File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



111111111 .pdf



Nome del file originale: 111111111.pdf
Titolo: Ordinanza_Presidente_PAT_13_giugno_2020_compressed.pdf

Questo documento in formato PDF 1.3 è stato generato da Anteprima / Mac OS X 10.11.6 Quartz PDFContext, ed è stato inviato su file-pdf.it il 14/06/2020 alle 07:25, dall'indirizzo IP 93.65.x.x. La pagina di download del file è stata vista 259 volte.
Dimensione del file: 3.7 MB (27 pagine).
Privacy: file pubblico




Scarica il file PDF









Anteprima del documento


SCHEDA TECNICA
CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI
Le presenti indicazioni si applicano ai luoghi di ritrovo di associazioni culturali, circoli ricreativi,
club, centri di aggregazione sociale, università del tempo libero e della terza età.
▪ Garantire un’adeguata informazione e sensibilizzazione degli utenti sulle misure igieniche e
comportamentali utili a contenere la trasmissione del SARS-CoV-2, anche facendo appello al
senso di responsabilità individuale. I messaggi devono essere comprensibili ad eventuali
utenti di altra nazionalità e possono essere veicolati attraverso apposita segnaletica e
cartellonistica, invio di informative agli iscritti, promozione e rinforzo del rispetto delle misure
igieniche da parte del personale addetto.
▪ Riorganizzare gli spazi, i percorsi e il programma di attività in modo da assicurare il
mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro (2 metri in caso di attività
fisica). Sono fatte salve le eccezioni previste dalle normative vigenti, la cui applicazione
afferisce alla responsabilità dei singoli. Potrà essere valutata una diminuzione della capienza
massima dei locali.
▪ Privilegiare, laddove possibile, lo svolgimento di attività all’aria aperta, garantendo
comunque il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale.
▪ Privilegiare attività a piccoli gruppi di persone, garantendo sempre il rispetto della distanza
interpersonale anche durante le attività di tipo ludico. Per le attività che prevedono la
condivisione di oggetti (es. giochi da tavolo, biliardo, bocce), adottare modalità organizzative
tali da ridurre il numero di persone che manipolano gli stessi oggetti, ad esempio
predisponendo turni di gioco e squadre a composizione fissa, e obbligare comunque all’uso
della mascherina e alla disinfezione delle mani prima di ogni nuovo gioco. In ogni caso, i piani
di lavoro, i tavoli da gioco e ogni oggetto fornito in uso agli utenti devono essere disinfettati
prima e dopo ciascun turno di utilizzo. È vietato l’utilizzo di strumenti di gioco per i quali non è
possibile una disinfezione ad ogni turno (es. carte da gioco).
▪ L’utilizzo di mascherine a protezione delle vie respiratorie è obbligatorio in tutti i locali chiusi
accessibili al pubblico e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire
continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza interpersonale, fatte salve le
eccezioni previste dalle disposizioni vigenti (bambini di età inferiore a 6 anni, soggetti con
disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e soggetti che interagiscono
con i predetti).
▪ È necessario mettere a disposizione degli utenti e degli addetti distributori di soluzioni
disinfettanti per le mani da dislocare in più punti, in particolare vicino agli ingressi delle
stanze. Si ricorda che i guanti non sostituiscono la corretta igiene delle mani e devono essere
cambiati frequentemente e comunque ogni volta che si sporcano o si danneggiano. I guanti
già utilizzati, una volta rimossi, non devono essere riutilizzati e devono essere smaltiti nei
rifiuti indifferenziati.
▪ Potrà essere rilevata la temperatura corporea all’ingresso, impedendo l’accesso in caso di
temperatura > 37,5 °C.

▪ Mantenere un registro delle presenze giornaliere da conservare per una durata di 14 giorni,
garantendo il rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.
▪ Le postazioni dedicate al ricevimento degli utenti possono essere dotate di barriere fisiche
(es. schermi).
▪ La disposizione dei posti a sedere dovrà garantire il rispetto della distanza interpersonale di
almeno 1 metro, sia frontalmente che lateralmente.
▪ Garantire la frequente pulizia di tutti gli ambienti e con regolare disinfezione delle superfici
toccate con maggiore frequenza (es. banchi, tavoli, piani d’appoggio, corrimano, interruttori
della luce, pulsanti, maniglie di porte e finestre, attrezzature, giochi, servizi igienici, docce,
spogliatoi ecc.).
▪ Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. In ragione dell’affollamento e del tempo di
permanenza degli occupanti, dovrà essere verificata l’efficacia degli impianti al fine di
garantire l’adeguatezza delle portate di aria esterna secondo le normative vigenti. In ogni
caso, l’affollamento deve essere correlato alle portate effettive di aria esterna. Per gli impianti
di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la
funzione di ricircolo dell’aria. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il
ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e va garantita la pulizia, ad impianto fermo,
dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati. Se
tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante del ricircolo, sostituendo i filtri
esistenti con filtri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. Nei servizi
igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria.
▪ Per quanto riguarda le misure organizzative e di prevenzione specifiche per le varie
tipologie di attività (es. somministrazione di alimenti e bevande, attività motoria e sportiva,
attività formative, conferenze, dibattiti, spettacoli) si rimanda alle schede tematiche pertinenti.

Provincia Autonoma di Trento
Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari
Dipartimento di Prevenzione

______________________________________________________________________________

Protocollo per la gestione delle mense per i poveri e senza tetto
Dipartimento di Prevenzione

Trento 4 giugno 2020

Protocollo per la gestione delle mense per i poveri e senza tetto
La norma nazionale L. 155/2003 equipara le organizzazioni caritatevoli, come ultimo anello della filiera
alimentare, al consumatore finale ai fini di responsabilità civile.
Si ritiene opportuno chiarire che nonostante la vasta diffusione della pandemia, finora non è stata
segnalato alcun caso di trasmissione di Covid-19 attraverso il consumo di alimenti. Resta comunque
necessario garantire una corretta gestione delle attività di produzione e somministrazione pasti, pertanto si
forniscono degli indirizzi per le mense gestite da Organizzazioni Caritative che agiscono a scopo di
beneficenza.
I fruitori di tali mense rappresentano una popolazione fragile e pertanto dovrà essere messa in atto ogni
possibile misura per mitigare il rischio di contagio e la relativa diffusione del virus.
È necessario individuare misure organizzative affinché venga rispettata la distanza di sicurezza almeno 1 m.
(percorsi, accessi e limitazione degli spazi comuni, segnaletica). Gli ospiti dovranno essere adeguatamente
informati (es. cartellonistica, poster,...) sulle misure adottate dall’organizzazione per il rispetto delle stesse
e per l’uso di mascherine. All’ospite andrà chiesto di indossare la mascherina ogni qual volta si sposta negli
spazi comuni, ovvero quando è occupato in attività propedeutiche o successive al pasto al tavolo.

1. Rapporti tra persone
In considerazione del fatto che la via primaria di trasmissione del virus COVID-19 è quella da persona a
persona, principalmente attraverso le goccioline del respiro che le persone infette trasmettono in fase di
espirazione (in particolare quando si tossisce), il protocollo è stato impostato tenendo conto delle diverse
relazioni delle persone all’interno delle strutture ricettive.

Rapporti tra volontari
Il responsabile della struttura deve assumere misure di sicurezza anticontagio organizzando le attività, il
layout e gli spazi di lavoro, garantendo una distanza di almeno un metro. Laddove non fosse praticabile il
distanziamento sociale, è necessario indossare mascherina o installare barriere fisiche sulle postazioni di
lavoro. Il volontario, già informato dal referente COVID-19, DEVE comunicare tempestivamente la comparsa
di sintomi riconducibili a COVID-19.
Le principali pratiche igieniche per evitare la contaminazione degli alimenti da parte di microrganismi nocivi
per la salute umana quando si maneggiano, preparano, trasformano, confezionano e imballano gli alimenti
rappresentano un approccio idoneo anche nei confronti della diffusione del SARSCoV-2. In particolare nella
fase di produzione e preparazione degli alimenti si devono adottare le seguenti pratiche igieniche:






rispetto delle distanze tra gli operatori (almeno 1 mt) o adozione di misure diverse che evitano la
trasmissione del virus (es barriere fisiche);
accurata pulizia e sanificazione con prodotti specifici di superfici, linee produttive, attrezzature e
materiali;
lavaggio delle mani per tutti gli operatori
utilizzo di abbigliamento idoneo per gli ambienti di produzione (indumenti specifici per il lavoro,
camici, copricapo etc.)
utilizzo di mascherine chirurgiche; se gli operatori indossano guanti, sostituirli di frequente o
altrimenti provvedere a lavarsi frequentemente le mani e utilizzare disinfettanti;




rispetto delle regole di igiene personale (taglio delle unghie, rimozione di accessori e gioielleria etc)
utilizzo di idonee modalità di stoccaggio e di adeguate istruzioni operative per gli operatori
(lavaggio frequente delle mani, utilizzo di guanti, ecc.)

Deve essere assicurata la disponibilità di idonei quantitativi di sapone liquido, guanti monouso, igienizzanti
per le mani e materiali per l’asciugatura igienica per garantire il lavaggio frequente delle mani di tutto il
personale.

Rapporti tra ospiti e volontari
Il personale addetto all’accoglienza dovrà indossare mascherina chirurgica in assenza di barriere fisiche.
Dovrà essere disponibile dispenser di sapone liquido per operatore e ospiti e dovranno essere presenti
indicazioni in fase di accesso per gli ospiti (es. percorsi prestabiliti). L’addetto all’accoglienza dovrà essere
adeguatamente addestrato a fornire indicazioni agli ospiti sulle regole della struttura rispetto al rischio
COVID-19. Il personale di sala indossa mascherine ed igienizza frequentemente le mani e/o utilizza i guanti
monouso.
Gli ospiti che accedono alla struttura igienizzano le mani e indossano la mascherina.
L’ingresso e l’uscita dell’ospite dalla struttura deve avvenire garantendo i percorsi e il distanziamento
sociale, anche alternando i flussi temporalmente.
Dovranno essere oggetto di valutazione da parte del responsabile della struttura, la numerosità delle
persone presenti in sala - ospiti e personale di servizio - al fine di ridurre l’affollamento (organizzare più
turni con più servizi). Si suggerisce il parametro di 2,5 mq a persona con la maggior areazione possibile dei
locali.
Nelle sale da pranzo i tavoli dovranno essere posizionati in modo che la distanza tra il dorso di una sedia e il
dorso dell’altra sedia sia maggiore di 1 metro e che gli ospiti rivolti l’uno verso l’altro siano distanziati da
almeno un metro, anche lateralmente. Potranno essere installate barriere fisiche per ridurre queste misure.
Laddove possibile, utilizzare aree esterne per la somministrazione. Anche per le aree esterne valgono le
medesime misure di distanziamento sopra riportate.
Il layout degli ambienti va, quindi, rivisto con una rimodulazione dei tavoli, dei posti a sedere che
garantiscano il distanziamento tra i tavoli anche in considerazione dello spazio di movimento delle persone.
Va prevista la presenza di dispenser di gel idroalcolico all’esterno della sala da pranzo con la disposizione di
igienizzare le mani prima dell’accesso e anche all’uscita.
Organizzare l’attività di somministrazione degli alimenti prediligendo l’impiego di personale per la consegna
delle pietanze, diverso da quello che libera i tavoli. Diversamente, dovranno essere distinte queste
operazioni temporalmente e l’allontanamento delle stoviglie sporche potrà essere fatto indossando i guanti
monouso.
Al tavolo non sarà possibile lasciare a libero servizio condimenti o altri alimenti (oliera, formaggiera, cestino
del pane) o altri oggetti se non possono essere sanificati tra un ospite e l’altro o sostituiti.
I servizi igienici sono una zona di particolare rischio di contagio e quindi vanno gestiti in maniera attenta,
evitando gli assembramenti e l’avvicinamento tra le persone. Va prevista la sanificazione frequente dei
bagni (e soprattutto sulle superfici di contatto, rubinetteria, maniglie, interruttori, ecc) oltre che la presenza
di dispenser di gel idroalcolico all’esterno con la disposizione di igienizzare le mani prima dell’accesso e
anche all’uscita.

2. Pulizia, sanificazione e areazione
Si raccomanda di incrementare/migliorare le operazioni di pulizia. Un'attenzione speciale deve essere data
alla pulizia come misura generale di prevenzione per l'epidemia da Coronavirus. La sanificazione di superfici
che vengono spesso toccate – maniglie di porte e finestre, corrimano, interruttori, rubinetti, tavoli, sedie
ecc - dovrà essere particolarmente accurata, scrupolosa e frequente.
Il personale addetto alle pulizie dovrà conoscere le direttive per la sanificazione. Le attività di sanificazione
e disinfezione delle superfici dovranno essere stabilite in apposita procedura che stabilisca quali sono le
superfici da pulire, la frequenza con cui devono essere fatte, i materiali impiegati, i prodotti utilizzati, le
modalità di esecuzione – compresi i tempi di contatto se previsti dai prodotti e le concentrazioni, chi
esegue le operazioni, quali dpi indossa l’addetto. Va tenuto conto che gli ambienti devono essere arieggiati
frequentemente, in modo particolare durante le operazioni di sanificazione
Pulizia frequente (almeno due volte al giorno) con acqua e detergenti seguita da disinfezione con ipoclorito
di sodio allo 0,5% (equivalente a 5000 ppm) per la disinfezione di superfici toccate frequentemente
(maniglie e pomelli, bottoni dell'ascensore, corrimano, interruttori etc) e bagni, e allo 0,1% (equivalente a
1000 ppm) per le altre superfici. Le superfici devono essere risciacquate con acqua pulita non prima di 1
minuto di contatto. In alternativa potrà essere effettuata la disinfezione con alcol etilico al 70%.
In caso di utilizzo di altri prodotti specifici, utilizzare le modalità ed i tempi indicati nella scheda tecnica
nelle istruzioni d’uso.
Premesso che sarebbe meglio utilizzare stoviglie monouso, se cio’ non fosse possibile il lavaggio di piatti,
bicchieri, posate e simili dovrebbe essere fatto in lavastoviglie. Se per qualche motivo il lavaggio
automatico non fosse possibile, in caso di lavaggio manuale si consiglia di utilizzare le procedure standard
con lavaggio, disinfezione e risciacquo (se previsto per il disinfettante impiegato). Le stoviglie sporche non
dovranno rimanere sui piani di lavoro o sui tavoli per tempi prolungati. Le stoviglie lavate e disinfettate a
mano, dovranno essere asciugate con carta monouso o equivalenti. Si raccomanda di garantire la
separazione tra sporco e pulito.
Si ricorda che è necessario sottoporre a sanificazione tutti gli oggetti, anche se non utilizzati a tavola, che
potrebbero essere entrati in contatto con le mani degli ospiti. Il lavaggio di eventuali tessuti per la tavola
deve essere fatto a temperatura di 70°C o più alta.
Arieggiare gli ambienti sia prima dell’uso, che durante occupazione degli stessi aprendo con maggiore
frequenza le diverse aperture (finestre, porte esterne). Il ricambio di aria naturale è da privilegiare ad altri
tipi di ricambi di aria. Se presente un sistema di ricircolo dell’aria, andrà escluso totalmente.

3. Comportamento in caso di riscontro positivo in azienda
Il volontario DEVE comunicare tempestivamente al medico di base e al responsabile della mensa la
comparsa di sintomi riconducibili a COVID-19.
Per approfondire si rinvia al cap 7 “Indirizzi per la gestione dell’emergenza Covid-19 nelle Aziende”
emanato dal Comitato di Coordinamento Provinciale SSL.

4. Gestione rifiuti e informazioni pratiche per la sanificazione
Condizioni normali (no sintomi, no positivi): rifiuti verranno gestiti seguendo le normali procedure
smaltimento rifiuti. Si consiglia di avere bidoni chiusi con apertura a pedale.

Condizioni speciali (sintomi e/o positivi): rifiuti indifferenziati ma raccolti in due sacchetti di plastica uno
dentro l’altro in un contenitore dedicato chiuso con apertura a pedale. Per lo smaltimento dei DPI impiegati
per le pulizie, materiale monouso impiegato per le pulizie, ecc si procederà nel seguente modo: inserire gli
oggetti direttamente in sacchi dedicati indossando guanti monouso e chiuderli; inserire il/i sacchi in un
ulteriore sacco che andrà anch’esso chiuso bene; avvertire l’ente gestore per lo smaltimento dei rifiuti che
dovrà effettuare il ritiro di rifiuti COVID-19.

Scheda - SARS-COV 2: INDICAZIONI PER PULIZIA, IGIENIZZAZIONE, DISINFEZIONE, SANIFICAZIONE

PULIZIA

IGIENIZZAZIONE

Consiste nella rimozione di polvere, residui, sporcizia dalle superfici, è realizzata con
detergenti comuni e mezzi meccanici e rimuove anche parte di contaminanti patogeni
(Reg. CE 648/2004).
Consiste nella pulizia a fondo con sostanze in grado di rimuovere o ridurre gli agenti
patogeni su oggetti e superfici. Le sostanze igienizzanti (es. ipoclorito di sodio ovvero
candeggina/varichina) sono attive nei confronti degli agenti patogeni, ma
normalmente non sono considerate disinfettanti in quanto non autorizzati dal
Ministero della Salute come presidi medico chirurgici. Con circolare n. 5543 del 22
febbraio 2020 il Ministero della Salute raccomanda l'uso di ipoclorito di sodio O, 1%
come decontaminante da SARS-COV-2 dopo pulizia. Per le superfici che possono
essere danneggiate da ipoclorito di sodio utilizzare etanolo al 70% dopo la pulizia con
un detergente neutro (cit.). PMC reg. UE 528/2012.

DISINFEZIONE

E’ il procedimento che con l’utilizzo di sostanze disinfettanti (PMC e Biocidi Tabella 1)
riduce la presenza di agenti patogeni, distruggendone o inattivandone in una quota
rilevante ma non assoluta (si parlerebbe in tal caso di sterilizzazione). Praticare la
disinfezione mediante un disinfettante efficace contro i virus. I prodotti con attività
virucida normati dalla ISO EN 14476 sono autorizzati dai mercati nazionali e possono
essere utilizzati seguendo la scheda tecnica e la scheda di sicurezza presenti sul
prodotto.

DISINFESTAZIONE

Riguarda il complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in
particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi sia perché
molesti e specie vegetali non desiderate. La disinfestazione può essere integrale se
rivolta a tutte le specie infestanti ovvero mirata se rivolta ad singola specie.

STERILIZZAZIONE

Processo fisico o chimico che porta alla distruzione mirata di ogni forma microbica
vivente, sia in forma vegetativa che in forma di spore.

DERATTIZZAZIONE

Riguarda il complesso di procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare
o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione dei ratti o
dei topi al di sotto di una certa soglia.

SANIFICAZIONE

Con il termine ” sanificazione ” si intende l’intervento globalmente necessario per

rendere sano un ambiente, che comprende le fasi di pulizia, igienizzazione e/o
disinfezione e di miglioramento delle condizioni ambientali (microclima: temperatura,
l’umidità e ventilazione). Nel caso del SARS-COV 2 l’attività di igienizzazione con
ipoclorito di sodio o alcool equivale a quella di disinfezione. La sanificazione può essere
necessaria per decontaminare interi ambienti e richiede quindi attrezzature specifiche
per la diffusione dei principi attivi e competenze professionali, oppure aree o superfici
circoscritte, dove gli interventi sono alla portata anche di soggetti non specializzati. La
sanificazione interviene riducendo o abbattendo i microrganismi patogeni
nell’immediato, ma la sua efficacia non dura nel tempo. Sono importanti gli interventi di
pulizia e igienizzazione frequenti, anche se più circoscritti alle superfici di frequente
contatto.
Per la sanificazione periodica dei locali e spazi comuni o puntuale delle aree specifiche
esposte ai casi di COVID-19 si deve attuare quanto segue:
• Garantire un buon ricambio dell’aria in tutti gli ambienti, in maniera naturale
aprendo le finestre e i balconi per circa 1 ora, e successivamente pulire
accuratamente con un detergente neutro.
• Eseguire la disinfezione delle superfici che si sporcano con secrezioni respiratorie o
altri fluidi corporei della persona o delle persone malate o sospette, ad esempio
toilette, lavandini e vasche da bagno con una soluzione disinfettante per uso
domestico ipoclorito di sodio (cioè equivalente a 1000 ppm) contenente lo 0,1%
di cloro attivo.
• Risciacquare con acqua pulita dopo 10 minuti di contatto con il cloro.
•Quando l’uso dell’ipoclorito di sodio non è adatto (es. telefono, apparecchiature di
controllo a distanza, maniglie delle porte, pulsanti dell’ascensore, ecc.) utilizzare
alcool etilico al 70%.
•Quando possibile, usare solo materiali di pulizia monouso.
•Se necessario, disinfettare adeguatamente gli attrezzi per la pulizia non porosi con
una soluzione di ipoclorito di sodio allo 0,5% di cloro attivo o secondo le
istruzioni del produttore prima dell’uso per altri ambienti.
•Per superfici porose come moquette e tappeti, rimuovere lo sporco visibile, pulire
con detergenti e disinfettanti appropriati secondo le istruzioni del produttore.
•Raccogliere la biancheria sporca in contenitori chiusi (sacchi o sacconi in carrelli)
manipolandola e scuotendola il meno possibile nell’ambiente prima
dell’inserimento nel sacco e dell’invio all’impresa qualificata (sia essa esterna o
interna all’organizzazione) addetta al lavaggio e alla sanificazione. Nel caso in cui
il servizio di lavanderia sia fornito da una impresa esterna, sostituire la
biancheria da letto e da bagno utilizzata con biancheria sanificata da impresa
qualificata (es. dotata di certificazione UNI EN 14065:2016 Tessili trattati in
lavanderie). Nel caso la teleria sia lavata all’interno della struttura, lavare tutti i
tessuti (es. biancheria da letto, tende, ecc.) con un ciclo ad acqua calda (60°C o
più per almeno 30 minuti) e con l’aggiunta di comune detersivo per il bucato. Se
non è possibile utilizzare un ciclo ad acqua calda a causa delle caratteristiche dei
tessuti, è necessario aggiungere prodotti chimici specifici per il lavaggio (es.
candeggina o prodotti per il bucato contenenti ipoclorito di sodio o prodotti di
decontaminazione sviluppati appositamente per l’uso su tessuti).

•Non appoggiare le lenzuola e la biancheria al corpo
•Gli articoli monouso (asciugamani di carta, guanti, mascherine, fazzoletti) devono
essere messi in un contenitore con coperchio e smaltiti secondo le procedure
individuate e le norme nazionali per la gestione dei rifiuti.

BONIFICA

Procedura di pulizia e disinfezione mirata a privare un ambiente,
un’apparecchiatura, un impianto (es: canali di aerazione), di qualsiasi traccia di
materiale contenuto o trattato precedentemente all’interno dello stesso.
L’operazione garantisce l’abbattimento della Cross-Contamination
(contaminazione incrociata).

DECONTAMINAZIONE Sanificazione + bonifica.
In alternativa ai trattamenti sopra definiti si evidenzia la possibilità di isolare
DECADIMENTO
l’ambiente oggetto o attrezzatura potenzialmente contaminati il tempo
NATURALE DEL VIRUS
massimo di decadimento del Virus previsto dalla TABELLA 4

BUONE PRATICHE
GENERALI

In considerazione della potenziale capacità del virus SARS-CoV-2 di sopravvivere sulle
superfici, è buona norma procedere frequentemente e accuratamente alla detersione
(pulizia) e disinfezione delle superfici ambientali che devono essere tanto più accurate e
regolari in particolar modo per quelle superfici con le quali si viene più frequentemente
a contatto (es. maniglie, superfici di lavoro, cellulare, tablet, PC, sanitari e rubinetti).
Ø Pulire regolarmente, giornalmente e puntualmente al bisogno.
Ø Igienizzare giornalmente, puntualmente negli usi comuni (circolare n. 5443
del 22 febbraio 2020 Ministero della Salute).
Ø Disinfettare con Presidi Medico Chirurgici (PCM) e biocidi (vedi Tabella 1 e 2)
quando necessario. I principi attivi maggiormente utilizzati nei prodotti
disinfettanti autorizzati a livello nazionale (Presidi Medico Chirurgici; PMC) ed
Europeo (biocidi), come riportato nel Rapporto N. 19/2020 –
Nell’attuale emergenza COVID-19: tra i presidi medico chirurgici e biocidi individuati dal
“Gruppo di lavoro ISS Biocidi”- Rapporto ISS COVID-19 n. 19/2020 si annoverano
l’etanolo, i sali di ammonio quaternario (es. cloruro di didecil dimetil ammonio - DDAC,
cloruro di alchil dimetilbenzilammonio, ADBAC), il perossido d’idrogeno, il sodio
ipoclorito e altri principi attivi.








Raccomandazioni
Sanificazione periodica e in caso conclamato SARS-COV2 (circolare n. 5443 del
22 febbraio 2020 Ministero della Salute).
Eseguire le pulizie, igienizzazione, disinfezione con guanti e mascherine
chirurgiche o in caso di sospetto COVID-19 a seconda del prodotto utilizzato
come descritto nella scheda di sicurezza (circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020
Ministero della Salute).
L’igiene delle mani deve essere eseguita ogni volta prima e dopo aver rimosso
guanti o mascherina.
I materiali di scarto prodotti durante la pulizia devono essere collocati in un
sacchetto separato e ben chiuso, che può essere smaltito con la spazzatura
indifferenziata;
Il personale che ha effettuato le procedure di sanificazione in locali dove abbia


















soggiornato un sospetto caso COVID-19 non va considerato come CONTATTO
STRETTO salvo in caso di mancata osservanza delle misure di protezione o di
esposizione accidentale;
Leggere attentamente le etichette dei prodotti utilizzati;
Evitare di creare schizzi e spruzzi durante la pulizia;
Arieggiare le stanze/ambienti sia durante che dopo l’uso dei prodotti per la
pulizia, soprattutto se si utilizzano intensamente prodotti
disinfettanti/detergenti potenzialmente tossici (controllare i simboli di pericolo
sulle etichette), successivamente uscire dal locale e aumentare
temporaneamente i tassi di ventilazione dei sistemi di ventilazione meccanica
controllata o aprendo le finestre e le porte finestre;
Utilizzare panni, diversi per ciascun tipo di oggetto/superficie, in microfibra
inumiditi con acqua e sapone;
Utilizzare disinfettanti quali quelli a base di alcool almeno al 70% o in alternativa
ipoclorito di sodio diluito allo 0,5% per i servizi igienici e le altre superfici (es.
candeggina), e allo 0,1% per tutte le altre superfici (vedi tabella conversione),
tenendo in considerazione il tipo di materiale sul quale si interviene;
Assicurarsi che tutti i prodotti di pulizia siano tenuti fuori dalla portata dei
bambini, dei ragazzi e degli animali da compagnia;
Conservare tutti i prodotti in un luogo sicuro;
Non si deve utilizzare aria compressa e/o acqua sotto pressione, o altri metodi
che possono produrre spruzzi o possono aerosolizzare materiale potenzialmente
infettivo nell’ambiente, fatta eccezione per particolari trattamenti che possano
essere attuati in ambiente protetto ad esempio sanificazione con disinfettanti in
soluzione acquosa aerosolizzati dall’esterno all’interno degli abitacoli dei
mezzi/ambienti garantendone la sigillatura in modo da evitare il contatto con le
persone;
In caso di pulizia e disinfezione di locali utilizzati da casi sintomatici o conclamati
COVID-19 non utilizzare aspirapolvere per la pulizia dei pavimenti per il rischio di
generazione di aerosol;
Presenza di casi sospetti di persone con COVID-19 all’interno dell’edificio, è
necessario procedere alla sanificazione dell’ambiente. In questo contesto, è
opportuno ricordare che i coronavirus, quali il virus della SARS, e quello della
MERS e lo stesso SARS-CoV-2, possono persistere su superfici inanimate fino a 9
giorni in dipendenza della matrice/materiale, della concentrazione, della
temperatura e dell’umidità, anche se non è accertato vi persistano in forma
vitale. Il personale dedicato alla pulizia ambientale degli spazi pubblici
frequentati da una persona sospetta o confermata COVID-19 deve indossare i
dispositivi medici e i DPI:
1.
mascherina chirurgica o meglio FFP2;
2.
grembiule in plastica uniforme e monouso;
3.
guanti;
4.
occhiali di protezione (se presente rischio di schizzi di
materiale organico o sostanze chimiche);
5.
stivali o scarpe da lavoro chiuse.
Per i dispositivi elettronici come tablet, touch screen, tastiere, telecomandi,
seguire le istruzioni del produttore per tutti i prodotti di pulizia e disinfezione. Se
non sono disponibili le istruzioni del produttore, considerare l’uso di salviette








pre-impregnate o panni imbevuti di prodotti a base di alcol etilico al 70% per
disinfettare. Asciugare accuratamente le superfici per evitare il ristagno di
liquidi. Considerare anche l’impiego di involucri sanificabili per tali dispositivi.
Si raccomanda di non spruzzare in maniera diretta i disinfettanti sopra gli
eventuali spandimenti di materiale biologico, al fine di evitare la formazione di
aerosol.
La pulizia di servizi igienici, lavandini del bagno così come tutte le superfici
accessibili di pareti e finestre devono essere eseguite con cura.
Le apparecchiature di laboratorio utilizzate devono essere sanificate in accordo
con quanto prescritto dalla ditta produttrice o in accordo ai protocolli in uso
all’interno dei laboratori.
Procedere dalle aree più pulite verso quelle più contaminate, dall’alto verso il
basso e tenendo per ultimo il pavimento.

Nelle operazioni di pulizia, igienizzazione e disinfezione effettuate in ambienti
lavorativi (ambienti non sanitari) ove non abbiano soggiornato soggetti sospetti
o conclamati COVID-19 e finalizzate quindi alla prevenzione della diffusione
dell’infezione COVID-19, i rifiuti prodotti quali ad esempio stracci, panni
spugna, carta, guanti monouso, mascherine ecc., dovranno essere conferiti
preferibilmente nella raccolta indifferenziata come “rifiuti urbani non
differenziati (codice CER 20.03.01)”.
Le raccomandazioni comportamentali a scopo precauzionale per la gestione di
tali rifiuti prevedono:
GESTIONE RIFIUTI

! Utilizzare 2 sacchi di idoneo spessore uno dentro l’altro;
! Evitare di comprimere il sacco durante il confezionamento per fare
uscire l’aria;
! Chiudere adeguatamente i sacchi;
! Utilizzare DPI monouso per il confezionamento dei rifiuti e la
movimentazione dei sacchi;
! Lavarsi accuratamente le mani al termine delle operazioni di pulizia e
confezionamento rifiuti, anche se tali operazioni sono state eseguite
con guanti.
VEDI LINEE GUIDA ADOTTATE DA AZIENDA RACCOLTA E SMALTIMENTO

L’utilizzo dell’ozono è attualmente consentito a livello internazionale in campo
alimentare, per i servizi igienico-sanitari di superfici e acque potabili. Non
esistono informazioni specifiche sull’efficacia contro il SARS COV-2. Di contro
sono disponibili diversi studi che ne supportano l’efficacia virucida (Norovirus)
TRATTAMENTO OZONO in ambienti sanitari e non. L’utilizzo di questo trattamento di disinfezione
implica l’utilizzo di specifiche attrezzature corredate di manuale d’ uso e di
manutenzione e di adeguata formazione e di specifici DPI. Per approfondimenti
il DL.vo 155/2010 fissa valori limite e obiettivi di qualità anche per le
concentrazioni nell’aria ambiente di ozono.
CLORO ATTIVO

Il cloro attivo normalmente non è considerato disinfettante in quanto non può
essere autorizzato dal Ministero della Salute come presidio medico chirurgico
(DPR n. 392/98). Sebbene la valutazione non sia stata completata, sono già

disponibili indicazioni in merito all’ efficacia contro il SARS-COV 2, impatto
ambientale e effetti per la salute umana.

RADIAZIONE
ULTRAVIOLETTA

Poiché l’attività disinfettante della radiazione ultravioletta, si attua mediante
un’azione di natura fisica e non chimica non rientra nella definizione di
prodotto Biocida. Non esistono informazioni specifiche sull’efficacia contro il
SARS COV-2. L’utilizzo di questo trattamento implica l’utilizzo di specifiche
attrezzature corredate di manuale d’ uso e di manutenzione e di adeguata
formazione e di specifici DPI.

PEROSSIDO DI
IDROGENO

Il perossido d’idrogeno è un principio attivo biocida approvato ai sensi del BPR
per i disinfettanti. Considerata la classificazione del principio attivo, come
anche il metodo di applicazione, l’utilizzo di perossido d’idrogeno
vaporizzato/aerosolizzato è ristretto ai soli operatori professionali.

Istruzioni pratiche ai fini della preparazione dei prodotti per la sanificazione
Se sulla confezione della candeggina è indicata la presenza di cloro al 5%
come
alla

arrivare Recipiente da 1 litro:

Recipiente da 5 litri:

Recipiente da 10 litri:

diluizione 100 ml di prodotto in 0,5 litri di prodotto in 4,5 1 litro di prodotto in 9 litri di

dello 0,5% in 900 millilitri di acqua
cloro attivo

litri di acqua

acqua

Recipiente da 5 litri:

Recipiente da 10 litri:

(100ml corrisp. a circa
1/2 bicchiere di acqua)

come
alla

arrivare Recipiente da 1 litro:

diluizione 20 ml di prodotto in 100 ml di prodotto in 4,9 200 ml di prodotto in 9,8 litri di

dello 0,1% di 980 millilitri di acqua

litri di acqua

acqua

cloro attivo
Se sulla confezione della candeggina è indicata la presenza di cloro al 3%
come
alla

arrivare Recipiente da 1 litro:

Recipiente da 5 litri:

Recipiente da 10 litri:

diluizione 167 ml di prodotto in 0,83 litri di prodotto in 1,67 litri di prodotto in 8,33 litri

dello 0,5% in 833 millilitri di acqua

4,17 litri di acqua

di acqua

Recipiente da 5 litri:

Recipiente da 10 litri:

cloro attivo

come
alla

arrivare Recipiente da 1 litro:

diluizione 33 ml di prodotto in 167 ml di prodotto in 4,833 330 ml di prodotto in 9,67 litri di

dello 0,1% di 967 millilitri di acqua

litri di acqua

acqua

cloro attivo

Note: predisponiamo i calcoli per recipiente da un litro, poi è agevole ottenere altri risultati per eventuali
altri contenitori mancanti: è sufficiente moltiplicare i dati per ottenere i valori negli altri recipienti. Ad
esempio, se si vuole aggiungere un recipiente da 5 litri, basta moltiplicare per 5 tutti i valori del contenitore
da un litro.

La candeggina in commercio presenta in etichetta la percentuale di cloro attivo (normalmente 3% o 5%). Se
la candeggina è al 5%, in un litro ci sono 50 ml di cloro. Se la candeggina è al 3%, in un litro ci sono 30 ml di
cloro.
Se si vuole arrivare alla diluizione dello 0,5% in cloro, in 1 litro di prodotto voglio 5 ml di cloro, e quindi 995
ml di acqua.
Ad es. quanta candeggina mi serve per fare sanificare, se la candeggina è al 5% cloro?
Utilizziamo una proporzione per ottenere la quantità necessaria
(1 litro di candeggina al 5%) sta a (50 ml di cloro contenuti) come (quantità necessaria) sta a (5 ml)
X (quantità necessaria) = 1 litro * 5 / 50 = 100
Pertanto per un litro d’acqua mi servono 100 ml di candeggina, e 900 di acqua per portare la soluzione al
litro.

SCHEDA TECNICA
AREE GIOCHI PER BAMBINI
Le presenti indicazioni si applicano a zone attrezzate con giochi per bambini, presenti
all’interno di aree pubbliche e private, comprese quelle all’interno di strutture ricettive e
commerciali.
▪ Predisporre per genitori, bambini, accompagnatori ed eventuale personale una adeguata
informazione su tutte le misure di prevenzione da adottare. Prevedere segnaletica, con
pittogrammi e affini, idonea ai minori, comprensibile anche ad utenti stranieri, in particolar
modo per aree a vocazione turistica.
▪ Invitare il personale e i genitori all'auto-monitoraggio delle condizioni di salute proprie e del
proprio nucleo familiare, ed informarli circa i comportamenti da adottare in caso di comparsa
di sintomi sospetti per COVID-19.
▪ Per bambini e ragazzi devono essere promosse le misure igienico-comportamentali con
modalità anche ludiche, compatibilmente con l’età e con il loro grado di autonomia e
consapevolezza.
▪ Riorganizzare gli spazi e la dislocazione delle apparecchiature, per garantire l’accesso in
modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di
almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che, in base alle
disposizioni vigenti, non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto
afferisce alla responsabilità individuale. In caso di presenza di minori che necessitano di
accompagnamento consentire l’accesso a un solo accompagnatore per bambino. Se
possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita.
▪ La mascherina di protezione delle vie aeree deve essere utilizzata da genitori,
accompagnatori ed eventuale personale, e dai bambini e ragazzi sopra i 6 anni di età.
Privilegiare mascherine colorate e/o con stampe.
▪ Mettere a disposizione idonei dispenser di prodotti igienizzanti per la frequente igiene delle
mani in tutti gli ambienti, in particolare nei punti di ingresso e di uscita. Questa misura non è
obbligatoria per le aree gioco presenti nei parchi pubblici.
▪ Garantire una approfondita pulizia delle aree e delle attrezzature, preferibilmente giornaliera
o con una frequenza adeguata rispetto all’intensità di utilizzo; qualora non sia possibile una
adeguata pulizia delle attrezzature, non ne potrà essere consentito l’utilizzo.



Parole chiave correlate