File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Ipercolesterolemia dimostrati i benefici dell acido bempedoico.pdf


Anteprima del file PDF ipercolesterolemia-dimostrati-i-benefici-dell-acido-bempedoico.pdf

Pagina 1 2 3 4

Anteprima testo


Ipercolesterolemia: dimostrati i benefici
dell’acido bempedoico
Due nuove analisi combinate di quattro studi di Fase III hanno mostrato i benefici
dell’acido bempedoico nella riduzione del colesterolo LDL
L'acido bempedoico è stato sviluppato come trattamento orale first-in-class, che riduce il colesterolo
lipoproteico a bassa densità (C-LDL) e che può essere combinato con altri trattamenti orali per aiutare ad
abbassarne ulteriormente i livelli. Due analisi combinate di quattro studi di fase III, che hanno arruolato
oltre 3.600 pazienti, hanno mostrato che l'acido bempedoico riduce significativamente la proteina Creattiva ad alta sensibilità (hsCRP) e il colesterolo LDL, e i dati dello studio di fase II mostrano una
riduzione del 40% di C-LDL nei pazienti con diabete di tipo 2 che sono ad alto rischio di eventi
cardiovascolari. I risultati delle analisi sono stati presentati in streaming durante il Congresso annuale
dell’American College of Cardiology che si è svolto congiuntamente al Congresso Internazionale di
Cardiologia.

Roma, 30 marzo 2020 – Daiichi Sankyo Europa ha annunciato oggi i risultati di due analisi combinate di
quattro studi clinici di Fase III per l’acido bempedoico e risultati separati di uno studio di Fase II
sull’associazione fissa di acido bempedoico ed ezetimibe, presentati durante la 69esima sessione scientifica
annuale dell’American College che si è svolta per via telematica insieme al Congresso Internazionale di
Cardiologia (ACC.20/WCC).
Lo studio di Fase II di 12 settimane sull’associazione fissa di acido bempedoico/ezetimibe (Studio 058) ha
arruolato pazienti adulti affetti da diabete mellito di tipo 2 (T2DM) ad alto rischio cardiovascolare.