File PDF .it

Condividi facilmente i tuoi documenti PDF con i tuoi contatti, il Web e i Social network.

Inviare un file File manager Cassetta degli attrezzi Ricerca PDF Assistenza Contattaci



Ordinanza n59 prot786398 del 4 dicembre 2020.pdf


Anteprima del file PDF ordinanzan59prot786398del4dicembre2020.pdf

Pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13

Anteprima testo


c) per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché per
coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.
È fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche
all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi;
3) sui trasporti pubblici locali e per la durata del viaggio, sussiste l’obbligo di indossare la
mascherina anche per i bambini nella fascia d’età 3-6 anni;
Punti vendita di generi alimentari
4) in relazione a quanto disposto dall’art. 1, comma 10, lett. ff), del Dpcm 3 dicembre 2020 in
merito all’esercizio dell’attività commerciale nei giorni festivi e prefestivi, si chiarisce che i punti
vendita di generi alimentari possono vendere anche ulteriori prodotti di natura diversa rispetto
ai generi alimentari;
Spostamenti consentiti
5) in merito al divieto di spostamenti tra Regioni/Province autonome nel periodo dal 21 dicembre
2020 al 6 gennaio 2021, si specifica che i residenti/domiciliati nel territorio provinciale,
nell’ambito degli spostamenti consentiti, possono transitare sul territorio di altra
Regione/Provincia Autonoma confinante qualora abbiano la necessità di raggiungere comuni
diversi nella Provincia Autonoma di Trento, a condizione che non si fermino sul territorio
attraversato facente parte di altra Regione/Provincia autonoma confinante, tranne che per
motivi di forza maggiore;

Applicazione per analogia delle misure previste dall’art. 3 del Dpcm 3 dicembre 2020,
relative a territori comunali caratterizzati da uno scenario di massima gravità e da un
livello di rischio alto
6) nei Comuni in cui il tasso di contagio da Covid-19 è superiore al 3% della popolazione
residente (esclusi da tale conteggio gli ospiti positivi delle RSA in quanto non incidenti ai fini del
calcolo del rischio epidemiologico), così come attestato dall’Azienda Provinciale per i Servizi
Sanitari, a partire dal giorno successivo alla comunicazione di tale dato al Sindaco del Comune
interessato da parte del Presidente della Provincia, si applicano le misure di cui all’art. 3,
comma 4, del Dpcm 3 dicembre 2020 (si veda l’all.to 1 alla presente ordinanza); a modifica di
quanto previsto dall’art. 3, comma 4, lett. f) del predetto Dpcm, si dispone nei predetti Comuni
lo svolgimento in presenza anche del secondo e del terzo anno di frequenza della scuola
secondaria di primo grado. Si specifica altresì che, qualora nei vari protocolli/linee guida antiCovid19 attualmente vigenti nei vari settori, si preveda la misura che le persone provenienti da
“zone a rischio” non possano accedere ai vari luoghi di lavoro o ad attività varie, tale misura
non si applica ai residenti dei Comuni di cui al presente punto, per i quali in tema di
spostamento vale quanto previsto nell’allegato 1 alla presente;
7) nei Comuni di cui al punto precedente si applicano, oltre alle misure di cui all’art. 3, comma 4,
del Dpcm 3 dicembre 2020, anche le ulteriori misure disposte dagli altri articoli del medesimo
Dpcm e le misure della presente e delle precedenti ordinanze del Presidente della Provincia,
ove non siano previste analoghe misure più rigorose;
8) nelle aree caratterizzate da scenario di massima gravità e da livello di rischio molto alto
(cosiddette “zone rosse”), le attività di caccia e pesca sono consentite ai soli soggetti residenti e
domiciliati nell’ambito del territorio comunale interessato, ancorché esclusivamente in forma
individuale, intendendosi pertanto vietata ogni attività di caccia che richieda
l’accompagnamento; è vietato, per svolgere tali attività, ogni spostamento in entrata ed in uscita
dal medesimo comune soggetto a restrizioni; è fatto salvo, in ogni caso, quanto previsto dal
punto 11 della presente ordinanza, relativamente al “Controllo del cinghiale”;
9) le misure di cui ai punti precedenti del presente paragrafo sono efficaci per un periodo minimo
di 15 giorni;
6