File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



JUVETORO n. 10 Juve Roma bassa.pdf


Anteprima del file PDF juvetoro-n-10-juve-roma-bassa.pdf

Pagina 1...8 9 10111216

Anteprima testo


10

www.juvetoro.it

amcsrls@yahoo.it

Giustizia Sportiva

Agnelli e Juve sono salvi, anzi no...
Solo una multa a Presidente e Società. E chiusura curva per un turno. Ma quante domande rimaste inevase...

L

a notizia è stata appresa e digerita alla velocità della luce, e ora si è già
tornato a parlare dei supposti problemini di Dybala
e via discorrendo. Quale
notizia? Ovviamente quella
della Corte Federale della
FIGC che, nel processo di
appello, ha ridotto la squalifica iniziale di 12 mesi ad
Agnelli, per i rapporti non
consentiti con i tifosi, e che
ha aggiunto però anche una
multina di 100 mila euro.
Multina per lui, s’intende. E
da questo momento l’inibizione è finita e la pena è già
scontata.
Senza dimenticarci, non sia
mai, che ha anche inflitto
alla Juventus una multa di
600 mila euro e ha chiuso
per un turno la curva dei tifosi bianconeri allo Stadium
(quello col nome di un gruppo assicurativo tedesco). La
chiusura della curva varrà
per la prima partita casalinga del 2018, JuventusGenoa del 21 gennaio, e non
per questo match pre-nata-

lizio in casa con la Roma di
Di Francesco. E fino a qui
fatti noti e stra-noti.
Ma, prima di abboffarci
come porcelli tra vivande,
panettoni e spumanti, veniamo a qualche domanda
fisiologica che si materializza non appena si mette il
tasto di accensione del cervello sulla posizione “ON”.
Si, vabbè, lo ammetto, son
domande retoriche, ma
servono per ammazzare il
tempo prima che arrivino
gli antipasti base di trigliceridi e colesterolo…
Che fine ha fatto la famosa
tremendissima
telefonata citata in audizione alla
Commissione Antimafia dal
procuratore federale Giuseppe Pecoraro? Datemela,
la voglio sentire!
La suddetta Commissione,
che intenzioni ha riguardo
al fatto che, in relazione
al bagarinaggio, biglietti, ultras, e via dicendo, ci
siano in tutta Italia infiltrazioni mafiose? Lo ha detto
la stessa presidente Rosy

Bindi, mica il mio tabaccaio. Pubblicità pomposa e
chiacchiere pre-elettorali,
o si cominceranno a prendere delle decisioni serie?
E il gentilissimo Gentiloni e
il suo governo, a quest’ora
sono ancora a letto?
Per ciò che riguarda gli altri
club, il procuratore federale, ha già definitivamente
deciso che sono tutti più
buoni, anche non a Natale,
o invece procederà con ulteriori procedimenti? O è
ancora troppo arrabbiato
per la barzelletta di quel
pastore pecoraro a cui gli
scappò un agnello?
Gli altri club, hanno lavorato su questo problema in
collaborazione con la Digos,
come ha fatto la Juve, o
hanno fatto e fanno sempre
tutto da soli, che tanto “chi
fa da se fa per tre”?
Ah ecco, quasi mi dimenticavo, quando comincerà il
pro-cesso sportivo contro la
Digos? Ci sono già delle ipotesi di richiesta di inibizioni,
squalifiche e multe da parte del buon Pecoraro? Una
condannina-ina-ina
alla
Juve dovrebbe automaticamente, a cascata diciamo,
generare una condanninaina-ina anche per la Digos,
no? Lascia stare che la Digos non è un club di calcio… Son dettagli, visto che
in Italia è Carnevale tutto
l’anno e anche a Natale... E
diamogliela una bottarella
anche a loro, dai!
Procediamo oltre. Come già
è stato scritto e detto, la Juventus e Agnelli hanno subito una piccola condanna,
che è stata smaltita quasi

PER LA TUA PUBBLICITÀ SU

TELEFONA

011 0371291

SCRIVI amcsrls@yahoo.it

tutta, mancano solo un paio
di assegni, ma pur sempre
di condanna si tratta. Ora,
essendo tutta la vicenda
un altro grosso pasticcione vergognoso, con tanto
di giornali che con il solito entusiasmo anti-Juve
hanno associato le parole
Juve e Agnelli alla parole
mafia-‘ndgangheta, ecc, chi
paga i danni d’immagine
subiti dalla Juventus? (sì,
solo dalla Juventus, perché
di Agnelli sinceramente ci
interessa nulla, visto che è
adulto, ricco e vaccinato).
A che punto siamo in procura con le indagini sull’ultrà
bianconero Raffaello Bucci, detto Ciccio, suicidatosi
buttandosi giù dal viadotto
vicino a Fossano (lo stesso
cavalcavia da dove tanti
anni fa si buttò giù Edoardo
Agnelli, figlio dell’Avvocato), che a quanto pare lavorava per i servizi segreti
(non si sa bene a che titolo),
e che nei giorni pre-suicidio
aveva tanta tanta tanta
paura di morire?
Cos’è Ciccio, solo un effetto,
morto, collaterale e chi se
ne frega?
Questa vicenda nel suo
complesso è l’esempio per-

fetto (tra milioni di altri
esempi, s’intende) del motivo per cui l’ItaGlia si trova nello stato complessivo
che tutti fin troppo bene
conosciamo. Questa storia
racchiude tutti i difetti, le
distorsioni e i buchi oscuri
del sistema. Per questi innumerevoli motivi infatti,
l'Italia è solo la Svizzera
dell’Africa.
Piccolo consiglio gratuito,
ossia regalino natalizio, agli
uomini di buona volontà
(che magari indossano una
toga con dignità): perché
non dare una bella e scrupolosa occhiata anche alla

vendita dei biglietti dei concerti?
Ma quante ne so, quante ne
so…
Auguri a quasi tutti!
Ps: faceva bene Totò, in un
vecchio film, a chiedersi: “a
quest’ora il Questore è ancora in Questura?"
Antonio Catapano
'Crazeology'
www.giùlemanidallajuve.com
(Qui sopra il Presidente Agnelli
firma autografi ai tifosi a Villar
Perosa; in alto a sinistra la curva
Sud dello Stadium)

Giornale sportivo per i tifosi di Juventus e Torino
Direttore Responsabile
Roberto Grossi
rogro@inwind.it
Hanno collaborato
Bruno Bernardi
Antonio Catapano
Salvino Cavallaro
Massimo Fiandrino
Ezio Maletto
Andrea Montanari
Dan Morino
Paolo Rachetto
Giovanni Rolle
Marco Sanfelici
Marco Venditti
Ermanno Vittorio
Segreteria di redazione
Cristina Zecchino
amcsrls@yahoo.it
Impaginazione e grafica
Silvana Scarpa
Tel. 011 0371291

Servizi fotografici
Archivio JuveToro
Editore
AMC
Art Media Communication
Direttore Editoriale
Gianni Castaldo
amcsrls@yahoo.it
Pubblicità
amcsrls@yahoo.it
Stampa
I.T.S. SpA
Distribuzione gratuita
agli ingressi esterni
degli stadi torinesi, eventi
e canali commerciali
Autorizzazione
Trib. di Torino n. 30 del 27/11/2015.
Tutti i diritti riservati
Responsabile del trattamento
dei dati personali: Gianni Castaldo

CHIUSO IN REDAZIONE ALLE ORE 17 DI GIOVEDÌ 21 DICEMBRE 2017