File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Model+of+Biological+Quantum+Logic+in+DNA.en.it.pdf


Anteprima del file PDF modelofbiologicalquantumlogicindnaenit.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8

Anteprima testo


Vita 2013, 3, 474-481; doi: 10.3390 / life3030474
ACCESSO LIBERO

vita
ISSN 2075-1729
www.mdpi.com/journal/life
Articolo

Modello di logica quantistica biologica nel DNA
F. Matthew Mihelic
Dipartimento di Medicina di Famiglia, Università del Tennessee Graduate School of Medicine, 1924 Alcoa
Highway, U-67, Knoxville, TN 37920, USA; E-mail: fmihelic@utmck.edu ; Tel .: + 1-865-305-9352; Fax: +
1-865-305-6532

Ricevuto: 3 giugno 2013; in forma rivista: 4 luglio 2013 / Accettato: 19 luglio 2013 / Pubblicato: 2
agosto 2013

Astratto: La molecola di DNA ha proprietà che le consentono di agire come un processore logico
quantistico. È stato dimostrato che esiste una conduzione coerente degli elettroni longitudinalmente
lungo la molecola di DNA attraverso interazioni di impilamento pi delle basi nucleotidiche aromatiche,
ed è stato anche dimostrato che gli elettroni che si muovono longitudinalmente lungo la molecola di
DNA sono soggetti a un effetto di filtraggio dello spin degli elettroni molto efficiente poiché l'elicità della
molecola di DNA interagisce con lo spin dell'elettrone. Ciò significa che, nel DNA, gli elettroni sono
condotti in modo coerente lungo un filtro di spin molto efficiente. Lo spin dell'elettrone coerente è
mantenuto in una simmetria chirale reversibile logicamente e termodinamicamente tra gli enantiomeri
C2-endo e C3-endo della porzione desossiribosio in ciascun nucleotide, il che consente a ciascun
nucleotide di funzionare come un gate quantistico.

Parole chiave: logica quantistica; DNA; coerenza quantistica

1. Introduzione

Nel 1944 Schrödinger intuì che i processi quantomeccanici inerenti a un sistema biologico devono aver luogo nel
materiale genetico di controllo del sistema, e che quel materiale genetico deve quindi essere sotto forma di una sorta di
“cristallo aperiodico” [1]. Nel 1953, quella genetica “aperiodica