversi modi di rappresentarsi; uno di questi è un occhio racchiuso in un
triangolo. Tale "sigillo", è ben visibile in molti luoghi di culto ma più banalmente, lo possiamo
osservare sulla banconota USA da 1 dollaro, dove campeggia sopra a una piramide. Quell'occhio e
l'angolo alto del triangolo, sono riferiti al
GOVERNATORE di questa Terra, mentre gli altri
due angoli fanno riferimento al "FIGLIO" E
ALL'ORGANICO AMMINISTRATIVO.
I vari dettagli della banconota (li spiego al
Capitolo 15, "SIMBOLI DI POTERE"), ci stanno
pure dicendo che quella nazione, ora considerata

Pagina 32 di 185

la più potente del globo, è solo il prodotto di un effetto cinematografico. La patria dei Cow Boys recita
il suo bel ruolo da superpotenza militare, come la Germania da super organizzata, come il Giappone da
supertecnologica, come l’Italia da superscalcagnata. Nessuna è padrona di se stessa. Tutte sono parte
di una grande rappresentazione di burattini che si agitano sotto la perfetta regia di occhio e triangolo.
Sembra incredibile e solo un pazzo potrebbe concepire che Svizzera ed Etiopia - per esempio - siano il
prodotto di una sola DIREZIONE che giostra tutte le recite del teatro Terra, che sia quell’occhio e il suo
triangolo a decidere come e quanto essere "civili", chi deve vivere sull’orlo del baratro e morire di
stenti, chi sguazzare nell’oro. Così è ma ci risulta difficile concepire l’enormità dell'intrigo, perché
cadiamo in mille errori di valutazione. Ci infervoriamo per i giochi dell’economia o della politica,
seguiamo i litigi e ne ricaviamo l'impressione che ogni nazione risponda a nessun’altra che a se stessa.
Invece, NON SI MUOVE FOGLIA CHE L'OCCHIO NON VOGLIA e la principale bravura dei suoi tirapiedi, è
non farcelo capire. Un grosso impegno quindi, lo pongono nel mettere in atto tutto ciò che ha il potere
di disorientare, frastornare, destabilizzare i nostri equilibri, e mantenerci in una gabbia di debolezze,
paure e bisogni. Non è per nulla casuale che l'essere umano si trovi impegnato in una corsa per
raggiungere una meta che si trasferisce continuamente, vincolato a un vano sforzo di adattamento.
Non è casuale che per questa società non si sia mai perfetti. Ciò si integra nelle strategie per impedirci
di riflettere su cose importanti. Ogni cosa serve a toglierci riferimenti fondati, in modo da mantenerci
inconsapevoli di cosa pende sulle nostre teste, in modo da poterci erodere ogni volta qualcosa, a
vantaggio della CLASSE privilegiata.
Lassù dunque, molte energie le spendono per rendere caotica la nostra esistenza; per sottoporci a un
continuo e incessante oscillare e fluttuare tra situazioni positive e negative; per creare ampie
difformità tra ricchezza e povertà, potere e debolezza; per generare un continuo e rapido evolvere
della realtà percepita e del mondo circostante. A loro riesce molto bene rendere inavvertibile
l'inganno, poiché sono parte di una organizzazione che agisce in perfetto accordo (nel vincolo del
giuramento massonico) sotto una SUPERVISIONE capillarmente presente sul pianeta. Riescono a
intortarci, muovendo tutta l'organizzazione e rendendoci partecipi del gioco d'illusionismo come
vittime designate.
Rientrano tra i loro trucchi e strategie di potere, anche le conquiste popolari … Si è assistito a uno di
quegli espedienti negli anni 70, quando nacquero i movimenti femministi. Che si trattò di una inganno
per creare ulteriori danni societari (link: "Femminismo creato dagli Illuminati"), ce lo disse anche Aaron
Russo (link), un produttore cinematografico americano che si destreggiava nella politica, conoscente di
Nicholas Rockefeller. Al giornalista Alex Jones, durante un'intervista del 29 gennaio 2007, Russo
raccontò che Nick Rockefeller gli diede dell'idiota perché credeva l'emancipazione femminile una
conquista. Ridendo gli disse: "Il femminismo l'ho finanziato io per due motivi principali: perché prima
potevamo tassare solo metà popolazione e con l'emancipazione molta di più … Ma anche per mandare
a scuola i bambini a un'età più precoce, indottrinarli nel modo di pensare, per distruggere le famiglie".
Come già detto ma ribadisco, il gioco del VERO POTERE, è quello di controllare sia il problema sia la
soluzione. Gli atti terroristici sono pertanto sotto la LORO gestione: servono a dar vita a quello schema
conosciuto come "problema-reazione-soluzione". Utilizzano la PAURA come strumento di
destabilizzazione e dunque di controllo delle masse. Creano pertanto il macello, al quale fanno seguire
gli immancabili massicci interventi a garanzia di SICUREZZA, DEMOCRAZIA E LIBERTA'. Si fanno quindi
promotori di una reazione che, oltre a farli apparire salvatori della situazione, servirà una perfetta
fregatura, ottenendo di far accettare alle popolazioni compromessi altrimenti intollerabili.
Ovviamente, anche la confusione è un'arma strategica imprescindibile. Bombardando il cittadino con
verità che contengono falsità e falsità che contengono verità, ottengono di farlo cadere in uno stato di
disorientamento catalettico (come spiegato dal Dr. William Sargant del Tavistock Institute). O si lascerà
accalappiare dal primo che gli racconta quello che desidera sentirsi dire (lo vediamo con politici o
Testimoni di Jeova), o, non crederà più a nulla e quindi, NEMMENO ALLA VERITÀ; diventerà
indifferente a tutto, con uguale vantaggio per il potere.

Pagina 33 di 185

Le tecniche per raggirarci sono tante e il Potere ha a disposizione migliaia di soluzioni diverse, tutte
efficaci e invisibili, perché sfruttano quelle falle della mente umana che loro conoscono nei minimi
dettagli e sulle quali, hanno compiuto infiniti studi e ricerche.
Chi dirige la baracca tra l'altro, a contrario della massa, non è influenzato da problematiche temporali
legate alla nostra o loro personale vita, e la pianificazione prende in considerazione periodi assai
lunghi, anche di migliaia d’anni. La ristretta visuale è prerogativa di noi gente comune.
Per questo nemmeno abbiamo capito che (LORO) ci hanno messo a disposizione mille giocattoli, e una
gran scelta di cose alle quali restiamo appiccicati come mosche sul vischio, per renderci controllabili e
schiavi, nonché per farci ammalare. Abbocchiamo come totani a quelle comodità create per sottrarci
dignità, serenità, slancio umano, e consapevolezza, in modo diverso e più efficace d'un tempo. Pure
create per non farci accorgere che dall’antichità a oggi, sul piano morale e della coscienza, siamo
regrediti. Chi mai immagina che il progresso ci abbia portato la lavatrice “intelligente”, la TV al plasma,
l’idromassaggio, il microonde con scopi contrari a quelli per cui sembrano servire? Ci focalizziamo sui
lati positivi, lasciando spazio a una precisa strategia dell'inganno. Dal momento che il raggiro non lo
vediamo, per noi non esiste … Sicuramente non si può negare l'utilità del forno a microonde, peccato
sia stato creato per distruggere i nutrimenti e irradiarci molto pericolosamente. Chissà perché, gli studi
vengono fatti dopo che ne siamo stati invasi … La lavatrice invece non ha controindicazioni? Ma i
detersivi, altamente inquinanti e cancerogeni? E quanto ci dura? E l'impatto sull'ambiente dei
materiali con i quali è costruita, nonché la corrente necessaria per farla funzionare, cosa producono
sull'ambiente? E la schiavizzazione e l'alienazione di chi opera all'interno di quelle fabbriche, e
conseguenza di un profitto aziendale, dove li mettiamo?
A sconvolgere è la mancanza di domande da parte della gente … e quasi nessuno se ne pone una
essenziale: perché quando acquistiamo qualcosa di tecnologico (cellulare, PC, ecc.) dobbiamo capirne
il funzionamento e apprenderne il linguaggio? Perché il marchingegno ci accoglie in modo del tutto
illogico e innaturale (rispetto a ciò che è per noi acquisito) e c'è sempre qualche funzione che ci fa
dannare? Perché quelle macchine che dovrebbero mettersi pienamente a nostra disposizione, ci
piegano alle loro esigenze? Ebbene, mantenerci occupati con le astrusità, é uno dei tanti espedienti
per impedirci di riflettere, d'intercettare la realtà. E non vi fa aprire gli occhi, il fatto che nell’era
dell’elettronica e delle macchine intelligenti, realizzate a loro dire per rendere facile la vita, siamo
paurosamente più psicotici di cent'anni fa? Abbiamo sostituito il disagio del lavoro pesante e manuale
(benché le malattie cardiovascolari, gli obesi e i diabetici fossero una rarità) con la schizofrenia,
l’alienazione e lo smembramento dei rapporti umani.
Ricordate le parole di Nicholas Murray Butler? NOI apparteniamo a quella categoria che "[…] giammai
saprà quello che è accaduto", e ciò, mentre è tutto scientificamente programmato da una squadra di
farabutti. È solo per superficialità e limitatezza che non ci accorgiamo dell'inganno. Che quindi, dietro a
un benessere, una conquista o quelle cose che scambiamo come tali, si cela la programmazione del
nostro malessere. Ed è persino in vista: quante volte ciò che è divenuto di uso comune, al punto di
considerarlo irrinunciabile, si è fatto insostenibile a causa dell'aumento di canoni, bolli, carburanti,
interessi bancari? Una conseguenza questa, di quel programma che io definisco "guinzaglio elastico",
con il quale ci danno, ma per toglierci; con il quale ci viziano con lo scopo di stangarci. Si è pure visto
con il boom economico … Hanno aperto fabbriche per dare lavoro a tutti, e poi hanno cominciato a
toglierlo per tenerci sotto ricatto, nello smarrimento. È così; prima ci fanno conquistare qualcosa che
somiglia alla felicità (un surrogato, ovviamente), poi ci gettano nell'angoscia, e disorientati ci
mantengono servili e duttili. Prima ci mettono nelle condizioni di comprarci i desideri, poi ci tolgono le
possibilità di averli, per farci sgambettare come criceti sulla ruota, schiavi delle loro regole.
Ai nostri disagi e rabbie, i politici replicano dicendo che stiamo vivendo alcune conseguenze delle leggi
di mercato, o sbilanciamenti economici creati dalla concorrenza di paesi emergenti, o crisi dovute a
inevitabili interventi militari, o limitazioni della libertà per aumentare la sicurezza nazionale …
SPUDORATE E IMMENSE MENZOGNE! Si sono accattivati le simpatie della gente per raggirarla,
facendo credere che la politica serva a "salvaguardare" gli interessi di chi vota … Ma quel segno sulla

Pagina 34 di 185

scheda elettorale è invece, un consenso a farsi fregare! Il FOTTIO di PRIVILEGI e SOLDI, sono il
compenso per il loro bel SERVIZIO DI CRIMINALE CONTRAFFAZIONE DELLA REALTÀ. Per il loro servizio
alla causa del DOMINIO …
Le cose starebbero così se la gente si ponesse le giuste domande? Se almeno si chiedesse: "Negli anni,
cosa ho cambiato con il mio voto per salvaguardare i miei interessi?". E se fosse capace di risposte
oneste? Dovrebbe concepire d'aver realizzato un BEL NIENTE! E dunque, capirebbe … Il fatto è che
anche le domande che ci si pone sono sbagliate: è la MATRIX che suggerisce quali formulare.
La Matrix è programmazione, è ipnosi collettiva!
Ma qualcuno obbietterà che la popolazione è numerosa e costituisce una forza. Faccio allora notare
che l'eventualità è stata abilmente minata, mettendoci in conflitto ideologico, politico, religioso,
culturale, monetario, razziale. Quanto serve a mantenere spietatamente tutti contro tutti, categorie
contro categorie, ricattati contro ricattati, popoli contro popoli. In tal modo ci fanno cadere più
facilmente nelle loro reti. Nemmeno andiamo d’accordo in una riunione condominiale, figuriamoci a
livello nazionale o addirittura globale. Il disavanzo in fatto di forza decisionale della povera umanità è
stratosferico, in più noi popolo, a pararci le spalle e renderci forti, abbiamo le leggi che ci impongono
loro, le libertà di manovra che essi decretano. Possiamo solo conformarci sotto l’influsso delle
decisioni di chi vuole spingerci nel baratro. SENZA SCAMPO SE NON CI SVEGLIEREMO. Perché lassù
nessuno è magnanimo, nessuno viene meno ai patti, perché è consanguineo, perché gli conviene,
perché la gerarchia è ferrea e chi sgarra viene ammazzato o, ad andargli bene, viene espulso
dall'olimpo per poi, ritrovarsi a rotolare nel fango tra le nullità, o a marcire in galera, in genere, quando
non è abbastanza canaglia per starne fuori.
Nemmeno la giustizia è dalla nostra, essendo anch'essa una propaggine del cancro che tutto divora
(tratto più ampiamente il tema in altro capitolo). La loro abilità tra l'altro, risiede nel farci intendere
che l’eterna lotta tra male e bene, sia parte indissolubile dell’esistenza umana ma che il male non
possa vincere, perché esiste un Sistema onesto e democratico a proteggerci. Un perfetto raggiro. Tutto
ruota attorno alla DEMOCRAZIA DEL POTERE, con qualche concessione alla "democrazia dell’onestà",
giusto per non rendere l’inganno smaccatamente rilevabile. Per questo alcune volte, la giustizia è
lasciata nelle mani di persone che in essa credono, ben sapendo che la moralità di pochi, non può
certo contrastare lo strapotere di un organismo dominante, organizzatissimo e obbediente che
all'opposto, si prefigge di ottenere degrado in ogni campo …
La falsità condizionante di un siffatto mondo a misura del male, riesce a rendere storpi pure i buoni
intenti, e a trasformarci in feroci nemici della VERA GIUSTIZIA pure quando crediamo di lavorare per
essa. Ho già detto che i vertici di Polizia, Guardia di Finanza e Carabinieri sono massonici, e ciò si
ripercuote negativamente su ogni subalterno, benché creda di combattere la criminalità. SE
L'INGANNO NON FOSSE INSEDIATO ANCHE LÀ DENTRO, LA COSIDDETTA GIUSTIZIA NON SAREBBE
IMPEGNATA AD ARRESTARE CHI RUBA PER FAME MA QUELLI CHE LA FAME LA PRODUCONO!!!!!!!!!!!!!
Per meglio inquadrare il contesto nel quale annaspiamo, attenzione a questa frase del massone
Oswald Spengler: «Viviamo in una delle più decisive epoche della storia e nessuno se ne rende conto,
nessuno lo comprende ... La rivoluzione mondiale avanza inarrestabile verso i suoi ultimi risultati
(intende l'NWO) ... Chi predica la sua fine o crede addirittura di averla sconfitta non l’ha compresa … La
lotta si combatte anche nell’interiorità del singolo uomo, sebbene egli non lo sappia affatto. Per questo
così pochi giungono a vedere chiaramente da quale parte essi veramente si trovano».
CI DICONO PURE COME STANNO LE COSE E NEMMENO LE PRENDIAMO IN CONSIDERAZIONE.
Come si fa a provare che Spengler ci abbia raccontato la verità? Basta chiedersi se con il nostro "saper
leggere la realtà", stiamo risolvendo le questioni più ostiche del mondo. Stiamo vincendo la crisi
economica, disagio, alienazione, sofferenza, guerre, avvelenamenti, schiavitù, fame, e stiamo
trasformando la Terra in un paradiso? La verità è che siamo talmente preda di un meccanismo così
mostruosamente deforme e suggestionante, che il più delle volte reclamiamo il diritto di ammollarci
nel pentolone d’acqua fumante, perché ci hanno fatto credere che sono gli inetti a starne fuori.
Crediamo di poter guarire i nostri mali, senza conoscere l'origine del virus e senza distinguere il falso

Pagina 35 di 185

dal vero … DA QUANDO L'INCONSAPEVOLEZZA RISANA LE COSE? Se nulla cambierà, continueremo a
curare i sintomi credendo che lì risiedano le cause. Risolveremo la follia con altra follia, come suggerito
dal potere!
Suscita grande scetticismo la prospettiva di un'ipnosi collettiva? Eppure a miliardi hanno creduto alla
favola di un Bin Laden da premio Oscar, nell'interpretazione d'un imprendibile fanatico che dispensa
morte per portare l’Islam al dominio. Non ci siamo accorti che è servito per friggerci il cervello, per
sospingerci nella rete tesa da quegli infidi e rivoltanti ministri e presidenti, che hanno il compito di
servire il triangolo, il GRANDE OCCHIO. Sono riusciti a spaventarci con quello che tanto
affannosamente fingono di combattere, con un risultato magico: per evitare che il terrorismo, la
malavita o la disoccupazione abbiano il sopravvento, ci siamo piegati alla tirannia. Sull'impulso di
quegli eventi, abbiamo acconsentito al suicidio.
Il copione è sempre lo stesso … Cosa sta accadendo adesso con l'ISIS?
Probabilmente, berremo anche le prossime motivazioni, perché, incalzati dalle paure e dalle notizie
frastornanti, ridurremo ulteriormente i guizzi di lucidità. E LORO, CONTINUERANNO A FARCI FESSI ...
solo cambiando la scenografia del teatro. Quindi, non forzatamente insistendo con il terrorismo. Al
potere basterà innescare un' "imprevista" e terribile siccità (vedi scie chimiche), o un'epidemia di
Ebola, o un definitivo crollo dell'economia occidentale. A esso ben poco importa il mezzo ma il fine …
Uno dei motti della massoneria d'alto grado è ORDO AB CHAO (ordine dal caos). Vi sembra strano? E
sapete cosa andava sbandierando Jean Adam Weishaupt (vedremo anche più avanti), uno dei mostri
sacri della massoneria, fondatore dell’Ordine degli ILLUMINATI? "Dobbiamo distruggere tutto, senza
riguardo per alcuno, pensando solamente questo: il più possibile e il più presto possibile". Se siete stati
attenti, vi sarete accorti che parole simili sono uscite dalla bocca di Henry Kissinger, David Rockefeller,
William Casey, Zbigniew Brzezinski e da svariati sostenitori dell'NWO, nonché CAVALIERI DI MALTA,
nonché membri BILDERBERG … Beh? Vi siete guardati ben bene attorno? Non ve ne siete accorti delle
manovre? Se no, vuol dire che un altro slogan massonico: “ACCECATE CHI VUOL VEDERE, ELIMINATE
CHI PUÒ RISVEGLIARE!”, ha fornito i grassi frutti desiderati.
Chiaramente non si esce da questa ipnosi in modo rapido e indolore dopo tre schiocchi di dita, come
agli spettacoli dei maghi, e la presa di coscienza, per molti può transitare da una fase di sgomento. Fa
parte della crescita. Di certo, non è negando a oltranza, recalcitrando, aggrappandosi alle logiche
(inculcate), o fingendo di nulla che si risolvono i problemi, perché si ottiene un effetto boomerang. In
tal modo il potere ha modo di procedere efficacemente e indisturbato, rendendoci suoi complici e
nemici di noi stessi, dei propri cari, del genere umano. E poi, non vedete dove ci ha portati il nostro
finto sapere? Esattamente a galleggiare rigonfi dei fumi dell'incoscienza, allo stremo delle forze, in
questa fumante, immonda e rivoltante brodaglia infetta.

Capitolo 9
LA CHIESA OCCULTA
Dopo aver tratteggiato la "sublime" situazione terrena, è d'obbligo un'esplorazione un po' più
profonda della MASSONERIA, essendo, come anticipato, quello strumento che il TRIANGOLO utilizza
per rendere operativi i propri progetti.
Si tratta di un ordine iniziatico di carattere esoterico a struttura gerarchica, dedito alla pratica di
antichi rituali, le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Si racconta persino che il primo massone
fu Adamo ma da egli in poi, un gran buio inghiotte ogni traccia. La specialità del dominio è produrre
giochi di prestigio; ha tutto l'apparato di controllo ai suoi piedi, ben addestrato alla magia, e non deve
stupire che sia riuscito a dissolvere le origini stesse della massoneria.
Dai non molto chiari racconti storici a noi pervenuti, si ricava che i massoni fossero i mestieranti,
depositari dei segreti per erigere CATTEDRALI e monumenti, custodi di antiche pratiche occulte.
Maestria e conoscenze esoteriche venivano tramandate a una ristretta cerchia di adepti, scelti sulla
base di predisposizioni alla riservatezza, all'obbedienza e pure al talento artistico.

Pagina 36 di 185

Alcuni storici riconducono le radici della massoneria alla setta razionalista dei sadducei, i sacerdoti
illuminati del Tempio ebraico di Salomone (833 a.C.) che non credevano all'anima e agli angeli (cosa
normale, visto che i Re David e Salomone erano famosi occultisti dediti al culto di Satana). E’ però
certo che nella civiltà Babilonese, la massoneria era operante come corporazione di costruttori di
templi. Secondo la Bibbia fu Hiram Abif, chiamato da Re Salomone, a edificare il famoso tempio di
Babilonia a egli nominato. Così è descritto Hiram Abif nel libro delle Cronache (2Cr 2,12-13): "Dotato di
abilità, d'intelligenza e di perizia nell'eseguire qualsiasi lavoro in bronzo. Sapeva eseguire qualunque
intaglio e creare qualunque opera d'arte".
Un documento manoscritto del 1535, noto come Carta di Colonia, testimonierebbe per la prima volta
"l'accettazione" negli schieramenti massonici, di membri che non partecipavano materialmente alla
costruzione di edifici e di opere architettoniche. Nel documento furono considerati "muratori
accettati" i medici che si occupavano della salute degli operai, il CAPPELLANO (attenzione ai
collegamenti con uomini di fede!) e tutti i notabili del luogo in cui doveva sorgere l'edificio. In
sostanza, quelli che anche adesso appartengono alla casta e servono il Sistema.
Con l’avvicinarci alla nostra epoca, la massoneria ha subito dei "fisiologici" mutamenti, mantenendo la
stessa anima, quindi, basandosi su conoscenze di arcani rituali magici, ma sostituendo le abilità
manuali con l’arte del controllo economico, politico e societario.
Ricorrenza importante per i "muratori", è il 24 giugno del 1717. In quella data, in terra d'Inghilterra,
vede la luce la Gran Loggia di Londra (prima grande società della libera massoneria), che
successivamente prenderà il titolo di Gran Loggia d’Inghilterra. In questa sono assimilate le altre della
città, passando da corporazione di "operai edili" (già allora piuttosto finti, dal momento che in passato
nelle fila massoniche si annoverarono nomi del calibro di Leonardo Da Vinci, Dante Alighieri ecc.), a
società con fini speculativi e attività di controllo economico e politico. E’ molto interessante notare che
nelle società assimilate, svolgevano un ruolo preminente, il PASTORE ANGLICANO John Theophilus
Desaguliers (membro della Royal Society), e pure il PASTORE PRESBITERIANO James Anderson, al quale
si devono la creazione della Loggia di Londra e la costituzione adottata dal 14 gennaio 1723.
La prima società ufficiale, ebbe presto compagnia e molte altre logge videro la luce in occidente.
Ovunque il lavoro delle congreghe fu febbrile e la riorganizzazione dell'ordinamento massonico non
tardò a dare frutti, con influssi potenti sulla società. Cosa accadde in seguito però, sarà oggetto di un
discorso che riprenderò poco più avanti.
Compiendo un balzo ai giorni nostri, va osservato che il metodo di reclutamento non è divulgato ed è
pressoché sconosciuto al pubblico, tuttavia si sa che in genere avviene per disparate vie. Si può entrare
a far parte di una società massonica, aderendo alle innocenti attività di Lions e Rotary Club. I tesserati
che mettono in mostra "idonee qualità", ricevono la proposta di partecipare a studi, seminari e rituali
per accedere a livelli più alti di conoscenza, mentre gli altri, rimarranno semplici membri di un circolo
ricreativo e culturale per benestanti. Non è però raro che "osservatori massonici" adeschino proseliti
con varie promesse, pescando all'interno di aziende, università, associazioni religiose, corpi militari, in
ambienti medici, notarili, politici, dell'avvocatura, della giustizia ecc.
La base di quella che risulta essere un'articolatissima “piramide” (è così rappresentata sull'One Dollar),
è costituita da livelli che in gergo prendono la denominazione di “cerchi esterni” o “azzurri”. Cerchi
sempre più selettivi e occulti si snodano verso la cima, rivelando a chi riesce nell'arrampicata, i segreti
per un crescente successo e della ricchezza.
Sul piano teorico, le associazioni massoniche, si presentano al mondo celebrando obiettivi di pace, di
amore, di fraternità, e dicendo di adoperarsi per il perfezionamento morale dei Fratelli, nonché di
essere impegnate a estendere tali principi all’intera comunità. Secondo un principio fondante, le
persone ammesse a far parte di una società massonica devono essere: «uomini buoni e sinceri, nati
liberi e di età matura e discreta, non schiavi, non donne, non uomini immorali o scandalosi, ma di
buona reputazione». Anche l'Avv. Gustavo Raffi, Ven.mo Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia
(GOI) ribadisce lo stesso concetto: "… la Massoneria è un Ordine Iniziatico che ha come compito

Pagina 37 di 185

principale la ricerca esoterica ed il perfezionamento individuale, attraverso il recupero della dimensione
del Sacro".
Belle parole e buoni propositi, ma subito a far sollevare un punto interrogativo sulle regole, è quel
discriminante “non donne”. In realtà esistono società al femminile ma rimane che sono rare e
comunque, salta agli occhi la palese tendenza maschilista, improntata alla divisione, quando sarebbe
opportuno incoraggiare unione d'intenti, comprensione e accordo. Fin qui siamo ancora nella norma
per questa società sottosopra ma continuando a frugare, emerge il testo di un giuramento imposto
agli iniziati, in evidente stridore con le sviolinate fatte risuonare. Recita così: «Prometto e giuro di non
palesare giammai i segreti della libera muratoria; di non far conoscere ad alcuno ciò che mi verrà
svelato, sotto pena di aver tagliata la gola, strappato il cuore e la lingua, le viscere lacerate, fatto il mio
corpo cadavere a pezzi, indi bruciato e ridotto in polvere, questa sparsa al vento per esecrata memoria
ed infamia eterna». E’ decisamente privo di senso e lascia interdetti che soggetti a conoscenza della
verità non la possano raccontare, pur facendo parte di un'associazione "impegnata a perseguire fini di
perfezione morale e alti valori", da estendere alla comunità … Se il giuramento produce alcune
sostanziali perplessità, le parole reperibili nel libro “Misteri della massoneria”, pronunciate da
Giacomo Casanova, anziché mitigarle, le accentua: "Il mistero della massoneria, di fatto, è per sua
natura inviolabile. Il massone lo conosce solo per intuizione, non per averlo appreso, in quanto lo
scopre a forza di frequentare la loggia, di osservare, di ragionare e dedurre. Quando lo ha appreso, si
guarda bene dal far parte della sua scoperta a chicchessia, fosse pure il suo miglior amico massone,
perché se costui non è stato capace di penetrare da solo il segreto, non sarà nemmeno capace di
profittarne se lo apprenderà da altri. Il segreto rimarrà dunque sempre tale. Ciò che avviene nella
loggia deve rimaner segreto, ma chi è così indiscreto e poco scrupoloso da rivelarlo non rivela
l'essenziale. Del resto, come potrebbe farlo se non lo conosce? Se poi lo conoscesse, non lo
rivelerebbe". Dunque, anche le parole di Casanova non rassicurano sulle buone intenzioni delle società
massoniche. Inoltre, dal momento che "le intuizioni le tengo per me", se ne deduce che la
frequentazione sospinge verso l'individualismo e a una convivialità non proprio fraterna dei "fratelli"
massoni …
Altro dettaglio che non predispone a una incondizionata accettazione, e nemmeno rassicura sulla
pulizia d’intenti delle società, il fatto che ogni membro sia a conoscenza degli iscritti del suo stesso
gruppo, di quelli sottostanti e dei più diretti superiori, ma non di affiliati di alto livello. Dobbiamo
davvero attenderci amicizia da un'organizzazione tanto impegnata a MIGLIORARE IL MONDO, ma che
annovera affiliati con tanti segreti da custodire, legati a patti di omertà, che svolgono attività celate
alla massa? Cos'avranno da nascondere persone TANTO BUONE, da vivere in segretezza? A chiarire le
cose, sono le parole di alcuni illustri massoni. Di seguito, un'affermazione dell’ex Gran Maestro del
Grande Oriente d’Italia Giuliano Di Bernardo: “I migliori spesso stanno in basso, in un angolo, non sono
mai portati su, perché sono pericolosi”. Non si espresse in modo da lasciare margine a buoni pronostici
nemmeno il massone Felice Cavallotti che nel 1898 rivelò: “Non è vero che tutti i massoni sono
delinquenti, ma non ho mai conosciuto un delinquente che non fosse anche massone”. Ma la chicca,
con la prova di quanto le confraternite siano "permeate di fraterno altruismo", ci viene data dal
massone di prima grandezza e "Illuminato", nonché Gran Maestro delle più potenti logge, ex
presidente dei Bilderberg, proprietario (almeno sulla carta) della struttura bancaria di mezzo mondo,
nonché CAVALIERE DI MALTA, Sherman Rothschild: "POCHI COMPRENDERANNO QUESTO SISTEMA,
COLORO CHE LO COMPRENDERANNO SARANNO OCCUPATI NELLO SFRUTTARLO. IL PUBBLICO FORSE
NON CAPIRÀ MAI CHE IL SISTEMA È CONTRARIO AI SUOI INTERESSI".
Avendolo menzionato, apro una parentesi sul Cavalierato di Malta: nacque da una costola dell'Ordine
dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme ma mentre questo nel 1113, per volere di papa
Pasquale II fu costituito come ordine religioso, quello dei Cavalieri di Malta ricevette un
inquadramento militare. Ebbe molte similitudini con l'Ordine massonico dei Templari (che esibiva
proprio la croce di Malta sulla tunica), e quando questo fu sciolto, ricevette la sua eredità.

Pagina 38 di 185

Ecco inoltre, quanto si legge nell’ "Enciclopedia della Massoneria e le sue Scienze Affini" di Albert G.
Mackey (massone di 33° grado), pubblicato da Masonic History Company, Chicago, New York, &
London, 1925 - volume One, pp. 392-395: “I CAVALIERI DI MALTA SONO LE MILIZIE DEL PAPA, E FANNO
VOTO DI TOTALE OBBEDIENZA ATTRAVERSO UN GIURAMENTO DI SANGUE CHE VIENE PRESO MOLTO
SERIAMENTE FINO ALLA MORTE. Il Papa, come capo del Vaticano è anche il capo di una potenza
nazionale straniera".
I CAVALIERI DI MALTA dunque, operano come ordine massonico per conto della Chiesa, ma più
esattamente si pongono all'APICE DELLA MASSONERIA. Se in tal senso serve una dimostrazione
aggiunta, questa ci è data dal CAVALIERE DI MALTA Sherman Rothschild che oltre alle cariche prima
menzionate, ha pure la mansione di GUARDIATESORI DEL VATICANO.
Chiusa parentesi, risulta evidente che le consorterie siano null'altro che raggruppamenti di farabutti,
per niente impegnati per gli interessi comuni come sbandierato. I capoccioni nemmeno ci nascondono
di essere al lavoro per spennarci vivi: tanto sanno che stiamo dormendo un sonno profondo. Sono
infatti loro a darci il sonnifero. Un sonno che a quanto pare, non è fatto calare artificialmente solo
sulle masse. Albert Pike infatti (uno dei mostri sacri della massoneria) ebbe persino a dire: “Tutti i
massoni di grado inferiore al 32° sono intenzionalmente ingannati mediante false interpretazioni”.
L'abilità all'inganno è la loro arma ed è perciò palese che una massa nel mirino di tale disegno, abbia
grosse difficoltà a guardare oltre l’effetto illusorio di una realtà olografica. Ad esempio, si sente spesso
parlare di massonerie DEVIATE ma il fine è di far automaticamente credere che ne esistano di ONESTE.
Per questo sono pure classificate in exoteriche, indicando con tale termine le corporazioni che
svolgono attività senza veli, e altre esoteriche, con cui sono identificate quelle occulte. Purtroppo, la
deviazione e ciò che è conforme, hanno un solo spirito d’origine. LA PIANTA DELL'INCONSAPEVOLEZZA
INFATTI, CRESCE PIÙ FLORIDA SE ANNAFFIATA DALLA CONFUSIONE …
Ma vediamo ancora un paio di regolette che i massoni sono chiamati a rispettare alle adunanze:
devono astenersi da discussioni inerenti politica e religione. Come anche già accennato, il motivo sta
nel fatto che la politica è un congegno avente come primario scopo, quello di far parlare e litigare
all’infinito e avviare soluzioni fallimentari per la popolazione ma proficue solo e unicamente per il
potere. Ne descrive con semplice efficacia il quadro, la seguente frase di Kafka: “Un cretino è un
cretino, due cretini sono due cretini, 10.000 cretini sono un partito politico”. I politici infatti, sono attori
del Sistema, strumenti al servizio del POTERE per mantenere il POTERE. Sono essi stessi massoni o
paramassoni (ispirati da "muratori") che dopo aver ottenuto la fiducia del cittadino, e averlo fatto
sentire plasmatore della società attraverso il voto, gli infliggono le decisioni (legittimate con il voto) di
un meccanismo degenere, onorandolo con una stratosferica beffa. E noi ci incantiamo davanti ai giochi
di prestigio del mago Copperfield? Essenzialmente, le logge si prefiggono di gravitare al di sopra di
meccanismi creati espressamente per il popolo mucca.
Discorso simile per quanto riguarda le religioni: chi entra nelle società deve “ABBANDONARE IL
PREGIUDIZIO”, poiché alla base del pensiero massone vi è la GNOSI. Dalle dichiarazioni di "facciata",
un percorso che non si sviluppa accogliendo i dogmi di una sola religione rivelata, ma che conduce alla
comprensione del “Che cosa siamo, da dove veniamo e dove andiamo”, attraverso l'esperienza
personale e la deduzione. Tuttavia, se da un lato le società sospingono all'abbandono di certe
ambiguità insite nelle religioni, dall'altro, non tralasciano di eseguire una sistematica
riprogrammazione della fede, per condurre alla fanatica adorazione di una divinità chiamata “GRANDE
ARCHITETTO DELL’UNIVERSO”.
L'ARCHITETTO, può cambiare nome a seconda del gruppo, ma rimane che pur variando (e in taluni sia
chiamato Lucifero, in altri Satana, o Baphomet, o Serpente), il riferimento rimanga sempre una figura
satanica. Ciò non deve sorprendere, in quanto nelle massonerie, proprio come affermato da Albert
Pike, l'inganno e la confusione sono in vigore come prassi OBBLIGATORIA. Poiché il raggiro investe tutti
quanti, ha portato a credere che i SOGGETTI tra parentesi, siano sempre lo stesso che si diverte a fare
il camaleonte ma così non è; abbiamo a che fare con tante entità distinte, benché della stessa

Pagina 39 di 185

"adorabile" banda del malaffare e pertanto con medesimi intenti … In ogni caso, il GOVERNATORE di
cui parlò Gesù Cristo rimane uno solo: SATANA.
Le conferme che le massonerie siano ispirate al satanismo sono molte e ci sono testimonianze vere e
proprie. Lo dichiara Maurice Caillet, nel suo libro "Ero Massone", ma pure Cesare Ghinelli, ex affiliato
del Grande Oriente d’Italia. Queste le parole di Ghinelli tratte da un video (vedi link): "La Massoneria è
una setta satanica vera e propria. Dal 18° grado si parte con l’applicazione dell’esoterismo, ossia
spiritismo e magia; dal 24° grado si diventa milizia di Satana, dal 28° al 33° corpo mistico di Satana."
Più anticamente, fu testimoniato da Mons. Leone Meurin, un sacerdote francese del XIX secolo, che
nella sua opera "La Frammassoneria sinagoga di Satana" affermò: "LA GNOSI È IL CULTO DI LUCIFERO,
E L'ILLUMINATO, IL PIÙ GRANDE INIZIATO". Naturalmente tirò acqua al suo molino perché usò il
termine SINAGOGA anziché CHIESA, per sviare sospetti sul suo UFFICIO. Maliziosità a parte, tale fatto è
sostenuto dagli stessi massoni d'alto rango, che forti dello strapotere che li "illumina", non
nascondono la loro fede e pure la pubblicizzano. Di seguito il testo di un edificante discorso di Albert
Pike, tenuto in Francia nel 1889 davanti agli alti gradi Massonici (delle varie consorterie! E non di
quelle "deviate"), vale a dire, a quei personaggi che AMMINISTRAVANO LA VITA DEL POPOLO: "Ciò che
noi dobbiamo dire alle folle è: "noi adoriamo un Dio, ma è il Dio che si adora senza superstizione (...). La
Religione massonica dovrebbe essere mantenuta, da tutti noi iniziati degli alti gradi, nella purezza della
dottrina luciferiana. Se Lucifero non fosse Dio, Adonai (il Dio dei cristiani) le cui azioni provano la sua
crudeltà, perfidia, odio per l'uomo, barbarie e repulsione per la scienza, lo avrebbe calunniato con i suoi
preti? Sì, Lucifero è Dio, e sfortunatamente anche Adonai è Dio. Per la legge eterna, per cui non v'è luce
senza ombra, bellezza senza bruttezza, bianco senza nero, l'assoluto può esistere solo come due
Divinità: essendo l'oscurità necessaria alla luce per servirle da contrasto, come il piedistallo è
necessario alla statua e, il freno alla locomotiva ... La dottrina del Satanismo è un'eresia; e la vera e
pura religione filosofica è la fede in Lucifero, l'eguale di Adonai; ma Lucifero, Dio di Luce e Dio del Bene,
sta lottando per l'umanità contro Adonai, il dio delle tenebre e demonio". Similmente, anche l'alto
grado E. Covert ebbe ad affermare: “Noi veneriamo il serpente, perché Dio l’ha posto all’origine della
gnosi per l’umanità: egli stesso ha insegnato all’uomo e alla donna la completa coscienza degli alti
misteri. Così, tutto è chiaro. Ogni elucubrazione gnostica ostentatamente sapiente è in realtà destinata
a distogliere i cristiani dall’adorazione del vero Dio e a portarli verso l’adorazione del serpente, scopo
supremo delle sette”.
Charles Baudelaire: "Il capolavoro di Satana, è di aver fatto perdere le sue tracce e di aver convinto gli
uomini che egli non esiste". Prima lettera di S. Giovanni, 5, 19: "Noi siamo da Dio mentre tutto il mondo
giace sotto il potere del maligno". Vogliamo cominciare a prendere in considerazione ciò che sembra
incredibile? Che Satana e "soci", quindi quegli esseri da molti creduti protagonisti di favolette, esistono
e sono vivacemente attivi?
Parecchi anni fa, ascoltai da un programma nazionale della radio, il racconto di un signore che dichiarò
d'aver venduto l’anima al Diavolo in cambio di ricchezza e successo commerciale. Costui era
proprietario della Procter e Gamble, famosa azienda produttrice di prodotti per la casa (candeggina
ACE ecc.) e raccontò di aver accettato il "baratto", dopo essersi trovato sull’orlo del fallimento. Grazie
al "passaggio di proprietà" dell'anima, nel volgere di poco tempo la fabbrica divenne una delle più
importanti e floride del settore. Sul momento, quel racconto mi fece l'effetto di una sciocca storiella
ma, incredibilmente, IN QUELLE PAROLE C’ERA TUTTA LA VERITÀ DI QUESTO MONDO! Naturalmente,
l’anima non è commerciabile come un organo del proprio corpo e si tratta di diventare partecipi di una
filosofia, che in cambio esige generazione e distribuzione di malvagità.
E’ IL PERCORSO COMPIUTO DAI MASSONI, poiché il satanismo costituisce l’indissolubile “DNA” delle
massonerie.
E' chiaro che l'umanità deve rimanere all'oscuro di tutto ciò, e ignara che certe forze esistano e
agiscano proprio con strapotere sulla vita di tutti, non solo a livello spirituale, attraverso un intricato
congegno condizionante e di controllo emotivo, ma cosa assai infida e inavvertibile, pure con il

Pagina 40 di 185

supporto di sofisticatissima tecnologia. In verità, siamo nelle mani di un apparato d'illusionismo
d'altissimo livello, che ci ha fatto bere oceani di assurdità.
È dunque necessario assimilare a fondo
che non solo il SATANISMO è
PARASSITISMO, INGANNO e PERFIDIA
ma che le sue armi sono
ORGANIZZAZIONE, MENZOGNA e SCALTREZZA
espresse all'ENNESIMA POTENZA.
Considerare con superficialità tali fattori,
espone a GROSSI rischi …
Fra le innumerevoli favole che ha sostenuto, una delle più sorprendenti e spregevoli, è LA
RAPPRESENTAZIONE DI QUELL'OCCHIO RACCHIUSO NEL TRIANGOLO. Per capirci, il disegnino sull'One
Dollar, è in ogni caso la raffigurazione della Trinità Santa, E PROPRIO DI QUELLA VERA!!! Peccato però,
che i componenti del triangolo (Dio Padre, Figlio e Spirito Santo), non corrispondano a quanto ci viene
raccontato. Purtroppo due angoli - seguendo una ferrea scala gerarchica - rappresentano il
GOVERNATORE del mondo SATANA e il figlio (sarà poi vero che è il figlio?), identificabile in LUCIFERO,
mentre la terza punta, è riferita all'ORGANISMO RELIGIOSO DAL QUALE VIENE DIRETTA LA
MASSONERIA E, MATERIALMENTE E' GOVERNATO IL MONDO.
Una prima conferma relativa ad un Meccanismo operante sopra alle logge massoniche, ce la fornisce il
massone d'alto grado Serge Raynaud De La Ferriere, che riferisce quanto segue: "Esiste un nucleo
posto al di sopra delle Logge, dei Templi, dei Grandi Orienti e dei Riti. Una Direzione Iniziatica
Universale, una Massoneria ed un Grande Oriente Universale di carattere esoterico, il cui Consiglio
Superiore, composto di veri Iniziati, riceve la linea direttiva dai propri SANTI SANTUARI ESOTERICI, per
subito trasmetterla attraverso intermediari, ad organismi sempre più esoterici. Siamo certi che la
maggior parte dei Fratelli massoni si stupirà di questo, non avendo mai sentito parlare di tale Direzione
Superiore … Questa Direzione Mondiale organizza ed istruisce le varie Associazioni Segrete … Il
massone “medio” incontrerà alcune difficoltà nel comprendere … I VERI GRANDI MAESTRI NON SONO
SEMPRE COLORO CHE APPAIONO RIVESTITI DI TUTTA L’AUTORITÀ; DIETRO I POTERI RAPPRESENTATIVI,
DEI TITOLI E DELLE FUNZIONI CI SONO I PATRIARCHI, I VERI VENERABILI, LE POTENZE CHE DIRIGONO
CONTEMPORANEAMENTE TUTTI I RITI DEL MONDO, PERCHÉ SONO VERAMENTE ALLA TESTA DELLA
MASSONERIA UNIVERSALE”.
Anche questa dichiarazione prova che quanto è lasciato trasparire attorno alle attività massoniche è
assolutamente inesatto o confuso. D'altronde, cosa disse il massone Voltaire? "BISOGNA MENTIRE
COME UN DEMONIO, NON TIMIDAMENTE E SOLO DI SFUGGITA, MA ARDITAMENTE E SEMPRE".
Chiaramente, come anche esposto da Cesare Ghinelli, vi è tutto un tragitto da compiere ma già ai gradi
di base, i membri usufruiscono del sostegno del SISTEMA, sempre pronto ad appoggiare chi è disposto
a qualsiasi cosa per saziare l'ingordigia. Ne risulta che le massonerie, oltre a funzionare da filiali per il
reclutamento e selezionamento dei soggetti da avviare a promettente carriera, hanno il compito di
propagare il satanismo, d'effettuare una selezione delle menti meglio predisposte, che una volta
addestrate e ipnotizzate, praticheranno il controllo sulle mille attività umane, e si concentreranno sulla
creazione e distribuzione della malvagità.
Il bacino da cui vengono pescati quegli elementi è enorme e costituito da una selva di società
massoniche. Ne cito alcune tra le più importanti: B’nai B’rith; Compass Star-Rose Ventorum; RSAA
(Rito Scozzese Antico Accettato); Fabian Society; Edmund Burke; Leviathan; Three Eyes; White Eagle;
Hathor Pentalpha; Thomas Paine; Aspen Institute; Grande Oriente d'Italia; Loggia del Monte Sion;
Bohemian Club; Gran Loggia del duca di Kent; Parsifal; Valhalla Ferdinand Lassalle; Fraternité Verte;
Babel Tower; Geburah; Der Ring; Atlantis-Aletheia; Joseph de Maistre; Maat; Golden Eurasia e non
ultima la P2, o successive evoluzioni.

Pagina 41 di 185

Una volta superato valutazioni che ne comprovino la "propensione malvagia", gli affiliati sono
introdotti a cerimoniali molto particolari. Le pratiche esoteriche diventano sofisticate espressioni
dell’occulto e delle arti magiche, per evocare le entità demoniache, allo scopo di riceverne "ispirazione
e consigli".
Ufficialmente le massonerie giungono fino al 33° grado ma in realtà, vi sono livelli più alti. È oltre quel
gradino che troviamo i CAVALIERI DI MALTA e gli ILLUMINATI (spesso l'uno e l'altro) e pertanto, quei
MAESTRI che si considerano al di sopra del bene e del male. Costoro infatti (anche se sottomessi ai
"maghi" dell'Ufficio Amministrativo), hanno ormai abbandonato ogni conflitto tra la "superstizione" e
la “verità”, e "superato le comuni limitazioni terrene". C'è dunque una peculiarità che rende "speciali" i
massimi livelli: SONO STATI FORGIATI PER COMMETTERE I PIÙ ATROCI CRIMINI SENZA PATIRNE
SCRUPOLI DI COSCIENZA, PERCHÉ LEGITTIMATI DA CIÒ CHE A LORO È FATTO CREDERE UN VOLERE
DIVINO. Ciò dimostra che l'inganno si estende persino oltre a quanto affermato da Albert Pike e non
ne siano esentati nemmeno i pezzi grossi, ai quali è fatto credere che Satana (o chi per esso) sia un
Dio, e pertanto, di essere essi stessi in missione per volere DIVINO.
È proprio ai FARABUTTI MEGLIO PREDISPOSTI che si aprono le porte di grandi organizzazioni e
organismi mondiali, compresa la conduzione dei meccanismi economici e bancari, dei servizi segreti,
delle multinazionali e degli Stati.
Giusto per dare qualche riferimento pratico, cito George H. W. Bush, Tony Blair e Bill Clinton, che sono
CAVALIERE DI MALTA e Massoni di Rito Scozzese (della stessa loggia di Pike!); Barak Obama, massone
di 33° grado della Loggia Prince Hall; Re Juan Carlos, CAVALIERE DI MALTA; Regina Elisabetta,
CAVALIERA DI MALTA e PATRONA DELLA MASSONERIA INTERNAZIONALE; l’ex ministro del consiglio
Silvio Berlusconi (tessera P2 n.° 1816); Mario Draghi; e così l’ex capo del governo tecnico Mario Monti
che, povero nani, ha affermato di non conosce la massoneria. A smentirlo però, è prima di tutto il Gran
Maestro del “Grande Oriente Democratico" Gioele Magaldi, che in una dichiarazione parla proprio
dell'affiliazione di Monti alla massoneria. Inoltre, a sbugiardarlo sono i fatti: dopo la Bocconi ha
conseguito la specializzazione alla Yale, dove per "pura casualità", ha sede la Skull and Bones. Nel 2010
fu presidente della COMMISSIONE TRILATERALE EUROPEA, costola del CFR di Rockefeller e Zbigniew
Brezinski, e quindi di Rothschild e dei BILDERBERG, nella quale si entra solo se si è "del giro" perché,
certe attività MONDIALISTE, non possono essere di dominio pubblico. È poi stato advisor per la
superbanca d’affari USA (impero del ladrocinio) Goldman & Sachs, e come non bastasse, è membro del
consiglio direttivo del Gruppo BILDERBERG. Non va poi dimenticato Giorgio Napolitano, ex Presidente
e affiliato alla “Three Eyes”.
Se alcuni sono parte fissa del BILDERBERG, altri invece, sono saltuariamente invitati a partecipare alle
riunioni del "gruppo". Tra questi ricordo (per altri nomi vedi link "Italiani del Bilderberg") Romano
Prodi, membro Trilaterale e uomo di Goldman Sachs; Giulio Tremonti; Gli Agnelli; Padoa Schioppa;
Tronchetti Provera; Walter Veltroni, ecc., mentre alla riunione 2014 hanno presenziato Franco
Bernabè, John Elkann, Mario Monti e Monica Maggioni, direttrice di Rainews24.
Toglie il fiato ma purtroppo è realtà che TUTTE ma proprio tutte le organizzazioni internazionali siano
controllate da MASSONI, tuttavia la crema della massoneria si concentra attorno ad alcuni CLUB. Tra
questi emerge su tutti il COMITATO DEI 300, che è dedito al controllo del commercio, del traffico
dell'oppio, al controllo bancario internazionale. Da notare che il MIGLIO QUADRATO e TUTTE LE
BANCHE (!!!) sono collegate ai Rothschild (ILLUMINATI e GUARDIATESORI DEL VATICANO) attraverso il
COMITATO DEI TRECENTO. È molto interessante quanto fa emergere al riguardo il dott. John Coleman
(ex agente del servizio di spionaggio britannico MI6), nel suo libro The Conspirator’s Hierarchy: THE
COMMITTEE OF 300. Afferma che tale Comitato, con finalità MONDIALISTA, sia focalizzato sulla
strategia della drastica riduzione della popolazione, altrimenti definita degli “useless eaters”
(letteralmente “mangiatori inutili” - cosa questa che ci riporta alle Georgia Guidstones). Il progetto
prevede la creazione di crisi e guerre e una graduale disintegrazione dell'economia mondiale. Curioso
che un particolare accanimento sia rivolto contro l'Italia, ancor più, quando emerge che i creatori del
Comitato dei 300 (fondato nel 1727), furono rappresentanti dall’aristocrazia inglese con la complicità

Pagina 42 di 185

della nobiltà nera veneziana e genovese. La stessa casata dei Windsor (attuali regnanti britannici),
prese quel nome nel 1917 ma prima di allora erano GUELFI. Coleman pubblica anche i nomi di 209
organizzazioni, 125 banche e 341 membri passati e presenti del COMITATO dei 300. In quest'ultimo
elenco appaiono i nomi dei soliti ILLUMINATI e CAVALIERI DI MALTA: Rockefeller David, Rothschild
Edmond, Kissinger Henry, Regina Elisabetta II, Rainier Principe, Retinger Joseph (uno dei fondatori del
BILDERBERG), ma anche quello del cardinale MICHELE PELLEGRINO (la Chiesa ovviamente è sempre di
mezzo) e, di un certo MAZZINI GIUSEPPE …
Proseguendo con i Club di potere, abbiamo il CONSIGLIO DEI TRENTATRÉ, nel quale si raccolgono pezzi
grossi del mondo politico, economico e RELIGIOSO; il CFR (Council on Foreign Relations), costituito da
membri della ROUND TABLE (Tavola Rotonda), anche conosciuto come "l'establishment", "il governo
invisibile" o "il ministero degli esteri dei Rockefeller". Segue la TAVOLA ROTONDA, fondata da vari soci
tra cui Lord Rothschild, membro del COMITATO DEI 300. Poi abbiamo lo SCHULL & BONES (Teschio e
Tibie), considerato l'emanazione più segreta del CFR. Dai suoi membri chiamato semplicemente
"l'ordine": si occupa di addestrare la classe dirigente americana e non solo. Da li uscirono Kerry e Bush
(vedi link) ma anche Monti. A seguire l'FMI, o Fondo Monetario Internazionale, creato dai Rothschild e
per questo una "garanzia"; e dunque, il già citato GRUPPO BILDERBERG, costituito per volere del
COMITATO DEI 300, e il cui nome deriva dall'Hotel di Oosterbeek in Olanda, nel quale si svolse la prima
riunione nel maggio del 1954. Il gruppo è anche chiamato il "governo mondiale invisibile" e ha come

finalità la creazione un GOVERNO MONDIALE e un esercito mondiale sotto l'egemonia dell'ONU. C'è
quindi l'ONU, la più grande loggia massonica del mondo, creata dagli ILLUMINATI di qualche
generazione fa, che vive in stretti rapporti con la CHIESA LUCIFERINA LUCIS TRUST (il primo nome di
battesimo infatti, fu LUCIFER TRUST, che in seguito venne cambiato per celarne il fetido fuoco
ispiratore) e vede coinvolto in numerose attività anche il principe Carlo d'Inghilterra, che del Lucis
Trust è pure portavoce. Va poi menzionata la COMMISSIONE TRILATERALE, creata da David Rockefeller
e Zbigniew Brezinski (pure questa) su commissione del COMITATO DEI 300. Poi abbiamo il CLUB DI
ROMA, costituito da 50 membri dell'establishment internazionale che dietro vede le figure di David
Rockefeller, del principe Filippo d'Inghilterra, di Guido Goldman dell’Aspen Istitute ecc. È da li che
viene delineata la politica della NATO. Quindi, non poteva mancare la NATO, varie agenzie
d'intelligence e la CIA, che è sempre stata in mano al Vaticano. Fu infatti fondata da William Joseph
Donovan (CAVALIARE DI MALTA) e Allen Welsh Dulles, uscito dalla Fordham University gesuita. Inoltre,

Pagina 43 di 185

quale sia il controllo remoto all'interno della CIA, lo fanno ben capire, pure i personaggi che in questi
ultimi tempi si sono susseguiti al posto di comando. Dall'11 luglio 1997 all'11 luglio 2004, ci fu George
Tenet (CAVALIARE DI MALTA) che per inciso, dirigeva l'intelligence l'11 settembre 2001, il giorno
dell'attentato false flag alle torri gemelle. Dal 13 febbraio 2009 al 1 luglio 2011 ci fu Leon Panetta
(CAVALIARE DI MALTA), mentre l'ultimo è John Owen Brennan. Non è Cavaliere di Malta (forse) ma
esce dalla Fordham University gesuita, esattamente come Dulles.
Ovviamente, non sfugge alla regola di un controllo centralizzato la BCE (che ha visto alla presidenza il
massone Mario Draghi); lo stesso, il ROYAL INSTITUTE OF INTERNATIONAL AFFAIRS. Seguono poi OMS;
UNESCO; CRI (fondata dal massone Jan Henri Dunant); AVIS; CARITAS (Organismo patronale della CEI,
quindi emanazione del Vaticano); AMNESTY INTERNATIONAL (sostenuta dalla fondazione Lucis
Trust!!!); WWF; FONDAZIONE PREMIO NOBEL; GREEN PEACE (sostenuto finanziariamente dal massone
Bill Gates. Quello che ora, si occupa tanto "umanamente" di eugenetica), ecc.
Dall'intreccio di CLUB e ORGANISMI, risulta evidente l'estesa rete di controllo, che costituisce di fatto,
un unico organismo del male. Ne risulta che sotto quelle strutture di potere, gravitano tutte le
economie del mondo, le banche, carburanti, cibo, acqua farmaceutica, ricerca scientifica, armi,
droghe, istruzione, cultura …
C'è insomma da rabbrividire ma riprenderò tra un attimo questo discorso. Adesso vorrei tornare al
riassunto storico prima interrotto … A metà del 1700 si registrò un altro fatto cruciale: Mayer Amshel
Rothschild si riunì con altri 12 (numero esoterico) “Savi di Sion” (quindi con altri membri d'alto rango
della Libera Massoneria), per rifinire un piano d’azione volto a instaurare il “NUOVO ORDINE
MONDIALE". Da quell'assemblea presero forma "I PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION" che in 24 punti,
definirono le strategie per la dominazione sul mondo.
Per dare impulso al progetto, l’inarrestabile "CAVALIERE DI MALTA" Mayer Amshel Rothschild, finanziò
Adam Weishaupt, che il 1° maggio del 1776 (data ricordata sul Dollaro USA) a Francoforte, fondò il
gruppo segreto de “Gli ILLUMINATI di Baviera”.
Adam Weishaupt era un ebreo, che studiò dai gesuiti (si dice che fosse un GESUITA), che al tempo
dell’inaugurazione della loggia bavarese, era docente alla cattedra di giurisprudenza dell’università dei
GESUITI a Ingolstadt. Per l’organizzazione della sua società segreta, trasse persino ispirazione
dall'organizzazione gerarchica interna dei … gesuiti (ordinamento militare severissimo e feroce). Si fece
particolarmente notare per l'accanimento contro la Chiesa ma credo che se veramente avesse
manifestato pensieri non allineati con l'organismo che lo accoglieva, quantomeno, sarebbe stato
allontanato. E in ogni caso, non furono in apparente opposizione, fin da subito, anche i Templari?
Curiosamente, in un vocabolario di Reader's Digest, al nome gesuita è attribuito l'equivalente di
"Ipocrita, simulatore" … Inoltre, nell''Enciclopedia Britannica (Vol. 1, pag. 693), si legge che "Gli
"ALUMBRADOS" (gli "ILLUMINATI") provenivano soprattutto tra i francescani e i GESUITI riformati, e
nel 1527 Sant'Ignazio di Loyola (fondatore dell'ordine dei gesuiti) fu accusato di simpatizzare con loro".
Sugli stretti contatti di Weishaupt con i religiosi, si pronunciò anche Adolph Franz Friedrich Ludwig von
Knigge, detto "Philo", adepto di grande rilievo della setta: lo accusò più volte di "tirannia" e
"GESUITISMO". Davvero strana accusa per un vero nemico della Chiesa e, ancora più strano, che
Weishaupt vicino a se (quindi nelle fila della stessa società), avesse voluto dei CLERICALI, tra i quali,
emergeva il PRETE LANZ detto "Tamerlane".
Rothschild e Weishaupt dunque, servirono a spostare esternamente all'ordine dei gesuiti la paternità
di una loro trama? Assolutamente si ma risulterà più evidente andando avanti.
I dissidi interni tuttavia, non rallentarono di un nanosecondo la marcia del grande potere, tant’è che
mantenendosi sulla falsariga del documento originale di Rothschild, subito dopo la sua fondazione, la
neonata corporazione elaborò ulteriormente il piano operativo, configurando “IL NUOVO
TESTAMENTO DI SATANA”. La traduzione del documento riportato per esteso qui sotto e redatto in 25
punti, al quale si attennero i vertici per assicurarsi il dominio del pianeta, è forse un po’ letterale ma
lampante:

Pagina 44 di 185

1)
2)
3)
4)

Usare la violenza e il terrorismo piuttosto che le discussioni accademiche.
Predicare il liberalismo per usurpare il potere politico.
Avviare la lotta di classe.
Avviare alla politica uomini astuti e ingannevoli, poiché qualsiasi codice morale espone alla
vulnerabilità.
5) Smantellare le esistenti forze dell’ordine e i regolamenti. Ricostruire tutte le istituzioni
esistenti.
6) Rimanere invisibili fino al momento in cui si è acquisita una forza tale che nessun’altra forza
ostile possa minarla.
7) Usare la psicologia di massa per controllare le folle. Senza il dispotismo assoluto non si può
governare in modo efficace.
8) Sostenere l’uso di liquori, droghe, corruzione morale e ogni forma di vizio. Questi dovranno
essere utilizzati sistematicamente da agenti per corrompere la gioventù.
9) Impadronirsi delle proprietà con ogni mezzo, per assicurarsi sottomissione e sovranità.
10) Fomentare le guerre e controllare le conferenze di pace, in modo che nessuno dei combattenti
guadagni territorio, mettendo loro in uno stato di debito ulteriore e quindi in nostro potere.
11) Scegliere i candidati delle cariche pubbliche tra chi sarà servile e obbediente ai nostri comandi,
in modo da poter essere facilmente utilizzabile come pedina nel nostro gioco.
12) Utilizzare la stampa per la propaganda, al fine di controllare tutti i punti di uscita di
informazioni al pubblico, pur rimanendo nell’ombra, liberi da colpa.
13) Far si che le masse siano preda di criminali, quindi ripristinare l’ordine per apparire come
salvatori.
14) Creare panico finanziario. La fame verrà usata per controllare e soggiogare le masse.
15) Infiltrare la massoneria per sfruttare le logge del Grande Oriente come mantello alla vera
natura del loro lavoro nella filantropia. Diffondere l’ideologia ateo-materialista tra i “Goim”
(“gentili”).
16) Quando batterà l’ora dell’incoronamento, per il nostro signore sovrano del mondo intero, la
loro influenza bandirà tutto ciò che potrebbe ostacolare la sua strada.
17) Fare uso sistematico di inganno, frasi altisonanti e slogan popolari. Il contrario di quanto
promesso potrà sempre essere fatto dopo …, questo sarà senza conseguenze.
18) Si ricordi che un regno del terrore è il modo più economico per portare rapidamente a
sottomissione.
19) Mascherarsi da politici, consulenti finanziari ed economici per svolgere il nostro mandato con la
diplomazia e senza il timore di esporre il potere segreto dietro gli affari nazionali e
internazionali.
20) L’obiettivo è il supremo governo mondiale. Sarà necessario stabilire grandi monopoli, quindi
anche la più grande fortuna dei Goym dipenderà da noi a tal punto che essi andranno a fondo,
insieme al credito dei loro governi il giorno dopo la grande bancarotta politica.
21) Usare la guerra economica. Derubare i Goym delle loro proprietà terrene e delle industrie, con
una combinazione di alte tasse e concorrenza sleale.
22) Far sì che i Goym distruggano ognuno degli altri, così nel mondo sarà lasciato soltanto il
proletariato, con pochi milionari devoti alla nostra causa e polizia e soldati sufficienti per
proteggere i loro interessi
23) Venga chiamato il “Nuovo Ordine”. Venga nominato un dittatore.
24) Instupidire, confondere, corrompere i membri più giovani della società, insegnando loro teorie
e principi che sappiano essere falsi.
25) Piegare le leggi nazionali e internazionali all’interno di una contraddizione che innanzitutto
maschera la legge, e dopo la nasconde del tutto. Sostituire l’arbitrato alla legge.

Pagina 45 di 185

Nel tempo il testo è stato "perfezionato" e per chi è interessato ad arricchire la propria conoscenza sui
Protocolli dei Savi Anziani di Sion, in fondo al libro riporto il link riferito a un documento più ampio e
completo, redatto nei primi del secolo scorso. Anche quello più recente, nella filosofia guida
comunque non cambia.
Rimanendo invece a quello sopra, avete notato corrispondenze con quanto messo in pratica dai nostri
governanti? In tal caso esultate! Ad applicare i citati venticinque punti, o quelli che possono essere
subentrati in sostituzione nel processo di affinamento, sono proprio QUEI PERSONAGGI CHE GUIDANO
LE NOSTRE VITE!!!
Naturalmente, anche guardando indietro nel tempo, si osserva che il documento qui sopra ha trovato
perfetta applicazione. Gli ultimi tre secoli, sono stati insanguinati da guerre e rivolte, spesso cruente,
come quelle combattute per la rivoluzione francese, la guerra di secessione o l'unità d’Italia,
organizzate e manovrate delle massonerie e da personaggi ignobili spacciati per eroi o rivoluzionari.
Tra le “ammirevoli” persone che le sostennero, un ruolo importantissimo l'ebbe Giuseppe Mazzini
(proprio quello che fu iscritto al COMITATO dei TRECENTO). Egli fu l' "Illustre” che prese la guida degli
Illuminati di Baviera dopo la morte di Weishaupt. Mazzini, conobbe Albert Pike, generale dell'esercito
sudista, anche detto “il diavolo del XIX secolo” che in particolare, si distinse per crudeltà e ferocia. Le
"doti" di Pike lasciarono ammirato Mazzini, che gli diede la guida di una setta massonica in America
settentrionale. Di quella divenne massima autorità, con il titolo di Sovrano Gran Commendatore del
Supremo Consiglio del Rito Scozzese Antico e Accattato. Fu questo losco figuro a dirigere l’insurrezione
del Sud che sfociò nella sanguinosa Guerra di Secessione americana (1860-1865) ma ispirò pure il Ku
Klux Klan, che tanto si sporcò di sangue per “punire” i neri d’America e sostenere la supremazia della
razza bianca.
Mazzini incaricò Pike di apportare alcune modifiche al testamento di Satana di Weishaupt (cosa
particolare per essere dichiaratamente luciferino ma che sottolinea quanto sulle logge, aleggino
falsità, opportunismo, inganno) e sotto la sua guida, nel 1871 vede la nascita un “nuovo” e più ricco
documento, che rappresenterà pure le basi di programma per la realizzazione di 3 (!!!) guerre
mondiali, al fine di instaurare il tanto sospirato “NWO”. Testimonia tale fatto Renè Chandelle,
professore universitario e storico. Nel suo libro "La congiura degli Illuminati" (ed. Il Punto d'Incontro),
sostiene che una lettera scritta dagli Illuminati il 15 Agosto 1871, oggi conservata al British Museum di
Londra", dimostri che il terzo grande conflitto che riguarderà tutto il mondo è stato programmato,
come i due precedenti.
Pike ebbe anche un ruolo nell'istituzione della “Società delle Nazioni”, attualmente
conosciuta con il nome ONU. Tale organismo è né più né meno che un COVO
MASSONICO, intriso di simboli di quella filosofia. Sullo stemma poi, meridiani e
paralleli suddividono il mondo in 33 settori (vedi immagine), esattamente quanti
sono i gradi massonici. Anche se attribuito a Pike, il progetto “Società delle Nazioni” prese avvio dal
vecchio continente, proprio come furono progettati gli STATI UNITI D'AMERICA. Pike fu solo l'ideale
pedina, mossa da Mazzini e dai “PATRIARCHI” che gli alitavano dietro. Gli USA, furono il risultato di una
complessa macchinazione finanziata da banche inglesi controllate dagli ILLUMINATI Rothschild
(GUARDIATESORI DEL VATICANO) e Montefiore. Ma per prendere due piccioni con una fava, i creatori
degli USA non si limitarono all'aspetto politico/economico e la trama servì pure a piazzare la mafia ai
vertici del nuovo continente. Per curiosità, il termine MAFIA sembra essere l'acronimo di "Mazzini
Autorizza Furti, Incendi, Attentati" …
L'operazione di infiltramento, vide coinvolto lo statista e alto esponente sionista d’Inghilterra
Benjiamin Disraeli, famoso più che altro per aver pronunciato la seguente frase: "Il mondo è governato
da personaggi ben diversi da quelli creduti da coloro i quali non sanno guardare dietro le quinte" …
Bernays non parlò forse di GOVERNO INVISIBILE? Nel Nord America, la cricca sionista nominò a capo
della mafia, un certo Joseph Macheca con ispirazioni antirazziali alla Pike (tanto per pescare in
famiglia). Appena terminata la guerra di secessione, Macheca sostenne la candidatura a presidente
degli USA di Horatio Seymour. Vinse invece Ulysses S. Grant, utile a far credere all'opinione pubblica

Pagina 46 di 185

che il Potere non propriamente trasparente, fosse efficacemente contrastato. Ma Grant, era anch’egli
assoggettato alla massoneria, come tutti i presidenti che lo seguirono. Questo il clima di libertà che gli
Stati Uniti, spacciati come più democratici del nostro, da quel tempo respirano … Si può immaginare la
situazione nel vecchio continente, nel quale l'UFFICIO Vaticano non doveva tessere alcuna trama,
perché già perfettamente ordita dell'impero romano, retto dal cristianesimo.
Ora il mondo vede dominare altri personaggi, altri attori, con altri nomi ma con i medesimi fini. Si può
infatti notare uno scenario economico/politico/etico orientato verso gli stessi obiettivi; personaggi che
riempiono le pagine di quotidiani e telegiornali, altrettanto indaffarati ad uccidere l'economia per
arrivare al conflitto bellico e, indaffarati a mettere le basi per un NUOVO ORDINE MONDIALE. Cosa
questa, che non si coglie solo dalle loro condotte ma pure da ciò che esprimono palesemente in
pubblico …
Ecco come il Presidente massone Giorgio Napolitano, con un discorso del 31 dicembre 2006, ci ha
messo di fronte alla realtà che non vogliamo vedere: “C’è sintonia tra me e PAPA BENEDETTO XVI nel
sostenere un NUOVO ORDINE MONDIALE”. E ancora Napolitano il 4 Novembre 2007 al Quirinale,
durante il suo intervento nella Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate: “Si richiede un nuovo
sforzo di coesione nazionale e un concreto impegno per garantire la pace al di fuori dei confini della
stessa Europa e contribuire alla costruzione di un NUOVO ORDINE MONDIALE“. Parole simili, non sono
forse state pronunciate in ogni angolo del globo? Questo quanto ci perviene da David Spangler,
direttore dell’INIZIATIVA PLANETARIO, Nazioni Unite: “NESSUNO ENTRERÀ NEL NUOVO ORDINE
MONDIALE, A MENO CHE LUI O LEI PRENDERÀ L’IMPEGNO DI ADORARE LUCIFERO. NESSUNO ENTRERÀ
NELLA NUOVA ETÀ, A MENO CHE NON PRENDERÀ UN’INIZIAZIONE LUCIFERINA”. Chiaro? Ed ecco lo
stralcio del discorso tenuto nel covo satanico delle Nazioni Unite il 7 dicembre 1988, da Mikhail
Gorbachev: "Oggi, l'ulteriore progresso del mondo è possibile solamente attraverso una ricerca rivolta
ad un concetto universale dell'uomo, muovendoci verso un NUOVO ORDINE MONDIALE". Mentre l'11
settembre 1991 il presidente americano George Bush, dal suo studio ovale di Washington, annunciò
che si era "[…] giunti all'alba di un NUOVO ORDINE MONDIALE". Stesse parole le pronunciò Kofi Annan
ma pure David Rockefeller, il 23 settembre 1994, alla cena degli ambasciatori alle Nazioni Unite disse
qualcosa al riguardo: "… Siamo sul limite di una trasformazione globale. TUTTO CIÒ DI CUI ABBIAMO
BISOGNO È DELLA CRISI PER ECCELLENZA, e le Nazioni accetteranno il NUOVO ORDINE MONDIALE".
Queste invece, le parole del premio Nobel per la "Pace" Barack Obama, pronunciate il 5 Novembre
2008 in occasione dell'elezione alla presidenza USA: "Oggi è un giorno di grande speranza e di grande
rinnovamento, di fiducia per la causa della libertà, della pace, per un NUOVO ORDINE MONDIALE". Dalla
Francia, nel gennaio 2009 all'Eliseo, il Presidente Sarkozy, dopo gli auguri di Buon Anno al corpo
diplomatico straniero, fece sapere al mondo che: "Noi andremo insieme verso questo NUOVO ORDINE
MONDIALE e nessuno, dico nessuno, potrà opporsi, perché attraverso il mondo, le forze al servizio del
cambiamento sono considerevolmente più forti del conservatorismo e immobilismo". E dall'Inghilterra?
Ecco cosa annunciò il primo ministro Gordon Brown il 2 Aprile 2009, nel discorso di chiusura del
summit G-20 di Londra: "Io penso che stia emergendo un NUOVO ORDINE MONDIALE e con esso la
fondazione di una nuova e progressiva era di cooperazione internazionale".
Ma perché Napolitano parlò di accordo con papa Benedetto XVI? Forse, ci è sfuggito qualcosa?
Retrocediamo al 16 Marzo del 1942. Con un articolo intitolato "American Malvern", la rivista Time
affrontò il tema del Federal Council of Churches (Consiglio Federale delle Chiese), che più tardi diverrà
una parte del World Council of Churches (Consiglio Mondiale delle Chiese), sottolineando lo sforzo per
instaurare un'autorità religiosa globale. Un comitato di direzione di questo organismo si dichiarò
favorevole a: "Un GOVERNO MONDIALE DEI POTERI DELEGATI; forti e immediate limitazioni alla
sovranità nazionale; controllo internazionale su tutti gli eserciti e sulla marina militare". I 375
rappresentanti di alcune delle trenta denominazioni asserirono che: "un NUOVO ORDINE della vita
economica è sia imminente che imperativo. Un NUOVO ORDINE che si realizzerà certamente, o
attraverso la cooperazione volontaria all'interno della struttura della democrazia, O ATTRAVERSO UNA
RIVOLUZIONE ESPLOSIVA". Vi faccio notare che questo stralcio di discorso, non solo ci fa intravvedere

Pagina 47 di 185

quanto la Chiesa fosse sostenitrice dell'NWO, ma pure che quei "religiosi", non si fecero il minimo
scrupolo ad usare parole minacciose e pesantissime, degne di proclami hitleriani, e senza che la
stampa lo sottolineasse a caratteri cubitali! Proprio lo stesso Adolf Hitler appena tirato in ballo,
menzionò molteplici volte l'NWO come sua meta. Questa una frase uscita dalla sua bocca: "Il NazionalSocialismo userà la propria rivoluzione per instaurare un NUOVO ORDINE MONDIALE".
In riferimento al World Council of Churches (Consiglio Mondiale delle Chiese), è importante osservare
che nasce ad Amsterdam nel 1948 con il finanziamento dell'ILLUMINATO … Rockefeller.
"Curiosamente", il World Council of Churches, fu tra i maggiori beneficiari delle ricerche sulla
manipolazione mentale compiute al Tavistoke Institute; tra i primi presidenti del WCC vi fu il
novantanovesimo arcivescovo di Canterbury, Geoffrey Francis Fisher. Costui era stato GRAN MAESTRO
PROVINCIALE di Norfolk (cfr. William R. Denslow e Harry S. Truman, 10,000 Famous FREEMASONS
from A to J Part One, pag. 51-52).
Dunque, la Chiesa ancora una volta evidenziò l'anima oscura, ma per mettere ben in luce il gioioso
scenario, vi suggerisco di leggere il prosieguo, tenendo a mente i punti in elenco:
ï‚· I CAVALIERI DI MALTA sono LE MILIZIE DEL PAPA.
ï‚· Fu il "CAVALIERE DI MALTA" Mayer Amshel ROTHSCHILD (quello del TESTAMENTO di SATANA),
a finanziare il gruppo segreto degli "ILLUMINATI DI BAVIERA".
 L'NWO, è sempre stato un pallino degli ILLUMINATI DI BAVIERA, quindi di quella congrega
manifestamente SATANISTA.
 Il Gruppo BILDERBERG (quello che tanto animatamente sostiene l'NWO) è stato fondato dal
CAVALIERE DI MALTA e ILLUMINATO Joseph Hieronim Retinger (uno che si preparò nel
seminario gesuita di Roma e per questo definito "Eminenza Grigia"), e dal Principe, CAVALIERE
DI MALTA e ILLUMINATO Bernardo d'Olanda.
ï‚· Sovvenzionatore del GRUPPO BILDERBERG e per molti anni alla presidenza, fu il CAVALIERE DI
MALTA, nonché ILLUMINATO, nonché GUARDIATESORI DEL VATICANO Sherman ROTHSCHILD.
Ciò detto, ripassiamoci altri sintomatici discorsi che sulle masse, sembrano aver lasciato la stessa
impressione di un alito di vento.
GIOVANNI PAOLO II, durante il quarantesimo anniversario della "Pacem in terris" parlò de: "… la
consapevolezza della necessità di un NUOVO ORDINE MONDIALE da costruire". Altrettanto affermò
papa BENEDETTO XVI - che non fu tirato in ballo senza motivo da Napolitano - esprimendo in
un'omelia dell'Epifania: "[…] l'esigenza di elaborare un NUOVO ORDINE MONDIALE politico ed
economico". Ancora più "toccante", la frase pronunciata il 25 dicembre 2005 a Roma, durante la
"Benedizione Urbi et Orbi": "Uomo moderno, adulto eppure talora debole nel pensiero e nella volontà,
lasciati prender per mano dal Bambino di Betlemme; non temere, fidati di Lui! La forza vivificante della
sua luce ti incoraggia ad impegnarti nell’edificazione di un NUOVO ORDINE MONDIALE …".
Con frasi di questo tenore si potrebbe scrivere un intero libro ma mi limito ad aggiungerne un'altra
sola, apparsa sull'ACTA Apostolicae Sedis (gazzetta ufficiale della Santa Sede e del Vaticano) a febbraio
2007. Alle pagine 61-62 si legge il seguante passo: "In verità, tutto il Concilio Vaticano II fu mosso
dall'anelito di annunciare all'umanità contemporanea Cristo, luce del mondo. NEL CUORE DELLA
CHIESA, A PARTIRE DAL VERTICE DELLA SUA GERARCHIA, emerse impellente, suscitato dallo Spirito
Santo, il desiderio di una nuova epifania di Cristo al mondo, un mondo che l'epoca moderna aveva
profondamente trasformato e che per la prima volta nella storia si trovava di fronte alla sfida di una
civiltà GLOBALE, dove il centro non poteva più essere l'Europa e nemmeno quelli che chiamano
l'Occidente e il Nord del mondo. Emergeva l'esigenza di elaborare un NUOVO ORDINE MONDIALE
politico ed economico, ma al tempo stesso soprattutto spirituale e culturale, cioè un rinnovato
umanesimo. Con crescente evidenza si imponeva questa constatazione. Un NUOVO ORDINE MONDIALE
economico e politico non funziona se non c'è un rinnovamento spirituale, se non possiamo avvicinarci
di nuovo a Dio e trovare Dio in mezzo a noi. Già prima del Concilio Vaticano II, COSCIENZE ILLUMINATE

Pagina 48 di 185

DI PENSATORI CRISTIANI avevano intuito ed affrontato questa sfida epocale. Ebbene, all'inizio del terzo
millennio ci troviamo nel vivo di questa fase della storia umana, che è stata ormai tematizzata intorno
alla parola GLOBALIZZAZIONE".
Ora è un po' più chiaro cosa cova dietro all'NWO e dunque, dietro alle massonerie?
Qualche altro dettaglio? PAOLO VI aprì le porte della "cittadella dell'amore" a Licio Gelli e Umberto
Ortolani, come pure a Michele Sindona. Vi pare roba da niente? Gelli e Ortolani, erano entrambi
portabandiera della P2 e avevano la nomina di CAVALIERE DI MALTA! Significa che erano al servizio del
Santo papa e a egli avevano prestato GIURAMENTO DI FEDELTÀ ASSOLUTA! Ortolani fu persino
nominato "Gentiluomo di Sua Santità", onorificenza che gli permetteva di accedere alla residenza del
papa in qualsiasi momento, senza preannuncio, mentre nel 1965, sempre PAOLO VI, conferì a Licio
Gelli - allora capitano della P2 - la nomina a "Commendatore Equitem Ordinis Sancti Silvestri Papae".
Per meglio afferrare lo spirito della "fratellanza" tra il pontefice e quei due, è necessario abbiate chiara
l'origine della P2 e di ciò che esprime dal profondo. Ve la spiego in un baleno. Fu Giuseppe Mazzini a
fondare la P1 (loggia "PROPAGANDA 1"). Prima della morte nominò suo successore Adriano Lemmi, al
quale lasciò il compito di fondare la P2. Pensate che in certi ambienti, l'attenzione a mantenere acceso
il fuoco ispiratore cada in secondo piano? Al contrario, i valori su cui si reggono certi raggruppamenti
sono rispettati in modo persino maniacale e Lemmi, non fu scelto a caso. Per rendervene conto,
dovete solo scorrere le parole di una ispirata ode composta dal Lemmi al suo dio: "A te se ne vanno i
miei pensieri; io t'invoco, o SATANA, re del banchetto!... Io ti saluto SATANA, o ribellione, o forza
invincibile, della ragione! A te salgano i voti e l'incenso sacro!".
Vi sovviene che Gelli e Ortolani, oltre a essere successori dello stesso filone di pensiero dei satanisti
Mazzini e Lemmi, dovevano per forza essere accordati ai principi di papa Paolo VI, altrimenti in
Vaticano non sarebbero stati accolti in quel modo?
C'è poi da osservare che nella storia della Repubblica italiana, quando si parla di anni insanguinati, di
stragi, omicidi eccellenti, sequestri, traffici di armi e disordini, troviamo sempre Gladio. Ponendo
continua attenzione ai collegamenti, nel caso Aldo Moro, testimoni (tra cui la vedova) asserirono che
Moro fu minacciato dall'uomo BILDERBERG Henry Kissinger. Poco dopo fu rapito e ucciso. Si stabilì che
dietro c'era anche BUSH (altro BILDERBERG e CAVALIERE DI MALTA) e il rapimento fu opera di Gladio,
al cui coordinamento vigilava la CIA.
Questo è quanto dirà il magistrato Libero Mancuso: "Il capo della GLADIO Mike Sednaoui, vice capo
della CIA a Roma, reclutava nella P2: se non si era della P2, difficilmente si dava quella garanzia di
affidabilità richiesta". Per niente marginale un dettaglio: la CIA fu creata ed è comandata da CAVALIERI
DI MALTA (gente che quindi presta GIURAMENTO DI FEDELTÀ AL PAPA), quindi da gente spesso uscita
dalle università GESUITE, e che inoltre, è gestita e diretta da quel covo di CAVALIERE DI MALTA
chiamato GRUPPO BILDERBERG.
A riportarci proprio al BILDERBERG e a ciò che soffia alle spalle, è pure il giudice Ferdinando
Imposimato (il quale parla di strage di Stato anche a proposito dell'11 settembre). Afferma che dietro
alle stragi e alla strategia della tensione in Italia, vi fossero proprio i BILDERBERGER (vedi link video), e
che il collegamento fosse stato scoperto da Emilio Alessandrini; cosa questa che gli costò la vita.
Che il GRUPPO trami da dietro le quinte, è pure reso noto da William Cooper, anziano Sott'Ufficiale dei
Servizi Segreti della Marina Statunitense, che include nel suo libro “Behold a pale horse” (Light
Technology 1991), del materiale top secret, nel quale è illustrato il pensiero e la strategia adottati dal
comitato politico del GRUPPO. In sostanza Cooper spiega che il documento, è un vero manuale per
ottenere il controllo del mondo. Cosa questa, che si riallaccia ai PROTOCOLLI dei SAVI di SION e ai fatti
messi in luce da Imposimato. Quell'Imposimato, che nel suo libro LA REPUBBLICA DELLE STRAGI
IMPUNITE, riporta un resoconto di Guido Giannettini (ex agente SID) alla requisitoria di Emilio
Alessandrini su Piazza Fontana, in cui è dichiarato apertis verbis: “La radice di questa trama
internazionale si trova a Washington, MOLTI DEI TRAMITI MAGGIORI SI TROVANO A ROMA, IN
VATICANO ...".

Pagina 49 di 185

È ovvio che Giannettini, da una parte per essere in qualche modo credibile e in parte per
salvaguardarsi la ghirba, disse una mezza verità ed evitò di puntare il dito dritto sul papa. Quella gente
non espone mai i panni sporchi tutti in una volta, è parte dell'addestramento, e i fatti reali vanno capiti
mettendo insieme i cocci.
Si può almeno osservare senza dover dipanare troppi garbugli, che tutti i partiti, i vertici delle
istituzioni ed i governi che si sono susseguiti negli ultimi decenni sono INFARCITI DI UOMINI
RICONDUCIBILI A QUEL GRUPPO. Per "fortuna" Monti (pure egli BILDERBERGER) a seguito di molte
richieste di chiarimento, ci fa candidamente sapere che: "IL BILDERBERG È COSA BUONA…".
Indubbiamente … come lo fu per Paolo Borsellino che aveva anch'egli tracciato alcuni collegamenti con
quel vertice, e nella sua agenda rossa scrisse: "Mi uccideranno ma non sarà una vendetta della mafia,
LA MAFIA NON SI VENDICA. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli
che avranno voluto la mia morte saranno ALTRI" …
Il vertice degli "ALTRI", è ovvio che sia riferito a quelli che "FORMANO alla missione del servizio", come
si legge su un articolo pubblicato dal CORRIERE DELLA SERA, dal titolo "L'INTERNAZIONALE DEI
GESUITI": "Barroso e Van Rompui, Monti e Draghi, Clinton e Castro: tutti si sono formati alla stessa
scuola, un impero nel mondo. FORMIAMO LEADER CON LA MISSIONE DEL SERVIZIO". Tale
affermazione, in unione al fatto che quei signori sono TUTTI MASSONI, quasi tutti frequentatori del
BILDERBERG e in gran parte CAVALIERI DI MALTA, nel caso non mi sia ancora riuscito di spiegarlo
compiutamente, evidenzia il segue quadro: i potenti della Terra, come Napolitano, Bush, Sarkozy,
Hollande, Obama, Brown, Rockefeller, Rothschild, Putin ecc. ecc., erano e sono ai remi della stessa
barca, al cui timone erano e sono Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e Francesco
I, che è persino gesuita e quindi appartiene alla corrente (MILITARE ma erroneamente creduta
religiosa) più malvagia, feroce e sanguinaria (per capirci, quella che sostenne la Santa inquisizione)
della Chiesa. E proprio quella che FORMA LEADER CON LA MISSIONE DEL SERVIZIO.
Deve pertanto stupire che un essere spregevole come Mazzini, abbia potuto espandere tanta
negatività in piena libertà, e nonostante ciò, sia stato elevato a personaggio degno d'ammirazione, e
onorato (non avviene lo stesso per i Nobel per la Pace?) con infinite targhe agli angoli di piazze e vie?
Alle sue spalle, alitava l'associazione delinquenziale più potente e camaleontica del globo: QUEL
MOSTRO CHIAMATO VATICANO …
Se ciò che ho espresso è quanto emerge dai fatti, va pure messo in evidenza che alcune dichiarazioni
massoniche ci presentano una realtà ribaltata. In un documento redatto negli USA nel 1953 si legge:
“Noi potremmo vincere la religione cattolica. Non col ragionamento, ma unicamente pervertendo i
costumi”. Parole dalle quali trasuda un'ostentazione
di potenza che lascia immaginare un Vaticano inerme
di fronte al malefico disegno, e fanno intendere che la
religione e l’istituzione cattolica, siano povere e
innocenti vittime avversate dal cancro che tutto
divora. Tuttavia, troppi altri dettagli ridimensionano
l'affermazione a mera fanfaronata con scopo
depistante.
A dare sostegno alle accuse contro la Chiesa, anche
delle immagini nelle quali sono rappresentati alcuni
cenni simbolici. Nel libro "Duncan's Masonic Ritual
and Monitor", a pag. 42 (foto), sono mostrati i "token" o gesti (in questo caso strette di mano), per
mezzo dei quali i massoni affermano la loro "fedeltà a una confraternita". Confrontateli con le altre
immagini, rammentando che il giornalista Mino Pecorelli (altri dettagli al capitolo 17, "IL NIDO DELLE
SERPI"), divenne protagonista della ribalta quando stilò la lista (che fu all'origine del suo omicidio) di
112 PIDUISTI (!!!) in abito talare, rendendo "troppo" visibile l'ANIMA della Chiesa.


Documenti correlati


Documento PDF circolare n 27 e del 13 giugno 2016
Documento PDF circ41 pdf
Documento PDF juvetoro speciale champions n 25 bassa ok
Documento PDF dl193 pdf
Documento PDF giornata ambiente 5 6 14
Documento PDF infoshop


Parole chiave correlate