File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



JUVETORO n. 22 Torino Lazio bassa OK.pdf


Anteprima del file PDF juvetoro-n-22---torino-laziobassaok.pdf

Pagina 1 23416

Anteprima testo


2

www.juvetoro.it

amc_juvetoro@yahoo.com

Il Punto

Il saluto dei tifosi aspettando l'eventuale ripescaggio-Uefa
IL 7° POSTO (IN TEORIA)
NON BASTA
Dalla grande esaltazione
per la vittoria in rimonta
sul Sassuolo alla grande
depressione per la disfatta
di Empoli. Dove il Toro non
ha mai vinto e dove domenica ha detto addio all'Europa. Persa forse già sul
divano 10 giorni fa con la
conquista della Coppa Italia
da parte della Lazio, che ha
reso inutile il 7° posto granata. Ad Empoli si è visto
infatti un Toro svuotato di
energie nervose e di convinzione. Peccato perché
il 7° posto bastò al Toro 5
anni fa per andare in Europa (ed i posti utili erano
6, grazie ai guai del Parma
privato della licenza Uefa) e
non sono bastati quest'an-

no con 7 posti utili, perché
la Coppa Italia non l'ha vinta nessuna delle prime 6 in
classifica. Anche ora si parla però di un possibile ripescaggio, a scapito del Milan,
che di certo negli anni passati non ha vinto lo scudetto
del bilancio. I rossoneri se
si qualificassero solo per la
"povera" Europa League,
anziché la ricca Champions,
potrebbero patteggiare con
l'Uefa (che già escluse i rossoneri un anno fa per aver
abbondantemente sforato
dal "financial fair play" e

che furono riammessi in
Europa solo tramite decisione del Tas, pagamento di
una penale da 12 milioni e
limitazioni alla composizione della rosa della squadra)
una sorta di autoesclusione,
in cambio di una "sbiancata" alla fedina penale
economica del Milan. In
tal caso il Toro sarebbe ripescato anche se arrivasse
8°, perdendo la sfida contro
la Lazio, visto che i biancocelesti andranno comunque
in Europa da vincitori della
Coppa Italia
PAREGGI E RIMPIANTI
I rimpianti non mancano,
soprattutto per quella serie infinita di 15 pareggi,
la maggior parte dei quali
annoverabili come mancate

vittorie. Specialmente sulla via Emilia. I pareggi di
Bologna (all'epoca squadra
derelitta) dove il Toro ha
sperperato due gol di vantaggio, alla beffa pre-natalizia del “Mapei Stadium”
quando i granata furono
raggiunto dal Sassuolo al
minuto 95. Oppure il recente pareggio al Tardini contro un Parma falcidiato dalle assenze. E ovviamente la
mancata vittoria casalinga
contro il Cagliari, agevolata
dalla improvvida espulsione
di Zaza. Senza voler scomo-

non ha prezzo. Ma Belotti,
a prescindere dalle offerte
dei top team, avrebbe piacere di ricevere la prossima stagione meno botte e
più assist. Serve una punta
di livello che lo affianchi e
condiviva con lui le durezze delle difese arcigne. Servono degli esterni che gli
buttino più palle giocabili al
centro, servono almeno un
centrocampista di qualità
che inneschi meglio Belotti
con passaggi filtranti e precisi. E serve una panchina
più ampia, perché la teoria mazzarriana 'panchina
corta per non aver musi
lunghi' è troppo rischiosa
e spesso controproducente.
dare i tanti rimpianti-Var
che sicuramente non hanno
aiutato i Mazzarri-boys.
TENERE I GIOIELLI
Cairo lo ha ripetuto spesso nelle ultime settimane.
Il “Grande Torino” ha giocato per anni con la stessa
formazione, non vendeva
i gioielli, ed il Toro attuale
dovrebbe fare lo stesso. Il
problema è che, a prescindere della volontà di Cairo,
alcuni giocatori granata
senza l'Europa potrebbero chiedere di andarsene.
Sirigu su tutti, reduce da
una stagione straordinaria, con tanti top team che
lo corteggiano ed un età
che potrebbe invogliarlo ad
accettare l'ultimo grande
contratto. Discorso a parte
per Belotti che dovrà compiere 26 anni senza aver
mai giocato un solo minuto
della sua vita nelle coppe
europee. Ma Cairo, che garantisce ad i suoi giocatori
il 7° monte ingaggi della
serie A a fronte del 10° fatturato, considera il “Gallo”
un simbolo anche per i giovani tifosi granata e insomma Belotti teoricamente

TORO-LAZIO, DA
SPAREGGIO AD
AMICHEVOLE
E cosi Toro-Lazio da 'madre
di tutte la partite', spareggio europeo e tutti i titoloni previsti in questi casi,
diventa inutile come l'amichevole contro la selezione
della Valtellina. Lazio che
potrebbe anche soffiare al
Toro il 7° posto. Ma almeno la soddisfazione di finire davanti ai biancocelesti i
granata se la meritano. Per
onorare una stagione che

ha visto il Toro protagonista fino al 19 maggio e non
nel limbo da gennaio, come
accaduto nelle ultime 3 stagioni. E poi qualche giorno
per aspettare l'eventuale
auto-esclusione del Milan
dall'Europa. Essere ripescati non è un disonore, soprattutto dopo aver fatto la
migliore media punti degli

ultimi 27 anni, aver subito
solo 2 sconfitte in 19 trasferte, aver vinto in casa
8 delle ultime 10 gare, ed
aver fatto riempire finalmente e costantemente gli
spalti dello stadio 'Olimpico
Grande Torino'.
Alessandro Costa

Moretti lascia il campo
ma non il Toro
Toro-Lazio sarà l'ultima partita da giocatore per Emiliano Moretti che l'11
giugno compirà 38 anni, di cui gli ultimi 6 in granata. Dopo un'altra splendida stagione Emiliano preferisce smettere in bellezza. Sia Cairo che Mazzarri
hanno tentato di convincerlo a giocare
sino al 2020. Resterà come dirigente
perché la sua grande compostezza ed
umanità saranno ancora molto preziose per il Toro. Moretti ha vinto un
Bronzo olimpico e un titolo di Campione d'Europa con l'Under 21 azzurra
nel 2014. Nei suoi 5 anni al Valencia ha
vinto una Supercoppa Europea e una Coppa di Spagna mentre in Italia
ha vinto una Coppa Italia con la Fiorentina nel 2001 e una Supercoppa
italiana con la Juventus nel 2002. 600 le gare giocate in serie A. È il
giocatore che ha debuttato più tardi con la Nazionale azzurra: all'età
di 33 anni in Italia-Albania.
(al.co.)

Giornale sportivo per i tifosi di Juventus e Torino

Direttore Responsabile
Roberto Grossi
rogro@inwind.it
Hanno collaborato
Antonio Catapano, Salvino Cavallaro,
Alessandro Costa, Massimo Fiandrino,
Giuseppe Livraghi, Giovanni Rolle
Segreteria di redazione
Cristina Zecchino
amc_juvetoro@yahoo.com

Editore
AMC - Art Media Communication
Direttore Editoriale
Gianni Castaldo
amc_juvetoro@yahoo.com
Pubblicità
amc_juvetoro@yahoo.com
Stampa
I.T.S. SpA

Impaginazione e grafica
Silvana Scarpa - Tel. 011 0201860

Distribuzione gratuita agli ingressi esterni
degli stadi torinesi, eventi e canali commerciali

Servizi fotografici
Salvatore Giglio, Manuela Viganti

Autorizzazione Trib. di Torino n. 30 del 27/11/2015. Tutti i diritti riservati
Responsabile del trattamento dei dati personali: Gianni Castaldo

CHIUSO IN REDAZIONE ALLE ORE 16 DI GIOVEDÌ 23 MAGGIO 2019