File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Assistenza Contattaci



Romeo e Giulietta .pdf



Nome del file originale: Romeo e Giulietta.pdf
Titolo: Microsoft Word - Romeo e Giulietta.rtf
Autore: Alby

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da PScript5.dll Version 5.2 / Acrobat Distiller 5.0.5 (Windows), ed è stato inviato su file-pdf.it il 03/05/2017 alle 16:19, dall'indirizzo IP 37.182.x.x. La pagina di download del file è stata vista 3871 volte.
Dimensione del file: 384 KB (148 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


WILLIAM SHAKESPEARE

ROMEO E GIULIETTA
Tragedia in un prologo e 5 atti

Traduzione e note di Goffredo Raponi

Titolo originale: “THE MOST EXCELLENT AND LAMENTABLE TRAGEDY OF
ROMEO AND JULIET”

1

NOTE PRELIMINARI
1) Il testo inglese adottato per la traduzione è quello dell’edizione dell’opera completa di
Shakespeare curata dal prof. Peter Alexander (William Shakespeare - “The Complete Works”,
Collins, London & Glasgow, 1960, pp. XXXII-1370) con qualche variante suggerita da altri
testi, in particolare la più recente edizione dell’“Oxford Shakespeare” curata da G. Welles & G.
Taylor per la Clarendon Press (New York, U.S.A., 1994, pp. XLXIX - 1274; quest’ultima
comprende anche “I due nobili cugini” (“The Two Noble Kinsmen”) che manca nell’Alexander.
2) Alcune didascalie sono state aggiunte dal traduttore di sua iniziativa per la migliore
comprensione dell’azione scenica alla lettura, cui questa traduzione è essenzialmente ordinata
ed intesa. Si è lasciata comunque invariata all’inizio e alla fine della scena, o all’entrata ed
uscita dei personaggi nel corso della stessa scena, la rituale indicazione “Entra”/ “Entrano”
(“Enter”) e “Esce”/ “Escono” (“Exit”/ “Exeunt”), avvertendo peraltro che non sempre essa
indica movimenti di entrata/uscita, potendosi dare che i personaggi cui si riferisce si trovino già
in scena all’apertura di questa, o vi restino alla chiusura.
3) Il metro è l’endecasillabo sciolto, intercalato da settenari; altro metro si è usato per rendere
citazioni, proverbi, canzoni, strambotti, bagattelle ecc., ogni qualvolta sia stato richiesto, in
accordo col testo, uno stacco di stile.
4) I nomi dei personaggi sono resi nella forma italiana.
5) Il traduttore riconosce di essersi avvalso di traduzioni precedenti dalle quali ha preso anche in
prestito, oltre all’interpretazione di passi controversi, intere frasi e costrutti, di tutto dando
opportuno credito in nota.

2

PERSONAGGI
Il CORO
Il PRINCIPE DELLA SCALA

signore di Verona

PARIDE

giovane nobile di Verona, parente del principe

MONTECCHI
CAPULETI

capi di famiglie in contesa tra loro

ROMEO

figlio del Montecchi

BENVOLIO

nipote del Montecchi, cugino di Romeo

MERCUZIO

parente del principe e amico di Romeo

TEBALDO

nipote di Monna Capuleti

FRATE LORENZO
FRATE GIOVANNI

francescani

BALDASSARE

servitore di Romeo

SANSONE
GREGORIO
PIETRO

servitori del Capuleti

ABRAMO

servitore del Montecchi

MONNA CAPULETI
GIULIETTA
La NUTRICE di Giulietta
Lo ZIO dei Capuleti

moglie del Capuleti e madre di Giulietta
figlia del Capuleti

MONNA MONTECCHI

moglie di Montecchi e madre di Romeo

Uno SPEZIALE
Tre Musici - Il Paggio di Paride - Un altro Paggio - Un Ufficiale
Cittadini di Verona - Parenti delle due famiglie - Maschere - Guardie - Vigili - Persone del
seguito

S C E N A : a Verona, per la maggior parte del dramma;
a Mantova nella I scena del V atto

3

PROLOGO
Entra il CORO
CORO -

Nella bella Verona,
dove noi collochiam la nostra scena,
due famiglie di pari nobiltà;
ferocemente l’una all’altra oppone
da vecchia ruggine nuova contesa,
onde sangue civile va macchiando
mani civili. Dai fatali lombi
di questi due nemici ha preso vita
una coppia di amanti
da maligna fortuna contrastati(1)
la cui sorte pietosa e turbinosa
porrà, con la lor morte,
una pietra sull’odio dei parenti.
Del loro amore la pietosa storia,
al cui terribil corso porrà fine
la loro morte, e dei lor genitori
l’ostinata rabbiosa inimicizia
cui porrà fine la morte dei figli:
questo è quanto su questo palcoscenico
vi rappresenteremo per due ore.
E se ad esso prestar vorrete orecchio
pazientemente, noi faremo in modo,
con le risorse del nostro mestiere,
di sopperire alle manchevolezze
dell’angustia di questa nostra scena.(2)

(1)

“… star-crossed”: “contrastati da (maligna) stella”.
Il testo ha semplicemente: “what here you shall miss”, dove “here” si riferisce all’angustia degli spazi e dei mezzi
della rappresentazione scenica, che non può raffigurare fisicamente tutto il corso degli eventi.
(2)

4

ATTO PRIMO
SCENA I - Verona, una piazza davanti alla casa dei Capuleti
Entrano SANSONE e GREGORIO con spada e scudo
SANSONE -

E che! Siam tipi da portar carbone,
noialtri?

GREGORIO -

Ah, certo no!
Noi paghiamo a misura di carbone!(3)

SANSONE -

E se ci salta poi la mosca al naso
tiriamo fuori questa.
(Indica la spada al suo fianco)

GREGORIO -

Che scoperta!
È come se dicessi: “Finché vivo
tiro fuori il mio collo dal collare”.(4)

SANSONE -

Io, se mi smuovo, le scarico brutte.

GREGORIO -

Sì, soltanto che a smuoverti e a menare
ci metti qualche tempo.

SANSONE -

Basta ch’io veda un cane di Montecchi.
Mi basta quello per farmi scattare.

GREGORIO -

Già, ma scattare è muoversi;
rimanere ben saldi sulle gambe,
quello è coraggio. Se tu scatti, scappi.

(3)

Con questa scena in apertura del dramma, e con tutta una sequenza di “quibbles”, giochi di parole e doppi sensi,
affidata al dialogo tra questi due personaggi secondari, Shakespeare crea subito l’atmosfera di rugginosa rivalità e
grossolana gradasseria che darà luogo tra poco allo scontro armato.
Sansone, servo dei Capuleti, uscendo da casa dice al collega: “We’ll not carry coal”, letteralm. “Non porteremo
carbone”, frase idiomatica per “Non sopporteremo provocazioni” (pensa già allo scontro con gli uomini dei
Montecchi). La frase in italiano non ha senso, ma s’è dovuta rendere così, come han fatto tutti gli altri curatori. Il
Carcano (Hoepli, 1875) ripreso dal Chiarini (Sansoni, Firenze, 1939) traduce: “Pagheremo a misura di carbone”. Non
ha molto senso nemmeno questa, ma l’abbiamo adottata, in mancanza di meglio.
(4)
Gregorio risponde: “No, for then we should be colliers”. “Colliers” è “facchini”; ma Sansone intende “choler”,
“collera”, e risponde: “Se montiamo in collera, sfoderiamo”. L’altro prende a sua volta “choler” per “collar”,
“collare”, il sottogola che aveva il costume dell’epoca, e dice: “Se dici “Quando siamo nel collare “sfoderiamo” il
collo”, non dici niente di nuovo, perché è cosa del tutto naturale che il collo stia nel collare”.
5

SANSONE -

No, so scattare pure stando fermo:
mi basta d’incontrarmi con un cane
di quella gente là. Fa’ che l’incontro,
sia maschio o femmina, io prendo il muro.(5)

GREGORIO -

Con questo fai vedere che sei stroppio;
perché al muro ci va sempre il più debole.

SANSONE -

Questo è vero; è per questo che le donne
che sono i vasi più deboli e fragili,(6)
vanno sempre appoggiate spalle al muro.
Perciò io sai che faccio?
Caccio dal muro i servi dei Montecchi
e ci appoggio le serve.

GREGORIO -

Qui però
ci sarà da vedersela fra uomini,
padroni e servi.

SANSONE -

Per me fa lo stesso.
Mi mostrerò tiranno:
combattuto che avrò coi loro uomini,
sarò gentile con le loro donne…
Taglio loro la testa.

GREGORIO -

Ma che dici!
Vuoi tagliare la testa alle ragazze?

SANSONE -

La testa… Insomma far loro la festa.
Prendila come vuoi.(7)

GREGORIO -

Non sono io,
sono esse che se la devon prendere
nel senso che vuoi tu.

SANSONE -

E puoi star certo
che fintanto che mi sto ritto in piedi,
quelle mi sentiranno. Lo san tutte
che bel tocco di carne è il sottoscritto.

(5)

“I will take the wall”: “to take the wall (of a person)” è frase idiomatica per “prendere la destra” (la posizione del
più importante camminando) o “prendersi il privilegio di camminare lungo il muro, come nella parte più sicura e pulita
della strada”. (Si ricordi il “Fate luogo!” del giovane Lodovico, il futuro Fra’ Cristoforo dei “Promessi Sposi”).
(6)
“… being the weaker vessel…”: “vessel”, “vaso”, è termine di risonanza biblica, per la cui dottrina il corpo è il
“vaso contenitore” dell’anima.
(7)
Sansone è il tipo del soldato smargiasso di stampo plautino cui si addice il linguaggio scurrile: qui gioca coi termini
“maid”, “vergine”, “head”, “testa” e la parola composta dai due: “maidenhead”, “verginità” (“I will cut the heads of
the maids, or their maidenheads”, “Taglierò le teste alle vergini o le loro verginità”). Si è cercato di rendere alla meglio
il bisticcio prendendo a prestito dal Lodovici l’assonanza “testa”/ “festa”.
6

GREGORIO -

E buon per te che non sei nato pesce,
perché saresti nato stoccafisso…
Piuttosto tira fuori quell’arnese,
che arriva gente di Casa Montecchi.
Entrano ABRAMO e BALDASSARRE

SANSONE -

Io la mia lama l’ho bell’e snudata.
Attacca tu per primo. Io ti spalleggio.

GREGORIO -

“Spalleggio”… che vuoi dire?
Mi rivolgi le spalle e te ne scappi?

SANSONE -

No, non temere.

GREGORIO -

Eh, di te ho paura.

SANSONE -

Restiamo dalla parte della legge,
lascia che siano loro a cominciare.

GREGORIO -

Io gli passo davanti,
e gli faccio gli occhiacci del dispetto.
E la prendano pure come vogliono.

SANSONE -

La prenderanno come avranno il fegato.
Io gli faccio gli occhiacci,
mi mordo il pollice in faccia a loro,
e lo faccio schioccare, ch’è un insulto.(8)
E se la prendon male, tanto meglio.
(Fa il gesto di mordersi il pollice)

(8)
(9)

ABRAMO -

Per noi ti mordi il pollice, compare?

SANSONE -

Io sì, mi mordo il pollice.

ABRAMO -

Ti sto chiedendo s’è verso di noi
che te lo mordi. Rispondimi a tono.

SANSONE -

(A Gregorio, a parte)
Se rispondo di sì, sto nella legge? (9)

GREGORIO -

(A Sansone, a parte)
No.

Il gesto di mettersi il pollice in bocca (“to bite the tumb”) e farlo schioccare era considerato grave insulto.
“Is the law on our side?”, letteralm.: “È la legge dalla nostra parte?”.
7

SANSONE -

No, compare. Se mi mordo il pollice,
non è per voi. Però mi mordo il pollice.
Ma non vorrete mica attaccar briga?

ABRAMO -

Briga, noi? No.

SANSONE -

Ma se n’aveste l’uzzolo,
io sono a vostra piena discrezione.
Il mio padrone vale quanto il vostro.

ABRAMO -

Ma non di più.

SANSONE GREGORIO -

D’accordo.
(A Sansone, a parte)
Di’ “di più”,
sta venendo un parente del padrone.

SANSONE -

Vale di più, sissignore!

ABRAMO SANSONE -

Tu menti!
Fuori le spade, se siete degli uomini!
Gregorio, pronto con il tuo fendente.
(Si battono)
Entra BENVOLIO

BENVOLIO -

Fermi, insensati, fermi! Giù le spade!
Idioti! Non sapete quel che fate!
(S’intromette, e con la propria spada fa abbassare a
terra quelle dei contendenti)
Entra TEBALDO e s’accosta a Benvolio, sussurrando

TEBALDO -

Sei bravo, eh?, Benvolio, a trar la spada
in mezzo a questi timidi cerbiatti!
Vòltati, e guarda in faccia la tua morte.

BENVOLIO -

Sto solo a metter pace tra costoro.
Perciò rinfodera, o almeno adoprala
a darmi mano a rappacificarli.

TEBALDO -

Che! Tu parli di pace spada in pugno?
Questa parola “pace” io la odio
come l’inferno, i tuoi Montecchi e te!
A te, vigliacco, in guardia! Fatti sotto!

8

Si battono. Entrano parecchie persone delle due
famiglie e si accende una zuffa generale; poi
sopraggiungono dei cittadini armati di mazze
CITTADINI -

Mazze ferrate! Picche! Partigiane!
Datevi addosso, ammazzatevi tutti!
Capuleti, Montecchi, morte a tutti!
Entra il vecchio CAPULETI, uscendo di casa,
in vestaglia, con MONNA CAPULETI

CAPULETI -

Che diavolo di pandemonio è questo?
Qua il mio spadone!

MONNA CAPULETI -

Sì, la tua stampella!
Una stampella dategli, piuttosto!
Perché chiedi una spada, che vuoi farci?

CAPULETI -

Il mio spadone! C’è il Montecchi, il vecchio,
che viene a provocarmi, spada in pugno!
Entrano il vecchio MONTECCHI con MONNA
MONTECCHI

MONTECCHI -

Vile d’un Capuleti!
(Fa per slanciarsi, spada in pugno, contro il Capuleti,
ma la moglie lo trattiene)
… E non tenermi!
Lasciami andare!

MONNA MONTECCHI -

Non farai un passo,
per andarti a scontrar con un nemico.
Entra il PRINCIPE SCALIGERO col suo seguito

9

PRINCIPE -

Sudditi ribellanti,
nemici della pace,
profanatori delle vostre spade
con sangue cittadino!… Non m’ascoltano!…
Oh, dico a voi, non uomini, ma bestie,
che spegnete la perniciosa rabbia
che v’infiamma nelle vermiglie polle
sgorganti dalle vostre vene! Fermi!
Da quelle vostre mani insanguinate,
gettate a terra, a pena di tortura,
i maltemprati acciai,
ed ascoltate la vostra condanna
dalle labbra dello sdegnato Principe.
Tu, vecchio Capuleti, e tu, Montecchi,
avete già tre volte disturbato
la bella quiete delle nostre strade
con zuffe sorte da parole al vento,
e costretto anche i vecchi cittadini
di Verona a gettar l’austere vesti
per tornare a impugnar le vecchie picche,
ormai coperte di ruggine in pace,
per separare il vostro antico odio.
Se disturbate ancor le nostre strade,
saran le vostre vite, ve lo giuro,
a pagar la rottura della pace.
Per questa volta, tutti gli altri a casa.
Tu, Capuleti, vieni via con me,
e tu, Montecchi, questo pomeriggio
tròvati nella vecchia Villafranca
dov’è la nostra Corte di Giustizia,
per conoscer le loro decisioni
sul seguito da dare a questo caso.
Ora via tutti: a pena capitale,
ordino a tutti di sgombrare il campo!
(Escono il Principe col seguito, Capuleti,
Monna Capuleti, Tebaldo e gli altri)
Restano il vecchio MONTECCHI, MONNA
MONTECCHI e BENVOLIO

MONTECCHI -

Di’ un po’, nipote, chi ha rinfocolato
quest’annosa querela?
Tu eri qui quando hanno cominciato?

10

BENVOLIO -

Quand’io sono arrivato era già in corso
tra i loro e i vostri una dannata rissa.
Per cercare di separarli ho tratto
la mia spada, ma in quello stesso istante
è sopraggiunto irruente Tebaldo,
spada in pugno, e fiatandomi agli orecchi
baldanzosi propositi di sfida,
comincia a sventagliarsela sul capo
fendendo l’aria che, non vulnerabile,
fischiava, come a beffarsi di lui.
Mentre ci scambiavamo colpo a colpo,
e la gente accorreva da ogni parte,
e la zuffa cresceva e s’ingrossava,
è giunto il Principe, che ci ha divisi.

MONNA MONTECCHI -

Romeo dov’è? L’hai visto stamattina?
Sono proprio contenta
che non si sia trovato in questa rissa.

BENVOLIO -

Signora, vi dirò: questa stamattina,
poco prima che il sole s’affacciasse
all’indorata finestra d’oriente,
un certo turbamento dello spirito
m’aveva spinto a uscir fuori di casa;
e proprio là, sotto quel bosco d’aceri(10)
che sorge ad ovest della città,
m’è occorso di vedere vostro figlio
che vagava anche lui sì di buon’ora.
Gli sono andato incontro, ma lui, subito,
come s’è accorto della mia presenza,
è scomparso nel fondo del boschetto.
Io, misurando dalla sua tristezza
la mia che anch’essa cercava sollievo
dove meno rischiasse d’esser vista
essendo già di peso anche a me stesso,
ho proseguito nel mio stato d’animo,
senza curarmi di seguire il suo,
volentieri schivando d’incontrare
chi volentieri da me s’involava.

(10)

Il testo ha: “The grove of sycamore”; ma il sicomoro è albero africano, e non può crescere alle porte di Verona. La
geografia, si sa, non era il forte di Shakespeare.
11

MONNA MONTECCHI -

L’han già notato là molte mattine
a far più rorida, con le sue lagrime,
la recente rugiada mattutina,
e ad addensar le nuvole del cielo
coll’umor dei profondi suoi sospiri.
Poi, come il primo rallegrante raggio
dall’estreme regioni dell’oriente
prende a scostare dal letto d’Aurora
le fumose cortine della notte,
quell’intristito povero mio figlio,
furtivo, quasi schivo della luce,
corre a casa, si rimprigiona in camera,
e lì, sbarrate tutte le finestre,
ed escludendo dalla sua persona
la benefica luce del mattino,
si riproduce, ad arte, un’altra notte.
Questo umor tetro gli sarà fatale
se non l’aiuti qualche buon consiglio
a rimuoverne la segreta causa.

BENVOLIO -

E quella causa voi, nobile zio,
la conoscete?

MONTECCHI -

No, non la conosco,
né ho modo di conoscerla da lui.

BENVOLIO -

Avete già provato a interrogarlo?

MONTECCHI -

Ci ho provato, e com’io molti altri amici.
Ma il solo confidente del suo male,
è lui stesso… non so quanto sincero;
e tanto chiuso in sé, tanto segreto,
tanto profondamente impenetrabile,
tanto restio a lasciarsi sondare,
da somigliare al bocciolo d’un fiore
che, morsicato da un maligno verme,
esita a schiudere i soavi petali
all’alitar dell’aria e offrire al sole
l’olezzante fiorita sua vaghezza.
Potessimo saper da dove viene
il suo male, faremmo volentieri
quanto necessitasse per curarlo.
Entra, dal fondo, ROMEO

BENVOLIO -

Ma eccolo. Mettetevi in disparte:
mi deve dir lui stesso, di sua bocca,
che cos’è che l’ambascia,
o deve dirmi mille volte “No”!
Vi prego, allontanatevi.
12

MONTECCHI -

Spero che tu sia tanto fortunato
da ottenere a quattr’occhi, qui, da lui,
una schietta apertura. Andiamo, cara.
(Escono il Montecchi e Monna Montecchi)

BENVOLIO -

(A Romeo che intanto s’è avvicinato)
Buon mattino, cugino.

ROMEO -

Così giovane è ancora questo giorno?

BENVOLIO -

Sono appena le nove.

ROMEO -

Ah, l’ore tristi
come son lunghe all’uomo!… Era mio padre
quello che se n’è andato così in fretta?

BENVOLIO -

Tuo padre, sì… Ma quale interna pena
fa tanto lunghe l’ore di Romeo?

ROMEO -

La pena di non posseder per sé
la cosa che gliele farebbe brevi.

BENVOLIO -

Innamorato?…

ROMEO -

Fuori…

BENVOLIO -

Dall’amore?

ROMEO -

No, dalle grazie di colei che amo.

BENVOLIO -

Ah, perché Amore, sì bello alla vista,
si deve dimostrar così tiranno
e crudele alla prova!

13

ROMEO -

BENVOLIO -

Ahimè, è bendato,
Amore, e deve scernere senz’occhi
le vie che vanno dritte alle sue voglie…
Beh, dove si va a pranzo oggi?…
(Vedendo sangue in terra)
Ohilà!
Che zuffa ci sarà mai stata qui?
Però è inutile che me lo dici,
ho tutto udito. C’entra molto l’odio,
in tutto questo, ma ancor più l’amore.
O amor litigioso! Odio amoroso!
O tutto prima creato dal nulla!
O vana serietà! Vanità seria!
O caos informe di splendide forme!
O plumbea piuma! Lucida caligine!
Gelido fuoco! Inferma sanità!
Sonno insonne, che è quel che non è!
Questo è l’amore ch’io mi sento dentro,
senza nulla sentire che sia amore.
Non ridi?
No, cugino. Se mai, piango.

ROMEO -

E di che, cuor gentile?

BENVOLIO -

Del tuo cuore,
così gentile e così pien d’ambascia.

ROMEO -

È la crudele legge dell’amore.
Già le pene del mio pesano troppo
sul mio cuore, e tu vuoi ch’esso trabocchi
coll’aggiungervi il peso delle tue:
giacché quest’affettuosa tua premura
altro non fa che aggiunger nuova ambascia
a quella che m’opprime, ch’è già troppa.
L’amore è vaporosa nebbiolina
formata dai sospiri;
se si dissolve, è fuoco che sfavilla
scintillando negli occhi degli amanti;
s’è ostacolato, è un mare alimentato
dalle lacrime degli stessi amanti.
Che altro è più? Una follia segreta,
un’acritudine che mozza il fiato,
una dolcezza che ti tira su.
Addio, cugino.
(Fa per andarsene)

BENVOLIO -

Aspetta, t’accompagno.
Mi fai torto a piantarmi così in asso.
14

ROMEO -

Oh, ho smarrito me stesso…
Non son io il Romeo che vedi qui.
Romeo è altrove.

BENVOLIO -

Dimmi, seriamente,
chi è quella di cui sei innamorato?

ROMEO -

“Seriamente”, perché? Devo esser triste
per dirtelo, piangendo?(11)

BENVOLIO -

Senza piangere,
ma seriamente, dimmi, chi è che ami?

ROMEO -

Puoi domandare ad un malato grave
di fare “seriamente” testamento?
La tua è una domanda posta male,
per uno che si sente tanto male.(12)
“Seriamente”, cugino, amo una donna.

BENVOLIO -

Avevo allora ben colto nel segno
nel supporre che sei innamorato.

ROMEO -

Infatti. Sei un bravo tiratore.
E la donna che amo è una bellezza.

BENVOLIO -

Un bel bersaglio è subito centrato,
caro il mio bel cugino!

ROMEO -

Questo, però, non l’hai centrato affatto:
la freccia di Cupido non la tocca!
Ella ha il segno di Diana,
e, ben protetta dentro la corazza
della sua castità, rimane indenne
dalla quadrella del fragile arco
del fanciullo Cupido.
Sfugge all’assedio di frasi d’amore,
schiva l’incontro d’invadenti sguardi,
e non apre il suo grembo manco all’oro
che pur si dice che seduce i santi.
Oh, è ricca di beltà,
povera solo in questo: morta lei,
morirà insieme con la sua bellezza
il magazzino della sua ricchezza.

(11)

In questo scambio tra Benvolio e Romeo c’è un gioco di doppi sensi impossibile a rendere. Benvolio ha chiesto:
“Dimmi, seriamente…” (“Tell me in sadness…”), dove “sadness” sta per “serietà”; Romeo la prende per l’altro
significato di “tristezza” e risponde come se Benvolio gli avesse detto: “Dimmi, con tristezza…”.
(12)
Continua il bisticcio di parole tra i due, questa volta sul doppio senso di “ill”, che Romeo usa prima come avverbio
nel senso di “a sproposito”, poi come aggettivo, nel senso di “malato”, “infermo” (“A word ill urged to one that is so
ill”).
15

BENVOLIO -

Ha fatto forse voto
di mantenersi casta finché vive?

ROMEO -

Credo proprio di sì: ed è un risparmio
che si risolverà in un grande sperpero,
perché beltà che si muoia di fame
per causa della stessa sua astinenza
preclude alla beltà ogni speranza
di riprodursi. Oh, ella è troppo bella
e saggia, troppo saggiamente bella
per meritarsi la beatitudine
gettando me nella disperazione!
S’è votata a non mai innamorarsi,
ed io per causa di questo voto
vivo, ma sono morto;
son vivo sol per dirti che son morto.

BENVOLIO -

Dammi retta, non ci pensare più.

ROMEO -

Oh, insegnalo tu alla mia mente
come può trattenersi dal pensare!

BENVOLIO -

Restituendo libertà ai tuoi occhi;
volgendoli a mirare altre bellezze.

ROMEO -

Sarebbe come richiamar di più
in causa quella sua, così squisita.
Quelle nere felici mascherine
che baciano la fronte a belle dame
danno agli sguardi nostri l’illusione
che dietro quella loro nera sagoma
ci celino chissà quali bellezze.
Chi è colpito da cecità improvvisa
non può dimenticar senza dolore
il perduto tesoro della vista.
Mettimi avanti agli occhi una bellezza
quanto tu vuoi perfetta:
agli occhi miei sarà soltanto un foglio
su cui leggerò il nome di colei
ch’è ancor più bella. No, cugino, no,
tu non sarai capace d’insegnarmi
a non pensar più a lei. Addio, Benvolio.

BENVOLIO -

Eppure io t’insegnerò quest’arte,
o morirò con la coscienza in debito.
(Escono)

16

SCENA II - Verona, una via
Entra il vecchio CAPULETI, PARIDE e un SERVO
CAPULETI -

Il Montecchi ha sul capo, come me,
la minaccia dall’alto d’un castigo;
anziani come siamo, tra noi due
non dovrebbe perciò esser difficile
trovare il modo di vivere in pace.

PARIDE -

D’un’onorevole reputazione
siete entrambi. E davvero è gran peccato
che abbiate seguitato tanto a lungo
a vivere in codesta inimicizia…
Ma, signore, di grazia,
quale risposta date alla mia offerta?

CAPULETI -

Non posso che ripetervi il già detto:
la mia figliola è ancora nuova al mondo,
non ha compiuti i suoi quattordici anni;
lasciamo ancora che appassisca in lei
il rigoglio di altre due estati,
prima che la si possa dir matura
per essere una sposa.

PARIDE -

Fanciulle ancor più giovani di lei
son diventate già madri felici.

CAPULETI -

Quelle che vanno spose tanto presto
sono votate a perdere anche presto
il frescor giovanile. Caro Paride,
la terra s’è inghiottita fino ad oggi
tutte le mie speranze,
l’ultima è lei… Intanto corteggiatela,
e cercate di conquistarne il cuore.
Il solo mio volere
non è che parte del suo gradimento:
s’ella v’è consenziente, il mio consenso
e la voce che molto cordialmente
l’accorderà si troveranno insieme
nel raggio della sua spontanea scelta.
Questa sera terrò qui in casa mia,
com’è vetusta usanza di famiglia,
un festino; e ad esso ho convitato

17

un certo numero di buoni amici;
ci sarete anche voi, gradito ospite.
Ebbene, sotto il mio modesto tetto
questa notte potrete contemplare
stelle che solcano le vie terrene
illuminando il buio della notte.
E potrete godere in casa mia
in mezzo a freschi bocciòli di femmine
il piacere che è dato di gustare
a lieta giovinezza, quando Aprile,
vestito già della sua gaia veste,
è alle calcagna degli ultimi sprazzi
del zoppicante e freddoloso inverno.
Potrete intrattenervi con ciascuna,
tutte osservarle, e far la vostra scelta
su quella che, secondo il vostro gusto,
per merito sovrasti tutte l’altre.
Riguardandole meglio tutte quante,
la mia può star nel novero a far numero,
ma nel merito è priva d’ogni pregio.
Su, venite con me.
(Al Servo)
E tu, compare,
mettiti in giro, senza perder tempo,
per le belle contrade di Verona
e vammi alla ricerca della gente
il cui nome è segnato in questa lista;
farai sapere a ciascuno di loro
che la mia casa ed il mio benvenuto
attendono la loro compiacenza.
(Escono il vecchio Capuleti e Paride)
SERVO -

Andare a ricercar tutta la gente
il cui nome è segnato in questa lista…
Sta scritto, in verità, che il calzolaio
deve sapere trafficar col metro,
il sarto con la forma delle scarpe,
il pescatore con tinte e pennelli,
il pittore con l’amo; e così io:
ecco che mi si manda a ricercare
gente il cui nome è scritto in questo foglio,
quando non so nemmeno quali nomi
v’ha scritto chi l’ha scritto,

18

per via che non ho mai imparato a leggere.(13)
Mi ci vuole qualcuno ch’è istruito.
Eccolo, infatti, pare, ed a buon punto.
Entrano BENVOLIO e ROMEO
BENVOLIO -

Fuoco consuma fuoco, caro mio.
Il dolore degli altri scema il tuo.
Se a ruotare in un senso
ti viene il capogiro, va all’inverso
sempre girando, e vedrai che ti passa.
Disperato dolor trova sua cura
nell’altrui pena. Date un nuovo tossico
all’occhio infetto, ed il tossico vecchio
cesserà dal produrre altra infezione.(14)

ROMEO -

Eh, già, pure la foglia di piantaggine
è un buon rimedio.(15)

BENVOLIO -

Rimedio a che cosa?

ROMEO -

Al tuo stinco, dovessi mai spezzartelo.

BENVOLIO -

Ma che dici, sei matto?

ROMEO -

Matto, no,
ma come un matto incatenato, sì,
stretto, in prigione, privato del cibo,
frustrato, tormentato…
(Vede il Servo dei Capuleti)
Olà, buon uomo,
buona giornata a te.

SERVO -

E buona pure a voi la faccia Iddio.
Di grazia, signor mio, sapete leggere?

ROMEO -

Sì, la mia malasorte
nel grande libro della mia miseria.

(13)

Tutto questo discorso del servo analfabeta, incapace di leggere i nomi della lista che gli ha dato il padrone (il quale è
strano che ignori questa deficienza del servo) è un esempio di quella melensa, ma spesso sentenziosa, comicità che
Shakespeare si diverte a dare a personaggi minori con l’evidente scopo di spezzare la serietà del dramma e strappare al
pubblico una risata.
(14)
Benvolio, per contrasto a Romeo e agli altri giovani della vicenda, irruenti e sempre pronti ad attaccar briga, è il
giovane posato e giudizioso, pacifico e prodigo di buoni consigli.
(15)
Romeo fa dell’amara ironia: la piantaggine – un’erba detta anche “palatana” – serve a fare impacchi e a lenire dolori
superficiali.
19

SERVO -

Magari questo pure senza libro
l’avrete appreso… Ma sapete leggere
tutto quel che vi viene sotto gli occhi?

ROMEO -

Sì, certo, se conosco l’alfabeto
e la lingua nei quali è stato scritto.

SERVO -

Questo è parlare da persona onesta.
Allora state allegro. Vi saluto.

ROMEO -

No, resta, amico, questo lo so leggere.
(Gli prende dalle mani il foglio e legge)
“Signor(16) Martino, con signora e figlie;
“Conte Anselmo e vezzose sue sorelle;
“la bella dama vedova Vitruvio;
“signor Piacenzio e graziose nipoti;
“zio Capuleti con signora e figli;
“la mia bella nipote Rosalina;
“Livia; il signor Valenzio e suo cugino;
“Tebaldo; Lucio e la briosa Elena”.
Una bella brigata. E dove vanno?

SERVO ROMEO -

Su.
Dove, su?

SERVO ROMEO -

Di sopra, a casa nostra.
Nella casa di chi?

SERVO -

Del mio padrone.

ROMEO -

Già, te l’avrei dovuto chieder prima.

SERVO -

Senza che lo chiediate, ve lo dico:
il mio padrone è il ricco Capuleti;
e se non siete di casa Montecchi
potete favorire pure voi
a bere un goccio. State allegro, addio.
(Esce)

(16)

In italiano nel testo, così come i due “Signor” successivi (siamo in Italia).
20

BENVOLIO -

A codesto festino,
che i Capuleti danno tutti gli anni
per un’antica usanza di famiglia,
va a cenare(17) la bella Rosalina,
la tua passione, insieme alle più belle
e le più vagheggiate di Verona.
Andiamoci, e là dentro potrai fare,
con occhio spassionato il paragone
tra l’aspetto di lei e di qualcuna
che io t’indicherò; e ci scommetto
che al paragone il tuo leggiadro cigno
ti sembrerà una povera cornacchia.

ROMEO -

Se la pia devozione del mio occhio
dovesse indurmi a proclamare vera
una tal madornale falsità,
che le mie lacrime si faccian fiamme,
e, come eretiche all’autodafé,
brucino queste loro trasparenze(18)
che, tante volte annegate nel pianto,
mai furono capaci di morire!
Una più bella dell’amore mio?…
Sulla terra l’onniveggente sole
da quando questo mondo ebbe principio
non vide donna che le stesse a pari.

BENVOLIO -

Eh, tu l’hai sempre vista tanto bella
perché non l’hai mai vista insieme ad altre,
e sopra la bilancia dei tuoi occhi
s’è controbilanciata da se stessa.
Ma nelle tue bilance di cristallo
se metti sopra un piatto la tua donna
e sopra un altro alcun’altra di quelle
che vedrai splendere a questo festino,
colei ch’ora ti sembra la più bella
ti parrà appena degna d’attenzione.

ROMEO -

Verrò con te alla festa,
non per vedere queste tue beltà,
ma solo per bearmi a contemplare
il fulgore di quella che so io.
(Escono)

(17)

Il “festino” consisteva in una cena, seguita da un ballo in maschera. Se la Rosalina cui si accenna qui, e che è
indicata dal Capuleti nella lista degli invitati come “mia nipote”, è la stessa di cui parlerà Frate Lorenzo nella 3a scena
del II atto, essa è la cugina di Giulietta. Nessuno se n’era accorto?…
(18)
“These… transparent heretics”: “questi eretici trasparenti”, i cristallini (la parte per il tutto: gli occhi). Gli eretici
venivano mandati al rogo (“autodafé”).
21

SCENA III - Verona, una stanza in casa Capuleti
Entrano MONNA CAPULETI e la NUTRICE
MONNA CAPULETI -

Balia, dov’è mia figlia?
Cercala e dille di venir da me.

NUTRICE -

Gliel’ho già detto di venire, diamine!,
quant’è vero, signora, ch’ero vergine
a dodici anni…
(Chiamando)
Ebbene, farfalletta!…
Agnellino!… Ma dove s’è cacciata?
Dio ne guardi! Dov’è questa figliola?
Giulietta, dove sei?

GIULIETTA -

(Da dentro)
Che c’è? Chi chiama?

NUTRICE -

Tua madre.

GIULIETTA -

(Entrando)
Sono qua, signora madre.
Desiderate?

MONNA CAPULETI -

Ebbene, ho da parlarti.
Nutrice, lasciaci sole un momento.
Abbiamo da discorrere in segreto.
Anzi, no… resta… Adesso che ci penso,
nutrice, è meglio che tu sia presente.
Tu sai la bella età di questa figlia.

NUTRICE -

Come no: ve la posso precisare
senza sbagliare nemmeno di un’ora.

MONNA CAPULETI -

È vicina ai quattordici.

NUTRICE -

Quattordici,
ci scommetto quattordici miei denti
- anche se, a mio dolore, devo ammettere
che me ne son rimasti solo quattro -(19)
ancora non li compie: il primo agosto.
Quanto manca da oggi al primo agosto? (20)

(19)

Qui nel testo c’è un bisticcio, intraducibile, tra il “fourteen”, “quattordici” dei denti, e il “four” e “teen”, dove
“teen” non è più suffisso per “dieci”, ma “dolore”.
(20)
“Lammas Eve”: la vigilia del 1o agosto la chiesa d’Inghilterra celebrava la festa del raccolto: pagnotte di pane, fatte
col grano del primo raccolto, venivano consacrate.
22

MONNA CAPULETI -

Due settimane, o qualcosa di più.

NUTRICE -

Sia più sia meno, quando il primo agosto
verrà sul calendario, quella notte
Giulietta compirà quattordici anni.
Susanna mia e lei - conceda Iddio
la pace a tutte l’anime cristiane erano d’una età. Susanna mia
ora è con Dio (per me era troppo buona),
ma la notte davanti al primo agosto
Giulietta compirà quattordici anni.
Me lo ricordo bene, per la Vergine!
Sono undici anni dal gran terremoto;
e fu quel giorno che la divezzai:
me lo ricordo come fosse adesso.
M’ero cosparsa d’assenzio i capezzoli,
e me ne stavo ben seduta al sole
poggiata al muro della colombaia.
Voi eravate col padrone a Mantova
(eh, la testa mi serve ancora bene!)
ma, dicevo, quand’ella assaporò
l’amaro dell’assenzio sul capezzolo,
bisognava veder la pazzerella
quante bizze mi fece con la poppa!
Fu in quel momento che la colombaia
si scosse tutta, come a dirmi: “Muoviti!”;
ma non fu necessario, v’assicuro,
che alcuno m’imponesse di scappare.
Da allora son passati undici anni,
perché lei si reggeva già da sola,
anzi, che dico, Croce del Signore,
correva e zampettava dappertutto…
Infatti il giorno prima, nel cadere,
s’era fatta un bel bozzo sulla fronte
e mio marito (che Dio l’abbia in pace:
quello era veramente un cuorcontento!)
nel sollevarla e mettersela in collo,
“Che fai - disse - mi caschi ventre a terra?
Va là che quando avrai messo giudizio,
ti piacerà di cadere all’indietro,
vero, Giulietta?”… E quella birichina,
perbacco, smise di piagnucolare
e disse: “Sì”. Ma guarda un po’, alle volte,
come uno scherzo ti viene a pennello!
Per me, dovessi campare mill’anni,
non potrò mai scordare quella scena…
“Vero, Giulietta?” - le domanda lui
e quella pazzerella, all’improvviso,
smette di piangere e risponde: “Sì”!

23

MONNA CAPULETI -

Sì, però basta, adesso; fa’ silenzio.

NUTRICE -

Sì, signora, sto zitta ed in silenzio…
E tuttavia mi viene ancor da ridere
se ripenso al momento in cui, di colpo,
smise di piangere per dire: “Sì”;
e aveva in fronte, v’assicuro, un bozzo
grosso come un fagiolo di galletto:
un brutto colpo, e lei piangeva forte.
“Come! Mi cadi con la pancia in giù?
- fa mia marito - Quando sarai grande
saprai bene cadere pancia in su,
vero, Giulietta?”. E quella, all’improvviso,
si calma tutta e gli risponde: “Sì”.

GIULIETTA -

Bene. Però, ti prego, ora, Nutrice,
di calmarti anche tu.

NUTRICE -

Basta, ho finito.
Giulietta, che il Signore t’abbia in grazia,
tu sei stata la bimba più graziosa
ch’io abbia avuta attaccata alle poppe.
Vivessi tanto da vederti sposa,
non avrei più alcun altro desiderio.

MONNA CAPULETI -

Venivo appunto a toccar, per la Vergine,
questo argomento: come maritarla.(21)
Giulietta, figlia mia, dimmi, che pensi
riguardo al fatto di prender marito?

GIULIETTA -

È un onore che io nemmeno sogno.

NUTRICE -

Ecco, appunto, un onore, hai detto bene!
Non fossi stata solo la tua balia,
direi che insieme al latte della poppa
hai succhiato da me pure il giudizio.

MONNA CAPULETI -

Eppure è giunto il tempo, figlia mia,
che pensi a maritarti. Qui a Verona,
ragazze d’ottima reputazione
più giovani di te, sono già madri;
io stessa, all’età tua, se ben ricordo,
ero tua madre già, quando tu, invece,
pensi d’essere ancora una bambina.
A farla breve: c’è il nobile Paride
che ci ha testé richiesta la tua mano.

(21)

“Marry, that “marry” is the very theme / I came to talk of”: altro bisticcio d’impossibile resa in italiano. Il primo
“Marry” è l’interiezione esclamativa “per la Vergine Maria”, il secondo è “maritare”, “maritarsi”, “prender marito”.
24

NUTRICE -

Che uomo, quello là, ragazza mia!
Uno che tutto il mondo… così bello,
che pare un figurino!

MONNA CAPULETI -

Un più bel fiore
non produce l’estate di Verona.

NUTRICE -

È vero: un fiore d’uomo, proprio un fiore!

MONNA CAPULETI -

(A Giulietta)
Che dici: senti di poterlo amare
quel gentiluomo? Lo vedrai stanotte,
alla festa, da noi: cerca di leggere
quel ch’è scritto nel libro del suo volto,
e scopri in esso tutta la delizia
che la bellezza ha scritto di sua mano;
osserva come tutti i lineamenti
sono armonicamente coniugati
sì che ciascuno presta gioia all’altro;
e tutto quel che in questo bel volume
ti rimanesse oscuro, puoi trovarlo
negli occhi suoi, come una “nota a margine”.(22)
Questo prezioso volume d’amore,
questo amatore ancora non legato,
ha sol bisogno d’una legatura
per diventare ancora più leggiadro.(23)
Il pesce vive in mare; il mare è bello;
ed è assai merito del bello esterno
far risaltare il bello che sta dentro.(24)
Il libro che contiene un’aurea storia
e la tien chiusa con fermagli d’oro
rende partecipe del suo splendore
più d’un occhio. Se tu lo farai tuo,
sarai partecipe d’un tal possesso,
senza, per ciò, diminuir te stessa.

NUTRICE -

Diminuir se stessa? Ma che dite!
Ingrossarsi, piuttosto: accanto agli uomini
le femmine diventano più grosse!

(22)

Testo: “And what obscur’d in this fair volume lies / written in the margent of his eyes”. Per la madre di Giulietta,
Paride è un libro nel quale la fanciulla è invitata a leggere: donde l’immagine del margine bianco nel quale si scrivono
le chiose a commento del testo. Questo margine sono, figurativamente, gli occhi di Paride, che, secondo la gentildonna
Montecchi, potranno dire alla fanciulla tutto quello che non hanno potuto l’aspetto e le parole.
(23)
Prosegue il traslato Paride-libro: Monna Capuleti dice che il giovane Paride è un libro d’amore non ancora rilegato,
che diverrà più bello una volta legato (altra metafora) in matrimonio con la figlia.
(24)
“And it is much pride for fair without the fair within to hide”: frase di significato oscuro (il Pope definisce
“ridicolo” tutto questo sproloquio della madre di Giulietta), il cui senso più probabile sembra questo: una cosa bella di
fuori si abbellisce di più con quel che di bello contiene dentro; il pesce, di per sé bello, diviene più bello per la bellezza
del mare, suo contenitore.
25

MONNA CAPULETI -

Insomma, figlia mia, a parlar corto:
ti senti, o no, di poter corrispondere
sinceramente all’amore di Paride?

GIULIETTA -

Vedrò di farmelo piacere, madre,
se vedere può suscitar piacere;
ma non spingerò l’occhio
più in là di quanto il vostro buon consenso
non dia loro il permesso di volare.
Entra un SERVO

SERVO -

Signora, sono giunti gli invitati,
il desinare è in tavola,
chiedon di voi e di madamigella,
reclamata a gran voce è la Nutrice
dalla dispensa. Noi siamo agli estremi.
Io debbo ritornar di là a servire.
Vi scongiuro, seguitemi. Ma presto!
(Esce il Servo)

MONNA CAPULETI -

Ti seguiamo. Giulietta, il Conte aspetta.

NUTRICE -

Va’, figliola, e fa’ in modo che s’aggiungano
felici notti ai tuoi felici giorni.
(Escono)

SCENA IV - Verona, una strada
Entrano ROMEO, MERCUZIO, BENVOLIO, con altri cinque o sei, tutti mascherati,
alcuni con torce. ROMEO è mascherato da pellegrino
ROMEO -

Allora, s’ha da far questo discorso
di scuse, o s’entra senza chieder scusa?

26

BENVOLIO -

Certe prolissità son fuori moda.
Non c’è nessun Cupido in mezzo a noi,
con sciarpa a mo’ di benda agli occhi ed arco
di legno tinto alla maniera tartara(25)
da mettere paura alle signore
come se fosse uno spaventapasseri;
né noi si vuole entrare recitando
timidamente, col suggeritore,
un prologo mandato appena a mente.
Usino pure, a giudicar di noi,
la misura che farà lor più comodo;
noi ci limiteremo a misurare
quattro passi di danza, e ce ne andiamo.(26)

ROMEO -

A me date una torcia, niente danze:
non son fatto per simili volteggi.
Col buio dentro, porto almeno un lume.(27)

MERCUZIO -

No, no, devi ballare, caro mio.

ROMEO -

Ah, questo no, credetemi, non posso.
Voi avete scarpini adatti al ballo
dotati di solette leggerissime;
io porto invece un’anima di piombo
che mi tiene così inchiodato a terra,
da impedirmi di fare alcuna mossa.

MERCUZIO -

Dal momento che sei innamorato,
fatti prestare l’ali da Cupido,
e vola sopra la comune altezza.(28)

ROMEO -

Le ferite prodotte dal suo strale
sono troppo impietose per librarmi
a volo sulle sue penne leggere;
e mi trovo sì stretto dai suoi lacci,
da non poter levarmi un solo palmo
al disopra del mio male d’amore:
e affondo sotto il suo grave fardello.

(25)

I Tartari di Gengis Khan usavano dipingere il legno dei loro archi con diversi colori.
“We’ll measure them a measure and be gone”: bisticcio sul doppio senso di “measure”, che vale “metro”,
“misura”, e la danza “misura”, di ritmo lento, detta anche “pavana” in voga alla corte di Elisabetta. (cfr. per lo stesso
uso, in “Tanto trambusto per nulla”, II, 1, 62-63: “… the wedding, mannerly modest, as a measure”: “… le nozze,
misurate e contenute come la pavana”).
(27)
Doppio “quibble” sulle parole “heavy” e “light”. ROMEO dice: “Pesante come sono (“Being but heavy”) porterò
il leggero (“I will bear the light”); ma “heavy” significa anche “col cuore pesante”, “triste”, e “light”, sostantivo, è
“luce” (la luce della torcia che egli chiede di portare).
(28)
Testo: “Borrow Cupid’s wings / And soar with them a common bound”: passo oscuro, variamente interpretato. Il
Baldini intende “common bound” per “sorte comune”, “comune destino”. Può darsi che Mercuzio usi “bound” per
“legame” e dica, più argutamente: “Fatti prestare le ali da Cupido e, alla sua barba, con quelle salta oltre il legame che
egli t’impone”. Ma quel che Shakespeare abbia voluto intendere con questa frase, non lo sapremo mai.
(26)

27

MERCUZIO -

Però per annegarti nell’amore
dovresti caricarlo del tuo peso:
un po’ troppo, direi,
per una coserella tanto tenera.(29)

ROMEO -

Che! L’amore una coserella tenera?
Più ruvida, più aspra, più violenta
non ce n’è alcuna… E punge come spina.

MERCUZIO -

Se l’amore è sì ruvido con te
siilo tu altrettanto con l’amore,
e rendigli puntura per puntura:
alla fine vedrai che l’avrai vinta…
Basta, datemi adesso un qualche astuccio(30)
dove poter nascondere la faccia.
(Mettendosi la maschera)
Ecco: una maschera su un’altra maschera.
Che importa adesso se un occhio indiscreto
scopre che sono brutto? Sul mio viso
c’è questo brutto ceffo ringrugnito
che arrossirà per me.

BENVOLIO -

Su, bussa ed entra;
e appena dentro, forza con le gambe.(31)

ROMEO -

Allora me la date questa torcia?
Lascio agli spensierati gingilloni
di titillare coi loro calcagni
le insensibili stuoie; quanto a me,
mi sto col vecchio proverbio del nonno:
“Reggo il moccolo e me ne sto a guardare;
“la selvaggina mai fu così bella,
“ma la caccia per me è ormai finita”.

MERCUZIO -

Toh, sentitelo! “Il sorcio s’è infognato”,
come direbbe il capo degli sbirri.
Ma se pure ti fossi impantanato
fino agli orecchi, penseremo noi
a trarti fuori da cotesta melma,
o, a dirla con rispetto, dall’amore.
Andiamo, decidiamoci, se no,
queste torce faranno luce al giorno.

ROMEO -

Esagerato!

(29)

L’allusione di Mercuzio è fin troppo evidente, se si sostituisce “il tuo amore” con “la tua donna”.
Cioè una maschera. La mascherata alla fine del banchetto serale era d’uso nell’Inghilterra elisabettiana. Le
maschere, abbigliate nei modi più stravaganti, entravano in sala e partecipavano alle danze coi commensali.
(31)
Per ballare. Ma il senso della frase è controverso. Il Carcano intende: “Ciascuno badi alle sue gambe”; il Rusconi:
“Ciascuno sia pronto a darsela a gambe”; altri: “Ognuno si raccomandi alle sue gambe”… eccetera.
(30)

28

MERCUZIO -

Esagerato un corno!
Dico che a stare a traccheggiar qui fuori,
noi sprechiamo le luci delle fiaccole
come a tenerle accese in pieno giorno.
Cerca di prendere nel senso buono
quel che diciamo, ché il pensare nostro
ha fatto stanza almeno cinque volte
nella buona intenzione di noi tutti,
prima di star per una volta sola
in ciascuno dei nostri cinque sensi.(32)

ROMEO -

L’intenzione d’andare a questa festa
è buona, ma non è da senno andarci.

MERCUZIO -

E perché mai?

ROMEO MERCUZIO ROMEO -

Stanotte ho fatto un sogno.
Anch’io.
Davvero. E che cosa hai sognato?

MERCUZIO -

Che quei che sognano spesso soggiacciono…

ROMEO -

Che soggiacciono! Giacciono. A dormire.
Sognando cose vere.(33)

MERCUZIO -

Ah, ho capito:
da te c’è stata la regina Mab.(34)

ROMEO -

Regina Mab? Chi diavolo è costei?

(32)

Circonlocuzione leziosa e artificiosa per dire: “Cerca di capire le nostre buone intenzioni. Sta in esse il senso che i
nostri scherzi forse nascondono”.
(33)
Qui c’è il solito “quibble” sul doppio senso della parola “lie”, verbo, che significa “giacere” (a letto), e “mentire”;
MERCUZIO dice di aver sognato che “i sognatori spesso mentiscono” (“dreamers often lie”). ROMEO prende “lie”
per “stanno a letto” e risponde: “Sì, stanno a letto a dormire, e a sognar cose vere” (“In bed asleep, while do dream
things true”).
(34)
Mercuzio – come la Nutrice – è un personaggio creato di peso da Shakespeare. Dalle fonti ha tratto forse solo il
nome: il Marcuccio della novellistica italiana. Questi giovani della buona borghesia elisabettiana – dei quali egli è un
ritratto – allievi di buoni retori, erano, in certo modo, dei retori essi stessi, sempre inclini ad esprimere i loro sentimenti
nella forma leziosa e artificiosa del parlare eufuistico.
29

MERCUZIO -

La mammana del regno delle fate;(35)
e si presenta sempre in una forma
non più grossa d’una pietruzza d’agata
al dito indice di un assessore;(36)
viaggia su un equipaggio trainato
da una muta di piccoli esserini,
e si posa sul naso di chi dorme;
i raggi delle ruote di quel traino
sono formati da zampe di ragno,
il mantice dall’ali di locuste,
le briglie da sottili filamenti
d’esili ragnatele; i pettorali
dai rugiadosi raggi della luna;
la frusta ha il manico d’osso di grillo
e la sferza d’un filo sottilissimo;
il cocchiere, a cassetta, è un moscerino
tutto grigio-vestito, non più grande
della metà d’uno di quei vermetti
che si tolgono fuori con lo spillo
dal dito d’una pigra fanciulletta;
il cocchio è un guscio cavo di nocciola
lavorato così da uno scoiattolo
falegname o da qualche vecchio tarlo;
son essi i carrozzieri delle fate
l’uno e l’altro, da tempo immemorabile.
In questo arnese, Mab va cavalcando,
la notte, pei cervelli degli amanti,
e allora questi sognano d’amore;
o per le rotule dei cortigiani

(35)

La Regina Mab è, secondo la leggenda, la fata dei sogni, colei che ha il potere di far partorire i sogni dalla mente
degli uomini. Perciò è detta fata-levatrice: levatrice del parto onirico.
(36)
Al tempo di Shakespeare era il cittadino eletto alla carica di vice-sindaco (il padre del poeta lo era stato).
30

che sognan subito salamelecchi;
o sulle dita d’uomini di legge
che sognan subito laute parcelle;
talvolta sulle labbra delle dame,
e queste sognano d’esser baciate,
e spesso sulle loro labbra Mab
irritata dai loro fiati guasti
pei troppi dolci, lascia delle pustole.
Talvolta anche galoppa su pel naso
d’un sollecitatore di favori
a pagamento, e quello, allora, in sogno,
sente l’odore d’una petizione;
talvolta va a solleticare il naso
col crine d’un porcello della decima,(37)
ad un prevosto e quello allora sogna
un altro benefizio parrocchiale.
Talora passa con il suo equipaggio
sul collo d’un soldato militare,
e allora questi sogna a tutto spiano
di tagliar gargarozzi di nemici,
brecce, imboscate, lame di Toledo,
brindisi con bicchieri senza fondo;
poi, d’improvviso, gli rulla all’orecchio
il tamburo e lui salta su di botto,
si sveglia, e dopo avere smoccolato
per la paura un paio di bestemmie,
se ne ricade giù, morto di sonno.
È quella stessa Mab che nella notte
intreccia le criniere dei cavalli
e fa dei loro crini sbarruffati,
unti e bisunti, dei magici nodi
che a districarli portano disgrazia.
È lei la maga che quando le vergini
giacciono a letto con la pancia all’aria,
le preme perché imparino a “portare”
e le fa donne di “buon portamento”.
È lei che…
ROMEO -

Basta, via, Mercuzio, basta!
Stai parlando del nulla!

(37)

“With a tithe-pig’s tail”: la decima (“tithe”) era uno dei benefici ecclesiastici dovuti dai cittadini per il
mantenimento della parrocchia, che al tempo di Shakespeare aveva anche giurisdizione amministrativa; consisteva nella
consegna della decima parte del prodotto agricolo. Era integrata dalla “congrua”, da parte dello Stato, qualora il suo
gettito non fosse sufficiente ad assicurare il funzionamento della parrocchia.
31

MERCUZIO -

Sì, di sogni,
che sono i figli d’un cervello pigro,
fatti solo di vana fantasia,
che sono inconsistenti come l’aria,
più incostanti del vento, che ora scherza
col grembo gelido del settentrione,
ed ora, all’improvviso, in tutta furia,
se ne va via sbuffando e volge il volto
alle stillanti rugiade del sud.

BENVOLIO -

Ho paura che il sogno di cui parli
ci stia soffiando fuori di noi stessi:
perché la cena dev’esser finita,
e noi arriveremo troppo tardi.

ROMEO -

Temo invece che sarà troppo presto;
perché il mio spirito mi fa presago
di eventi ancor sospesi nelle stelle
che avranno il lor funesto appuntamento
in questa festa, e segneranno il termine
d’una vita spregiata, com’è quella
ch’io chiudo in petto, e che un crudel destino
sembra aver condannato fin da ora
ad immatura ed impietosa morte.
Ma Colui che governa la mia rotta
da nocchiero, diriga la mia vela.
Avanti, allegramente!
Via il tamburo!(38)

BENVOLIO (Escono)

SCENA V - Verona, la casa dei Capuleti
Musici che attendono
Entrano alcuni SERVI di mensa
1° SERVO -

Dov’è andato Pignatta?
Che sta a fare, che non ci dà una mano
a sparecchiar la tavola?… Già, lui,
sostituire un piatto… Non sia mai!
Lui grattare un tagliere… Non sia mai!

(38)

Non c’è nessun tamburo, come molti hanno inteso. “Strike drum” è espressione del gergo teatrale, con la quale uno
degli attori, al termine d’una scena, si rivolgeva al regista (“Stage Manager”) per avvertirlo che era il momento di
mutare scena.
32

2° SERVO -

Quando la pulizia deve risiedere
nelle mani di una persona o due
che per giunta non se le son lavate,
è una schifezza!

1° SERVO -

Via quegli sgabelli!
Quella credenza spostala di là.
Bada all’argenteria…
E tu, sii bravo, mettimi da parte
un pezzettino di quel marzapane;
e, se non ti dispiace, di’ al portiere
che mandi su Susanna Mola e Nelly.
Ehi, Antonio, Pignatta!

3° SERVO -

Eccoci pronti.

1° SERVO -

Pignatta, in sala chiedono di te,
tutti ti cercano, tutti ti vogliono,
sei la persona più desiderata!

3° SERVO -

Non si può star di qua e di là ad un tempo.

2° SERVO -

Fate cuore, ragazzi! State allegri!
Chi campa più di tutti, piglia tutto!
(Si ritirano nel fondo)
Entrano, da una parte, il CAPULETO, con GIULIETTA,
TEBALDO e la NUTRICE, e si fanno incontro agli
invitati, che entrano dalla parte opposta

CAPULETO -

Signori, benvenuti in casa mia!
Le dame senza calli ai lor piedini
faranno un giro di danza con noi.
Ah, ah, mie belle dame, e chi di voi
si potrà rifiutare di ballare?
Giuro che quella che fa la ritrosa
qualche calletto ai piedi deve averlo.
Ci ho colto bene, vero?… Avanti, avanti!
Benvenuti! Ho conosciuto anch’io
il tempo quando nascondevo il viso
dietro lo schermo d’una mascherina,
e sussurravo a qualche bella dama,
all’orecchio, galanti paroline…
Ma quel tempo è lontano, strapassato.
Voi siete i benvenuti, miei signori!
Andiamo, suonatori, un po’ di musica.
(Musica e danza)

33

Sala, sala, signori! Fate largo!
E voi, ragazze, via coi vostri passi!
(Ai servi)
Più luce, giovanotti!… Via quei tavoli,
e andate a spegnere il fuoco al camino,
che l’aria è divenuta troppo calda.
Ma bravi, questa festa improvvisata
sta riuscendo bene… Vieni, siedi,
siediti qua, cugino Capuleti;
per me e per te la stagione del ballo
è passata da un pezzo. Quanto tempo
da che ci siamo ritrovati insieme
l’ultima volta ad una mascherata?
SECONDO CAPULETI -

Madonna Santa! Saranno trent’anni.

CAPULETO -

Che dici! No, non mi pare poi tanto!
Dal giorno delle nozze di Lucenzio.
Alta o bassa che venga Pentecoste
(in quel giorno ci siamo mascherati)
saranno tutt’al più venticinqu’anni.

SECONDO CAPULETI -

Di più, di più: ne ha già di più suo figlio,
che sta sui trenta.

CAPULETO -

Che mi vai contando!
Se si trovava ancor sotto tutela
due anni fa…

ROMEO -

(A un servo, indicando Giulietta)
Chi è quella damina
laggiù, che con il tocco di sua mano
fa ricca quella del suo cavaliere?

SERVO -

Mi dispiace, signore, non lo so.
(Si allontana il servo)

34

ROMEO -

Oh, ch’ella insegna perfino alle torce
come splendere di più viva luce!
Par che sul buio volto della notte
ella brilli come una gemma rara
pendente dall’orecchio d’una Etiope.
Bellezza troppo ricca per usarne,
troppo cara e preziosa per la terra!
Ella spicca fra queste sue compagne
come spicca una nivea colomba
in mezzo ad uno stormo di cornacchie.
Finito questo ballo,
osserverò dove s’andrà a posare
e, toccando la sua, farò beata
questa mia rozza mano…
Ha mai amato il mio cuore finora?…
Se dice sì, occhi miei, sbugiardatelo,
perch’io non ho mai visto
vera beltà prima di questa notte.
(Romeo, pur parlando a se stesso, ha parlato a voce alta
e Tebaldo, passandogli vicino, l’ha sentito)

TEBALDO -

Alla voce, costui pare un Montecchi.
Non mi sbaglio.
(Ad un servo)
Ragazzo, la mia spada!
Come! Il furfante ardisce venir qui,
coperto da una maschera grottesca,
a farsi beffa della nostra festa?
Ebbene, per l’amore del mio sangue
e per l’onore della mia famiglia,
non credo di commettere peccato
a stenderlo qui morto, con un colpo.

CAPULETO -

Che c’è che t’agita tanto, nipote?

TEBALDO -

Questi è un Montecchi, zio, nostro nemico;
un furfante, venuto qui a dispetto,
per beffarsi di questa nostra festa.

CAPULETO -

Il giovane Romeo?

TEBALDO -

Sì, proprio lui,
quel furfante del giovane Romeo.

35

CAPULETO -

Calma, nipote mio. Lascialo stare.
Si conduce da vero gentiluomo;
e, per vero, Verona vanta in lui
un giovane virtuoso e di bei modi;
né io permetterei che in casa mia,
per tutto l’oro di questa città,
gli sia recata alcuna umiliazione.
Perciò sta’ calmo. Non te ne occupare.
È un ordine, e se tu vuoi rispettarlo,
fa’ buona cera, smetti l’aria truce,
che non s’addice proprio ad una festa.

TEBALDO -

S’addice, invece, eccome,
quando tra gli ospiti c’è un tal furfante!
Non lo sopporto.

CAPULETO -

E devi sopportarlo,
invece, giovanotto! Devi, ho detto!
Chi è il padrone, qui, sei tu o io?
Non lo sopporta, lui!… Ti guardi Iddio
dal creare una rissa tra i miei ospiti!
Vuole alzare la cresta, come il gallo!
Vuol far, come si dice, la bravata!

TEBALDO -

Ma, zio, è una vergogna!

CAPULETO -

Ovvia! Ovvia!
Ragazzo prepotente! E che! Scherziamo?
È uno scherzo che può costarti caro.
So quel che dico: tu vuoi contrariarmi.
Hai scelto proprio il momento, perdio!
(Ai danzatori)
Bene, bravi figlioli!…
(A Tebaldo)
Un insolente,
ecco che cosa sei. Va’ e sta’ buono,
altrimenti…
(Ai servi)
Più luce, fate luce…
(A Tebaldo)
E vergognati: e se non fai giudizio,
bada che son qua io…
(Ai danzatori)
Su, su, ragazzi,
qui ci vuole un po’ più d’animazione!

36

TEBALDO -

Questa pazienza imposta con la forza,
che si scontra con l’ira più sfrenata,
mi fa fremere tutto. Me ne vado.
Però questa sfacciata intromissione
che par che attiri qui tanta dolcezza
si muterà in amarissimo fiele!
(Esce)

ROMEO -

(A Giulietta, prendendole la mano)
Se con indegna mano
profano questa tua santa reliquia
(è il peccato di tutti i cuori pii),
queste mie labbra, piene di rossore,
al pari di contriti pellegrini,
son pronte a render morbido quel tocco
con un tenero bacio.

GIULIETTA -

Pellegrino,
alla tua mano tu fai troppo torto,
ché nel gesto gentile essa ha mostrato
la buona devozione che si deve.
Anche i santi hanno mani, e i pellegrini
le possono toccare, e palma a palma
è il modo di baciar dei pii palmieri.(39)

ROMEO -

Santi e palmieri non han dunque labbra?

GIULIETTA -

Sì, pellegrino, ma quelle son labbra
ch’essi debbono usar per la preghiera.

ROMEO -

E allora, cara santa, che le labbra
facciano anch’esse quel che fan le mani:
esse sono in preghiera innanzi a te,
ascoltale, se non vuoi che la fede
volga in disperazione.

GIULIETTA -

I santi, pur se accolgono
i voti di chi prega, non si muovono.

ROMEO -

E allora non ti muovere
fin ch’io raccolga dalle labbra tue
l’accoglimento della mia preghiera.
(La bacia)

(39)

“Palmieri” (“palmers”) erano chiamati i pellegrini che si recavano in Terrasanta. “Chiamansi palmieri in quanto
vanno oltremare, là onde molte volte recano la palma” (Dante, “Vita Nova”, XI).
37

Ecco, dalle tue labbra ora le mie
purgate son così del lor peccato.
GIULIETTA -

Ma allora sulle mie resta il peccato
di cui si son purgate quelle tue!

ROMEO -

O colpa dolcemente rinfacciata!
Il mio peccato succhiato da te!
E rendimelo, allora, il mio peccato.
(La bacia ancora)

GIULIETTA -

Sai baciare nel più perfetto stile.

NUTRICE -

(È stata ad osservare da lontano, poi s’avvicina)
Tua madre vuol parlarti, padroncina.

ROMEO -

Chi è sua madre?

NUTRICE -

Ebbene, giovanotto,
è la padrona qui di questa casa;
una buona signora, saggia e onesta;
e la figliola, quella damigella
con cui discorrevate poco fa,
gliel’ho allattata ed allevata io.
E quell’uomo che saprà fare tanto
da prenderla per moglie, giuraddio,
ne avrà dei bei sonanti quattrinelli!
(Si allontana con Giulietta)

ROMEO -

(Tra sé)
Ella è una Capuleti!… Ah, duro prezzo
ch’io sarò tratto a pagare per questo!
Do in pegno la mia vita a una nemica!

BENVOLIO -

Usciamo, adesso, via!
Il meglio della festa l’abbiam visto.

ROMEO -

Ho paura che sia proprio così.
Più stiamo e più ne va della mia pace.

38

CAPULETO -

No, no, signori miei, non ve ne andate!
Abbiamo preparato uno spuntino
per stare ancora un poco in allegria…
Volete proprio andare?… Grazie a tutti,
allora, grazie, nobili signori,
e buona notte.
(Ai servi)
Recate altre torce!
Allora andiamo, si va tutti a letto.
Oh, perbacco, s’è fatto molto tardi!
Me ne vado a dormire dritto dritto.
(Escono tutti tranne GIULIETTA e la NUTRICE)

GIULIETTA -

(Indicando uno degli ospiti che sta uscendo)
Vien qua, nutrice. Chi è quel signore?

NUTRICE -

È il figlio erede del vecchio Tiberio.

GIULIETTA -

E l’altro che sta uscendo dalla porta?

NUTRICE -

Mi sembra… sì, è il giovane Petruccio.

GIULIETTA -

E quell’altro che esce dietro a lui,
e non ha mai ballato?

NUTRICE -

(40)
(41)

Non lo so.

GIULIETTA -

Va’ a domandargli il nome. Se è sposato,
la tomba sarà il mio letto di nozze.

NUTRICE -

Il suo nome è Romeo, ed è un Montecchi,
unico figlio del più gran nemico
di tua famiglia.

GIULIETTA -

O unico mio amore,
scaturito dall’unico mio odio!
O sconosciuto, troppo presto visto
e troppo tardi, ahimè, riconosciuto
per quel che eri.(40) O amore prodigioso,
ch’io debba amare un odiato nemico!

NUTRICE -

Che è? Che vai dicendo?

GIULIETTA -

Nulla, nulla.(41)
Son versi da me appresi poco fa
da uno che ballava insieme a me.

Non è nel testo.
Non è nel testo.
39

VOCE DI DENTRO -

Giulietta!

NUTRICE -

Ecco, veniamo. Su, Giulietta.
A nanna. Sono andati tutti via.
(Escono)

40

ATTO SECONDO
Entra il CORO
CORO -

Ormai la vecchia fiamma di Romeo
è sul letto di morte, e un nuovo amore
aspira a coglierne la successione.
La bella per la quale trepidava,
e dichiarava di voler morire,
confrontata alla tenera Giulietta
più non appare bella agli occhi suoi.
Ora Romeo ama ed è riamato:
stregati, l’uno e l’altra, dall’incanto
dei loro sguardi, ch’altro egli non può
se non che sospirare da lontano
per colei ch’è supposta sua nemica;
e lei rubar la dolce esca d’amore
dalle punte di paurosi ami.
Egli essendo tenuto per nemico,
non può assolutamente avvicinarla
per sospirarle i voti che gli amanti
si sogliono scambiare.
Ed ella, al par di lui innamorata,
assai meno di lui ha mezzi e modo
d’incontrarsi col suo giovane amante
in qualche luogo. Ma la lor passione
presta loro la forza, il tempo e i mezzi
per potersi comunque avvicinare,
e stemperare con dolcezze estreme
l’estreme loro pene.
(Esce il Coro)

SCENA I - Verona, sentiero lungo il muro che cinge
l’orto dei Capuleti. Notte
Entra ROMEO correndo; all’improvviso si ferma.
ROMEO -

Come posso procedere più innanzi,
se il mio cuore è là dentro?…
Su, tornatene indietro, terra inerte,
e riprendi il tuo centro! (42)

(42)

“Turn back, dull earth, and find thy centre out”: Romeo paragona qui se stesso al pianeta Terra che, secondo il
sistema tolemaico, è al centro dell’universo; e il suo scostarsi dal luogo dov’è Giulietta, un tralignare della Terra dal suo
luogo naturale, rompendo l’armonia dell’universo.
41

(S’arrampica sul muro, lo scala e salta al di là, nell’orto
dei Capuleti)
Entrano BENVOLIO e MERCUZIO
BENVOLIO -

(Chiamando)
Olà, Romeo, cugino, dove sei?

MERCUZIO -

È furbo, quello; è ritornato a casa,
e s’è schiaffato a letto, credi a me.

BENVOLIO -

Macché, l’ho visto correre di qua
e scavalcare il muro di quest’orto.
Dagli voce anche tu, mio buon Mercuzio.

MERCUZIO -

Anzi, lo evocherò come uno spirito.
(Come facendo il negromante)
Romeo!… Capricciosone!… Testa pazza!…
Passione! Innamorato!… Fatti vivo,
almeno sotto forma d’un sospiro.
Rispondi solo con due versi in rima,
o grida solo “Ahimè!”,
sussurra solo “bella”… o “colombella”,
rivolgi una gentile paroletta
all’indirizzo di comare Venere,
chiama con un qualunque soprannome
il suo figlio bendato,
magari chiamalo “Cupido-Adamo”,(43)
che scoccò così bene la sua freccia
per far innamorare il re Cofétua
della mendica verginella(44)… Bah!…
Non sente, non risponde, non si muove…
La scimmia è morta, ed io debbo evocarla:
pei fulgidi occhi della Rosalina,
per la sua bella fronte alta e spaziosa,
per le sue labbra rosso-porporine,
per il suo bel piedino,
per le sue snelle, ben tornite gambe,
per le sue chiappe, che son tutte un fremito,

(43)

Allusione ad Adam Bell, leggendario arciere, assai popolare per la sua bravura, celebrato in ballate popolari (cfr.
anche “Tanto trambusto per nulla”, I, 1, 224: “… and he that hits me, let him clapp’d on the shoulder and call’d
Adam”
“… e a chi sarà sì bravo da colpirmi,
“date una bella pacca sulla spalla
“e proclamatelo novello Adamo”)
(44)
Allusione ad una leggenda popolare secondo cui Cofétua, un re africano, s’innamorò d’una mendicante chiamata
Penelope e la sposò. La ragazza, il giorno delle nozze, tra la meraviglia di tutti, assunse i modi e l’incedere d’una gran
dama.
42

con i loro mirabili dintorni,
ti scongiuro, Romeo, di comparire
innanzi a noi nel tuo vero sembiante.
BENVOLIO -

Se t’ha udito, l’hai fatto andar in bestia.(45)

MERCUZIO -

Non è questo che può mandarlo in bestia.
Ci andrebbe, invece, se con gli scongiuri,
facessi comparire un qualche spirito
da non so qual bizzarra provenienza
nel cerchio magico della sua bella,
e lo lasciassi là, ritto impalato,
fintanto ch’ella non fosse riuscita
a sua volta, coi debiti scongiuri,
a piegarlo e forzarlo a ritirarsi.
Questo sì lo farebbe indispettire.
Ma adesso, questa mia invocazione
è leale ed onestamente intesa:
lo scongiuro perché si faccia vivo
in nome della sua innamorata.

BENVOLIO -

Dev’essersi nascosto tra quegli alberi
per intonarsi con l’umida notte.
L’amore è cieco, e il buio gli si addice.

MERCUZIO -

Se è cieco, non può cogliere la mira.
Starà invece seduto sotto un nespolo
ad augurarsi che la sua ragazza
sia magari quel genere di frutto
che le fanciulle, quando voglion ridere
chiamano appunto nespolo. Oh, Romeo,
se davvero ella fosse… s’ella fosse
una… eccetera… aperta, e tu una pera
di Poperin!…(46) Buona notte, Romeo:
io vado alla mia branda: questo prato
è un letto troppo freddo per dormirci.
Benvolio, ce ne andiamo?

BENVOLIO -

Andiamo, andiamo. Tanto è tutto inutile
andare alla ricerca di qualcuno
che ha deciso di non farsi trovare.
(Escono)

(45)

Benvolio, al contrario di Mercuzio, sa che Romeo della Rosalina non è più innamorato.
“Poperin pear”: Poperin era una zona delle Fiandre, presso Ypres, dove pare crescesse un tipo di pera assai grossa
e oblunga, quasi un cetriolo, che gli inglesi importavano. L’immagine, piuttosto scurrile, è quella della “pera” grossa e
puntuta che entra tra i lobi della nespola aperta. E alla nespola erano paragonate ironicamente le zitelle, perché quel
frutto, per essere gustato, ha bisogno di stagionatura tra la paglia, and “it is eaten only when decayed”.

(46)

43

SCENA II - Verona, il verziere dei Capuleti
Entra ROMEO
ROMEO -

Si ride delle cicatrici altrui
chi non ebbe a soffrir giammai ferita…
GIULIETTA appare a una finestra
Oh, quale luce vedo sprigionarsi
lassù, dal vano di quella finestra?
È l’oriente, lassù, e Giulietta è il sole!
Sorgi, bel sole, e l’invidiosa luna
già pallida di rabbia ed ammalata
uccidi, perché tu, che sei sua ancella,(47)
sei di gran lunga di lei più splendente.
Non restare sua ancella, se invidiosa
essa è di te; la verginal sua veste
s’è fatta ormai d’un color verde scialbo
e non l’indossano altre che le sciocche.
Gettala via!… Oh, sì, è la mia donna,
l’amore mio. Ah, s’ella lo sapesse!
Ella mi parla, senza dir parola.
Come mai?… È il suo occhio
che mi discorre, ed io risponderò.
Oh, ma che sto dicendo… Presuntuoso
ch’io sono! Non è a me, ch’ella discorre.
Due luminose stelle,
tra le più fulgide del firmamento
avendo da sbrigar qualcosa altrove,
si son partite dalle loro sfere
e han pregato i suoi occhi di brillarvi
fino al loro ritorno… E se quegli occhi
fossero invece al posto delle stelle,
e quelle stelle infisse alla sua fronte?
Allora sì, la luce del suo viso
farebbe impallidire quelle stelle,
come il sole la luce d’una lampada;
e tanto brillerebbero i suoi occhi
su pei campi del cielo, che gli uccelli
si metterebbero tutti a cantare
credendo fosse finita la notte.
Guarda com’ella poggia la sua gota
a quella mano… Un guanto vorrei essere,
su quella mano, e toccar quella guancia!

(47)

Giulietta, come tutte le fanciulle vergini, è sacerdotessa di Diana, la dea della luna; ma della luna essa – secondo
Romeo – è più bella e luminosa, perciò la luna la invidia.
44

GIULIETTA -

(Come avesse sentito un rumore, o forse assorta in tristi
pensieri, sospirando)
Ahimè!…

ROMEO -

(Tra sé)
Dice qualcosa… Parla ancora,
angelo luminoso, sei sì bella,
e da lassù tu spandi sul mio capo
tanta luce stanotte
quanta più non potrebbe riversare
sulle pupille volte verso il cielo
degli sguardi stupiti di mortali
un alato celeste messaggero
che, cavalcando sopra pigre nuvole,
veleggiasse per l’infinito azzurro!

GIULIETTA -

Romeo, Romeo! Perché sei tu Romeo?
Ah, rinnega tuo padre!…
Ricusa il tuo casato!…
O, se proprio non vuoi, giurami amore,
ed io non sarò più una Capuleti!

ROMEO -

(Sempre tra sé)
Che faccio, resto zitto ad ascoltarla,
oppure le rispondo?…

GIULIETTA -

Il tuo nome soltanto m’è nemico;
ma tu saresti tu, sempre Romeo
per me, quand’anche non fosti un Montecchi.
Che è infatti Montecchi?…
Non è una mano, né un piede, né un braccio,
né una faccia, né nessun’altra parte
che possa dirsi appartenere a un uomo.
Ah, perché tu non porti un altro nome!
Ma poi, che cos’è un nome?…
Forse che quella che chiamiamo rosa
cesserebbe d’avere il suo profumo
se la chiamassimo con altro nome?
Così s’anche Romeo
non si dovesse più chiamar Romeo,
chi può dire che non conserverebbe
la cara perfezione ch’è la sua?
Rinuncia dunque, Romeo, al tuo nome,
che non è parte della tua persona,
e in cambio prenditi tutta la mia.

45

ROMEO -

(Forte)
Io ti prendo in parola!
D’ora in avanti tu chiamami “Amore”,
ed io sarò per te non più Romeo,
perché m’avrai così ribattezzato.

GIULIETTA -

Oh, qual uomo sei tu,
che protetto dal buio della notte,
vieni a inciampar così sui miei pensieri?

ROMEO -

Dirtelo con un nome,
non saprei; il mio nome, cara santa,
è odioso a me perché è nemico a te.
Lo straccerei, se lo portassi scritto.

GIULIETTA -

L’orecchio mio non ha bevuto ancora
cento parole dalla voce tua,
che ne conosco il suono:
non sei Romeo tu, ed un Montecchi?

ROMEO -

No, nessuno dei due, bella fanciulla,
se nessuno dei due è a te gradito.

GIULIETTA -

Ma come hai fatto a penetrar qui dentro?
Dimmi come, e perché. Erti e scoscesi
sono i muri dell’orto da scalare,
e se alcuno dei miei ti sorprendesse,
sapendo chi sei, t’ucciderebbe.

ROMEO -

Ho scavalcato il muro
sovra l’ali leggere dell’amore;
amor non teme ostacoli di pietra,
e tutto quello che amore può fare
trova sempre l’ardire di tentare.
Perciò i parenti tuoi
non rappresentano per me un ostacolo.

GIULIETTA -

Ma se ti trovan qui, ti uccideranno!

ROMEO -

Ahimè, c’è più pericolo per me
negli occhi tuoi che in cento loro spade:
basta che tu mi guardi con dolcezza,
perch’io mi senta come corazzato
contro l’odio di tutti i tuoi parenti.

GIULIETTA -

Io non vorrei però per nulla al mondo
che alcun di loro ti trovasse qui.

46

ROMEO -

La notte mi nasconde col suo manto
alla lor vista; ma se tu non m’ami,
che mi trovino pure e che mi prendano:
assai meglio è per me finir la vita
desiderando invano l’amor tuo.

GIULIETTA -

Come hai fatto a venire fino qui?
Chi t’ha guidato?

ROMEO -

Amore per il primo
ha guidato i miei passi. È stato lui
a prestarmi consiglio nel trovarlo;
io gli ho prestato in cambio solo gli occhi.
Io non sono un nocchiero,
ma se tu fossi lontana da qui
quanto la più deserta delle spiagge
bagnata dall’oceano più remoto,
io correrei qualsiasi avventura
per cercar sì preziosa mercanzia.

47

GIULIETTA -

Sai che la notte copre la mia faccia
della sua nera maschera,
l’avresti vista arrossare, se no,
per ciò che m’hai sentito dir poc’anzi.
Ah, vorrei tanto mantener la forma,
rinnegar quel che ho detto!…
Ma addio ormai inutili riguardi!
Tu m’ami?… So che mi rispondi “Sì”,
ed io ti prenderò sulla parola;
ma non giurare, no, perché se giuri,
potresti poi dimostrarti spergiuro.
Agli spergiuri degli amanti - dicono ride anche Giove. O gentile Romeo,
se m’ami, dimmelo con lealtà;
se credi ch’io mi sia lasciata vincere
troppo presto, farò lo sguardo truce
e, incattivita, ti respingerò,
perché tu sia costretto a supplicarmi…
Ma no, non lo farei, per nulla al mondo!…
In verità, leggiadro mio Montecchi,
io di te sono tanto innamorata,
da farti pur giudicar leggerezza
il mio comportamento; però credimi,
mio gentil cavaliere, che, alla prova,
io saprò dimostrarmi più fedele
di quelle che di me sono più esperte
nell’arte di apparire più ritrose.
E più ritrosa - devo confessarlo sarei stata, se tu, subitamente,
prima ch’io stessa me ne fossi accorta,
non m’avessi sorpresa
a confessar l’ardente mia passione
a me stessa. Perdonami perciò,
e non voler chiamare leggerezza
la mia condiscendenza,
come t’avrà potuto suggerire
il buio della notte.

ROMEO -

Mia signora,
per questa sacra luna che inargenta
le cime di questi alberi, ti giuro…

GIULIETTA -

Ah, Romeo, non giurare sulla luna,
questa incostante che muta di faccia
ogni mese nel suo rotondo andare,
ché l’amor tuo potrebbe al par di lei
dimostrarsi volubile e mutevole.

ROMEO -

Su che vuoi tu ch’io giuri?

48

GIULIETTA -

Non giurare;
o, se ti piace, giura su te stesso,
su codesta graziosa tua persona,
l’idolo della mia venerazione,
e tanto basterà perch’io ti creda.

ROMEO -

Se l’amor del mio cuore…

GIULIETTA -

Non giurare,
ho detto: benché tu sia la mia gioia,
gioia non mi riesce di trovare
nell’impegno scambiatoci stanotte:
troppo improvviso, troppo irriflessivo,
rapido, come il fulmine, che passa
prima che uno possa dir “Lampeggia!”.
Buona notte, dolcezza.
Questo bocciolo d’amore, schiudendosi
all’alito fecondo dell’estate,
potrà, al nostro prossimo incontrarci,
dimostrarsi un bel fiore profumato.
Buona notte. La pace ed il riposo
discendano soavi sul tuo cuore,
come soave è tutto nel mio petto.

ROMEO -

Oh, vuoi lasciarmi così insoddisfatto?

GIULIETTA -

Insoddisfatto? E qual soddisfazione
pensavi tu d’aver da me stasera?

ROMEO -

Sentirmi ricambiar dalla tua bocca
il mio voto d’amore.

GIULIETTA -

Te l’ho dato,
ancor prima che tu me lo chiedessi;
se pur vorrei che fosse ancor da dare.

ROMEO -

Vorresti ritirarlo? E perché, amore?

GIULIETTA -

Per potermi mostrare generosa,
e dartelo di nuovo, a piene mani.
Io non desidero che quel che ho.
La mia voglia di dare è come il mare,
sconfinata, e profondo come il mare
è l’amor mio: più ne concedo a te,
più ne possiedo io stessa,
perché infiniti sono l’una e l’altro.
(La voce della Nutrice dall’interno, che chiama:
“Giulietta!”)

49


Documenti correlati


Documento PDF 1921 1922 us messinese
Documento PDF romeo e giulietta
Documento PDF automobilismo d epoca agosto settembre 2016
Documento PDF pianeta motori pdf
Documento PDF 1 cancella il giorno che mi hai incontrato
Documento PDF otr aprile 2013 on line


Parole chiave correlate