File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Opuscolo sulla relazione nel lavoro di cura a cura del Distretto socio sanitario Cz Lido.pdf


Anteprima del file PDF opuscolo-sulla-relazione-nel-lavoro-di-cura-a-cura-del-distretto-socio-sanitario-cz-lido.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8

Anteprima testo


AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE
CATANZARO

5.1 PER LO SVILUPPO DELL’EMPATIA: INDICATORI PER RICONOSCERE LO STATO
INTERIORE DELL’ALTRO
Le contraddizioni nel comportamento di una persona: in genere diciamo che è
incongruente, ma l’essere incongruente è tipico di una persona con problemi. In
genere una persona che chiede aiuto sta cercando di diventare più coerente.
Osservare il comportamento dell’altro: prestando attenzione a come si esprime e
espone i fatti, il tono di voce e le espressioni del viso ci forniscono delle preziose
chiavi di lettura sui suoi sentimenti interiori, poi si deve ascoltare attentamente ciò
che dice ma, soprattutto, ciò che NON DICE! Dopo avere ASCOLTATO chiediamoci
che cosa egli prova veramente nei confronti dell’esperienza che sta raccontando.
Ora domandiamoci: che cosa proverei io se vivessi questa esperienza?
LA PERSONA CHE HA BISOGNO DI AIUTO È PARTICOLARMENTE ATTENTA AI
FEEDBACK
Quello che si instaura tra la famiglia, l’anziano e l’operatore di cura è sì un rapporto
di lavoro, per quanto particolare, ma è soprattutto un rapporto interpersonale, in
cui si intrecciano competenze professionali con competenze relazionali che devono
essere apprese.
Dedizione e buon senso sono elementi necessari ma non sufficienti a garantire una
gestione adeguata, oltre che dei bisogni assistenziali, anche delle esigenze di
carattere relazionale espresse dall’assistito, all’interno di un contesto, quale quello
familiare, estremamente complesso e variegato.
È poi un incarico altamente “fiduciario”. La fiducia diviene a questo punto un fattore
imprescindibile per compensare la mancanza del controllo “a vista”. Ed è un fattore
decisivo anche nel rapporto con l’anziano stesso, che accetta di avere una persona
estranea in casa.
Ciò non fa che rafforzare l’idea di quanto sia necessario attribuire ruolo e
competenza alla figura dell’assistente familiare, a garanzia di qualità e tutela di chi
soffre e di chi riceve l’azione di aiuto.