File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Rke 11&12 2018.pdf


Anteprima del file PDF rke11122018.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Anteprima testo


Fig. 11

Fig. 12

nere in posizione l’incrocio dei
due elementi loop e di bloccare,
in cima come già descritto, l’asta
in fibra di vetro che verrà fissata
sulla base dell’antenna.
La figura 12 mostra l’interno del
piccolo contenitore durante le
prime fasi di polimerizzazione
della resina che è stata colata al
suo interno.
Fig. 13

E’ utile ricordare che i due elementi loop dovranno risultare
sempre perfettamente isolati tra
loro. Per questo motivo sono specificati, sullo schema elettrico di
figura 2, due distinti collegamenti di “GROUND”, ovvero GND-A
e GND-B.
Nelle figure 13 e 14 si possono
vedere i disegni, non in scala, dei
piani di foratura del fondo e dei
lati del contenitore stagno della
base.
Come si vede sul fondo sono stati praticati complessivamente sette fori.
I quattro fori da 4,2 mm serviranno per fissare il contenitore mentre i due fori da 8,5 mm accoglieranno i due passacavi in gomma
adatti al passaggio delle due discese d’antenna in RG58.
Il settimo foro da 3 mm di diametro, leggermente svasato all’interno, serve per drenare dal fondo eventuali infiltrazioni d’acqua
che potrebbero verificarsi in caso di tempesta. In questo foro è
stato infilato un corto tubicino in
ottone (30mm), anch’esso leggermente svasato, che funge da
gocciolatoio.
La figura 14 mostra la differenza
di quote tra le due coppie di connettori SO239 avvitati con sedici
viti e relativi dadi in ottone da 3
mm di diametro, sui quattro lati
del contenitore stagno. Con queste stesse viti e altrettanti capocorda ad occhiello dello stesso
diametro si collegano elettrica-

mente i due elementi loop incrociati ai circuiti d’adattamento,
ignorando i contatti centrali dei
quattro connettori coassiali.
Ogni elemento della Crossed Loops Maxi in tubo di rame da 6
mm di diametro è lungo 3,96 metri.
I due elementi sono stati in un
primo tempo preformati al diametro occorrente di 1,30 m e dopo sono stati ricoperti con una
guaina termoretraibile del tipo
3M HSR 9,5/4,8.
La figura 15 mostra invece la differenza di quote tra i quattro fori
da 7,5 mm di diametro praticati
sui quattro lati del piccolo contenitore Hammond 1554-B utilizzato in cima alla Crossed Loops
Maxi.
Quest’ultimo è stato quindi posizionato esattamente al centro dei
due elementi loop (Fig. 10), facendoli scorrere attraverso i
quattro fori.
Aiutandosi poi temporaneamente con adeguati supporti, per
mantenere preciso e stabile l’incrocio dei due elementi loop, sarà sufficiente colare circa 80
grammi di resina epossidica bicomponente ben miscelata ed
attendere i tempi previsti al completo indurimento, per ottenere
un fissaggio definitivo nella corretta posizione (Fig. 12).
La connessione degli elementi
alla scatola stagna della base utilizza lo stesso metodo già ben
collaudato nel precedente pro-

Fig. 14

Fig. 15

Rke 12/2018

15