File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Rke 11&12 2018.pdf


Anteprima del file PDF rke11122018.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Anteprima testo


ANTENNE

Maxi Antenna Crossed Loops
Dai 160 ai 40 m
2ª parte

di Massimo Ancora IZ8DMS
La meccanica della Crossed
Loops Maxi
La realizzazione dell’antenna
prevede l’impiego di due contenitori stagni in plastica ABS di diversa grandezza. Quello della
base, Hammond 1554-P (Figg. 8
e 9) contiene al suo interno i due
circuiti adattatori e dispone sui
quattro lati i connettori SO239.
Questi ultimi connettono meccanicamente ed elettricamente, attraverso le loro stesse quattro viti
di fissaggio in ottone, i due elementi loop incrociati. Inoltre sul
suo coperchio è fissato un sostegno che accoglie un’asta in fibra
di vetro (no fibra di carbonio) che
ha il compito di mantenere inalterata la geometria degli elementi loop.
L’asta centrale di sostegno è necessaria per evitare la deformazione degli elementi che può essere causata da eventi meteo
estremi, ma si rende provvidenziale anche durante i frequenti

Fig. 9
14

“atterraggi e decolli” che svariate specie di uccelli, spesso ben
corpulenti, effettuano nella mia
zona scambiando l’antenna per
un comodo trespolo!
Quest’asta in fibra di vetro lunga
1,16 m, scelta per la leggerezza
e la flessibilità, è rastremata per
cui il diametro alla base è di 10,5
mm mentre in cima misura 8,5
mm. Il metodo di fissaggio dell’asta prevede degli insoliti ma
quanto mai efficaci sostegni che
consistono in due diversi passacavi per uso marino detti comunemente “a paratia”. La loro robusta struttura in ottone tornito e
la presenza delle guarnizioni ad
espansione, al loro interno, garantiscono una forte tenuta dell’asta.
Alcune rondelle in PVC, ottenute
con una punta da trapano con
lama “a tazza” da 45 mm e ricavate da un foglio spesso 10 mm,
fanno da zoccolo alle due estremità dell’asta.
Con la giusta foratura per le tre

Fig. 10
Rke 12/2018

viti che servono per fissare ogni
passacavo, queste rondelle plastiche (Figg. 9 e 10) sono interposte tra gli stessi passacavi in
ottone cromato e i due coperchi
in ABS dei contenitori stagni.
Sei viti inox con testa svasata 4 x
40 mm e i relativi dadi assicurano
i due passacavi ai coperchi. Inoltre per migliorare la resistenza
meccanica del coperchio della
base è stata utilizzata al suo interno un’ulteriore rondella in
PVC, come si può vedere nel dettaglio in figura 11.
Al momento del montaggio dei
passacavi e delle rondelle in PVC
sui due coperchi, è stata spalmata su tutte le superfici a contatto
della resina epossidica bi-componente che consolidando l’assemblaggio previene anche possibili stillicidi all’interno dei contenitori.
Il contenitore stagno Hammond
1554-B (Fig. 10), adoperato alla
sommità della Crossed Loops
Maxi, ha il duplice compito di te-