File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



JUVETORO n. 18 Juventus Fiorentina bassa OK.pdf


Anteprima del file PDF juvetoro-n-18---juventusfiorentinabassaok.pdf

Pagina 1 2 3 45616

Anteprima testo


4

www.juvetoro.it

amc_juvetoro@yahoo.com

Quale Futuro?

Allegri, proprio vero che il calcio 'È molto semplice'...
N

el giorno del probabile ottavo scudetto
consecutivo occorre
fare una riflessione sul futuro. Inutile girarci intorno
e cancellare la disfatta europea andata in scena in
settimana. Troppo grave è
la ferita, ancora aperta, di
un martedì sera versione
horror. La band allegriana
è stata umiliata in mondovisione, tra le mura amiche
dello Stadium, da una squadra di 'ragazzini terribili'
tesserati da una società cosiddetta 'venditrice' (parole
del Presidente Agnelli). Una
società, quella olandese, che
fattura un'inezia rispetto al
sodalizio torinese. Ragazzi
che hanno però una visione
precisa del calcio, agli ordini di un allenatore che insegna schemi e fasi di gioco.
Così i virgulti sanno sempre
come muoversi e dove farsi trovare dai compagni. E
danno la netta impressione

di divertirsi. Tutto il contrario, cioè, della compagine
messa in piedi da Allegri, il
quale, con la pubblicazione
della sua ultima fatica letteraria (?) ci ha insegnato che
il calcio 'È molto semplice'.
Forse talmente semplice,
verrebbe da pensare, che
non c'è bisogno neanche di
un allenatore per vincere...
Andiamo avanti: 4-sconfitte-4 (e un pareggio) su
10 gare giocate in Champions. Un ruolino di marcia avvilente per una delle
pretendenti al titolo, nella
stagione in cui è stato consegnato in dono, a Madama,
il Re portoghese specialista
in conquiste continentali.
Contro l'Ajax, invece, una
Caporetto: gioco, condizione fisica, entusiasmo, coraggio. Altro che 'fino alla
fine'. Neanche lo spavento
contro l'Atletico Madrid (ricordate la sciagurata gara
di andata?) è servito a qual-

cosa. L'alibi degli infortuni?
Ridicolo. Anche Ten Hag ha
avuto il suo daffare tra infermeria e squalifiche ma
nessuno si è accorto delle
assenze e l'Ajax, tra le due

partite contro la Juve, ha
anche disputato una gara
di Eredivisie schierando la
formazione titolare... E dire
che i 'lancieri' provenivano
dai turni preliminari (2) di

Champions, manifestazione
che per loro è iniziata il 25
luglio... E il numero degli
ospitati in infermeria, tra
l'altro, al netto dei traumi
da gioco, non dipende anche dallo staff del condottiero livornese? Chi, se non
lui e i suoi fidi collaboratori
sono responsabili delle condizioni fisiche della squadra? E quanti tiri in porta
ha fatto la Juve tra andata
e ritorno? Quante partite
ha giocato in questa stagione in maniera decente,
a prescindere dai risultati
conseguiti contro la derelitta concorrenza italica?
La dirigenza vaglierà il da
farsi. Le parole pronunciate post-gara in conferenza
stampa, martedi sera, valgono relativamente. Davvero la Juve vuole affidarsi
ancora al vate toscano, che
dalla sua parte ha ancora
un solo anno di contratto
e si è ormai attirato le ire

funeste dei tifosi? Forse,
perso Zidane, non ci sono
alternative valide? Il finale
è riservato proprio ai tifosi.
Anche contro i 'lancieri' lo
Stadium non è parso una
bolgia. Tante le 'pause di
riflessione' che la curva si
è concessa nei 90 minuti.
Lo 'sciopero del tifo' ormai
è consuetudine e il resto
dell'impianto si arrabatta
come può, cioè poco e male
(specie se non si vince). Nel
futuro cosa ci dobbiamo
aspettare? Un Teatro Regio
permanente in cui assistere
allo spettacolo (?) tra cola
e pop-corn? Magari con
biglietti riservati solo ai
benestanti che sventolano
bandierine-chic con il logo
post-moderno della 'J' in
versione 'geroglifico'? Senza anima, storia e passione.
Ma nel frattempo buon 8°
scudetto a tutti...
Andrea Montanari

REDAZIONALE

Sin dai tempi dei Greci, la competizione e le varie attività sportive occupavano una parte
fondamentale della giornata.

ABBIGLIAMENTO CAMPIONARI
UOMO - DONNA
CALZATURE
SCONTO 50% TUTTO L’ANNO

Essenziale per i giorni nostri invece, è la professionalità che dedichiamo ad un settore
molto particolare come la premiazione sportiva, la personalizzazione di oggetti di qualsiasi
materiale, la creazione di qualcosa di sempre unico e mai banale.
Un progetto di personalizzazione nasce da quel desiderio di apparire tra la gente, il costante
aggiornamento di un mercato di nicchia che pochi conoscono.
Per questo motivo, il nostro negozio offre una vasta scelta tra trofei di prestigio, cristalli,
targhe, coppe e medaglie, spaziando per i moltissimi articoli di oggettistica e gadget per
eventi sportivi e non.
I nostri macchinari per la marcatura laser, la serigrafia a colori, l'incisoria e la sabbiatura
sapranno sicuramente accontentare un'ampia gamma di scelta.
Tutto potrà essere personalizzato a vostro piacimento, con i consigli di professionisti del
settore che sino ad oggi, non hanno mai deluso le aspettative del cliente, sempre più
attento ed esigente, con la convinzione che ogni creazione, anche se dedicate alla gara
o all'evento meno ambito, sia la base di partenza per una crescente valorizzazione dello
stesso.

Via Carlo Alberto, 30 D - Torino
Tel. 011 547739

Creiamo ricordi emozionali
Via Stradella 236/C - 10147 Torino
www.splitcoppe.it - info@splitcoppe.it