File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



JUVETORO n. 3 JUVE LAZIO OK bassa.pdf


Anteprima del file PDF juvetoro-n-3-juve-lazio-ok-bassa.pdf

Pagina 1 2 3 45616

Anteprima testo


4

www.juvetoro.it

amcsrls@yahoo.it

Il Punto/La Partita

Rivoluzione d'ottobre o quiete dopo la tempesta?
S

e si chiedesse ad Allegri
cosa servono a tutt'oggi
le rappresentative nazionali, non c'è dubbio che la
risposta sarebbe: “A recapitarmi giocatori infortunati”.
Alla Continassa si trema ad
ogni pausa del calendario,
dedicata alla ribalta per
un senso patrio che declina
sempre più. Si rispolvera
ogni volta la diaspora della rosa, evaporata fino agli
angoli più reconditi del globo, con il costante abbonamento al rientro di autentiche armate brancaleone,
che si sorreggono su stampelle, bloccate da tutori e
fasciature varie. Fatto sta
che l'ingresso dell'infermeria di Vinovo assomiglia alla
porta girevole dell'Hotel
Ritz di Place Vendome. Per
un Khedira che prende una
boccata d'aria, dopo l'amichevole col Derthona, c'è
un Mandzukic che entra,
in forte dubbio per sabato. Entra Barzagli, stazio-

na Pjanic e non consolano
le uscite estemporanee di
Marchisio e Pjaca. Troppo
presto. La Lazio incombe e
non solo. Ha inizio un ciclo
di ottobre da far tremare i
polsi: dopo i romani, in ordine lo Sporting Lisbona,
l'Udinese in trasferta, la
Spal infrasettimanale, San
Siro milanista e di nuovo
lo Sporting in Portogallo.
Dire che la Juve si gioca
una bella fetta di stagione
in questo scorcio di autunno è puro eufemismo. Venir fuori dal tour de force
con risultati confortanti,
sarebbe il miglior viatico
ai festeggiamenti del 120°
compleanno della Vecchia
Signora il 1° di novembre.
Assai meno romanticamente, si porrebbero le basi per
l'ennesima stagione vincente. Altrimenti si aprirebbe uno scenario simile ad
un inizio di rivoluzione. In
casa Juve comunque non
si è portati a piangersi ad-

dosso. Non per nulla questa
è l'esortazione che Allegri
ha spedito a casa Higuain.
L'allenatore non si è mai
concesso alla disperazione,
barcamenandosi con grande capacità e disinvoltura
al cospetto di situazioni
talvolta pesanti, in fatto di
infermeria piena. Gli va riconosciuto. E la scelta della società di potenziare la
panchina, quasi obbligata,
a lungo risulta pagante,

Sabato 11 Novembre 2017
– VIAGGIO IN BUS IN ANDATA E RITORNO
– BIGLIETTO D'INGRESSO AL SALONE
– ASSISTENZA DI ACCOMPAGNATORE AGENZIA

PARTENZA GARANTITA DA:
SALUZZO, SAVIGLIANO,
CARMAGNOLA E TORINO

€ 56,00

Minimo 25 partecipanti

ob torto collo. La vigilia di
Juve–Lazio è trascorsa tra
l'ansia di vedere tornare i
pezzi pregiati e la necessità
di rimettere in pieno uso i
malconci. Tutto ruota attorno a Marione Mandzukic.
Dopo aver contribuito in
toto alla qualificazione della sua Croazia agli spareggi,
la caviglia che ha retto grazie ad un'infiltrazione è da
valutare. Con ogni probabilità, si preferirà preservarlo

per la Champions. Con lo
Sporting, tra andata e ritorno, si giocano tutte le chances di qualificazione. In tal
caso la presenza di Douglas
Costa come esterno sinistro
diventerebbe consistente,
in un modulo che vede il
Pipita al centro di un attacco con Cuadrado a destra e
Dybala trequartista/seconda punta. (Sturaro esterno
alto di sinistra è un film già
visto e quindi non sorprenderebbe!). Variabile da non
sottovalutare: come avranno smaltito il fuso orario i
sudamericani nuovamente
juventini solo al giovedì? A
questi si aggiunge Bentancur, novella scoperta non
solo in casa Juve, che dovrà
fare coppia obbligata con
Matuidi, fino a completo recupero di Pjanic, che manca assai. Relativa tranquillità in difesa, pare quasi un
controsenso, alla luce dei
grandi dubbi destati fino ad
ora dal reparto. Lichtstei-

ner ed Alex Sandro (altro
sudamericano in viaggio)
sulle fasce, con Chiellini e
Benatia in mezzo. Azzardo
calcolato. Che Szczesny sia
della tenzone, è nei pensieri del mister. L'unica sicurezza è che a fare visita
all'Allianz Stadium viene
una delle compagini più in
forma e attrezzate del lotto.
Basta riferirsi alla finale di
Supercoppa, per rendersene conto. Minirivincita? Ci
può stare, ma 3 punti da
incamerare valgono più di
velleitarie rese dei conti,
anche alla luce di incontri
concomitanti che potrebbero dare una mano alla Juve
a riacchiappare la vetta
sfuggita per decisioni VARie. Era da oltre un anno e
mezzo che Madama non si
presentava in campo non
da capolista. E la cosa fa un
certo effetto…
Marco Sanfelici