File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Opuscolo sulla relazione nel lavoro di cura a cura del Distretto socio sanitario Cz Lido.pdf


Anteprima del file PDF opuscolo-sulla-relazione-nel-lavoro-di-cura-a-cura-del-distretto-socio-sanitario-cz-lido.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8

Anteprima testo


AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE
CATANZARO

fisicamente verso l’altro. In questo senso chi offre l’aiuto comunica il suo interesse
disponendosi anche a contatto fisico con colui a cui tale aiuto è diretto:
in questo modo chi aiuta segnala che è pronto a soddisfare i bisogni dell’altro
4. IL PROCESSO DI AIUTO
Attenzione fisica: è chiaro che l’attenzione preveda anche un contatto fisico con la
persona cui è rivolto il nostro aiuto, potremo ad es. tenerle la mano in un momento
difficile.
Attenzione psicologica: richiede un adeguato uso dei sensi, in particolare degli occhi.
Comunichiamo attenzione guardando l’altro negli occhi, dai tentativi che facciamo
per raggiungerlo con lo sguardo egli si renderà conto dei nostri sforzi per
raggiungerlo psicologicamente.
Ascoltare: la componente fondamentale di un atteggiamento di attenzione nei
confronti dell’altro è senza dubbio l’abilità di ascoltare :
A.
B.
C.
D.
E.

Attenzione agli indizi-chiave della sua esperienza interiore
Mettiamoci faccia a faccia, saremo così più pronti all’ascolto
Sospendiamo ogni tipo di giudizio
Resistiamo alle distrazioni
Siamo selettivi, diamo attenzione alle cose più importanti che, di solito sono
ripetute più volte e con notevole intensità

5. PER SVILUPPARE EMPATIA
Il modo migliore è osservare il comportamento dell’altro, osservarne le posture o
quegli atteggiamenti particolari che ci indicano se egli è triste o felice, arrabbiato o
teso. Il modo di atteggiarsi (il comportamento fisico) della persona può rivelarci
molto della sua esperienza soggettiva. Quando tutte le altre indicazioni non sono
chiare dobbiamo tornare a ciò che è più evidente di per sé: il comportamento della
persona che ha bisogno di aiuto. Possiamo imparare molto sul livello di
«funzionamento» di un individuo dalle POSTURE che egli assume: egli comunica il
suo stato d’animo attraverso svariati comportamenti; se piega la testa in avanti e
parla con voce spenta comunica uno stato di depressione, se ha invece un
portamento ben eretto e parla e si muove velocemente indica uno stato di
eccitazione o euforia, se assume una posizione rigida ed è teso nel suo
comportamento fisico o verbale, comunica uno stato di tensione.