File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Programma San Vincenzo Futura.pdf


Anteprima del file PDF programma-san-vincenzo-futura.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Anteprima testo


Quindi come metodo di lavoro non mancheranno le occasioni per coinvolgere gli operatori del
settore turistico-commerciale nelle scelte, la loro esperienza è cosa preziosa. La collaborazione tra
pubblico e privato è essenziale nel nostro caso. Occorre stimolare la crescita professionale per
garantire una qualità alta del servizio erogato.
Altro elemento del progetto, in collaborazione con il progetto cultura, prevede la creazione di una
scuola di alta formazione in scienze turistiche ed eno - gastronomiche. Dovrà essere attiva
almeno nove messi l’anno e potrà diventare anche , grazie anche alla qualità dei docenti un punto
di riferimento essenziale per lo sviluppo del settore.
4. Progetto tessuto produttivo e commerciale

Un'amministrazione pubblica deve difendere le piccole attività del tessuto urbano perché oltre a
tutelare direttamente i cittadini e le famiglie che con quelle attività vivono, si mantiene un servizio
per i cittadini ed i turisti.
Per questo il Comune deve essere pronto a dare sostegno a queste attività cercando di
incentivare la specializzazione delle stesse affinché puntino sempre più alla qualità e tipicità.
Attualmente la criticità principali del tessuto produttivo e, soprattutto, commerciale di San
Vincenzo è la dipendenza a doppio filo che le attività hanno con la stagione balneare. Troppo
divario c'è infatti tra la mole di lavoro estivo, ridotto ormai a tre mesi quando va bene, e quello delle
altre stagioni.
Per migliorare questa situazione e’ necessario quindi puntare anche ad un aumento della
popolazione residente
Altro grande problema delle attività sono gli affitti sempre più alti e le tasse, sia nazionali che
comunali che attaccano gli utili delle aziende e mettono in difficoltà chi tenta con fatica di stare
aperto tutto l'anno a San Vincenzo.
Il Comune ha fatto poco negli ultimi anni e si è dimostrato con i fatti lontano dagli esercenti. Anche
se è prevista infatti una riduzione della TARI, nella sua parte variabile (la parte su cui il Comune
può scegliere) alle attività che restano aperte tutto l'anno, la tassa è complessivamente comunque
aumentata. Anche il COSAP (suolo pubblico) è aumentato.
La nostra proposta è quella di applicare ulteriori incentivi su TARI (tassa rifiuti) a chi dimostra a
fine anno di essere rimasto aperto un minimo di nove mesi all'anno. Ci sarà la riduzione del
canone annuo COSAP alle attività che dimostrano a fine anno di stare aperti un minimo di nove
mesi all'anno.
Il dialogo tra operatori e amministrazione è fondamentale quindi ci sarà l'istituzione immediata
di una consulta permanente che serva all'amministrazione a confrontarsi con operatori economici
e che proponga a seguito dei confronti e delle istanze raccolte da lavoratori ed imprese manovre
realizzabili. Ne farà parte un membro del consiglio comunale.
Anche una adeguata pianificazione urbanistica indispensabile, ad esempio in previsione di piste
ciclabili all’altezza ed attenzione alla possibilità di parcheggio. Dobbiamo migliorare i rapporti tra
centro abitato e grandi strutture ricettive che rappresentano una realtà importante ad oggi troppo
distaccate dal tessuto urbano e dalle imprese.
Infine è necessaria una efficace programmazione degli eventi che dovranno animare il nostro
paese anche in periodo non balneare. Quindi saranno organizzate anche grandi manifestazioni
capaci di attrarre visitatori con periodicità costante.

5. Progetto ambiente e territorio

L’ambiente è forse la cosa più preziosa che abbiamo, dobbiamo non solo difenderlo ma
valorizzarlo. È importante per il benessere delle future generazioni e per la nostra economia
turistica. Dobbiamo iniziare a ridurre il “consumo” di beni ambientali naturali ed impedire nuove
iniziative in tal senso.