File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



JUVETORO n. 24 ANNO VI bassa OK.pdf


Anteprima del file PDF juvetoro-n-24-anno-vi-bassa-ok.pdf

Pagina 1 23416

Anteprima testo


2

www.juvetoro.it

amcsrls@yahoo.it

3 domande a... Bruno Bernardi

“Poche squadre europee hanno il DNA Juve”
“La scuola bianconera sa tirare fuori il meglio dal gruppo. Ora sotto con scudetto della leggenda e Champions...”

B

runo Bernardi, mercoledì scorso a Roma
la Juve ha vinto la terza
coppa Italia consecutiva:
non era mai accaduto nella
storia del calcio italiano...
È vero, mai nessuno lo aveva fatto. È il primo obiettivo realizzato da un gruppo
di giocatori di qualità e di
quantità. Tre coppe consecutive vinte sono un risul-

tato apparentemente meno
importante di altri ma in
realtà è la dimostrazione di
quanto la scuola-Juventus
sappia tirar fuori dal serbatoio del gruppo-squadra,
di quanto sappia tirar fuori tutta l'energia, lo spirito
di sacrificio, la caparbietà
nell'inseguire obiettivi. Poche altre società europee
hanno nel loro dna queste
caratteristiche. La Lazio,
alla vigilia, sembrava molto
più affamata della Juve, più
tonica e in forma. Ma poi,
di fronte alla squadra che
aveva perso sulla stessa
erba dell'Olimpico capitolino una gara delicata come
quella contro la Roma, gli
aquilotti hanno dovuto arrendersi. Sento parlare di
'tripletta': obiettivo non impossibile. Ma i conti, nel calcio, si fanno solo alla fine ed
è giusto che la Juve guardi
a occhi bene aperti sul fu-

turo iniziando dalla gara di
domenica prossima contro
il Crotone.
Infatti contro i calabresi,
ancora in corsa per la salvezza, Higuain e compagni
saranno chiamati ad una
sorta di seconda finale in

quattro giorni, questa volta per aggiudicarsi uno
scudetto che sarebbe veramente leggendario: il sesto
tricolore vinto consecutivamente...
Un'altra delle tappe che bisogna affrontare sapendo
che occorre ancora spingere forte sui pedali. Perché il
Crotone si batterà sino alla
fine per provare a centrare
l'obiettivo salvezza, obiettivo che sino a poche settimane fa sembrava impresa impossibile. Gli uomini
allenati da Davide Nicola
stanno dimostrando che

anche una neo-promossa
può sperare sino all'ultimo
di non dover tornare subito in B anche se per larghi
tratti del torneo parevano
già condannati. Ma la Juve
non può fare concessioni
anche se il rischio è di dare
tutto per scontato. Madama
non può che puntare alla
vittoria, a quei tre punti
che chiuderebbero il discorso scudetto. La Juve ha
quindi davanti a sé un solo
obiettivo: quello di centrare un'impresa leggendaria,
quella della mezza dozzina di magnifici scudetti
inanellati uno dopo l'altro,
conquistati con ampi meriti. Tutti hanno fatto la loro
parte e tutti la faranno anche nell'ultimo atto di fronte al popolo juventino che
affollerà domenica pomeriggio lo Juventus Stadium.
E poi ci sarà la sfida di
Cardiff contro il Real Madrid, terza e ultima 'finale'
per i bianconeri...
Eh sì, un traguardo di grandissimo prestigio, un trofeo
che i tifosi della Vecchia
Signora aspettano da ben
21 anni. Un trofeo che vedono sempre più vicino
anche se il Real Madrid è
un'avversaria di altissima
levatura tecnica, tattica e
di personalità. I madrileni
si troveranno però di fron-

te una Juve che non è soltanto 'affamata' ma anche
'assetata' di gloria. Sarebbe
splendido che l'avventura
continentale si concludesse
con Buffon che alza la 'coppa delle grandi orecchie'
nel cielo di Cardiff. Buffon,
oltre a questa coppa, meriterebbe anche il 'Pallone
d'oro' alla carriera. Sarebbe un premio strameritato,
non ho dubbi.
Roberto Grossi

FERRO BATTUTO
ACCIAIO
INFERRIATE
SCALE
CANCELLI
STUDIO CONSULENZA Via Genova, 257 - TORINO - Tel. 011 6051245 - 011 6057330
torinolingotto@libero.it

Tel. 3475928839 - E-mail: mifer.matteosoccio@gmail.com
Facebook: Mi Fer