File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Divinazione e Magia delle Rune .pdf



Nome del file originale: Divinazione e Magia delle Rune.pdf
Autore: dora

Questo documento in formato PDF 1.6 è stato generato da Writer / OpenOffice 4.1.4, ed è stato inviato su file-pdf.it il 18/11/2019 alle 21:56, dall'indirizzo IP 151.38.x.x. La pagina di download del file è stata vista 60 volte.
Dimensione del file: 1.5 MB (141 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


Divinazione e Magia delle Rune

Indice
1 –Le Radici delle Rune pag.4

2 – Le Rune come Crearle Purificarle Consacrarle e Attivarle pag.18
3 –Meditazione Runica pag.35

4 – I Significati dei Gli del Futhark più Gli Schemi Divinatori pag.38

5 – Come usare le Rune in Magia pag. 79
6 – Il Manuale delle Rune Legate o Talismani Runici pag.80

7 –La Runa di Nascita pag.113
8 –Incantesimi Runici Anglosassoni pag.117

9 –Rune e Candele pag.123

Capitolo 1: Le Radici delle Rune
L’alfabeto Runico, è di origine Norrea (Vichinga) ed era diffuso
nel periodo anglosassone, scandinavo e germanico, viene poi
introdotto grazie al Celti nel 5 secolo a Golasecca in Italia con una
variazione delle Rune ma che si è andato perso il suo uso.
Di questi alfabeti antichi ve ne sono diversi anche se quello più
conosciuto e usato in divinazione e magia è il Fuþark o futhark che poi
sarebbe quello Germanico.
Esso è rappresentato da 24 Glifi e non da 25 come molti dicono, infatti
la famosa Runa Bianca è da evitare è stata inventata di sana pianta
nel
medioevo senza un’apparente motivo in quanto, una Runa di Odino
già esisteva e gli stessi significati della Runa Bianca, li hanno già
altre due Rune, quindi essa non serve a nulla e va contro la
tradizione e chi la usa per me non ha ne rispetto ne le legge in
modo serio le Rune.
Ricordiamo che le rune sono vive e quindi va portato non solo il
massimo rispetto verso di loro ma non vanno usate troppo soprattutto
mai consulti più di uno alla volta, questo per non stressarle e non
farle innervosire.
Di alfabeti però ne esistono due tipi il Fuþark o futhark e l’ Uthark.

Ecco le variazioni delle Rune: Le Tabelle

Elder Futhark

Futhark Anglo-Sassone

Versioni con un minore numero di simboli si sono sviluppate in tempi
posteriori (intorno all’800 e.v.) in Danimarca, Svezia, Norvegia:

Futhark danese

Rune Rök svedesi/norvegesi

Futhark norvegese

Rune di Golasecca Celtico, leponzio V sec. a.c. posizione
geografica Golasecca (Varese) Italia (Si tratta sempre di una
Scrittura di influenza Germanica)

Ma chi ha creato le Rune Vichinghe?

(NON)

(IT)

« Þaðan koma meyiar
margs vitandi
þríar ór þeim sæ,
es und þolli stendr;
Urð hétu eina,
aðra Verðandi,
skáru á skíði,
Skuld ena þriðiu.
Þær lög lögðu,
þær líf köru,
alda börnum,
örlög seggia. »

« Da quel luogo vengono fanciulle
di molta saggezza,
tre, da quelle acque
che sotto l'albero si stendono.
Ha nome Urðr la prima,
Verðandi l'altra
(sopra una tavola incidono rune),
Skuld quella ch'è terza.
Queste decidono la legge,
queste scelgono la vita
per i viventi nati,
le sorti degli uomini. »

Il termine Norna deriva dall'antico Norreno "Norn" (Nornir al plurale)
che significa "[colei che] bisbiglia [un segreto]", esse vivono presso la
fonte di Urðarbrunnr, ove tessono il filo del destino dei mortali:
Nella cultura Vichinga, vi erano Tre Dee chiamate le Tre Norne,
erano/sono coloro che stabilivano il destino degli uomini o svolgimento
della vita delle creature dell'universo, nessuno escluso: uomini, animali,
piante, esseri sovrannaturali, persino le divinità erano sottoposte al
criterio delle Norne, le uniche creature che veramente possono essere
definite "eterne" nella cosmogonia dei popoli nordici. Peculiare della
mentalità nordica era, infatti, che tutto avesse una fine, e che nulla
fosse eterno, neanche gli dei che infatti sono destinati a perire nel
Ragnarǫk.
L'unica cosa eterna è il Destino, che era appunto gestito dall'operato
delle tre Norne.
Le Norne dimoravano presso l'Urðabrunnr, il Pozzo di Urd, descritto
come bianchissimo e risplendente. Si racconta che presso tale fonte ci
sia la piana dove gli Æsir tengono consiglio, detta Idavall. Esse
avevano il compito di irrorare ogni giorno Yggdrasil con acqua e
argilla per evitare che seccasse o marcisse, dove tessono l'arazzo del
destino. La vita di ogni persona è un filo nel loro telaio e la sua
lunghezza corrisponde alla lunghezza della vita dell'individuo.
Loro le Tre Norne crearono le Rune e le fecero conoscere al Dio Odino
che per nove giorni rimase appeso all’albero Yggdrasil senza
mangiare ne bere, un sacrificio una via iniziatica che gli permise di
conoscere questo alfabeto magico divinatorio, le Tre Norne decisero di
farsi conoscere le Rune perché lui a sua volta, potesse mostrarle e
farle imparare agli uomini.
Questo lo possiamo leggere possiamo leggere nell’Hàvamàl

La loro essenza indica, in ordine di importanza, il
loro impiego:
a.Conoscenza e Consapevolezza
b.Strumenti di potere sciamanico (usati per Guarigione e per
Magia)
c.Divinazione (contatto con gli Dèi)
d.Scrittura sacra
e.Pratiche spirituali (ciò che oggi è più conosciuto come “meditazione”
f. Mantica (contatto con le informazioni del proprio inconscio)
g.Chiosatura di libri e documenti

Il loro nome deriverebbe da “RU” che in sanscrito significa “cosa
misteriosa”. Sembra che l’uso delle Rune fosse consentito solo a colui
che rappresentava l’autorità magica e religiosa della comunità.
Dipinte o intagliate su legnetti, sassi o ossa, venivano gettate a caso
per trarne oracoli, un procedimento che, similmente, viene usato
anche con gli antichi “Ching”. Responsi sulla caccia, sul raccolto,
sulla guerra, sulla vita della comunità, per questo venivano usate
le Rune.
Secondo le antiche credenze le Rune furono il dono di Odino al
genere umano che le ottenne dopo essersi auto immolato, ferendosi
al costato con una lancia e appendendosi a testa in giù all’albero
cosmico Yggdrasil.

Per comprendere approfonditamente le Rune è necessario sapere
che la loro struttura si estrapola tra valori e contenuto, elementi
costitutivi ed elementi di composizione, oltre che naturalmente, in
caso di Divinazione o mantica, del loro livello di interpretazione.

Valore e contenuto:
1.contenuto simbolico che esprime il significato e mistero più profondo
2.valore fonetico che permette di usare l’energia insita nei simboli
3.valore grafico che esprime l’essenza esoterica e permette di
usarne l’energia così come il valore fonetico.

Elementi costitutivi:
1.asse eretto che rappresenta l’asse universale e che simboleggia
il volere divino e nell’uomo il volere unico

2.asse obliquo che rappresenta la discesa dall’alto verso il
basso equivalente al dono e il ritorno agli Dèi e dal basso
verso l’alto, rappresenta il sacrificio

3.segno di fuoco unione di 2 direzioni

Elementi di composizione:
composte da 4 aspetti:
1.dal segno di fuoco
2.dal segno di fuoco e dall’asse verticale
3.dal segno di fuoco e dal doppio asse
4.dall’asse verticale e dalla linea obliqua

Livelli di interpretazione:
Spirituale
Mentale
Fisico
inoltre hanno 3 chiavi di interpretazione che sono:
a.mondo degli Dèi
b.mondo dell’energia in movimento
c.mondo degli uomini

Gli Antichi Simboli hanno però anche funzioni criptiche, come i
movimenti delle dita delle mani o dell’intero corpo (Stodhur). Grande
importanza inoltre viene data alle Rune Hog (parola derivante da Hugr
= centro dell’Essere) particolari Rune di consapevolezza e
conoscenza.
Da questi aspetti “tecnici”, si può ben comprendere come non sia
così semplice l’uso di tale strumenti sciamanici, né a scopo
Divinatorio, né tantomeno a scopo magico, in quanto il primo
passo per l’uso del simbolo, è la comprensione dello stesso
nella sua profondità.

Corrispondenza delle rune con l'alfabeto latino:

Due alfabeti
Esistono due diversi "alfabeti runici", Uthark e Futhark.

Cominciamo dal secondo. Quello che segue viene chiamato "vecchio
Futhark", detto anche Futhark germanico o vichingo: contiene 24
simboli (alcuni di questi simboli -quelli non simmetrici- hanno un
doppio verso di estrazione che porta a 39 le rune oracolo, cioè le
possibili risposte).
Il termine Futhark, deriva dal fatto che le lettere che compongono
questo nome sono le iniziali delle prime 6 Rune.

L’alfabeto è suddiviso in 3 Aettir, cioè in tre "famiglie" chiamate Feoaett (famiglia di Feo), Hagal-aett (famiglia di Hagal) e Tyr-aett
(famiglia di Tyr).
Algiz
Ansuz
Berkana
Dagaz
Ehwaz
Eiwhaz
Fehu
Gebo
Hagalaz
Inguz
Isa

Jera
Kenaz
Laguz
Mannaz
Nauthiz
Othila

Perth
Raitho
Sowelo
Teiwaz
Thurisaz
Uruz
Wunjo
L'ordine delle Rune è sorprendente, non corrisponde assolutamente a
nessuno degli alfabeti di origine mediterranea, ciò nonostante la forma
di alcuni segni sembra derivare strettamente dall'alfabeto latino e
gli specialisti sono ormai dell'opinione che il Futhark dovrebbe avere
ascendenze greche, nord-etrusche o latine ed aver assunto simbolismi e
significati religiosi attraverso una contaminazione con la cultura celtica
e con l'ogham druidico, da cui probabilmente assorbe anche il
legame simbolico tra segno ed albero. Un'altra particolarità è che le
rune sono acrofoniche, ovvero il loro nome inizia con la lettera che
rappresentano. Per esempio al suono /f/ è associato il termine protonordico 'fehu', che significa ricchezza. Questa associazione runa-concetto si
ritrova almeno in tre aree geografiche differenti: l'Inghilterra, l'Islanda e
la Norvegia e ciò comporta il problema di quale ritenere dei tre diversi
sensi acrofonici o alfabetici.
C’è chi ipotizza tramite delle Leggende che questo alfabeto, derivi
da Atlantide.
Significati accademicamente riconosciuti dei 24 segni dell'antico Futhark
secondo il dipartimento di studi scandinavi dell'Università della
Sorbona di Parigi (settembre 2002).

Infatti per poterle usare in ambito divinatorio, ricordando che il
responso saranno consigli e non come fanno altri metodi che ti dicono
esattamente cosa accadrà, bisognerà dire questa formula ogni
volta.

«Grande Odino, Signore delle Rune - Potenti Norne, Sovrane del
Destino, guidate la mia mano ed i miei pensieri, che io riceva il
vostro sacro oracolo.
In questo momento ho bisogno di consigli e di aiuto. Guidatemi con
le Vostre mani e con il Potere del Fuoco, dell'Aria, dell'Acqua e della
Terra.
Così sia.»

Capitolo 2: Le Rune come Crearle e Consacrarle
L’uso più noto di questi potenti segni è quello divinatorio, mentre
quello magico spesso viene trascurato. Hanno un potenziale uso nella
magia, per esempio, delle candele o in altri tipi di rituali, ma
bisogna conoscere i significati magici delle rune, che sono diversi
da quelli divinatori.
Le bindrunes sono combinazioni formate a partire dalle 24 rune
base dell’antico alfabeto magico germanico. Queste ultime vengono
usate spesso benché potenti come la magia delle candele. Le
rune sono
talmente potenti che bastano pochi strumenti per dare loro il “la” per
funzionare e, per quanto riguarda le Bindrunes.
Vanno incise e mai dipinte, potete usare il colore associato per
marcarle dopo averle incise ma il materiale deve essere di origine
naturale.
Le Rune dovranno però essere incise con la MASSIMA
PRECISIONE, la mancanza di questa potrebbe recare danni seri
anche la morte.
Devi imparare e sapere molto molto bene come intagliarle,
tingerle, Consacrarle, evocarle, leggerle, inviarle, usarle in
magia.

Di norma, una bindrune è creata dall’unione di un numero di rune base
variabile tra le due e le quattro, ma possono arrivare anche a otto.
Vi sono anche bindrunes speciali personalizzate, che vedremo in
seguito come creare a partire dai dati personali di una o due persone
(nel caso di legami da rinforzare).
Quella che segue è un esempio di combinazione di rune per la
fertilità nota fin dal 1200 ma probabilmente molto più antica.
Serve esclusivamente per il concepimento e la dicono molto
potente.
In questo caso non si tratta di una vera bindrune, ma piuttosto di
una combinazione sciolta di rune Beorc (Berkana), la runa della
donna per eccellenza, e risale al XII secolo.

Come si Creano?

Intanto se non riuscite a crearle vi consiglio di comprarle.
Per crearle va usata ma massima precisione, questo e il motivo l’ho
già scritto nel capitolo precedente.
I materiali, legno, cristalli (Rocca ecc…) in base alla runa di
appartenenza, per il colore da evidenziare dopo vale la stessa
regola.
Va fatto in Luna Crescente sia la ricerca del materiale che la
creazione.
Di fatto la creazione o meglio l’incisione del Glifo su Cristallo non è
semplice e richiede un macchinario speciale, è più facile quella in
legno che però andrà trattato con un prodotto solo naturale, per
evitare che le Tarme possano danneggiarle.

Eccome come Inciderle e che Elementi Usare

Elementi suddivisi in: Albero, Pianta, Erba, Pietra Dura, Animale,
Colore, Divinità, ecc…
L’incisione va fatta tracciando una scia di sangue sopra le rune
come da Antica Tradizione.

"Nessun uomo incida rune se non è capace di interpretarle e di
domarle. Giacchè le rune che proteggono sono state fatte dai numi e
dipinte dal Vate Possente Odino".

1-aett_di_freya

Fehu: Albero: Sambuco, Pianta: Ortica mughetto melo vite,
Elemento: fuoco, Pietra: Agata muschiata ambra, tormalina verde,
Animale: Mucca, Colore: Rosso, Lettera equivalente: F,
Runa Numero: 1, Conosciuto anche come: feoh , Simbolo: Bestiame
denaro oro argento silenzio iniziatico illuminazione interiore,
Numero Associato: 6 Divinità: Freya
Incidete per primo il segmento verticale di Fehu. Quindi praticate quelli
in diagonale sulla destra. Questi due segni vanno eseguiti da destra
verso sinistra. Dopo ogni tratto, recitate la formula: "Siano
concesse e ricevute le buone cose, sia conservato il diletto
della vita".

Uruz: Albero: Betulla, Pianta: Muschio nasturzio timo, Elemento:
terra, Pietra: Rubino diamante calcedonio blu occhio di tigre
carbonchio, Animale: Bovino, Colore: Verde Scuro, Lettera
equivalente: U, Runa Numero: 2, Simbolo: Bovini Uro selvaggio
dalle doti primitive di eccitabilità selvatichezza spirito combattivo,
Numero Associato: 3 Divinità: Ymir
L'incisione di Uruz va praticata partendo dalla verticale
sinistra. Il segmento di unione, in diagonale, va praticato da
sinistra a destra. Recitate la formula:
"Ch'io possa combattere e vincere i pericoli e le forze
avverse".

Thurisaz: Albero: Quercia, Pianta: Porro pruno lunaria prugnolo,
aglio, Elemento: fuoco, Pietra: Zaffiro cornalina eliotropio,
Animale: Porcospino, Colore: Granata, Lettera equivalente: T- th,
Runa Numero: 3, Conosciuto anche come: spina, Simbolo martello
di Thor, Simbolo: Porta equilibrio delle forze primarie battaglie
per realizzarle espressività del primo atto creatore Inizio,
Numero Associato: 5 Divinità: Thor
Incidete i segmenti diagonali verso destra. Poi quello verticale
partendo dall'alto verso il basso. La formula da recitare per Thurisaz è
la seguente: "La solitudine sarà la mia sola alleata
nell'affrontare il pericolo, ma io non cederò mai alla
sconfitta".

Ansuz: Albero: Frassino, Pianta: Erba di San Giovanni convolvolo
purpureo sassofrasso alloro, Elemento: aria Pietra: Smeraldo occhio
d’aquila lapislazzuli, Animale: Lucciola, Colore: Azzurro Scuro, Lettera
equivalente: A, Runa Numero: 4, Conosciuto anche come: Ansur, Oss,
della comunicazione e del linguaggio la Bocca, Simbolo: ispirazione
intuizione energie sacre e del risveglio spirituale intelletto la
conoscenza potere magico della parola, poesia canto musica, Numero
Associato: 4, Divinità: Odino o Wotan
Incidete il segmento verticale di Ansuz, poi quello diagonale inferiore
(da sinistra a destra), quindi quello superiore (sempre da sinistra a
destra). La formula abbinata a questa runa è:
"Vengano a me il potere divino e la divina grazia. Che gli dèi ci
ascoltino".

Raido: Albero: Quercia, Pianta: Lavanda bocca di leone
artemisia consolida maggiore, Elemento: aria, Pietra: Crisoprasio
quarzo citrino crisoprasio turchese, Colore: Granata Lettera
equivalente: R,
Runa Numero: 5, Conosciuto anche come: Rad Raidho Raidha
Radh Reidh, Simbolo: Cavalcata cacciatori selvaggi fecondare la
terra ed i viventi. Numero Associato: 4, Divinità: Valkirie

Per la runa Raido bisogna partire dal centro. Incidete i due segni
diagonali e poi quello verticale. Quindi completate con il segmento
diagonale più in basso. La formula dice: "Viaggerò in groppa a un
cavallo che nessun altro uomo può cavalcare. Esso ha otto
gambe, e conduce i morti".

Kenaz: Albero: Pino, Pianta: Primula ginestra rosa
selvatica ginestrone astragalo, Elemento: fuoco, Pietra: Ematite
rossa carbonchio eliotropio agata rossa, Animale: Lucciola, Colore:
Rosso, Lettera equivalente: K, Runa Numero: 6, Conosciuto anche
come: Ken, Kaunaz, Simbolo: la Torcia Fuoco spada fiammeggiante
che vieta l' accesso dei mondi intermedi agli uomini non iniziati.
Numero Associato: 3,
Divinità: Surtr
Incidete Kenaz partendo dall'alto verso sinistra, quindi praticate
una seconda incisione verso destra. Ripetete quattro volte la
formula:
"La luce sarà in mio possesso".

Gebo: Albero: Frassino Olmo, Pianta: Dicentra olmo viola del
pensiero lavanda assenzio, Elemento: aria, Pietra: Opale tormalina
giada, Animale: Gatto, Colore: Azzurro Scuro, Lettera equivalente: G,
Runa Numero: 7, Conosciuto anche come: Gifu, Geofu, Gyfu,
Simbolo: Generosità dono atto votivo propiziatorio o di
consacrazione.
Numero Associato: 6, Divinità: Freyr
Cominciate da destra e quindi incidete una seconda diagonale
verso sinistra. Mentre incidete la runa Gebo recitate:
"Un dono richiede un dono" e mentre colorate: "Devo rifondere
ciò che chiedo".

Wunjo: Albero: Frassino, Pianta: Lino abete nigella
semi di finocchio Elemento: terra, Pietra: Diamante quarzo agata
muschiata topazio Colore: Giallo, Lettera equivalente: W, Runa
Numero: 8, Conosciuto anche come: Wynn, Simbolo: Gioia
vittoria interiore Numero Associato: 6, Divinità: Frey/Freya
Partite dall'alto e incidete verticalmente il segmento principale. Quindi
praticate le incisioni degli altri due in diagonale. Per Wunjo la formula
è:
"Molteplici sono le glorie se percorrerai il cammino fino in
fondo".

1-aett_di_heimdall

Hagalaz: Albero: Tasso Frassino, Pianta: Mughetto felce, sorbo,
brionia, acetosa, Elemento: acqua Pietra: Onice zaffiro stellato,
Animale: Cigno, Colore: Azzurro Chiaro, Lettera equivalente: H, Runa
Numero: 9, Conosciuto anche come: Hagall, Simbolo: Grandine
Archetipo del seme del gelo ghiaccio, Numero Associato:8
Divinità: Hagal
Dall'alto verso il basso incidete il primo segno in verticale a
destra. Poi quello in diagonale verso sinistra. Terminate con il
segno verticale di sinistra. Recitare la formula:
"Ghiaccio e grandine sono i miei nemici senza scampo".

Nauthiz: Albero: Faggio, Pianta: Bistorta croco, sorbo selvatico,
equiseto, Elemento: fuoco, Pietra: Lapislazzuli granato, ossidiana,
Animale: Gatto, Colore: Nero, Lettera equivalente: N, Runa Numero:
10, Conosciuto anche come: Nied, Naudiz, Naudhiz, Simbolo: limite
tra il materiale e lo spirituale, Numero Associato: 7, Divinità:
Heimdallr
Dall'alto verso il basso incidete il segno verticale. Il tratto in
diagonale sarà praticato da sinistra a destra. Mentre incidete
Nauthiz recitate:
"Che io ottenga ciò di cui ho bisogno".

Isa: Albero: Ontano, Pianta: Edera giusquiamo pisello dolce
sigillo di salomone, Elemento: acqua Pietra: Occhio di gatto quarzo
trasparente diamante, Animale: Ghiro, Colore: Nero, Lettera
equivalente: Io o j, Runa Numero: 11, Conosciuto anche come: Eis,
Simbolo: Ghiaccio stalattite verga di cristallo sapienza potenza
realizzatrice, Numero Associato: 9 Divinità: Buri
Praticare l'incisione di Isa da basso verso l'alto
recitando: "Che la mia lancia colpisca nel
segno".

Jera: Albero: Rovere, Pianta: Rosmarino fiordaliso quercia
grano orzo avena, Elemento: terra, Pietra: Corniola zircone giallo
agata muschiata, Animale: Topo, Colore: Azzurro Chiaro, Lettera
equivalente: J o Y, Runa Numero: 12, Conosciuto anche come: Jara,
Ger, Simbolo: Raccolto, Numero Associato: 4, Divinità: Sif
Cominciate dall'alto e traccia i simboli da le diagonali destra a sinistra;
poi sempre dall'alto le diagonali da sinistra a destra. recitate la
formula:
"Tempo di mietitura, tempo di semina che il raccolto
maturi".

Ehiwaz: Albero: Tasso, Pianta: Mandragora Lillà, Pietra: Topazio
smeraldo quarzo fumè, Elemento: terra, Colore: Colore: Azzurro scuro,
Lettera equivalente:ei, Runa Numero: 13, Conosciuto anche come: Eoh,
Simbolo: Albero, Simbolo: Yggdrasill, Numero Associato: 5, Divinità: YR
Incidete la prima diagonale in alto verso destra, poi la verticale
verso il basso, infine verso destra l'ultima diagonale. Recitate la
formula:
"Immortale resta la promessa dell'albero sacro sebbene
il frutto sia letale".

Perth: Albero: Faggio, Pianta: Aconito pioppo crisantemo, Pietra:
Acquamarina onice artemisia, Elemento: acqua, Colore: Nero, Lettera
equivalente: P, Runa Numero: 14, Conosciuto anche come: Peorth,
Perdhro, Pertho, Perdh, Simbolo: Destino, Numero Associato: 3,
Divinità: Ve
Cominciate dal segno verticale, dall'alto. Poi verso destra
eseguite le diagonali interne e infine sempre verso desta le
diagonali esterne.
Recitate la formula:
"La morte e' un viaggio e un mutamento che sempre
conduce a una nuova vita".

Algiz: Albero: Tasso, Pianta: Angelica calamo aromatico
sorbo giunco salvia, Pietra: Ametista eliotropio ametista tormalina
nera, Animale: Alce, Colore: Oro, Lettera equivalente: Z, Runa
Numero: 15, Conosciuto anche come: Eolh, Elhaz, Simbolo:
Protezione asta dello slancio lancia di Odino in azione sul
mondo che nel suo profondo significato lega il mondo dei vivi a
quello degli Dei, Elemento: aria, Numero Associato: 9, Divinità:
Baldr o Baldur
Cominciate a incidere dal segno verticale, verso il basso. Incidete
poi la diagonale di sinistra verso sinistra e in seguito quella di
destra verso destra. Recitate nel frattempo:
"Che la mia difesa siano la mia Spada e la mia Magia".

Sowelu: Albero: Ginepro, Pianta: Vischio iperico, ginepro,
vischio, camomilla, Pietra: Rubino zircone giallo, Animale: Aquila,
Colore: Bianco, argento, Lettera equivalente: S, Runa Numero: 16,
Conosciuto anche come: Sigel, Sowulo, Simbolo: Sole forza della luce gli
Elfi bianchi la
ruota fulgida Energia vitale, Elemento: aria, Numero Associato: 1,
Divinità: Sole
Partendo dall'alto incidete la prima linea di sinistra, la diagonale e
l'altra verticale. Recitate la formula:
"Il sole e il vento la luce del giorno condurranno il mondo a
una nuova perfezione".

1-aett_di_tyr

Teiwaz: Albero: Robinia, Pianta: Salvia agrifoglio quercia aconito
piantaggine, Pietra: Corallo diamante ematite, Colore: Rosso, Lettera
equivalente: T, Runa Numero: 17, Conosciuto anche come: Tiw, Tir,
Simbolo: Guerriero e anche il Dio Tyr Manifestazioni di potere e di
responsabilità fermezza coraggio Elemento: aria,
Numero Associato: 3 Divinità: Tyr
Tracciate per primi i segmenti diagonali della punta della lancia
(oppure prima quello di sinistra e poi quello di destra dopo aver
inciso il segno verticale) e poi completate con il segno verticale. A
Teiwaz è abbinata la strofa:
"Io vi difenderò volta del cielo, giustizia e potere".

Berkana: Albero: Betulla, Pianta: Acetosa bella di notte, coni
di pino, Pietre: Pietra di Luna smeraldo lunaria, Animale: Orso,
Colore: Verde Scuro, Lettera equivalente: B, Runa Numero: 18,
Conosciuto anche come: Beorc, Simbolo: Nuovi Inizi evocazioni di forze
positive trasmesse attraverso il significato della pianta in similitudine,
la Betulla albero che in senso trascendente possiede delle virtù di
protezione.
Elemento: terra Runa Numero: 2, Divinità: Freya
Cominciate a incidere Berkana partendo dalla diagonale superiore
procedendo verso destra. Completate prima tutte le diagonali
partendo sempre dall'alto. Completate con la verticale. Recitate la
strofa rituale soltanto al momento della tintura:
"Siano concesse agli iniziati vita eterna, fertilità, libertà e
gioie".

Ehwaz: Albero: Quercia, Pianta: Erba di San Giacomo edera
frassino senecione forsizia biancospino, Pietra: tormalina bianca zircone
turchese malachite Spato d'Islanda, Animale: Cavallo selvaggio, Colore:
Bianco, Lettera equivalente: E, Runa Numero: 19, Conosciuto anche
come: Eoh, Ehwas, Simbolo: Viaggio, Elemento: terra, Numero Associato:
4, Divinità: Sleippnir
Incidete prima la diagonale di sinistra, poi quella di destra. Completate
Ehwaz con i due tratti verticali. A questo punto recitate:
"In lungo e in largo vagano i fratelli per soccorrere coloro che
invocano il loro aiuto".

Mannaz: Albero: Agrifoglio, Pianta: vite robbia digitale rosmarino
Maranta, Pietra: Granato perla, malachite, Animale: Falco, Colore: Rosso
scuro, Lettera equivalente: M, Runa Numero: 20, Conosciuto anche
come: Uomo, Simbolo: Uomo o Umanità archetipo visto in questo caso
come uguaglianza maschile e femminile Elemento: aria, Numero
Associato: 8, Divinità: Mannus
Tracciate per primi i due segni verticali (prima il sinistro poi il
destro), procedendo dal basso verso l'alto. Poi quelli diagonali, dal
basso verso destra e dal basso a destra verso sinistra. Per Mannaz
recitate: "Ch'io viva con le mie messi, la mia spada, i miei
dèi".
E mentre colorate la runa:
"Dalla nascita alla morte, ch'io viva secondo giustizia,
mantenendo fede ai miei giuramenti".

Laguz: Albero: Salice, Pianta: Ninfea Porro vimine Perln,
Pietra: Granato perla, malachite, Animale: Orso, Colore: Verde Scuro,
Lettera equivalente: L, Runa Numero: 21, Conosciuto anche come:
lagu, Simbolo: Acqua, Elemento: acqua che freme mormora rivela
rigenera guarisce interpretazione delle onde e dell' acqua dove si
riflettono le stelle per ispirare l' indovino ed apre la via ai
sortilegi,
Numero Associato: 2, Divinità: Nijord
Tracciate per primo il segmento in verticale di Laguz, verso il basso.
Poi la diagonale, procedendo da sinistra a destra. Alla fine
recitate:
"La vita è un divenire. Che la vita continui".

Inguz: Albero: Melo, Pianta: Genziana brunella tarassaco Eliotropio,
Pietra: zaffiro giallo Ambra, Animale: Ape, Colore: Giallo, Lettera
equivalente: ng, Runa Numero: 22, Conosciuto anche come: Ing,
Simbolo: Fertilità stabilità azione sul piano terrestre passaggio ad altri
piani, Elemento: terra, Numero Associato: 6, Divinità: Ingwarr
Incidete prima i due segni diagonali rivolti verso destra. Poi quelli rivolti
a sinistra. La formula di Inguz dice:
"Coloro che mi sostengono, io sosterrò con la mia
rettitudine".

Dagaz: Albero: Abete Rosso, Pianta: Caprifoglio canapa
tacete primula odorosa achillea Lavanda, Pietra: Diamante zircone
rosso crisolito legno fossile, Colore: Azzurro chiaro, Lettera
equivalente: D, Runa Numero: 23, Conosciuto anche come: Daeg,
Simbolo: Giorno Luce patrimonio culto degli antenati origini contro l'
oblio che ci ha permesso di esistere e di vivere, Elemento: fuoco,
Numero Associato: 1, Divinità: Syn
Partite dal segno verticale di sinistra e poi tracciate la prima diagonale
verso destra. Tracciate il secondo segno in verticale (destro) e unite
con la diagonale verso destra, partendo dal basso. Per Dagaz la
formula è:
"Il sole dell'occidente feconderà l'Aurora sorgente sugli uomini
onesti e abbatterà come scure il tronco e la lingua dei
malvagi e dei ladri".

Othila: Albero: Spino, Pianta: bucaneve biancospino sambuco
Trifoglio Pietra: zircone marrone fluorite rubino Animale: Leone, Colore:
Oro, Lettera equivalente: O, Runa Numero: 24, Conosciuto anche
come: Ethel, Odel, Simbolo: Possesso risveglio fruttificazione e
germinazione, esteriorizzazione interiorizzazione Elemento: terra,
Numero Associato: 7, Divinità: Dagr
Tracciate da sinistra in basso, verso destra, la prima diagonale. Poi
quella nel senso contrario. Unite con i due segmenti diagonali,
recitando la formula di Othila:
"Il ciclo vitale continua, i miei avi, me stesso, i miei figli...".

Una volta ottenute le Rune queste vanno Purificate,
Consacrate e Attivate una ad Una.

Purificazione, Consacrazione e Attivazione
Una volta Incise andranno Purificate
Dopo la fase dell’intaglio e della colorazione, vi è la fase della
Purificazione, in antichità non so come facevano, io uso la Salvia Bianca
detta anche Erba della Salvezza, una delle più potenti in atto
purificatorio, mentre per la consacrazione vado sulla tradizione
antica.
Una volta Purificate, andranno consacrate
Prendete ogni runa e bagnatela con dell’Idromele, non dove
immergerla se è di legno solo passarvi un panno imbevuto di
Idromele per poi asciugarla bene, farete così con tutte le altre
Rune.
Una volta consacrate, andranno Attivate
Per attivazione si intende, tenerle una alla volta in mano
cercando si sentirla e parlarci, sentire il suo potere la sua
anima ed entrare in contatto con ognuna di loro, non abbiate
fretta.
Dovreste sentirle pulsare e dovrebbero farsi avere delle visioni,
non vi dico quali per non farvi suggestionare.
E’ utile anche dormire con loro per avere un contatto maggiore o
parlare con voi spesso.
Alle Donne con il Mestruo, non usatele non toccatele mai con il ciclo, il
ciclo le toglierà tutto il lavoro fatto, ovvero
purificazione/consacrazione/attivazione, il ciclo sporca gli strumenti e
blocca la magia e gli antichi lo sapevano bene e i grandi esoteristi
occultisti e sciamani lo sanno bene.

Il consiglio è non far mai toccare a nessuno le vostre Rune e
purificarle ogni volta che le userete, altro da aggiungere è ri
attivarle/consacrarle una volta l’anno con sangue nuovo.

Capitolo 3: Meditazione

Meditazione Runica

La meditazione runica serve per accedere a livelli subconsci della
mente allo scopo di conoscere poteri runici in atto tanto nell'universo
che in noi stessi e i loro veri significati (intesi come Glifi, quelli rivelati
da tutti sono solo indicativi), non si tratta né di autoipnosi né di
medianità, è un semplice mezzo per calmare l'attività cerebrale ed
entrare in un altro stato di consapevolezza, rimanendo totalmente
vigili e presenti.
La meditazione runica come tutte le meditazioni, va fatta in silenzio
e in un posto dove non sarete disturbati (staccare i telefoni e
altre cose elettroniche), la schiena dovrà essere dritta, accendete
una di Cera d’Api Naturale senza coloranti e ponete vicino a voi sia le
rune che il quaderno dove appunterete i risultati della
meditazione.
Meditate per il tempo necessario senza aver fretta o avere
troppe pretese, potrebbero volerci anche mesi e ricordate di
lavorare con un runa alla volta fino a che non finirete anche se ci
vorrà più di un mese, non utilizzerete altre Rune, per questo ho
detto che ci vorranno alcuni mesi, questo permetterà alla vostra
mente di non ricevere troppe informazioni insieme e non recare
danni al cervello, accendete una di Cera d’Api per Runa e non
utilizzate mai candele usate in nessun campo magico Mai.

Bene, ora accendete la candela di Cera d’Api, sedete e chiudete gli
occhi, iniziate la respirazione e rilassatevi liberando la mente da tutto
quello che può recare disturbo, pensieri ansie ecc…, trasportate il
vostro io in un posto naturale dove vi possiate sentire a vostro agio,
magari dove siete abituati in meditazione o nei Viaggi Sciamanici.
Ad occhi chiusi visualizzate la runa con cui volete lavorare,
immaginatela del proprio colore blu e che sia nitido, sussurratene
il nome 9 volte e chiedete alla runa di rivelarvi qualcosa del suo
potere o del suo vero significato in divinazione e che possa
esservi utile.
Mantenete un atteggiamento positivo aperto e rispettoso ricordando
che le Rune sono vive e non assumete atteggiamenti di
aspettativa in confronto a quanto andate facendo, la risposta vi può
giungere in modi che non vi aspettate e non solo sotto forma di
parola, immagine o sensazione, ma anche in qualcosa che
potreste vedere nella vita quotidiana, in qualcosa che troverete e
in altri mille o infiniti modi.
Non imponetevi un periodo di tempo per la meditazione, sarà la
Runa a dirvi quanto sarà finita, ringraziate e poi tornate alla realtà e
alla vita quotidiana, annotatevi quello che avrete scoperto o dovrete
fare, una volta fatto, lascerete lontano da casa un’offerta alla Runa
ripetendo 9 volte il suo nome e dicendo che lascerete l’offerta e il
motivo del perché lo state facendo.

Capitolo 4: I Significati dei Gli del Futhark

Fehu Dritta

Significato divinatorio: Simboleggia i beni materiali e il guadagno.
Il suo tradizionale significato di “bestiame” è l’emblema di quello
che i primitivi nordeuropei consideravano simbolo del benessere. Le
influenze di Fehu sono positive e di solito indica l’arrivo di opportunità
di guadagno o l’abilità di crearle. L’uscita di Fehu è l’indicazione che
l’appagamento e la soddisfazione riguardo a ciò per cui si è
duramente lavorato sono ora a portata di mano. Godetevi la
ricompensa che questa runa vi offre e condividetela con gli altri allo
stesso tempo pensando con attenzione alle nuove responsabilità che
essa comporta. Se Fehu è circondata da rune
capovolte, è un consiglio a mantenere l’atteggiamento attuale.
Ritardi e ostacoli saranno una difficoltà ma se si procede con
pazienza il successo seguirà.

Uso magico: Incremento della ricchezza, degli affari, cambiamento
veloce, rafforzamento dei poteri psichici, protezione delle proprietà. Il
suo potere non è però duraturo e vale solo per un breve periodo o
per una singola azione.

Fehu Rovesciata:
Fehu capovolta di solito indica che a meno che non modifichiate le
vostre attuali azioni e comportamenti, potreste subire una perdita
materiale o emotiva. Le rune circostanti vi daranno maggiori
indicazioni. Per esempio, se Fehu capovolta è circondata da rune
positive, state avendo a che fare con ostacoli a breve termine e la
perdita è solo temporanea. In una lettura completamente negativa
(tutte le rune capovolte) è più seria e può indicare che la perdita è a
fin di bene. Fate attenzione quando Feuh è capovolta. Cercate di non
peggiorare il problema con ulteriori investimenti o promesse. La
pazienza guarirà la frustrazione e vi aiuterà ad abbassare gli ostacoli
sul vostro cammino.

Uruz Dritta:

Significato divinatorio: Uruz è una fonte vitale incontaminata di
energia. Il suo tradizionale significato è "l'uro", un toro selvaggio che
un tempo abitava le brughiere. L'energia di Uruz è selvaggia,
disinibita e grezza e differisce notevolmente dalla sua controparte
addomesticata di Fehu. Uruz incarna il nostro impulso vitale all'essere,
l'autentico istinto primordiale che vince tutte le forze distruttive
continuando a rinascere in forme nuove. Ci insegna a sopravvivere e
sopportare le avversità con la sua energia di coraggio, perseveranza
e resistenza. Usare l'energia aggressiva dell'uro è un'arma potente
che facilmente può diventare distruttiva. L'obiettivo è portare
queste forze sotto il controllo della volontà, così che l'energia venga
trasformata in una fonte concentrata di forza. Uruz di solito esprime
un cambiamento importante nei processi fisici o psichici. Potreste
sperimentare ad esempio uno sfogo che porta fuori aggressività ma
opera allo stesso tempo una guarigione emotiva e spirituale. Potreste
anche sperimentare una rinascita nella salute psichica.

Uso magico: Crea un cambiamento improvviso, potere e forza

fisica, dona coraggio e forza nel pericolo, di aiuto in caso di debolezza
dovuta a malattia in quanto rafforza il fisico, aiuta la guarigione,
attira nuove situazioni.

Uruz Rovesciata:

Significato divinatorio: Quando Uruz è capovolta, potreste vivere
una perdita di motivazione o un indebolimento delle vostre energie.
Altre volte, Uruz capovolta indica che vi siete lasciati scappare delle
buone opportunità perché non avete avuto il coraggio e la sicurezza
in voi stessi necessari per gestire i rischi che implicavano. In una
lettura generalmente negativa sarebbe saggio lasciar perdere le
opportunità che si stanno presentando: potreste non avere l'energia
necessaria per avanzare in questo momento.

Thurisaz Dritta:

Significato divinatorio: Thurisaz fa riferimento al potente martello
di Thor e alla punta affilata della spina. La sua tradizionale
associazione con i giganti e con il Dio Thor rappresenta il suo doppio
significato: le forze del caos e il loro. Thurisaz sta sul confine tra
conscio e subconscio e la sua forma negativa: le ombre
dell'inconscio. Se la sua energia riesce ad essere portata a livello
conscio Thurisaz può essere molto utile. Se repressa e lasciata
sconosciuta può diventare negativa e manifestarsi in
comportamenti distruttivi La difficoltà nel leggere questa runa è
decidere se sono le sue forze positive in azione o quelle negative.
Cercate di identificare se le forze sono dirette in fuori o all'interno
aiutandovi con le rune circostanti.

Uso magico: Respinge i nemici, anche in caso di magia negativa che
può colpire, aiuta a riprendere il controllo delle situazioni, nella
magia
d’amore fornisce un quid in più; usa però le forze caotiche
dell’universo, pertanto è piuttosto pericolosa da usare.


Documenti correlati


Documento PDF divinazione e magia delle rune
Documento PDF capitolo1si
Documento PDF magia delle candele
Documento PDF nna2016iurlaro
Documento PDF juvetoro n 10 anno v bassa ok
Documento PDF christmas brochure 2013


Parole chiave correlate